martedì 28 agosto 2018

La chiesa vuole accogliere 40mila ‘migranti’. A spese degli italiani

Se la notizia è vera è follia pura e anche una provocazione pazzesca. L'unica speranza è Salvini! Lo dico da cattolica, non da seguace del bergoglianesimo...
Leggo su Imola oggi:
Raddoppiare l’accoglienza dei migranti nelle strutture diocesane, fino a 30-40 mila posti aggiuntivi. Secondo quanto riporta Il Messaggero nella sua edizione cartacea è l’impegno cui pensa la Chiesa dopo essersi già fatta carico di cento migranti della nave Diciotti che saranno ospitati dalla Cei in una struttura a Rocca di Papa, alle porte di Roma.
Si apre dunque una nuova fase, in cui la Chiesa sarà impegnata a tutto campo nell’accoglienza, sia in Italia che in Europa. L’obiettivo, ambizioso ma non irrealistico – si legge sul Messaggero – è quello di fare posto nel Vecchio Continente a 250 mila persone tra richiedenti asilo e migranti economici. Un progetto ambizioso considerato che dall’Europa sarà difficile attendersi soluzioni concrete all’emergenza degli sbarchi. Sarà dunque compito del Vaticano presentare soluzioni all’Europa. [...]
Semmai li dovrebbero ospitare in Vaticano. Le diocesi sono territorio italiano e le conseguenze che purtroppo abbiamo imparato a conoscere fin troppo nelle nostre città ricadrebbero sugli italiani. Ѐ inutile continuare a cianciare di integrazione (Bergoglio in questi giorni) quando si sa benissimo che le orde afro-islamiche che ci stanno invadendo non sono integrabili e mirano a sottometterci se non a rimpiazzarci. Inoltre l'autorità morale del papa, se ancora ce n'è una, non può riguardare la politica ma la fede. E anche la nostra fede è in serio pericolo. Inoltre lo Stato del Vaticano non può ingerirsi nella politica italiana. Né è più tollerabile questa ossessiva moral suasion anche nei confronti dell'Europa. Per di più l'accoglienza indiscriminata e suicidaria non ha niente a che vedere con la carità cristiana che non è mai irragionevole...

31 commenti:

irina ha detto...

Potrebbe essere una mossa orchestrata da tempo oppure una mossa disperata determinata dall'inclemenza del tempo.

fabrizio giudici ha detto...

Giusto protestare, ma ricordiamo che la CEI ha sparato obiettivi irrealistici anche in passato e poi non li ha raggiunti.

Piuttosto credo che, oltre all'immigrazionismo in sé, ora questa mossa serva anche come reazione al caso VIganò. Io mi aspetto di vedere Papa Francesco sempre più "filantropo", che si preoccupa per i migranti, magari di nuovo versa qualche lacrimuccia, poi vedremo raddoppiata la dose di bimbi che prende in braccio e le visite ai malati. Il senso è chiaro: agire nei confronti dei "cattolici" che hanno ridotto il cattolicesimo a filantropia per convincerli che un uomo così filantropo non può essere complice della cricca.

Anonimo ha detto...

Anch'io ho pensato alla stessa tattica, ma con la protesta che si sta sollevando in questi momenti a Rocca di Papa la vedo dura. A meno che li accolgano davvero in vaticano, tanto a loro non importa più di tanto del suo valore storico, artistico e spirituale. A loro basta salvare la faccia davanti al mondo.
Alla curia andrà benissimo di sicuro.

Anonimo ha detto...

" Inoltre lo Stato del Vaticano non può ingerirsi nella politica italiana. "

Non e' questo il cosiddetto clericalismo ?

Anonimo ha detto...

29 Agosto - Il Martirio di San Giovanni Battista

Signore, ho parlato dei tuoi insegnamenti
davanti ai re, senza arrossire:
mia gioia sono stati i tuoi precetti,
e io li ho intensamente amati.
(Sal 118,46-47)

Anonimo ha detto...

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/toscana/pistoia-chiuso-il-centro-accoglienza-gestito-dal-prete-dei-migranti-in-piscina-_3160177-201802a.shtml

Anonimo ha detto...

http://www.imolaoggi.it/2018/08/27/jesolo-lo-stupratore-della-15enne-ha-5-pagine-di-precedenti-penali/

Anonimo ha detto...

....
Purtroppo però oltre a togliergli il cibo occorrerebbe togliergli il vino… ossia quell’obnubilamento della mente che i greci chiamavano ate, accecamento e che conduce prima alla hybris e poi alla nemesis. Nel caso specifico l’accecamento riguarda due aspetti convergenti. Come affermava infatti Berdjaev in “Nuovo Medioevo”: “nel nostro secolo, che sta al culmine dell’epoca umanista, l’uomo europeo si trova in uno stato di terribile vacuità. Non sa più dove sia il centro della propria vita. Sotto i piedi, non sente più alcuna profondità. Si dedica ad una esistenza del tutto piatta: vive a due dimensioni, come se appartenesse, letteralmente, alla superficie terrestre, ignorando ciò che è sopra e ciò che è sotto di lui.”. Ed è proprio questa condizione di vuoto, riempito di volta in volta con contenuti terreni, a causare il problema principale: la confusione fra bene e male, l’assenza di discernimento. Ma in questi tempi oscuri non conviene gridare sui tetti allo scandalo o pretendere plateali atti di forza contro il potere dominante. E’ già sintomo del nuovo fecondo medioevo che si annuncia un certo qual silenzio contemplativo, forse lo stesso ministero di Benedetto.

“Come può un uomo in tempi come questi decidere quel che deve fare?” domanda il cavaliere di Rohan ad Aragorn. La risposta è illuminante: “Come ha sempre fatto. Il bene e il male sono rimasti immutati da sempre, e il loro significato è il medesimo per gli Elfi, per i Nani e per gli Uomini. Tocca a ognuno di noi discernerli, tanto nel Bosco d’Oro quanto nella propria dimora.”
https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2017/07/a-cosa-serve-lotto-per-mille.html

Anonimo ha detto...

In Germania a Chemnitz è in atto una rivolta di popolo contro l'immigrazione ma la stampa italiana non dice nulla.

Anonimo ha detto...

Puente Simón Bolivar, frontera Colombia-Venezuela. Cientos de miles huyen en busca de comida hacia Colombia. La OEA convoca reunión de emergencia ante crisis humanitaria en las fronteras con Brasil, Ecuador, Perú y Colombia. ¡ Venezolanos mueren de hambre!"

Dov'è Bergoglio ? Dove sono i radical chic ? il mainstream ? I Galantino Saviano Boldrini Boschi ?? Perchè di questa devastazione nessuno ne parla ?? Queste persone non vengono portate con le navi a destinazione non sono solo maschi giovani ma intere famiglie. Nessuno si straccia le vesti per loro. Non gli vengono promessi cellulari vitto ed alloggio senza fare nulla ma sognano una vita "normale" lontano dalle devastazioni bugie violenza e arroganza del potere comunista. E stanno morendo di fame. Davvero. E soprattutto nella maggioranza sono cristiani. Quindi carne da macello. Come sempre nella storia. Una transumanza che grida vendetta al cospetto di Dio e ci fa aprire agli occhi almeno a chi li vuole davvero aprirli.
W Venezuela. Coraje. Cristo està contigo

Anonimo ha detto...

Su Fb al vescovo Sigalini che ripete il mantra che "ci pagano le pensioni"

"Innanzitutto lei dovrebbe preoccuparsi di anime e non di "corpi", piccolo viscido impostore, in secondo luogo, la smetta di improvvisarsi economista e dica la verità squallida ..... i clandestini servono a voi falsi preti, a imprenditori senza scrupoli, a scafisti, mafia, camorra, 'ndrangheta, sacra corona unita, caporali, magnaccia, trafficanti di droga, organizzazioni criminali e terroristiche, all'islam, agli anticlericali, ai laicisti, alle sinistre, alla massoneria, a contrabbandieri ed alla massa di false ONLUS, ONG, Caritas, ARCI, GUS, Centri Sociali, Coop Rosse, CRI, Save The Children, Medici Senza Frontiere per arricchirvi, e per permettere la distruzione dell'Italia come stato nazione e del popolo italiano, della famiglia tradizionale, della fede e religione cattolica e della chiesa cattolica. Ma Dio ha altri progetti, piccolo lurido falso prelato. Una cosa caro contaballe, gli stranieri sono ormai il 10% della popolazione e versano solo il 4,5 % dei contributi pensionistici, per cui come fanno a pagare a noi le pensioni se usufruiscono e usufruiranno di oltre il doppio delle pensioni che stanno versando? Affermazioni criminali vergognose"

Anonimo ha detto...

Commento depurato di alcuni termini altrimenti mic non avrebbe punblicato...

RR ha detto...

"In Germania a Chemnitz è in atto una rivolta di popolo contro l'immigrazione ma la stampa italiana non dice nulla."

E se ne parla, è per dire che sono neonazisti.
E sapete perchè sono inc...ti ? Perchè un giovane tedesco è morto accoltellato da due stranieri (mussulmani) che importunavano pesantemente alcune giovani donne tedesche durante una festa pubblica. in pieno giorno. Altri due Tedeschi sono stati feriti gravemente.
Non passa giorno che non ci sia una donna stuprata e ammazzata, un ragazzo ferito seriamente, un uomo ammazzato...
Ma i giornalisti ed i politici, quando girano per strada, hanno sempre intorno decine di poliziotti a proteggerli.
Ah, anche i poliziotti, i vigili del fuoco, gli infermieri, i medici (ne hanno fatto fuori uno alcuni gironi fa) sono oggetto di attacchi al coltello, con pietre, tubi, ecc.
E tutti i giorni, diconsi TUTTI, bande di "tribù" o "clans" mussulmani diversi si affrontano a coltellate, mazzate, ecc. ecc. in pieno centro delle grandi città tedesche.

E Bergoglio che cita la Svezia come "modello d'integrazione ": la Svezia ???!!! Il paese col tasso più alto di stupri per abitante, secondo solo al Sud Africa (e chissà come mai ?), con interi quartieri "off limits" ("no go areas") per la polizia ? Ma quanto matè s'è bevuto in Irlanda ?

Anonimo ha detto...

Da Il Giornale: Il pusher rimesso in libertà: "Si mantiene con lo spaccio"
Il tribunale di Milano scarcera un clandestino «Vendere droga è la sua sola fonte di sostentamento»
Da Libero Quotidiano: Sì certo, se li prende il Vaticano. Come no. I circa 100 ex occupanti della Diciotti per i quali Papa Francesco ha annunciato l'accoglienza a Rocca di Papa, finiranno in un Centro di accoglienza straordinaria (Cas) che è gestito da due anni dalla Prefettura di Roma e dove vivono circa 270 stranieri di ogni provenienza. Ad occuparsi dell'accoglienza è una coop ecclesiastica, la San Filippo Neri, che a sua volta appalta i servizi di controllo, pulizia e mensa a un'altra coop, la Auxilium. "Finora i soldi per gli ospiti, circa 30 euro al giorno, li mette la prefettura, ovvero il ministero dell'Interno. Ossia, gli italiani.
Questa è l'Italia e questa è la Chiesa in Italia!

Anonimo ha detto...

Domanda : La Auxilium non era menzionata nell' affaire Buzzi ?

Anonimo ha detto...

NON USA MEZZI TERMINI, MOMSIGNOR TADEUSZ PIERONEK, VESCOVO GIA' SEGRETARIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE POLACCA.
IL CLERO COMINCIA A FARE SENTIRE LA PROPRIA VOCE IN CONTRAPPOSIZIONE ALLA LINEA DI BERGOGLIO

"Non escludo che possa esserci un piano per cancellare la identità dell’Europa, collegato al flusso di migranti", ha detto in una intervista al quotidiano online cattolico lafedequotidiana.it. Parole dure, dirette, contro l'islam che continua ad insanguinare l'Occidente. Altro che dialogo, altro che integrazione. "L’Occidente - sentenzia mons. Pieronek - da molta parte degli islamici è visto come nemico e questo abbiamo il dovere di considerarlo. Certamente esistono islamici bravi e non violenti, e con loro dobbiamo dialogare e convivere, ma per tanti di loro eravamo e siamo infedeli da sottomettere". Infatti "non credo che sia corretto fare la distinzione tra Islam buono e Islam cattivo. L’Islam si basa sul Corano un testo nel quale la violenza esiste ed è contemplata. Semmai esistono singoli islamici buoni e cattivi come dappertutto. Questo non elimina il mio giudizio sul Corano che è la base dell’Islam, siamo al cospetto di un libro nel quale si predica la sottomissione con la forza degli altri, tra i quali ci sono i cristiani".

Quei cristiani "abbandonati" anche nel loro continente, con il rischio che diventino minoranza. "Io credo che ci sia un rischio di islamizzazione nel continente europeo - continua il Vescovo - una sorta di invasione insidiosa da non sottovalutare. Mentre gli islamici pregano cinque volte al giorno e sono costanti nella loro fede, i cristiani, meglio l’Europa, ha smarrito le sue radici e non ha il coraggio di manifestare in pubblico la fede e di testimoniarla nella vita di ogni giorno. La sola vera risposta all’ Islam, senza scontri di civiltà, è il rafforzamento della identità cristiana". Poi l'affondo contro i flussi migratori: "Noi per loro siamo degli infedeli. Non escludo affatto che dietro questi enormi flussi migratori si nasconda un piano studiato per cancellare le origini e la identità del continente europeo, un piano gradito e probabilmente promosso da grandi potenze e dalla finanza. Chiudere le frontiere è un errore, però qualche cosa va fatta realisticamente". Non è possibile accogliere tutti. "L’ accoglienza e la solidarietà - dice Pieronek -sono valori cristiani da coltivare e non possiamo negare questo a chi soffre. Penso ai polacchi e dico loro che non devono dimenticare quando emigravano e cercavano aiuto. Tuttavia occorre controllare i flussi migratori in modo responsabile. Chi è in grado di eslcudere che tra i migranti non si nascondano anche terorristi? Allora, bisogna avere cautela nell’ accogliere e senso di responsabilità, usare criterio".
http://m.ilgiornale.it/news/2016/03/29/il-vescovo-ora-parla-chiaro-islam-e-corano-violenti/1240092/

Anonimo ha detto...

http://www.lanuovabq.it/it/la-cei-in-politica-per-integrare-senza-evangelizzare

Anonimo ha detto...

La CEI, che non è uno Stato sovrano, si è offerta di prendersi in carico i richiedenti asilo della Diciotti, che non perdono perciò la qualifica di clandestini e che quindi rimarranno in Italia. Tutto questo non ha niente a che fare con l’integrazione. E neppure con la missione delle diocesi che è quella dell'evangelizzazione.

Anonimo ha detto...

- subissiamo di email i vescovadi italiani, chiarendo che l'8 per mille se lo scordano
- perché gli africani che ci invadono, quelli che tocca tenerci, Salvini li disloca, invece che negli hot-spot o come si chiamano, sotto casa dei sinistri: ai Parioli, nel quadrilatero a Milano, etc etc ? Poi vediamo quanto li "amano".
- se il Vaticano ritornasse ad essere la vera luce che irradia il puro cattolicesimo nel mondo avrebbe tutto il diritto (ed il dovere) di intromettersi nella politica, poiché porterebbe le istanze della Chiesa, la cui autorità è superiore a quello secolare come l'anima è superiore al corpo, ma visto che ormai da decenni (e non solo da quando vi è il sedente attuale) il Vaticano è diventato una sentina di vizi (Mons. Viganò docet) e promuove niente più che gli ideali rivoluzionari e l'antropocentrismo, è giusto che non si occupi degli affari di un altro Stato.
- Perché la prefettura di Roma non invia la fattura alle CEI o alla diocesi competente (Roma) dei costi sostenuti per gli stranieri che alloggiano al CAS ?

Anonimo ha detto...

Rr, mucho matè y coca buena por la cabeza que duele.....c'era uno striscione a Rocca di papa che diceva 'A Francè portateli a S.Pietro' va benissimo anche il super attico da 400 mq. + terrazzone trasformabile in 2 monolocali, fatelo presente a Bertolone......tornando al dunque, Roma, inteso come comune, è colluso in affari col Vaticano dal tempo dei patti Lateranensi, quando in Vaticano piovvero soldi a valanga, ben investiti, adesso hanno case, appartamenti, ville e gestiscono il 60% degli hotel, quindi......i fancazzisti delinquenti che ci propinano, non perdono giorno che non commettano reati, qua in città in un solo parco pubblico, la PS ha recensito 58 pushers di cui solo 4 non maghrebini, risse più o meno violente ogni ora, la settimana scorsa c'è stato un regolamento di conti a coltellate con tanto di morto in un posteggio pubblico antistante una scuola per fortuna ancora chiusa, ma nulla è trapelato sui media, la stazione FS è impraticabile dopo le h.16 estate ed inverno, furti,risse in disco, stupri più o meno consenzienti ed ubriachezze moleste in ogni senso, ma le COOP incluse le ONG+Caritas guadagnano con costoro più di quanto riscosso con l'8x1.000, di che si parla? Non nomino i Rom-Sinti perché inutile, comprese mafie varie indigene e non, ma i pdioti fanno manifestazioni a Milano, città accogliente, tranquilla a pulita(?) la dott.ssa Roccaforte è pregata di fornire dettagli accurati. Foto fake e news a gogo per gli ac-coglioni, complimenti alla dott.ssa Guarini per la parola, temo che Veneziani, pur nel suo pessismo cosmico schopenaueriano abbia ragione, questo governo non s'ha da far durare, le elezioni europee del 2019 sono alle porte e i capoccioni D e F se la fanno sotto.Lupus et Agnus

Anonimo ha detto...

Allucinante paradosso.
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/29/diciotti-commissione-ue-per-andare-in-albania-ci-vuole-il-consenso-dei-migranti/4587997/

Rr ha detto...

Lupus,
Milano non è ne’ tranquilla, ne’ pulita, ed è accogliente gioco forza.
In questi giorni agostani di Africani sui mezzi pubblici se ne vedono molti meno del solito, ma persistono i kebabbari, o meglio le kebabbare. In generale sembra che anche gli stranieri non siano ancora rientrati in città, come i Milanesi DOC.

In compenso ce ne sono sempre troppi, di stranieri, sulle spiagge, intensendosi i cosiddetti “vu cumpra’ “, alcuni dei quali sono ora stanziali e residenti ad Olbia. Rispetto agli anni scorsi sono pero’ meno insistenti, in generale, salvo due o tre veramente insopportabili. Ma non è del tutto colpa loro: se i bagnanti, ed in particolare i turisti”continentali”, non accorressero per comprarsi ogni straccetto, ogni chincagleria, ogni gadgettino possibile ed immaginabile, quelli non si sentirebbero padroni della spiaggia.

Anonimo ha detto...

L'inserimento diretto della CEI - Conferenza Episcopale Italiana - nella trattativa e nella conclusione della vicenda della "Diciotti" è qualcosa di nuovo. Risolve qualche problema ma ne pone altri. Non si era ancora mai verificato che i vescovi italiani si inserissero in una decisione istituzionale e politica di spettanza del governo italiano, dei governi di altri Paesi coinvolti, e dell'Unione Europea. Le persone sbarcate dalla "Diciotti" sono state affidate all'Albania, al Irlanda e... appunto alla CEI, che però non è uno Stato come gli altri due. Potrà in futuro ripetersi la cosa? E la CEI chiedere ancora che il governo accolga immigrati affidandoli poi alla Chiesa italiana? E potrà farlo solo la CEI o anche altre realtà religiose presenti in Italia? Potrà farlo anche l'UCOII? Potranno farlo anche altri soggetti non religiosi della società civile? Non esiste più, quindi, il diritto dovere dello Stato di difendere i confini e di decidere in ultima istanza su chi entra? So bene che la decisione politica non è stata presa dalla CEI, ma dal governo italiano, e che si è trattato di uno stratagemma per risolvere una questione che stava diventando sempre più spinosa, ma il governo l'ha presa perché la CEI si era resa disponibile. Chi altri in futuro avrà titolo per rendersi disponibile? E il governo dovrà sempre tenere conto di queste disponibilità? Un atto in apparenza così semplice crea una situazione complessa.
Del resto, alla fine i nuovi ospiti vivranno in Italia, perché la Conferenza episcopale italiana non è sovrana su un territorio, vive in Italia, con tutte le sue diocesi e parrocchie. Quindi, di fatto, sono stati accolti in Italia a tutti gli effetti, tranne quello economico, almeno sembra. Allo stato attuale non è infatti chiaro se la CEI manterrà i nuovi arrivati con i fondi dell'otto per mille o altri fondi propri oppure se li farà rientrare nelle quote a carico delle Caritas diocesane. In questo caso a mantenerli sarebbe ancora lo Stato italiano e non la CEI. In ambedue i casi, comunque, gli immigrati vivranno in Italia e qui faranno le domande di asilo per ottenere la qualifica di profughi e per tutte le altre pratiche cui gli immigrati che sono in territorio italiano senza un permesso devono sottoporsi.
./.

Anonimo ha detto...

...segue
Tutto questo non ha niente a che fare con l'integrazione. La CEI, che non è uno Stato sovrano, si è offerta di prendersi in carico delle persone le quali non perdono perciò la qualifica di clandestine e che quindi rimarranno in Italia, per un periodo più o meno lungo in attesa di una vaglio della loro situazione da parte delle autorità. Fare questo non significa integrare, significa solo accogliere facendosi carico delle spese.
Non c'è dubbio che la CEI abbia agito con sagacia dal punto di vista dell'immagine. Passa per il protagonista "buono" del gioco in questione, fingendo di accogliere presso di sé e accogliendo di fatto in Italia: ha fatto accogliere gli immigrati a Salvini senza che Salvini possa essere accusato dai suoi di accogliere gli immigrati. Però ha anche impedito che si addivenisse ad un chiarimento tra i veri soggetti politici della questine e in particolare l'Europa. Ha anche impedito che l'Unione Europea facesse fino in fondo la gran brutta figura che già stava facendo. Un soggetto non politico si è inserito in una faccenda politica impedendone il chiarimento politico.
Bisognerà anche vedere se questa intromissione diretta in politica, perché di questo si tratta, sia positiva anche da altri punti di vista e nel lungo periodo. Perché la CEI non è intervenuta anche in passato per casi politici (ed umanitari) ben più gravi? Una volta si diceva che la Chiesa non fa politica diretta ma attraverso i laici e le persone di buona volontà che essa forma: non è più valido? Questo intervento è stato motivato dicendo che in questo modo la Chiesa favorisce l'integrazione. Ma è vero che le diocesi stanno svolgendo questo compito? Eppoi: è questa la finalità che la Chiesa deve direttamente perseguire?
E' da molto tempo che non sentiamo più parlare di evangelizzazione nei confronti degli immigrati. A meno che non si considerino tali le varie "Feste dei Popoli" che diocesi e parrocchie organizzano nel periodo di Pentecoste. Il compito di evangelizzare è stato sostituito con quello di integrare? Dimenticando forse che evangelizzare è anche il modo migliore per integrare. Se ci si impegna a integrare non perciò si evangelizza. Se si evangelizza si finisce anche per integrare. È l'annuncio ad avere sempre la precedenza nella missione della Chiesa. Allora, conviene veramente alla Chiesa italiana diventare soggetto politico, sostituendosi agli Stati? Farlo solo su alcuni temi politicamente corretti? Presentarsi come un soggetto operativo che integra senza evangelizzare? Non sarebbe meglio che la Chiesa educasse ad accogliere e ad integrare secondo i principi della sua Dottrina sociale e si concentrasse sulla evangelizzazione?


Titolo originale: Quello che non vi hanno detto sul caso della nave Diciotti
Stefano Fontana
Fonte: Libero, 25/08/2018

Anonimo ha detto...

Sì, Anonimo, ricordi bene.

Anonimo ha detto...

https://almaghrebiya.it/2018/08/26/il-qatar-finanzia-lislamisazione-radicale-delleuropa/

mic ha detto...

Leggo dal link sopra:
"....Ma quel di cui si sa veramente meno è l’influenza del Qatar in Europa, e in particolare in Francia. L’emiro del Qatar, Tamim bin Hamad al Thani, ha infatti di recente fornito la prova concreta che la Francia è un campo privilegiato di espansione per il suo paese. Con l’incontro di luglio, Macron e l’emiro del Qatar si sono seduti al tavolo delle trattative per la terza volta nel giro di pochi mesi. Contratti del valore di oltre 12 miliardi di euro sono già stati firmati, rendendo il Qatar il terzo maggior cliente francese nel Golfo dopo l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Il Qatar, tuttavia, ha nell’obiettivo non solo l’economia francese.
È il denaro qatarino a finanziare le mega moschee di cui si sta fregiando la Francia negli ultimi anni. ..."

Ricordate il recente viaggio in Qatar di Renzi? E ricordate quanto abbiamo tuonato (solo la Meloni se n'è fatta portavoce) sul finanziamente delle moschee da parte del Qatar in Italia?
Salvini è l'unico che nel governo mostra di essere consapevole del rischio islamizzazione (che sta diventando radicalizzazione). Tant'è che ha bloccato la costruzione di 6 moschee a Milano, stoppando il sindaco PD...

Anonimo ha detto...


Il Qatar non ha finanziato anche la costruzione di un grosso ospedale in Sardegna,
che il presente governo ha dovuto autorizzare, essendo il contratto già depositato
e per dar lavoro ai locali?

Anonimo ha detto...

PRIMA DI TUTTO, IL NEMICO LO ABBIAMO IN CASA.. E SOLO POI, FUORI.
Nelle ultime ore i giornali di sinistra e tra questi anche il vomitevole Avvenire, stanno facendo passare alcune foto per la prova delle torture che i clandestini africani subirebbero in Africa (e da qui il diritto di invaderci, infettarci, ammazzarci etc etc). Bene: queste foto (e in rete si trova l'articolo in lingua con traduzione sotto) risale allo scorso anno ed è la testimonianza non di torture a caso ma della cattura di 3 criminali e appesi secondo la Giustizia locale per gli atti commessi. Io mi chiedo quindi: capisco anni addietro quando ci potevano rifilare ogni sorta di balla colossale perchè tanto, nel bene o nel male, internet non c'era.. Ma al giorno d'oggi in cui in rete passano anche moltissime verità (non solo fake news) e dove dopo 3 secondi ti sbugiardo come una lama infilzata... Che senso ha mentire?? Non capisco proprio.

Anonimo ha detto...

DICIOTTO E MEZZO

"""""1) Il pm chiede i nomi di tutti i migranti: "Hanno diritto a costituirsi contro Salvini", così avremo 177 patrocini da pagare con costi di burocrazia assurdi e ZERO produttività.
2) I minori sono scesi subito e li teniamo noi, a vita, più ricongiungimenti.
3) 100 li prende la Chiesa, nel senso noi a Rocca di Papa.
4) 20 dovevano andare in Albania e Irlanda ma la UE avvisa Italia: "per mandare migranti in Albania serve loro consenso".
Conclusioni
Siamo onesti. Senza che vi arrabbiate. Sta cosa di SALVINI non è un successo per nulla. L'unico merito è far emergere lo schifo cosmico che gira intorno a questo business assurdo e totalmente fuori controllo, enfatizzando le IPOCRISIE di una Unione Europea che non esiste se non per la moneta""""
(di Roberto Lorenzetti)

fabrizio giudici ha detto...

Ma non è che ci arrabbiamo: è che un commento totalmente stupido, indegno di una mente che ragiona e fa anche sospettare la malafede. Minimo minimo è un disfattista.

Primo: perché si contraddice da solo. "Per nulla" non è compatibile con la presenza del merito di fare emergere lo schifo in tutta la sua portata. Secondo, e più importante, presume che in guerra le battaglie si vincano tutte: solo un bambino ragiona così. Il caso Diciotti è la prima battaglia pareggiata (*) dopo una lunga sequenza di battaglie vinte.

(*) Dico che è pareggiata perché ha fatto emergere lo scontro con la magistratura, ed è un merito. Se non si ha il coraggio di affrontarla, veramente è inutile stare a parlare perché qualsiasi politico non potrebbe cambiar nulla. E invece che l'accusa a Salvini sia farlocca l'hanno persino scritto ex magistrati sul Fatto Quotidiano. Inoltre, la mossa di far prendere in carico la cosa dalla CEI ha il merito di dirigere un'altra bella botta di indignazione contro la CEI, che non fa mai male di questi tempi.