venerdì 13 aprile 2018

Venerdì 13 aprile. La Preghiera di Riparazione

Ricordiamo che oggi, venerdì, è il giorno dedicato alla Preghiera di Riparazione secondo le modalità, complete delle Litanie del Sacro Cuore, che trovate qui.

Rimaniamo fedeli al nostro impegno nella preghiera di riparazione e continuiamo a pregare perché sia sventata l'introduzione della cosiddetta Messa ecumenica, che vanifica totalmente il Santo Sacrificio, con annesse catechesi dei protestanti nelle nostre Chiese. Per non parlare dei cambiamenti di paradigma che usano il funambolismo linguistico per condurre verso rivoluzionari orizzonti inesplorati fuori dalla Via maestra.
Preghiamo per come viene contristato il Signore nel nostro Paese e nel degrado ingravescente che lo attanaglia e per i politici che in questi giorni stanno cercando di invertire una rotta nefasta. Preghiamo anche per i venti di guerra che minacciano la Siria con conseguenze terribili per tutti. 
Invochiamo Cristo Signore che ci ha ammonito che “ senza di Lui non possiamo fare nulla ” (cfr. Gv 15, 5) e chiediamo l'intercessione della Vergine, Madre Sua e nostra, perché voglia stornare tutti i pericoli, i mali e le insidie in tutti gli ambiti del vivere civile e religioso dove Lui possa tornare a regnare. Preghiamo anche perché il Signore voglia presto darci Santi Pastori che possano guidare i fedeli in questa epoca di smarrimento, di confusione e di empietà e sostenga quelli che si espongono con parresìa.

13 commenti:

mic ha detto...

Ti adoro, mio Dio, ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le azioni della giornata: fa’ che siano tutte secondo la tua santa volontà per la maggiore tua gloria. Preservami dal peccato e da ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. Amen.

Nelle Tue mani , Padre.. ha detto...

https://secretummeummihi.blogspot.it/2018/04/ultimo-monasterio-de-las-brigidinas-en.html

Anonimo ha detto...

"La Felicità! Il suo dente, dolce da morire"
(A. Rimbaud)

"Nessun uomo può vedermi e restare vivo"

Il cuore della gioia è arduo.

Vedere il volto di Dio è la vita eterna. E, tuttavia, vedere il Suo volto è morire.

La Sua felicità non smette di distruggere ogni gioia che abbia la meschinità della nostra misura.

Perché ci lasciamo introdurre nella Sua.

Abbiamo chiarezza sufficiente per confermare l’oscurità necessaria.

Perché il desiderio si faccia più fondo, si liberi l’offerta, e si accolga il qui e ora come ci viene dalla Sua mano.

E il nostro lamento si cambi in danza,
mentre dalle Sue mani cresce sul mondo
la luce di un altro mattino.
Franca Negri

Anonimo ha detto...

Nelle Tue mani , Padre questa Italia ....arretrata
http://www.centrostudilivatino.it/un-pendio-scivoloso/

mic ha detto...

....
La battaglia di Tom, Kate e Alfie si è svolta nella quasi totale indifferenza dei Grandi. I mass media, i governi, i politici, la Chiesa. L’hanno difeso le persone comuni, sui social e nelle strade di Liverpool, davanti all’ospedale. Mass media, governi e politici sono interessati a ben altro, e lo sappiamo. La Chiesa, in teoria, no. Forse sono stupidamente romantico. Mi farebbe piacere vedere l’arcivescovo di Liverpool, davanti a quell’ospedale, a pregare. Mi piacerebbe che il Papa….ma che scrivo a fare? Tanto non succederà nulla di quello che magari sogno. Che cosa può aver detto al papa il suo “uomo della Vita”, mons. Paglia? Quello che ha detto nella sciagurata intervista: “la decisione presa non intendeva accorciare la vita, ma sospendere una situazione di accanimento terapeutico”. Poi la Chiesa si sveglia una bella mattina, si guarda allo specchio e si dice: chissà perché sono irrilevante? Già, chissà perché.
Marco Tosatti

mic ha detto...

... medici e giudici fanno fronte compatto e decretano la morte di Alfie, perché la sua vita è «inutile». Una cosa scandalosa, inquietante, davanti alla quale non ci sono parole sufficienti per esprimere lo sdegno e il dolore. Sdegno e dolore accresciuti dal grande silenzio nel quale questa tragedia si sta consumando.

Ma se il silenzio complice dello Stato e del potere che si esprime attraverso i maggiori mezzi di comunicazione era atteso, ciò che fa veramente male è il grande silenzio della Chiesa, o per meglio dire, dei suoi pastori. Sì, perché grazie ai siti internet e ai social tanti cattolici si sono mobilitati con preghiere, diffusione di notizie, iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica e coinvolgere i “potenti”.

Ma dal vertice, dai pastori, solo silenzio, soltanto un tweet del Papa a giochi quasi fatti e dal significato ambivalente. Anzi, c’è stato anche qualcosa di peggio del silenzio: una intervista del presidente della Pontificia Accademia per la Vita, monsignor Vincenzo Paglia, che ha dato sostanzialmente ragione ai giudici e non ha avuto nulla da obiettare sul fatto che per giustificare l’omicidio di Alfie, nella prima sentenza si sono usate strumentalmente le parole del Papa.

Eppure, come abbiamo raccontato, i genitori di Alfie avevano presentato perfino una ufficiale richiesta di asilo diplomatico in Vaticano, e una lettera personale è stata consegnata al Papa, ma i genitori di Alfie non sono stati degnati neanche di una risposta. Peggio: Thomas Evans, il papà di Alfie, molte volte ha chiamato la Nunziatura per avere notizie: è stato sempre rimbalzato. Certo, a parziale attenuante c’è che il movimento che sicuramente c’è stato tra Segreteria di Stato e Nunziatura è stato scoraggiato dal comportamento della Chiesa inglese, il cui silenzio è stato assoluto....
http://lanuovabq.it/it/il-silenzio-della-chiesa-un-tradimento

fabriziogiudici ha detto...

Ho pubblicato un nuovo appello alla preghiera:

https://santorosarioperlitalia.net/2018/04/13/nuovo-appello-alla-preghiera/

Fatelo girare.

fabriziogiudici ha detto...

Il bello (si fa per dire) è che pretendono di ribaltare la dottrina millenaria perché da "rigidi" e "farisei" attaccati alla legge, loro che invece si appellano all'"amore". Ah, "sarete giudicati sull'amore", mica sulla Legge! E poi, quando devono testimoniare l'amore, concretamente, non in proclami, esortazioni apostoliche, abbracci con scambio di papaline e telefonate a sorpresa, sono latitanti.

Anonimo ha detto...

REG. LOMBARDIA:
il neo Presidente Fontana ha comunicato nella giornata di oggi che la Regione Lombardia NON patrocinera' il prossimo gay pride di Milano. Ma che anzi, si dissocia totalmente da queste pagliacciate. Nell'occasione, il Palazzo della Reg. verrà anche illuminato con la scritta 'Family Day', a sostegno del concetto della famiglia tradizionale cristiana.
Bene così.

Anonimo ha detto...

Perché i telegiornali nazionali non dicono che a Liverpool c'è un bimbo, Alfie Evans, che sta per essere ucciso dallo Stato inglese? Perché non raccontano che il suo papà sta tentando coraggiosamente di portarlo in Italia per curarlo nel migliore dei modi ed evitare la soppressione, sicura, che la civile Gran Bretagna riserverebbe al suo piccolo? Perché???

Anonimo ha detto...

https://www.facebook.com/lanuovabq/videos/1167172703423763/

Anonimo ha detto...

E' qui che la Chiesa Cattolica dovrebbe uscire allo scoperto : "La vita appartiene a Dio che la dona e la riprende e non e' in vendita"!
Un sopruso incredibile , da film horror , si assiste ad un giudice che per RIPICCA ( ma quanti anni ha questo giudice , e' un ragazzino ?) verso il padre che vuol riprendersi il suo bambino perche' la struttura ospedaliera non e' piu' in grado di curarlo , che fa'? Gli toglie la patria potesta' !! Se non e' RIPICCA , se non e' RITORSIONE come la vogliamo chiamare prendere in ostaggio uno che non si puo' difendere......!?! Mi pare che questo giudice dovrebbe essere privato del titolo di "giudice" perche' non giudica un piffero e' solo appare sempre piu' chiaro che e' al soldo dei desiderata dell'Ospedale , e' un picciotto .

Questo è il vero accanimento su Alfie
http://www.lanuovabq.it/it/questo-e-il-vero-accanimento-su-alfie

Anonimo ha detto...

Alder Hey Hospital , provate a fare quello che state facendo a una cosiddetta "star" o ai nipoti della regina !!!!