venerdì 10 dicembre 2021

Nantes: 200 fedeli si sono radunati per impedire un concerto d'organo profanatore

Ancora una volta la Francia ci è d'esempio. Nella nostra traduzione da Riposte catholique.
L'impedimento di un concerto d'organo profanatore nella chiesa di Notre-Dame de Bon Port a Nantes, questo 7 dicembre, da parte di quasi 200 fedeli che si sono mobilitati e hanno bloccato gli accessi alla chiesa per impedirne la profanazione, ha suscitato un'indignazione selettiva da parte dei media, spesso molto più solidali con il terrore morale che regna al di là dell'Atlantico e persino nelle enclaves di Francia, attivisti nativi, woke e ultrasinistri. 
Tuttavia, l'opinione pubblica comprende perfettamente che i fedeli si sono mobilitati per prevenire la profanazione e la gente comprende molto bene che una chiesa è uno spazio sacro. C'è stato un fiume di reazioni su Twitter mentre l'indignazione mediatica è raddoppiata dopo la cancellazione di un concerto dello stesso artista che avrebbe dovuto svolgersi questo 9 dicembre a Parigi. 
La comunicazione del Vescovo di Nantes Mons. Percerou e le sue manovre - così come quelle del Vicario Generale e Rettore della parrocchia del centro di Nantes (Notre-Dame de Nantes) per spostare il concerto in un'altra chiesa a seguito della mobilitazione dei fedeli di Saint-Clément, a cui il loro parroco ha detto che il concerto è stato annullato, sono totalmente fuori luogo. 
Sembra che il "popolo di Dio", di cui parlano costantemente le gerarchie della Chiesa cattolica per giustificare un'accelerazione del suo smantellamento, non sia d'accordo con le loro azioni di distruzione. Forse è per questo che questi "incontri di scambio" con monsignor Percerou sono controllati e canalizzati per evitare ogni espressione spontanea e individuale...

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma oltretevere non hanno indetto il sinodo della sinodalità affinché il laicato possa meglio esprimere la sua actuosa participatio a regolare la vita della chiesa!? Più actuosa participatio di questa!!!

Anonimo ha detto...

Nel frattempo (anche) in Germania..

https://www.riposte-catholique.fr/archives/163732

Cos'altro per farci alzare finalmente in piedi senza che debba esserci sempre un leader! ha detto...

Ecco, appunto, questo e' mancato da parte di noi fedeli italiani: la reazione spontanea corale a leggi ed editti varii avverso alla Legge; supinamente abbiamo e continuiamo ad ingoiare cammelli. E la famiglia allargata, e l'aborto, e il divorzio, e i trapianti d'organo, e le mense per i poveri sotto il tabernacolo, e le messe beat, e le chitarre, e la Santa Particola sulle mani ,ed il placdet ad inoculare sotto il tabernacolo un siero sperimentale..!

Il rovescio della medaglia ha detto...

"Una civiltà che trasforma Notre Dame in una Disneyland è finita". Approvata la ristrutturazione che farà della cattedrale bruciata il tempio del kitsch. Intervista per la newsletter al filosofo della Sorbona Jean-François Braunstein, firmatario dell'appello su Le Figaro per salvarla: "Ci adoreranno Pachamama? D'altronde in Francia sono bruciate molte chiese e cattedrali..."

Anonimo ha detto...

Qui da decenni s'è svuotato il sacro della sua sacralità o usandolo per scopi puramente politico economici mondani o come copertura dell'esoterismo massonico clericale, mentre le anime venivano lasciate in balia della sinistra e radicale egemonia culturale importata.

Anonimo ha detto...

17° giorno di sciopero della fame - un grido per l'Italia - rosario del vecchio

Anonimo ha detto...

https://m.youtube.com/watch?v=SimkY5Kht-4&feature=youtu.be

Concert annulé d'Anna von Hausswolff (sataniste) dans l'Eglise de Saint-Eustache. Paris/France 09 Décembre 2021

Anonimo ha detto...

I nostri cuginetti non sono pronti ad accendersi (ed a spegnersi) come noi ,ma quando cominciano ,ci prendono gusto e non li fermi più.La Chiesa di Francia ,una delle più scassate al mondo ,si è messa in moto e per quel clero non si prospettano giorni sereni.

Anonimo ha detto...

"Solo degli imbecilli possono pensare di sfigurare Notre Dame". Eric Zemmour, un ebreo più cattolico dei vertici della Chiesa come altri intellettuali contro il rifacimento del capolavoro gotico: "Macron e dei preti progressisti hanno deciso che la cattedrale debba continuare a perire tra le fiamme del politicamente corretto..."

Anonimo ha detto...

Giulio Meotti
“Cristiani, la Francia è nostra e sul Corano vi sgozzeremo”. Fedeli in processione per la festa dell’Immacolata aggrediti per strada, dominata dalle preghiere dei musulmani. La stessa frase a Eric Zemmour, “l’uomo più minacciato di Francia”. Siamo finiti in quest'incubo illudendoci di non avere nemici. Ma è il nemico che ti designa...

Anonimo ha detto...

Quant'è dura la cervice degli uomini con mente aperta!

Anonimo ha detto...

https://www.maurizioblondet.it/le-due-france-savventano-luna-contro-laltra/