mercoledì 30 maggio 2018

C'è chi dice: 'Davvero credete che il problema fosse il prof. Savona?'

Segnalo un articolo di Fabio Conditi [qui] su un tema che appartiene ad un dibattito finora sommerso nel nostro Paese, mentre altrove può svolgersi alla luce del sole creando cultura e consapevolezza. Se non altro il recente fallimento del nuovo governo ha avuto il pregio di farlo venire alla luce. Ma è necessario che trovi anche spazi di diffusione e approfondimento, che non siano delle nicchie. Perché non si può andare avanti con la minaccia che chi tocca l'Europa muore, mentre rischiamo di fare la fine della Grecia e c'è bisogno di persone competenti e coraggiose, che lo portino avanti con i parametri di una coscienza retta. Non è certo il nostro impegno, ma è sempre bene scoprire usci di comprensione nuovi, sia pure col beneficio d'inventario.
In ogni caso qui e ora è uno spunto di riflessione, visto che in Italia i canali dell'informazione sono in mano ai media di regime che ogni giorno propinano mantra preconfezionati di taglio esclusivamente sinistrorso. Cerco ostinatamente di seguirli per cogliere l'evolversi dei fatti; ma nella narrazione colgo sistematicamente la falsificazione della realtà attraverso gabbie ideologiche preconfezionate che non lasciano spazio a nessun tipo di contraddittorio. E sarà bene che il centro destra se vuole avere maggior voce in capitolo, si doti delle sue piattaforme comunicative che vadano anche al di là delle reti sociali (mi riferisco a Lega e Fratelli d'Italia perché FI ha un leader ambiguo e inaffidabile che di piattaforme ne ha diverse).
Nell'articolo segnalato noterete contenuti e un linguaggio controcorrente. Dal link alla fonte potete visualizzare interessanti filmati a cui l'articolo si riferisce e che inserisce.
Questo riesco a inserirlo da youtube
Probabilmente è di parte: esplicito il riferimento al movimento 5stelle che francamente mi preoccupa per le sue radici oscure e certi aspetti settari, che non ha né una storia né grandi ideali condivisi, se non una tendenza rivoluzionaria e contestatrice, che ha convogliato adesioni le più disparate, dalle reazioni di protesta di provenienze diverse alle reali istanze di cambiamento. Tutto a suon di slogan. E abbiamo visto l'ambiguità e la 'fluidità' di atteggiamenti e contorsioni del leader designato, che non possono non rispecchiare quella del contesto... Si tratta di un movimento nuovo, una realtà in divenire, ma non ci è dato sapere in che direzione e con quali idealità, conosciute solo dai fondatori noti e non noti. Di fatto non ci era stato difficile inquadrarlo per certi aspetti come un'altra faccia del PD. Da quel che abbiamo visto a Roma e Torino non ci tranquillizza molto (sulle questioni del gender, sui migranti e sull'islam, ad esempio...). Piuttosto inquietanti - pur se ineludibili nella presente tornata - come alleati di governo, a ben riflettere. Ma val la pena rendersi meglio conto, consapevoli della complessità della realtà in cui ci troviamo.
E mi viene un dubbio. Se è vero che l'Italia (come l'Europa) è in mano ad una casta sovranazionale che ha preso saldamente il potere nelle sue mani,  dobbiamo stare attenti a non cadere nelle mani di chi sembra porsi in contrapposizione ma sempre casta è. (Maria Guarini)

53 commenti:

mic ha detto...

https://www.italiaoggi.it/news/germania-politici-e-media-chiedono-di-cacciare-l-italia-dall-euro-2270418

Anonimo ha detto...

...l’establishment europeista ha deciso di spezzare le reni all’Italia, come ha già fatto con la Grecia. Lo scenario che si profila è il seguente: scatenare una crisi paurosa del debito pubblico italiano, spingendo lo spread a livelli mai visti, provocare il panico, fino al momento in cui l’Italia verrà commissariata e Mattarella invocherà per il bene supremo del Paese la fiducia a Cottarelli (già in carica) e/o l’introduzione di misure straordinarie, come il rinvio sine die delle elezioni e la conseguente distruzione della reputazione e della popolarità di Salvini e di Di Maio, che verranno indicati come i responsabili di questa crisi.

Se il piano avrà successo, servirà da monito a tutti i Paesi europei dove i movimenti “populisti” sono in ascesa e comporterà la definitiva sottomissione dei popoli europei alle oligarchie europee. Come dire: colpirne uno per educarne cento.

Perché queste sono le logiche, indegne e autoritarie. Opporsi è un dovere civico e morale. Il piano deve fallire. (Marcello Foa su "Il Giornale")

irina ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=A1_78avKZZI

USCIRE DAL SISTEMA DEL DEBITO - Fabio Conditi

N.B. non riuscendo ad andare sul sito segnalato da mic, questo ho ascoltato.

Anonimo ha detto...

http://giornaledisondrio.it/cronaca/la-frana-di-gallivaggio-collassa-video/
https://www.youtube.com/watch?time_continue=8&v=aBDyJmf5F7A

Crolla la gran frana,
la montagna vien giù.
Il santuario sta su:
lei, Regina e Sovrana.
Il campanile pure,
di Dio tempo eterno:
le divine premure
scampano l'inferno.

segue Prof.Bagnai ha detto...

Da parte mia vorrei segnalare due contributi del Prof.Bagnai di ieri ore 6,35 da FB e ore 15,24 dal suo sito Goofynomics

"Dopo il sorprendente (si può dire?) comportamento del Capo dello Stato, per il quale vi esorto ad ascoltare il prof. Villone (https://www.radioradicale.it/…/intervista-a-massimo-villone…), le sconcertanti parole del nostro amico Gunther Oettinger dovrebbero far capire a tutti cosa sia l'Unione Europea: un progetto che si basa sull'unica strategia politica con la quale i nostri fratelli tedeschi siano pienamente familiari, quella della rappresaglia."
Non ha funzionato alle Fosse Ardeatine, non funzionerà nemmeno oggi.

https://it-it.facebook.com/AlbertoBagnai/


http://goofynomics.blogspot.com/2018/05/ottinger.html

Oltre ad essere preparato e' anche provvisto di sottile umorismo :

Alberto Bagnai30 maggio 2018 15:35
Nessuno ha commentato. Si vede che si commentava da solo.

Fabrizio Giudici ha detto...

Il senso dell'M5S è lo stesso di Syriza in Grecia: dare l'illusione ad una fetta di elettorato di essere contro il sistema per impedire che quei voti finiscano veramente ai partiti anti-sistema, come Lega e FdI, e poi, una volta al governo, indorare la pillola della resa come quella dell'inevitabile compromesso.

Anonimo ha detto...

La Costituzione formale è stata sostituita con questa "Costituzione reale". Vedere per credere: https://www.riscossacristiana.it/allora-mettiamolo-per-iscritto-idee-per-una-nuova-costituzione-aderente-alla-realta-di-marco-manfredini/

Anonimo ha detto...

https://www.facebook.com/danielaaiutom5s/videos/1279647595460774/
Elio Lannutti fa tremare la sala della Corte di Cassazione! Queste parole non le sentirete mai in TV, diffondiamole!

Fabrizio Giudici ha detto...

Vignetta di Krancic...

https://twitter.com/AlfioKrancic/status/1001443830237982723

Aloisius ha detto...

E pensare che con un diverso sistema elettorale - o a questo punto con una riforma costituzionale che preveda un sistema presidenziale vero - a quest'ora avremmo un governo già operativo da circa due mesi senza questo teatrino.

Colpo di scena alla Mike Buongiorno:
In questo momento sembra che si sia riaperta la possibilità di un governo politico e si stia aspettando la risposta di Salvini.
Senza il prof. Savona all'economia, con Conte pcm e con Meloni terza alleata.

Sconcerto per Forza Italia, che mi sembra la destra della DC.

Il piano sopra prospettato è credibile, solo una grande capacità politica potrà salvare questo ipotetico governo politico.
E dubito che i gialloverdi l'abbiano.
C'è anche il problema delle coperture economiche del programma.

Affidiamoci alla Madonna

Fabrizio Giudici ha detto...

Una piccola chicca. Contesto: il dileggio del miracolo della Madonna di Civitavecchia operato da una serie TV appena andata in onda. La famiglia Gregori ha giustamente denunciato la produzione. E il vescovo che fa?

Il vescovo di Civitavecchia. Luigi Marrucci, non vuole entrare nella discussione. Lui, piuttosto, aspetta novità dal Comune: «Ho pure votato per il sindaco 5 Stelle — confessa —. Ma sono quattro anni che è in sella e ancora non arriva il via libera per il nuovo santuario. La chiesetta di Sant’Agostino è troppo piccola per ospitare la massa dei fedeli». Il sindaco 5 Stelle, Antonio Cozzolino, «pur non credente» assicura che per la fine del 2018 dovrebbero partire i lavori. Rispetto alle folle oceaniche di un tempo, però, il culto per la Madonnina di Pantano sembra sfumato. «In questo mese mariano — dicono Assunta e Donatella Quartili, della trattoria che sorge accanto alla parrocchia — non c’è stato neppure un pellegrinaggio».

Ha votato il sindaco 5 Stelle, fregandosene altamente che sia una forza anticristiana, si capisce dalle sue stesse parole con il fine di elemosinare un permesso di costruzione. Sulla blasfemia, invece "non vuole entrare nella discussione".

https://www.corriere.it/cronache/18_maggio_31/madonna-di-civitavecchia-non-un-falso-querelato-ammaniti-a3682288-6441-11e8-9b4c-0d37dd8c9cfa.shtml

Roger de Bourneville ha detto...

Da una settimana sono all’Estero e la mia percezione è la seguente: “Purtroppo la codardia di Salvini (che ho votato) ha impedito la messa in stato di accusa di un presidente che in una democrazia parlamentare ha impedito la nascita del governo italiano, espressione della maggioranza, adducendo la motivazione che avrebbe leso interessi stranieri / finanziari. Si è così creato un precedente gravissimo. Se in una democrazia parlamentare il presidente non eletto dal popolo si comporta da primo ministro, questa non è più una democrazia, ma una dittatura. Non voterò più Lega / Salvini, perché nei gravi momenti storici un leader deve avere coraggio, non diplomazia. Churchill mentre Londra era bombardata da Hitler, oppure il generale zarista Kutuzov con Napoleone a Mosca, non hanno cercato l’accordo diplomatico, ma hanno combattuto e sconfitto il nemico. Purtroppo restiamo il Paese di Vittorio Emanuele e Badoglio. Che schifo.”
Per il bene dell’Italia spero di non aver capito niente di quanto è successo.

irina ha detto...

Salvini, che è matteocentrico, deve lavorare sull'autoreferenzialità. Per padroneggiare bene la situazione deve essere padrone di sè, questo richiede il grande compito che lo attende.

irina ha detto...

« Ave, Regina caelorum,
Ave, Domina Angelorum:
Salve, radix, salve, porta
Ex qua mundo lux est orta.
Gaude, Virgo gloriosa,
Super omnes speciosa,
Vale, o valde decora,
Et pro nobis Christum exora. »

« Ave, regina dei cieli,
ave, signora degli angeli;
porta e radice di salvezza,
rechi nel mondo la luce.
Gioisci, vergine gloriosa,
bella fra tutte le donne;
salve, o tutta santa,
prega per noi Cristo Signore. »

mic ha detto...

Il colpo di stato europeo contro l’Italia segna uno spartiacque

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD
telegraph.co.uk

https://comedonchisciotte.org/il-colpo-di-stato-europeo-contro-litalia-segna-uno-spartiacque/

Anonimo ha detto...

http://www.affaritaliani.it/politica/palazzo-potere/governo-c-e-la-francoforte-dietro-lo-stop-a-savona-543043.html

Catholicus ha detto...

Concordo con Irina : niente tentennamenti, caro Matteo (ovviamene mi riferisco a Salvini, non certo a Renzi), tra dritto per la tua strada, anche se Di Maio dovesse accusarti di voler affondare il governo Lega-M5S; tu sei il capo del centro destra, ormai, vai ad incassare il "bonus" di prestigio e popolarità che ti sei guadagnato sul campo, con fatica e sudore. Alle prossime elezioni il CdX supererà il 40%, e allora non avrai condizionamenti per formare il governo. Se Mattarella si dovesse opporsi nuovamente, dinanzi alla maggioranza relativa del CdX, allora sì che ci sarà da vederne delle belle. Lotta dura, senza paura, come dicevano i sessantottini di un tempo. E vaiiii Matteooo !

mic ha detto...

Juncker all'attacco

Appena ieri Jean-Claude Juncker indossava i panni del pompiere censurando pubblicamente le parole del Commissario Ue agli Affari Economici Gunther Oettinger sulla lezione che gli elettori italiani avrebbero dovuto trarre dalle oscillazioni sui mercati.

Oggi, parlando a Strasburgo di fronte alla sessione plenaria del Parlamento Europeo, il politico lussemburghese a capo dell'esecutivo Ue lancia un appello generale contro i populismi di ogni colore: "Entro un anno gli europei avranno votato per un nuovo parlamento europeo di cui nessuno conoscerà la composizione e che sarà differente da quella attuale, cosa che mi fa nutrire qualche inquietudine - scandisce Juncker di fronte all'aula dell'Europarlamento -. E vorrei che tutti noi ci impegnassimo in una sorta di contratto contro il populismo galoppante che possiamo vedere in Europa e in tutti i Paesi, compreso il mio".

Una presa di posizione molto netta, in previsione delle prossime elezioni europee del 2019 a cui con ogni probabilità i partiti populisti ed euroscettici (le due cose vanno assai spesso insieme) cercheranno di affermarsi anche nei palazzi del potere di Bruxelles.

Poche ore fa lo stesso presidente della Commissione aveva dichiarato in un comunicato ufficiale che "l'Italia merita rispetto" a prescindere da quale partito sia al potere, confermando l'intenzione dell'esecutivo Ue a "lavorare con qualsiasi governo italiano con senso di responsabilità e rispetto reciproco".

Il popolo è insomma sovrano, sembra essere la linea. Ma nel dubbio che si faccia prendere la mano dalle tentazioni populiste, nel frattempo è meglio che si prepari un grande fronte europeista.
http://www.ilgiornale.it/news/mondo/juncker-va-allattacco-e-lancia-contratto-contro-populismo-1534340.html

Maria Guarini ha detto...

Se non prevarrà il governo del presidente, lo schieramento "populista", rinforzato dall'adesione di Giorgia Meloni, lavorerà per il bene degli italiani. Ma alla larga da Berlusconi che da sempre guarda al polo "repubblicano" col PD.
Se non altro la brutta crisi ha svelato che i cosiddetti "poteri forti" non sono un'invenzione dei complottisti. Nei talk televisivi chi ne parla è tuttora accolto da sorrisi di compatimento e il discorso viene troncato sul nascere in mille modi...

Anonimo ha detto...

La Germania si compra tutti gli aeroporti greci alla vigilia dell’estate
http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2017-05-31/la-germania-si-compra-tutti-aeroporti-greci-vigilia-dell-estate-183552.shtml?uuid=AEUEXZWB

Poi chi dice che una volta occupavano con gli eserciti e ora con la finanza non può entrare nel nostro governo...

Anonimo ha detto...

Berlusconi e' per me alla stregua della crème caramel , per cui sono d'accordo al cento per cento con Maria .
Guarda caso ho trovato un articolo che avvalora proprio questo :
http://www.campariedemaistre.com/2018/05/trame-azzurre.html

Anonimo ha detto...

“Lettera aperta a Matteo Salvini "
http://www.marcotosatti.com/2018/05/30/pezzo-grosso-scrive-a-salvini-se-fossi-salvini-gli-darei-retta-eccome/

Fabrizio Giudici ha detto...

Deputato CSU: "Nello scenario peggiore la Troika dovrebbe invadere Roma e prendere in mano il Ministero del Tesoro"

Ha detto proprio "invadere".

https://www.huffingtonpost.it/2018/05/30/nello-scenario-peggiore-la-troika-dovrebbe-invadere-roma-e-prendere-in-mano-il-ministero-del-tesoro-ancora-un-tedesco-choc-contro-litalia_a_23447000/

senza nemmeno un sussulto non dico di orgoglio ma di decenza. ha detto...

E LA STAMPA ITALIANA CERCA DI SALVARE OETTINGER!
Ieri sera al Tg3 ho sentito il corrispondente che cercava di minimizzare le dichiarazioni del commissario Oettinger, sostenendo che stando alla trascrizione testuale, il senso del suo pensiero era diverso. In queste ore ho visto titoli su portali famosi che si sforzavano di abbellire, fino a renderlo insignificante, il pensiero dell'illustro ministro tedesco del governo Ue, che solo dopo molte ore si è scusato, limitandosi a precisare che non voleva essere offensivo.

In realtà la dichiarazione di Oettinger è persino più grave delle prime sintesi, perché recita::

"La mia preoccupazione, la mia speranza è che nelle prossime settimane i mercati, i titoli di Stato e l’evoluzione economica dell’Italia possano essere così incisivi da fornire un segnale agli elettori di non votare i partiti populisti di destra e di sinistra. Assistiamo già ora a un evidente andamento negativo dei titoli di Stato, del valore delle banche sui mercati e dell’economia italiana in generale. Tutto ciò ha a che fare con il possibile prossimo governo e posso solo sperare che ciò giochi un ruolo nelle prossime elezioni, nel senso che sia un segnale che porti i populisti di sinistra e di destra a non ricoprire ruoli di responsabilità nel nuovo governo".

Oettinger spera che i mercati facciano il loro dovere, ovvero che massacrino l'Italia. E la stampa italiana si preoccupa di proteggerlo, senza nemmeno un sussulto non dico di orgoglio ma di decenza.

https://it-it.facebook.com/MarcelloFoa/

irina ha detto...

Salvini sta tornando e/o è già tornato a Roma, per la questione governo. Di Maio pare che si sia sbilanciato su Savona in un altro ministero (?). All'economia chi andrà? Cottarelli? E' stato già ribadito che ci sono incontri europei, a breve scadenza, dove Savona è in grado di non farsi raggirare. Quindi, come ha detto Salvini, stessa squadra. Questo è vitale! Basta con i 90°.

Anonimo ha detto...


Chiedere la cancellazione del debito e stampar moneta: una proposta assurda, l'inizio della rovina per tutti

Si può fare certo, da parte di un nuovo governo. Ma cosa significherebbe? Che lo Stato italiano dichiara fallimento, bancarotta: non è in grado di pagare i debiti, non li paga, si ritira dall'euro, si fabbrica la sua moneta, quale che sia il modo (neolira, minibot etc.). Moneta che nessuno vorrebbe perché di uno Stato e una società che non danno più fiducia, si direbbe.
Il programma del c.d "Contratto", se riferito esattamente, non si pone il problema del contenimento della spesa, del disavanzo, che ci costringe continuamente a chiedere prestiti sul mercato internazionale? L'INPS non chiude sempre in passivo? E il buco come lo riempiamo? E'chiaro che, anche nel nuovo scenario, dovremmo continuare a chiedere denaro sul mercato internazionale pagandolo con la neolira che nessuno vorrebbe, cioè con vagoni della nuova supposta moneta. Insomma, la prospettiva sarebbe quella di una spaventosa inflazione, che non ci riuscirebbe comunque a difendere dalla concorrenza cinese etc. E l'inflazione galoppante getterebbe nella miseria milioni di pensionati e dipendenti statali, come è successo in Russia quando è crollato il comunismo.
Invece che a insensate utopie, bisogna affidarsi a programmi realistici, da perseguire per gradi, con fatica e con metodo. Riduzioni degli sprechi, flat tax (già difficile da istituire) per il rilancio dell'economia e la semplificazione burocratica, eliminiazione di tutti gli incentivi e sconti fiscali (con la flat tax non avrebbero senso). INizio della riforma morale con leggi che proibiscano la maternità surrogata e favoriscano le famiglie italiane regolari, giro di vite sull'immigrazione clandestina.
Già fare dei modesti passi in queste direzioni sarebbe un grande successo, nell'attuale situazione. Oltre all'oligarchia eurozona abbiamo contro anche l'attuale Gerarchia cattolica. Qui invece si prospettano grandiosi quanto ineseguibili piani, dal taglio utopistico, come se noi fossimo un Paese sovrano, fuori dal mondo reale. E si parla solo di questioni economiche? La "questione morale" non viene mai fuori, nei confronti dell'Europa, in questo documento?

Del resto, argomenti concreti contro la Banca Europea e la Merkel etc. li abbiamo. Che fine hanno fatto le decine di miliardi di euro che abbiamo messo (dal 2011) nel c.d. Fondo Salvastati? Non sono andati a vantaggio delle banche francesi e tedesche, indebitate sino al collo con l'Irlanda e la Grecia? Non è questo un non piccolo credito che vantiamo nei confronti loro? Cominciamo a far le pulci a quelli che ci accusano e far quadrare certi conti.
Ma tenendo sempre i piedi per terra.
PP

mic ha detto...

Berlino, non Salvini, vuole uscire dall'Euro ed escutere il credito di 923 miliardi dalla Bce di Draghi

Fuest, Sinn e Schmidt, economisti vicini alla Cancelliera Merkel, pubblicamente ipotizzano un piano B di uscita della Germania dall'Euro. E chiedono un nuovo articolo dei Trattati Ue per escutere il credito da 923 miliardi della Bundesbank verso la Bce in caso uscita tedesca dall'Euro. E nessuno dice nulla. Al contrario, tutti attaccano l'ex capo ufficio studi di Bankitalia Paolo Savona come pericoloso sovversivo quando chiede un piano A di riforma dei Trattati Ue, e, nel contempo ipotizza un piano B di uscita dall'Euro qualora Berlino si opponga a tale riforma.
m.huffingtonpost.it/andrea-del-monaco/berlino-non-salvini-vuole-uscire-dalleuro-e-rivare-923-miliardi-dalla-bce-di-draghi_a_23445196/

Fabrizio Giudici ha detto...

La correzione di Oettinger è bellissima: dobbiamo farle girare queste cose, il più possibile. La prima versione era, in sintesi: gli italiani devono votare secondo le indicazioni dei mercati. E allora apriti cielo, è intollerabile. La seconda versione è, in sintesi: gli italiani devono votare secondo le indicazioni dei mercati penalizzando certi partiti. Stesso concetto, semplicemente più esplicito (è anche peggio, come fa rilevare il commentatore sopra), ma secondo la stampa di regime va bene perché penalizza solo gli avversari politici dei suoi padroni.

mic ha detto...

31 MAGGIO 2018, ORE 18,31 concluse le operazioni per il nuovo governo M5S-LEGA.
Resta la formalizzazione col Colle.

Anonimo ha detto...

Posto che non vi saranno altri conigli nel cilindro:

Mattarella (e Draghi) hanno dovuto incassare il prof. Savona nel Governo.

Un ministero quasi di facciata (technicalities) diventa invece, e in Europa (!!) presidiato da chi ha ben chiara la filosofia finanziaria che spinge i mitici tecnici a pro(im)porre ricette.

Il prof. Tria non sarà meno competente, anche se sicuramente ci sono minori pregiudizi su di lui, che sicuramente saprà far tesoro di cotanta competenza in squadra. Se poi il Ministero Economia Finanza sarà spacchettato, a maggior ragione.

Interessante l'astensione/supporto esterno di FdI.

Salvini ha un po' perso (su Savona) rimediando con Giorgetti nella stanza dei bottoni e sedendosi nello spinosissimo Ministero dell'interno.
Di Maio ha un po' perso (sull'impeachment) rimediando con un governo politico.
Mattarella ha un po' perso (la faccia), ma stavolta almeno non potrà che dire sì.
Savona ha un po' perso (il Mef), ma avrà modo di contare.
La CEI ha un po' perso (il senso della sua esistenza), per cui speriamo che la ritrovi.
Berlusconi e il PD hanno perso (e basta), salvo farsi garanti di poteri ostili.

Anonimo ha detto...

Singolare che Mattarella dice no a Savona per il motivo che ha fatto dichiarazioni contro la moneta unica.

Poi chiede a Cottarelli di formare un governo dopo che dichiarò in pubblico che non avremmo dovuto entrare nell'euro...

mic ha detto...

Un segnale positivo, certamente la dimostrazione di una inversione di rotta: Lorenzo Fontana ministro per la famiglia e i disabili. Domani pubblicheremo una interessante intervista

Anonimo ha detto...

E in Friuli, dove ora governa la Lega, stop ai migranti e recede da Re.a.dy, rete LGTB
per evitare il rischio "di un indebito indottrinamento"...

irina ha detto...

Padre Pio da Pietrelcina:

Prima di recarvi qui da me… andate a Monte Sant'Angelo e invocate l'aiuto e la protezione dell'Arcangelo Michele

Per capire sempre meglio : ha detto...

Svuotiamoli della democrazia
(Questo hanno scritto e questo hanno fatto )
GLI INCANTATORI DI POPOLI - Francesco Toscano
https://www.youtube.com/watch?v=GDdtx9hhNCc

Fabrizio Giudici ha detto...

Salvini ha un po' perso (su Savona) rimediando con Giorgetti nella stanza dei bottoni e sedendosi nello spinosissimo Ministero dell'interno.

Penso che è decisamente presto per fare una valutazione, ma la posizione di Salvini potrebbe essere molto più forte: c'è chi sta commentando che con Tria e Savona il risultato è: "Non volevano Savona e se ne sono ritrovati due".

Vedremo...

Ora, infiliamoci gli elmetti in testa e posizioniamoci in trincea...

Fabrizio Giudici ha detto...

Sono molto perplesso per Enzo Moavero Milanesi agli esteri...

Anonimo ha detto...

Già ad una prima occhiata è evidente che il cambiamento già c'è, il paragone con il precedente governo è impietoso, per il precedente governo, infatti il governo Conte, accolto dagli applausi dei romani in attesa, è sicuramente di alto livello: docenti universitari, generali dei carabinieri, ambasciatori, economisti, dirigenti scolastici, oltre a politici, e tra questi politici spicca, positivamente, la figura di MATTEO Salvini! Si è detto e scritto che, in questo frangente, Salvini non ha sbagliato neanche una mossa, ed infatti è cosi, ma io voglio ricordare da dove proviene Matteo Salvini, perché così ci rendiamo conto ancora più della eccezionalità della sua impresa: Matteo prende in mano la Lega, ancora Nord, in un momento di crisi assoluta, un partito che sembra aver esaurito la sua funzione di tutela della parte settentrionale del paese; siamo ancora in pieno regime di sinistra integralista, con deliri ideogici per cui si processano le spiagge "fasciste ", si vogliono arrestare i portachiave con il fascio, si vogliono abbattere i monumenti innalzati durante il ventennio, si vuol traghettare in Italia l'intero terzo mondo! In questa situazione Matteo, perfettamente solo, inizia a parlare agli italiani, è l'unico a parlare agli italiani e disegna un paese "normale " un paese che pensa e tutela i propri cittadini, che vuole dare sicurezza in casa e fuori, che tutela il proprio popolo e l'interesse nazionale! Per anni Salvini caparbiamente ha continuato a parlare agli italiani sempre più dimenticati da tutti gli altri partiti, sempre meno rappresentati, specialmente dopo che anche Berlusconi si era dato anima e corpo alla Europa germanocentrica della Merkel! Già solo questo combattere da solo contro tutto il mondo dell'establishment europeo gli meriterebbe una medaglia al valore, ma arriviamo ai giorni nostri: elezioni politiche 2018, la Lega nazionale diventa primo partito del centrodestra, con un Berlusconi in caduta libera, Salvini coglie l'occasione per stipulare un contratto di governo con 5stelle, altro vincitore delle elezioni, con cui ha in comune la tutela degli interessi nazionali, ultimo dei pensieri della sinistra! I due partiti stipulano un contratto di governo che, per la prima volta da molti anni, mette al centro gli italiani, e smette di guardare all'Europa come un sacro totem ! La cosa da sottolineare, in questa fase, è l'assoluto disinteresse per posti di potere, rinunciando a presidente della Camera, del senato, presidente del consiglio pur di portare avanti il progetto di un governo per l'italia, ed alla fine dopo varie traversie che sono di questi giorni, fa l'ultima rinuncia a qualcosa che qualunque segretario di partito mai avrebbe mollato, rinuncia a nuove elezioni con sondaggi estremamente favorevoli, mette da parte l'interesse di bottega per favorire quello nazionale e da' il via libera al governo Conte, mettendosi in gioco direttamente con il ministero degli interni, mettendoci la faccia! E riuscendo anche a mantenere Savona nel governo ad un ministero fondamentale, quello per i rapporti con l'Europa! Comincia il governo del cambiamento, e la prova che davvero si cambia sta negli insulti che piovono dall'Europa sul popolo italiano, ci chiamano parassiti, corrotti, evidentemente i vari Junker e simili hanno capito che non hanno più di fronte i loro lacchè della sinistra e reagiscono rabbiosamente! Se ne devono fare una ragione a Bruxelles, questo è un governo di legislatura, ed è il primo governo che ha come obiettivo quello di mettere gli italiani al primo posto! Siete onesti, determinati, coraggiosi, che Dio vi benedica per tutto ciò che farete per i figli d'Italia!

Anonimo ha detto...

E mentre il governo grilloleghista parte, gli altri, gli sconfitti che fanno? Tra gli sconfitti, tra quelli che Europa è il paradiso, vale a dire il PD e FI è scoppiato lo psicodramma, sia pure per motivi diversi:
1 il PD, secondo Calenda, dovrebbe cambiare nome per " creare un fronte repubblicano contro i barbari arrivati a Roma "! Sono perfettamente d'accordo con Calenda, cambiare il nome è sempre stato il sistema più sicuro per chi, avendone combinate tante, cerca di nascondersi e di far dimenticare le malefatte al popolo italiano! Non servirà a nulla in questi caso perché un pidiota resterà tale con tutti i nomi del mondo, e più che il nome bisognerebbe cambiargli il cervello , ammesso di poterlo recuperare nella discarica della Storia dove loro stessi lo hanno buttato quando si chiamavano comunisti! Auguri!
2 FI, i seguaci di Berlusconi risultano semplicemente dispersi, scomparsi e fuori da tutti i radar! Berlusconi ha dato segni di vita solo in due occasioni negli ultimi mesi: quando è andato dalla Merkel a garantire fedeltà dell'Italia al Reich tedesco, e quando si è offerto come premier a Mattarella nel pieno della crisi politica! Poi è scomparso, voci di corridoio dicono che in occasione della sua offerta per fare il premier sia stato sedato ed ora riposa tranquillo! Facciamo i migliori auguri di pronta guarigione, è ben sostituito da tal Brunetta che spara ogni giorno contro il "fascista ' Salvini, e contemporaneamente fa atto di obbedienza al padrone Europa! Quindi anche questo fronte è coperto! Ma l'importante per i due partiti è che finalmente potranno stare insieme alla luce del sole, vivere il loro amore senza nascondersi nella garconiere del Nazareno! E questo è già tanto! Auguri ad entrambi!

Anonimo ha detto...

https://www.maurizioblondet.it/il-governo-migliore-possibile-grazie-a-di-maio-e-a-salvini/

irina ha detto...

Questo strano governo, per come hanno lavorato fin qui, nasce dalla reciproca emulazione tesa al bene degli Italiani.
Grazie.

Anonimo ha detto...

Le prime dichiarazioni del Ministro degli interni Salvini :la mamma si chiama mamma, il papà si chiama papà! 👏👏🇮🇹🇮🇹

Anonimo ha detto...

Lei Fassina è uno dei pochi a sinistra che si è speso in favore del professor Paolo Savona. Perché?

Il 4 marzo si è espressa una scelta di radicale discontinuità rispetto alle politiche neoliberiste dell’eurozona. Milioni di italiani delle fasce deboli hanno votato M5S al Sud e Lega al Nord. C’è una profondità di problemi che non si può rimandare. Savona è una persona autorevole e competente, è l’uomo giusto per forzare le regole europee. E in più conosce anche i nostri limiti e i nostri pregi.

Quali regole europee sono dannose?

E’ in generale l’impatto mercantilista europeo che non funziona e segue un’idea culturale estremista neoliberista. C’è un deficit di domanda interna e un soffocamento delle piccole e medie imprese. Guardi ad esempio al danno che ci possono arrecare le regole europee scritte nel fiscal compact… ma non è la sola.

Crisi delle imprese, mancanza di lavoro, povertà. La crescita arranca ma si pensa sempre ad aumentare la tassazione per sanare il debito…

Il problema fiscale esiste ed inasprire la tassazione non è indicato. Non è questa la strada. Come ad esempio è stato fatto con il governo Monti che ha addirittura causato un aumento del debito di 12 punti percentuali visto che quelle politiche di austerity hanno provocato una crollo del Pil.

Perchè secondo lei la sinistra non intercetta più le sofferenze della gente?

La sinistra è stata per anni a rimorchio di un europeismo liberista che ha perseguito gli interessi dei più forti. A questa tornata elettorale hanno votato per la sinistra solo i benestanti. Bisogna invece parlare ai ceti più deboli e stare dalla parte di chi esprime queste sofferenze. Occorre mettere in piedi una battaglia culturale per tornare ad un principio di realtà. Il mio appoggio a Savona è un tentativo di andare in questa direzione.

Molti parlano di un rischio default dell’Italia. E’ credibile?

Se le massime cariche istituzionali o gli opinion leader alimentano la ‘narrazione’ che le prossime elezioni politiche sono un referendum tra permanenza o uscita dall’unione europea, permanenza o uscita dall’Euro, permanenza o uscita dall’occidente è chiaro che i risultati possono essere devastanti. Editoriali come quello di ieri di Romano Prodi sul Messaggero che appunto propone le prossime elezioni come un referendum di tali caratteristiche o la proposta di Calenda di costruire una fronte repubblicano vanno in questa direzione. Contribuire a dire che l’Italia è in preda ai barbari non fa altro che prolungare questa fase di crisi con effetti che non possiamo prevedere. Bisogna invece riconoscere la gravità dei problemi e la necessità di fare delle forzature ragionevoli, consapevoli alle regole europee. Parlare invece di battaglia finale tra civiltà e barbarie è chiaro che ci porta a fondo. Questo lo dovrebbero capire Prodi, Calenda e il partito democratico che con questa impostazione contribuiscono a portare l’Italia nel baratro.
Antonio Amorosi per affaritaliani.it

mic ha detto...

Giorgia Meloni chiara, coerente, responsabile. È in ogni caso un ulteriore elemento di garanzia sui temi etici...
http://www.giorgiameloni.it/2018/06/01/giorgia-meloni-a-il-messaggero-per-il-bene-dellitalia-mi-auguro-che-questo-governo-agisca-per-il-meglio-fdi-valutera-provvedimento-per-provvedimento/

Anonimo ha detto...

GLI INCANTATORI DI POPOLI - Francesco Toscano
https://www.youtube.com/watch?v=GDdtx9hhNCc

DIO,PATRIA,FAMIGLIA 2018
http://www.orienteoccidente.org/attivita.php
Se avrete la pazienza di ascoltare questi due link avrete il quadro panoramico completo dell'attuale nostro stato, il loro progetto di Nuovo ordine mondiale va avanti..

Anonimo ha detto...

Credo ancora che l'Italia sia uno dei paesi più belli del mondo e che abbia potenzialità infinite e questo impaurisce l'Europa della Merkel...
spero da ora in poi che questa Italia sia piu'rispettata e Valutata per quello che è:
una potenza in tutto...
avanti Salvini e Meloni

mic ha detto...

il loro progetto di Nuovo ordine mondiale va avanti..

Certo non ci illudevamo. La guerra è in corso. Ma con questo governo, pur con tutte le incognite e le difficoltà, c'è una speranza. Se riuscirà a resistere alle insidie dei nemici interni ed esterni.

irina ha detto...

A proposito di FdI, sono molto contenta che esista la certezza di una colonna sicura fuori del governo. Avendo votato io Forza Nuova, non ho pensato certo che potesse arrivare al governo o nei pressi, invece ho pensato che era bene avere amici anche fuori dal Parlamento che si occupano di tante situazioni che sfuggono alla grande politica. Quindi la presenza di un sostegno FdI certo in Parlamento, governo o non governo, ministro o non ministro, è a mio parere una posizione privilegiata, perchè consente loro uno studio più approfondito delle situazioni che ci stanno a cuore, morale/etica, e conseguentemente interventi mirati ed efficaci. Grazie, quindi a voi per la responsabilità che vi siete assunta per amore della nostra gente.

irina ha detto...

"... Se riuscirà a resistere alle insidie dei nemici interni ed esterni."

Sottolineo una variante: alle insidie degli e/o di quelli che si presentano come amici e/o come consiglieri.

Meglio, pregate!

Anonimo ha detto...

Cara Mic confido in lei , nella sua esperienza , nella sua preparazione , nel suo equilibrio , la prego di stare dietro alla giovane Giorgia Meloni per spengerne a volte l'appassionato impeto . Giorgia , mi raccomando vigili !
Come predica il detto : "Calma e gesso " e se del caso non rispondere a caldo , passare oltre .

Aloisius ha detto...

Condivido con Maria, penso che sia la giusta chiave di lettura di questo governo, con una parola dicparticolare importanza pee noi cristiani e anche come cittadini:la speranza.

Non ho mai nutriti questo sentimento in un governo così tribolato e che sarà ostacolato e avversato come mai.

Dobbiamo pregare, molto e subito, perché Salvini onori quel giuramento che fece sui valori del Vangelo e recito quando potra' quel Rosario che esibì a Milano.

E perché il prof..avv. Conte, in questa delicatissimo impegno, di particolare responsabilità che ha assunto, attinga sempre a quella devozione dichiarata per San Pio da Pietralcina.

Che il Signore, per intercessione della Santissima Vergine Maria, li benedica e assista.

Anonimo ha detto...

Sì , per guarire una piaga da decubito occorre tempo dedizione e pazienza , tanta pazienza , speriamo nel lavoro silenzioso , vorremmo fatti ( un po' alla volta ) , non parole .
Mi piacerebbe che ogni tot mesi si riunissero tutti i ministri eletti in questogoverno per fare il punto della situazione e per approntare le eventuali correzioni , accelerazioni e via discorrendo . Spero tanto che non partecipino a nessun talk devono tornare a lavorare e a parlare nelle loro sedi istituzionali . Perfavore toglietevi una buona volta dalla Tv !
Siate seri .

mic ha detto...

Per favore toglietevi una buona volta dalla Tv !

Buon consiglio. Ma giova ogni tanto affacciarsi e fermarsi a vedere cosa propinano alla massa che si beve passivamente tutto... Anche per mettere insieme azioni alternative utilizzando gli stessi strumenti ma a scopo educativo, con una informazione corretta e momenti di riflessione e dibattito che diventano formativi, invece che disinformazione costruita in una gabbia ideologica.