mercoledì 11 maggio 2022

Chi in Europa riaccenderà la luce che può rischiarare le tenebre della guerra?

Mehr Licht!, implorava Wolfgang von Goethe sul letto di morte, e non perché gli si fossero consumate le candele. ‘Più luce!’ è ciò di cui ha bisogno l’Europa di oggi, e non perché sta finendo il gas russo. Come le vergini del tempio di Vesta, i Cristiani hanno il compito di portare la luce. Direi di più, poiché quella di Cristo è la luce vera. Come l’unità religiosa e culturale ha reso il nostro un “continente”, il progressivo allontanamento dalle sue radici cristiane ne ha provocato la divisione e il conflitto, e continua a farlo. L'articolo che segue è tratto da da Tempi mensile, maggio 2022. Qui l'indice degli articoli correlati.

Chi in Europa riaccenderà la luce 
che può rischiarare le tenebre della guerra?

Drogheda. A pochi chilometri da questa graziosa città irlandese sorge Newgrange, un monumento sepolcrale a forma di tronco di cono, con un diametro di circa 100 metri e un’altezza di 9 metri, realizzato fra il 3.000 e il 2.700 a.C., con materiale portato da centinaia di chilometri di distanza. Un passaggio lungo poco meno di 20 metri conduce alla camera sepolcrale, nella quale si aprono tre loculi disposti a croce rispetto al passaggio. Chi ha progettato Newgrange è stato così preciso che da 5.000 anni la luce del sole penetra in quella camera una sola volta all’anno, alle nove del mattino di ogni 21 dicembre, giorno del solstizio d’inverno.

Molto prima che la fede cristiana mettesse radici in Europa, l’Europa bramava la luce: al punto da collegare al percorso di risalita in cielo dell’astro della luce la speranza in una vita oltre la morte, perfino in un angolo così remoto delle sue terre. Drogheda fu visitata da S. Giovanni Paolo II il 29 settembre 1979, e il Pontefice polacco ne trasse spunto per “ricordare la prima venuta qui, più di mille e cinquecento anni fa, di San Patrizio. (…) non lontano da questo luogo, sulla collina di Slane, egli accese per la prima volta in Irlanda il fuoco di Pasqua, perché la luce di Cristo risplendesse su tutta l’Irlanda ed unisse tutto il suo popolo nell’amore dell’unico Gesù Cristo”.

Dalla periferia al cuore dell’Europa, avvicinandoci al più importante dei solstizi d’inverno – quello così centrale, che da esso contiamo gli anni -, è difficile dimenticare la realizzazione dell’Aracoeli sul Campidoglio, che la tradizione attribuisce all’imperatore Augusto in onore del Figlio di Dio; e il sacro fuoco, che la tradizione vuole per la prima volta acceso da Romolo, mantenuto in permanenza dalle vestali quale simbolo dell’eternità dell’Urbe; fino a quando la fede ha trasferito anche materialmente quella luce nella fiamma che arde davanti a ogni tabernacolo, quale realtà dell’eternità divina. Quella Luce ha trasformato i cuori dei singoli e delle comunità, ed è arrivata a risplendere sui popoli europei: ha permesso la sintesi tra la filosofia ellenica, il diritto romano e le culture delle genti germaniche e celtiche, formando l’Europa.

Dopo le migrazioni barbariche l’Europa è diventata la fucina di una civiltà: diverse culture si sono dapprima scontrate, poi sempre più amalgamate, fino ad assumere una fisionomia nuova e omogenea, attorno alla individuazione dell’uomo quale fonte e soggetto di diritti riconducibili alla sua dignità di anima razionale; non sarebbe accaduto senza l’intervento della Chiesa, a partire dai Padri, e poi dalla seminazione di San Benedetto e dei suoi monaci. Solo il Cristianesimo ha potuto svolgere questo ruolo essenziale perché annunciatore della luce della fede, senza essere portatore di una specifica cultura. L’opera di inculturazione promossa dalla Chiesa ha permesso alle diverse tradizioni culturali di entrare in relazione con la medesima fede, convergendo fra loro verso questo centro unificante. Senza il Cristianesimo l’Europa sarebbe rimasta quella che è dal punto di vista geografico, l’appendice occidentale dell’Asia, non avendo né l’estensione territoriale né l’omogeneità etnica di un continente: se è qualificata ‘continente’ è proprio per aver accolto la luce di quella fede, arrivando addirittura, con i limiti umani di chi di volta in volta ha concorso all’opera, a diffonderne i frutti in ogni angolo del mondo.

“Molti scrittori hanno evocato la bellezza delle notti illuminate dalle stelle. Invece le notti di guerra sono solcate da scie luminose di morte – Papa Francesco ha iniziato con queste parole l’omelia della Veglia di Pasqua -. In questa notte (…) lasciamoci prendere per mano dalle donne del Vangelo, per scoprire con loro il sorgere della luce di Dio che brilla nelle tenebre del mondo”. Pochi giorni prima, il 25 marzo, lo stesso Pontefice aveva illuminato la basilica di S. Pietro con la consacrazione della Russia e dell’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria, riprendendo il gesto compiuto nel 1984 da S Giovanni Paolo II.

La conversione dei popoli. E qui veniamo al punto. Il punto è quanto come cristiani abbiamo inteso o intendiamo cogliere lo straordinario passo del Papa. Pensiamo di archiviarlo, come emerge perfino dai media di area, nei termini di una suggestiva cerimonia di preghiera per la pace nel mondo, o fra Russa e Ucraina, e nulla di più? Quando invece essa fa riscoprire una consapevolezza analoga a quella che ha permesso all’Europa di sorgere, e di sorgere come cristiana?

La consapevolezza è che il messaggio della Vergine ai pastorelli di Fatima nel 1917, di cui è parte la Consacrazione della Russia, ha una prioritaria dimensione personale, di richiamo alla conversione del cuore, ma ne ha al tempo stesso, soprattutto nella seconda parte, una parallela dimensione sociale, di richiamo alla conversione delle comunità. È la coscienza che ogni evangelizzazione trasforma, nella distinzione degli ambiti, la fede in cultura e la cultura in scelte politiche. È quindi l’aver ben chiaro che, come l’unità religiosa e culturale ha reso l’Europa un continente, a prescindere dalla geografia, il progressivo allontanamento dalle sue radici cristiane ne ha provocato, e continua a provocarne, la divisione e il conflitto.

Un’impresa possibile. È fin troppo banale constatare l’Europa come è adesso – quella cosa che si fa chiamare Unione Europea – non è in grado di affrontare la crisi esplosa al proprio interno. Con quale luce essa può rischiarare le tenebre della guerra se fin dalla sua costituzione ha deciso di spegnere dentro di sé la fonte della luce vera? Non suona ipocrita meravigliarsi oggi per il conflitto in corso, quando alle spalle ci sono le esperienze belliche devastanti della Bosnia, della Serbia, del Kosovo, ci sono i traffici di armi e di droga con l’Albania e di esseri umani con la Moldavia, ci sono i rifornimenti di armi a cielo aperto dai mercati della Transnistria, ci sono le scorribande finanziarie e le spoliazioni di ‘oligarchi’ di varia provenienza? Hanno attraversato gli ultimi trent’anni e li scopriamo adesso? In che cosa e quando questa Europa, nei suoi territori o in quelli che volevano esserne parte, è riuscita a venire a capo di tutto ciò? E come pensa di affrontare il costante arrivo dei migranti e la loro integrazione, se rifiuta tematicamente qualsiasi elemento che possa amalgamarli, a differenza di quanto avvenuto con tanta fatica agli albori del c.d. Medioevo?

Il punto è capire se oggi in terra europea esiste una generazione di Cristiani che voglia dare senso e attualità a quella luce intuita e agognata cinquemila anni fa da chi ha costruito Newgrange; che svolga la missione di declinare nella vita culturale, sociale e politica la Consacrazione del 25 marzo, quale atto fondante di una rinnovata radice cristiana – è questo il significato di una consacrazione – da conferire ai popoli europei, e all’Europa nel suo insieme; che, consapevole che è un’impresa possibile, essendosi già realizzata in secoli che i maestri delle tenebre definiscono ‘bui’, la persegua senza sconti o cedimenti.

Mehr Licht!, implorava Wolfgang von Goethe sul letto di morte, e non perché gli si fossero consumate le candele. ‘Più luce!’ è ciò di cui ha bisogno l’Europa di oggi, e non perché sta finendo il gas russo. Come le vergini del tempio di Vesta, i Cristiani hanno il compito di portare la luce. Direi di più, poiché quella di Cristo è la luce vera.
alfredo mantovano - Fonte

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Non è facile far rivivere un amore ogni giorno tradito nei secoli, prima in maniera accidentale poi, via via, sempre più scaltra ed ipocrita nel lento, ma ostinato passaggio da Dio all'io. Oggi il ribaltamento completo è avvenuto, l'Io domina e dio è uno tra gli altri idoli dell'antichità.

Non so oggi chi sia e se esista l'essere umano di salda Fede in Dio,Padre, Figlio e Spirito Santo. Da quello che si vede da vicino e da lontano direi che proprio questo qualcuno non esiste.

La Fede, come ogni amore che voglia dirsi tale, ha bisogno di infinite attenzioni, di mille pensieri amorevoli quotidiani, di aggiustamenti, di approfondimenti del cuore, di slanci di unione, di sacrifici assunti dimenticando l'io per unirsi al Tu diventando Noi.

Oggi quanto sopra è diventato oscuro, brillano mercato, tecnologia, potere, armi nella grande bolla del sesso. Al momento questi sono i nostri valori e se continua così, come gli oscuri progenitori lasciarono i megaliti a testimonianza della loro fede, noi lasceremo i megabyte a testimonianza del nostro egotismo.

Anonimo ha detto...

L'Occidente nel quale siamo posti dalla Provvidenza e il mondo

Nella profondità teologico-politica una vera propria rottura in Occidente non c'è mai stata - semmai una progressiva decadenza. I protestanti hanno mantenuto il Filioque e, in questo senso, sono rimasti nell'orbita cattolica e romana. La neutralizzazione giusnaturalistica cattolica a Salamanca (Francisco de Vitoria e Suarez) è persino più problematica di quella luterana che trova espressione nel fondamento della chiusura della costituzione hobbessiana: «Christ is the Lord». Grozio le sintetizzò nichilisticamente entrambe: «Etiam si Deus non daretur». E su questo principio nacque l'ente antiromano (e anticristiano) che oggi si chiama ONU. L'ordine dell'Occidente e dell'intero orbe passa per la lotta per il Filioque e per la giurisdizione romana che gli coappartiene di diritto. Così si potranno fare i conti, nella giustizia, anche con i popoli dell'a solo Patre e con lo spazio pagano.
Andrea Sandri

Anonimo ha detto...

Rainews 24 titolo a tutta pagina: " la notte di Stefania" all'eurovision.
L'ucraina conquista la finale indipendentemente dalla canzone che, diciamocelo, fa cagare.
Ma... il mondo è d'accordo: deve vincere l'Ucraina... per la pace, per zelensky, perché Putin è un cattivone e perché siamo tutti bbbbuoni.
Salvatore Napolitano

Quando un papa arriva a tanto! Lasciate ogni speranza o triplicate le preghiere! ha detto...

Dal Papa le mogli dei combattenti del Battaglione Azov, poi cita Giuditta che sgozzò il dittatore 
di  Huffpost

"Era coraggiosa questa donna", ha commentato il Pontefice parlando del personaggio biblico all'udienza generale

11 MAGGIO 2022

E l'Italia? ha detto...

ANCORA MASCHERINE? L'ITALIA RIFIUTA IL RITORNO ALLA NORMALITA' (Eugenio Capozzi su lanuovabussolaqt)

Chiunque ha potuto notare come nei negozi, nei supermercati, nei centri commerciali, nelle chiese la stragrande maggioranza della popolazione italiana abbia preferito continuare a portare le mascherine, come solo pochi abbiano osato restare a viso scoperto, e come il fenomeno dei “mascherati” sia rimasto addirittura ancora consistente anche all’aperto. Confermando il permanere di una differenza abissale, in materia, tra il nostro Paese e le altre nazioni d’Europa, in cui l’abolizione dell’obbligo di indossare i “dispositivi” è stata accolta da gioia e sollievo generali, e dove gli unici ancora a portare la mascherina sono ahimè, immancabilmente, quasi sempre turisti e viaggiatori italiani. Una controtendenza così diffusa e insistita, rispetto alle stesse, caute aperture governative deve far seriamente riflettere sui fattori che contribuiscono a determinarla.

Da un lato, questa apparente volontà convergente e “dal basso” di rimanere oltre ogni ragionevolezza in una condizione di emergenza dimostra con evidenza ciò che già da più parti è stato individuato e a lungo denunciato: e cioè che IN ITALIA E' STATA MESSA IN ATTO NEGLI ULTIMI DUE ANNI UNA PROPAGANDA TERRORISTICA "DALL'ALTO" PARTICOLARMENTE MARTELLANTE, CATASTROFISTA E A SENSO UNICO. E quindi che i media nel loro insieme, rispetto all’estero, hanno svolto una funzione non di informazione e di discussione aperta, ma quasi soltanto di cassa di risonanza di un governo iper-emergenzialista praticamente senza opposizione, rendendo lampante uno stato di profonda corrosione della dialettica liberaldemocratica.

Anonimo ha detto...

Italiani, baciamo le mani. Povero popolo, servaggio segue servaggio, da quello ancestrale a quello della tivvì. E l'alfabetizzazione non ha dato la parola a nessuno, ma l'ha ideologicamente imbavagliata sempre. Tutto in questo paese 'non si dice' e 'non si fa' se e quando il potere lo dice. Una storia di camerieri? Può darsi. Eppoi non importa più. Strano è che la sinistra barricadiera si sia trasformata in una ferrea sostenitrice del conformismo di stato, forse è stata solo una naturale manifestazione di autoconservazione a crollo ormai completo. Un cambio di pelle, secondo il vento che mira a mantenere il potere.

Anonimo ha detto...

La differenza tra l'Italia e le altre nazioni, è che, le altre, ad esempio, USA, Francia e Germania, fanno sempre i loro propri interessi

Anonimo ha detto...

@11 maggio 2022 10:02
Nota: sotto casa mia, periferia nord di Roma, con il bel sole di oggi, la gente cammina all'aperto con la maschera convivendo con lo scenario dei cassonetti della spazzatura strapieni di monnezza, tant'e' che i"piu' civili"piuttosto che riportarsela in casa aspettando lo svuotamento degli stessi, la buttano per terra e..bonanotte al secchio!

Diego ha detto...

In questi casi la mascherina è sacrosanta immaginando il lezzo. Anche se forse sarebbe più idonea una maschera antigas. È triste vedere la nostra Capitale in questo stato. La sua storia e unicità dovrebbe essere un motivo di orgoglio. Triste epilogo.

Anonimo ha detto...

Eh magari! Purtroppo i bei tempi dell'Inno a Roma sono passati per sempre!

Anonimo ha detto...

@11 maggio 2022 12:46
E' per dire che si mettono la maschera credendo di non beccarsi un virus mentre con la maschera, il caldo, il lezzo , e' probabile che si becchino un noto antico colera.

Anonimo ha detto...

Penso alla luce della dottrina del servo di Dio padre Tomas Tyn. Ora se ne sta parlando a Worms ove Lutero affiggeva le tesi eretiche e Tomas lo contraddiceva appassionatamente....tornate testimoni della Cattolica Fede e dal Cielo intercedete
Rosanna Schinco