sabato 23 giugno 2018

Com'è nata l'Ave Maria

La preghiera più bella è antica dedicata a Maria nasce dalla Bibbia, esattamente dai brani del Vangelo che parlano dell’Annunciazione. Infatti l’Ave Maria è un’omaggio alla piena di Grazia per eccellenza. cioè la Madonna la tutta Pura, la tutta Santa. l’Immacolata Concezione, colei che col suo si ha contribuito a cambiare il corso della storia della salvezza dell’umanità.
Tutto parte dall’Annunciazione dell’Arcangelo Gabriele che saluta la Vergine come la piena di Grazia:
La prima parte dell’Ave Maria, come tutti sanno, ha un’origine biblica. Essa è composta dal saluto dell’Arcangelo Gabriele a Maria – “Ave, piena di grazia, il Signore è con Te” – seguita dall’esclamazione di Santa Elisabetta quando ha ricevuto a casa sua la Vergine Santissima: “Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo” (cfr. Lc 1, 26-42). 
Meno nota è, tuttavia, l’origine della seconda parte. Essa è nata come reazione all’eresia di Nestorio, Patriarca di Costantinopoli, che negava che la Madonna fosse la Madre di Dio. Tra i vescovi che hanno combattuto per difendere il dogma della Maternità Divina si è distinto per il suo ardore il Patriarca di Alessandria, San Cirillo, grazie al quale il Concilio di Efeso, realizzato nel 431, ha proclamato: “Se uno non confessa che l’Emanuele è Dio nel vero senso della parola e che perciò la Santa Vergine è Madre di Dio […], sia anatema” (Dz 252). Di conseguenza, si è aggiunta al Saluto Angelico questa supplica incoraggiante: “Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte”.
Una definizione unica ed ufficiale del testo completo dell’«Ave Maria», come lo conosciamo oggi, la troviamo nel Breviario romano promulgato da San Pio V nel 1568. Ecco perché possiamo affermare che questa preghiera ci viene affidata dalla Sacra Scrittura (dal brano dell’Annunciazione e della Visitazione), dalla Tradizione della Chiesa (come la comunità cristiana, con l’aiuto dello Spirito Santo, ha ricevuto, pregato e formulato questa preghiera) e dal Magistero (che con la promulgazione del nuovo Breviario del 1568 ha ufficializzato la versione definitiva inserendola all’interno del testo della Liturgia delle Ore). 
Il completamento dell’Ave Maria è fiorito, dunque, da un sorriso della Vergine Madre, come materno ausilio ai suoi figli peccatori, ossia, a tutti noi.

2 commenti:

irina ha detto...

un caro amico cattolico-protestante-sincretista già mi aveva messo in guardia sulla seconda parte dell'Ave Maria; ho ricondotto la sua solerzia al magistero di certi sacerdoti cattolici-protestanti-sincretisti, dove va ad istruirsi. Il proselitismo da evitare, come al solito, è solo quello fondato sulla base della retta dottrina, ma se fondato sulle eresie è da perseguire con tutti i mezzi, in tutti i luoghi, in tutti i momenti. Ormai tarli sono annidati in ogni testa, dubbi seminati a piene mani in ogni cuore. Dio solo sa i danni procurati alle anime in questi anni eretici. Gesù pietà!

Ave Maria ! ha detto...

Anima di Cristo, santificami,
Corpo di Cristo, salvami.
Sangue di Cristo, inebriami,
acqua del costato di Cristo, lavami.
Passione di Cristo, fortificami.
Oh buon Gesù, esaudiscimi.
Nelle tue piaghe, nascondimi.
Non permettere che io sia separato da Te.
Dal nemico maligno difendimi.
Nell'ora della mia morte chiamami,
e comandami di venire a Te,
Perché con i tuoi Santi ti lodi,
nei secoli dei secoli.
Amen.

https://www.youtube.com/watch?v=torZWoySs5Q

Anima Christi, sanctifica me.
Corpus Christi, salva me.
Sanguis Christi, inebria me.
Aqua lateris Christi, lava me.
Passio Christi, conforta me.
O bone Jesu, exaudi me.
Intra vulnera tua absconde me.
Ne permittas me separari a Te.
Ab hoste maligno defende me.
In hora mortis meae voca me,
Et jube me venire ad Te,
Ut cum Sanctis tuis laudem Te
In saecula saeculorum.
Amen.