mercoledì 21 marzo 2018

Come il ven. Fulton Sheen affrontò la crisi del post-Concilio e quali rimedi proponeva agli scottanti problemi della Chiesa

Mons. Hilary Franco, che ebbe il privilegio di lavorare parecchi anni come assistente personale di mons. Fulton Sheen, ci racconta come il Venerabile approcciò i gravi ed emergenti problemi della Chiesa negli anni che fecero seguito al Concilio Vaticano II, quale atteggiamento assunse e quali rimedi propose. Una testimonianza illuminante, preziosissima, da leggere e meditare. Si scoprirà allora che davvero Fulton Sheen è stato un Profeta ma, come tutti i veri Profeti, non ascoltato!!
Precedenti nel blog: Il falso profeta e l'Anticristo [quiqui];  Vivere la Messa [qui]; 8 dicembre, Madre delle madri [qui]; 

1. Sulla premura dell’Arcivescovo per i sacerdoti:
"L’Arcivescovo Sheen scelse di dedicare gran parte del suo tempo e delle sue energie ai sacerdoti, specialmente nell’ultima fase della sua vita. Sarebbe arduo stimare a quante centinaia di ritiri per preti partecipò in quel periodo [negli ultimi dieci anni di vita, giunta al termine nel 1979, ndt]. Una delle espressioni ricorrenti nelle sue lettere per me era che, sebbene trovasse la qualità dei preti generalmente soddisfacente, osservava con dolore che non tutti erano soddisfacenti.
Tuttavia riscontrava una complessiva reattività alla sua predicazione. Chiamava gli estremi tra i preti gli “ultravioletti” e gli “infrarossi”. In realtà, le sue parole erano in qualche modo più descrittive: “A ciascun estremo si trovano gli ultravioletti e gli infrarossi: i nevrotici che intendono cambiare il mondo senza Cristo, e gli psicotici che vogliono conservare la Chiesa ma ignorare il mondo”. Ma, devo comunque reiterare che in questo commento si riferiva ai comportamenti estremi".
Anche qui, la ragionevolezza e l’equilibrio contro ogni deriva estremista, si tratti degli smantellamenti di marca modernista o il rischio, insito in certo tradizionalismo sclerotizzato nei formalismi, di raggomitolarsi chiudendo fuori gli uomini, invece di farli entrare.

2. Sull’abbigliamento dei sacerdoti:
"Dismettendo l’idea che i vescovi debbano apparire “come uno dei ragazzi”, diceva che la Chiesa prospererebbe dall’essere innalzata invece che abbassata. Notava come nella sua esperienza quei preti che rifiutavano di indossare la talare erano spesso preti problematici che in pratica mostravano segni di difficoltà più profonde.
Una volta mi raccontò di un importante arcivescovo che si era lamentato di alcuni seminaristi che stavano causando parecchi grattacapi. Il Giovedì Santo, l’Arcivescovo Sheen si trovava in quel seminario per delle funzioni, e non un singolo seminarista era in talare. Si informò a riguardo, chiedendo a quello stesso arcivescovo perché non dicesse ai suoi seminaristi di vestirsi in maniera appropriata. Non vi fu risposta. In incidenti di questo tipo, Sheen vedeva il grande bisogno di leadership e buoni esempi.
Parallelamente al declinare dell’utilizzo dell’abbigliamento clericale vi era il declino nei gesti di devozione verso la Santa Eucaristia – come il genuflettersi- e, molto peggio, nel maneggiarla e nelle deviazioni liturgiche".

3. Sull’assenza di devozione e gli oltraggi al Santissimo Sacramento:
"Qualunque mancanza di rispetto per l’Eucaristia e la celebrazione della Messa gli facevano orrore. In quanto prete, la sua vita ruotava attorno all’Eucaristia, “la fonte e l’apice” della vita cristiana. Anche quando molto debilitato, si alzava per celebrare la Messa ed andare ad adorare il suo Signore nella sua cappella personale. E’ lì che fu trovato quando morì. Credo che questo contestualizzi tutto. (…) L’Arcivescovo osservava, nei suoi viaggi attraverso gli Stati Uniti, disturbanti deviazioni liturgiche. Questo era un insulto verso Nostro Signore e causa di grande sofferenza per l’Arcivescovo Sheen, il quale sapeva che le persone soffrivano molto a causa di tali scandali.
Sì, insisteva sulla presenza visibile del tabernacolo nelle chiese. Una volta mi raccontò che, in un noto monastero dove era stato invitato per un ritiro, nella chiesa non vi era il Santissimo Sacramento. “Ho annunciato che non avrei svolto il ritiro a meno che la Presenza Eucaristica fosse ristabilita”. Fu ristabilita per il ritiro. Ciò accadde anche in altre chiese.
Mi disse che troppi seminaristi rifiutavano di genuflettersi di fronte al tabernacolo. Lamentava il fatto che la gente si sedesse a parlare dopo la Comunione e che “il Signore è messo da parte in un angolo oscuro; in alcuni casi particole consacrate vengono portate in sacrestia e mescolate ad ostie non consacrate, ecc. (…) enfatizzava il bisogno, per la legislazione della Chiesa, di ristabilire la venerazione per il Santissimo Sacramento".

4. Sui ribellismi degli ordini femminili:
"Ciò che accadde alle religiose dopo il Vaticano II fu causa di grande angoscia per l’Arcivescovo. E’ una cosa che mi ripeteva costantemente! Credo che la sola altra questione che gli causava più dolore fossero le offese alla Santa Eucaristia. Era convinto che le suore “ci hanno considerevolmente deluso”. (…) Una volta chiese: “Quando, oh, quando verrà ricordato [da parte dei clerici adibiti a trattare il problema] alle sorelle che appartengono meno al mondo che alla Chiesa?”.
Nel 1973, mi disse che normalmente rifiutava di offrire ritiri alle suore a causa della situazione. Quando li offriva, era solo per quelle suore che si presentavano tutte negli abiti della propria congregazione. (…) Cominciava sempre i suoi discorsi parlando a “sorelle riconoscibili”, e notava che i laici amavano sentir dire ciò. Non gli andò mai a genio che le suore non vestissero i propri abiti, in modo da non identificarsi con la missione della propria congregazione ed essere così un segno nel mondo. (…) Come spiegava a quel tempo, per molte “lo standard è il conformarsi al mondo, non a Cristo”. Era convinto che la seduzione del secolarismo costituisse la maggiore tentazione per i cattolici degli USA. (…)
Riguardo alle suore e alla secolarizzazione, Sheen scrisse così nel 1972: “La vita spirituale nei nostri tempi comincia con un ‘no’ al mondo. I cristiani russi sono passati per la prova del comunismo, i tedeschi quella del nazismo e noi quella del secolarismo. Solo coloro che hanno detto ‘sì’ al trascendente hanno il potere di dire ‘no’. Le autorità nei primi secoli non erano dei sognatori. Erano guerrieri. Andarono nel deserto per vedersela col Demonio e dirgli ‘no’. Oggi le persone sono così affamate di pane e noi gli diamo Rice Krispies”.

5. Sui deragliamenti dell’educazione religiosa dopo il Concilio:
"[Sheen] era molto preoccupato riguardo l’educazione religiosa. Negli anni ’70 cominciò a mettermi in guardia sul deterioramento della catechesi. Le sue osservazioni erano profonde e profetiche. (…) Nel 1973 mi disse che era necessaria una lettera del Santo Padre che ristabilisse Cristo nella catechesi poiché i libri in uso per l’istruzione religiosa partivano dalla comunità, non da Cristo. Mi parlava di testi che “seguono Marx e non Marco”, ad intendere che eludevano Cristo o lo utilizzavano per altri fini. “Il marxismo è infine penetrato nella Chiesa”. Per lui, la catechesi fu uno dei “più grandi problemi” seguiti al Concilio. In tal senso, osservò in maniera profetica che la Chiesa negli Stati Uniti non necessitava un “rinnovamento”, bensì una “ri-Cristificazione”.
Nel 1976 lo invitarono ad una conferenza sulla catechesi intitolata ‘Gesù oggi’. Riscontrò che i film presentati alla conferenza riguardavano il cantare e l’abbracciarsi…tutto meno che l’Eucaristia! Non è incredibile? Quando così arrivò il suo turno di parlare, cominciò dicendo che era “turbato da un ‘Gesù oggi’ distinto dal ‘Gesù Cristo, lo stesso ieri e per sempre”. Predicò Cristo come faceva sempre! I partecipanti alla conferenza risposero con un prolungato applauso che dovette essere interrotto dopo un buon minuto”. (…) Era profondamente consapevole del fatto che durante quegli anni di confusione erano soprattutto i fedeli a soffrire. “Il cuore di Cristo è spezzato! Così come quelli dei fedeli”. Questo era riferito a coloro ai quali veniva detto che non esisteva più un obbligo domenicale. Sì, è vero, la gente soffriva. E lui soffriva poiché, come diceva spesso, le persone erano molto ricettive, ma non ricevevano insegnamenti. Ne era conscio perché andava ad incontrare le persone, predicava loro Cristo e le vedeva rispondere alla predicazione del Vangelo. Diceva sempre che la gente vuol essere innalzata e non trascinata verso il basso".

6. Sull’ecumenismo correttamente inteso dall’Arcivescovo, Mons.Franco racconta:
"Un’altra categoria per cui provava interesse erano i protestanti ed i gruppi ecumenici. Ho sempre detto che l’ecumenismo scorreva nelle sue vene! Senza sosta, parlava a centinaia di persone ed a volte anche a migliaia nella stessa occasione. “Seicento ministri metodisti del Nord Carolina mi hanno invitato a parlare per tre giorni ad una conferenza sulla predicazione e la vita spirituale. Questo non sarebbe stato possibile dieci anni fa”. Poco dopo, scrisse che andava a rivolgersi a ventunomila giovani luterani a Houston, notando che “il potenziale di conversione è grande” laddove Cristo viene predicato. Provava interesse anche nel rivolgersi a varie organizzazioni secolari. “Non sono invitato nelle università cattoliche, ma in quelle secolari, nelle camere di commercio, in istituzioni commerciali. Mentre la Chiesa sta cercando di identificarsi con la cultura…ci sono gruppi in cerca di trascendenza”. Nel 1975 scriveva di dover rifiutare dieci inviti al giorno, molti dei quali provenienti da organizzazioni non religiose".
Insomma, un eccezionale apostolo della Chiesa al quale tutte le confessioni protestanti (negli USA storicamente tutt’altro che ben disposte verso i cattolici, come appunto accenna lo stesso Sheen), ebrei e persino svariate associazioni di estrazione laica, si rivolgevano per ascoltare parole di sapienza e verità. Proprio mentre in seno alla Catholica torme di invasati cercavano di farla virare verso il mondo, questo quasi sembrava voler intraprendere la direzione opposta, alla ricerca di quella verità che, se efficacemente predicata, si mostra irresistibile.

7. Sulla burocratizzazione e la mondanizzazione dei clerici americani (e, viene fondatamente da dire: non solo quelli):
"Nel 1970, mi confidò una grande preoccupazione riguardo il futuro. Al centro di essa stavano i suoi fratelli vescovi. Vedeva la debolezza di un alto numero di loro, debolezza che minava la loro autorità come successori degli apostoli. In quel periodo critico, incontrò vescovi che cercavano di evitare problemi e decisioni difficili, delegando la propria autorità ad altri, fallendo nell’insegnamento e nella disciplina, ascoltando cattivi consiglieri e dimostrando apatia. “Così tanti hanno paura di non essere amati”, mi diceva. (…) Diceva che “la Chiesa negli USA sta andando alla deriva – non necessariamente verso un abisso- ma comunque alla deriva. In tanti si riposano sui loro remi, perché nessuno ha indicato loro la direzione. Fissiamo il giroscopio che registra ogni cosa che passa, ma non il radar bloccato in un punto”.
Era timoroso che la conferenza episcopale si stesse appesantendo di pratiche burocratiche e si stesse allontanando dalla centralità di Cristo per dirigersi verso questioni politico-sociali. Ricordo una discussione su una ricerca sociologica del 1970 commissionata dai vescovi i cui risultati furono però scoperti dalla stampa ben prima che i vescovi li visionassero. Diceva che il pericolo nello sponsorizzare tale tipo di indagini era che la dottrina e la moralità diventassero un fatto numerico. “La maggioranza” decide! (…) “Il potenziale per la conversione è grande, se solo annunciassimo Cristo invece che inezie sociologiche e scienze politiche”. (…) “Il nostro paese è pronto per la disciplina e il sacrificio di sé, ma nessuno ne parla”. (…)
Osservava il declino della cristianità nella nostra nazione, proprio lo stesso di cui stiamo facendo esperienza oggi. Al tempo, disse che eravamo prossimi ad entrare in un “nuovo mondo” la cui natura era difficile da scorgere, ma che non sarebbe stata più cristiana: “…siamo alla fine del cristianesimo – ma non della cristianità”. Con cristianesimo intendeva le questioni politiche, economiche e sociali di una nazione governata secondo l’etica del Vangelo".

8. Infine, sulle possibili soluzioni a tale deriva:
"Credeva che la Chiesa fosse la sola autorità morale rimasta nel mondo. Per cui si può immaginare quanto gli premeva che la Chiesa avesse dei leader forti, pii e ben istruiti! “Più la Chiesa agisce divinamente, più eserciterà influenza. Il problema è che tantissimi sacerdoti non hanno dimestichezza con l’autorità comune, vale a dire il Magistero, e così i fedeli diventano confusi”. Diceva, tra le altre cose, che la Chiesa restava chiusa in se stessa, “non sufficientemente attenta ai problemi del mondo ed in special modo all’evangelizzazione di quelli al di fuori della Chiesa”.

.* * *
Dai ricordi e dalle citazioni del Venerabile Sheen raccolte da Mons. Franco si mostrano dunque luminosi il suo amore per la Chiesa di Cristo, la lucidità e la capacità di leggere le cause profonde dei problemi e i segni del tempo, l’umiltà di un grande intelletto combattente per la Verità contro i facili compromessi col mondo, unicamente interessato a portare quante più anime al Signore e non ad innalzarsi nella vanagloria e l’autocompiacimento. Tutte qualità che oggi sembrano latitare in molti clerici, per i quali pregare ed augurarsi si conformino all’esempio dell’Arcivescovo Sheen, come descritto ancora una volta da Mons.Franco:

"Era davvero un “ponte” tra l’uomo e Dio. Possedeva questo dono divino del trasmettere una grande autorevolezza e visione nella sua predicazione e nella conversazione. Insegnava in modo profondo, deciso ed incisivo, così che l’ascoltatore riusciva a rendersi conto delle proprie mancanze e cadute, sollecitando pentimento in coloro che lo ascoltavano. Poi, all’improvviso, vedevi apparire nei suoi occhi quell’irreprimibile scintillio ed un sorriso gentile. Era un segno di come il giudizio di Dio è sempre temperato dalla misericordia e il perdono, e sapevi che, quando ascoltavi predicare il Vescovo Sheen, stavi ricevendo qualcosa di vero e duraturo".
 [Fonte: Difendere la vera fede by Gloria.tv]

14 commenti:

Anonimo ha detto...

http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2018/03/21/0212/00461.html

http://press.vatican.va/content/dam/salastampa/it/bollettino/documentazione-linkata/Lettera%20di%20Mons.%20Dario%20Vigan%C3%B2.pdf

http://press.vatican.va/content/dam/salastampa/it/bollettino/documentazione-linkata/Lettera%20del%20Santo%20Padre.pdf

S.Benedetto 21 Marzo
Preghiera per la Chiesa..
Sostieni la santa madre Chiesa, o Benedetto, con la tua potente intercessione! Assisti la Sede Apostolica, tante volte occupata da figli tuoi. O padre di tanti Pastori di popoli, concedici Vescovi simili a quelli che la tua Regola ha formati; o Padre di tanti Apostoli, ottieni ai paesi infedeli inviati evangelici che trionfino con la parola e col sangue, come quelli che già uscirono dai tuoi chiostri. Padre di tanti Dottori, prega, affinché la scienza delle sacre Lettere rinasca per sovvenire alla Chiesa e confondere l’errore. Padre di tanti Asceti, rinfervora lo zelo della cristiana perfezione, che sta languendo nelle moderne cristianità. Patriarca della Religione in Occidente, vivifica tutti gli Ordini Religiosi che lo Spirito Santo continuò a dare alla Chiesa. Tutti guardano a te con rispetto, come al loro venerabile antenato: spandi dunque su tutti loro l’influsso della tua paterna carità.

Preghiera per l’Europa…
O Padre di tanti popoli, rivolgi lo sguardo sulla tua eredità e degnati di benedire ancora questa ingrata Europa che ti deve tutto e ha quasi dimenticato il tuo nome. La luce portata dai tuoi figli è impallidita; l’ardore col quale vivificarono le società da essi fondate e civilizzate con la Croce, s’è quasi estinto; triboli coprono gran parte il suolo nel quale gettarono il seme della salvezza: soccorri l’opera tua e con le tue preghiere mantieni in vita ciò che sta per morire. Consolida ciò che è stato squassato e fa’ che una nuova Europa cattolica presto s’innalzi in luogo di quella creata dalle eresie e da tutte le false dottrine.

http://itresentieri.it/21-marzo-san-benedetto-abate/

irina ha detto...

"... Era profondamente consapevole del fatto che durante quegli anni di confusione erano soprattutto i fedeli a soffrire. “Il cuore di Cristo è spezzato! Così come quelli dei fedeli”..."

La sofferenza è dilagata, non vista, tra i sacerdoti, tra i religiosi, tra i fedeli, tra tutti coloro che rimangono al loro posto, mentre la rivoluzione continua la sua marcia trionfale. Alcuni hanno ceduto il senno pur di fuggire dalla contraddizione. Di queste vittime reali chi si occupa? Tengano a mente i rivoluzionari che molti restano sul campo straniati. Il dolore troppo forte fa impazzire, fa morire, follia e crepacuore hanno già seminato vittime.Ho raccontato di quelle signore istriane conosciute in quella casa ricovero. Dolore puro, una spada che trafigge la testa ed il cuore con un sol colpo; la mente viene trafitta dai fatti: sradicamento, perdita, morte; il cuore viene trafitto dall'amore: forte come la morte, che non lascia, che difende impotente l'amato, gli amati, al di là di ogni tempo, con la forza potentissima della disperazione, che scavalca ogni dimensione, ogni limite. Molti sono nella condizione di quelle signore istriane, folli, grande dignità, erette davanti al dolore, ferme nel loro amore, possenti, impazzite, regali, incoronate di spine. Così soffre chi la Chiesa l'ha amata e l'ama e l'amerà sempre qual'è sempre stata:Chiesa di Gesù Cristo, Verbo di Dio, che le tenebre non hanno accolto.

Anonimo ha detto...

Uomo soffocato dalla miseria , uomo senza via di scampo , uomo nell'affanno di una infermita' inguaribile , uomo disperato,
Dio infinitamente misericordioso si e' spogliato di tutto per te , delle vesti e anche del sangue . Sta per morire tra due ladroni sopra un turpe patibolo . Mio Dio e mio Signore , una volta ancora , il Tuo sguardo si incrocia con lo sguardo di Tua Madre e l'Universo trema ! La spada penetra fino in fondo . La totale poverta' della nascita , la totale nudita' della morte .

In ginocchio davanti alla Verita' !

Anonimo ha detto...

Lo chiedo perché non lo so: secondo lui le cause dello sfacelo denunciato quali erano ?

Anna

mic ha detto...

Verbo di Dio, che le tenebre non hanno accolto

L'altro significato è che le tenebre non l'hanno 'avvinto'... e dunque anche i Suoi, pur se in un mondo di tenebre brillano della Sua luce!

irina ha detto...

Grazie.

Sacerdos quidam ha detto...

Da ciò che ho letto nell'articolo, mi sembra che Mons. Sheen sia stato un po' la versione americana del nostro Card. Siri.
Ottimo teologo, per nulla neomodernista, ma senza alcuna volontà di affrontare la radice della crisi nella sua espressione ufficiale, ossia il Concilio Vaticano II.
Non avendo voluto affrontare di petto il vero problema, lo stigmatizzare gli effetti disastrosi del postconcilio non sarebbe servito praticamente a nulla.
Eppure, volendo, la reazione dei Vescovi ancora cattolici avrebbe potuto ancora cambiare le cose e sconfggere i neomodernisti ormai al potere nella Chiesa.
Pensiamo un po' cosa sarebbe potuto accadere se, ad esempio, tutti i 250 Vescovi del Coetus Internationalis Patrum, attivo durante il Vaticano II e del quale faceva parte anche Mons. Lefebvre, si fossero opposti coralmente allo sfascio in corso.
Cosa avrebbe fatto Paolo VI, li avrebbe sanzionati tutti e 250? Non credo proprio.
Era proprio di questo che si lamentava Mons. Lefebvre: dei 250 prelati che avevano combattuto insieme durante il Vaticano II erano rimasti solo in due, lui e Mons. Antonio De Castro-Mayer, ad opporsi ai neomodernisti. Gli altri, tra i quali appunto Siri, nel periodo successivo si erano defilati rientrando nei ranghi a testa bassa, con le solite scuse fasulle: obbedire, evitare lo scandalo, ecc.
Come sempre, la forza dei perversi sta nella debolezza dei 'buoni'. Ieri come oggi.

Anonimo ha detto...

"Da ciò che ho letto nell'articolo, mi sembra che Mons. Sheen sia stato un po' la versione americana del nostro Card. Siri.
Ottimo teologo, per nulla neomodernista, ma senza alcuna volontà di affrontare la radice della crisi nella sua espressione ufficiale, ossia il Concilio Vaticano II."

Questa é l'impressione che ho avuto anche io.

"Come sempre, la forza dei perversi sta nella debolezza dei 'buoni'. Ieri come oggi.": Già.

Anna

marius ha detto...

Quoto Sacerdos Quidam

Anonimo ha detto...

«Niente fede senza battaglia»
Lo ha detto l’arcivescovo emerito di Ferrara, mons. Luigi Negri, chiudendo il convegno sui cinquant’anni dall’Humanae Vitae, promosso da “Voice of the Family” a Roma presso la Pontificia Università «S. Tommaso d’Aquino» lo scorso 28 ottobre.

Anonimo ha detto...

Posti all'indice perche' non vogliono peccare :
https://www.maurizioblondet.it/il-nuovo-perbenismo-trasgressivo/

Anonimo ha detto...

"Hai tu, o io, il diritto alla vita soltanto finché noi siamo produttivi, finché siamo ritenuti produttivi da altri? Se si ammette il principio, ora applicato, che l'uomo improduttivo possa essere ucciso, allora guai a tutti noi, quando saremo vecchi e decrepiti. Se si possono uccidere esseri improduttivi, allora guai agli invalidi, che nel processo produttivo hanno impegnato le loro forze, le loro ossa sane, le hanno sacrificate e perdute. Guai ai nostri soldati, che tornano in patria gravemente mutilati, invalidi. Nessuno è più sicuro della propria vita."
"Sotto il nazismo dissi pubblicamente, e lo dissi anche riguardo a Hitler nel '39, quando nessuna potenza intervenne allora per ostacolare le sue mire espansionistiche: la giustizia è il fondamento dello Stato. Se la giustizia non viene ristabilita, allora il nostro popolo morirà per putrefazione interna. Oggi devo dire: se tra i popoli non viene rispettato il diritto, allora non verrà mai la pace e la giustizia tra i popoli"

in memoria del Beato Clemente Augusto von Galen, vescovo di Munster, che si oppose sempre tanto al liberalismo quanto la nazismo quanto infine al comunismo; parole da meditare, tanto per i legislatori e i magistrati quanto per i sacerdoti e i vescovi...

Anonimo ha detto...

Il vescovo di Sulmona picchia duro sulle unioni civili: "Sono figlie delle lobby LBGI. La Politica rema contro la famiglia naturale"

http://www.molisedoc.it/?p=40265

fabriziogiudici ha detto...

Picchiava duro: l'articolo è del 2016...