giovedì 14 dicembre 2017

Perugia 16 dicembre - La barca di Pietro nella tempesta


ASSOCIAZIONE SAN MICHELE ARCANGELO - PERUGIA

CONFERENZA
La barca di Pietro nella tempesta:
spunti e riflessioni sulle origini della sovversione
Relatore: Dott. Cristiano Lugli
Sabato 16 dicembre 2017, ORE 18.30
Sala della Vaccara del Palazzo dei Priori
Perugia

Per informazioni: sanmichelearcangelo.perugia@gmail.com

2 commenti:

16 dicembre inizia la Novena a Gesù Bambino. ha detto...

In questa Domenica, chiamata “Gaudete”, perché vi risuona anticipata la gioia luminosa del Natale, ascoltiamo nel Vangelo le parole autobiografiche di san Giovanni Battista: “Io sono voce di uno che grida nel deserto”. Il Precursore del Signore è ben consapevole della propria missione: egli è chiamato ad annunciare Gesù al mondo, è voce di una Parola che deve risuonare fino ai confini della terra. La missione di Giovanni è anche la nostra, dal momento che tutti, salvati dall’amore del Signore, avvertiamo l’esigenza di essere voce in mezzo al mondo di quella Parola fatta carne, che sola è la vera gioia di ogni cuore umano.
Dal sito https://cooperatores-veritatis.org/

“Si racconta che un famoso attore di teatro era presente a una cena di beneficenza. Gli invitati erano svariati: autorità politiche e religiose, uomini di affari e gente comune.

Prima di iniziare la cena chiesero a un anziano sacerdote, noto per la sua vita santa, di dire la preghiera prima del pasto. Il sacerdote guardò l’attore e gli chiese se, a sua volta, se la sentiva di recitare il salmo 23: ‘Il Signore è il mio pastore non manco di nulla’. Il famoso attore, stella dei palcoscenici teatrali, accettò, ma a una condizione: che anche l’anziano sacerdote, che aveva più di ottanta anni, recitasse quel salmo.

L’anziano uomo di Dio accondiscese e l’attore iniziò a declamare il salmo. Le sue parole erano come una musica bellissima, affascinante, e ognuno fu estasiato dalla meravigliosa prova dell’attore. Quando finì, i presenti scoppiarono in un caloroso applauso.

Toccava all’anziano sacerdote ripetere quel breve, meraviglioso salmo. L’uomo non era dotato di una bella voce, e la sua dizione era alquanto povera. Ma mentre pronunciava le parole del salmo un brivido percorse i presenti. Quando finì non ci fu alcun applauso. Solo silenzio, profondo e intenso.

L’attore si alzò in piedi e disse: Io ho toccato i vostri orecchi, ma quest’uomo ha toccato il vostro cuore. Quando qualcuno chiese all’attore che cosa aveva fatto la differenza, egli rispose: Io conosco il salmo, lui il pastore”.

Ecco il segreto della missione: conoscere da vicino Gesù. Il Santo Natale ci aiuti ad approfondire questa conoscenza d’amore, per divenire sempre più annunciatori convincenti e gioiosi del nostro Salvatore.

(fonte: mons. Guido Marini)

Anonimo ha detto...

Novena del Santo Natale – 16/24 dicembre
http://www.stellamatutina.eu/novena-del-santo-natale/
☆ 16 DICEMBRE: O Figlio di Dio, ti sei fatto uomo per farti amare dagli uomini, ma dov’è l’amore che gli uomini ti portano? Tu hai dato il Sangue e la Vita per salvare le anime nostre, e perché poi ti stiamo noi così irriconoscenti che, invece di amarti, ti disprezziamo con tanta ingratitudine?
Ti amo, o Verbo Incarnato, ti amo, mio Dio, ti amo, bontà infinita; e mi pento di quanti disgusti ti ho dati, vorrei morirne di dolore. Dammi, Gesù mio, il tuo amore, non mi far vivere più ingrato all’affetto che mi hai portato. lo ti voglio sempre amare. Dammi la santa perseveranza.
O Maria, Madre di Dio e Madre mia, impetrami tu dal tuo Figlio la grazia di amarlo sempre, sino alla morte.

3 Gloria al Padre…
Gesù Bambino, abbi pietà di noi.

FONTE: Sant’Alfonso M. de Liguori