giovedì 14 gennaio 2016

Cambiamenti da non subire. Lo snaturamento dell'Apostolato della preghiera

Ne abbiamo già parlato qui: L'ultima picconata del Grande Riformatore. La forte inquietudine era emersa tutta.
Ora ci arriva questa testimonianza diretta può eloquente di molte riflessioni. Ci descrive dall'interno il processo lungo e inesorabile che sta provocando il cambiamento.

"Mi chiamo Simone, ho quasi 43 anni e da più di venti sono zelatore del Sacro Cuore grazie alla Misericordia di Dio. Sono “nato” spiritualmente nell’Apostolato della Preghiera, ci sono cresciuto dentro e grazie ad altri zelatori e zelatrici del Sacro Cuore (persone stupende) ho ricevuto una solida formazione spirituale. 

Sono diversi anni che si parla, all’interno dell’AdP, di rinnovamento e i gesuiti hanno spinto sempre molto su questa idea. La maggior parte dei membri della Compagnia non ama l’Apostolato della Preghiera, non ne parla mai, lo considera una realtà per anziani, una devozioncina; alcuni di loro, molto pochi, i responsabili nazionali per lo più, lo stanno trasformando in qualcosa di strano che non si riesce a comprendere cosa sia, avulso dal suo vero carisma. 

Sono circa dieci anni che si tenta di cambiare la preghiera di offerta quotidiana. All’estero, tranne pochi paesi come gli USA e alcuni paesi africani, questa preghiera ha perso totalmente la sua ricchezza iniziale. I tentativi fatti in Italia sono tutti falliti fino ad oggi, sia perché l’ “Offerta al Sacro Cuore” era ben radicata nella spiritualità popolare, sia per la presenza della Santa Sede che aveva frenato questa iniziativa. 

Da qualche anno a questa parte però le cose stanno andando diversamente, sia per la secolarizzazione del popolo italiano che non ha più idea cosa vuol dire vivere per servire e pregare, sia per il via libera ricevuto dal Papa. 

Così il Preposito Generale della Compagnia ha scelto un gruppetto di giovani gesuiti con lo scopo di portare a compimento l’opera. Si è incominciato cambiando il nome del movimento, sempre in modo soft, affiancandolo con il più tradizionale AdP per non urtare le varie sensibilità; così cavalcando l’onda della popolarità mediatica di Papa Francesco si è scelto il nome di Rete Mondiale di Preghiera del Papa. [cattolicità trasformata il mondializzazione]

A livello mondiale girano delle preghiere di offerta che hanno perduto completamente il senso della riparazione, dell’unione col Sacrificio Eucaristico, della richiesta della salvezza per tutti gli uomini: sono preghiere per lo più sentimentali, superficiali, “ecumeniche”. 

Il Primo Venerdì del mese non è più proposto come una richiesta fatta da Nostro Signore per riparare le freddezze, la superficialità e l’indifferenza degli uomini verso il Suo Amore ( richiesta ovviamente approvata dalla Chiesa che ha formato per più di un secolo generazioni di cristiani), ma come il giorno in cui tutti si uniscono in preghiera per le intenzioni del papa. 

Alle riunioni regionali ci viene chiesto in modo “gesuitico” di non parlare più di consacrazione al Sacro Cuore ( richiesta fatta esplicitamente dal Signore) e di Santa Margherita Maria perché i tempi sono cambiati e la gente non comprende più questi termini. 

I tempi sono cambiati è vero, ed è verissimo che oggi più che mai è necessario ripartire da zero nell’evangelizzazione perché in generale i termini che usiamo non sono compresi, ma ciò che mi stupisce è che da parte dei Responsabili non c’è alcuno sforzo per formare le persone ad affrontare questo cambiamento epocale; cioè non si cerca di trasmettere gli stessi concetti in modo più comprensibile agli uomini di oggi, no… 

Con questa scusa si sta semplicemente creando qualcosa di nuovo e si tradisce la volontà del Signore. Il glorioso AdP che ormai è formato prevalentemente da persone anziane non credo resisterà a questo ultimo attacco. Rimane però la speranza che il Signore faccia sopravvivere ” un piccolo resto” che conservi “il seme” da piantare in stagioni più favorevoli. A volte bisogna che le cose vadano di male in peggio per poi rifiorire, o se volete bisogna che tutto venga distrutto per rinascere. 

In questi anni ho visto con profondo dolore l’AdP morire e non solo per la secolarizzazione ma anche per i colpi ricevuti dall’interno. Io rimango fedele con l’aiuto della Grazia di Dio, fedele ma solo. Grazie e scusate se sono stato lungo. Pregate per me"

40 commenti:

Anonimo ha detto...

Testimonianza diretta che conferma la gravità della situazione che riflette le tendenze generali delle alte gerarchie e del clero.

Anonimo ha detto...

Testimonianza diretta che conferma la gravità della situazione che riflette le tendenze generali delle alte gerarchie e del clero.

irina ha detto...

Se i pastori non pregano più, perchè non credono più in generale e nella preghiera in particolare, ne consegue che pecore e agnelli tacitamente assorbano il loro modo di essere o non essere facendolo proprio.Tranne rare eccezioni.

Anonimo ha detto...

Dalla fine del Concilio la stragrande maggioranza dei sacerdoti assicura che dopo questa vita il Paradiso è per tutti.

Se la salvezza è garantita viene meno il fine della Chiesa.

A quel punto la Chiesa non può che trasformarsi in una ONLUS.

Sono convinto che se fosse rimasta la Messa tridentina non saremmo giunti a questo punto.

Purtroppo i Gesuiti sono interessati, non da oggi, dalla grande apostasia.

Annarè ha detto...

Se l'appostolato della preghiera diventa un luogo di eresia e di offesa a Dio, meglio fuggire e pregare per conto proprio. Spesso purtroppo, a mio avviso molte persone spendono molto tempo delle loro giornate a seguire strani gruppi di preghiera, spesso carismatici, che più di pregare, avviliscono la Santissima Trinità.

sebastiano della fonte ha detto...

Simone,sentiti in buona compagnia! Il S Cuore ha promesso tanto agli zelatori del suo culto...andiamo avanti con coraggio!! Pregherò per te!

mic ha detto...

Annarè gli 'strani' gruppi si sono moltiplicati dopo il concilio. L'Apostolato della preghiera non era mai stato uno 'steano' gruppo. Guarda caso, si è finito di deteriorare oggi.

Mazzarino ha detto...

"Rimane però la speranza che il Signore faccia sopravvivere ” un piccolo resto” che conservi “il seme” da piantare in stagioni più favorevoli."
Come ormai occorre fare con i semi veri, perchè quelli in vendita o sono brevettati o calcolati per produrre a loro volta semi sterili e come già fanno i contadini per l'uso personale, ogni Sacerdote di Santa Romana Chiesa, se vorrà continuare ad essere fecondo, dovrà, quando sarà il momento, attingere a depositi di vero seme segreti e all'uopo realizzati. E' il NOM. Per ora vanno costruiti i depositi segreti procurandosi mail e cellulari! Con una preghiera di fronte alla stupenda immagine del Sacro Cuore della Chiesa di Santa Caterina in via Saragozza a Bologna.

Annarè ha detto...

L'apostolato della preghiera può benissimo farsi unendosi a quelli che vogliono rimanere cattolici, non per forza, ora che si è deteriorata, bisogna rimanere dentro ad un'istituzione riorganizzata in stile modernista. Comprendo sia doloroso vedere i cambiamenti in corso, ma probabilmente siamo in una sittuazione tale, da dover decidere di abbandonare ciò che non è più buono. Direi che ultimamente siamo sempre più portati a spogliarci di tante cose che una volta erano buone ed ora sono deleterie. Forse il Buon Dio vuol farci capire che non dobbiamo attaccarci a niente, che dobbiamo in ogni cosa ricercare Lui e se tale cosa a noi cara, diventa un ostacolo bisogna lasciarla sulla via. I fedeli che vogliono onorare Dio, possono istituire nuovi apostolati di preghiera assieme a buoni sacerdoti, chi lo vieta?

Anonimo ha detto...

http://www.agerecontra.it/public/press40/?p=20870#more-20870

misericordia?

A proposito di cambiamenti ha detto...

Dall'ultimo articolo di Magister.

.....Di quell'incontro a Santa Marta, il pastore Saracco ricorda la decisa affermazione di Francesco di "voler introdurre cambiamenti da subito" in vari campi della vita della Chiesa, pur sapendo – parole sue – che "si sarebbe fatto un mucchio di nemici".
E quando il pastore chiese al papa se intendeva anche rimuovere il vincolo del celibato per i preti, questo è ciò che ne ricavò e ha poi raccontato:
"Se Francesco saprà sopravvivere alle pressioni della Chiesa e agli esiti del sinodo sulla famiglia, penso che dopo questo sinodo sarà pronto a mettere in discussione il celibato".
Al giornalista del "National Geographic" che gli ha chiesto se questo era ciò che il papa gli aveva detto oppure si basava su un'intuizione, Saracco "ha sorriso sornione e ha detto: 'È più che un'intuizione'".

Anonimo ha detto...

Questa testimonianza costituisce un'importante conferma "interna" di quanto era ormai evidente da tempo.
Io ho trasecolato, quando quest'estate mi sono ritrovata in mano i nuovi foglietti, con l'immagine del vdR in bella vista, manco fosse Nostro Signore...
E regolarmente nel rngraziamento post Messa me ne rimanevo zitta, dopo l'offerta, perché tre quarti delle intenzioni erano tra il new age e il non so cosa...
humilitas

A proposito di cambiamenti ha detto...

Dall'ultimo articolo di Magister.

.....Di quell'incontro a Santa Marta, il pastore Saracco ricorda la decisa affermazione di Francesco di "voler introdurre cambiamenti da subito" in vari campi della vita della Chiesa, pur sapendo – parole sue – che "si sarebbe fatto un mucchio di nemici".
E quando il pastore chiese al papa se intendeva anche rimuovere il vincolo del celibato per i preti, questo è ciò che ne ricavò e ha poi raccontato:
"Se Francesco saprà sopravvivere alle pressioni della Chiesa e agli esiti del sinodo sulla famiglia, penso che dopo questo sinodo sarà pronto a mettere in discussione il celibato".
Al giornalista del "National Geographic" che gli ha chiesto se questo era ciò che il papa gli aveva detto oppure si basava su un'intuizione, Saracco "ha sorriso sornione e ha detto: 'È più che un'intuizione'".

Nell'ambiente FSSPX ha detto...

Nell'ambiente FSSPX, è diffuso un movimento che, ormai, nella compagine ecclesiale ufficiale non esiste più: LA CROCIATA EUCARISTICA.
San Pio X e Benedetto XV fecero di tutto e di più,per non far scoppiare la Prima Guerra Mondiale e poi per cercare di farla smettere. Fra le varie iniziative che assunsero visto che i "Grandi" del mondo (quasi tutti massoni) facevano"orecchie da mercante" alle loro proposte, rivolgersi ai piccoli. Invitare i bimbi alla preghiera. Invito raccolto dal prete olandese don Edoardo Poppe, che volle lanciare la CROCIATA EUCARISTICA DEI FANCIULLI. Fu tutto un fiorire di preghiere, buone azioni, Sante Comunioni etc. in tutto il mondo. Questa Crociata, presumibilmente, ottenne, come risposta dal Cielo, le Apparizioni di Fatima. Questa Crociata è proseguita anche dopo. Nella Chiesa "Cattolica" 2.0, è sparita. Nell'ambiente FSSPX, ancora oggi, molti bimbi, ma anche adulti, iniziano la giornata con la recita (possibilmente comunitaria)" de "Cuore Divino di Gesù, io vi offro, attraverso il Cuore Immacolato ed Addolorato di Maria, i pensieri, le parole, le azioni, intenzioni, le preghiere, le gioie e le sofferenze di questo giorno. Ve lo offro, a Vostra Lode e Gloria, per i bisogni della Santa Chiesa, per la conversione dei peccatori, in sconto, espiazione e riparazione dei miei peccati, in suffragio di tutte le Anime Sante del purgatorio, in onore di tutti i santi del Cielo, in specie di quelli che si festeggiano oggi. Principalmente e soprattutto ve le offro per le intenzioni di questo mese della Crociata Eucaristica". Intenzioni che, appunto, variano ogni mese.

Luisa ha detto...


"Rieccolo. L'ex portavoce che propone a Bergoglio di depenalizzare il libero piacere"

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/01/13/rieccolo-lex-portavoce-che-propone-a-bergoglio-di-depenalizzare-il-piacere-sessuale/

E il link all`altro articolo di Magister:

"Che Francesco voglia i preti sposati "è più che un'intuizione"

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/01/14/che-francesco-voglia-i-preti-sposati-e-piu-che-unintuizione/

Luisa ha detto...

Mi sembra assai evidente, mi ripeto, che Tornielli, attento alle critiche e reazioni sempre più nummerose dopo certe esternazioni papali, e non provenienti da quegli ambienti che lui tanto disprezza e sui quali ironizza, abbia pensato utile offrire a Bergoglio il modo di rispondere "riaggiustando" quelle sue esternazioni molto problematiche, da qui il libricino, solo che a quelle parole "ricentrate" sulla dottrina, si contrappongono altre parole, le sue e quelle di chi lo conosce molto bene, lo incontra e poi ripete le loro conversazioni.

RR ha detto...

Concordo con te, Luisa. Peccato che, siccome il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi, il tentativo di "ortodossizzare" il VdR sia stato presentato da Benigni, cosi vanificando ogni intenzione di Tornielli, Introvigne e C.

bobo ha detto...

Francesco vuol far questo,Francesco vuol cambiare quello,francesco vuol stravolgere tutto ....manco avesse 40 anni e non quasi 80.Per quello che vuol fare lui e quello che gli vogliono far fare i tanti che gli girano interessati intorno ci vorrebbero alcuni decenni.Ma si goda i bagni di folla che anche quelli cominciano a scarseggiare.Bobo

Anonimo ha detto...

Io recito le Orazioni di Santa Brigida,risalgono al1300,siamo nel 2016 e non ci trovo nulla che non si possa comprendere.
Sono del 1977.
La sapienza e la comprensione arrivano dalla preghiera fedele,com'e` quella richiesta dalle orazioni.
Posso testimoniare l'abbondanza di grazie ricevute dalla recita, cosi` come promette Nostro Signore a Santa Brigida.
E` cosi` che sono arrivata alla vera fede,insieme all'adorazione eucaristica settimanale.

hr ha detto...

http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/papa-invita-poveri-circo-roma.aspx

Oggi pomeriggio "verrà offerta ai poveri, ai senzatetto, ai profughi, a un gruppo di carcerati, alle persone più bisognose, insieme ai loro volontari, la possibilità di partecipare a uno spettacolo circense": lo rende noto la elemosineria apostolica, sottolineando che il Rony Roller Circus, a via di Torrevecchia, ha messo a disposizione tutti i duemila posti del grande tendone per questo "evento di carità".

"Lo spettacolo sarà aperto da una canzone dedicata a Papa Francesco e composta da un cantautore spagnolo, anche lui senzatetto: diventerà una preghiera d'inizio e insieme un ringraziamento al Santo Padre per questo nuovo gesto di vicinanza a ciascuno di loro".

Durante un'udienza concessa lo scorso anno agli artisti dei circhi, il Papa aveva sottolineato che "la gente che fa spettacolo nel circo crea bellezza e questo fa bene all'anima: abbiamo tanto bisogno di bellezza!".

hr ha detto...

Il coraggio di guardarsi dentro, la novità di Francesco
Bruno Segre su Avvenire
http://80.241.231.25/Ucei/PDF/2016/2016-01-14/2016011432177593.pdf
"nel loro dialogare cattolici ed ebrei non potranno non tenere conto della sconvolgente novità che s' è venuta a creare con l' ascesa al soglio pontificio di Jorge Mario Bergoglio. Una situazione senza precedenti giacché, nella lunga storia del cattolicesimo, papa Francesco è il primo e unico Pontefice nato, cresciuto e vissuto al di sotto della linea dell' Equatore. A Roma, nel cuore di una Chiesa le cui radici storiche affondano saldamente nell' opulento vecchio Primo Mondo, siede ora, dominus et magister, un Papa arrivato dal Terzo Mondo, da quell' emisfero australe in cui si concentra la larga maggioranza della popolazione mondiale nonché la maggioranza stessa dei fedeli cattolici. Papa Francesco interpreta con lucidità le richieste pressanti di giustizia e le speranze di liberazione di questa maggioranza di donne e uomini per lo più poveri, oppressi e sfruttati, e oggi anche scartati e messi fuori perfino dalle periferie: voci, che egli sa raccogliere e rendere distintamente udibili nel mondo intero, ma che è sua cura di far penetrare soprattutto entro alcuni recinti privilegiati della sua stessa Chiesa, popolati da personaggi che si tengono abbarbicati a irrinunciabili poteri e prerogative, sordi alle sollecitazioni e alle denunzie del Papa argentino."

Rr ha detto...

Hr,
quando posti simili commenti, soprattutto due di seguito, avvisaci prima, onde evitare nausea e vomito o peggio.
Grazie
Rr
PS: non sto scherzando

Franco ha detto...

@ hr Domanda: l'Argentina può essere considerata un paese del Terzo Mondo? Per il poco che ne so, si tratta di un paese potenzialmente molto ricco, culturalmente "attrezzato", ma afflitto da cronica instabilità politica e ingovernabilità, con altalenarsi di autoritarismo repressivo e populismo demagogico. A suo tempo mi ha molto colpito una battuta sarcastica:"Gli Argentini sono italiani che parlano spagnolo e si credono inglesi". Un paese che si butta via da sè può essere considerato un modello? Su questo sono gradite obiezioni competenti.
In ogni caso occorrerebbe analizzare meglio l'"argentinità" di papa Bergoglio. A me sembra che quando bacchetta il fariseismo abbia presente una classe dirigente inamidata o ingessata, e che il suo antiformalismo risente di tendenze populiste

Luigi Rmv ha detto...

A volte mi sento in colpa per le mie osservazioni critiche al Papa, pur se condivise con Voi.
Cerco quindi di capire, di vedere le sue cose positive.

Da questo articolo sul libro/intervista di Tornielli,
http://www.lanuovabq.it/it/articoli-riconosci-il-tuopeccato-troverai-la-misericordia-14938.htm
sembra che il papa chiarisca bene l'importanza del senso del peccato e della confessione.

Perché, però, non lo evidenzia anche quando parla di misericordia, soprattutto nei discorsi delle grandi festività cattoliche, in cui parla SOLO di misericordia?

Da quello che ho capito, gioca con "l'occhio di bue":
illumina solo una parte, il resto rimane al buio, anche se sai che c'è.

O meglio, lo sa chi è credente veramente, il vero cattolico, comunque frastornato, ma quello di fede debole e ignorante nella fede viene sviato del tutto.

Lo fa perché, secondo lui, in questi 2000 anni di cristianesimo, la misericordia è stata trascurata dai cristiani 'dottori della legge', che l'hanno nascosta perché ipocriti e corrotti.

Crea quindi un contrasto tra lui, che la 'riscopre' e le da la giusta dignità, e 'gli altri cristiani, gli altri Papi, la Chiesa di sempre, che evidentemente l'avrebbero trascurata. Dice infatti:

"A volte c’è il rischio che i cristiani, con la loro psicologia di dottori della Legge, spengano ciò che lo Spirito Santo accende nel cuore di un peccatore, di qualcuno che sta sulla soglia, di qualcuno che comincia ad avvertire la nostalgia di Dio».

"A volte, te c'è il rischio"... non è un giudizio categorico ed è vero quello che dice.
Ma è anche vero che lo illudi se gli fai credere che Dio è solo misericordia e non gli insegni la via per arrivare a goderne.

L'insieme delle sue frasi varie, il quadro di insieme che ne esce, soprattutto alla luce delle riforme in atto, è una confusione generale sui pilastri della nostra Fede.

Il peccato e la confessione ci sono, lui si confessa ogni 15 giorni, ne parla bene.

Ma ne parla poco, li da per scontati, sono secondari, li scovi solo se ti leggi il libro o l'articolo.

Chi ha mai detto, nella Chiesa cattolica, che Dio non è misericordia, cioè Amore?
I Padri della Chiesa, sulla base del Vangelo - peraltro chiarissimo - hanno solo ricordato che Dio è anche Giustizia, guai a dimenticarlo.
E mettendolo in secomdo piano, all'oscuro, c'è il rischio che lo si dimentichi.

Dice bene Luisa, quindi, il richiamo alla dottrina, ogni tanto, fuori dal fascio di luce mediatico, e' solo un ritocchino per non uscire del tutto dal seminato.
Ecco, ho criticato di nuovo il Papa... è un peccato?

Luisa ha detto...

Di Roberto de Mattei:

"La fede cattolica non si offende solo con l’eresia"

http://www.corrispondenzaromana.it/la-fede-cattolica-non-si-offende-solo-con-leresia/

Luisa ha detto...

E più in generale metto il link alla pagina facebook di Socci:

https://it-it.facebook.com/pages/Antonio-Socci-pagina-ufficiale/197268327060719

Anonimo ha detto...

in una parrocchia italiana per volontà di un parroco innovativo -con l'approvazione di un insigne liturgista- ecco le prime applicazioni concrete dell'abominio sincretista, imposto ovviamente ai poveri fedeli inermi col nome di "dialogo interreligioso che rifiuta i muri ecc.."

http://www.imolaoggi.it/2016/01/14/como-musulmana-velata-legge-il-corano-in-chiesa-a-natale/#comment-62279

Anonimo ha detto...

Sono sicuro che già qualcuno di voi l'ha letto, comunque segnalo questa cosa, da allarme immediato:

http://rorate-caeli.blogspot.com/2016/01/important-lutheran-world-federation.html

Nel concreto, rischiamo di vederci proporre a breve preghiere che ringraziano Dio per i doni teologici e spirituali che ci sono giunti attraverso la Riforma di Lutero.

È urgente che qualcuno ci insegni come reagire se ce le ritroviamo durante la Messa.

Rr ha detto...

A proposito di Rorate, segnalo anche l'articolo successivo di Padre Cipolla. Come sempre, è molto,istruttivo e molto ben scritto.
Rr

mic ha detto...

Grazie Rosa.
Non ho avuto ancora il tempo di consultare neppure il primo link.
Vedrò di tirar fuori qualcosa da entrambi i contenuti...

mic ha detto...

Ringrazio anche Luisa e gli Anonimi per le interessanti segnalazioni. Non si riesce a star dietro a tutto. Ma tutto serve per decifrare il ginepraio in cui siamo...

Rr ha detto...

Altra segnalzione, Mic.
Sec. quanto riferisce Beatrice, il,famigerato video sincretista è stato realizzato da un'agenzia argentina - guarda caso - piccola e finora poco nota ( quindi gratis vista la pubblicita' così ottenuta ? o forse dietro c'è qualche parente di paprenti o amico di amici, che cosi invece lavora e guadagna qualche soldino, magari del "nostro" otto x mille?). Messa "in onda" : Rome report, vicina all'Opus Dei- che cosi si guadagna punti appresso il VdR ? Interpreti: Il prete è l'ex portavoce di Bergoglio a Baires e anche gli altri sono tutti suoi amici o comunque li conosce bene. Perciò è chiaramente un video " fatto in casa Bergoglio", pensieri, parole, opere ed omissioni, tutte sue.
Rr

Luisa ha detto...

Effettivamente Maria, anche se da un certo tempo evito la stampa di regime, in particolare siti come il Sismografo e Vatican Insider, i siti che continuo a leggere bastano e avanzano per descrivere una realtà caotica e inquietante che, a meno di essere degli struzzi è impossibile non vedere, una realtà che se è per me inquietante e scoraggiante è fonte di entusiasmo per altri che si rallegrano e aspettano con malcelata impazienza le innovazioni che, son certi, il loro idolo rivoluzionario, il novello Francesco, il profeta, il volto della misericordia.... non mancherà di introdurre=imporre alla Chiesa.

Luigi Rmv ha detto...

Interessantissimi i collegamenti che avete indicato.
Grazie a Luisa per la risposta indiretta con l'articolo di de Mattei.
Mi sembra che in base alle chiarissime spiegazioni del Prefetto della Congregazione per la fede il Papa e i suoi sostenitori sono in piena 'zona grigia' e nella 'seconda e terza categoria', dove spazia il camaleontico modernismo.
L'atteggiamento dei giansenisti sembra identico a quello di Francesco.

Ormai si potrebbero raccogliere decine di elementi.
Il grosso problema è che è difficile che qualcuno osera' mai una specie di 'impeachment' del Papa.
Anche perché sarebbe subito additato come un corrotto che vuole frenare la pulizia nelle finanze e le riforme della Chiesa.
Pace e bene.

Anonimo ha detto...

@ Rr : "è chiaramente un video " fatto in casa Bergoglio", pensieri, parole, opere ed omissioni, tutte sue." : la miglior risposta a quelle sue parole la dà Corrado Gnerre nel suo confortante articolo oggi apparso su Riscossa Cristiana, cioè :
http://www.riscossacristiana.it/dio-come-giudica-le-altre-religioni-di-corrado-gnerre/
I passi della Scrittura riportati in quell'articolo sono la miglior risposta possibile che si possa dare all'autore di quel video ed a chi, in Vaticano, lo ha approvato (oltre che a quel sacerdote che ha accettato di recitare quella parte assieme a chi non vuol riconoscere Cristo come unica Via, Verità e Vita". Che Dio li illumini tutti quanti e ce li tenga lontani. Amen

Luisa ha detto...

Ê chiaro Rosa che quel video sincretista è stato fatto "in casa Bergoglio", chi lo ha prodotto a parte a Baires e Barcellona ha anche un ufficio in via della Conciliazione 44...quanto al prete "cattolico", ex-portavoce dell`allora card. Bergoglio, è colui che aveva duramente attaccato Benedetto XVI dopo Ratisbona. Tutto un programma.

http://benoit-et-moi.fr/2016/actualite/le-pretre-catholique-de-la-fameuse-video.html

Anonimo ha detto...

PRECISAZIONE:

Nell'ambiente FSSPX, ancora oggi, molti bimbi, ma anche adulti, iniziano la giornata con la recita (possibilmente comunitaria)" de "Cuore Divino di Gesù, io vi offro, attraverso il Cuore Immacolato ed Addolorato di Maria, i pensieri, le parole, le azioni, intenzioni, operazioni, le preghiere, le gioie e le sofferenze di questo giorno. Ve le offro, a Vostra Lode e Gloria, per i bisogni della Santa Chiesa, per la conversione dei peccatori, in sconto, espiazione e riparazione dei miei peccati, in suffragio di tutte le Anime Sante del purgatorio, in onore di tutti i santi del Cielo, in specie di quelli che si festeggiano oggi E PER TUTTE LE INTENZIONI PER LE QUALI VI IMMOLATE SUGLI ALTARI DI TUTTO IL MONDO. Principalmente e soprattutto ve le offro per le intenzioni di questo mese della Crociata Eucaristica". Intenzioni che, appunto, variano ogni mese.

mic ha detto...

Grazie. Preghiera completata e perfezionata con tutti i sacri crismi...

mic ha detto...

Grazie. Preghiera completata e perfezionata con tutti i sacri crismi...

Alessandro Piazzesi ha detto...

salve, simone
sono un padre gesuita ... se vuole possiamo metterci in contatto
ne sarei contento
ap
info@adp.it