sabato 21 luglio 2012

Santa Sede - FSSPX . In attesa di notizie ufficiali e del nuovo incanalarsi della vicenda

Purtroppo ancora una volta circolano informazioni sulle recenti vicende Santa Sede - FSSPX in seguito alla solita "fuga di notizie" cui si è prestato TradiNews.

Come ha già fatto Rorate Caeli scegliamo anche noi la linea della discrezione, che romperemo soltanto - sperando che non accada - se le solite voci non amiche, ma fortemente avverse dovessero levarsi dal web o altrove e la questione non diventi di dominio pubblico. Nel qual caso la nostra traduzione e conseguente analisi è già pronta.

Continuiamo ad attendere pregando e, soprattutto, sperando che sia finalmente il Santo Padre a dire la sua parola conclusiva e risolutoria su questa dolorosa vicenda, chiudendo una buona volta le gole minacciose dei lupi che tentano di soffocare, insieme alla Fraternità, tutta la Tradizione!

74 commenti:

Anonimo ha detto...

Ottima scelta: informare e non chiacchierare.
Però....però...
"...sperando che sia finalmente il Santo Padre a dire la sua parola conclusiva e risolutoria su questa dolorosa vicenda, chiudendo una buona volta le gole minacciose dei lupi che tentano di soffocare, insieme alla Fraternità, tutta la Tradizione!"

Se lo lasciano operare, se vuole operare. Chissà...
I lupi si vestono da agnelli.

don Camillo ha detto...

Pozzo non c'è più, Levada idem. Tutto è cambiato perché il Papa così ha deciso. Questa cronachetta dei retroscena è utile per la SPX per ricompattare ma è dannosa se resa pubblica perché da modo ai nemici di avvelenare ancora più gli animi.

Amicus ha detto...

Intanto 'Radio Cristiandad', che sembra essere all'origine di questa ennesima fuga di notizie ripresa da 'Tradinews', riporta oggi un passaggio di un'intervista di Muller rilasciata sabato scorso ad un giornale tedesco:
" El jefe de la Congregación para la Doctrina de la Fe monseñor Gerhard Ludwig Müller, ha dicho que el Concilio Vaticano II es obligatorio para un posible acuerdo con la ultra-conservadora Fraternidad San Pío X . Las declaraciones del Concilio relativa a la libertad de religión, el judaísmo y los derechos humanos “tenían implicaciones dogmáticas”, le dijo al “Sueddeutsche Zeitung” (este sábado). “No se puede rechazar, sin comprometer la fe católica”.

Se ho capito bene - ma sarebbe auspicabile la conferma di qualcuno che conosca bene lo spagnolo - si potrebbe tradurre come segue:
"Il capo della Congregazione per la Dottrina della Fede Mons. Gerhard Ludwig Müller, ha detto che il Concilio Vaticano II è obbligatorio per un eventuale accordo con l'ultra-conservatrice Fraternità San Pio X. Le dichiarazioni del Concilio relative alla libertà di religione, all'ebraismo e ai diritti umani "avevano implicazioni dogmatiche", ha detto alla "Sueddeutsche Zeitung" (questo sabato). "Non si possono rifiutare, senza compromettere la fede cattolica". "
Dunque, le 'novità conciliari', già condannate in anticipo dal Magistero 'preconciliare', diverrebbero ora per Muller verità di Fede, o comunque direttamente connesse alla Fede...
Siamo all'abominio della desolazione posto nel Tempio di Dio, come predetto dal Profeta Daniele?

(Fonte:http://radiocristiandad.wordpress.com)

joseph ha detto...

Pozzo non c'è più? è finito nel...secchio?

Amicus ha detto...

Ho provato a cercare l'intervista di Muller sul sito web del suddetto quotidiano tedesco, senza riuscirci. Non conosco del resto il grado di attendibilità di Radio Cristiandad: sarebbe importante avere notizie più precise su queste dichiarazioni.

mic ha detto...

Da alcune sporadiche esplorazione mi par di capire che Radio Cristiadad, se non è sedevacantista, si colloca di certo in una posizione di estrema intransigenza.
Normalmente non la seguo come fonte; ma quando cita l'intervista di Muller penso possa considerarsi attendibile perché è un documento inequivocabile.

Penso si possa verificare qui

Stefano78 ha detto...

Queste interviste, questi retroscena, queste querelle, e soprattutto i velieni sparsi da quelli che giustamente Bongi definisce i veri "vincitori" di questa situazione di "fermo", sono semplicemente ARIA FRITTA. Diffusa ad arte come strumenti di pressione a questa o quella "ala interna".

Ad esempio, la presunta ntervista del Prefetto CDF qui citata, è semplicemente ASSURDA. Soprattutto perchè IGNORA le basi della "trattativa" poste dallo stesso PAPA nel famoso discorso alla CURIA! Il VII avrebbe implicazioni "dogmatiche" in quelle materie????? Ma dico scherziamo o cosa?

La SPX deve essere astuta. E Monsignor Fellay mostra di esserlo. Spero che mantenga sempre la calma, e non si faccia irretire dai sovversivi che purtroppo sono anche in mezzo a lui, e che insieme a quelli opposti/uguali, sperano di seprare il buon lievito!

Queste condizioni avvalorano la pressione sul PAPA, che non è libero, per qualche motivo, di portare avanti ciò che è stata ed è sua stessa volontà! O si pensa questo, o si pensa ad una schizofrenia patologica del Papa, che prima dice e insegna una cosa, poi le mette in pratica, poi se la rimangia!

Un comportamento del genere è chiaramente espressione di pressioni, se non vogliamo chiamarli ricatti (scismi? Scandali? rivolte?).

Non glielo ordinava mica il medico di voler regolarizzare la SPX, e nemmeno glielo ordinava il medico di riprendere la via della Tradizione perenne, si pur con i metodi controversi che conosciamo!

Se si voleva "normalizzare" la "Tradizione", o "coniliarizzarla", non c'era bisogno di fare quello che ha fatto.
Molto meglio sarebbe stato accelerare sulla "discontinuità"!

Domenicano ha detto...

le condizioni che si paventano su TradiNews sono, mi pare, impossibili da accettare per la Santa Sede.

mic ha detto...

Caro Domenicano, son cose che andrebbero trattate in privato e tra interlocutori che parlano lo stesso linguaggio. In più risolta rapidamente (ammesso che lo si voglia) e non protratte alle calende greche col rischio di affossarle definitivamente.

Ma i cambiamenti di paradigmi intervenuti nella Chiesa sono tali che le difficoltà di trovare un'intesa perfetta sono aumentate e rischiano di aumentare sempre più.

Infatti il problema di fondo è dato dalle diverse categorie di pensiero che sottendono certe affermazioni.

Se continua in questi termini saranno come due parallele che si incontrano mai. La soluzione deve uscire dagli schemi perversi in cui la vicenda si è incuneata ed essere data dal Santo Padre senza interferenza, tanto meno di "fratelli maggiori" e di cosiddetti "custodi della fede" anomali e decisamente modernisti senza rete...

Se il Papa loda e 'manda' ad evangelizzare cani e porci, perché mai non dovrebbe dichiarare che la FSSPX amministra sacramenti validi e può esercitare la sua pastorale, come prelatura in autonomia dai vescovi che la strangolerebbero, continuando a discutere sui punti controversi già noti? Metterebbe la parola fine ad un tormentone che non fa bene a nessuno, tanto meno alle anime.

Qui mi pare che ad ogni svolta escano fuori cavilli nuovi, molti dei quali superabili, altri tali da costituire un muro contro muro invalicabile con i mezzi umani. E questo non si può ammettere in una Chiesa che chiama a predicare gli Imam e le pastore protestanti, dialoga con tutti, ha abolito i dogmi e poi diventa essa stessa il super-dogma insuperabile solo per la Tradizione!!!

Amicus ha detto...

Le parole di Muller sono riportate anche dal sito Kath.net segnalato da Mic (grazie, Mic!), un sito affidabile, e sono sì assurde e contrarie alla verità, ma anche di enorme gravità.
Visto che Muller non è andato da solo al comando della CdF ma è stato il Papa a nominarcelo, dopo questo danno mi aspetterei che almeno gli ordinasse di piantarla di sparare cavolate a ripetizione, che oltretutto, stanno sabotando l'accordo. La colpa non è certo dei siti web, o almeno non tutta: Benedetto XVI intervenga, moderi il suo prossimo futuro neopanzerkardinal dai bollenti spiriti ereticali e chiarisca una volta per tutte cosa vuole fare. Chiedo troppo?

mic ha detto...

In ogni caso questo dialogo indiretto a suon di interviste e di fughe di notizie, di cambiamenti in itinere e quant'altro, è non solo malsano, ma anche poco serio da tutt'e due le parti.

don Camillo ha detto...

Questo stile di Chiesa moderna non ha nel DNA alcuna volontà dogmatica, nè definitoria, come potete credere anzi come potete dare peso a siffatte dichiarazioni privatissime, già del resto di un mantra trito e ritrito?

Rallegriamoci piuttosto ancora per questa Dichiarazione ferma nei principi ma aperta ad un confronto!

Non si risolveranno domani con la regolarizzazione della SPX tutti i problemi della Chiesa.

Quando Dio vorrà farà cadere le squame dagli occhi a tutti!

mic ha detto...

Visto che Muller non è andato da solo al comando della CdF ma è stato il Papa a nominarcelo, dopo questo danno mi aspetterei che almeno gli ordinasse di piantarla di sparare cavolate a ripetizione, che oltretutto, stanno sabotando l'accordo. La colpa non è certo dei siti web, o almeno non tutta: Benedetto XVI intervenga, moderi il suo prossimo futuro neopanzerkardinal dai bollenti spiriti ereticali e chiarisca una volta per tutte cosa vuole fare. Chiedo troppo?

Ce ne accorgeremo presto, nel momento della resa dei conti con la FSSPX!
E sarà la cartina di tornasole anche per noi...

Gederson Falcometa ha detto...

"Tutto è cambiato perché il Papa così ha deciso."

Caro Don Camillo,

Non so se possiamo dire che tutto è cambiato, perchè il preambolo dottrinale fin dall'inizio era ambiguo. Così, la volontà e la intezione di Roma rimase protetta da questa ambiguità. A quanto pare la posizione del vescovo Fellay e la Fraternità San Pio X essendo chiari, hanno costretti Roma per un chiariamento di posizione che ha dissipato ogni ambiguità...

Un saluto dal Brasile

Anonimo ha detto...

Decisione saggia e prudente: rifiutarsi di fare il "lavoro sporco" per chiunque sia...

Domenicano ha detto...

scusatemi lo sfogo, ma io sono sempre più deluso dal Pontefice regnante. E tutto mi è esploso nel cuore con l'approvazione dei riti del CN. Se andate a vedervi le interviste nel suo ufficio di cardinale noterete un bel crocifisso kikiano dietro di lui (o una Vergine). Quando me ne accorsi mi si aprirono improvvisamente gli occhi, come ora: come può egli criticare il Concilio (criticare in senso alto) se proprio nella sua persona fu indicato uno dei più grandi riformatori? Beh, è come chiedere una bistecca al bue.

mic ha detto...

Gira e rigira, Anonimo, si tratta di tornare su punti noti da anni. Sarebbe ora di concludere. C'è chi lo vuole davvero?
In ogni caso smettere di parlarne significa anche smettere di alimentare confusione e malintesi; a meno che non si decida di intervenire, con grande consapevolezza e senso di responsabilità, nei casi in cui s'impone fare chiarezza.

Sailor ha detto...

Bisognerebbe intervenire su MiL dove impazza Simone de Cirene che sta pescando nel torbido con grande ostinazione e ben supportato da altri...

http://blog.messainlatino.it/2012/07/sulla-dichiarazione-della-fsspx-marco.html#comment-form

Anonimo ha detto...

Bisognerebbe intervenire su MiL


Sembra che i tradizionalisti abbiano gettato la spugna o è solo un momento di 'stanca'? In fondo è tempo di vacanze... O forse è perchè sono stufi di farsi insultare?

DANTE PASTORELLI ha detto...

Sbaglio o avevo letto che era meglio non trattar dell'argomento?

mic ha detto...

scusatemi lo sfogo, ma io sono sempre più deluso dal Pontefice regnante. E tutto mi è esploso nel cuore con l'approvazione dei riti del CN. Se andate a vedervi le interviste nel suo ufficio di cardinale noterete un bel crocifisso kikiano dietro di lui (o una Vergine). Quando me ne accorsi mi si aprirono improvvisamente gli occhi, come ora: come può egli criticare il Concilio (criticare in senso alto) se proprio nella sua persona fu indicato uno dei più grandi riformatori? Beh, è come chiedere una bistecca al bue.

Caro Domenicano,
quelle approvazioni sono state "estorte" e non sono andate fino in fondo solo perché, all'ultimo momento il Papa ha Messo un inaspettato stop.
Ne abbiamo parlato qui
e anche qui

e qui

C'è anche dell'altro, ma questo è l'essenziale.

In ogni caso il Papa da un lato riprende, ma dall'altro 'manda' ad evangelizzare e forse non sa COSA evangelizzano costoro!

mic ha detto...

Sbaglio o avevo letto che era meglio non trattar dell'argomento?

Non mi pare che abbiamo approfondito un'acca della fuga di notizie...

Michele ha detto...

Gira da alcuni decenni (in diverse versioni) un testo, circa un piano massonico per la sovversione dall'interno della Chiesa. Non so quale grado di attendibilità darvi, certo è che, si sta verifcando. Al penultimo punto, il 32, si dice: "Dichiarate che TUTTI i dogmi* TRANNE L'INFALLIBILITà PAPALE*, sono solo libere opinioni". Ora, con la nomina dell'attuale Prefetto, se non ci siamo giunti, certamente siamo in una situazione che ci somiglia tanto. Il punto precedente, il 31, parla di lanciare scomuniche (e, non appena possibile, di deferire al "Braccio Secolare"), quanti manterrano la fede tradizionale. Vi sentite di poter escludere tali pericolosi sviluppi? Mettiamoli in preventivo e cerchiamo di, DEO ADJUVANTE, di preparaci anche ad essi.

Anonimo ha detto...

In ogni caso il Papa da un lato riprende, ma dall'altro 'manda' ad evangelizzare e forse non sa COSA evangelizzano costoro!
Se davvero non lo sa, non all'altezza del suo compito. O è complice, o non è compus sui.

mic ha detto...

Non so quale grado di attendibilità darvi, certo è che, si sta verifcando.

ricordo di averlo letto e neppure io so che grado di attendibilità darvi. Sta di fatto che si sta verificando anche il punto dell"Abolizione del Santo Sacrificio". Non era formulato in questi termini; ma il senso era questo... e mi pare che sia il punto dal quale poi tutto si dirama...

Deo adiuvante, andiamo avanti e non lasciamoci intimorire, anche se le difficoltà sono e saranno terribili...

by Tripudio ha detto...

Riesce difficile pensare che la nomina di Müller sia stata voluta e gradita dal Papa.

Se Müller ha guadagnato quella poltrona grazie ad altre "manovrine" sottobanco, allora tutto diventa più facile da decifrare. Sospetto che anche per il suo prececessore e per altri dicasteri si possa fare lo stesso discorso...

In gioco, infatti, non c'è soltanto la FSSPX, ma la liceità di andare avanti senza il Novus Ordo e senza dover incensare acriticamente il Concilio. Lo si deduce infatti dal "trattamento" riservato all'IBP, una persecuzione che continua ancor oggi.

La guerra intraecclesiale in corso da mezzo secolo è centrata infatti sulla liturgia.

Anonimo ha detto...

Riesce difficile pensare che la nomina di Müller sia stata voluta e gradita dal Papa.


riesce difficile pensare che il papa abbia dovuto "subire" la nomina dell'uomo di fiducia, curatore della sua "Opera omnia", al quale ha dato il suo appartamento da cardinale con quanto contiene (soprattutto libri e documenti).

joseph su MiL ha detto...

io prima di pronunciarmi aspetterei la pubblicazione delle diverse redazioni del preambolo. La faccenda presenta lati oscuri.

Quanto a mons. Muller mi sembra quanto meno stravagante affermare che i documenti conciliari sulla libertà religiosa o sui rapporti con le religioni non cristiane siano di carattere dogmatico. Se lo sono, questi ed altri meramente pastorali, cosa costa al Papa scrivere un brevissimo documento in cui dogmatizza tutti i testi del Vaticano II? Lo chiese persino Lefebvre, dichiarandosi pronto in tal caso ad accettare totalmente la volontà del S. Padre. La questione sarebbe chiusa per sempre e per tutti.

Inoltre mi sembra che questo nuovo prefetto chiacchieri troppo. Questa smania di visibilità è sospetta, e le valutazioni che esprime in forma privata hanno chiaramente un fine o comunque un esito preciso: mettere in subbuglio la Fraternità. A vantaggio della Chiesa?

mic ha detto...

Inoltre mi sembra che questo nuovo prefetto chiacchieri troppo. Questa smania di visibilità è sospetta, e le valutazioni che esprime in forma privata hanno chiaramente un fine o comunque un esito preciso: mettere in subbuglio la Fraternità. A vantaggio della Chiesa?

Mond. Fellay ha dato prova di grande discernimento ed equilibrio.
Sono convinta che saprà gestire tutti i numerosi "rumors" che investono la Fraternità a raffica, rinviandoli al mittente.
Purtroppo, la stessa cosa non vale per tutti i suoi seguaci. Ma affidiamo tutto al Signore e alla nostra Madre Santa...

Gederson Falcometa ha detto...

"Quanto a mons. Muller mi sembra quanto meno stravagante affermare che i documenti conciliari sulla libertà religiosa o sui rapporti con le religioni non cristiane siano di carattere dogmatico. Se lo sono, questi ed altri meramente pastorali, cosa costa al Papa scrivere un brevissimo documento in cui dogmatizza tutti i testi del Vaticano II? Lo chiese persino Lefebvre, dichiarandosi pronto in tal caso ad accettare totalmente la volontà del S. Padre. La questione sarebbe chiusa per sempre e per tutti".

Caro Joseph,

Primo, ti ringrazio per la informazione di Don Sigaud. Adesso per quanto riguarda il suo commento, me sembra che o problema non sia tanto Müller, ma como Dante sempre ha detto, Mons. Pozzo. Sempra che per lui l'assenso dovuto a ogni documenti conciliare, è l'assenso di fede divina e cattolica o sia un assenso dogmatico.In qualche modo, anche se il Papa fa una lettera dove dogmatizza tutto il Concilio, la questione non viene chiusa per sempre e per tutti. Perchè questo è stato fatto, per esempio, per Pio IX nella Quanta Cura, e il Concilio ha risposto novamente la questione e in senso contrario alla risposta che doveva essere sostenuta come definitiva. I problemi sono troppo complicati e me sembra che l'unica cosa che se può fare, è pregare a Dio chiedendo una soluzione.

Un saluto dal Brasile

Gederson Falcometa ha detto...

Per quanto riguarda Mons. Müller, sembra que lui è o fondatore dell'Institut Papst Benedikt XVI (http://www.institut-papst-benedikt.de). All meno, è quello che se può capire del testo di presentazione del secondo volume delle «Gesammelte Schriften» di Joseph Ratzinger "Bonaventura e la storia della salvezza" dove Papa Benedetto XVI ringrazia Don Müller:

"Al termine di questa prefazione desidero aggiungere al ringraziamento alla professoressa Schlosser anche quello al vescovo di Ratisbona Gerhard Ludwig Müller, che attraverso la fondazione dell'Institut Papst Benedikt XVI. ha reso possibile la pubblicazione di quest'opera e ha seguito, con attiva partecipazione, il processo editoriale dei miei scritti. Ringrazio inoltre i collaboratori dell'Istituto, il professor Rudolf Voderholzer, il dottor Christian Schaller, i signori Franz-Xaver Heibl e Gabriel Weiten. Non da ultimo ringrazio l'editrice Herder, che si è occupata della pubblicazione di questo libro con l'accuratezza che la caratterizza". Bonaventura e la storia della salvezza

Anonimo ha detto...

Buon giorno,
io condivido in pieno il commento apparso su Unavox....
http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV305_Risposta_a_Bongi.html

Simone da Varagine ha detto...

Non so...Mons Muller mi sta ispirando diversi pensieri ultimamente visto le sue strane esternazioni:
1- o è una persona che spara boiate per il solo gusto di farsi vedere. Quindi il tutto sarebbe da ricondurre alla sua personale superbia
2- o con queste uscite, specialmente quella riportata da Amicus, si pone un po' troppo in puzza di grembiulino e compasso.

Però...però...francamente mi pare un momento di stranissime congiunture tra questo "improvviso" quanto "misterioso" nuovo prefetto della CDF e l'inedità curialità e diplomazia della risposta della SPX. Qualcosa non mi torna...penserò male ma c'è una parte del puzzle che ci rimane oscura

joseph ha detto...

Anche più d'uno della Fraternità chiacchiera troppo, e mi riferisco a preti.

DANTE PASTORELLI ha detto...

E' vero, niente è stato approfondito, ma s'è capito bene di cosa si parla ed il tenore di alcuni giudizi.

mic ha detto...

io condivido in pieno il commento apparso su Unavox....
http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV305_Risposta_a_Bongi.html


Io non lo condivido.
E' assolutamente 'definitivo' e non sono d'accordo nel confondere la Chiesa conciliare con tutta la Chiesa.
Anche se il concilio ha creato e continua a creare problemi, la Chiesa è la Chiesa e il distinguo tra Roma e 'romanità' corre il rischio di allontanare sempre di più dalla Chiesa visibile, che avrà le sue pecche, ma è sempre la Chiesa, non ce n'è un'altra e, soprattutto, non è ad Econe. Ed è IN questa Chiesa che siamo chiamati a lottare, a pregare, a vivere, a non arrenderci.

In essa purtroppo è penetrato l'errore, ma non possiamo 'uscire' noi per espellerlo... Sarà il Signore a far maturare gli eventi e a darci il discernimento e la Grazia anche attraverso la Messa di sempre, da custodire e da vivere e da diffondere insieme a tutto ciò che rappresenta, con tutte le nostre forze....

don Camillo ha detto...

Sì troppo amaro, troppo spiccio questo commento, c'è poca visione sovrannaturale.

La risoluzione dipende da "noi" ma dipende soprattutto da colui che è il VIVENTE. Siamo coscienti tutti dell'orrore che viviamo, ma stiamo andando sulla strada giusta "quando il Figlio dell'uomo tornerà, troverà la Fede sulla terra?"... Quando tornerà Cristo riconoscerà i suoi!

Anonimo ha detto...

http://nullapossiamocontrolaverita.blogspot.it/2012/07/lettera-interna-della-fraternita.html#more


quanti danni alla buona causa!

hpoirot ha detto...

é la nomina di Muller (&Co) che ha rotto gli equilibri.

come volevasi dimostrare,
c'é stato un prima e un dopo...

mic ha detto...

Teste di coccio romane e teste di coccio della Fraternità alleate, credono, per il bene. Ma non sanno quello che fanno.
Già l'atto stesso di far filtrare e quello di pubblicare una corrispondenza riservata è riprovevole e ripugna...

Vedremo come andrà a finire.

don Camillo ha detto...

Ma non c'era il giuramento di riservatezza? Anche sua Ecc. Mons. Fellay prenda provvedimenti. Per le teste di coccio... No comment... Poi fanno pure le vittime.

mic ha detto...

é la nomina di Muller (&Co) che ha rotto gli equilibri.

non bastano delle nomine per rompere degli equilibri, che evidentemente non ci sono.

Dove non c'è equilibrio (purtroppo non è riconoscibile in certe performances sia del vaticano che della fraternità) non c'è neanche il Signore...

La dissoluzione riguarda tutti e non certo per il contagio di Roma in casi come questo e come il precedente della lettera dei vescovi!

hpoirot ha detto...

preciso: ha rotto gli equilibri fra Roma e la fraternità (non quelli interni ai due).

sulla lettera di unavox sono d'accordo su un passaggio:

Che Benedetto XVI sia stato ricattato è poco credibile! Benedetto XVI avrebbe ricevuto i tradizionalisti tanto quanto riceve per spirito ecumenico le frange più progressiste come: Rinnovamento dello Spirito o Neocatecumenali, tutti insieme appassionatamente purché si riconosca il Vaticano II....

hpoirot ha detto...

mic é impossible razionalizzare una nomina come quella di Muller ! tutto ma questa nomina proprio adesso é impossible da mandar giù!

la SPX l'ha capita e al di là della fuga deplorevole di notizie credo che abbiano tirato una riga tra prima e dopo questa nomina.

ora la strada é molto in salita ma se la Provvidenza vuole cosi'...

mic ha detto...

preciso: ha rotto gli equilibri fra Roma e la fraternità (non quelli interni ai due).

Tra Roma e la Fraternità l'equilibrio è una costruzione fragile tuttora in divenire. Non si può rompere ciò che ancora non c'è e che si sta (o dovrei dire stava?) faticosamente raggiungendo...

Viceversa non vedo equilibrio in alcuni comportamenti vaticani, così come non ne vedo in questi citati ed in altri della fraternità.

In ogni caso la questione Muller è un grosso punto interrogativo.
Ma questa Chiesa è tutta un grosso punto interrogativo!

Gederson Falcometa ha detto...

"é la nomina di Muller (&Co) che ha rotto gli equilibri".

Caro Hpoirot,

Non so se si può dire che la nomina di Müller cambierà qualcosa. Sembra che il cardinale Levada non ha potuto mettere freno in Mons. Pozzo. Così, dobbiamo vedere nella pratica, se qualcosa cambia...

Una cosa che ha causato uno squilibrio reale è stato l'uscita di Mons. Camile Pearl, secondo io so, questo ha fatto quello che poteva per la tradizione. Quando mons. Pozzo è venuto, ha cambiato tutto...

Un saluto dal Brasile

Ester ha detto...

la questione Muller è un grosso punto interrogativo.

proviamo a spiegare questo " ? " ai bambini che (molti anni) fa hanno imparato la Dottrina Cristiana sul Catechismo di S. Pio X.
(e ai bambini che MAi hanno sentito nominare nè dogmi nè Dottrina)

dunque, rileggo:
124. "Chi è fuori della comunione dei santi?

E' fuori della comunione dei santi chi é fuori della Chiesa, ossia i dannati, gl'infedeli, gli ebrei, GLI ERETICI, gli apostati, gli scismatici e gli scomunicati".
---------------
Allora i casi sono due:

- o Muller è fuori dalla Chiesa, e non si capisce come possa essere a capo della CdF

- oppure il Papa San Pio X è fuori dalla Chiesa, avendo affermato una verità che OGGI NON HA PIU' SENSO, nè secondo Muller, nè secondo il Papa attuale che l'ha nominato.

E se il Papa S. Pio X è fuori dalla Chiesa è anche fuori dalla Comunione dei Santi.

E' la logica che vuole questo.
Se la logica conta ancora qualcosa.

Se TUTTI gli errori vegono inclusi nella Chiesa, la Verità sarà cacciata fuori, perchè la Verità per sua stessa natura, esclude l'errore, non lo include !

Per questo Nostro Signore dice:
Chi non è con Me è contro di Me.

Invece questa Chiesa Docente conciliarizzata continua a voler tener il piede in due scarpe, servire due padroni di opposta natura, (seguendo mens hegeliana): vuole abbracciare insieme Verità e menzogna, Cristo e satana, principe del mondo.

E' possibile secondo voi ?

mic ha detto...

Invece questa Chiesa Docente conciliarizzata continua a voler tener il piede in due scarpe, servire due padroni di opposta natura, (seguendo mens hegeliana): vuole abbracciare insieme Verità e menzogna, Cristo e satana, principe del mondo.


Se questo è quel che vuole questa Chiesa noi non lo vogliamo. Ma né noi né la fraternità risolveremo nulla solo recriminando.

E' sul campo che si combatte. E di questo passo la Fraternità rischia di rimanere nelle retrovie, non del tutto per responsabilità sua, ma c'è chi ce la sta mettendo tutta! E praticamente - eterogeneità dei fini - fa il gioco del nemico al pari di coloro che portano avanti l'apostasia invece della retta fede...

mic ha detto...

ora la strada é molto in salita ma se la Provvidenza vuole cosi'...

Io lascerei da parte la Provvidenza, perché c'è molto, troppo, di umano in tutto quello che sta succedendo...

Ester ha detto...

Ho letto che un Papa santo dei primi secoli ha detto:
NON OPPORSI AD UN ERRORE VUOL DIRE APPROVARLO
NON DIFENDERE LA VERITA’ VUOL DIRE SOPPRIMERLA
(Sentenza del Papa San FELICE III – anni 483-492)
(citato anche da Leone XIII nella sua lettera ai Vescovi italiani 08/12/1892)
-----------
Che direbbero quei papi, S. Felice III e Leone XIII dei papi degli ultimi 50 anni ?

Anonimo ha detto...

Che direbbero quei papi, S. Felice III e Leone XIII dei papi degli ultimi 50 anni ?

Mah, se sono in paradiso non gliene può fregar di meno.
Se sono all'inferno non fanno che parlarne ossessivamente proprio come te.
ECHELON

don Camillo ha detto...

Aspettiamo e vediamo cosa produrrà Müller.

Aspettiamo e vediamo cosa farà il Papa.

Stiamo andando appresso a congetture seppur realiste restano sempre ipotesi.

Preghiamo la Madonna (lei è sempre la stessa) e troviamo la pace.

Gederson Falcometa ha detto...

Carissimi,

Guarda questo testo che è uscito tradotto per il portoghese:

La Chiesa dell'anticoncilio. I tradizionalisti alla riconquista di Roma
http://www.laterza.it/index.php?option=com_content&view=article&id=618:la-chiesa-dellanticoncilio&catid=35:universita&Itemid=103

Ester ha detto...

Preghiamo la Madonna ?
per che cosa, don Camillo, a quale fine ?

La SS.ma Vergine è Madre e Regina della Chiesa ? Bene.
Ma se nella Chiesa -dal concilio21.mo in poi- si è intrufolato e regna nelle menti corrotte il suo nemico perenne, il serpente ingannatore che si serve dell'ecumenismo e dell'eresia, per corrompere la Fede cattolica, mi dite come può la Madonna regnare ?
Si vuol restaurare la Chiesa senza Maria SS.ma ? pietra scartata dai costruttori, specialmente per aver parlato chiaro a Fatima, sulla vera volonta di Dio ? perciò stia zitta, facciamo a meno di Lei, vero?
La Madonna è cacciata fuori da questa neo-chiesa che VUOLE assolutamente far regnare l'ecumenismo, cioè la confusione contro la vera Fede, l'INDIFFERENTISMO e le FALSE RELIGIONI, che sono diaboliche.
La Chiesa conciliarizzata, di fatto caccia via da sè la Madonna, attraverso l'accettazione dell'eresia apertamente e senza alcuna vergogna ! lo ha fatto fin dal 1960, anno in cui i papi dovevano DIRE al mondo ciò che Ella ha detto A NOME DI DIO, e invece hanno scelto il suo nemico, l'ecumenismo falso !
(quello delle chiese "sorelle"che devono rispettarsi ed accettarsi così come sono: grande inganno)

Mi dite, cari sacerdoti che leggete questo blog, come si farà questa cosa assurda:
si vuol ricostruire, restaurare e riunificare una Chiesa (ora disgregata e decaduta) la si vuole rendere davvero degna di Gesù Cristo, Santa, immacolata come Lui la vuole, UNA-cattoolica-Apostolica e Romana- bene....
Ma come potranno regnare in questa Chiesa da far SANTA e luminosa, SIA Gesù Cristo e la Madonna Sua Madre , SIA i loro nemici mortali:
ERESIA E MENZOGNE INFERNALI ?
Le eresie distruggono la Chiesa, perchè vengono dal demonio !

Don Camillo, si ricordi che DAL MALE NON NASCE UN BENE.

Un eretico non fa nè dice cose sante, perchè è FUORI della Chiesa, secondo la Dottrina bimillenaria: un eretico NON E' CATTOLICO, è FUORI dalla Comunione dei Santi !
Oppure dobbiamo credere che un eretico è cattolico ? cancellare la Dottrina perenne di tutti i papi, Santi e martiri di 1930 anni ?
I protestanti sono NELLA Chiesa solo perchè lo dice Muller ?

Don Camillo, se è vero che i protestanti sono nella Chiesa, allora la Madonna è FUORI della Chiesa, e non ha alcun senso invocarla !

Se noi preghiamo: "Madre Celeste aiutaci a vincere i tuoi nemici", dobbiamo però FARE in modo che quei nemici -eresia e menzogne- siano DAVVERO sconfitti.
Con quale faccia tosta potremmo dire:
"Gesù, Maria, aiutateci a vincere i vostri nemici, però LASCIATELI dentro la Chiesa che facciano e comandino loro, non li cacciate, non li convertite, RISPETTATELI" ? è follia questa, buio della Fede, o che altro ?
Il Papa dovrebbe O AMMONIRE Muller a convertirsi O SCOMUNICARLO, cioè escluderlo dalla Comunione dei Santi, perchè lo è, in quanto eretico !
Ma il Papa non lo fa. Perchè ?
Perchè pretende di TENERE GLI ERETICI dentro la Chiesa, compreso Kiko ! piede in due scarpe.
Nè freddo nè caldo. Verità e menzogna INSIEME, le vuole CONCILIARE !
Come il Papa non ha mai detto a Kiko "Convertiti e rinuncia a satana ed alle tue ERESIE" così non vuole dirlo a Muller, anzi lo promuove a Capo della Fede cattolica !

Può piacere a Nostro Signore questa situazione, può piacere alla Madonna, oltraggiata da Muller con le sue affermazioni ?

E allora come facciamo a dire "Deo adiuvante" su tutte queste aberrazioni, credendo che Lui sia contento di tanti oltraggi e menzogne ed empietà che LO calpestano e crocifiggono?
E' una tremenda illusione voler chiamare Dio a sostenerci nella nostra volontà di ERRARE E PERSISTERE nell'errore, peccato ed eresia, che Lui aborre !
è precisamente empietà e tentazione di Dio.

Ester ha detto...

infatti....

come riferito ieri da notizia sul web, Muller

....oggi Mueller, in una intervista alla Sudddeutsche Zeitung, mentre da una lato nega che vi sia disaccordo di vedute fra Papa e Sant'Uffizio circa la Fraternità, dall'altro ribadisce addirittura che documenti come la "Nostra Aetate" avrebbero ..."implicazioni dogmatiche" !

http://kath.net/detail.php?id=37448
---------------------
questo è PERSEVERARE NELL'ERRORE, volutamente, dunque diabolico.
Don Camillo, dobbiamo chiuderci gli occhi ?
l'eretico persiste tenacemente, anzi rinforza la sua menzogna, ingannando il popolo-bue: vuole convincere le pecore ignare che i doc. del cv2 sono dogmatici, pechè ?
per OBBLIGARE la FSSPX e TUTTI NOI, tapini bevitori di menzogne, ad accettare il cv2 come DOGMA globale, da accettare per fede, senza deiscutere !

Tutto ciò è diabolico, altro che aspettare e vedere: lui continua nella strada diabolica.
E noi vogliano dire "Dio aiutaci in questa menzogna, ad ADEGUARCI alla menzogna che ci viene imposta dal Prefetto della Fede" ? ?
Lui produce, sì, don Camillo, eccome:
produce alacremente frutti marci di eresia e menzogna. Senza sosta nè ripensamenti !

E noi dobbiamo mangiarli, i frutti velenosi, PER OBBEDIENZA ?
come abbiamo mangiato per 47 anni i frutti marci del cv2 ?
ingoieremo veleni sempre più letali, per obbedienza al Prefetto e ai vari capi della neo-fede: comandano loro nella Chiesa, mica Cristo Signore mediante un Vicario che tuteli REALMENTE le pecore intossicate !
Il Vicario promuove il lupo facendolo vice-pastore, che avvelena mortalmente le anime di agnelli e pecore: INAUDITO in 2000 anni.
Ma questa che cos'è, obbedienza a Dio o al demonio, che ci stanno imponendo, attraverso uomini menzogneri programmatici ?

Dovremo ACCETTARE per "fede" che sia obbedito, RE indiscusso nella Chiesa il NEMICO DELLA MADONNA:
l'ecumenismo, quello che abbraccia le false religioni e tutte le eresie.

Maria SS.ma è così cacciata fuori, pietra scartata dai costruttori di questa neo-chiesa che sceglie eresia ed apostasia come "nuova via di evangelizzazione".
Ci resti almeno la vergogna o decenza di NON invocarla per aiutare l'edificazione della falsa chiesa onnivora, a Lei nemica, vista dalla B. Emmerick !

(cfr.: ...non c'erano Angeli o Santi a vegliare sulla sua costruzione )

hpoirot ha detto...

Aspettiamo e vediamo cosa produrrà Müller...

quello che ha prodotto in due settimane ore basta e avanza per classificarlo come il prefetto CDF più eretico di tutti i tempi !!!

Riassumiamo: mentre nega due veri dogmi la (Transustanziazione e la verginità di Maria) provando a tutti che

1) non ha la fede
2) ha due piedi e mezzo in inferno, non fosse che per le responsabilità enormi che ha sulle spalle (il S.Curato d'Ars diceva che un prete di campagna risponde il giorno del giudizio delle anime di tutti i suoi parrocchiani come un padre di famiglia fa per suoi figli !)

si permette di
1) elevare a dogmi i diritti umani e altre quisquiglie del santo-venerato-intoccabile Concilio
2) riesuma dal dimenticatoio una cosa tabu come l'inferno (ma allora esiste e non é vuoto! questa é la vera news!)
3) per mandarci diretti via minacce chi non riconosce i suoi nuovi dogmi pastoralo-vincolanti, cioé i cattivoni SPX.

don Camillo, e cosa dovrebbe fare d'altro? non é abbastanza chiaro?

mic ha detto...

questo è PERSEVERARE NELL'ERRORE, volutamente, dunque diabolico.
Don Camillo, dobbiamo chiuderci gli occhi ?
l'eretico persiste tenacemente, anzi rinforza la sua menzogna, ingannando il popolo-bue: vuole convincere le pecore ignare che i doc. del cv2 sono dogmatici, pechè?
per OBBLIGARE la FSSPX e TUTTI NOI, tapini bevitori di menzogne, ad accettare il cv2 come DOGMA globale, da accettare per fede, senza deiscutere !


Insomma Ester, nessuno può OBBLIGARE la FSSPX o noi ad accettare acriticamente il concilio... tant'è che Fellay non ha firmato ancora nulla!

Maria SS.ma è ben presente sotto questa nostra croce e al nostro fianco per sostenerci e guidarci.

E allora, con uno sguardo alle rivelazioni private, ma senza sbandierarle ad ogni piè sospinto, ché non sono i nostri nutrimenti principali, andiamo avanti cercando di trovare in questo ginepraio qualche spiraglio di soluzione, che certo non dipende da noi, ma a cui possiamo contribuire cercando di mettere in campo ciò che di positivo vediamo. Le tue geremiadi le conosciamo e le soffriamo da anni ormai; ma sentircele ripetere ci sfianca soltanto. Abbiamo bisogno, oggi, di propositività positiva, di luce nelle tenebre e di speranza, non di lasciarci soffocare dalle tenebre che incombono fitte come non mai...

Insomma, Ester, io proporrei ad ognuno di noi di dedicare nella sua giornata qualche minuto (o ora, a seconda delle possibilità di ognuno) di Adorazione, potendo davanti al Santissimo oppure ritagliandosi tempo e spazio dove si è. Sono certa che il Signore non aspetta altro e qualche frutto non tarderebbe!

mic ha detto...

Mah, se sono in paradiso non gliene può fregar di meno.
Se sono all'inferno non fanno che parlarne ossessivamente proprio come te.


Io direi piuttosto il contrario! Se sono in paradiso di certo stanno intercedendo per noi!

mic ha detto...

2) ha due piedi e mezzo in inferno, non fosse che per le responsabilità enormi che ha sulle spalle (il S.Curato d'Ars diceva che un prete di campagna risponde il giorno del giudizio delle anime di tutti i suoi parrocchiani come un padre di famiglia fa per suoi figli !)

Questo non possiamo dirlo o deciderlo noi. Spetta solo al Signore.

Per il resto vedremo se e come il Papa potrà e vorrà arginarlo.

Anonimo ha detto...

Bisogna pregare perchè si compia la volontà di Dio. Noi possiamo sperare in una sistemazione canonica della FSSPX (e lo speriamo) ma e se la volontà di Dio è che tale sistemazione canonica non avvenga oggi, ma domani, o doman l'altro, non spetta a noi anticipare i tempi stabiliti da Dio, come neppure ritardarli. Preghiamo pertanto perchè si compia la Sua volontà.

Le questioni riguardo a questo benedetto Vaticano II sono di una chiarezza cristallina: la continuità è solo asserita, se si vuole obbligare tutti a vederla, BISOGNA DIMOSTRARLA INCONFUTABILMENTE. Punto. Non è la FSSPX pertanto che deve chiarire, ma la Santa Sede. Abbiamo il diritto di sapere perchè dobbiamo accettare ogni singolo punto dell'ultimo concilio. L'assenso cieco è dovuto solo ai pronunciamenti infallibili. Se non si arriverà ora a una sistemazione canonica della FSSPX la colpa è di chi vuole un assenso cieco laddove tale assenso non può esser richiesto.

Ciò che mi preoccupa è il valore da dare ad una delle "condizioni auspicabili": quella di essere autonomi dai vescovi diocesani. Io l'avrei messa tra le "condizioni sine qua non". Questo non lo capisco propio. E questo è certamente preoccupante, perchè mettersi nelle mani dei vescovi significa mettersi una corda al colo. Antonello

Stefano78 ha detto...

Mic, DIO TI BENEDICA!

Ghergon ha detto...

X Ester

"Don Camillo, si ricordi che DAL MALE NON NASCE UN BENE.

Don Camillo, se è vero che i protestanti sono nella Chiesa, allora la Madonna è FUORI della Chiesa, e non ha alcun senso invocarla" !


Nn verità per la prima è vero il contrario, Dio sa trarre proprio da un male un gran bene, per la seconda, tenga presente che la Madonna è il flagello di ogni eresia quindi a maggior ragione va invocata proprio dove prospera l'eresia...
E in ultimo, un eretico per essere denominato tale, deve essere così definito da un atto formale ed ufficiale dell'autorità ecclesiastica, non basta il nostro pensiero...

hpoirot ha detto...

mic, gli angeli dal cielo vedono San Pietro sottoforma di una serratura (cosi' volle il Bernini per signifcare che la Chiesa é la porta del Paradiso).

Ora c'é un eretico che nega dogmi a custodia di questa porta! e la salus animarum, già molto malandata, va a farsi benedire del tutto! Mi sembra che la voglia (o santa speranza) che tutto si aggiusti ci stia annebbiando il guidizio. E' vero hai ragione non si tratta di giudicare il foro interno di Muller, ma la cosa é oggettiva: c'é un eretico a capo della dottrina della fede. Fermiamoci qui e realizziamo bene che questo é un fatto.

mic ha detto...

Se non si arriverà ora a una sistemazione canonica della FSSPX la colpa è di chi vuole un assenso cieco laddove tale assenso non può esser richiesto.

Questo sembra il punctum dolens della questione.

E, certo, poi c'è anche l'autonomia dai vescovi, che può essere trovata nelle pieghe della sistemazione canonica.

DANTE PASTORELLI ha detto...

Non mi sembra che il Papa abbia (ancora) imposto il Vaticano II come superdogma, anzi, da cardinale, l'ha proprio negato.
Non conosciamo la risposta ufficiale della FSPX alla S. Sede, non conosciamo le redazioni del preambolo, non conosciamo la definitiva decisione del Pontefice.
Evocare tutti gli scenari apocalittici francamente non so a cosa serva. Ci manca il diluvio universale e poi giocare alla morra per sapere chi di noi resterà nell'arca.
Ma, dico io, la Speranza, ce l'avete ancora o no? Io sì, e anche se il Papa dovesse pronunciarsi contro Econe, che, ricordiamocelo, non è la depositaria unica della Tradizione, mi resterebbe sempre ugualmente viva, nonostante la sofferenza.

don Camillo ha detto...

Nn verità per la prima è vero il contrario, Dio sa trarre proprio da un male un gran bene, per la seconda, tenga presente che la Madonna è il flagello di ogni eresia quindi a maggior ragione va invocata proprio dove prospera l'eresia...
E in ultimo, un eretico per essere denominato tale, deve essere così definito da un atto formale ed ufficiale dell'autorità ecclesiastica, non basta il nostro pensiero...


Purtroppo carissimo Ghergon, più cerco di tranquillizzare, più scateno l'effetto opposto!
Dopo la dichiarazione della SPX, mi sono molto rasserenato per tante ragioni, non ultima la rinnovata unità nella Tradizione.

Ma la SPX rappresenta tutta la Tradizione senza compromesso? Chi mi segue sa bene quel è il punto dolens, ma si sa che non tutto si può ottere. Credo che gli approfondimenti che chiede la SPX: il franco confronto, aiuterà a limare quelle cose che ancora ci sono di irrisolte per la piena restaurazione liturgica e dottrinale. Ci vorrà del tempo, ma la Madonna non ci farà mancare il suo aiuto.

Circa poi le dichiarazioni diciamo "diversamente" cattoliche, di Ratzinger-Muller mi preoccupano tanto quanto. Si vanno ad aggingere alle dichiarazioni, omelie, encicliche, documenti conciliari, silenzi assensi, ect. che turbano ma non intaccano la Fede, al mia FEDE.

Nessuno mi può obbligare a credere che gli ebrei si salvano perchè è valida la "loro" alleanza! Neanche se il Muller lo mette per iscritto e il Papa romano, lo ratifica in modo dogmatico. Le pagine del Vangelo non si possono sprappare, e Gesù non si può prendere in giro.

Amicus ha detto...

Che l'atmosfera si sia surriscaldata è evidente, ma la responsabilità è praticamente tutta della Santa Sede, ed è iniziata con la bravata di Levada &C nei confronti di un Mons. Fellay recatosi al S. Uffizio con le migliori disposizioni per la ratifica dell'accordo. Per poi proseguire con le recenti discusse nomine curiali (che hanno lasciato di stucco perfino una persona estremamente moderata e competente come il noto teologo prof. Luc Perrin) e le continue performances di Muller.
Per quanto riguarda le richieste della FSSPX, in ciò che è inopinatamente trapelato non v'è nulla di straordinario, solo richieste ovvie per garantirsi la sopravvivenza. A me sembrano il minimo perchè il 'rientro' ufficiale - che continuo ad auspicare con tutto il cuore - non si traduca in un harakiri. C'è anzi una 'mano tesa' assai importante proprio riguardo alla giurisdizione episcopale sulla Fraternità, per cui si può davvero dire che più ben disposti di così, si muore. Non vedo insomma irrigidimenti di sorta da parte della FSSPX, se non una più che logica reazione riguardo a Muller, che personalmente interpreto come un messaggio rivolto al Papa perchè lo richiami all'ordine.
Il problema è invece ora tutto del Papa, che deve dimostrare che la Santa Chiesa non è diventata una succursale del Gran Rabbinato di Gerusalemme, ed è in grado di opporsi anche ai massoni di ogni tipo e colore che la infestano. Preghiamo.

mic ha detto...

Il problema è invece ora tutto del Papa, che deve dimostrare che la Santa Chiesa non è diventata una succursale del Gran Rabbinato di Gerusalemme, ed è in grado di opporsi anche ai massoni di ogni tipo e colore che la infestano. Preghiamo.

Come al solito Amicus mi vede completamente e appassionatamente d'accordo.

Stessa reazione che mi suscita Dante.

Quanto a don Camillo condivido il suo Nessuno mi può obbligare a credere che gli ebrei si salvano perchè è valida la "loro" alleanza! Neanche se il Muller lo mette per iscritto e il Papa romano, lo ratifica in modo dogmatico. Le pagine del Vangelo non si possono strappare, e Gesù non si può prendere in giro.

ma aggiungo: il Papa romano NON PUO' ratificarlo dogmaticamente, dobbiamo crederlo de Fide, altrimenti cesserebbe ipso facto di essere non solo romano ma anche papa. O No?

don Camillo ha detto...

ma aggiungo: il Papa romano NON PUO' ratificarlo dogmaticamente, dobbiamo crederlo de Fide, altrimenti cesserebbe ipso facto di essere non solo romano ma anche papa. O No?

embè!

hpoirot ha detto...

il Papa romano NON PUO' ratificarlo dogmaticamente.

E' chiaro! altrimenti il "non prevalebunt" si perde per strada!

E oggi la nostra speranza (che é tutta nel cielo perché umanamente siamo in uno stato apocalittico - Dante mi perdonerà) lancia il cuore oltre l'ostacolo di un'evidenza fattuale che ci é molto contraria proprio perché abbiamo una sola certezza: il "non prevalebunt"

don Camillo ha detto...

E oggi la nostra speranza (che é tutta nel cielo perché umanamente siamo in uno stato apocalittico - Dante mi perdonerà) lancia il cuore oltre l'ostacolo di un'evidenza fattuale che ci é molto contraria proprio perché abbiamo una sola certezza: il "non prevalebunt"

Molto Bene! andiamo avanti!

DANTE PASTORELLI ha detto...

Ti perdono, ti perdono anche la mancanza della a davanti alla e di praevalebunt... E' l'abuso del catastrofismo da ultimi tempi che mi dà fastidio, quando è ripetitivo, perché non possiamo esser noi a dir ch'è oggi o sarà domani. Se guardiamo bene alla storia, in ogni epoca ci sono stati segni vistosi. Gli Apostoli ed i Padri ritenevan vicina la fine del mondo, e siamo ancora qui.

Quando io chiedo al papa di dogmatizzare tutti i documenti del Vaticano II, magari sintetizzato in canoni, lo fo perché so che non può farlo e sa di non poter farlo.
Non è uno sprovveduto.
Al limite potrebbe, appunto in canoni, sintetizzar alcune affermazioni che già di per sé ribadiscono la dottrina definita precedentemente. E così potrebbe tagliar la testa al toro con un Sillabo del Vat. II.

mic ha detto...

E così potrebbe tagliar la testa al toro con un Sillabo del Vat. II.

E' quel che chiedeva mons. Schneider.

joseph ha detto...

Inascoltato.