domenica 26 settembre 2021

La nostra fiducia può avere dei limiti?

Nella nostra traduzione da "The Catholic Thing" Un articolo di Elizabeth A. Mitchell, 25 settembre 2021, sulla guarigione del cardinale Burke. Una grande iniezione di fiducia per noi tutti!

Poco più di un mese fa, il centralino del Paradiso ha preso fuoco. Nel mondo si è sparsa la voce che il cardinale Raymond Burke stava lottando per la vita, attaccato a un ventilatore in terapia intensiva a causa del COVID, e i fedeli sono entrati in azione. L'effetto in Paradiso deve essere stato simile alla scena iniziale de "La vita è una cosa meravigliosa" di Frank Capra, con le preghiere che si riversavano dalla famiglia, dagli amici e dai bambini più piccoli: “Devo tutto a George Bailey. Aiutalo, caro padre». . . “Giuseppe, Gesù e Maria, aiutate il mio amico”. . . . "Non pensa mai a se stesso, Dio." . . . "Lo amo, caro Signore, veglia su di lui stasera." . . . “Per favore Dio, c'è qualcosa che non va con papà. Per favore, riporta indietro papà".

In quelle ore strazianti di inizio agosto, i fedeli hanno voluto dal cuore di Dio un miracolo di guarigione per il cardinale Burke. Abbiamo tirato il mantello del Signore – con la donna dell'emorragia; abbiamo detto al Signore che la Sua Parola sarebbe stata obbedita – con il centurione credente; e poi abbiamo aperto il tetto e calato dalle travi il nostro amico ai piedi di Cristo – con gli uomini delle ultime risorse.

Durante il periodo della prova del Cardinale Burke, Nostro Signore ha permesso a questo fedele ed eroico difensore della Verità e del Magistero di Cristo di entrare nel Suo Cuore e di vivere lì la Sua Passione. Egli soffriva, attaccato a quel ventilatore, per i bisogni e le intenzioni di tutti noi.  Il cardinale Burke ci dice nella sua Lettera di ringraziamento : «Offro tutto ciò che soffro per la Chiesa e per il mondo».

E non lo abbiamo abbandonato nella lotta [qui - qui - qui]. Una volta mi era stato concesso di pregare al capezzale di un padre spirituale, in Piazza San Pietro, a Roma, alla vigilia della morte di Papa San Giovanni Paolo II. In quell'umida sera di aprile, i cardinali dissero alla folla: "Quando muore un padre, i figli si inginocchiano al capezzale e pregano". Ci siamo inginocchiati in preghiera e abbiamo consegnato, dolcemente, Papa San Giovanni Paolo II al Padre.

Ma lo scorso agosto, il mondo sapeva che non era il momento del cardinale Burke. Non poteva essere il suo momento. E, se lo fosse stato, avremmo avuto bisogno che il Signore riorganizzasse il programma.
Noi come fedeli abbiamo guardato in faccia ciò che avrebbe significato, per ciascuno di noi personalmente e per la Chiesa collettivamente, perdere quest'anima santa in mezzo a noi. Ci siamo inginocchiati con lo spirito fuori dal suo ospedale, sperando che il Cardinale potesse sentire le nostre preghiere, che arrivavano da tutto il mondo. Abbiamo pregato tutti insieme lì. Abbiamo pregato e abbiamo supplicato.

Le chiamate si riversavano. "Come sta il cardinale?"
"Combatte come un campione", è stata la risposta costante. E lo era.
Nostro Signore ha avuto pietà delle nostre terribili preghiere. I santi non hanno fatto mancare la loro intercessione.

Gianna Emanuela Molla, figlia di Santa Gianna Beretta Molla, mi ha raccontato come ha implorato i suoi santi genitori di guarire il Cardinale, tanto devoto alla loro intercessione e al loro amore. Di recente ci ha detto: “Ho detto al Cardinale in che modo e quanto ho implorato i miei santi genitori, che non avevo mai pregato e implorato tanto quanto avevo fatto per lui, e che avessero pietà di me e di tutte le mie lacrime!" Nella sua preghiera ha deposto  la reliquia e il ricordo dei suoi genitori sulla berretta del Cardinale, abbassandogli il cappello rosso attraverso il tetto celeste e implorando la guarigione.
E ci siamo sentiti tutti così.
 
Era del Signore, e si era abbandonato alla Divina Provvidenza. Ma aveva pregato per tutti noi, nei nostri bisogni grandi e piccoli, e ora avevamo bisogno di essere lì per lui.

E poi, il Signore ha risposto alla nostra incessante inondazione di preghiere, messe, ore sante, novene, rosari e lacrime. Ha concesso il dono della guarigione a quest'uomo, nostro caro amico, che avevamo calato attraverso il tetto ai piedi di Cristo nei nostri cuori.

È stato liberato dalla presa del virus insidioso. Nostro Signore ha soffiato il Suo Spirito nei polmoni, nel cuore e nel flusso sanguigno del Cardinale. E il cardinale Burke è stato in grado di alzarsi, lentamente, con cautela, per rialzarsi e riprendersi.

E ora, preghiamo per la sua completa guarigione. La lenta, estenuante guarigione di chi ha affrontato la morte, ed è tornato a portarci speranza.

Durante quei giorni oscuri e dolorosi di preghiera, ho ricevuto un messaggio che mi ha permesso di continuare a chiedere un miracolo. Un amico mi ha inviato le parole semplici e piene di fede della piccola Santa Teresa di Lisieux: "Come può la mia fiducia avere dei limiti?"

Come può la nostra fiducia avere dei limiti? Dobbiamo rimuovere i limiti alla nostra fiducia perché il Signore non è vincolato da alcun limite.

Se il tetto impedisce il miracolo, togli il tetto! S. Agostino ci ispira: “Quando i suoi portatori non poterono portarlo al Signore, aprirono il tetto e lo calarono ai piedi di Cristo. Forse lo vuoi fare in spirito: aprire il tetto e abbassare al Signore un'anima paralitica” (Sermone Sui pastori, sant'Agostino).

La paralisi può essere anche interiore. Può essere nei nostri cuori, o nella mente, o nello spirito. Non possiamo muoverci da soli, indifesi e paralizzati. Ma la guarigione è possibile. “Forse il medico stesso è nascosto all'interno. . . Rivela dunque ciò che è nascosto e così aprirai il tetto e fari scendere il paralitico ai piedi di Cristo».

Possiamo farlo nella preghiera. Possiamo farlo l'uno per l'altro. Possiamo portare le nostre anime bisognose a Cristo. Attraverso il tetto potrebbe essere l'unico modo. E l'anima ferita sarà posta davanti al Cuore guaritore, consolatore, di Cristo, consolazione «che sanerà ciò che è rotto».

Abbiamo visto la potente mano guaritrice di Dio. Abbiamo chiesto il miracolo. Nella Sua grande misericordia, Nostro Signore lo ha concesso. Ti ringraziamo, Signore, con cuore colmo di gratitudine. Togliamo il tetto e abbassiamo a Cristo i nostri cuori. Possiamo esser certi, senza ombra di dubbio, che la nostra fiducia in Lui non è mai troppa.
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Non vedo l'ora di rivederlo in viso mentre ci parla dalla Sua Cappella.

Anonimo ha detto...

radicatinellafede rnf
https://www.youtube.com/watch?v=K38cTH9pVmc&t=918s

XVIII Domenica dopo Pentecoste in rito tradizionale a Vocogno in Val Vigezzo (VB).
Omelia di don Alberto Secci: «Costui bestemmia»
Domenica 26 Settembre 2021.