domenica 31 dicembre 2017

I 'Guerrieri del Rosario' proseguono nell'Operazione 'Assalto al Cielo' col Cardinale Burke. 1° gennaio 2018

Continuiamo a tener viva questa esperienza forte di preghiera che ci vede uniti già da due anni. E intensifichiamola, soprattutto in relazione alle vicende che vedono il nostro Cardinale impegnato a riaffermare con parresìa l'insegnamento costante della Chiesa. Ricordando Padre Pio: « Il Santo Rosario è l'arma per questi tempi ». 
Chi è interessato può consultare i precedenti a partire da qui.

Domani, lunedì 1° gennaio, come il primo giorno di ogni mese, Sua Eminenza il Cardinale Raymond Leo Burke celebrerà la Santa Messa alle ore 7:00am a Roma, presso la sua Cappella privata, e, dopo, pregherà il Santo Rosario per 'prendere d'assalto il Cielo' con la Preghiera. 

Ricordiamo a tutti voi, compagni Guerrieri del Rosario che ci uniremo dai quattro angoli della terra per elevare insieme la nostra voce al Cielo. Gli oltre 101.000 Guerrieri del rosario reciteranno il Santo Rosario e prenderanno d'assalto il Cielo con la Preghiera, in unione alla Santa Messa celebrata dal Cardinale Burke.
Quando direte il vostro Rosario, ricordate di pregare per le intenzioni di tutti i Guerrieri del Rosario, così come loro pregano anche per le vostre.
« Il potere del Rosario è superiore ad ogni descrizione! » affermava l'Arcivescovo Fulton Sheen. Usate dunque questa preghiera potente per prendere d'assalto il Cielo e rivolgere a Dio e alla Benedetta Vergine Maria le seguenti intenzioni:
  • In riparazione dei peccati e delle offese nei confronti del Cuore Immacolato di Maria;
  • Per il Papa, per vescovi, preti e religiosi in tutto il mondo. Che possano crescere nell'amore di Dio e della Sua Santa Chiesa. E che possano avere la forza, la saggezza ed il coraggio per insegnare sempre la Verità, difendere la Fede e condurre le anime alla salvezza eterna;
  • Perché la cultura della vita sconfigga la cultura della morte;
  • Perché tutti coloro che tutelano l'ordine e la giustizia possano essere protetti da San Michele Arcangelo nel compimento dei loro doveri quotidiani;
  • Perché ognuno di noi cresca nella devozione alla Vergine Benedetta e si radichi sempre più nel Sacro Cuore di Gesù;
  • Perché possa essere dissipata ogni confusione dai cuori e dalle menti di tutti gli uomini e possa risplendere in essi la Luce della Verità;
  • Per le nostre famiglie e per l'istituto familiare così sotto attacco nel nostro mondo;
  • Per la conversione di tutti alla vera fede e perché i peccatori cambino vita;
  • Perché si estenda sempre più la schiera delle anime fedeli;
  • Per la nostra amata Nazione e per ogni nazione della terra. Noi italiani preghiamo anche perché l'Italia non venga travolta dal nemico esterno (invasione musulmana + poteri forti) e da quello interno; perché ritrovi la sua unità nel vero Cattolicesimo;
  • Per tutte le intenzioni personali che vengono affidate alla Operation Storm Heaven 'Operazione Assalto al cielo'

8 commenti:

Se c'è da pregare!... ha detto...

La marcia di Ravenna cancella la Santa Messa per portare i fedeli (cattolici) in moschea.

L’iniziata tra il demenziale e il criminale è dell’arcivescovo, tal monsignor Lorenzo Ghizzoni, per la Giornata della pace che si celebra il primo di ogni anno.

“È la prima volta in Italia”, si esalta l’imam l’arcivescovo Ghizzoni. “Abbiamo pensato che in un mondo e in un periodo storico caratterizzato da contrapposizioni e violenza questo fosse il segno più significativo, che invece la collaborazione e l’incontro tra persone di religioni diverse è possibile, e qui a Ravenna è realtà”.

Così, per celebrare la strage islamica di Berlino, arcivescovo e fedeli della sua nuova religione sincretica faranno la tappa alla moschea, la seconda più grande d’Italia. Quella della città dalla quale è partito il 10 per cento degli immigrati islamici andati a combattere dall’Italia in Siria.

Domani pomeriggio, la diocesi pagherà, con i soldi fregati agli italiani con l’8 per mille, i bus per portare i fedeli alla moschea dove si terrà una preghiera.
Per questo verrà annullata la tradizionale Messa di ringraziamento di fine anno, durante la quale viene recitato il Te Deum. Per andare in moschea.
https://voxnews.info/2016/12/30/ravenna-arcivescovo-cancella-messa-per-andare-in-moschea/

Intanto, a Berlino... ha detto...

La decisione di allestire un’area di sicurezza per le donne ha fatto storcere il naso a molti in Germania, anche tra le forze dell’ordine. In un’intervista al quotidiano locale Neue Osnabruecker Zeitung, Rainer Wendt, capo del sindacato di polizia DpolG ha parlato di una misura che «veicola un messaggio disastroso: è come sancire che esistono aree sicure e altre che non lo sono. Una deriva che segnerà la fine della libertà di movimento e di autodeterminazione». A gettare acqua sul fuoco è la portavoce della polizia Valeska Jakubowski. «L’obiettivo è offrire alle donne un posto dove trovare assistenza se si sentono bersaglio di attenzioni indesiderate»

Di fatto, impotenti contro la barbarie delle torme musulmane, non hanno di meglio che ghettizzare le donne...

Marisa ha detto...

Solo i fedeli di Ravenna possono sollevarsi contro questo scempio.

Anonimo ha detto...

Basta! E' ora di passare all'azione.
Altro che aspettare i richiami!

fabriziogiudici ha detto...

Direi che oltretutto c'è una teutonica efficienza nella velocità con cui procedono. Uno avrebbe detto che il passaggio successivo, dopo l'altra volta, sarebbe stato: "ci sono alcune zone insicure, statene alla larga". Invece già ora la normalità sono le zone insicure, e quelle sicure le eccezioni. Se vanno avanti così, le tedesche finiranno con il burka entro il 2020.

Anonimo ha detto...


Ma "l'immagine" della donna occidentale, oggi com'è?

La campionessa di nuoto Federica Pellegrini, su di un noto quotidiano on line, forse il CdS, ha appena detto, a proposito dell'esplodere di tanti casi di molestie contro le donne aspiranti attrici o atlete etc. "Denunciate, non fatevi intimidire". Giusto. Ha anche aggiunto tuttavia, con franchezza politicamente scorretta della quale bisogna darle atto: smettete però, voi ragazze minorenni, di far circolare foto su Istagram che vi mostrano nude. Proprio così! Sembra che su questo Istagram circolino spontaneamente ad abundantiam foto di questo tipo! Di certo, non solo in Italia. E le "orde" di maschi maomettani, non sono a conoscenza di questo fenomeno? Con l'idea già sbagliata che hanno della donna, che idea volete che si facciano delle ragazze occidentali? Improntata al rispetto e alle buone maniere?
Il problema della corruzione dei costumi imperversante fra le donne attuali però esiste, le donne sembrano compiacersi di questa loro immagine ormai sempre lasciva, trasgressiva, triviale... Tant'`e vero che un intervento come quello della Pellegrini colpisce per il suo coraggio e anticonformismo.
Non si raccoglie forse ciò che si semina? E' dalla riforma dei costumi che bisogna partire, altrimenti la situazione non farà altro che peggiorare. Qui pesa enormemente l'assenza della Chiesa cattolica odierna, per le note ragioni...Un'assenza che sta anzi diventando complicità con l'Avversario.
Z.

Da quando ho saputo ha detto...

Che la Messa del Cardinale non è NECESSARIAMENTE il V.O., partecipo pure all'iniziativa, ma senza l'entusiasmo di prima.

irina ha detto...

Sulle Messe la confusione avanza, almeno per me.Ieri ho assistito ad una messa in latino durante la quale non ho finito di interrogarmi se fosse VO o una terza, quarta, quinta...millesima via.
Anche la Messa VO è diventato un happening, vai e non sai quello che trovi. Capisco che alla fine sarà un qualche 'fai da te' domestico. Quelli che contribuiscono attivamente a dinamizzare il polverone nel quale ci troviamo, ricordino che devono e dovranno rendere conto solo a NSGC. Auguri.