lunedì 3 febbraio 2020

Dispaccio frammassonico

Mi sono infiltrato al convegno “Madre Terra, il futuro dell’uomo”, organizzato dal Goi Fvg – Grande Oriente d’Italia, collegio circoscrizionale del Friuli Venezia Giulia.
I numeri: quattro relatori, un moderatore, due o trecento uditori e Stefano Bisi, gran maestro (così si fa chiamare) del Goi nazionale.
Clicca sulle immagini per ingrandire
Sono emersi i seguenti dati: 
  1. Era presente anche il Coro dell’Università di Trieste. Quaranta elementi. Conclusione: i giovani disertano le chiese e vanno a gonfiare le fila della massoneria. 
  2. Nel Friuli Venezia Giulia ci sono 15 logge massoniche, per circa 400 iscritti. Solo a Trieste abbiamo 7 logge. 
  3. Al centro del convegno la Madre Terra, ovviamente, in perfetto stile papafrancescano e pachamamano.
  4. La buona Madre Terra è massacrata dall’uomo cattivo (sempre in perfetto stile papafrancescano e pachamamano). E, dunque, in salsa malthusiana, «stiamo diventando una specie biologica infestante, da cui il pianeta prima o poi troverà il modo di difendersi». A buon intenditor… 
  5. Noia stellare: gli “scienziati” hanno snocciolato diagrammi per due ore, allo scopo di convincere l’assemblea sul pericolo del riscaldamento globale dovuto a CO2. 
  6. Soluzione geniale: la rivoluzione dei piccoli gesti. Che tradotto significa: è colpa nostra se la Madre Terra va a puttane.
  7. No, cari frammassoni, siete voi che comandate. Se la Madre Terra va a puttane la colpa è dei due grandi poteri oscurantisti che sostenete da secoli: rivoluzione e ignoranza.
Silvio Brachetta

25 commenti:

Anonimo ha detto...

MASSONERIA IN VENETO
Dallo studio che sto facendo per preparare la Conferenza sulla Massoneria che si terrà prossimamente a Schio (data non ancora definita) posso intanto comunicare questo dato, per incuriosire: in Veneto sono presenti tutte e 3 le principali obbedienze massoniche che contano sul territorio regionale 19 Logge del "Grande Oriente d'Italia", 12 Logge della Gran Loggia d'Italia, 3 Logge della Gran Loggia Regolare d'Italia.
Sono in mezzo a noi e la gente non ne sa nulla....
Davide Lovat su Fb

Anonimo ha detto...

LA CHIESA CHE SI VERGOGNA DI SE STESSA E SI SCUSA

“Ci scusiamo e ci assumiamo la responsabilità di aver rilasciato una dichiarazione la scorsa settimana [il matrimonio è solo per coppie eterosessuali], che riconosciamo aver messo a repentaglio la fiducia. Siamo molto dispiaciuti e riconosciamo la divisione e il dolore che questo ha causato”. Così gli arcivescovi di Canterbury e York, anche a nome di tutti i vescovi della Chiesa d’Inghilterra, nel loro comunicato.

Da La Verità ha detto...

Macché effetto Greta: la mania dell'Ue per il clima è frutto di 2.400 meeting con gruppi di pressione ecologisti. Stesso copione su banche, austerità, telefonia e Dieselgate.

L'esperto: «Situazione fuori controllo: ben 6 portatori d'interessi su 10 aggirano le regole di trasparenza».

Nella capitale delle istituzioni comunitarie, le multinazionali sono assiepate attorno ai palazzi dei burocrati Per nazione, i campioni d'investimento sono Belgio, Germania e Regno Unito. L'Italia è solamente ottava.

Lo speciale contiene due articoli

Anonimo ha detto...

Che i nemici fossero tra noi e nelle istituzioni, pur nel vago, lo si sapeva. E' ora bene, molto bene, benissimo mettere sul tavolo i cartellini con i nomi dei diversi gruppi. Questo gruppo, la Massoneria, in particolare si è mischiato, infiltrato, ovunque nelle istituzioni ecclesiali, in quelle statali (mettiamo dentro tutte le sottoclassi e ministeri), nelle istituzioni europee, in quelle straniere ed in quelle internazionali. Come al solito quando la chiesa abbassa la guardia entrano i predatori nell'ovile, così ora. Questa entrata non significa solo che l'avversario è tra noi ma, significa anche che i nostri pensieri, le nostre parole, le nostre opere, le nostre stesse omissioni ne sono state contaminate e noi non siamo più in grado di riconoscere il nemico al suo aprir bocca, perché il suo linguaggio suadente è diventato nostro,così ne veniamo sempre più abbindolati, incantati, drogati. Mettiamoci in testa che siamo intellettualmente drogati veramente, siamo in coma, siamo come quelli che dal coma si ridestano solo con un po' di apparato cerebrale, non possono parlare, non possono muoversi, possono solo piangere mentre intorno a loro i medici stanno discutendo quali e quanti organi vitali espiantargli la mezz'ora dopo. Buona grazia se qualcuno si accorge del loro pianto e non lo ignora ma, allerta gli altri che l'espiantando è uscito dal coma. Non so cosa sarà di noi. Moriremo da espiantati svuotati da tutti gli organi vitali e non, e quello che resta, con alto senso ecologico, lo daranno alle belve dello zoo.

gsimy ha detto...

*Noia stellare: gli “scienziati” hanno snocciolato diagrammi per due ore, allo scopo di convincere l’assemblea sul pericolo del riscaldamento globale dovuto a CO2.*

i grafici che ti hanno annoiato sono spesso il risultato dell'analisi di una mole di dati molto grande, e sono il metodo più efficace per mostrare e spiegare ai non addetti ai lavori andamenti, relazioni, correlazioni, proiezioni. in che altro modo avrebbero dovuto esporre la questione?
per il resto due ore di sicuro riescono solo a illustrare solo la parte di un problema complesso quale il cambiamento climatico

Anonimo ha detto...

Sarebbe interessante chiedere chi ha autorizzato la partecipazione del coro Units. Il Rettore ? È una iniziativa del direttore del coro? Si per cetto che i coristi (in massima parte studenti) non sapevano che il convegno era organizzato dai massoni !

Anonimo ha detto...

A Spotorno, piccolo paesello di soli 4.000 in provincia di Savona, c'è una loggia massonica. A Biella, 48.000 residenti, 4 logge massoniche.i numeri del Friuli Venezia Giulia non sono poi così spaventosi.
Alessandro Mirabelli

RR ha detto...

Gsimy,
il bravo relatore sa intrattenere anche mostrando grafici e tabelle. E non va avanti per due ore, perché sa che dopo 30 min, negli adulti, l’attenzione si riduce almeno del 50%.
In realtà bastano tre o quattro grafici per dimostrare che il cosiddetto climate change è una bufala colossale. Perché il clima di un pianeta giovane come il nostro e con un’atmosfera è in continua evoluziome e cambiamenti da sempre, perché l’uomo poco ci può fare, perché è dimostrato che tutto ‘sto parlare di global warming prima, di climate change poi è solo un mezzo per far quattrini da parte di lobbies, industrie e professori universitari ben ammanigliati col potere.

Anonimo ha detto...

DA NON PERDERE

https://www.youtube.com/watch?v=LRjmPHQDkDM

#TgTalk 50 ARRIVANO LE CONTRO-SARDINE DELLE PARTITE IVA

gsimy ha detto...

@RR

all'università ho fatto un corso sui cambiamenti climatici dura almeno 30 ore, e i professori ammettono che sono troppe poche vista l'ampiezza dall'argomento
per il resto la CO2 in poco più di due secoli è passata da 280 a 410+ ppm grazie al consumo di combustibili fossili, cosa che da dati paleoclimatici sappiamo non essere così da almeno 400mila anni (e probabilmente anche da più tempo) con un'aumento incredibilmente veloce che non si era mai visto

Anonimo ha detto...

@ RR/gsimy

"Dopo aver screditato le virtù, questo secolo è riuscito a screditare anche i vizi. Le perversioni sono diventate parchi suburbani frequentati in famiglia dalle moltitudini domenicali."(Nicolàs Gòmez Dàvila, In margine ad un testo implicito, p.23, Adelphi, 2005)

Già parlammo di odori e/o puzze in riferimento ad un vita santa e/o bruciata. Certamente le perversioni dell'uomo aggiornato hanno aumentato e non diminuito le emissioni di CO2 che non viene coperta dai fiumi dei profumi che indossiamo, nè dalle rapide cremazioni dei cari estinti. Solo noi in Italia abbiamo ammazzato sei milioni di bambini nel grembo della madre, da questi omicidi non si è certo levato un soffio di aria salubre. Non ho studiato scienze se non al liceo, certamente un bassissimo livello morale, quale è quello in cui viviamo, non giova al Creato. I santi purificano l'aria loro intorno, non solo con la preghiera ed il loro esempio ma, con la santificazione del loro stesso corpo che, dopo la morte spesso rimane incorrotto per secoli. Personalmente credo solo alla santità umana come soluzione unica di tutti i problemi nati dalle nostre vite viziose. Il resto, a mio modo di vedere, son tutti diversivi per non dire a noi stessi la Verità.

Anonimo ha detto...

SEMBRA Proprio che la Regione a più alta "densità" massonica sia la Calabria.

RR ha detto...

Grimy,
chi misurava la CO2 più di due secoli fa, in piena era napoleonica?
I dati paleoclimatici di 400.000 anni fa ?
Ma lo sa quanta CO2 butta fuori un grande vulcano che erutta, o peggio esploda, per giorni, v. Il famoso Krakatoa ?
Ma lo sa che la stragrande maggioranza di questi cosiddetti studi sul clima non sono altro che elaborazioni informatiche di algoritmi creati sulla base di pochi dati sperimentali ?
E non lo dico io, ma decine e decine di scienziati, che NON hanno fatto un corso di 30 ore (due ore al giorno x 20 gg, ma sarà un corso serio !).
Ma si rende conto ?

Un Cattolico dovrebbe credere solo ai dogmi della Chiesa, non ai pseudo dogmi della scienza...

Rr ha detto...

.Correzione: due ore x 15 gg=30 ore

fabrizio giudici ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
fabrizio giudici ha detto...

@gsimy

I grafici sulle temperature dicono che ci sono stati periodi in cui, detta sbrigativamente, faceva caldo come oggi. Eppure la CO2 non era così alta. Poi immagino che nelle 30 ore di corso le abbiano fatto vedere i diagrammi in cui sono tracciate tutte le previsioni di aumento della temperatura dei modelli basati sulla CO2 confrontate con l'andamento reale della temperatura. Detto in altri termini: visto che i modelli ormai sono stati formulati da un certo numero di anni, avrebbero già dovuto prevedere l'andamento p.es. negli ultimi dieci. E invece nessuno ci ha preso. Questo si può illustrare in 20 minuti ed è sufficiente a capire che tutta la scienza climatica sull'aumento della temperatura è acerba, non è in grado di fare previsioni, richiede ancora molti anni perché lo sia (in sintesi: non è "settled science") e dunque non solo è assurdo il convegno dei massoni, ma pure un corso da 30 ore per studenti universitari. Parlarne per ore serve solo a creare cortine fumogene.

Silvio Brachetta ha detto...

Sì, è come dice Fabrizio Giudici.
Il problema non è se la CO2 sia aumentata o se ci sia il riscaldamento globale: sono dati di fatto.
Quello che non è dimostrato – e la massoneria contribuisce, in questo caso, a sostenere – è che vi sia una relazione tra inquinamento e riscaldamento.

Anonimo ha detto...

A proposito di massoneria in Piemonte ... le piu alte concentrazioni, a parte Torino, si trovano a Biella e a Pinerolo, piccole città grandi si e no quanto un mezzo quartiere di Roma. A Biella all'inizio degli anni '90 indagò il procuratore di Palmi (Cordova) e scoprì che i primariati nell'ospedale cittadino non venivano spartiti in base alla tessera politica quanto il discrimimne era dato dal fatto se un candidato era un grembiulino oppure no. Va da sè che chi non lo era era tagliato furori, fosse stato anche un premio Nobel per la medicina.
Alessandro Mirabelli

Anonimo ha detto...

La 7 è il covo dei dipendenti dei massoni. Politiche e verità "tutto a modo loro".

Catholicus.2 ha detto...

https://www.ilgiornale.it/news/mondo/massoneria-spagnola-ringrazia-papa-dialogo-religioni-1626309.html

La massoneria spagnola ringrazia il papa per il dialogo tra le religioni

Anonimo ha detto...

"La massoneria spagnola ringrazia il papa per il dialogo tra le religioni"

Anche gli Islamici ringraziano!
Nel libro che sto leggendo da tempo di Jacob Taubes, ( La Teologia Politica di San Paolo) vi è un breve accenno ai liberal ebraici. Da qui ho capito con più chiarezza che evidentemente tutte le religioni monoteiste o forse tutte non so, hanno un livello liberal ed è per questo che tutte le religioni hanno un livello Tradizionale ed anche fondamentalista. Ora mi è venuto il sospetto che il livello liberal nei fatti sia, senza darlo a conoscere, il livello massonico.

Anonimo ha detto...

OT
Una volta l'Italia era un Paese arretrato e bigotto, il festival di Sanremo ne era una fedele rappresentazione, infatti, vi venivano invitati cantanti mediocri come Louis Armstrong, Wilson Pickett, Lucio Battisti, Mia Martini, Fausto Leali, che chiamavano "il negro bianco"..., immagino che non li abbiate mai sentiti nominare. Non fregava a nessuno quali fossero le idee politiche degli artisti e degli ospiti che vi partecipavano, contava solo il talento, nessuno voleva scandalizzare e provocare i cosiddetti benpensanti, a Sanremo si doveva dimostrare di saper suonare e cantare, contava solo la musica. I cantanti si presentavano in giacca e cravatta, Battisti era un po' eccentrico e si mise il foulard, per cantare "Un'avventura", una canzone sfigata che presto venne dimenticata da tutti. Insomma, un evento scadente, ma, ve l'ho detto, eravamo un Paese culturalmente arretrato, prigioniero di tanti pregiudizi, di più non potevamo offrire o pretendere. Però, poi, l'Italia si è modernizzata ed emancipata, si è liberata di tanti tabù, così Sanremo ha fatto il salto di qualità, oggi il festival è soprattutto un'occasione per discutere di questioni serie ed il livello qualitativo delle canzoni in gara si è alzato notevolmente. Certo, siamo rimasti un Paese razzistello, sotto sotto pure fascistello, abbiamo ancora qualche problema con la lingua inglese, evadiamo le tasse, qualcuno scrive ancora "Patria" con la "p" maiuscola..., ci vorrà ancora un po' di tempo per risolvere tutti questi problemi, ma siamo ben avviati sulla strada che porta alla civiltà. Indietro non si torna. Sono finiti i tempi in cui un artista americano sconosciuto, di bassa qualità, saliva sul parco e cantava "Deborah". Poi, ci sono quelli che vanno su Facebook e scrivono che il festival è stato penoso, si lamentano che devono pagare il canone per Fabio Fazio... Non li ascoltate, sono i populisti, a quella gente non va bene mai niente, sono rimasti ai tempi di "Finché la barca va", sono tutti fascistoni, pure falsi, perché dicono di rimpiangere Orietta Berti e le gemelle Kessler, ma, in realtà, rimpiangono Mussolini. Dipendesse da loro, saremmo ancora in camicia nera o vivremmo nell'Italietta, quando ogni italiano aveva un posto di lavoro stabile, riusciva ad acquistarsi una casa, aveva una pensione che gli permetteva di vivere la vecchiaia dignitosamente, ma poi, quando andavi all'estero, alla frontiera perdevi cinque minuti per mostrare il passaporto (io ricordo uno che, addirittura, venne trattenuto dai doganieri ben otto minuti). Fortunatamente, non siamo più quel Paese rozzo, incolto e troglodita di trenta o quarant'anni fa. Non abbiamo più l'anello al naso (no, quello molti lo portano, ma è un modo di dire, intendevo in senso figurato, non mi prendete sempre alla lettera, un po' di elasticità mentale, per favore). Sanremo, oggi, è il suggello ed il simbolo d'un Paese finalmente moderno, europeo, d'una società aperta, multiculturale, multietnica... e non mi ricordo più come si dice in questi casi. Comunque, in sintesi, noi possiamo solo essere orgogliosi di ciò che abbiamo fatto in Italia in quest'ultimo trentennio. Mai più uno come Lucio Battisti a Sanremo. Mai più.
(dalla pagina di Mauro Ammirati)

Josh ha detto...

https://www.maurizioblondet.it/lordine-di-cancellazione/

Anonimo ha detto...

Martino Mora:
Al ballo delle debuttanti di Vienna, quest'anno per la prima volta parteciperà una coppia di lesbiche. Una delle due vestita in frac.
Siamo nella IV Rivoluzione e ci siamo dentro fino al collo. . .

Anonimo ha detto...

https://voxnews.info/2019/11/19/volontaria-confessa-profughi-ci-odiano-complottano-per-islamizzarci/