lunedì 25 gennaio 2021

L’eurodeputata Basso: “Per l’UE la religione è un pericolo per le istanze LGBT”

“Prima di parlare di nuovi possibili diritti, è necessario difendere i diritti fondamentali delle persone, come il diritto alla libertà religiosa” - a cura di Angelica La Rosa
“Siamo da quasi un anno nel mezzo di una crisi sanitaria, sociale ed economica senza precedenti e, ancora una volta, nell’Unione Europea, c’è chi, invece che occuparsi di questo, si preoccupa di istanze progressiste in materia di LGBTI e aborto”, afferma Alessandra Basso, onorevole della Lega al Parlamento Europeo.
“La ridondanza con cui determinate istanze tornano fuori ogni singola volta, su ogni tipo di testo e ogni argomento, è disarmante. Qui non si tratta di idee o realtà da affrontare, ma di cieche ideologie, che senza fermarsi e senza pudore continuano a pressare per spingersi sempre più in là, senza limiti. In ultimo, è stata presa in mezzo la religione, alludendo al fatto che potrebbe rappresentare nei paesi dell’Unione Europea un pericolo rispetto a queste istanze”, continua l’eurodeputata.
“Semmai, oggi c’è da chiedersi se in pericolo non sono tanto queste istanze, quanto la stessa libertà di religione. Si pensi alla civilissima Francia, dove rischi sanzioni indossando simboli religiosi in Parlamento o nelle scuole pubbliche (occhio al rosario da polso o al crocifisso al collo!). Si veda da noi il ddl Zan, che rischia un domani di tappare la bocca a quel sacerdote così avventato da citare ancora San Paolo. Per questo, prima di parlare di nuovi possibili diritti, la mia preoccupazione è e sarà sempre quella di difendere i diritti fondamentali delle persone, come il diritto alla libertà religiosa”, conclude l’on. Basso (Lega). Fonte

21 commenti:

Anonimo ha detto...

L'eurodeputata Basso dovrebbe essere anche supportata con forza dalla politica nazionale italiana dei suoi colleghi italiani che, in merito, i treni li hanno persi tutti.

Anonimo ha detto...

Ieri sera ho assistito all'interessante programma sul congresso di Livorno (1921) che diede vita alla scissione comunista dal Partito socialista di Giacinto Menotti Serrati, con la nascita del Partito comunista di Bordiga e Gramsci. Peccato che lo conducesse Ezio Mauro, l'ex faziosissimo conduttore liberal di Repubblica. Ma tutto sommato è stato un programma onesto, in cui si è persino riconosciuta la verità inconfutabile che non furono solo le milizie fasciste a compiere violenze efferate, ma che anche i socialisti, in quegli anni terribili, commisero violenze e omicidi.
Nessuno degli intervenuti ha però sottolineato un altro aspetto, anche se forse sarebbe stato chiedere troppo. Se il socialismo rivoluzionario e il bolscevismo possono essere accumunati ai fascismi per la dimensione violenta e totalitaria, tutti i socialismi (da Marx a Lenin al riformismo di Turati) si accomunano al nemico di classe, la borghesia capitalista, per la visione economicista, quindi materialista, della vita. Cioè per la stessa profonda ignoranza che antepone il benessere materiale a tutto ciò che è spirituale e trascendente. Quella trascendenza divina che il socialismo nega radicalmente e frontalmente, mentre il liberal- capitalismo finge di rispettare, in realtà sovrastandola e scacciandola nelle sacrestie. Socialismo e capitalismo concedono, in modo diverso ma non troppo, lo stesso primato all'homo oeconomicus, che è una forma radicale di nichilismo.
Molti anni prima così aveva profetizzato il grande Juan Donoso Cortés: " La Chiesa vuole che gli interessi morali e religiosi abbiano il primo luogo, e che poscia vengano i materiali: perché così vogliono le nozioni più elementari dell'ordine. E perchè sinistri avvenimenti sono sempre a sorgere ove la preponderanza dei materiali interessi mette in modo le grandi concupiscenze".
(Martino Mora)

Anonimo ha detto...

Giusto! Ma il pericolo esiste solo per la chiesa di sempre! La neochiesa non corre pericolo, poiché o tace o approva!!! Bergoglio e compagni docent!!!

More solito per zerbini ha detto...

Dunque si viene a sapere che col famoso (ma fino ad oggi segreto) accordo per la fornitura vaccini ("accordo"? ma la Pfizer è una potenza straniera? beh, sì) l'Unione Europea si è impegnata a finanziare il farmaco Pfizer-Biontech (la Biontech è tedesca) prima ancora che fosse messo a punto e in cambio avrebbe avuto priorità nelle forniture ma con penali ridicole che scattano in pochi casi. Insomma, ancora una volta abbiamo dato soldi alla Germania e lei in cambio fa quello che le pare. E ora la Von Der Leyen strepita per chiarimenti, rilievi, rivendicazioni e via così e Pfizer-Biontech risponde sorniona che non è il caso di agitarsi e prima o poi le dosi arriveranno tutte, certamente dopo i trentamilioni ordinati dalla Merkel.

Tutto come al solito, insomma: un tipico affare europeo. Fantastico che ci sia ancora chi va in brodo di giuggiole per questa roba qua.

Anonimo ha detto...

Mentre governo e Vaticano intrecciano giochi mortali con la Cina.

Il Partito Comunista Cinese abbatte le croci di Wenzhou, la “Wuhan del virus cristiano”. E’ la città col più alto numero di cristiani. Lì la repressione deve essere più forte. Nelle scuole obbligo di ateismo. E per sottomettere Hong Kong hanno scelto l'abbattitore di migliaia di croci

Fu vera gloria ? ha detto...

Il comitato di Abu Dhabi di Francesco collabora con il Parlamento europeo [criminale]
Lo "spirito delle religioni" è "molto significativo" per tutti gli esseri umani, ha favoleggiato David Maria Sassoli, presidente del Parlamento europeo, durante un incontro con il giudice egiziano Mohammed Abdelsalam, segretario generale del Comitato Superiore di Fraternità Umana di Francesco.
https://gloria.tv/post/CHprEvqToMMv3r8nceCjUGKxy

Anonimo ha detto...

Mons. D’Ercole: “Che cosa siamo a Midelt 13 persone fra 80mila musulmani? Un segno e un seme di speranza”
https://www.farodiroma.it/mons-dercole-che-cosa-siamo-13-persone-fra-80mila-musulmani-un-segno-e-un-seme-di-speranza/

Anonimo ha detto...

Noi non abbiamo dato proprio niente perché i soldi non ci sono e basta, dovevano arrivare col Mes quindi.....nisba, poi giocano sulle parole da un lato si parla di dosi dall'altro di fiale, chi ci capisce è bravo e cmnq. oltre a costare molto, non garantisce un bel niente e loro scaricano tutte le possibili grane legali per effetti collaterali anche dopo anni, un consiglio modesto, non continuerei a parlare in toni elogiativi di Trump, in molti ci hanno rimesso le penne......

Anonimo ha detto...

Una parola su LGBT
"Nelle più remote profondità del Tartaro Dante pone l’androgine inverso, ovvero l’essere che commischia le due nature opposte e non complementari dell’Agnello e del Serpente. L’anima si perde in ciò che è ad essa opposto e in luogo di trasumanare precipita nella disumanizzazione. La catabasi giunge così alla sua compiutezza dall’androginia paradisiaca alla blasfemia di quella infernale"

Anonimo ha detto...

Signore aiutaci, dacci la forza!! - è quello che devono gridare tutti gli italiani, uno per uno, e tutti assieme, con le Istituzioni tutte, i Parlamenti, le Università, le scuole, i media, le famiglie, e soprattutto tutti i gruppi cattolici, le Parrocchie, a cominciare dai Capi. Bisogna chiedere perdono a Dio e chiedere il suo intervento miracoloso! Senza questa Preghiera - fatta con tutto il cuore dall'intero Popolo - e senza una conversione alla Volontà di Dio dei singoli e delle Patrie e delle Istituzioni tutte ... non si salveremo. Ci sveglieremo domani poveri, vecchi, spopolati, smemorati, depressi, schiacciati tra transumanesimo tecnocratico di qua e Islam e Cina di là. Signore abbi pietà di noi poveri peccatori! rdv

Anonimo ha detto...


"la violenza totalitaria dei fascismi, a cui si possono accomunare quella dei socialismi rivoluzionari e dei bolscevismi.."

La prima in ordine assoluto di queste "violenze" è quella bolscevica, non alteriamo la successione dei fatti. Né appare corretto omologare nazismo e fascismo e proprio sul piano della violenza. Una mattanza come "La notte dei lunghi coltelli" il fascismo italiano non l'ha mai fatta, per tacer d'altro. Una volta in Italia si diceva, semplificando : "i fascisti menavano, i comunisti ammazzavano, i democristiani rubavano."

A proposito del totalitarismo fascista, riporto un'opinione dell'on. Bruno Visentini, antifascista e noto parlamentare di sinistra moderata di un tempo, apparsa sul settimanale "Il Mondo", del 16 giugno 1972.
"Il totalitarismo fascista non giunse mai ad affermare la politica come il solo piano di vita e ad estendere la politica sino a comprendere tutta l'esistenza umana: né, per il suo stesso carattere di strumento di difesa di interessi economici e per la situazione in cui aveva preso il potere in Italia, poteva giungere a questo. Cosicché l'antifascista che avesse una propria autnoma posizione economica o professionale poté vivere e attendere senza troppa pena e senza eccessive molestie, purché non andasse oltre i limiti del rifiuto all'adesione: adesione o rifiuto che potevano a loro volta assumere forme diverse e consentire sottili sfumature, come fu in campo universitario per i professori che, pur non essendo iscritti al partito fascista, prestarono nel 1931 un giuramento che imponeva "di esercitare l'ufficio di insegnante...col proposito di formare cittadini devoti al regime fascista", e come fu nelle professioni per coloro che non si iscrivevano al partito fascista, ma si iscrivevano al sindacato fascista. Né vanno dimenticati alcuni aspetti un po' snobistici che, in certi ambienti e in qualche maggior città, l'antifascismo assumeva."
Unicuique suum.

Le ultimissime ha detto...

Oggi dimissioni e domani... fiducia. Una recita da avanspettacolo da cui han tolto le ballerine e son rimasti solo i nani.

Anonimo ha detto...

https://www.maurizioblondet.it/un-contributo-al-picco-di-lombardia/

Un contributo al picco di Lombardia?
Maurizio Blondet 25 Gennaio 2021
“Leggete qui. Hanno arrestato a Brescia un medico per omicidio. È accusato di aver dato intenzionalmente ai suoi pazienti Covid un mix di farmaci letali per ucciderli. I fatti risalgono allo scorso marzo, quando a Bergamo ci fu quella ondata di morti misteriose. Questa è l’atroce verità. Non è stato il Covid ad uccidere quelle persone. È stato il sistema ad ucciderle per creare una falsa pandemia” (Cesare Sacchetti)
https://www.ilgazzettino.it/italia/cronaca_nera/medico_uccide_pazienti_covid_brescia_chi_e-5723176.html”...


N.B. Maria, non si riesce ad andare sui siti a cui si rimanda: Not Found

Anonimo ha detto...

https://www.ilgazzettino.it/italia/cronaca_nera/medico_uccide_pazienti_covid_brescia_chi_e-5723176.html

Farmaci letali a malati Covid, arrestato il primario di Montichiari Carlo Mosca. Il gip: «Volontà di uccidere»
ITALIA > CRONACA NERA
Lunedì 25 Gennaio 2021

Choc a Brescia. Un medico primario - Carlo Mosca - in servizio al pronto soccorso di un ospedale pubblico della provincia bresciana è stato arrestato dai carabinieri del locale Nucleo Antisofisticazioni e Sanità. I militari hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Brescia, accogliendo la richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica, nei confronti del sanitario, ritenuto responsabile di omicidio per aver intenzionalmente somministrato a pazienti affetti dal virus Covid-19 farmaci ad effetto anestetico e bloccante neuromuscolare causando la morte di due di loro. I fatti risalgono al marzo dell'anno scorso, quando l'elevato numero di contagi andava a ripercuotersi sulle strutture ospedaliere, intasandole. Il medico in questione è il primario del pronto soccorso dell'ospedale di Montichiari (Brescia). L'uomo si trova agli arresti domiciliari perché secondo il gip del tribunale di Brescia, sussiste il rischio di reiterazione del reato.

N.B. trovato.

Anonimo ha detto...

http://www.santaruina.it/lanomalo-impatto-del-covid-19-a-livello-nazionale

Per analizzare e comprendere l’effettivo impatto di una “pandemia” il primo metodo a nostra disposizione è quello di verificare l’incremento percentuale della mortalità generale della popolazione nel periodo di diffusione del morbo, rapportato alla media degli anni precedenti.
Il numero giornaliero dei positivi riscontrato mediante l’esito dei test del tampone non fornisce un dato valido, dal momento che la quasi totalità delle persone che vengono definite “infette” non presenta alcun sintomo, e risulta quindi una forzatura evidente il volerli ascrivere nella conta dei “malati”.
Così come il numero quotidiano dei morti annunciato dai mezzi di comunicazione è utile fino ad un certo punto, poichè nella conta dei deceduti a causa del Covid 19 sono comprese anche le persone morte per le più diverse patologie, e che in un momento della loro degenza in ospedale sono risultate positive al test del tampone, senza che questo possa fornire alcuna indicazione sulla effettiva incidenza del virus nello sviluppo delle patologie dei pazienti, e su quanto abbia effettivamente influito sui decessi degli stessi.

Una ricerca un po’ più approfondita del reale impatto della epidemia è possibile quindi analizzando i dati dei decessi avvenuti nel periodo di maggior virulenza del morbo, e rapportando tali dati con i numeri riferiti allo stesso periodo degli anni precedenti.

Nel blog mittdolcino.com è stata effettuata una analisi di tali dati, lettura estrememente interessante alla quale rimando; sono stati presi in esame i dati istat riferiti al numero dei decessi nel periodo cha va da Gennaio ad Ottobre del 2020 rapportati alla media dei decessi ferificatisi dal 2015 al 2019, nello stesso periodo temporale (Gennaio-Ottobre).

N.B. trovato. Conviene andare sul sito e guardare la cartina.

Anonimo ha detto...

Conte lascia, ma prova a tornare

Premier oggi da Mattarella: dimissioni per ottenere il reincarico. Così avrà più poltrone da offrire e con quelle tenterà di «comprare» i voti che gli mancano per resistere a palazzo. Visto quel che fanno lui e il «suo» commissario sui vaccini, speriamo che non ci riesca

• Tutte le strade di Arcuri portano in Cina
• Il governo cancella persino inno e bandiera

social.laverita.info/sfogliatore

Anonimo ha detto...

"... I fatti risalgono al marzo dell'anno scorso, quando l'elevato numero di contagi andava a ripercuotersi sulle strutture ospedaliere, intasandole..."

E' questa una difesa implicita dell'assassinio? L'ospedale si intasa e uno dall'interno si occupa di liberare qualche letto qua e là. Chi capita, capita. Ma il governo che tipo di direttive aveva dato oltre quella di non fare autopsie? Di facilitare i trapassi? La sceneggiatura prevedeva anche le soluzioni finali?
Intanto son vecchi! Le famose bocche inutili che citava Blondet la settimana scorsa, ricordando i morti dopo/vaccino in Norvegia. Si è persa la ragione. Viviamo in un manicomio criminale aperto, senza cancelli, senza camicie di forza, con possibilità di uccidere, a estro, gli inermi. Solo gli inermi, perché a quelli che si reputano forti si vanno a leccare le scarpe. Infami.

Anonimo ha detto...

"La storia ha dimostrato che le tirannie sono sorte e hanno prosperato non tanto, o soltanto, sul terrore e la violenza, quanto sulla passività degli oppressi. Ecco perché risulta sconcertante l’atteggiamento remissivo degli italiani difronte alla sospensione a tempo indeterminato della loro libertà e delle loro garanzie costituzionali. Non è mai accaduto niente di simile in tutta le storia del nostro Paese, nemmeno nei periodi più cupi come quello della Seconda Guerra Mondiale o del regime fascista."

Anonimo ha detto...

L'anti-trinità che si coagula e dissolve

Dinanzi a tutto quanto sta accadendo oggi, finalmente le persone più intelligenti e libere - le due qualità sono nient'affatto collegate e conseguenziali - possono iniziare a capire che liberalismo, comunismo e nazional-socialismo sono tre realtà distinte di un'unica sostanza.
L'anti-trinità infera e ctonica che ha dichiarato guerra alla Trinità divina e celeste.
Come Crono divorava i suoi figli, così la Rivoluzione li ha prima generati e ora li divora per lasciare solo Zeus, ovvero la sintesi di tutto.
Lo strumento di questa dialettica è la finanza sovra e anti-nazionale, l'arma per eccellenza sono i media e i politici, lo scopo il Nuovo Ordine Mondiale.
Che sarà nella sua essenza concreta per l'appunto liberale, comunista e pure nazista.
Ma con una sorprendente differenziazione finale.
Diffidate di chi continua a distinguerli, a catalogarli, a separarli. Finora in parte è stato certamente così, ma oggi, e nell'immediato futuro, li vedremo tutti insieme coagulati e dissolti a creare il Nuovo Uomo della Nuova Era, quello della Rivoluzione antropologica in corso.
"Coagula e dissolvi", "pars destruens e pars costruens", per chi non avesse ancora capito...
Questa è la più grande sfida mentale che si pone dinanzi all'uomo retto, cristiano, tradizionale. E temo che, purtroppo, la più gran parte di costoro perderanno questa sfida mentale, come oggi già appare palesemente.
La Cina è il prototipo di tutto questo: comunismo, capitalismo di Stato, genetica nazista, produttivismo schiavistico, conquista del mondo. Gli USA del Deep State appena trionfante ne devono essere i padrini mondiali. L'Europa il primo campo di battaglia da annientare, con l'Italia in primis per ovvie ragioni.
Ma nemmeno la Cina e il Deep State statunitense e mondiale sono la meta finale, ma solo strumento di questa meta.
Tutta la Rivoluzione è stata, è e sarà - per quel poco che ne rimane ancora - strumento di questa meta.
Chi ancora indugia su ciascuno dei tre elementi dell'anti-trinità infera e ctonica, ha perduto la sua battaglia intellettuale.
Chi vuole capire, deve avere il coraggio di seguire la realtà delle cose per come ci si presenta oggi a tutti noi.
Chi vuole restare libero, e quindi intelligente, deve staccarsi per sempre da liberalismo, comunismo, nazional-socialismo, deve capire cosa sia realmente la finanza, e ritrovare nelle radici della civiltà cristiana premoderna l'unica possibilità di salvezza.
Ma quella civiltà fondava le sue radici nel Vangelo di Gesù Cristo e in parte nella classicità greco-romana e nella dinamica della legge naturale delle cose: ovvero, in tutto ciò che oggi questo mondo odia e combatte.
Questo vuol dire che l'uomo libero e intelligente, oggi, non può che essere odiato e combattuto.
Per questo deve capire che è in guerra e deve prepararsi alla guerra, se vuole salvare se stesso, i suoi cari, l'umanità in quanto tale, la civiltà e la Tradizione. E la Chiesa stessa contro i suoi stessi uomini odierni.
Dobbiamo avere il coraggio di capire e di seguire chi ha veramente capito (gli altri sono già divenuti, quasi sempre inconsapevolmente, schiavi di Zeus), se vogliamo restare figli di Dio e quindi uomini liberi e veri. (MV)

Anonimo ha detto...

Guarda un po', le "patologie croniche pregresse" non debbono essere prese in considerazione e valutate quando si tratta di registrare il decesso per Covid, ma sono con assoluta certezza la causa di morte che esclude questa affrettata vaccinazione anti Covid come responsabile!
....Arcuri disse, siamo rigorosi nel classificare come morte covid anche in presenza di altre patologie... mentre in caso di morte poco dopo la vaccinazione e in maniera quasi aprioristica direi si cerca di escludere il nesso ... e tornano utili le patologie pregresse! e la chiamano scienza

Anonimo ha detto...

https://fsspx.news/it/news-events/news/senza-famiglia-quando-la-politica-italiana-rasenta-il-ridicolo-63550