sabato 22 agosto 2020

Non è vandalismo è cristianofobia

Nessuno dei sempre più numerosi episodi di vandalismo nei confronti delle Chiese e degli spazi sacri che si verificano in tutto l'orbe cattolico, d'Occidente e d'Oriente, per quanto lontano geograficamente, non può non toccarci profondamente.
Ora ne registriamo uno dietro l'angolo. Ieri mattina non c'è stata la Messa nel Santuario del Preziosissimo Sangue di Albano, dedicato a San Gaspare del Bufalo. Purtroppo hanno cosparso di benzina il portone della Chiesa e poi appiccato il fuoco. Il custode dichiara: «Satanisti? Chi lo ha fatto ha voluto attaccare la Chiesa perché questo è un santuario molto amato»
La sempre più diffusa quanto ignorata cristianofobia si manifesta con avversione contro i cristiani e i loro simboli. Abbiamo presente anche il recente assurdo episodio dei ragazzi di Lizzano che hanno distrutto un Crocifisso... 
Un accenno di reazione viene solo dai governi dell'est Europa, mentre le UE ancora non trova il tempo per nominare l'Incaricato Speciale Europeo per la Libertà religiosa nel mondo. Il nuovo governo rumeno, ha istituito e celebrato la prima giornata della memoria nazionale per i cristiani perseguitati nel mondo. Lo scorso 17 agosto il governo ungherese ha firmato un memorandum di cooperazione con la controparte polacca, allargando il fronte dei Paesi interessati a fare della salvaguardia della cristianità una priorità della loro agenda politica [qui].

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Su questo episodio, come sulla profanazione del Crocifisso a Lizzano in Belvedere (BO), il silenzio dei giornalisti che ragliano ogni giorno di razzismo, antisemitismo, omofobia, sessismo...

Anonimo ha detto...

Giuliano Guzzo:
Oggi è la Giornata mondiale per le Vittime della persecuzione religiosa.

Una ottima occasione per ricordare la cristianofobia. Pochi da noi ne parlano - siam troppo presi con quote rosa, omotransfobia e altre priorità epocali – ma nel mondo sono almeno 260 milioni i cristiani perseguitati.
Ogni giorno oltre 8 cristiani vengono uccisi per la loro fede.
Solo nel 2019, sono stati 9.400 gli edifici religiosi e le chiese attaccati, demoliti o chiusi.
Problemi lontani? Non esattamente: nella civile Europa, lo scorso anno, sono stati almeno 3.000 gli edifici cristiani vandalizzati.
I media sorvolano - vuoi mettere queste quisquilie con le treccine di Greta? - ma l'odio, quello vero, avanza.
E chi tace acconsente.

Anonimo ha detto...

https://it.gatestoneinstitute.org/16388/genocidio-cristiani-nigeria 

Anonimo ha detto...

https://www.cristianitoday.it/rubate-ostie-consacrate-in-una-chiesa-in-francia/

Anonimo ha detto...

Se le forze del male che vogliono annientarci sono potentissime, la loro forza è nulla di fronte alla potenza di Dio: e Dio è il Bene, la luce e l’amore. Se Dio è con noi, di chi o di cosa avremo dunque paura? E se Lui è per noi, chi sarà contro?
http://www.accademianuovaitalia.it/index.php/cultura-e-filosofia/filosofia/9418-la-pochezza-umana

Anonimo ha detto...

https://www.maurizioblondet.it/ormai-continuare-e-inutile-e-rischioso/

ORMAI CONTINUARE E’ INUTILE . E rischioso.
Maurizio Blondet 22 Agosto 2020
Quando leggo che “il virologo Andrea Crisanti” esige e comanda “300 mila tamponi al giorno”, mentre è così evidente che più aumentano i “tamponi” e più si scoprono “contagiati” ovviamente asintomatici (ossia sanissimi, ma da “isolare” perché “altrimenti contagiano i nonni”), capisco che ormai il mio lavoro informativo è inutile....

Aloisius ha detto...

Intanto Bergoglio non difende i cristiani, ma la "fratellanza umana"
https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2020-08/papa-francesco-tweet-giornata-vittime-violenza-religione-credo.html

La profanazione delle chiese e la trasformazione di santa Sofia di Istambul in moschea, dimostrano il fallimento di chi riduce il Vagelo a un progetto politico di pace mondiale.
Più passa il tempo è più i nemici della Chiesa se strafregano

Ma può Bergoglio definirsi portatore di pace?
Non mi sembra proprio, perché la pace cristiana insegnataci dal Signore Gesù è la Sua pace, non quella che da il mondo.
Quindi non è la "fratellanza umana" e basta, ma la fratellanza in Gesù Cristo e solo in Lui, con Lui e per Lui.
Quindi il papa non annuncia il Vengelo e la sua condanna generica non difende i cristiani e non ferma i mussulmani, loro principali persecutori nel mondo, insieme comunisti/social/liberal/progressisti, nelle loro varie sfumature

Anonimo ha detto...

L'imam: "Accettate le spose bambine: è la cultura dei migranti"
Claudio Cartaldo 15 Febbraio 2016 - 22:23
Il governo danese vuole dividere le coppie di rifugiati con spose minorenni. Ma l'imam Osama El-Saadi, della moschea di Aarhus, si oppone: "Dovete accettare la nuova cultura"
L'esortazione dell'imam suona inascoltabile alle orecchie degli occidentali...

Anonimo ha detto...

Bergoglio non difende i cristiani... e più ne fa più c'è chi rimpiange Ratzinger.

Rimpiangere Ratzinger rispetto a Bergoglio può avere un senso se consideriamo l'infinita differenza umana e intellettuale tra i due.
Ma dal punto di vista dei contenuti tra loro vi è la stessa differenza che vi sta sta tra un liberale e un anarchico: il primo è la versione moderata della stessa malattia. Al modernista liberale è succeduto l'anarco-modernista.
Martino Mora

Anonimo ha detto...

Detesto il termine "cristiano-fobia", che accetta il linguaggio parapsichiatrico del nemico. Mai va accettata la neolingua orwelliana, coi suoi neologismi assurdi che finiscono sempre in "fobia".
Non esiste la "cristianofobia", e le fobie (quelle vere) lasciamole agli psichiatri.
Esiste invece l'odio contro Gesù Cristo, E ha causato più morti, nel XX secolo, che l'odio contro qualunque altra religione e qualunque gruppo etnico. Anche se media e libri di testo preferiscono far finta che non sia avvenuta.
Martino Mora

Anonimo ha detto...

Christianofobia!?

Perché cognate e usate questo termine?
Per contrastare la cosi detta omofobia?, termina assurdo e del tutto falso?

Si tratta di odio, non di fobia. Odio di Dio, odio di Cristo, odio della Chiesa.
Parlare di Cristianofobia, usare questo termine, non solo è oggettivamente sbagliato ma da legittimità al termine contrastato – il termine omofobia

Forse sarebbe meglio nominare le cose col nome proprio: odio!