venerdì 23 marzo 2018

Hanno ridotto l’Italia a una terra di nessuno e l’hanno trasformata in una terra di conquista

L'amata Firenze di Oriana Fallaci...

La Magistratura e la Politica concedono agli stranieri ciò che non sarebbe consentito agli italiani. Hanno ridotto l’Italia a una terra di nessuno e l’hanno trasformata in una terra di conquista
Perché la Magistratura è severa con gli italiani e assente con gli stranieri? Lo scorso 5 marzo a Firenze è stato giustamente arrestato Roberto Pirrone, un pensionato di 65 anni intenzionato a suicidarsi per un debito di 30.000 euro e le continue litigate con la moglie. Ma gli mancò il coraggio. Uscì di casa con un’arma regolarmente denunciata e sparò al primo che capitò, uccidendo Idy Diene, un ambulante senegalese di 54 anni con regolare permesso di soggiorno. La stessa Procura di Firenze ha smentito le motivazioni razziali del gesto: "Ha sparato alla prima persona che ha trovato per strada dopo aver escluso di sparare ad una mamma e il suo bambino. I fini razzisti sono da escludere. Oltretutto il profilo personale dell'uomo non è collegabile a questo. Non sono emersi suoi legami con gruppi politici di destra o razzisti. Era un collezionista di armi e in casa sono stati trovati anche alcuni cimeli dell'ex Unione Sovietica. L'uomo voleva suicidarsi: i problemi economici continuavano ad assillarlo, quei 30mila euro di debiti erano motivo di continui litigi anche con la moglie".

Nonostante che Perrone fosse un comunista e un pacifista, e che la stessa Procura abbia escluso il movente razziale, gli esponenti dei senegalesi residenti a Firenze insorsero gridando al delitto razziale. Pape Diaw, cittadino italiano di origine senegalese, già Consigliere comunale e candidato al Senato nel 2013 con “Sinistra e Libertà”, portavoce storico dei senegalesi a Firenze, capeggiò la rivolta: "Dicono che non c'è un movente razziale? Ma di tutte le persone, come mai ha beccato un nero? Qui un bianco ha preso la pistola e ha ammazzato un nero e mi dicono che non è razzismo. Ditemi voi cos'è". E di fronte alla telecamera di Repubblica ha chiamato a raccolta gli stranieri per fare la “guerra totale” all’Italia: “No, no, no, no, qualcosa non va. Questa volta faremo casino, ve lo dico. Ci sarà casino questa volta. Non sarà nulla di pacifico questa volta. Sarà una guerra totale in questo Paese. Sarà una guerra totale in questo Paese”.

Ebbene: perché ad oggi la Magistratura non è intervenuta per sanzionare Pape Diaw per “istigazione a delinquere”, “insurrezione armata”, “guerra civile” e, dal momento che è cittadino italiano, anche per “alto tradimento”?

Il 6 marzo un centinaio di senegalesi presero d’assalto il centro storico di Firenze devastando fioriere e impalcature comunali, gettando il panico tra la gente, obbligando una camionetta dell’Esercito a fuggire per evitare di essere aggredita. Perché la magistratura non è intervenuta per sanzionare i senegalesi per manifestazione non autorizzata, uso della violenza, devastazione di beni pubblici, minaccia e intimidazione dei cittadini, oltraggio e aggressione alle forze dell’ordine. Perché ad oggi la Magistratura non è intervenuta per sanzionare i teppisti senegalesi violenti?

L’8 marzo i senegalesi di Firenze hanno annunciato che si autotasseranno per riacquistare le fioriere spaccate lunedì in via Calzaiuoli. «Ci vergogniamo per ciò che è accaduto. Chi ha commesso quegli atti vandalici non ama questa città e va punito. Il dolore non giustifica la violenza e il nostro è un popolo pacifico (...) Quel modo di fare non ci appartiene. Chi ha commesso quegli atti violenti veniva da fuori, noi non li conosciamo. Qualcuno aveva anche bevuto, altri invece erano stati aizzati dai centri sociali che stanno cercando di distruggere la nostra realtà. Noi siamo per il rispetto delle regole ed è bene che le teste calde sappiano che mettere a ferro e fuoco Firenze non farà ritornare Idy in vita. Per questo diciamo a tutti: fermatevi!». Belle parole. Resta il fatto che in uno stato di diritto che si rispetti è la Magistratura che stabilisce la tipologia e l’entità della sanzione, non ci si fa giustizia da sé, né quando si devasta il centro storico gettando nel panico i cittadini e assaltando le forze dell’ordine, né quando si decide arbitrariamente che il reato perpetrato debba considerarsi estinto versando al Comune la cifra che autonomamente si riterrà essere pari al costo delle fioriere.

Il 10 marzo a Firenze si è svolta una imponente “Manifestazione antirazzista” con circa 10 mila persone, alla presenza del Sindaco di Firenze Nardella, del Presidente della Regione Toscana, l’imam di Firenze Izzedin Elzir, innalzando degli striscioni con le scritte: “Basta razzismo italiano”, “Contro il razzismo. Diritti per tutte/i”, “Difendiamo la vita contro ogni razzismo”. Com’è possibile che le istituzioni politiche locali si siano piegate alla tesi dei senegalesi sulla matrice razziale dell’omicidio di Idy Diene quando è stata inequivocabilmente smentita dalla Procura di Firenze? Si tratta di una chiara sottomissione alla paura della violenza che i senegalesi hanno dimostrato di perpetrare violando le nostre leggi e offendendo le nostre istituzioni.

Cari amici, il quadro complessivo che emerge da questa tragica e incresciosa vicenda che ha riguardato Firenze, è che ormai l’Italia è percepita come una terra di nessuno da parte degli stessi italiani e che viene trattata come una terra di conquista da parte degli stranieri, al punto che sia la Magistratura sia le istituzioni politiche sono severe con gli italiani ma assenti con gli stranieri, concedendo agli stranieri ciò che non sarebbe mai consentito agli italiani.

Cari amici, dobbiamo tornare a riscattare la certezza e l’orgoglio di chi siamo, dobbiamo diventare forti dentro per essere in grado di farci rispettare. Solo così potremo essere pienamente noi stessi dentro casa nostra.
Magdi Cristiano Allam

25 commenti:

Anonimo ha detto...

E' in corso un attentato terroristico in un supermercato a Trèbes, nel sud della Francia. “Allah Akbar”, dichiarazioni di fedeltà all'Isis, ostaggi, forse morti. Voglio commentare con un brano del mio ultimo libro “Il suicidio della cultura occidentale. Così l'Islam radicale sta vincendo”:

“Gli attacchi terroristici e le intimidazioni continueranno a ripetersi, ma le società postmoderne tecnologizzate si reputeranno così forti, la loro capacità di assorbimento culturale così estesa, che nulla impedirà loro di credere di poter assimilare anche l’atto terroristico come si fa già con gli incidenti automobilistici e i disastri naturali. Lo scenario più probabile è quello in cui non succede nulla e tutto continua così, con la frattura interna dell’Occidente, la nascita di due società parallele (…) L’islam radicale sa che finché eviterà un altro grande massacro come l’11 settembre potrà continuare a portare via un po’ di vite umane e a insidiare l’Occidente senza risvegliarlo dal sonno”

Tranquilli, fra poco sarà tutto passato come capita con gli incubi. Ma chi ci desterà dal letargo profondo in cui siamo piombati?
Giulio Meotti

Anonimo ha detto...

http://www.marcelloveneziani.com/articoli/ora-finitela-col-vostro-ditino-2/

Anonimo ha detto...

Mentre per qualcuno il problema è rappresentato dagli “hacker russi”, il terrorismo islamico uccide ancora in Europa. Noi non ci arrenderemo alla paura e a chi vuole distruggere la nostra civiltà.
Una preghiera per le vittime.
(Matteo Salvini)

Aniello Govetosa su Fb ha detto...

Avellino - in un centro di cd accoglienza tre nigeriani si prendono a coltellate per motivi di danaro. Notizia tenuta semi-nascosta! I due dati che emergono dai fatti: il primo rivela l’indole violenta, selvaggia ed omicida di questi villeggianti! Il secondo è che questi sono tutti armati e così girano spavaldi per le città!!! Qualcuno ha ancora dubbi su fatto che se ne devono andare via tutti??? Magari accompagnati da chi li protegge e tutela ancora!!!

Anonimo ha detto...


"L’islam radicale sa che finché eviterà un altro grande massacro come l’11 settembre potrà continuare a portare via un po’ di vite umane e a insidiare l’Occidente senza risvegliarlo dal sonno”.

Quem ignora que fortes indícios e presunções apuntam para o 11 de setembro ser um golpe perpetrado pelo Mossad juntamente com a Arábia saudita? 3000 mortos para a realização dos projetos talmudo-sionistas sobre o Médio-Oriente! Mas não houve conspiração, claro… De resto, nunca há conspirações… É tudo espontâneo…

Anonimo ha detto...

Se è un italo-egiziano che parla a nome dell'Italia vuol dire che siamo ben oltre alla frutta e al digestivo, siamo al coma profondo, quando l'Oriana parlava lamentandosi di costoro che pisciavano contro i muri e in piazza a Firenze, venne massacrata dai giornaloni dei padroni, adesso si radunano i soliti idioti per marce assurde contro il fascismo, il razzismo, l'omofobia ecc.ecc. a quando manif pour tous les imbeciles? Povera Italia uccisa/suicida dall'indifferentismo e dalla stupidità passiva, pecore al macello e non possiamo incolpare altro che noi stessi.

Anonimo ha detto...


La Chiesa "riformata" dal VaticanoII, aperta a tutti i compromessi dottrinali e pastorali, imbevuta di arrendevole pacifismo e in sostanza senza fede, ha educato i cattolici e gli italiani alla viltà.
z.

fabriziogiudici ha detto...

Tranquilli, fra poco sarà tutto passato come capita con gli incubi. Ma chi ci desterà dal letargo profondo in cui siamo piombati?


Infatti mi dicono che stasera, al TG1, la notizia è stata affrontata al minuto 13. Ora, capisco bene che per noi la notizia era il primo tentativo di elezione dei presidenti di Camera e Senato, ma siccome alla fine non è che ci fosse molto da dire se non pagar pegno alla solita schiera di politici di cui bisogna riportare almeno una frase, evidentemente il senso è che gli attentati (per lo meno in casa d'altri) non ci interessano più un gran che...

Anonimo ha detto...

Ma perché Napolitano ha fatto il discorso alla nazione?
Abbiamo due papi e due presidenti della repubblica quindi?

Anonimo ha detto...

Il PD continua a fare danni a spese degli italiani stremati.
Monte dei Paschi: buonuscita da 18 milioni per i manager.

Anonimo ha detto...

Berlusconi entrò in politica nel 1994, orfano di Craxi, per difendere Rete4 da Ochetto, che, stava per vincere le elezioni e come primo provvedimento al governo avrebbe fatto una legge antitrust su misura per Mediaset. Dopo il 1994 non ha fatto più nulla di buono, impedendo la nascita di un vero partito conservatore italiano, lui da sempre craxiano con simpatie radicali, pur atteggiandosi ora a democristiano, ora a liberale. Non si è mai liberato dal conflitto di interessi personali, che lo ha condizionato nel 2011, costringendolo a fare guerra all'amico Gheddy e ad appoggiare il governo Monti. Ora dall'alto del 10%, a cui sarebbe precipitata FI negli ultimi sondaggi, vorrebbe continuare a fare il regista del CDX e punterebbe all'inciucio coi suoi amici Grasso, Renzi e Bonino. Tutti sconfitti alle elezioni e in caduta libera negli ultimi sondaggi.

Anonimo ha detto...


Il Centrodestra non è fallito solo per colpa di Berlusconi

Cerchiamo di ricordarci bene. Fermi restando i limiti gravi di Berlusconi, che avrebbe dovuto passare la mano da tempo, il primo centrodestra durò poco per colpa di Bossi non di Berlusconi. Bossi, a cui dell'Italia non è mai importato nulla (anzi..), voleva la modifica del titolo V della Costituzione, in modo da concedere più ampi poteri alle regioni. Lui mirava sempre al secessionismo. E'sempre stato un traditore dell'Italia (per lui la Patria va da Varese al...Milan). Non ottenendola, soprattutto per l'opposizione del partito di Fini, fece il salto della quaglia, facendo cadere il governo. E difatti ottenne la famosa modifica alleandosi con il centrosinistra. Mi ricordo che in un secondo momento Rutelli, allora nel Centrosinistra, disse pubblicamente che concedere quella modifica era stato un grave errore.
La modifica del Titolo V è stata una cosa deleteria. Ha allentato ulteriormente i vincoli tra le regioni e lo Stato e dato adito ad una conflittualità permamente, della quale deve continuamente occuparsi al Corte Costituzionale.
Uno dei punti deboli dell'attuale CentroDestra è appunto la politica delle c.d. autonomie. Sono già molto ampie e, accanto a qualche vantaggio, hanno diversi gravi difetti, uno dei quali è l'aver consentito la nascita di una pesante burocrazia regionale che appare un semplice doppione di quella centrale dello Stato, cui del resto si vorrebbe togliere ogni strumento nazionale, "regionalizzando" tutto quello che ha.
Z.

Aloisius ha detto...

Sull'islam vige un negazionismo ripugnante.
Negano la verita' in modo spudorato e riescono a rimbecillire la maggioranza della massa.

I giornalini di sinistra Repubblica e Fatto Quotidiano, così come Rai3 e Rai News - i nemici vanno sempre seguiti e studiati - non usano la parola "islamico", ma solo "terrorismo", oppure "un terrorista", nonostante l'assassino abbia gridato di aver ucciso in nome di Allah e dell'Isis, che ha pure rivendicato l'attentato.
Si è sentito di tutto per negare la matrice islamica:"delinquente comune che simpatizzava per l'isis, 'hanno trovato materiale che SEMBRA essere dell'isis' e via discorrendo.
Oggi ho sentito a Rai3, alla fine del servizio, che la polizia francese ha individuato 'una pista che riconduce alla Siria e all'Iraq'.
Non mi stupirebbe se uscisse la notizia che c'è Assad, oppure Putin dietro il terrorismo islamico, nonostante sia stato l'unico leader mondiale che lo ha sempre combattuto, avendolo avuto anche in casa propria...
Berlusconi e' stato sempre inaffidabile, speriamo che la destra di Salvini e Meloni riesca a raddrizzare la rotta, ma sarà dura, il cinque stelle è più sinistro.

Silente ha detto...

A proposito: un buon testo sull'argomento è di Giulio Meotti, Il suicidio della cultura occidentale, edito da Lindau. Nonostante qualche deplorevole caduta "teo-con", spiega molto bene le cause, gli eventi, le conseguenze della resa dell'Europa al nichilismo in nome dell'antifascismo, dell'antirazzismo, dell'immigrazionismo, dell'omosessualismo. In realtà è un tradimento a favore delle lobby mondialiste à la Soros e delle multinazionali che ci vogliono meticci, privi di radici, consumatori acritici.
Un buon libro. Leggetelo.

fabriziogiudici ha detto...

@Z.

Vero. Comunque Bossi è finito, Berlusconi ancora pretende di dettar legge. Basta. Berlusconi, poi, nel 2011 ha tradito: dopo essere stato disarcionato, anziché denunciare il colpo di mano, si è subito allineato ai neo vincitori - questo perché era ricattabile. Oggi è ricattato, senza più condizionale. La sua presenza può fare solo danni.

Alexandre Del Valle ha detto...

« L’islamophobie est une arme qui permet de rétablir le délit de blasphème ! »

J'étais l'invité de Thierry Ardisson dans « Salut les Terriens » face au pape de l'islamo-gauchisme Edwy Plenel qui a eu l'amabilité d'illustrer la thèse de mon dernier livre : « La Stratégie de l'Intimidation » (Editions du Toucan et éditions de l'Artilleur).

Livre disponible sur le site éditeur (http://bit.ly/2FhrPgS), Amazon (http://amzn.to/2FmJCGq)

Anonimo ha detto...

L'incarico di formare il nuovo Governo spetta al centrodestra. Leggete la mia intervista al Corriere e ditemi cosa ne pensate.
https://www.facebook.com/giorgiameloni.paginaufficiale/

http://www.giorgiameloni.it/2018/03/25/13771giorgia-meloni-a-il-corriere-della-sera-incarico-al-centrodestra-raccoglieremo-i-voti-mancanti-uno-per-uno/

irina ha detto...

"...ditemi cosa ne pensate..."
Non so se riuscirete a trovare i voti che vi mancano, devono essere voti leali ed alla luce del sole;

E' importante parlare chiaro tra di voi e verso l'esterno, costi quel che costi;

Voi conoscete le vostre menti e volontà migliori,bisogna riprendere in mano l'educazione e l'istruzione,che da circa quaranta anni sono quasi totalmente in mano alla sinistra ed ai radicali;

all'interno bisogna fare una profonda bonifica, iniziando dai libri di testo che sono stati il veicolo trasmettitore di tutto il materiale ideologico che ha plasmato insegnanti ed allievi ad un tempo;

Bisogna non pretendere che un bambino a sei anni sia al livello del master, per poi a diciotto accorgersi che bisogna fargli imparare le tabelline. Insomma anche qui, dentro l'educazione, abbiamo un ribaltamento pazzesco;

Nell'ambito dell'economia avete belle intelligenze che non chiedono che di essere messe alla prova nello sciogliere la matassa che in questi anni è stata sempre più annodata.

Nell'ambito del lavoro, anzichè ammassare i giovani nel call-centre consiglierei di tornare ad una scoperta seria dei nostri mestieri di sempre, ridare dignità e gusto al lavoro manuale, senza mai far mancare un'educazione ed istruzione, viva ed essenziale, in campo umanistico;

Infine, in qualsiasi campo, restare ancorati ai fatti e da questi farsi guidare: l'abbandono scolastico, per esempio, nel meridione è molto elevato, questa è un fenomeno che va ad ingrossare la delinquenza.Bisogna rimediarvi, richiamando seriamente i genitori al loro ruolo di educatori e di esempio positivo. Anche con sanzioni pecuniarie.

Ottimo sarebbe l'educazione religiosa permanente, ma oggi è difficile, essendosi la chiesa ammalata come e più del mondo, finisce con l'insegnare cose che non stanno nè in cielo, nè in terra.

Ho finito col dire su quale mio dente dolente batte la mia lingua, lei prenda quello che può esserle necessario. Auguri, di cuore.

Anonimo ha detto...

Austria, la figlia morente in ospedale è in stanza con una musulmana, il padre non può entrare a farle visita

L'Austria in queste ore è sconvolta per il terribile caso di un padre costretto a rinunciare a vedere in ospedale la figlia a causa dei precetti dell'islam radicale. In pratica gli è stato impedito l'ingresso nella stanza in cui si trovava la figlia ventenne, gravemente malata di sclerosi multipla, perché l'altra signora ricoverata – una musulmana radicale – non desiderava la presenza di un uomo in camera. Il precetto religioso della paziente ha così impedito al signor Robert Salfenauer di salutare la figlia Chiara, nonostante fosse presente una tenda divisoria tra i due letti.
[...]
Salfenauer che di professione fa l'avvocato il giorno dopo l'incidente si è mosso legalmente e l'ospedale è stato costretto a chiedere scusa, promettendo di fare luce sul caso. Tuttavia resta aperto l'interrogativo posto dal padre della ragazza e in Austria è già materia di dibattito pubblico. Noi abbiamo un problema concreto quando vi è una chiara violazione della legge, cosa che in questo caso non è avvenuta. In più abbiamo anche un problema di radicalizzazione da affrontare.

https://www.ilmessaggero.it/primopiano/vaticano/austria_islam_donna_ospedale_figlia_vienna_musulmana_radicale_convivenza-3629103.html

Roger de Bourneville ha detto...

Per me Giorgia Meloni è in prospettiva l’esponente politico di sesso femminile di maggior caratura della storia della Repubblica (io ho sempre votato Lega dopo aver votato MSI). L’intervista però temo che sia ... didascalica. Spero che in futuro FDI schieri persone sempre più valide e che la linea politica sia sempre più portatrice dei valori e degli ideali della Destra. Valori cristiani. Valori non negoziabili. Certamente lontani dal basso profilo etico e morale di Forza Italia, partito morente di un Berlusconi vecchio.
Post Scriptum OT: a chi dobbiamo l’incipiente riforma della gestione del paziente cronico in Lombardia? Riforma che perverte la figura del medico di base da erogatore di cure ad acquirente conto terzi di prestazioni sanitarie / lacché ? Se è colpa del centrodestra e delle lobbies della sanità privata, in futuro voterò per Forza Nuova.

Anonimo ha detto...

Toghe rosse vogliono impedirci di segnalare i migranti infetti
Il protocollo del Tribunale di Venezia sui migranti provoca la reazione di Magistratura Democratica: "Lede diritto alla riservatezza
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/toghe-rosse-vogliono-impedirci-segnalare-i-migranti-infetti-1507796.html

Anonimo ha detto...

Vittorio Bertola (tratto dalla sua pagina Facebook)

Nelle ultime ore, siamo stati invasi di articoli e post strappalacrime che condannano la “barbarie” della vicenda di “Destinity, donna nigeriana incinta morta dopo essere stata respinta dalla polizia francese alla frontiera di Bardonecchia”; con tanto di dettagli disumani (“l’hanno abbandonata sul marciapiede”).

Poi cerchi di approfondire e, semplicemente leggendo il racconto di prima mano del marito della signora, scopri che:

– la signora era già malata di cancro prima di mettersi in viaggio verso la Francia;

– nonostante tutti gli articoli e i post siano conditi da abbondanti foto di migranti che faticano a piedi in mezzo alla neve, la signora stava andando in Francia seduta a bordo di un bus;

– la signora non è stata respinta dalla Francia, ma è stato respinto il marito (che non aveva i documenti in regola) e lei ha scelto di tornare indietro con lui;

– “l’hanno abbandonata sul marciapiede” è semplicemente il risultato della polizia francese che, per gentilezza, ha riaccompagnato la famiglia in macchina dalla frontiera fino alla stazione di Bardonecchia, proprio perché la signora era malata;
- comunque, anche se fosse entrata in Francia invece di tornare indietro, avendo il cancro sarebbe purtroppo morta ugualmente;

– inoltre tra il respingimento e la morte è passato un mese, e non risulta che la sua condizione di salute sia stata aggravata dall’esperienza, dunque dire che è morta perché i francesi l’hanno respinta è un falso (è morta di cancro), e scrivere “morta dopo essere stata respinta” è una manipolazione per far credere a una causalità che non esiste;

– oltretutto, sostenere che sia morta perché “abbandonata dopo il respingimento” è anche un po’ umiliante per la sanità piemontese, che le ha garantito la miglior assistenza possibile per tutto il mese in questione;

– e infine, nemmeno si chiamava Destinity (che manco è un nome) ma Beauty.

Sicuramente la situazione di Bardonecchia è problematica, irrisolta, carica di sofferenza. Ma qui mi pare che la cosa che davvero interessa di più sia manipolare la realtà per ragioni ideologiche, per farla sembrare ancora più tragica di ciò che è, contando sul senso di colpa dei lettori per creare simpatia verso i migranti e antipatia verso i francesi, e magari anche per aumentare le donazioni alle ormai immancabili associazioni di italiani che li assistono. Peccato che nel lungo termine l’effetto di queste tattiche emotive sia l’opposto: più si esagerano le cose, e più il pubblico si anestetizza e diventa indifferente.

Anonimo ha detto...

http://www.streamingneuws.com/2018/01/31/bagnai-leuro-schiaccia-le-nostre-aziende-favorisce-la-germania/

irina ha detto...

@ Anonimo
26 marzo 2018 08:10

Più di dieci anni fa, una mia amica, volontaria presso una struttura dei Gesuiti, mi segnalò la presenza della tubercolosi che si propagava a macchia d'olio, vuoi per lo stravolgimento climatico a cui erano sottoposti gli immigrati, vuoi per un contagio costante tra loro, facilitato anche da abiti scarsamente cambiati e lavati, questo malgrado la presenza di medici che avevano turni in modo continuativo sulle le 24 ore. Dieci anni fa, certamente, eravamo agli albori,sia delle possibili malattie importate, sia di quelle raccolte migrando.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. ha detto...

Palazzo Pontificio
di Castel Gandolfo

Il Palazzo Pontificio (o Palazzo Apostolico) di Castel Gandolfo è un museo appartenente alla Chiesa cattolica. In passato è stato una residenza papale suburbana.