lunedì 10 dicembre 2018

I vescovi tornano a far politica e remano contro l'Italia che alza la testa.

C'è  molto da dire su questo ulteriore tradimento di quelli che dovrebbero essere i nostri pastori e invece si rivelano cinici esecutori dalla gabbia ideologica sinistrorsa che attanaglia anche il soglio di Pietro... Per ora mi limito a pubblicare l'articolo che segue di Antonio Socci. Cominciamo a parlarne. Il nostro impegno continua a dispiegarsi anche sul piano civico.

Don Farinella chiude la chiesa: niente Natale!
La CEI che fa, acconsente? E l'altro prete capellone di Padova, dove lo mettiamo? Il Natale di Gesù offende le altre religioni, dicono.

Il decreto di Salvini che regola l'invasione fa da catalizzatore, ed esplode l'ira funesta dei katto  komunisti! I mangiapreti  di sempre, citano il Vangelo. Non c'è più religione, dico io, ma solo capre, capre alla Sgarbi!

È un paradosso. Mentre Matteo Salvini riempie Piazza del popolo a Roma, ricordando la festa dell'Immacolata, citando De Gasperi e Giovanni Paolo II e, anzi, facendone il punto di riferimento ideale, la burocrazia ecclesiastica della Cei organizza una crociata politica proprio contro la Lega di Salvini, tanto che, sempre ieri, il Fatto quotidiano titolava in prima pagina: «I vescovi tornano a far politica». E nell'interno: «Il progetto di Bassetti: così la Chiesa prepara il ritorno in politica». In realtà nella storia del cattolicesimo politico non sono mai stati i vescovi a prendere l'iniziativa partitica, quindi più che un ritorno sarebbe un' assoluta (e catastrofica) novità.

L' articolista del "Fatto" spiega che il cardinal Bassetti ha messo all'ordine del giorno del consiglio permanente della Cei di gennaio la nascita di uno strumento di intervento politico: «Così la Chiesa si organizza per dare un'opposizione all'Italia». È un paradosso perché la Lega si sta candidando a rappresentare l' asse della politica italiana come una sorta di DC del terzo millennio (e non a caso i sondaggi la collocano sulle percentuali della DC).

Ma l'establishment ecclesiastico si contrappone proprio a questa Lega con un manifesto politico sull' Europa (e sull'emigrazione) che ricalca gli argomenti di "Più Europa", di Emma Bonino, e spazza via i tradizionali temi cattolici.

TELEFONATE AI VESCOVI

Resta da capire e da vedere se veramente l'attivismo del cardinal Bassetti, che telefona continuamente a tutti i vescovi per mobilitarli, sfocerà in qualche iniziativa politica che possa poi trasformarsi in lista, alle elezioni Europee, oppure se sceglieranno di non farsi contare, per evitare pessime figure e anche per evitare contestazioni relative al Concordato del 1984, dove Chiesa e Stato si riconoscono indipendenza e sovranità, ciascuno nel proprio ordine, e non ammettono interferenze dirette.

Per evitare conflitti istituzionali di questo genere tutto l' agitarsi convulso dei vescovi, alla fine, potrebbe servire semplicemente a cercare di smuovere le parrocchie a favore del Pd o del possibile, eventuale, partito di Matteo Renzi. Il quale peraltro ha messo i semi del suo possibile partito con i cosiddetti "comitati civici" che - già dal nome - evocano l' iniziativa di Luigi Gedda e dell' Azione Cattolica nelle elezioni del 1948.

A dire il vero non è chiaro quale sia l'analogia fra quelle straordinarie e storiche elezioni e la situazione attuale dell' Italia. A quel tempo era una questione di vita o di morte, sia per l' Italia che per la Chiesa. I "comitati civici" si mobilitarono a favore della Dc contro il comunismo che era arrivato, con le sue armare, fino a Trieste e che, il 18 aprile 1948, rischiava di prevalere nelle urne in tutta Italia. Fu una difesa della democrazia e della civiltà cristiana, una battaglia a protezione della Chiesa e della democrazia italiana.

BRUXELLES LAICISTA

Nel caso odierno invece la Cei e le associazioni cattoliche ufficiali si schierano in difesa di un' Europa laicista che ha rinnegato le "radici cristiane", mentre Giovanni Paolo II e Benedetto XVI - a suo tempo - criticarono duramente questa Europa tecnocratica per il suo laicismo e per il dilagare di una mentalità e di politiche nichiliste. L' iniziativa del presidente della Cei peraltro è non solo un rinnegamento dei precedenti pontificati, ma è anche un rinnegamento del Concilio Vaticano II che ha proclamato la responsabilità del laicato cattolico nel campo della politica.

È anche un colossale rovesciamento di posizioni (non dichiarato) nei confronti della cosiddetta "scelta religiosa" che l'Azione Cattolica fece già negli anni Settanta per giustificare l' abbandono della presenza culturale e sociale (in anni in cui dilagava il conformismo marxista). Nel caso in cui il soccorso della Cei sia indirizzato al Pd o al (possibile) partito di Renzi i vescovi dovranno anche spiegare l' appoggio a chi, quando era al governo, ha promosso leggi contrapposte alla sensibilità cattolica.
Antonio Socci

63 commenti:

Anonimo ha detto...

Possiamo realmente dire che esiste una sensibilità cattolica?

Anonimo ha detto...

Il Grande Oriente d'Italia salutò festosamente la scelta di Bassetti, "uomo di dialogo".
Perugia poi è storicamente un bel laboratorio per questo genere di fraterne convivenze.
Fa un po' specie che la CEI oggi senta l'esigenza di un partito cattolico, quando ai tempi di Benedetto XVI ogni timido tentativo fu bollato come anacronistico e velleitario.
Di tante sciagure abbattutesi sulla Chiesa, la conferenza episcopale ne è il paradigma e l'archetipo.

mic ha detto...

Possiamo realmente dire che esiste una sensibilità cattolica?

La sensibilità cattolica esiste nella misura in cui ci sono cattolici che difendono la vera fede. E ci sono. Purtroppo nei media e in alcuni centri di potere prevale quella imbastardita!

Anonimo ha detto...

Non c'è niente da fare l'ideologia della Cei è quella Soros. Spero che gli elettori cattolici non si facciano ingannare.

Giovanni Evangelista ha detto...

I Vescovi vogliono fondare un PD2 completamente scristianizzato, come loro d'altronde, per cercare di arginare l'unico partito Cattolico esistente, la Lega.
Vedere i Vescovi che combattono Cristo è un'altra delle grandi novità di questo, chiamiamolo, pontificato.

Anonimo ha detto...

Prove tecniche cattodem, cattocom e cattoadulte.
Silvio Brachetta

Anonimo ha detto...

Ma, donne e bambini...... ne vedo pochissimi, io vedo una maggioranza di giovani palestrati e non deperiti dalle guerre.

Ma perché i vescovi non parlano mai degli italiani terremotati al freddo e al gelo? Quelli li possono accettare?

https://www.toscanaoggi.it/Edizioni-locali/Firenze/Betori-sull-immigrazione-Non-possiamo-accettare-che-migliaia-di-persone-vengano-lasciate-per-strada

Anche la Bussola Q. ha detto...

S'avanza il partito dei vescovi, ma sembra il Pd
http://www.lanuovabq.it/it/savanza-il-partito-dei-vescovi-ma-sembra-il-pd

Anonimo ha detto...

...
Dunque, i modelli portati ad esempio dal cardinale Bassetti – e chissà se se ne rende conto - contraddicono l’attuale tendenza delle gerarchie ecclesiastiche che invece pretendono la totale uniformità su materie opinabili mentre non hanno molto da dire se si va in ordine sparso su temi una volta definiti princìpi non negoziabili. Non è un caso, ad esempio, che al centro delle manovre per un nuovo partito ci sia la Comunità di Sant’Egidio, che ha sempre fatto della battaglia contro la pena di morte una bandiera ma non si ricorda abbia mai alzato la voce contro l’aborto, la fecondazione artificiale, il divorzio, le unioni gay, e così via.

Così ad esempio si pretende che sull’immigrazione, anche in barba alla Dottrina sociale della Chiesa, si pratichi un’accoglienza senza controlli e senza fare distinzioni, e guai a chi pone una obiezione. Anzi, chi non è d’accordo non provi neanche a fare il presepio, come in questi giorni tanti preti e vescovi hanno imparato a ripetere. Puro isterismo ideologico.

Con queste premesse, pare chiaro che il progetto di un nuovo partito – che sarebbe dei vescovi più che dei cattolici – è destinato a un sicuro flop. Ma se proprio ci tengono tanto a fare i vescovi-pilota che almeno imparino a guidare.

Anonimo ha detto...


Il "partito dei vescovi", doppione curiale del PD, fa semplicemente ridere, come lo fanno i vescovi della Chiesa "conciliare", che tutto sembrano tranne che autentici sacerdoti di Cristo, autentici vescovi.

Anonimo ha detto...

Al signor Giovanni Evangelista, volevo correggere un suo refuso.
Forse intendeva P2(D). Un saluto Stefano

Anonimo ha detto...

"L’idealizzazione terzomondista del migrante ci costerà cara. Un sentimentalismo e un senso di colpa a buon mercato strumentali all’ideologia marxista hanno come scopo quello di minare la cultura occidentale". Crisi dell'Europa, ripudio delle élite, declino e accecamento della cultura greco-romana, giudaico-cristiana, forza dell'Islam, bassa natalità...

Cesare Baronio ha detto...

La setta progressista è serva del piano mondalista: più chiaro di così.

Essa non rappresenta né la Chiesa né i suoi fedeli, ma solo il tristo concubinato tra eresia e potere civile, come ai tempi di Giuliano l'Apostata. Così i Cattolici sono esiliati de facto tanto dalla società civile quanto da quella religiosa.

E intanto Socci continua a chiamare in causa il Vaticano II, come se prima di esso la Chiesa non avesse ricordato ai Cattolici il dovere di un impegno politico attivo, non tanto per ridicole questioni di sensibilità cattolica, quanto per la difesa della Legge di Dio e per l'affermazione - anche in un contesto democratico - della Regalità Sociale di Cristo. Se c'è una responsabilità all'infiacchimento (anzi, alla cancellazione quasi totale) dell'impegno del laicato cattolico, questo è causa soprattutto del Vaticano II, che ha spodestato Cristo Re e che ha portato alla cancellazione della Religione di Stato nelle nazioni cattoliche. Non a caso, quando Casaroli firmò la revisione del Concordato, disse che la rinuncia ad esser Religione ufficiale era motivata proprio dal Vaticano II e dalla Dignitatis Humanae.

Vogliamo smetterla di usare il Concilio per argomentare contro le derive della Gerarchia attuale?
Vogliamo capirlo una buona volta che quel che succede oggi è frutto diretto e necessario del Vaticano II?

Valeria Fusetti ha detto...

Mi sono chiesta: Cosa mi ha colpita di più in quello che ho visto su you tube della manifestazione di Roma ? A) La folla, ovviamente, pensavo sarebbe stata tanta, ma sinceramente non così. B) L'abilità di Salvini e la disciplina del suo partito. E' un "animale politico" di grande abilità, ed anche di grande coraggio. C)Tutto questo lo rende estremamente prezioso per il nostro amato Paese. D) Tutto questo lo rende pericoloso per i "Tu Sai Chi", i lord Voldemort di turno. Vorrei soffermarmi sul punto B. Ba)Con "animale politico" non intendo un istintivo, anzi mi sembra una persona che sa coniugare con equilibrio sensibilità d'animo e razionalità. Bb)Quando crede in una cosa la porta avanti con coerenza, anche se deve necessariamente mediare con una parte politica con la quale ha poco da spartire.Il che mi sembra significhi che ha ben chiaro che mediazione e cedimento non sono la stessa cosa. Bc)Ha cercato, e trovato forse per merito del Ministro Fontana, dei buoni consiglieri sia a livello spirituale che politico. E si vede. Anzi si sente, soprattutto per la scelta del papa da citare: Giovanni Paolo II e non Benedetto XVI. GPII rimanda a una sensibilità anticomunista forte e immediata, mentre BXVI rimanda ad un "sapere", ad un dibattito teologico tutto interno alla Chiesa. Bd)E questo significa qualche cosa che mi appare piuttosto complesso e che mette in crisi una parte del mio pensiero. Nulla di male, gli fa bene, a lui e a me. Mi spiego. Sin'ora avevo pensato che decenni di dominio del pensiero liberal-marxista-libertario su case editrici, giornali, televisione,sistema scolastico, ecc avesse prodotto un pensiero coeso e forte nel tessuto sociale italiano. Salvini ha dimostrato che non è così. Quel tipo di cultura è meno estesa, o forse semplicemente meno radicata, di quanto si potesse pensare. Quello che è stato dimostrato a Roma è che le radici cristiane, per cui una consistente parte della cultura diffusa, sono largamente presenti a livello di massa. Mi spiego, Salvini ha fatto riferimenti inequivocabili alla Madonna, ad un Papa, alla Dottrina Sociale della Chiesa. E non per la prima volta. Le persone in piazza NON hanno fatto Buuuu!: hanno applaudito. Molti non mettono piede in Chiesa forse dalla Comunione, ma hanno applaudito ad un programma politico che ha evidenti radici cattoliche, e non ad un semplice programma con basi laiciste e materialistiche e stop. E questo apre un'ulteriore riflessione sull'insipienza dei Vescovi, che sembrano i famosi lupi che scorrazzano nella Chiesa. Fortunatamente ce ne sono anche che continuano a fare i Pastori, ma sembrano essere una minoranza. Come i chierici, che per la più parte sembrano cattochierici, con nuances più o meno diffuse di libertarismo arcobaleno. Non sembra che gli interessi capire perchè sempre più italiani si siano rivolti alla Lega, a questa Lega, quella formata da Salvini e dai suoi uomini, assolutamente diversa dalla Lega di Bossi di cui conserva solo il nome. I riferimenti ad una cultura cattolica, se li vedono, li giudicano solo strumentali. E se sono vere le parole di Nostro Signore, e sono sempre vere, essi hanno sulla bocca ciò che hanno nel cuore. E nel cuore il sentire cristiano e cattolico sembra il loro, di strumentale. E' un pensiero orribile, me ne rendo conto, e spero tanto, tantissimo di dovermi ricredere e chiedere scusa. Lo farei di tutto cuore.

irina ha detto...

Questo progetto massonico dell'ammucchiata globale, aveva bisogno di uno straccio di riferimento religioso, ipotizzo, si scelse all'uopo la chiesa fu cattolica per la sua organizzazione unitaria e mondiale; bisognava solo ammorbidirne la forma, cioè uno sformato che il CVII si assunse il compito di iniziare e portare a termine. La chiesa sempre più femminile nel sentire e nel pensare, in particolare a causa dell'omosessualità dei chierici(omosessualità ad arte sapientemente coltivata in sacche nascoste ai fedeli ma, ben chiare agli interni), accettò questa parte, questa cooperazione, questa funzione. L'accettò, continuo con l'ipotesi, in forza del fatto di essersi sempre appoggiata al forte di turno, dall'impero, ai franchi e ancora al sacro e romano impero, certa che quello che concedeva poi l'avrebbe ripreso. Nella storia esistono, sì, delle somiglianze tra gli accadimenti, ma mai delle ripetizioni pedisseque, tanto meno progettate ad arte.
La diversità, tra allora ed ora, è proprio data dalla mente, dal sentire, dall'operato dei chierici ormai non più virili; anche quelli nati e rimasti vergini, vivendo tra femminelle, tra sodomiti, senza neanche rendersene conto, sono mutati, hanno perduto la forza propria dell'uomo. Un esempio per tutti Giuseppe Ricciotti, com'è mai che il suo testo, Vita di Gesù Cristo, è cercato da tanti e tante adulte che rientrano nella Cattolica? Perchè si percepisce chiaramente il sacerdote-Padre, che parla chiaro, parla semplice, che sa quello che dice, non lo manda a dire, che è autorevole, che sa anche sorrider del male perché i tiranni li ha vinti tutti. Ora questi consacrati/e credenti sono rarissimi/e, rarissimi/e.
Quindi gettarsi in un'impresa, globale e nazionale, di questo genere è pura follia, perché la chiesa non ha più forza, non ha più dottrina, cioè di suo non ha più niente da dire, nè ha autorevolezza, la quale non può essere e non è sostituita dal bieco autoritarismo, cioè dalla emissione rumorosa di gas intestinali di chi pretende di dare una dritta completamente storta.
Ora passando dal globale al nazionale, la poverina nel pensier si finge di poter dare un esempio delle sue capacità strategiche in campo nazionale, a favore del piano mondiale massonico liberale, che un giorno diventato realtà lei poi farà diventare cristiano. Forse come al tempo delle crociate o forse solo come nel 1948 quando il paese usciva da una guerra, dove un popolo aveva combattuto la sua feroce battaglia, maschi e femmine, ragazzini e vecchi, quando tutti erano diventati, di necessità, maschi e guerrieri ma,soprattutto si erano raccomandati al Signore che nel bisogno avevano riconosciuto, allora è stato possibile. Oggi non più.
Ovunque in occidente, non più. Perché lo sformato della corruzione è diventato quasi globale mentre la chiesa, dimentica della sua reale ragion d'essere, demente pratica il contro natura infernale, quale sacramento di Satana.

Anonimo ha detto...

10 dicembre, Madonna di Loreto
Supplica da recitarsi (possibilmente) alle ore 12

"O Maria Loretana, Vergine gloriosa, noi ci accostiamo fiduciosi a Te: accogli oggi la nostra umile preghiera.
L'umanità è sconvolta da gravi mali dai quali vorrebbe liberarsi da sola. Essa ha bisogno di pace, di giustizia, di verità, di amore e si illude di poter trovare queste divine realtà lontano da tuo Figlio.
O Madre! Tu portasti il Salvatore divino nel tuo seno purissimo e vivesti con Lui nella santa Casa che noi veneriamo su questo colle loretano, ottienici la grazia di cercare Lui
e di imitare i suoi esempi che conducono alla salvezza. Con fede e amore filiale, ci portiamo spiritualmente alla tua Casa benedetta.
Per la presenza della tua Famiglia essa è la Casa santa per eccellenza alla quale vogliamo si ispirino tutte le famiglie cristiane: da Gesù ogni figlio impari l'ubbidienza e il lavoro; da Te, o Maria, ogni donna apprenda l'umiltà e lo spirito di sacrificio; da Giuseppe, che visse per Te e per Gesù, ogni uomo impari a credere in Dio e a vivere in famiglia e nella società con fedeltà e rettitudine.
Molte famiglie, o Maria, non sono un santuario dove si ama e si serve Dio; per questo Ti preghiamo affinché Tu ci ottenga che ognuna imiti la tua, riconoscendo ogni giorno e amando sopra ogni cosa il tuo Figlio divino.
Come un giorno, dopo anni di preghiera e di lavoro, Egli uscì da questa Casa santa per far sentire la sua Parola che è Luce e Vita,
così ancora dalle sante mura che ci parlano di fede e di carità, giunga agli uomini l'eco della sua parola onnipotente che illumina e converte.
Ti preghiamo, o Maria, per il Papa, per la Chiesa Cattolica, per l'Italia e per tutti i popoli della terra, per le istituzioni ecclesiali e civili
e per i sofferenti e i peccatori, affinché tutti divengano discepoli di Dio.
O Maria, in questo giorno di grazia, uniti ai devoti spiritualmente presenti a venerare la santa Casa ove fosti adombrata dallo Spirito Santo, con viva fede Ti ripetiamo le parole dell'Arcangelo Gabriele:
Ave, o piena di grazia, il Signore è con Te!
Noi Ti invochiamo ancora: Ave, o Maria, Madre di Gesù e Madre della Chiesa, Rifugio dei peccatori, Consolatrice degli afflitti, Aiuto dei Cristiani.
Tra le difficoltà e nelle frequenti tentazioni noi siamo in pericolo di perderci, ma guardiamo a Te e Ti ripetiamo:
Ave, Porta dei Cielo; ave, Stella del Mare!
Salga a Te la nostra supplica, o Maria.
Essa Ti dica i nostri desideri, il nostro amore a Gesù e la nostra speranza in Te, o Madre nostra.
Ridiscenda la nostra preghiera sulla terra
con abbondanza di grazie celesti. Amen.

Salve, o Regina"

Anonimo ha detto...

CIRCOLA CON SEMPRE PIÙ INSISTENZA LA NOTIZIA CHE LA CONFERENZA_EPISCOPALE_ITALIANA SIA IN PROCINTO DI FONDARE UN NUOVO_PARTITO_POLITICO, ANTI_LEGA E CON UN PROGRAMMA, PRESSAPOCO, DEL TIPO SEGUENTE:

° APPROVAZIONE dello Ius soli.

° ADESIONE al Global compact.

° CHIUSURA, momentania, dei Centri di accoglienza (CDA), Centri di accoglienza richiedenti asilo (CARA) e Centri di identificazione ed espulsione (CIE) per i clandestini.

° OCCUPAZIONE delle case sfitte, da destinare ai clandestini con affitto simbolico a carico dello Stato
° AVVIO_TRATTATIVA con l' ARCI per trasformare le chiese italiane, in esubero, in strutture ricreative: sale tombola, sale bingo, etc..

° AUMENTO consistente della pressione fiscale su persone fisiche e giuridiche (escluse le coop ed il cosiddetto 3° Settore).

° VENDITA, tramite Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (Apsa), diretta dall' ex vescovo di Cassano allo Ionio (in provincia di Cosenza) di 1/3 del patrimonio immobiliare della chiesa per le necessità di cassa del nuovo partito e della sua dirigenza.

° CHIUSURA ad ogni possibile riavvicinamento dell' Italia alla Russia e sviluppo politiche di amicizia a Cina, Cuba, Venezuela, Nicaragua ed ogni altro movimento-stato bolivarista, peronista e populista in Sud America.

° OPPOSIZIONE ferma alla presidenza Trump ed intesa con le forze democratiche dei Clinton-Obama e con il deep state USA.
°...
IL NUOVO PARTITO SAREBBE SUPPORTATO, SCRIVONO, DA SETTORI CISL, ISTITUTO_STURZO, COMUNITÀ DI SANTO_EGIDIO, ASSOCIAZIONE "INSIEME" DEL VESCOVO EMERITO DI PRATO GIUSEPPE_SIMONI...E DA LEONARDO BECCHETTI, ALESSANDRO ROSINA E MAURO "MAGATTI.

ALLEGATI

Rusconi
https://www.rossoporpora.org/rubriche/italia/830-verso-un-nuovo-partito-dei-cattolici-in-funz

Socci
https://www.antoniosocci.com/la-lega-diventa-la-dc-degli-anni-duemila-e-lestablishment-clericale-le-dichiara-guerra-con-argomenti-filo-ue-simili-alla-bonino/

Il_Giornale
http://www.ilgiornale.it/news/politica/cos-cei-tenta-dar-vita-nuovo-partito-dei-cattolici-1613298.html

fabrizio giudici ha detto...

La cosa potrebbe anche avere una valenza positiva: sarà un flop, mostrerà l'ennesimo scollamento tra questa gente e mondo reale (ovviamente prima di tutto tra questa gente e cattolicesimo, ma su questioni politiche concrete è più facile che la gente si stufi), con il risultato di screditare un po' di personaggi.

mic ha detto...

CASTELFRANCO - Don Claudio Miglioranza critica il ministro Salvini dal pulpito durante la messa delle 11.30 di ieri mattina celebrata alla Pieve a Castelfranco. Dalla platea Giorgio Vigni vicepresidente della Life Treviso si alza ed esce dalla chiesa per protesta (rientrerà a predica terminata). «Il sacerdote parla del ministro dell'interno che fomenta l'odio ed il razzismo - denuncia Vigni - è un sacredote di Dio o un onorevole, un attivista, un sindacalista? Può un semplice cristiano andare a messa solo per sentire la parola? Di politica, comizi ed altro ne sono piene le piazze; per questo sono uscito e mi sono risparmiato il resto della performance». Don Claudio, ordinato sacerdote nel 1968, prete operaio da sempre con gli ultimi e per gli ultimi pare abbia colpito ancora. E Vigni non ha esitato a prendere carta e penna per fissare il suo pensiero a riguardo dell'accaduto e su don Claudio.
https://www.ilmessaggero.it/italia/prete_critica_salvini_messa-4162961.html

fabrizio giudici ha detto...

Don MIglioranza è un "prete arcobaleno":

https://www.tempi.it/chi-sono-i-preti-arcobaleno-che-se-la-prendono-col-family-day/

Anonimo ha detto...

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/roma-rubate-nella-notte-venti-pietre-inciampo-che-ricordano-1614328.html

Non se ne puo' piu'.

Anonimo ha detto...

Lasciamo fuori la Cisl, che comunista non è.

Anonimo ha detto...

Andasse a qualche messa vetus ordo, che è meglio.

mic ha detto...

sul furto delle pietre d'inciampo:
""È un atto intollerabile, incredibile e inammissibile di vandalismo di stampo fascista e antisemita. Si tratta di un gesto reso possibile e legittimato da un governo che discrimina e perseguita le persone diverse, le minoranze e tutti coloro che lottano per i diritti civili. Stiamo vivendo un momento terribile", ha dichiarato Adachiara Zevi, presidente dell'associazione culturale che promuove la cultura della memoria. E ha aggiunto: "È in atto una politica discriminatoria, che legittima atti di questo genere". La presidente, che ha organizzato un presidio davanti alla casa della famiglia Di Consiglio, ha specificato che il furto rappresenta "un attacco a coloro che sono stati sterminati e a coloro che testimoniano ogni giorno quanto è accaduto con i loro racconti"."

La piantassero di dar la colpa al governo! Non è un governo fascista né tanto meno nazista. Chi lo dice, delira! E' semplicemente il governo del buon senso (pur con l'anima sinistrorsa dei poliedrici grillini)... E la piantassero anche con l'antisemitismo! Da quand'ero bambina conosco una marea di casi (anche da parte di membri della mia famiglia) di aiuto ad ebrei perseguitati. In Italia e a Roma non sono mancati. E molti sono gli attestati di riconoscenza di coloro che non strumentalizzano e non ci ossessionano col loro inguaribile vittimismo...

Proprio nei giorni scorsi nella mia parrocchia è stato rubato (scardinandolo) il Tabernacolo ... anche questo è colpa del governo?

mic ha detto...

Lasciamo fuori la Cisl, che comunista non è.

Non c'è bisogno di essere comunisti. Basta essere lacchè conformisti! Non dico che sia il caso della CISL, ma non metto le mani sul fuoco per nulla e per nessuno!

Anonimo ha detto...

Dall'immagine le 'pietre d'inciampo' sembrano d'oro. Non è che, più che le pietre, hanno rubato il materiale?

Anonimo ha detto...

Con Socci è inutile perdete tempo, da quell'orecchio non ci sente proprio.

Da Fb ha detto...

"O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, razzisti, populisti, leghisti. Dò l'elemosina ai migranti, canto Imagine, pubblico post #jesuis e critico aspramente chi non spalanca le braccia a tutti. E non sono neanche come questi che invece pubblicano post di odio e poi fanno il presepe e vanno a messa la domenica"

Mazzarino ha detto...

Povera Chiesa Cattolica. Da strumento di salvezza a strumento di distrazione materiale. Da Cristo Re al Che Guevara che bonariamente vegliava sulla messa de l'Avana. Questi "grandi" vescovi politici dovranno implorare gli ultimi rimasugli del PD affinchè raccolgano loro le firme. Che tristezza. Ma in fondo che altro hanno da fare? Non hanno più sacerdoti. Tra un paio d'anni chiuderanno bottega e sarà inevitabile ridiscutere stipendi e finanziamenti dello Stato. Dovranno sbarcare il lunario con i compensi di nomine e consigli vari. Proprio come i politici trombati. Sembra proprio la DC ma quella di Martinazzoli. Un futuro radioso ci attende.......

Anonimo ha detto...

un progetto vecchio almeno di 25 anni, con gli stessi attori di allora debitamente riciclati. Manca solo il prof Buttiglione (che allora pur aveva delle ragioni) e il sicuro risultato di uno zero virgola appare assicurato.
In pratica si traduce in una scissione nel Pd, nel suo elettorato. Il programma di questo soggetto politico è già noto. basta leggere Avvenire e Repubblica.
Hermann Sta

Anonimo ha detto...

Personaggi come Lupi Alfano e Lorenzin hanno votato la fiducia sulla Cirinnà, alla faccia dei dei temi etici [anche alcuni del Popolo della Famiglia]. Personaggi come questi, compresa la Sant'Egidio e l'Azione cattolica, o la Fuci sono realmente funzionali agli interessi dei poteri forti. Al contempo sono tutti soggetti orientati a sinistra e sono stati un serbatoio di voti per il Pd. I referenti del Pd che pesano più dei Vescovi non credo possano facilitare questa operazione. a meno che non ci sia un accordo con tutte le forze politiche di sistema a sinistra che affida a questo partito il solo ruolo di convogliare l'elettorato confessionale. Gli ultimi venti anni hanno detto che questa prospettiva è debole. i cattolici votano liberamente, anche sbagliando, secondo una opinione sganciata dalle indicazioni dei Vescovi e della stessa Dottrina Cattolica
Hermann Sta

Valeria Fusetti ha detto...

Mio suocero era di Pieve di Soligo (TV), un bravo contadino cattolico. All'inizio degli anni '60 ha avuto in assegnazione del terreno della Bonomiana a Volania, in provincia di Ferrara. Ovviamente andava a Messa tutte le domeniche, con tutta la famiglia. Più o meno verso il '66/67 il parroco ha iniziato a fare delle "prediche" che non gli andavano bene: sempre e solo politica, oppure gli scioperi in fabbrica. Cose così, tutte le domeniche. Ne ha ben ragionato con la moglie, poi hanno deciso di fare 20 km in più ma di andare in una parrocchia in cui il parroco commentasse il Vangelo.Una parrocchia dove il parroco garantisse di fare il catechismo ai figli, come gli sembrava giusto, anche se doveva portarli lui tutti e quattro, perché mia suocera non ha mai voluto prendere la patente.Sembra una stupidaggine, ma ha dovuto comperare una macchina usata, che non poteva permettersi, allora si comperava in contanti. Ma l'ha fatto, e io credo che si possa sempre fare: prendersi su e uscire durante la cosiddetta Omelia, oppure prendersi su e cambiare parroco. Può essere che questo li aiuti a riflettere, forse.

Anonimo ha detto...

"prete operaio "
Appunto , da lì tutto comincio'..... !
Personalmente credo che abbia fatto male a lasciare l'assemblea , doveva registrare tutto per filo e per segno e poi argomentare punto per punto in triplice copia ( 1 per il Sacerdote , 1 per il Vescovo , 1 per il Cardinale di riferimento ) , con la domanda finale :
" operaio meglio che servo "? Per chi .... per CHI ?

Operaio = è un lavoratore dipendente o assimilabile che esegue un lavoro manuale.
"Tuta blu" è un'espressione per definire - in alcuni paesi del mondo - tali lavoratori; in base dal colore dell'indumento da lavoro indossato. Egli si differenzia dall'impiegato (o "colletto bianco").

Anonimo ha detto...

l partito dei cattolici rischia di essere la succursale del Pd
Il nuovo partito dei cattolici sta per fare la sua comparsa. La prima iniziativa, che si terrà in Calabria, prevede il coinvolgimento di un parlamentare del Pd

"Il partito di Mattarella", il "partito antiSalvini", la "nuova Democrazia Cristiana" e il "ritorno del Parito Popolare": mentre le definizioni si sprecano, appare difficile identificare gli esponenti che potrebbero prendere parte al processo fondativo. Sappiamo, per esempio, che il battesimo calabrese sarà officiato da Antonio Viscomi, che è un parlamentare del Partito Democratico. Conosciamo pure qualche nome di vescovo attivo più del consueto: quello emerito di Prato, Gastone Simoni, e quello titolare di Velletri, Vincenzo Apicella.
Qualcuno ha avuto l'ardire di supporre che dietro a tutto questo ci sia la mano della segreteria di Stato del Vaticano, che sarebbe sempre più convinta della necessità di dare vita a un grande partito di centro. Formiche ha citato il giornalista Giancarlo Infante e gli economisti Leonardo Becchetti e Stefano Zamagni. Poi ci sono i cosiddetti "preti di strada", cui dovrebbe spettare il compito di riattivare la rete associativa. Si fa spesso il nome di don Gianni Fusco.
....
Tutto, in ogni caso, lascia pensare che il "partito dei vescovi" stia per fare la sua comparsa. Forse lo troveremo sulla scheda elettorale già dalle prossime elezioni europee. La contrapposizione tra unioneuropeisti e sovranisti e la polarizzazione del quadro politico suggeriscono come sia molto difficile immaginare un'assoluta indipendenza da qualsivoglia coalizione.

Il fatto che in Calabria la presentazione sia stata affidata a un parlamentare del Pd, infine, costituisce un indizio sufficiente per comprendere la parte politica con cui la società civile dei cattolici [Attenzione! Non si possono più confondere i cattolici con i vescovi...] vuole dialogare.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/partito-dei-cattolici-rischia-essere-succursale-pd-1614066.html

Felice ha detto...

Ma quanti voti pensate che prenda il nuovo partito della CEI? Sarà un partito da zero virgola, sarà solo l'ennesima figuraccia delle tante che la Chiesa italiana ha inanellato negli ultimi decenni!

irina ha detto...

Questi raggruppamenti 'pensati' di solito si sgonfiano andando.

Le persone sanno distinguere il genuino dall'artefatto.

Libera nos Domine! ha detto...

Sicuramente il partito dei vescovi approverebbe il piano di una Merkel Cieca, sorda, stoltamente testarda sulle proprie fallimentari politiche immigrazioniste, nemica giurata dell'Italia, fautrice dell'invasione del nostro Paese da parte di orde di africani :

"I migranti portano prosperità". Il piano Merkel che va contro l'Italia
La Merkel definisce il Global Compact una "pietra miliare". E con la Francia propone una riforma del regolamento di Dublino

http://www.ilgiornale.it/news/politica/i-migranti-portano-prosperit-piano-merkel-contro-litalia-1614414.html

Anonimo ha detto...

Perfetto. Non c'é altro da aggiungere.

Anonimo ha detto...

Come spiega Paul Gottfried su The American Conservative, il governo francese e quello tedesco reprimono i critici dell’immigrazione, soprattutto islamica, e li etichettano come criminali che diffondono odio. I media, con la collaborazione dei governi progressisti, tentano di bollare ogni critica in questo senso come “estremista”. Secondo lo studio, in Francia e in Germania gli opinionisti e gli attivisti conservatori hanno vita durissima e ricevono un trattamento discriminatorio rispetto a quello riservato alla sinistra progressista e multiculturale.
Europa sempre meno libera, Francia in testa.
http://www.occhidellaguerra.it/in-francia-e-germania-sovranisti-e-conservatori-discriminati/

Anonimo ha detto...

I vescovi possono fare quel che credono, bisognerà vedere chi li seguirà. Sarà bene che valutino attentamente anche le indubbie conseguenze sulla futura entità dell'8 per mille!

Il governo italiano troverà una scappatoia! ha detto...

IL PIANO DI M&M CONTRO L’ITALIA

La Merkel definisce il Global Compact una "pietra miliare". E con la Francia propone una riforma del regolamento di Dublino.
L'Italia si ritroverebbe comunque meta di sbarco sia degli immigrati salvati dalle navi di altri Stati che di quelli recuperati da altri natanti (Ong, Guardia Costiera, mercantili, etc).
Inoltre, se passasse la riforma di Berlino, il governo nostrano dovrebbe poi assumersi la responsabilità dei migranti per otto lunghi anni senza la certezza di ottenerne la redistribuzione in Ue.
Tradotto: una fregatura!

mic ha detto...

La cosiddetta riforma di Berlino non è ancora passata e non credo che possa essere approvata bilateralmente senza peraltro la partecipazione del Paese interessato... Non mi risulta che siamo una colonia fino a questo punto. E ora non ci governano più gli zerbini!

mic ha detto...

http://www.lanuovaeuropa.it/uneuropa-piu-semplice/

Interessante discorso di Savona

irina ha detto...

http://www.lanuovaeuropa.it/uneuropa-piu-semplice/

Alberto Bagnai (Lega), Radio Padania, 7/12/18

Anonimo ha detto...

https://www.europacristiana.com/cattedrali-trasformate-in-teatri-e-circhi-il-caso-del-duomo-di-milano/
.....
«Evento per Milano» come è stato titolato il concerto che ha offeso il cuore dei cattolici e, soprattutto, la Santissima Trinità, Padrona della Cattedrale di Milano, è stato organizzato dall’Associazione per Milano, presieduta da Anna Maria Tarantola, già dirigente della Banca d’Italia, presidente della Rai dall’8 giugno 2012 al 5 agosto 2015. Giorgia, che ha esordito per il grande pubblico a San Remo nelle nuove proposte, può ora vantare di essere stata la prima artista di musica leggera al mondo ad essersi esibita nel celebre Duomo… una nota prestigiosa da aggiungere al suo curriculum professionale… La sua voce è stata accompagnata dalla musica della sua band e dall’Orchestra Roma Sinfonietta: band e Sinfonietta hanno proposto il repertorio della canzonettista e l’incasso della serata sarà utilizzato per finanziare diversi progetti del Comune di Milano e della Caritas ambrosiana, sempre più distante dal culto a Nostro Signore e dalla dottrina della Chiesa. «Altro dettaglio: il concerto era per raccogliere soldi a favore di un’associazione di imprenditori e manager che “finanzierà iniziative e progetti a favore di chi ha piú bisogno”. Costo del biglietto € 600[1]», come scrive Agnese Farinelli su «Il Covile»[2].

Così, nella magnifica cattedrale, edificata per onorare Dio e dove si sono succedute generazioni e generazioni di ecclesiastici e di fedeli pronti a offrire e ricevere sacramenti, a piegare le ginocchia di fronte al Santissimo Sacramento, sono risuonate le note di Gocce di memoria, E poi, Come saprei, Vanità… ma anche Le tasche piene di sassi di Jovanotti, Anima di Pino Daniele, e non potevano mancare You make me feel like a natural woman della cantante statunitense soul Aretha Frankline e, i considerati “politicamente opportuni”, l’Ave Maria di Schubert e White Christmas.

Tutto, qui, è stato stridente e fuori posto.
....

molti non pastori di oggi, divenuti semplici funzionari di un sistema politico-economico che sfrutta la Chiesa di Cristo, usano le chiese come palcoscenici per i loro affari ideologici e/o produttivi. E sotto tutto questo sta l’azione di Satana, avido di anime clericali e non. Gli esempi di scempi, più o meno rimbalzati sui media e sui social, che vengono perpetrati nei luoghi sacri è a dir poco spaventoso. Ma Papa Francesco tace e nessuna azione viene intrapresa per arrestare questi fenomeni profanatori e blasfemi. E chi tace, acconsente.

La diocesi Vienna, guidata da Christoph Schönborn si è distinta il 5 ottobre scorso per la trasformazione del Duomo in una discoteca. Mentre a Graz il Vescovo, Monsignor Wilhelm Krautwaschl, partecipò ad una sfilata sfoggiando sulla passerella una talare bianca, davanti alle telecamere dell’ emittente anticlericale Orf. La stessa diocesi, qualche tempo fa, ha anche premiato la foto lesbica «Oriente incontra Occidente», esposta poi, dal 28 ottobre scorso, nel presbiterio della cattedrale di Vienna, dove è stata allestita la mostra «Against Gravity», con le “opere” di August M. Zoebl. Fra le “formative” fotografie, si segnala una Pietà (penosissima!) che ritrae una modella in topless con l’addome coperto da un abito, richiamando idealmente la statua di Michelangelo. Questa la didascalia della foto: «immagini esplosive che servono a comunicare il messaggio senza precedenti della resurrezione». La carrellata infusta prosegue nella sua sfrontata blasfemia ed ecco, quindi, «Occidente incontra Oriente», che ritrae due donne che si baciano e che dovrebbero rappresentare un angelo custode e una sfinge…

irina ha detto...

Tutto bene finché esisteranno persone paganti e fedeli muti come pesci. Quando i fedeli, senza tanti se e ma, cominceranno a prendere a calci nel sedere chi permette tali blasfemie allora forse costoro rinsaviranno. Tanti discorsi leziosi e rispettosi fin qui hanno solo provocato spallucce da parte degli eretici, simoniaci, blasfemi, erotomani ecc.ecc., dunque non rimane che passare ad un veloce, discreto, misericordioso calcio nel sedere, al fine della loro salvezza eterna e salvaguardia dei piccoli.

mic ha detto...

Il partito dei vescovi? Un tentativo velleitario

http://www.lanuovabq.it/it/il-partito-dei-vescovi-un-tentativo-velleitario

"Rispetto all'iniziativa di un Forum civico pensata dal cardinale Bassetti, stupisce che una proposta così impegnativa sia fatta nel momento di minore tensione formativa alla politica dei laici cattolici sulla base della Dottrina sociale della Chiesa. Stupisce che una proposta che richiede una notevole densità di contenuti sia fatta nel momento in cui l’episcopato ha quasi cessato di parlare di contenuti e si limita a chiedere un “pensiero condiviso”. Stupisce...
Stefano Fontana

Anonimo ha detto...

"La Chiesa non può e non deve prendere nelle sue mani la battaglia politica per realizzare la società più giusta possibile. Non può e non deve mettersi al posto dello Stato. Ma non può e non deve neanche restare ai margini nella lotta per la giustizia. Deve inserirsi in essa per la via dell'argomentazione razionale e deve risvegliare le forze spirituali, senza le quali la giustizia, che sempre richiede anche rinunce, non può affermarsi e prosperare. La società giusta non può essere opera della Chiesa, ma deve essere realizzata dalla politica. Tuttavia l'adoperarsi per la giustizia lavorando per l'apertura dell'intelligenza e della volontà alle esigenze del bene la interessa profondamente."

BXVI - DEUS CARITAS EST, 28

Anonimo ha detto...

Un fantomatico discorso su un nuovo partito

I nostri beneamati e stimati vescovi vogliono fare un partito (pochi si rammentano che sarà il decimo tentativo negli ultimi venti anni...).
Se potessi essere presente (Dio me ne scampi e liberi! Ma non c'è pericolo alcuno, ovviamente ) alle loro illuminate riunioni, porrei una semplice questione previa.
Anzi, due. Va beh, facciamo tre e via...
1) In che cosa, eccellenze reverendissime, tale costituendo partito, si differenzierebbe dal PD? E che cosa non prenderebbe dalla antica e veneratissima Democrazia Cristiana? E, quindi, dal rimpiantissimo Compromesso storico, aggiornato ovviamente alle odierne esigenze e agli immancabili "segni dei tempi"?
2) In che cosa, pertanto e consequenzialmente, tale partito potrebbe costituire una novità in rapporto a quanto da voi fatto e tentato negli ultimi decenni, di cui viviamo tutti noi oggi i meravigliosi sviluppi?
3) Quali oggettive speranze avete, eccellenze reverendissime, di far accettare agli italiani tale geniale e originale progetto, prevedente ovviamente l'invasione dell'Italia, l'arricchimento delle vostre strutture a danno degli italiani, il maggior asservimento - se possibile - di questi al mondialismo sinarchico e alla tirannia europeista e la distruzione di tutto ciò che da secoli ha reso grande il popolo italiano, in primis la sua fede e la sua cultura e giù a scendere fino alle imprese del Made in Italy e alla piccola economia familiare? Quali speranze avete che tale partito possa convincere gli italiani al suicidio religioso, politico, economico, imprenditoriale, culturale, etnico e identitario?".
Che dite, me le farebbero fare queste domande?
Mi sa di no, vero?
Concluderei tra i loro sbadigli e sorrisi ironici e nervosi, con una chiosa d'obbligo: "Temo che voi, eccellenze reverendissime, sopravvalutiate ormai la perduranza della sovversione antropologica che avete imposto agli italiani per sessant'anni, tramite l'unione di democristianismo e gramscismo elevati all'ennesima potenza e giocati sulla piazza di una presunta Nuova Pentecoste di cui oggi vediamo gli splendidi frutti.
Quel Dio, eterno immutabile, a cui più non credete, ha stabilito che su questa terra viga una legge inesorabile: 'panta rei'. Non solo il Bene e il Bello (che voi avete distrutto con le vostre eresie e le vostre chiese-garage iconoclaste), ma anche il male e il brutto che avete costruito e volete costruire.
Tutto passa, anche la Democrazia Cristiana e Gramsci. Anche voi passerete. E la vostra "primaverile" "Nuova (ormai decrepita) pentecoste". E il mondo di cui vi siete fatti servi.
Ormai più parlate di "nuovo" e più si emana un effluvio di vecchiume.
E questi giorni sono i prodromi dei futuri eventi.
Attenti al giallo... Non è detto, che, mutatis mutandis, non pervada anche i sacri confini in cui siete rinchiusi.
Ma voi... fate un partito.
E' al servizio dei veri bisogni e dei giusti interessi degli italiani e dei cattolici questo partito?
Avete valutato la richiesta effettiva da parte degli italiani e dei cattolici del vostro partito? Oppure lo fate perché qualcuno ve lo ha... come dire... "richiesto"?
Filialmente..."
Auguri! E...
"Buonasera!". (Massimo Viglione)

Anonimo ha detto...

Un nuovo partito di laici cattolici a guida vescovile? E tutto solo per agevolare l'immigrazione clandestina o eufemisticamente detta accoglienza ? Mi sembra misero come programma e catastrofico nel contempo! O hanno altro per la testa? Che so...sdoganare l'amore omosessuale? protestantizzare la fede cattolica? banalizzare il matrimonio con il far credere che anche in una unione di coppia senza matrimonio può esserci la grazia! Giustificare o almeno non dar troppo peso alle liti all'interno di una coppia, d'altro canto non si litiga all'interno della SS Trinità? Ma per favore, e voi sareste i successori degli Apostoli? Ma ce li vedete voi san Giovanni, san Tommaso, sant'Andrea, ecc. promuovere queste cose? Secondo me dovreste andare a catechismo da Salvini! E poi potremmo riparlarne!
Antonio Manzionna su Fb

Anonimo ha detto...

Dopo il disastroso accordo siglato con la UE nel 2014 da Padoan, sulla risoluzione delle banche fallite, l’ormai famigerato “bail in” - a causa del quale migliaia di risparmiatori italiani che detenevano obbligazioni subordinate di banche in difficoltà, hanno perso i risparmi di una vita -, l’Unione sta cercando di rifilarci una nuova fregatura, questa volta si chiama “Unione Bancaria”.
https://bit.ly/2Gbpxoo

Anonimo ha detto...

Da una parte la certezza che questa scriteriata intenzione si risolva in un fiasco clamoroso mi da un senso di attesa compiaciuta, d'altra parte provo sofferenza nell'aver conferma che le schiere di Cristo si sono notevolmente dissolte! Ma come nelle saline, ciò che sopravvive all'evaporazione è quello che conta per dar sale alla terra!
Antonio Manzionna

Anonimo ha detto...

https://www.oltrelalinea.news/2018/12/10/il-cristianesimo-non-e-una-sharia2/

Alfonso Aliberti ha detto...

La risposta politica ai progetti della cricca bergogliana, clerico-massonica anticristica, deve essere l'abolizione del finanziamento statale e la revisione del concordato. I fedeli cattolici daranno a Cesare quello che è di Cesare e alla Chiesa di Cristo quello che spetta al Figlio di Dio! Gli usurpatori bergogliani vogliono tornare all'antico, chiedono una chiesa povera? Ebbene, seguano l'esempio di san Paolo, si guadagnino il pane con il proprio lavoro! Comunque, finalmente riusciremo a sapere a quanti ammontano i superstiti cattocomunisti!

Anonimo ha detto...

https://www.maurizioblondet.it/si-erge-litalia-di-sfesso-ebbasta/

Ok.Ok.Ok.Cioe',Cioe',Cioe',Piuttostoche,Piuttostoche,Piuttostoche..(Ehm, e' il linguaggio corrente della crusca..)..., tolto Jupiter dalla Francia , sorge Giove dall'Italia....

Anonimo ha detto...


Rivedere il Concordato significa solo andare a caccia di guai.
E'un concordato che regola bene i rapporti tutt'altro che facili tra Stato e Chiesa e regge
ancora nonostante la revisione fatta nel 1983, se non erro.
Il problema non riguarda le istituzioni cioè i rapporti istituzionali regolati da trattati internazionali. Il problema nasce dalla perdita della fede nella Gerarchia cattolica, dall'apostasia in essa dilagante.
E' un problme in primo luogo di fede, che non si risolve aggiungendovi anche una crisi delle istituzioni ovvero nei rapporti tra Stato italiano e Chiesa cattolica.
H.

Matteo Salvini ci ha preso in giro? ha detto...

Lafinanzasulweb
Pubblicato il 12 dic 2018
Il governo del cambiamento cede alle pressioni della Commissione Europea e promette di abbassare il deficit al 2,04% mentre la Francia si prepara a sforare il tetto del 3%. E in Israele Salvini si allinea alla linea più oltranzista della destra israeliana. Era tutto uno scherzo?
https://www.youtube.com/watch?v=vPzwXn84NEQ

Lafinanzasulweb Pubblicato il 10 dic 2018 ha detto...

L'UE mostra il suo vero volto: panico tra i macroniani d'Italia
Dopo che le immagini della repressione violenta contro i cittadini francesi in rivolta sono apparse ovunque nel mondo non è più possibile nascondersi la vera natura dell'UE, un organismo autoritario ed elitario incapace di ottenere il consenso per via democratica alle sue misure economiche a favore del grande capitale. La consapevolezza che la maschera è caduta scatena il panico tra gli europeisti e i globalisti nostrani, che moltiplicano gli sforzi propagandistici con effetti ormai comici.
https://www.youtube.com/watch?v=dkm5ltJ-u90

Finanza In Chiaro Pubblicato il 11 dic 2018 ha detto...

LA BANDA DEI 5
https://www.youtube.com/watch?v=ou_FeneTzYU

Anonimo ha detto...

Sul partito dei vescovi Csmpari & De Maistre
....
A mio modo di vedere il rischio di un totale scollamento morale tra pastori e gregge si è già consumato. Le analisi incentrate sulle presenze numeriche alla messa domenicale lasciano intravedere un quadro sconfortante a dir poco.

Secolarizzazione ? Non v’è dubbio, ma altrettanto innegabile è che, di fronte al decadimento dei costumi cristiani, nulla sia fatto. Anzi, di fronte all’avanzata dell’ateismo e dell’Islam la Chiesa Cattolica percorre le strade del sincretismo, annacquando i cardini della fede nel mare magnum della decadente modernità. Questi sinistri fenomeni non sembrano turbare la CEI. Troppo grande la tentazione di dar vita a un partitucolo tutto suo, magari con alla testa una donna, giusto per rimarcare la propria altezzosa esclusività. Quanti cattolici convergeranno sotto le nuove bandiere ? Non ho dubbi che saranno pochi, pochissimi; tanti quanti le statuine dei presepi di alcuni oratori.

Anonimo ha detto...

http://www.affaritaliani.it/cronache/terrorismo-le-telefonate-del-somalo-arrestato-mettiamo-bombe-nelle-chiese-577956.html
....
Intercettazioni: "Mettiamo bombe alle chiese"
"Mettiamo bombe a tutte le chiese d'Italia. La Chiesa piu' grande dove sta? Sta a Roma?". E' una delle frasi intercettate dalla Dda di Bari nell'indagine sul presunto terrorista somalo, fermato il 13 dicembre scorso mentre tentava di scappare. "L'urgenza di eseguire il provvedimento restrittivo - spiegano gli investigatori - e' stata dettata dai riferimenti all'elaborazione di possibili progettualita' ostili in relazione alle imminenti festivita' natalizie e alle chiese, in quando luoghi frequentati solo da cristiani".

Anonimo ha detto...

ROTTA BALCANICA - CONFINE NORD EST
NE STANNO ARRIVANDO A CENTINAIA

A quando l'esercito a controllare i nostri confini?
Abbiamo 6.400 soldatii all'estero (anche in Islanda!) perchè non farne ritornare alcune centinaia?

Anonimo ha detto...

http://www.affaritaliani.it/blog/lampi-del-pensiero/migranti-papa-francesco-e-il-vangelo-secondo-soros-577933.html