giovedì 21 giugno 2018

Documento vaticano e sinodo episcopale provano a imporre propaganda "LGBT" alla Chiesa. Accadrà anche a Dublino per l'Incontro Mondiale delle Famiglie


Le sei sfide antropologiche dell’instrumentum laboris presentato ieri 19 giugno in vista del Sinodo dei giovani [qui] sono un elenco di questioni che è difficile definire nuove. Come il fatto che i «giovani non condividono» gli insegnamenti della Chiesa su «contraccezione, aborto, omosessualità, convivenza, matrimonio».
E su tutto ricompare il compito «centrale» svolto dalla coscienza. È il cuore del cosiddetto «nuovo paradigma» visto all'opera nel Sinodo precedente sulla Famiglia.
Il testo insinua che le principali domande dei giovani [Cattolici] di oggi riguardino sesso, omosessualità e femminismo.
Tuttavia, un incontro preparatorio a inizio anno aveva mostrato che le principali domande tra i giovani Cattolici riguardavano la Vecchia Messa in latino. Ma il Vaticano non le vuole ascoltare.
Il documento è ovviamente scritto da propagandisti gay. Per la prima volta, un documento Vaticano usa il termine di propaganda "LGBT" per descrivere quello che la Bibbia definisce "abominio".
Inoltre, il documento fa riferimento ai compagni di letto omosessuali nella stessa frase come a coniugi sposati, implicando l'equivalenza tra peccato mortale e un sacramento della Chiesa.
Il cardinale pro-omosessuali Lorenzo Baldisseri durante la presentazione del documento ha detto che la Chiesa è "aperta" ai gay: "Non vogliamo essere chiusi in noi stessi".
Nondimeno, la tolleranza di Baldisseri non si estende ai Cattolici praticanti. [Fonte]

* * *
Non meno inquietante la presenza di James Martin, il sacerdote gesuita che usa i social media per difendere l’omosessualità nella Chiesa cattolica, all’Incontro Mondiale delle Famiglie 2018 che si svolgerà a  di Dublino nel prossimo mese di agosto con la partecipazione anche del papa e avrà per tema l'Amoris Laetitia. Su invito del Vaticano egli terrà una relazione dal titolo: “Esplorare come le parrocchie possano sostenere le famiglie con membri che si identificano come LGBT”.  Così egli scrive sui social: “Su invito del Dicastero Vaticano per i Laici, la Famiglia e la Vita, e dell’Arcidiocesi di Dublino, parlerò all’Incontro Mondiale delle Famiglie di agosto, come parte della visita di Papa Francesco in Irlanda, su come la Chiesa possa accogliere le famiglie con membri LGBT”. “Il mio invito invia un messaggio chiaro e forte dal Vaticano ai cattolici LGBT, ai loro genitori e alle loro famiglie: voi appartenete e siete i benvenuti”. [vedi]

47 commenti:

Anonimo ha detto...

PER BERGOGLIO IL PROBLEMA DEL CALO DEMOGRAFICO IN EUROPA PUÒ ESSERE RISOLTO SOLO CON L'IMMIGRAZIONE...

Ma davvero c'è ancora chi lo ascolta?!
Lo volete capire che è al servizio dei poteri forti e della Massoneria..!!!

Ma c'è proprio chi non ha occhi per vedere..

SOLUZIONE:

Basterebbe fare in Europa delle politiche a favore e a sostegno della famiglia. Politiche che incentivino la natalità. Non di certo politiche a favore di LGBT.

Inoltre quando un popolo sta perdendo la speranza come quello italiano è difficile che sia propenso a fare figli..
Come è difficile che faccia figli non avendo lavoro e soldi in tasca..

http://m.ilgiornale.it/news/2018/06/20/papa-francesco-sui-migranti-senza-di-loro-leuropa-si-svuota/1543084/

irina ha detto...

LA COSCIENZA ESSENDO FACOLTA' UMANA DEVE ESSERE FORMATA: B E N E.

"... sesso, omosessualità e femminismo..." sono ossessioni loro e della tv.

Giù le mani dai giovani. Guai a voi maiali ipocriti! Guai! Guai!

Anonimo ha detto...

Irina, sulla coscienza hai proprio ragione, che sesso,omosessualità e femminismo siano solo ossessioni dei mass media, purtroppo, non credo sia vero. I giovani hanno fatto proprie queste ideologie già da un pezzo.
Gentile anonimo, non riesco ad essere così ottimista, non penso proprio che basti qualche incentivo a sostegno delle famiglie per risolvere il problema della natalità. Le consiglio di leggere un articolo pubblicato su questo sito la settimana scorsa "contro" gli asili nido, può aiutare a capire il problema.
Antonio

mic ha detto...

https://www.catholicculture.org/commentary/the-city-gates.cfm?id=1598

Parlando nella sua ultima intervista a proposito dei Dubia, il papa ha detto al servizio stampa Reuters di aver appreso delle quattro domande (sui Dubia contenute nella lettera) dei 4 cardinali “dai giornali”....
Reuters: " Francesco ha detto di aver sentito parlare della lettera dei cardinali che lo criticava “dai giornal... un modo di fare le cose che è, diciamo, non ecclesiale, ma tutti sbagliamo”.

Quando hanno reso pubblica (la lettera a sui) dubia, nel novembre 2016, i quattro cardinali hanno riferito di aver inviato le loro domande al Pontefice in un messaggio privato due mesi prima (il 19 settembre 2016), e di non aver ricevuto risposta. Ed è per questo che hanno reso pubblico il testo dei Dubia.

fabrizio giudici ha detto...

Sulla questione di Dublino, intanto c'è un meeting alternativo dei soliti noti (Burke, Schneider, più vari laici):

https://www.lifesitenews.com/news/pope-francis-biographer-reveals-sad-shift-in-church-in-single-tweet

Se al centro del meeting vaticano c'è Amoris Laetitia, al centro del meeting alternativo c'è Casti Connubii. Ed ecco come ha commentato Austin Ivereigh:

Una volta, la “frangia” ai grandi eventi cattolici era costituita dai gruppi LGBT, per l’ordinazione femminile e dei sostenitori della Chiesa per i poveri, assieme ai loro vescovi amici. Ora la “frangia” è occupata dai tradizionalisti (inclusi i vescovi) che spingono un’enciclica del 1930 come via d’uscita dalla “confusione”

Se lo dice lui, è senz'altro vero: la "Chiesa" si è ribaltata.

Anonimo ha detto...

"le principali domande tra i giovani Cattolici riguardavano la Vecchia Messa in latino. Ma il Vaticano non le vuole ascoltare" : un vero covo di vipere il Vaticano, tutti con il posto prenotato all'Inferno, nel girone dei traditori di Cristo e pervertitori della gioventù. Sale alle stelle la rabbia leggendo di questa loro falsità e ipocrisia, di questo loro depistaggio della gioventù verso il vizio, il peccato contro natura, l'impenitenza finale (con la menzogna della coscienza come unico, ultimo giudice dell'agire umano, che schifo !). Chi può.rifugga da loro come dalla peste nera, e allontani da loro i giovani, i suoi cari. Sono bugiardi come il diavolo, e come lui assassinano le anime, condannandole alla dannazione eterna. Ma guai a coloro che non vogliono entrare e che impediscono agli altri di entrare: se le ricorderanno queste parole, quando saranno dinanzi a Cristo Giudice? si pentano finché sono in tempo, ladri del sacro, del soprannaturale, dell'innocenza e dell'idealità dei giovani !

Risoamaro ha detto...

Mi domando per quale ragione si ostinano a titolare i documenti in latino tanto piu' che pochi di loro lo conoscono e per quanto riguarda tutto il resto del popolo di Dio , non si sente piu' una Ave Maria in latino neanche se li paghi a peso d'oro . Esempio unico Telepadrepio dove mandano in onda il Rosario di Padre Pio h.10,55 e h. 13:00 naturalmente in latino con il popolo che risponde nella lingua universale ma....sottotitolato in italiano , perche' non sottotitolarlo in latino così anche altri lo imparano ?
Detto questo vorrei avvisare gli organizzatori dell'evento che sono arretrati perche' all'agenda mancherebbero altri tipi di famiglie che via via si concretizzano , ad esempio :

- http://www.lanuovabq.it/it/poliamore-canadese-e-iikea-dei-sentimenti

Senza contare che il continuo fiorire di altre specie di cattolici secondo....egli/lui/esso, ella/lei/essa, noi, voi, essi/loro, esse/loro
- Associazione Cattolici Vegetariani (d’ora in poi ACV)
https://www.riscossacristiana.it/cetrioli-per-tutti-sullincompatibilita-tra-vera-dottrina-e-mode-vegan-prima-parte-di-marco-manfredini/

I «giovani non condividono» = fa proprio cadere le braccia . Mi domando se il compito della Chiesa sia quello di assecondarli o istruirli nel perseguire la retta via ; "Chissa' quale " , dal momento che il Fondatore non l'ha registrata la dovranno concordare ?
Addiverrano ad una piattaforma condivisa ?

lister ha detto...

Eh, cara Mic, ormai, come alla fine di ogni rappresentazione allegorica, siamo arrivati alle "Comiche".
Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere.

Anonimo ha detto...


Il card. Brandmueller ha smentito il Papa

In una dichiarazione rilasciata al blog One Peter Five e pubblicata oggi, il card. Brandmueller ha smentito il Papa.
Ha espressamente dichiarato al blog che i Dubia furono inviati per iscritto al Papa,seguendo la procedura corretta e tradizionale, un paio di mesi prima di renderli noti alla stampa, visto il silenzio del Papa, che, secondo il card. Brandmueller, avrebbe ordinato all'allora card. Mueller, Prefetto dell'ex-Sant'Uffizio, di non rispondere.
Di fatto, il card. Brandmueller fa apparire Papa Francesco un bugiardo, semplicemente limitandosi a riproporre i fatti come si sono svolti.
In effetti, non è credibile che i quattro cardinali si siano rivolti ai giornali, mancando di rispetto al Papa.
Speriamo che da quest'episodio, l'ennesimo sgradevole, i card. Burke e Brandmueller traggano incentivo a proseguire nell'azione intrapresa con i Dubia, correttissima e fondamentale, mettendo definitivamente da parte ogni timore reverenziale o possibili considerazioni di opportunità, l'uno e le altre sempre meno giustificati dal continuo deteriorarsi della situazione della Chiesa e delle nostre società.
PP

Anonimo ha detto...

L'uovo di Colombo : buttarla in caciara

Anonimo ha detto...

Se in vaticano, qualcuno sequestra la posta e la cestina prima che arrivi sulla sua scrivania....non è colpa dei cardinali o di chi gli pone dei chiarimenti.
E se è vero quel che ha dichiarato, dovrebbe far piazza pulita di certi censori che si ritrova tra i piedi.

mic ha detto...

Tosatti:
...
E' grave se il Pontefice non ricorda esattamente – a soli due anni di distanza – di aver ricevuto una lettera che è diventata uno dei punti di maggior polemica del suo regno.

È grave se lo ricorda, e afferma di aver saputo della lettera dai giornali.

Per rispetto al ruolo che ricopre, non parleremo di menzogna, ma di imprecisione.

È grave se tramite questa imprecisione si accusano ingiustamente dei cardinali – calunnia? Ne ha parlato qualcuno di recente…? – di essersi comportati in maniera scorretta nei suoi confronti. Ma vi immaginate i cardinali Burke, Brandmüller, Caffarra e Meisner, tutto quanto ci sia di più ligio alle regole della Chiesa e alla devozione per il ruolo del Papa, comportarsi in quel modo?

Non è credibile. E – come ho detto prima – so che non è vero.

Allora? Le risposte, le vie di uscita da questo interrogativo sono tutte molto tristi. Scegliete quella che preferite. Che pena!

mic ha detto...

Sappiamo anche noi che non è vero sia per le chiare affermazioni dei cardinali all'epoca che per il fatto che avevano dichiarato di voler usare la stessa procedura per la fatidica "correzione formale"

mic ha detto...

I casi sono due: o il papa ha una non chiara percezione della realtà o mente.
In ogni caso abbiamo un problema...

fabrizio giudici ha detto...

Come siano andati in realtà i fatti lo sappiamo da tempo, quindi non dovrebbe essere neanche necessario discuterne. Ma siccome abbiamo molti trinariciuti tra noi...

https://onepeterfive.com/cardinal-brandmuller-questions-francis-claim-not-to-have-received-the-dubia-before-publication/

In December of 2016, Cardinal Müller said in an interview that the CDF speaks “with the authority of the pope” and that it therefore could not “participate in the controversial dispute.” As Deacon Nick Donnelly commented at EWTN in response to this story, “Though Cardinal Müller doesn’t come out and say it, his interview with Kathpress strongly implies that Pope Francis has told him that the Congregation for the Doctrine of the Faith must not reply to the four cardinals’ dubia on Amoris Laetitia.”

Nel dicembre 2016 Müller, allora prefetto della CDF, disse in un'intervista che essendo la CDF solidale con l'autorità papale, non poteva partecipare alla disputa; cioè, era una delle due parti in causa e quindi non riteneva opportuno dare una sua opinione personale. Questo evidentemente implica che la CDF era stata ingaggiata dal ricevimento della lettera, sennò il cardinale avrebbe detto diplomaticamente che aveva sentito solo parlare della questione dai giornali, ma non era stata formalizzata.

Nella stessa intervista Francesco dice che allo IOR va tutto benone (un'altra "imprecisione") e che sta pensando di metterci una donna a capo. Pare che nell'intervista in aereo verso Ginevra (oggi c'è da attendersi qualche altra bella notizia) abbia detto che è in trattative con la signora Lagarde, dell'FMI. La famosa Chiesa povera per i poveri, alla mercè dei peggiori riccastri del pianeta.

Fuori tema ha detto...

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/-dl-rainews-articoli-Papa-Francesco-allo-Ior-buona-idea-Christine-Lagarde-ec32fa46-d0e0-4575-8506-3e1f34afef5e.html-ec32fa46-d0e0-4575-8506-3e1f34afef5e.html

+ quote rosa + Europa ?

Anonimo ha detto...

RAI UNO 15:40 - 17:00 Incontro Ecumenico di Papa Francesco in occasione del Pellegrinaggio Ecumenico a Ginevra

Anonimo ha detto...

Scusa Mic, stamattina ho inviato un commento che non vedo pubblicato, mi sta capitando spesso,come mai?
Antonio

marius ha detto...

"I casi sono due: o il papa ha una non chiara percezione della realtà o mente.
In ogni caso abbiamo un problema..."

Mic, i casi potrebbero essere addirittura tre:
oltre ai primi due da te elencati potrebbe esserci quello da lui denominato “avviare processi", cioè provocare reazioni per lui utili al fine di giustificare, agli occhi dell'opinione pubblica, determinate scelte purgative in linea col proseguio del suo progetto di annichilimento della Tradizione.

Detto en passant, qualche settimana fu, di punto in bianco senza alcun motivo plausibile Tornielli si mise a sparlare su mons. Lefebvre. Possiamo domandarci: A che pro?

Una reazione è comunque già arrivata, quella del card. Brandmüller, reazione simmetrica di fronte alla quale l'uomo della strada è indotto a dover giudicare da quale parte stia la verità e la bugia. Non è difficile trarne le conseguenze: chi ne trarrà vantaggio per la propria immagine?

fabrizio giudici ha detto...

Detto en passant, qualche settimana fu, di punto in bianco senza alcun motivo plausibile Tornielli si mise a sparlare su mons. Lefebvre. Possiamo domandarci: A che pro?

Stessa cosa nei giorni scorsi su Avvenire per Burke: dopo che le sue parole ad uno dei recenti convegni sono state totalmente distorte per fargli dire che Francesco è l'Anticristo, il cardinale ha scritto a Tarquinio per chiedere una rettifica e il direttore ha totalmente distorto il senso della sua lettera per dargli addosso.

Può anche essere che stia per uscire con nuove sparate (oggi è a Ginevra, il posto giusto per farle) che inevitabilmente susciteranno nuove correzioni dei cardinali, e per questo è meglio screditarli preventivamente.

Aloisius ha detto...

La seconda che hai scritto, mi sembra evidente.
E da quale pulpito viene la predica!!!
Accusa falsamente i 4 cardinali di usare metodi che è lui ad usare costantemente.
Proprio lui, che risponde a questioni teologiche ai giornalisti sull'aereo e fa uscire le lettere private dal Sinodo.
O il suo lacche' Viganò, con lo scandalo della famosa lettera di B XVI sull'opera geologica.
E si permette di accusare i 4 cardinali che, da non so quanto tempo, affermano di aver mandato la lettera al papa e solo dopo la mancata risposta averla giustamente resa pubblica, per amore di noi fedeli.

Un uomo, e ancor più un papa, li avrebbe convocati a quattro occhi in privato, prima di ogni posizione ufficiale, invece di uscirsene ora con questa evidente calunnia.
Faceva più bella figura a tacere, come ha sempre fatto.

Un papato all'insegna dell'ipocrisia e della ipocrita legittimazione dell' omosessualità, il peccato forse più diffuso nel clero e strettamente legato alla pedofilia.
Non gli pare vero di derubricarla a comportamento consentito, peccato veniale, apertura al peccato e al peccatore... Poverini, finalmente possono fare una vita sacerdotale più umana e al passo con i tempi, alla moda!
Si ricordassero dei lampi sul Cupolone, piuttosto, e qui mi fermo che mi sento un pochino alterato.




Quanto omosessualità

Anonimo ha detto...

http://www.marcelloveneziani.com/articoli/finitela-buffoni-col-fascismo/

Marisa ha detto...

Card. pro-omosessuali Baldisseri: "Non vogliamo essere chiusi in noi stessi".
Tranquillo eminenza, è chiarissimo a tutti che ci sono folle nella neochiesa che non vedono l'ora di uscire dal CHIUSO DEGLI ARMADI.

Quanto all'esternazione di papa Bergoglio a Reuters, direi che è incorso in un'imprecisione: perché generalizzare parlando di 'giornali' quando lo sanno anche i sassi che l'attuale organo di stampa papale è Repubblica? (luce degli occhi suoi...)

irina ha detto...

@Antonio,
@Anonimo 21 giugno 2018 10:00

Antonio, era mia intenzione scrivere qualcosa in più ma, ero in uscita.
Ho scritto tv pensando a tutti i mezzi di comunicazione che veicolano molto spesso messaggi dalla cintola in giù. Avrei voluto invece sottolineare l'idealità dei ragazzi ed ora vedo che Anonimo mi ha giustamente e saggiamente preceduta. Grazie.
Sono certa che in un frangente di corruzione morale e culturale quale quello nel quale ci troviamo, io, se avessi dovuto organizzare un incontro per i giovani avrei volato alto, altissimo, proprio per cercare di instradare l'idealità della gioventù. Ognuno di noi andando indietro con la memoria, vedrà se stesso non solo idealista ma,anche intransigente.
E' infatti anche il periodo in cui i giovani guardano i genitori con sguardo critico. Ed è un periodo difficile, dove di solito si sono intrufolati i rivoluzionari per prendersi le forze fresche giovanili, mettendole contro i genitori, spesso riuscendoci e sfasciando il più delle volte la famiglia di provenienza del giovane.
Quindi io avrei nutrito l'idealità con biografie di contemporanei e non, mettendo in evidenza alcuni punti nodali. Ho citato più volte un particolare della vita di J.R.R.Tolkien che mi ha affascinata, incollo da Wikipedia "... A diciotto anni si innamorò di Edith Bratt, ma il suo tutore, Padre Morgan, gli impedì di vederla e di scriverle fino ai ventuno anni. Tolkien si immerse quindi anima e corpo nello studio dei classici, dell'antico inglese e delle lingue germaniche, all'Exeter College, presso cui aveva vinto, nel 1910, una borsa di studio[11]. Nel 1913 tornò con Edith,..."
Già la sola obbedienza oggi ha del miracoloso; in un tema come questo dove al meglio vengono presentati personaggi letterari o mitologici sempre finiti male, almeno uno dei due; grandioso infine l'aver occupato il tempo dell'attesa con lo studio, anima e corpo, studio che gli consentì di lavorare in un ambito culturale che amava e di guadagnare il pane quotidiano per sua moglie, i suoi figli e se stesso. Aggiungendo infine che la famiglia e lui si erano convertiti al Cattolicesimo, in un periodo in cui aveva senso farlo( mio punto di vista) e il Cattolicesimo era il Cattolicesimo.
Affronterei anche l'intransigenza dei giovani che da un lato deve essere mediata verso la famiglia di provenienza che va accettata, impegnandosi con se stessi a non ripetere gli errori dei genitori che possono aver recato dolore, senza dimenticare che il quarto comandamento obbliga ad onorare il padre e la madre; dall'altro lato l'intransigenza va custodita perchè ripara dalla corruzione.
In sintesi mi soffermerei in lungo ed in largo sulle VIRTU', non certo sui vizi di cui è piena la terra. Parlerei infine dettagliatamente di Gesù e dello stile di vita della Sacra Famiglia, della sua vita nascosta, di cui poco sappiamo ma, conosciamo il necessario per coglierne la trama. Organizzerei medie e lunghe processioni serali sotto le stelle, recitando il rosario e pregando cantando, una quindicina di Km, andata e ritorno. Dovrebbero organizzarsi cori, a due voci maschili e femminili, con i grandi canti in latino che accompagnerebbero poi le Sante Messe. Naturalmente due o tre maestri del coro, per dividersi la preparazione , ed uno per la direzione finale. La super sintesi: cercherei di essere propositiva verso le egregie cose e non rimestatrice della zona mutande.

Anonimo ha detto...

Mons. Paolo Lojudice ha accusato l'On. Salvini di fare esternazioni da bar.
Lui e i suoi monsignori di vario tipo invece, sono anni che ci abituano alle loro esternazioni da salotto con la R moscia come tutto il resto.
Nei bar se non altro si sente parlare la gente comune dei problemi di tutti i giorni che sono concreti e reali, mentre è troppo comodo fare discorsi schizzinosi, senza alcun riscontro nella vita vera, dal lusso dei salotti vescovili, pagati con l'8x1000, le donazioni, e i 35 euro giornalieri a immigrato.
Taddeo Serale.

Anonimo ha detto...

Papa Francesco va a Ginevra, città-cult di tutti i nemici del Cattolicesimo.

Il Papa va in pellegrinaggio "ecumenico" a Ginevra, la "Roma dei Protestanti", la Rocca del calvinismo mondiale, il luogo nel quale l'eresiarca Calvino ha costruito la Nuova Gerusalemme dell'eresia (Calvino,secondo il quale Dio ha voluto che Adamo ed Eva peccassero ed avrebbe già predestinato tutto il genere umano non calvinista alla dannazione, per la sua gloria).
Con la fede nella predestinazione alla salvezza dimostrata dal successo mondano, nel lavoro, la teocratica Ginevra è diventata poi la Nuova Gerusalemme del capitalismo, in particolare di quello bancario e finanziario. Dalle assurdità del calvinismo (chi non avrebbe successo negli affari, sarebbe allora stato predestinato alla dannazione eterna?), l'ambiente ginevrino è poi passato alle oscenità intellettuali dei culti esoterici di ogni tipo che vi prosperano, specialmente da quando la città è diventata sede di organizzazioni internazionali governate dall'oligarchia transnazionale, atea e libertina, che sta suicidando l'Occidente. In Svizzera è allocata anche Amnesty International, a Losanna, non molto lontano da Ginevra, un'organizzazione abortista e omosessualista, paladina di una falsa concezione dei diritti umani, che andrebbe sciolta d'urgenza.
Z.

Sacerdos quidam ha detto...

Dopo il card. Brandmueller, anche il card. Burke ha ribadito che i Dubia sono stati consegnati personalmente dal card. Carlo Caffarra a quella che chiama 'Residenza Papale', come anche all'ex S. Uffizio:
https://www.lifesitenews.com/news/breaking-cardinal-burke-responds-to-francis-we-hand-delivered-dubia-letter?utm_content=buffer18313&utm_medium=LSN%2Bbuffer&utm_source=facebook&utm_campaign=LSN

Anonimo ha detto...

"Basterebbe che una sola parola sia detta, con verità ..."

Ma chi può dirla, tra le ombre e le dissolvenze di un'altra notte, caduta sul mondo?

Tacere per timore di ingannare e di ingannarsi.
Ultima tentazione.

Ci hai consegnato il mondo nella Parola, hai diviso gli spazi e ne hai riempito i vani di bellezza screziata e di sovrabbondanti colori.
Hai abbinato il verde all'azzurro, e al cobalto del mare.

E la Parola, tessuta in carne d'uomo, è venuta a incontrarci, come uno tra i tanti destinati alla morte.

Dio ha parlato nella verità dell'uomo.

Noi, miseri, balbettiamo, nelle infinite lingue cui apparteniamo, il miracolo della parola che da' il nome alle cose.

E in ogni nome il Tuo.
Franca Negri

Unknown ha detto...

E' oramai il diluvio dell'iniquita' Questa miseria umana è una aperta sfida alla Giustizia Divina.
Franco

mic ha detto...

Il papa è caduto alla fine della messa a Ginevra
https://gloria.tv/video/kLsGmmb88Xe7234Gifr7bCpit

Anonimo ha detto...

Per me non si e' ricordato di stare su una pedana e ha saltato lo scalino .

Anonimo ha detto...

C'è da stupirsi che ci si stupisca ancora.
Per vedere il vero volto di NSGC bisogna volgere lo sguardo altrove.
Il Tempio del Padre occupato da mercanti e farisei.

Anonimo ha detto...


Nel viaggio di ritorno in aereo, ha detto che a Ginevra, al Consiglio mondiale delle Chiese, si è parlato del "diritto alla pace".
Si applica ormai il concetto del diritto a tutto.
Ma la pace non può essere un diritto. Quale pace, poi?
La pace è una conquista, non un diritto.
Va meritata, mantenuta e difesa con "i buoni ordini",
come diceva Machiavelli, i quali sono costituiti
dalle "buone legge e dalle buone armi".
La pace che dà il mondo è comunque sempre provvisoria
perché il mondo è il regno del principe di questo mondo,
"omicida sin dall'inizio e padre della menzogna".

mic ha detto...

Il confuso discorso al ritorno da Ginevra
http://www.repubblica.it/vaticano/2018/06/21/news/intervista_papa_migranti_ginevra-199669182/

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo con quanto scrive Riccardo Cascioli:

" (...) C’è però un passaggio dell’intervista alla Reuters che non può passare inosservato, ed è quello che fa riferimento alla vicenda dei Dubia. Secondo quanto riportato dalla Reuters, papa Francesco ha detto di aver saputo della lettera dei quattro cardinali che lo criticavano «dai giornali… un modo di fare, diciamo così, non ecclesiale, ma tutti fanno errori». Senonché si tratta di una ricostruzione palesemente falsa, da cui deriva un giudizio pesante sui quattro cardinali: Caffarra, Meisner, Burke e Brandmuller".

" (...) Non volendo pensare che il Papa menta deliberatamente, restano due possibilità: o egli soffre di vuoti di memoria oppure è ostaggio dei suoi collaboratori, che filtrano le lettere che può vedere e gli preparano una rassegna stampa “indirizzata” (del resto è il Papa stesso che ha detto che non vede tv, che legge un solo giornale e che le informazioni gli arrivano dai suoi collaboratori). In entrambi i casi la situazione è poco rassicurante".

Aggiungo che per quanto ne so - due mesi prima della sua morte ho constatato di persona, durante un incontro che mi concesse, il suo stato di stato di sofferenza per la situazione della Chiesa - il cardinale Carlo Caffarra è morto con il dolore di non essere stato ricevuto dal papa, cosa che ha ripetutamente chiesto.

Anonimo ha detto...


De quoi vous plaignez-vous, bonnes gens ? D'après le cardinal Congar, "l'Église n'a jamais été plus chrétienne qu'aujourd'hui » (c'est-à-dire, que depuis Vatican II).

S'il en est bien ainsi, on ne peut pas ne pas se demander "in petto" : mais alors, qu'est-ce qu'elle était avant ?

Mais honni soit qui mal y pense…

Anonimo ha detto...

Passo indietro di Bergoglio sui migranti: accogliere con prudenza, ma non farsi illusioni è la solita strategia mediatica.

Anonimo ha detto...

Secondo quanto riportato dalla Reuters, papa Francesco ha detto di aver saputo della lettera dei quattro cardinali che lo criticavano «dai giornali… un modo di fare, diciamo così, non ecclesiale, ma tutti fanno errori».

Salta al mio occhio il verbo usato : CRITICARE e la sottolineatura finale della SUA INDULGENZA nei riguardi dei comportamenti, delle idee o delle convinzioni altrui, anche se in contrasto con le proprie

CRITICARE = A me che leggo , così come viene detto sembra avere un senso dispregiativo , livoroso ,INVECE la analisi critica dei Cardinali di Santa Romana Chiesa Collaboratori di Pietro e' costruttiva ...

Domanda : Non c'e' in Vaticano un Ufficio Protocollare ?

Anonimo ha detto...

Il problema non è più il livello di malafede di Bergoglio, ormai è ampiamente acclarato. Il problema è l'inazione dei cardinali, ormai palesemente sbeffeggiati... vogliono ancora limitarsi a fare convegni?

irina ha detto...

Anonimo
22 giugno 2018 12:48

Evidentemente, tranne quei pochi che hanno parlato a viso aperto, gli altri sono complici.

Domenico ha detto...

succederà quello che è già accaduto con l'amoris furbitia: "«Se parliamo esplicitamente di comunione ai divorziati risposati – ha riportato Mons. Forte riferendo una battuta di Papa Francesco – questi non sai che casino che ci combinano. Allora non ne parliamo in modo diretto, fa in modo che ci siano le premesse, poi le conclusioni le trarrò io». "

Anonimo ha detto...

Ma anche quelli che parlano fanno solo quello! E I fatti?

Anonimo ha detto...

La série a été annulée par Netflix après deux saisons.

Anonimo ha detto...

Beppe Sala, Roberto Saviano e del cardinale Mario Delpini , Tutti insieme «senza muri».
https://giulianoguzzo.com/2018/06/24/la-festa-antirazzista-prova-che-la-sinistra-e-finita/#more-14147

Una domanda e un invito :
Chi paga i voli transoceanici del vate ?
Chi ha pagato questo pranzo ?
Invito tutti i partecipanti , nessuno escluso , ad eliminare la porta e le chiavi di casa affinche' non ci siano muri..

irina ha detto...

Chi ha pagato?

Secondo me Beppe Sala, Roberto Saviano, Mario Delpini attingendo dalle casse del Comune, del Ministero dell'arte e dello spettacolo e da quelle della Chiesa Ambrosiana. Cioè con i soldi del popolo bue che ha votato Salvini. Onta su onta.

Anonimo ha detto...

La strada è quella giusta
https://giulianoguzzo.com/2018/06/25/la-strada-e-quella-giusta/#more-14168

Se si guardano bene questi volti si riscontra in essi una certa somiglianza . Se poi includiamo anche quelli mancanti in fotografia tipo Vauro , Strada , ecc.ecc. , e si comparano , l'effetto e' strabiliante : Si somigliano tutti !

Anonimo ha detto...

Guarda un po' il buonsenso...
“Chiesa europea fissata su divorziati e gay, non su chiese vuote”
http://www.totustuus.it/card-onaiyekan-in-europa-la-chiesa-e-fissata-su-divorziati-e-gay/