giovedì 29 settembre 2022

In 300 a Washington per richiedere il ripristino delle Messe soppresse

Nella nostra traduzione da Onepeterfive l'ennesima prova che le restrizioni alle messe in latino attivano i laici. Precedenti qui - qui - qui - qui. Qui l'indice degli articoli su Traditionis custodes e seguenti.

In 300 a Washington per richiedere il ripristino delle Messe soppresse
Sabato scorso, un gruppo di 300 cattolici ha percorso cinque miglia dalla Cattedrale di San Tommaso Moro ad Arlington, VA (la cattedrale principale della diocesi di Arlington) e la Cattedrale di San Matteo Apostolo a Washington, DC (la cattedrale principale dell'arcidiocesi di Washington, DC). Portavamo bellissimi stendardi cattolici, bandiere e croci processionali, cantavamo il rosario e cantavamo inni mariani.

Cosa può aver portato così tanti cattolici in strada per partecipare a una marcia di due ore? L'efficacia e la bellezza della Messa tradizionale latina e la crudeltà dei tentativi di limitarla. In particolare, questa marcia è stata sollecitata dalla Traditionis Custodes e dalle dure restrizioni alla celebrazione della Messa latina tradizionale, successivamente annunciate dal cardinale Gregory dell'arcidiocesi di Washington, DC ( il 22 luglio ) e dal vescovo Burbidge della diocesi di Arlington (il 29 luglio, 2022 ) [vedi qui - qui - qui].

Come ho notato nel mio intervento al termine del pellegrinaggio, “Traditionis Custodes, e questi decreti, hanno fatto ciò che centinaia di ascolti sinodali e concili ecumenici non hanno potuto: hanno attivato i laici”. Cioè, «ci hanno incoraggiato a lasciare la quiete dei banchi e ad avventurarci in strada, per proclamare ciò che i Papi, la tradizione e la Chiesa insegnano esser vero: che 'ciò che le generazioni precedenti consideravano sacro, rimane sacro e grande anche per noi, e non può essere all'improvviso del tutto proibito o addirittura considerato dannoso.'”

I decreti dei nostri vescovi sono davvero severi. Il decreto del cardinale Gregory ordina l'abolizione della Messa latina tradizionale in tutte le località della parrocchia tranne una, facendo convergere tutti i partecipanti alla Messa latina in tre "Centri Messa" regionali. Il decreto del vescovo Burbidge ha annullato tutte le messe tradizionali latine della parrocchia tranne tre (su 21) e ne ha consentite altre cinque in luoghi fuori sede come palestre scolastiche e aule sociali, ma non nella chiesa parrocchiale.

Tuttavia, il nostro pellegrinaggio non consisteva nel protestare contro i nostri vescovi o contro il Papa, ma nel rendere una testimonianza di gratitudine per la Messa tradizionale e le grazie che ci ha dato, e una espressione di dolore per ciò che abbiamo perso con le nuove restrizioni. Come ho notato nel mio intervento, “Preghiamo per i nostri Vescovi, che ci hanno permesso di sperimentare così a lungo le ricchezze della forma più antica della liturgia!” e "[noi] continueremo a lavorare con i nostri vescovi, a pregare per i nostri vescovi, con la fiducia che queste restrizioni non dureranno e non possono durare".

Nel nostro pellegrinaggio abbiamo testimoniato con successo la bellezza e la vitalità del movimento per la Messa tradizionale all'interno della Chiesa. Visivamente. La marcia è stata strepitosa. I manifestanti erano per lo più giovani, con molte famiglie giovani con bambini piccoli in passeggino. È importante per noi rivendicate spazio come cattolici e abbiamo davvero avuto la sensazione di reclamare spazio per Cristo mentre marciavamo per le strade di Arlington e oltre il Key Bridge fino a Washington, DC. Il pellegrinaggio sembrava un grande esercito spirituale che si muoveva attraverso Arlington e Washington, DC, diffondendo la verità di Cristo e della Sua grazia nel mondo.

La marcia è stata tanto più impressionante perché si è trattato di uno sforzo completamente della base: non avevamo organizzazioni esterne che ci sostenessero o ci finanziassero. Il pellegrinaggio è stato organizzato nell'arco di un mese da comuni parrocchiani dell'arcidiocesi di Washington, DC e della diocesi di Arlington, che amano la messa latina della Tradizione. I cattolici di tutta l'area si sono riuniti per offrire volontariamente la loro conoscenza, il loro tempo e il loro case per rendere il pellegrinaggio un enorme successo. La Marcia ha rafforzato la nostra determinazione a lavorare con i nostri Vescovi per ripristinare la libera celebrazione della Messa tradizionale. Ha anche rafforzato la nostra determinazione ad assumere maggiori ruoli di guida nelle nostre parrocchie e nelle nostre diocesi. Come ho affermato nel mio intervento, “Continueremo a essere coinvolti nelle nostre parrocchie e nella diocesi, più attivamente che mai”.

Traditionis ci ha insegnato che non possiamo permetterci di essere passivi come cattolici: in un mondo decaduto e peccaminoso, con la Chiesa in stato di confusione e crisi, dobbiamo agire per difendere efficacemente la nostra fede cattolica senza tempo. Purtroppo, i laici non possono più fare affidamento passivamente sulla gerarchia ecclesiale per proteggere l'unità della Chiesa e l'insegnamento cattolico. Il  vertice della Chiesa continua a distinguersi per scandali e divisioni. Né possiamo fare affidamento sulla Chiesa istituzionale per una efficace evangelizzazione mentre la fede e la pratica cattolica continuano il loro drammatico declino. Questa dura realtà pone un'enorme responsabilità sui laici. Fortunatamente, abbiamo visto nella diocesi di Arlington e nell'arcidiocesi di Washington, DC, che i cattolici tradizionali sono all'altezza del compito.

Già, i cinque spazi non parrocchiali che ci sono stati dati per la Messa nella diocesi di Arlington - palestre scolastiche e aule sociali - sono stati miracolosamente trasformati, quasi da un giorno all'altro, in splendidi spazi sacri per la Messa. E questo, proprio nell'arco di un paio di fine settimana. Abbiamo assistito all'opera di rinnovamento cattolico anche nelle parrocchie delle due diocesi dove era stata consentita la Messa tradizionale. Le storie abbondano di chiese rinnovate e restaurate e di parrocchie morenti che sperimentano nuova vita e nuova crescita.

Così, mentre queste restrizioni rendono più difficile l'opera di crescita e di rinnovamento, non diminuiscono in alcun modo il nostro obbligo di evangelizzare e salvare le anime per Cristo. Abbiamo una Chiesa da restaurare e un mondo perduto da convertire. Traditionis e le relative restrizioni ci costringeranno a essere più creativi e pieni di risorse, e alla fine forniranno un modello per come il cattolicesimo tradizionale può crescere all'interno della Chiesa, indipendentemente dagli ostacoli o dalle restrizioni che potrebbero essere posti sulla sua strada. Il dinamismo e l'energia mostrati nel Pellegrinaggio National Summorum Pontificum non lasciano dubbi sul fatto che, con la forza dello Spirito Santo e della Tradizione cattolica e la forza delle nostre comunità cattoliche, riusciremo a realizzare il rinnovamento cattolico che il mondo invoca.

8 commenti:

Catholicus.2 ha detto...

29 settembre: San Michele Arcangelo

«Sul monte Gargano la venerabile memoria del beato Michele Arcangelo, quando al Suo nome fu ivi consacrata una chiesa, misera veramente per la struttura, ma adorna di celeste virtù.»
(dal Martirologio Romano)

Onnipotente sempiterno Dio, che con prodigio di bontà e misericordia, per la salvezza comune degli uomini, eleggeste a Principe della Vostra Chiesa il gloriosissimo Arcangelo San Michele, fateci degni - Vi preghiamo - di essere, mediante la Sua benefica protezione, liberati da tutti i nostri nemici, così che, nella nostra morte, nessuno di essi ci molesti, ma ci sia dato d'esser da Lui medesimo introdotti alla presenza della Vostra Divina Maestà.

Gloriosissimo Principe San Michele, capo e condottiero dei celesti eserciti, depositario delle anime, debellatore degli spiriti ribelli, domestico della reggia di Dio, dopo Gesù Cristo comandante nostro ammirabile, di sovrumana eccellenza e virtù, degnatevi di liberare tutti noi, che a Voi con fiducia ricorriamo, e fate, per la vostra valorosa protezione, che ogni giorno serviamo fedelmente il nostro Signore.

Sancte Michaël Arcangele, defende nos in proelio: contra nequitiam et insidias diaboli esto presidium. Imperet illi Deus, supplices deprecamur. Tuque, Princeps militiae coelestis, satanam aliosque spiritus malignos, qui ad perditionem animarum pervagantur in mundo, divina virtute, in infernum detrude.
Amen

Anonimo ha detto...

Trecento non mi sembra un gran numero. Evidentemente non è un tema molto sentito dai cattolici americani.

Anonimo ha detto...

Anonimo Anonimo ha detto...
Ma quindi mi basta dirlo in numero sufficienza per essere coperto per tutta la vita da una continua indulgenza? Mica male. Bisogna dirne 135 (110 anni di vita...non si sa mai!) e siamo a posto.
L'anonimo delle 7 e 25
Invece di farsi beffe, LO FACCIA.
Quando sarà il momento scoprirà di aver tolto se non proprio 110 anni, almeno i meriti legati a 110 anni di penitenza dal Purgatorio che le sarebbe toccato. Se le sarebbe toccato di meno, quello che c'è in più lo può usare in favore di altre anime. COsa c'è di strano?
Le sembra molto? I Mistici Ci dicono che ci sono anime che sono state secoli. Sempre secondo alcuni mistici:
a)Papa Innocenzo III, lui che era stato il primo tra gli uomini sulla terra si era MONTATO IN SUPERBIA. Si era salvato per intercessione della Madonna, di San Giuseppe, di San Michele e di San Pietro e, chiese la grazia di essere l'ultima anima a lasciare il Purgatorio;
b) Ci sono anime che stanno là dai girni del Diluvio universale .
Secondo mis

Anonimo ha detto...

Vedo, come al solito, che, purtroppo, i testi relativi a tematiche religiose, in genere, attirano molta attenzione in meno rispetto a quelli legati alla socio-politica.
Più di 90 commenti al testo sugli auguri di Veneziani e pochi agli altri.

Anonimo ha detto...

Ho l'impressione che il popolo americano naturalmente sia portato a fare comunità.

Anonimo ha detto...

Ho l'impressione che il popolo americano naturalmente sia portato a fare comunità.

Anonimo ha detto...

29 settembre 2022 18:10

Mediamente noi laici abbiamo difficoltà a condurre una vita quotidiana che sia cadenzata religiosamente pur essendo cristiani da 6+. In alcuni periodi della vita la religione ha il primo posto, in altri la politica prende il sopravvento. Nel nostro oggi la situazione sociale si è fatta gravissima, le persone sono in pena,in ansia, preoccupate, agitate e...la lingua batte dove il dente duole. Ho la certezza che oggi si preghi moltissimo, una preghiera che è un parlare, un discutere con il Signore, rapporti non sistematici, non pianificati, ma cuore a Cuore. Qui si leggono i testi religiosi che rincuorano, poi si va a vuotare il sacco tra le anime in pena come noi. L'alternanza di testi religiosi e di attualità politica è qui sempre ben bilanciata cioè terapeutica per le anime nostre, se qualcuno poi ha temi ed esperienze di Fede ne parla per quello che può e quando può.

Anonimo ha detto...

29 settembre 2022 18:10

Mediamente noi laici abbiamo difficoltà a condurre una vita quotidiana che sia cadenzata religiosamente pur essendo cristiani da 6+. In alcuni periodi della vita la religione ha il primo posto, in altri la politica prende il sopravvento. Nel nostro oggi la situazione sociale si è fatta gravissima, le persone sono in pena,in ansia, preoccupate, agitate e...la lingua batte dove il dente duole. Ho la certezza che oggi si preghi moltissimo, una preghiera che è un parlare, un discutere con il Signore, rapporti non sistematici, non pianificati, ma cuore a Cuore. Qui si leggono i testi religiosi che rincuorano, poi si va a vuotare il sacco tra le anime in pena come noi. L'alternanza di testi religiosi e di attualità politica è qui sempre ben bilanciata cioè terapeutica per le anime nostre, se qualcuno poi ha temi ed esperienze di Fede ne parla per quello che può e quando può.