giovedì 24 giugno 2021

Il vero Arcivescovo Carlo Maria Viganò. Di Brian Mc Call e Maike Hickson

Importanti - ma anche convincenti - i testi apparsi ieri su LifeSiteNews, in relazione agli sconcertanti attacchi ad personam lanciati dal professor De Mattei nei confronti l’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che riprendo da Stilum Curiae più veloce a tradurli. Qui indice dei precedenti e correlati.

Il testo che segue è una risposta composita del professor Brian McCall e della dottoressa Maike Hickson, entrambi impegnati in progetti di libri con raccolte di scritti di Mons. Carlo Maria Viganò degli ultimi anni. Abbiamo pensato che, in virtù del nostro lavoro e della stretta collaborazione con Sua Grazia, potremmo essere competenti a parlare per lui e a difenderlo. Lo facciamo in due testi consecutivi, scritti individualmente. Siamo entrambi onorati di aggiungere le nostre Apologiae pro Viganò a quelle già pubblicate dal Dr. Taylor Marshall [qui] e da Robert Moynihan  [qui].
Il vero Arcivescovo Viganò
Brian McCall 

Purtroppo, il professor Roberto De Mattei ha deciso di pubblicare un attacco calunnioso all’Arcivescovo Carlo Maria Viganò[1]. Prima di affrontare questo sorprendente e deludente attacco, desidero dichiarare che ho avuto grande rispetto per il professor De Mattei. Ho altamente raccomandato il suo libro: Il Concilio Vaticano II: Una storia mai scritta [qui]. Sono stato molto sorpreso quando l’anno scorso si è pronunciato con tanta forza a favore di misure governative totalitarie e di vaccini obbligatori. Tuttavia, gli ho dato il beneficio del dubbio. Vivere in Europa, e specialmente in Italia, quest’ultimo anno deve essere stato devastante. Eppure, quando ho visto questo scandaloso attacco all’arcivescovo Viganò, sono rimasto senza parole. Finalmente, un vescovo della Chiesa risponde alla crisi della Chiesa nel modo in cui i tradizionalisti hanno sollecitato la gerarchia a rispondere. Finalmente, un vescovo ha gli occhi aperti sulla rivoluzione che De Mattei documenta meticolosamente nel suo libro. Eppure, il Professor De Mattei lancia insulti piuttosto che aprire le braccia nell’accoglienza a qualcuno che è chiaramente in debito con il suo stesso lavoro.

De Mattei lancia tre accuse principali all’Arcivescovo: (1) le dichiarazioni pubbliche dell’Arcivescovo del 2020-2021 mostrano “discrepanze” rispetto alle sue dichiarazioni del 2018-2019 e non sono essenzialmente in continuità; (2) le dichiarazioni più recenti dell’Arcivescovo sono “pompose” e “sarcastiche”; e (3) l’Arcivescovo non è il vero autore delle dichiarazioni attribuitegli di recente e c’è qualche autore segreto alter ego che le pubblica sotto la sua firma.

Per quanto riguarda la prima critica, da parte di qualcuno che ha studiato ampiamente gli scritti dell’Arcivescovo (sia per la pubblicazione attraverso Catholic Family News) che per l’editing e la spiegazione nel libro A Voice in the Wilderness, non trovo assolutamente alcuna discrepanza tra i periodi di tempo identificati. Vedo uno sviluppo perfettamente logico e coerente di comprensione che attraversa il periodo di quattro anni. Come spiego ampiamente in A Voice in the Wilderness, questo progresso logico va dal vedere un serio problema con la corruzione (e in particolare la sodomia e il suo nasconderlo) nei più alti livelli della gerarchia al rintracciare le cause alla radice di quella corruzione morale al Vaticano II e alla Nuova Messa. Questo è francamente il coerente e logico corso di sviluppo che i Tradizionalisti hanno sollecitato e pregato affinché i preti e i vescovi del mondo seguissero. L’Arcivescovo Viganò evita di cadere nella fossa in cui abbiamo criticato i “conservatori” per anni: vedere la corruzione morale come un problema isolato non collegato alla liturgia o alla dottrina. Piuttosto che denunciare l’Arcivescovo per le discrepanze o per essere incoerente, dovremmo congratularci con lui e incoraggiarlo per aver seguito l’evidenza ovunque essa portasse, anche quando portava a denunciare la posizione conservatrice e l'”ermeneutica della continuità” che aveva accettato durante la sua carriera vaticana.

Per quanto riguarda la seconda accusa relativa al tono e al modo dei suoi interventi più recenti, sono sorpreso di vederli definiti “pomposi”. Come spiego in A Voice in the Wilderness, il suo messaggio negli ultimi anni è stato incredibilmente umile. Sua Grazia ha fatto ciò che pochi ecclesiastici sono disposti a fare e che richiede umiltà: ammettere di aver sbagliato. Anche quando i suoi critici lo hanno accusato di “criticare” Papa Benedetto XVI o di sostenere che Benedetto ha “ingannato” tutta la Chiesa, l’Arcivescovo è stato veloce a rispondere e a chiarire che siamo stati tutti ingannati. Ha contestato la capacità dell'”ermeneutica della continuità” di salvarci dalla crisi, ma ha chiarito che crede che Papa Benedetto l’abbia offerta con buone motivazioni e con amore per la Chiesa. Ha ammesso molte volte la propria colpa per non aver visto prima i problemi del Concilio. Piuttosto che dire pomposamente agli altri “te l’avevo detto”, ha semplicemente deplorato la nostra reciproca sofferenza per mano del grande inganno.

Sì, alcune delle sue espressioni e critiche sono state formulate con forza. Sì, ha chiamato il Vaticano di Papa Francesco il Nuovo Sinedrio. Sì, ha affermato che c’è chi in Vaticano, incluso Francesco, sta volontariamente o inconsapevolmente portando avanti l’agenda del “nemico invisibile”. Una grave crisi richiede parole forti. Il primo passo verso la guarigione è ammettere di avere un problema serio. Camminare in punta di piedi intorno a un problema con eufemismi quando chi soffre si rifiuta di ammettere che c’è una crisi non è utile. Ricordo ai lettori che il defunto arcivescovo Marcel Lefebvre è stato spesso criticato per aver usato un linguaggio forte per denunciare l’infiltrazione e il tradimento della Chiesa. Nella sua famosa dichiarazione di novembre si riferì al Vaticano di Paolo VI come “Roma neoprotestante e neomodernista”. Nel suo famoso sermone a Lille, si riferì ai nuovi riti come “sacramenti bastardi”. Quando viviamo nella negazione di noi stessi, a volte abbiamo bisogno di essere scossi da essa. Ammetto che alcuni interventi dell’Arcivescovo Viganò includano del sarcasmo. Più che un difetto, vedo queste istanze come un rafforzamento dei suoi testi. Alcune delle cose a cui abbiamo assistito, la venerazione della Pachamama per esempio, sono così scandalose che meritano il sarcasmo. Sì, il suo linguaggio è stato a volte potente, grafico e sarcastico (anche se giustificato) ma mai pomposo.

Devo anche notare che nella mia regolare comunicazione personale e diretta con l’Arcivescovo Viganò, l’ho trovato gentile, delicato e molto comprensivo. Proprio come l’Arcivescovo Lefebvre, ho notato che le sue forti dichiarazioni pubbliche, quando necessario, sono in tandem con la sua comunicazione personale molto gentile e solidale. Trovo questa combinazione non sconcertante ma santa. Sono anche consapevole che l’Arcivescovo Viganò ha fornito una guida spirituale premurosa e paterna e assistenza a molte anime perse in questo tempo di crisi. Ha mostrato una vera compassione per aiutare coloro che cercano aiuto.

Per quanto riguarda l’ultima e, a mio parere, più oltraggiosa accusa, trovo estremamente deludente che uno storico così affermato lanci un’accusa del genere senza alcuna prova. Ho già notato che credo che i suoi interventi pubblici siano perfettamente coerenti con una mente aperta alla verità e alla realtà che setaccia le montagne di prove degli ultimi cinque decenni che portano al Concilio e alla sua Nuova Messa. Certamente, molti degli interventi dell’Arcivescovo sono stati composti in italiano e tradotti da diversi traduttori negli ultimi anni. Non metto in dubbio che si possano indicare alcune differenze semantiche minori nelle traduzioni inglesi, ma non c’è nulla di sostanziale che io trovi incoerente con lo sviluppo della comprensione della realtà degli ultimi cinque decenni. Trovo molto bizzarro che il professor De Mattei attacchi specificamente in questa critica la “filosofia della storia” negli scritti dell’Arcivescovo. In questi testi, scopro una filosofia della storia che è chiaramente debitrice del professor De Mattei. Piuttosto che vedere il Concilio Vaticano II come un insieme di testi astratti, Sua Grazia è arrivato a vedere il Concilio come un intero evento storico, che è parte di una rivoluzione più grande. Questa è la stessa filosofia che ho letto in The Second Vatican Council: An Unwritten Story. Il professor De Mattei è forse disturbato dal fatto che l’Arcivescovo Viganò sia diventato il suo allievo di storia?

Quanto a questa assurda e infondata accusa che ci sia qualche autore segreto dietro le quinte, come spiega il professor De Mattei il fatto che molti degli interventi dell’ultimo anno sono trascrizioni di conferenze tenute dall’arcivescovo Viganò personalmente e registrate in forma video o audio (finché YouTube non le cancellerà). Per esempio, il suo testo della Conferenza sull’Identità Cattolica è stato consegnato via video. Anche il suo discorso alla Jericho March di Washington [qui] è stato registrato in video, così come il suo discorso al Festival di Filosofia di Venezia [qui]. Il professor De Mattei pensa che ci sia qualche imitatore dell’Arcivescovo Viganò che ha tenuto queste conferenze registrate? L’Arcivescovo stesso ha pubblicamente negato questa accusa scurrile (anche se immagino che De Mattei potrebbe sostenere che era semplicemente un suo doppio discorso).

Dopo il suo primo articolo, il professor De Mattei pubblicò una seconda missiva che pretendeva di presentare prove linguistiche che c’è un sosia che ha scritto i testi recenti. Egli sostiene che poiché i testi dell’Arcivescovo usano le seguenti espressioni, che sono anche usate da un blogger che scrive per Opportune Importune sotto lo pseudonimo di Baronio, questo Baronio deve essere l’autore dei testi attribuiti a Viganò: “contro-chiesa”, “setta conciliare”, “innovatori” e “idolo” in riferimento al Concilio. De Mattei sostiene che esiste un’ulteriore prova nel fatto che sia Baronio che Viganò affermano un’equivalenza tra il Vaticano II e la Nuova Messa ed entrambi sostengono che la Nuova Messa è stata composta da progressisti e sospettati di massoneria.

Egli aggiunge anche che entrambi si riferiscono alla Nuova Messa come “rito riformato” o “rito montiniano”. Questa inconsistente prova non è degna di uno storico così eminente. Le frasi elencate si trovano in tutta la letteratura e le conferenze tradizionaliste da decenni. De Mattei sostiene che questo Baronio è l’autore segreto dietro Michael, Davies, Chris Ferrara, e persino l’Arcivescovo Lefebvre, tutti coloro che hanno usato alcune o tutte queste espressioni? Ho ripetutamente sostenuto una profonda equivalenza tra il Concilio e la Nuova Messa e ho scritto e parlato dei massoni e dei progressisti che hanno forgiato la Nuova Messa. Sarò poi accusato di essere un burattino di questo Baronio?

Inoltre, de Mattei sostiene che questo Baronio è un italiano chiamato Pietro Siffi, qualcuno che non conosco ma che apparentemente è una figura controversa nei circoli tradizionali italiani. La sua principale indicazione di Siffi come Baronio/ Viganò II è una difesa di Siffi sul blog di Baronio. Poi, per aggiungere l’insulto al danno, dopo aver usato le inconsistenti affermazioni del vocabolario per collegare Viganò a Baronio e poi solo affermando che Baronio è Siffi, egli intima che Siffi è un omosessuale praticante o almeno simpatizzante verso tale stile di vita. Quest’ultima intimazione sfida la ragione. L’Arcivescovo Viganò è stato uno dei pochi prelati del nostro tempo a condannare senza ambiguità la sodomia e il tentativo di temperare la dottrina cattolica sul male intrinseco. Ora dobbiamo credere che il potere dietro la mitra sia un omosessuale! Dobbiamo credere tutto questo sulla base di un blogger anonimo che usa anche termini come “setta conciliare”.

Purtroppo, questo attacco all’Arcivescovo Viganò è un altro esempio di una critica spesso giustamente lanciata ai Tradizionalisti. Troppo spesso alcuni nel movimento tradizionalista non abbracciano a braccia aperte coloro che trovano la verità in ritardo. Essi vengono spesso allontanati o derisi. Dovremmo rallegrarci per ogni cattolico, laico o chierico, che è disposto a seguire l’evidenza alla radice. Dovremmo essere tolleranti verso qualsiasi linguaggio avventato o eccessivamente zelante che essi possano impiegare nel discutere la loro nuova conoscenza. (Non che io sostenga che l’arcivescovo sia stato eccessivamente avventato o imprudentemente zelante). Troppo spesso attacchiamo piuttosto che accogliere anime coraggiose come Viganò.

Io per primo sostengo l’Arcivescovo Viganò. Accolgo con favore i suoi contributi al dibattito sulla crisi della Chiesa. Leggo in tutti i suoi testi, anche quelli con parole forti, un vero amore per la Chiesa e per le anime perse. Ammiro il suo coraggio e la sua umiltà. A chiunque si scandalizzi per il recente attacco, invito a mettere da parte queste accuse e a leggere i testi dell’arcivescovo Viganò. Decidete voi stessi se dice una verità coerente o no. Vi assicuro che non trovo nulla nei suoi discorsi pubblici o nella sua corrispondenza personale con me che sia incoerente o contraddittorio. Infine, pregate per l’Arcivescovo Viganò. La sua coraggiosa posizione contro la Nuova Messa e il Concilio porterà persecuzione, anche da angoli improbabili. Pregate che egli riceva la grazia di perseverare fino alla fine.

* * * 
In difesa dell'Arc. Viganò
Maike Hickson
È stato uno dei più grandi onori e gioie del mio lavoro di giornalista e autore aver conosciuto l’Arcivescovo Viganò personalmente e attraverso il suo lavoro. Attualmente sto anche lavorando con lui a un libro che tratta dei suoi scritti sul Concilio Vaticano II e sul messaggio di Fatima. È un lavoro molto gratificante collaborare con lui in ogni aspetto. Soprattutto, è un’impresa spirituale che tocca il cuore della propria Fede, perché si vede un uomo di Chiesa che dà tutto se stesso e il meglio di sé alla Sposa di Cristo, disposto a morire per lei. Giorno e notte – a volte mi chiedo quando mai Sua Grazia dorma – Mons. Viganò è al servizio dell’umanità. Le persone di tutti i gradini della vita – dal semplice all’alto – hanno la sua attenzione e la sua pronta assistenza.

Posso testimoniarlo, poiché sono onorata di essere stato il canale di molte comunicazioni di sacerdoti e laici che mi raggiungono, chiedendomi di trasmettere un messaggio all’Arcivescovo Viganò. Ho visto da vicino la rapidità con cui risponde, quando può. Promptus ad bonum, pronto al bene, in ogni momento della sua vita. Con paterna bontà e dolcezza, risponde alle anime disperate, ai sacerdoti che subiscono la pressione dei loro superiori; ai fedeli che gli chiedono consiglio.

Ricordo un caso in cui avevo chiesto all’arcivescovo Viganò di pregare per qualcuno che si trovava in una situazione difficile, per settimane lo ha tenuto nelle sue preghiere. Quando finalmente ha potuto raggiungere quella persona, ha scritto con tale gentilezza, che la persona si è commossa fino alle lacrime.

Chi è questo arcivescovo che si comporta come un servo, un vero pastore e un padre?
È l’arcivescovo Viganò.

Anche nella nostra piccola famiglia siamo stati toccati tante volte dalla sua gentilezza. Quando nostra figlia è stata malata per un lungo periodo l’estate scorsa, Sua Grazia le ha mandato dolci immagini e foto con angeli e santi. A volte mi risponde, chiedendomi come sta ora qualcuno della mia famiglia, e io avevo dimenticato di avergliene parlato.

Ma anche intellettualmente, l’arcivescovo Viganò è una tale benedizione. Nomina le cose come sono. Sembra che Dio abbia usato il caso McCarrick per rimuovere Sua Grazia dalla gerarchia e dalla struttura della Chiesa in modo che fosse pienamente libero di parlare in linguaggio cattolico. E sembra benedirlo abbondantemente per la sua disponibilità a soffrire per la Chiesa e sotto di essa. Quindi ha senso che Viganò stia diventando sempre più profondo nella sua comprensione della crisi nella Chiesa e anche nel mondo.

Mio marito, che ha seguito la crisi della Chiesa per 40 anni e con molta agonia, si rallegra così spesso degli scritti di Mons. Viganò. “Questo è sicuramente il suo miglior testo finora”, è quello che ha detto già diverse volte, non sapendo che qualcosa di ancora migliore doveva venire! È una grande consolazione per Robert vedere che un arcivescovo della Chiesa pronuncia finalmente quelle critiche che ha pronunciato per molti anni e per le quali lui stesso ha dovuto soffrire molto. La gentilezza di Viganò nei suoi confronti significa molto.

Nelle nostre numerose comunicazioni, ho visto come Sua Grazia recepisce nuove informazioni, impara dagli altri, approfondisce il suo pensiero e si consiglia. Direi che è la sua profonda umiltà che rende possibile questa onestà intellettuale.

Allo stesso tempo – e qui rispondo direttamente all’affermazione del professor de Mattei che ci sono due Viganò – posso testimoniare che ciò che Sua Grazia scrive viene autenticamente da lui. Non c’è scissione tra i suoi pensieri come li esprime in privato e i suoi scritti per il pubblico. Può darsi che si consigli con altri – come ho visto io stesso -, ma questo è ciò che ogni uomo di chiesa responsabile dovrebbe fare.

Per quanto riguarda ciò che Sua Grazia sta scrivendo, posso vedere molta lungimiranza. Mi meraviglio ancora della chiarezza con cui ha visto la situazione del Coronavirus, più di un anno fa, in un momento in cui la mia famiglia stava ancora cercando di capire cosa stesse succedendo. Molte delle sue affermazioni si sono rivelate giuste. Proprio l’altro giorno, un membro della famiglia che lavora nel campo medico ci ha detto quanti pazienti ha ora che hanno gravi effetti collaterali dai vaccini Covid. Tanta sofferenza, e abbiamo un pastore che ha cercato di avvertirci, in un momento in cui il supremo pastore temporale sembra averci abbandonato in gran parte.

E veramente ci guida sulla via della verità, del pentimento, della riforma, della fiducia in Dio e dell’amore per Maria.

Ed è per questo che tanti sacerdoti e fedeli amano l’Arcivescovo Viganò. Che siano d’accordo con tutto quello che dice o con la maggior parte di esso, sanno che lui li ama veramente e si preoccupa veramente per loro. Si comporta come un padre per noi. Come mi ha detto un cattolico: “le pecore seguono quando sentono la voce del loro pastore”. O come mi ha detto un sacerdote che ha assistito a una conversazione telefonica tra Sua Grazia e una suora: “lei si è attaccata a lui come un’anatra all’acqua”, cioè hanno avuto un rapporto immediato e fiducioso.

Ho visto l’Arcivescovo Viganò chiamare per dare consigli, prendere tempo per ascoltare e aiutare.
Questo è l’uomo di chiesa che io e la mia famiglia abbiamo tanto a cuore.

20 commenti:

mic ha detto...

C'era da aspettarselo...

Anonimo ha detto...

Ad maiorem Dei gloriam et salus animarum: questo il faro che illumina mons. Viganò,

Anonimo ha detto...


A la lumière de ces témoignages de première main, Roberto di Mattei n'est plus qu'un gros zeppelin en chute libre…

Anonimo ha detto...

Sottoscrivo entrambi gli articoli e aggiungo che gli interventi di Mons. Viganò sono per me fonte di gioia.
La stessa gioia che provai tanti anni orsono, quando ebbi la grazia di ascoltare omelie o conferenze (ne ricordo una in particolare a Torino, al teatro Carignano) di Mons. Lefebvre.
Che i nemici di questi coraggiosi Pastori siano i modernisti non stupisce nessuno. Tuttavia i nemici più subdoli e pericolosi NON sono loro, sono i "conservatori".
Chi si è preso la briga di attaccare Mons. Viganò, può aver scritto tutti i libri che vuole, ma non ci fa una bella figura.
Ci mancava poi la questione dello stile "pomposo"!
Se si pretende che Mons. Viganò scriva come Italo Svevo, del quale non sono mai riuscito a leggere "La coscienza di Zeno", allora... poveri noi!

Anonimo ha detto...

parolin oggi già si tira indietro rispetto alla nota verbale: non c'è nessun intenzione di bloccare la legge.. vergogna!

https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2021-06/parolin-no-blocco-ddl-zan-liberta-opinione-riguarda-tutti.html

Anonimo ha detto...

E...Paglia ha rincarato la dose: il testo della sezione con gli stati, della Segreteria di Stato,al ministro degli esteri italiano, non andava scritto. Questi non sono manco mercenari, accoliti del demonio sono.

Anonimo ha detto...

Esiste un episodio precedente che mi sembra dimostri una mancanza di senso della misura da parte del prof. di Mattei e di Emmanuele Barbieri. Premetto subito che l'episodio a cui alludo è documentato sul blog di Sabino Paciolla, archiviato nella Categoria Opinion il 15 maggio di quest'anno, e riguarda sempre Lifesitenews. L'articolo è della dottoressa Pamela Acker in cui confuta uno scritto del Barbieri nel quale la aggrediva pesantemente, affermando la sua totale incompetenza nel campo della ricerca sui vaccini. In effetti l'articolo in questione era costruito per levare ogni credibilità alla drssa Acker e negare la connessione vaccini/aborto. La risposta della dottoressa è stata molto chiara e circostanziata, mettendo in evidenza o la mala fede o l'ignoranza del Barbieri. E sinceramente non so quale sia la cosa peggiore. Evidentemente la lezione non è servita, e la politica negazionista assunta sin dall'anno scorso è continuata, con lo stesso stile ma aumentando la virulenza, essendo aumentato il prestigio della persona da aggredire. È un episodio sconcertante e molto triste, che temo lascerà strascichi difficilmente gestibili.Valeria Fusetti

Antonio ha detto...

Ma ancora viene data importanza a De Mattei? E c’è ancora qualcuno che rimane sorpreso da come ha agito?

Anonimo ha detto...


Pignoleria di traduttore.

Il termine "Sua Grazia", riferito a mons. Viganò, è l'inglese "His Grace", che, in questo caso, corrisponderebbe all'italiano: "Sua Eccellenza".
Noi infatti ci rivolgiamo ai vescovi con il titolo di "Eccellenza". Ai cardinali, invece:
"Eminenza" e al Papa "Santità".
In italiano, "Sua Grazia, Vostra Grazia" si usa (casomai) per i titoli nobiliari non per quelli ecclesiastici.
G.

Anonimo ha detto...


Le dichiarazioni di Parolin e Paglia.

Confermano l'ipotesi (presa in seria considerazione su questo blog) di chi, basandosi su dichiarazioni di Valli, interpreta la nota vaticana al Governo italiano come un colpo di mano di Ruini o meglio di quella parte della Curia rimasta ancora sana, che può trovare in lui un occasionale punto di forza.
Un'azione che il papa ha dovuto approvare anche se quasi sicuramente non viene da lui. Adesso la parte omofila dell'alta Gerarchia si sta mobilitando per delegittimarla dall'interno.

Anonimo ha detto...

Roma, 24 giu. (askanews) – “Quella nota non andava scritta” perchè “il ddl Zan non c’entra niente con il concordato, ma comunque il ddl rimane un brutto disegno di legge, scritto male”. Lo ha detto monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia accademia della vita, in un’intervista a La Stampa dove riconosce divergenze all’interno della Chiesa, perchè “è un tema complicato e si discute”.
“Il ddl Zan non riguarda la chiesa, ma la società italiana tutta, e la cultura contro l’omosessualità è larga – ha aggiunto – ma viva papa Francesco perché il suo messaggio va oltre il pensiero di molti italiani. È un processo importante e non mi fermerei al catechismo. Secondo il catechismo l’omosessualità è sintomo di disordine sessuale, ma Paglia sottolina che “pochi mesi fa il catechismo è stato cambiato sulla pena di morte” e che “la Chiesa è un corpo vivo e va avanti”.

Anonimo ha detto...

Il sospetto lanciato che ci sia un "doppio Viganò" mi pare smentito da tutte le sue conferenze in diretta video. E se anche lo avesse aiutato qualche "ghost writer" (ricordiamo che Ratzinger lo era di Giovanni Paolo II) almeno la faccia ce la mette.

Silente ha detto...

Scrive San Paolo "...né gli effeminati, né quei che peccano contro natura...avranno l'eredità del Regno dei Cieli". Già in alcuni paesi esteri, religiosi sono stati incarcerati perché hanno citato il Vangelo. Non dimentichiamo che la sodomia è un male di per sé, perché contro natura, incluso tra i peccati che gridano vedetta dinnanzi a Dio. Questa condanna attiene al diritto naturale iscritto in tutti noi, prima ancora che alla Dottrina Cattolica. La "Nota Verbale", il più "lieve" tra i passi diplomatici, sembra trascurare questa verità ontologica. La reazione vaticana è stata tardiva e fin troppo diplomaticamente prudente. La proclamazione della Verità Cattolica è protetta dai Patti Lateranensi, riconosciuti dalla "loro" Costituzione. Impedire alla Chiesa di proclamare questa Verità e di insegnarla, è una violazione di questi trattati.
In attesa che la maledetta legge Zan proibisca ogni tipo di pubblicistica anti-sodomitica, consiglio di acquistare, magari in più copie da distribuire un prezioso libretto : "Sodoma distrutta. Le parole di Santi e Papi contro l'omosessualismo, con prefazione di Silvana De Mari, edito da Radio Spada.
Silente

Anonimo ha detto...

Interessante il commento di Paglia sul cambiamento nel CCC in relazione alla pena di morte.
Su questo punto tutti noi abbiamo glissato ed ora viene usato come grimaldello per altri cambiamenti dottrinali,come l'omosessualità. Chi si faceva soverchie illusioni sulla questione concordato è servito, Parolin ê stato chiaro.

mic ha detto...

Non abbiamo poi così glissato

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2018/08/appello-ai-cardinali-di-santa-romana.html

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2018/08/pena-di-morte-cristiano-lugli-e-don.html

Anonimo ha detto...

È PERCHÉ LA CHIESA È SPACCATA AL SUO INTERNO CHE SI È DOVUTI ARRIVARE A RICHIAMARE IL CONCORDATO...
Non ho mai ricevuto offese da persone comuni che mi vedevano portare l'abito [talare]. Sorrisi, a volte, ma mai offese. Gli unici commenti li ho ricevuti dai miei confratelli, mi dicono che sono antico. Non sono antico, vivo in questo secolo... ma non sono di questo secolo.
(don Vilmar Pavesi)

Riflessioni a voce alta. ha detto...

"eminenti preti e vescovi si sono sempre rifiutati di dare seguito al “Summorum Pontificum” "

https://www.marcotosatti.com/2021/06/25/iniziati-gli-attacchi-al-vetus-ordo-prima-ancora-che-il-papa-indebolito-parli/

Cerchiamo di esercitare la carità gli uni verso gli altri e, quando sarà il momento, uniamoci, mettendo da parte i rancori ed i dissapori personali che spesso non hanno basi dottrinali! Restiamo uniti e lottiamo assieme, come fratelli in Cristo!
EquesFidus

Tutta una questione di disubbidienze.
Disubbidienza a Dio da parte di Adamo ed Eva e di Lucifero,dei Vescovi che non hanno preso in considerazione la preoccupazione di Pietro(PaoloVI) della distribuzione della SS.Eucaristia nelle mani*,dei Vescovi che non hanno colto l'occasione (perche' dopo 48 anni raddrizzare il timone tutto di un colpo e' rischioso) di restituire a Dio la primizia-la celebrazione secondo Tradizione e che univa/sce i fedeli cattolici di tutto il mondo suggerito dal Pietro di turno(Benedetto XVI),disubbidienza dei Preti che disubbidiscono alle norme (regola di condotta) stabilite dalla Chiesa cattolica circa l'abbigliamento ecc.ecc. infine cammin facendo, con l'aiuto della mentalita'liberale , la deriva dei fedeli.

*Se ne parla qui. Tanti richiami alla Responsabilita'personale caduti nel vuoto.

*L'AUSPICIO eucaristico - I pericoli della Comunione sulla mano
Start AP- rubrica di Don Marco Begato (salesiano)
https://www.youtube.com/watch?v=RPZb0Cq61Vw
Cosa insegnava Paolo VI circa i rischi della Comunione sulla mano? Cosa bisognava evitare? Cosa raccomandava alla Chiesa, proprio mentre concedeva l'eccezione di comunicarsi in mano? Ne parliamo con don Luca Paitoni

L'unione fa la forza . ha detto...

Compline: 10 PM EASTERN TIME (ET)
Institute of Christ the King Sovereign Priest, Canon Louis Valadier
Album : Gaudeamus Omnes
https://www.youtube.com/watch?v=9_JO_wlML9I

Perche' ritengo una Grazia di Dio la visione tramite internet della S.Messa VO ?
Perche' il"bello" e il "buono" segno dell'Amore di Dio si diffonda , torni nuovamente nei nostri occhi/menti/cuori ; perche' sia possibile fare paragoni tra cio' che e' buono e cio' che e' ottimo.
Spero tanto che i Sacerdoti della Tradizione Radicati nella Roccia si ri-uniscano come in una carboneria per concordare la ipotesi di ri-educare/ri-catechizzare i cristiani e non attraverso un unico link cosi che tutti possano vedere e ascoltare ,credenti,non credenti,atei , ad imitazione di Gesu':
"Si dice che..MA.. Gesu',la Dottrina Cattolica dice.."

Anonimo ha detto...

"Nel suo famoso sermone a Lille, si riferì ai nuovi riti come “sacramenti bastardi”."

A scanso di equivoci, ricordiamo che mons. Lefebvre si esprimeva in francese, e che quindi in quella lingua il termine "bastardo" non corrisponde all'accezione di insultante caina malvagità come quando viene pronunciato in italiano.

Il "francese principe bastardo" non è altro che un principe dal sangue mescolato o illegittimo, ed è in questo senso che va intesa l'espressione riferita ai nuovi riti, cioè imbastarditi da elementi spuri di origine ebraica e protestante.

Marcello B. Roma ha detto...

Mons. VIGANÒ, con le sue dolci, vigorose parole piene di fede, ci ha testimoniato profondamente la Verità di Gesù Cristo. Confortandoci e rincuorandoci ha nutrito la nostra fede, ci ha dato una grandissima Speranza. Noi lo riconosciamo come autentico e vero Pastore e lo Amiamo in Gesù Cristo . Preghiamo sempre per Lui.
Dio Lo StraBenedica e StraBenedica tutti coloro che lo sostengono moralmente in questi tempi di persecuzione. Uniti nella preghiera e difesa della Vera Fede