mercoledì 12 ottobre 2022

Card. Müller, Sinodo sulla sinodalità: conquista ostile della Chiesa di Cristo.

Nuove dichiarazioni del card. Müller sul Sinodo sulla sinodalità riprese da Lifesitenews. Qui l'indice dei precedenti.

Il cardinale Gerhard Müller ha attaccato il Sinodo sulla sinodalità con alcuni dei suoi commenti più forti sulla gestione della Chiesa cattolica sotto Papa Francesco, descrivendo il processo sinodale come una “conquista ostile” della Chiesa che minaccia di “porre fine” al cattolicesimo.

In un’intervista esplosiva giovedì su EWTN’s The World Over, l’ex capo del più alto ufficio dottrinale del Vaticano [la Congregazione per la Dottrina della Fede] ha condannato le idee eterodosse espresse dalle gerarchie più autorevoli del Sinodo e nelle relazioni sinodali e ha criticato l’attenzione dell’iniziativa per l'”auto-rivelazione” in contrapposizione alla fede cattolica.

“Si tratta di un sistema di auto-rivelazione ed è l’occupazione della Chiesa cattolica” e “la conquista ostile della Chiesa di Gesù Cristo, che è un pilastro della Verità Rivelata”, ha detto il cardinale Müller al conduttore di EWTN Raymond Arroyo. “Ciò non ha nulla a che fare con Gesù Cristo, con il Dio Uno e Trino. Pensano che la dottrina sia unicamente come il programma di un partito politico che può cambiarlo in base ai suoi elettori”.

Il Sinodo sulla sinodalità, lanciato da Papa Francesco nel 2021, è un processo pluriennale che prevede la raccolta di opinioni di laici cattolici – e anche di non cattolici – in ogni diocesi del mondo in vista del Sinodo dei vescovi che si terrà a Roma il prossimo ottobre. Papa Francesco ha descritto l’obiettivo del Sinodo come la creazione di “una Chiesa diversa” e gli alti funzionari sinodali hanno indicato che potrebbe portare a cambiamenti nella dottrina e nelle gerarchie autorevoli della Chiesa.

Il relatore generale del Sinodo, il cardinale Jean-Claude Hollerich, all’inizio di quest’anno, ha suscitato indignazione e accuse di eresia per aver affermato che l’insegnamento cattolico sulla peccaminosità degli atti omosessuali non è “più corretto” e necessita di una “revisione”. Anche le relazioni sinodali nazionali di molti Paesi occidentali hanno evidenziato richieste di cambiamento dottrinale, anche sull’omosessualità e sull’ordinazione delle donne, e il sito web ufficiale del Vaticano per il Sinodo ha ripetutamente provocato l'indignazione dei cattolici promuovendo relazioni omosessuali e gruppi di attivisti dissidenti.

Alla domanda se il Sinodo sulla sinodalità si stia configurando come “un tentativo di distruggere la Chiesa”, il cardinale Müller ha risposto con decisione: “Sì, se ci riusciranno, ma sarà la fine della Chiesa cattolica”.

Ha paragonato lo stato del processo sinodale all’eresia dell’arianesimo e al “metodo marxista di creare la verità”, insistendo sul fatto che i cattolici “devono resistere”.

“È come la vecchia eresia dell’arianesimo, quando Ario pensava secondo le sue idee cosa Dio può o non può fare”, ha detto il cardinale. “L’intelletto umano vuole decidere cosa è vero e cosa è sbagliato”.

Chi conduce il Sinodo sta “sognando un’altra chiesa [che] non ha nulla a che fare con la fede cattolica” ed è “assolutamente in contraddizione”, ha sbottato il cardinale Müller. “Vogliono abusare di questo processo non solo per spostare la Chiesa cattolica in un’altra direzione, ma per la distruzione della Chiesa cattolica”.

“Nessuno può fare un rivolgimento assoluto e sostituire la dottrina rivelata della Chiesa”, ha sottolineato, “ma loro hanno queste strane idee”, come quella che “la dottrina è solo una teoria di qualche teologo”.

Non è affatto così, ha sottolineato il prelato tedesco:
La dottrina degli apostoli è un riflesso e una manifestazione della rivelazione della Parola di Dio. Dobbiamo ascoltare la Parola di Dio, ma nell’autorità della Sacra Bibbia, della Tradizione apostolica e del Magistero, e tutti i concili precedenti hanno detto che non è possibile sostituire la Rivelazione data una volta e per sempre in Gesù Cristo con un’altra rivelazione.
Rispondendo a una recente immagine pubblicata dall’account Facebook del Sinodo, in cui comparivano un sacerdote donna e immagini di “orgoglio” LGBT, il cardinale Müller ha detto: “Penso che ci sia il desiderio di impadronirsi di un potere che non esiste. Vogliono essere più intelligenti di Dio stesso”.

Ha anche convenuto che il Sinodo sulla sinodalità è un tentativo di creare un Terzo Concilio Vaticano non ufficiale. “È davvero sorprendente che sia permesso sotto l’autorità e in questo contesto del Vaticano”, ha detto, “e che si dia l’impressione che ciò sia davvero possibile, che la Chiesa con il Papa o con questo segretario generale del Sinodo, siano autorizzati ad essere l’uditorio dello Spirito Santo. E lo Spirito Santo è solo funzionale per loro, è solo strumentalizzato”.

“Questo non ha nulla a che fare con lo Spirito Santo… che si rivela nella Santa Trinità”, ha continuato il cardinale Müller. “Questo è un modo per minare la fede cattolica e la Chiesa cattolica”.

Come è possibile che il cardinale Grech sia più intelligente di Gesù?

Il cardinale Müller ha riservato alcuni dei suoi commenti più duri al cardinale Mario Grech, il segretario generale del Sinodo dei vescovi, il cui ufficio è responsabile della sintesi delle relazioni sinodali presentate al Vaticano da tutto il mondo.

Grech, che è ampiamente visto come un possibile papabile, il mese scorso ha affermato che il Sinodo potrebbe introdurre cambiamenti radicali nell’insegnamento cattolico sul matrimonio e la sessualità e ha detto che “questioni complicate” come dare la Comunione ai divorziati e risposati e “benedire” le relazioni omosessuali “non devono essere comprese semplicemente in termini di dottrina”.

“Cosa deve temere la Chiesa se a questi due gruppi di fedeli viene data la possibilità di esprimere il loro intimo senso delle realtà spirituali che sperimentano?” ha detto Grech in una presentazione a più di 200 vescovi statunitensi e altri leader cattolici, ponendo l'interrogativo: “Potrebbe essere un’opportunità per la Chiesa di ascoltare lo Spirito Santo che parla anche attraverso di loro?”.

Il cardinale Müller ha definito i commenti di Grech “assolutamente contrari alla dottrina cattolica” e li ha paragonati al protestantesimo e all’eresia del modernismo:
Ecco un’ermeneutica del vecchio protestantesimo culturale e del modernismo, secondo cui l’esperienza individuale ha lo stesso livello della Rivelazione oggettiva di Dio. E Dio è solo un muro per voi, [sul quale] potete proiettare le vostre idee, e fare un certo populismo nella Chiesa; e sicuramente tutti coloro che, al di fuori della Chiesa, vogliono distruggere la Chiesa cattolica e i suoi fondamenti, sono molto contenti di queste dichiarazioni. Ma è ovvio che è assolutamente contrario alla dottrina cattolica. Abbiamo la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo. Ed è definitivamente chiusa e conclusa in Gesù Cristo. … Questo è assolutamente chiaro: che Gesù ha parlato dell’indissolubilità del matrimonio.
“Come è possibile che il cardinale Grech sia più intelligente di Gesù Cristo?”, ha chiesto il cardinale Müller, domandandosi da dove Grech tragga “la sua autorità per relativizzare la Parola di Dio”.

Ha anche rimproverato la recente affermazione di Grech secondo cui il Sinodo sulla sinodalità è in grado di “aprire scenari” nemmeno “immaginati” dal Concilio Vaticano II.

“Chiunque abbia studiato il primo semestre di teologia sa che la Chiesa e le sue autorità non hanno il potere di cambiare la Rivelazione”, ha replicato il cardinale Müller.

Ha aggiunto che Grech, inoltre, non è nemmeno “un teologo riconosciuto” e “non ha nessuna  competenza accademica in teologia”.

“Come fa a presentare una nuova ermeneutica della fede cattolica, solo nella veste di segretario di un Sinodo che non ha alcuna autorità sulla dottrina della Chiesa?”. Ha chiesto il cardinale Müller.

“Tutti questi sinodi dei vescovi e il processo sinodale non hanno alcuna autorità, in alcun modo autorità magisteriale”.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

"La suprema autorità della Chiesa, cioè il Papa, come insegna il Concilio Vaticano I e come ribadisce il Catechismo, è colui che è in grado di dare un insegnamento infallibile, ovvero di definire una dottrina come rivelata da Dio, contenuta nel deposito della Fede, insegnata da Gesù Cristo e dagli Apostoli. Questa infallibilità si esercita ogni qual volta il Papa insegni una verità di fede (o condanna l’errore opposto) con la volontà di imporre a ogni cristiano di aderirvi e credervi: in tal caso lo Spirito santo agisce come una barriera che blocca ogni errore (non come una sorta di ispirazione che suggerisce la verità). In un atto magisteriale del Papa si può quindi sempre supporre l’uso di tale autorità, a meno che egli non lo escluda: essendo infatti l’atto magisteriale un atto volontario, il Papa dovrà volerlo porre: altrimenti parlerà come dottore privato, secondo la nota e classica distinzione.

Si considera che tale autorità possa svolgersi esercitarsi dal Papa solo o dal Papa che unisce a sé il corpo dei Vescovi per un atto comune. Beninteso il soggetto dell’azione sarà sempre il Papa, cambierà solo la modalità d’azione. Il Papa potrà agire insieme ai Vescovi poi in due modi: o mentre il corpo episcopale è disperso nelle varie sedi del mondo, nell’insegnamento quotidiano delle verità comuni della fede e del catechismo (Magistero ordinario universale); o mentre il corpo dei Vescovi è riunito da lui nel Concilio ecumenico, in particolare per definire le verità messe in dubbio dagli eretici e condannare gli errori.

In questo senso Vaticano II è stato un Concilio diverso dagli altri. Non ha voluto usare del supremo potere di Magistero, dell’infallibilità, nemmeno per promulgare leggi universali in senso classico (anch’esse sono considerate infallibili, cioè conformi a fede e morale).
Che cosa ci permette di affermarlo, andando contro la presunzione di diritto che vuole che un insegnamento conciliare sia dotato di infallibilità? L’unico interprete del Magistero, il Papa, ha voluto così.
Già Giovanni XXIII nel discorso di apertura del Concilio, Gaudet Mater Ecclesia (11 ottobre 1962), ha spiegato che questo non sarebbe stato un Concilio come gli altri, ma che avrebbe agito diversamente: sarebbe stato «un Magistero, il cui carattere è preminentemente pastorale»; senza lo scopo della «discussione di questo o di quel tema della dottrina fondamentale della Chiesa», che il Papa supponeva scontato; né il Concilio intende formulare condanne: semplicemente riproporre la dottrina «in modo che risponda alle esigenze della nostra epoca»."
Don Mauro Tranquillo.

Anonimo ha detto...

QUESTA E' LA VERA UMILTA'...

...Non chiediamo lode, non vogliamo “farci vedere”, non è per noi criterio decisivo pensare a che cosa diranno di noi sui giornali o altrove, ma che cosa dice Dio. Questa è la vera umiltà: non apparire davanti agli uomini, ma stare sotto lo sguardo di Dio e lavorare con umiltà per Dio e così realmente servire anche l’umanità e gli uomini...

Benedetto XVI - dalla "Lectio Divina del 10 marzo 2011" -

Anonimo ha detto...

«Quando si abbandona la Madre, non si capisce più il Figlio. Non è forse ciò che è accaduto alle nazioni protestanti? Per avere, sotto pretesto di non derogare alla dignità di un mediatore unico, respinta la devozione a Maria, non hanno esse finito col perdere la stessa fede nella divinità di Cristo stesso? Se Gesù Cristo è il nostro salvatore, il nostro mediatore, il nostro fratello maggiore, perché ha rivestito la natura umana; come amarlo veramente, come rassomigliargli perfettamente, senza avere per Colei, dalla quale egli ebbe precisamente questa natura umana, una devozione particolare?»
[Estratto da Cristo vita dell'anima, dell'Abate C. Marmion]

Contro il lassismo della sinodalità ha detto...

L'EUCARESTIA NON E' UNA COSA. E' UNA PERSONA
“l’Eucaristia non è una cosa, ma una persona”, proseguendo con il monito di San Paolo a “non mangiare la propria condanna”. Per poter ricevere l’Eucaristia è necessario avere la coscienza pulita. Per avere la coscienza pulita occorre avere ricevuto il perdono. Per ricevere il perdono, bisogna essere disposti ad accoglierlo. Si è disposti ad accoglierlo se si vuole convertirsi, guarire dal peccato. Allora: “Se ho un motivo per non guarire, non posso godere dell’efficacia della misericordia di Dio. Ovvero: non accetto di essere perdonato, perché preferisco restare nella mia situazione”. Qui ha detto il card. De Paolis: “Ammettere ai sacramenti senza un rinnovamento interiore significa che tali sacramenti non sono cristiani. Si riducono a riti esterni che non valgono nulla”.
CARD. VELASIO DE PAOLIS