lunedì 13 dicembre 2021

Henry Sire: "Essenzialmente il problema è che Bergoglio non ha veri principi, da tipico peronista qual è".

Un quadro desolante a dir poco, emerge dall'intervista concessa a Gloria.tv da Henry Sire. Storico ed ex membro dell'Ordine di Malta (inopinatamente espulso per il suo lavoro di ricerca su Jorge Mario Bergoglio) Sire è ben noto e apprezzato dai cattolici di tutto il mondo per il suo libro "The Dictator Pope" [qui]. La prima lunga parte dell'intervista riguarda l'Ordine di Malta, ed è disponibile sul sito originale (link in fondo); la seconda parte riguarda sia l'attuale Vescovo di Roma che il futuro conclave, ed è di grande interesse per chiunque, cattolico o meno, sia interessato al presente e al futuro della Chiesa.
Di seguito la seconda parte
* * *
The Dictator Pope è uscito nel 2017 suscitando un gran clamore. Qual è il contributo specifico di questo libro?
Per lo più The Dictator Pope è stato poco più che una carrellata del lavoro che molti giornalisti avevano già svolto analizzando gli abusi e gli errori del governo di Francesco. Il mio contributo principale è stato quello di poter utilizzare le intuizioni di argentini che conoscevano esattamente Bergoglio, intuizioni che, a causa della barriera linguistica, non erano state rese note nel mondo di lingua inglese.

Guardando indietro, cosa scriverebbe di diverso?
In effetti, ulteriori ricerche mi hanno mostrato che ho sottovalutato il pantano di corruzione a cui apparteneva Bergoglio durante la sua carriera argentina. Un esempio è stato il suo ruolo di protettore degli abusatori sessuali del clero. Mi rammarico molto di non aver avuto a disposizione dati più completi per presentare un quadro fedele dell'uomo che i cardinali hanno eletto Papa nel 2013.

Ad esempio?
Quando ho scritto il mio libro, non ero pienamente consapevole della cultura della corruzione morale e finanziaria in cui era immersa l'Arcidiocesi di Buenos Aires; di quella cultura Bergoglio non era lui stesso responsabile, ma non fece nulla per riformarla, e la sostenne con la sua politica di insabbiamento. Ci sono anche aspetti della carriera antecedente di Bergoglio che solo un ricercatore argentino potrebbe esplorare a fondo, soprattutto la controversa questione del suo comportamento durante la dittatura militare.

In The Dictator Pope scrive che Bergoglio deve la sua elezione a una relatio presentata al Sinodo dei Vescovi nel 2001 e che questo discorso è stato scritto da monsignore di Curia Daniel Estivill. È una coincidenza che anche Estivill sia argentino?
Per quanto ne so è stata una coincidenza, e non sono a conoscenza di alcun legame tra Bergoglio e mons. Estivill. A quest'ultimo è stato chiesto di redigere il discorso semplicemente come segretario del Sinodo dei Vescovi. Ha pensato che Bergoglio l'avrebbe preso solo come linea guida ed è rimasto sorpreso quando lo stesso non ha apportato modifiche e ha pronunciato il discorso esattamente com'era scritto.

Il suo libro contiene un capitolo sulla mafia di San Gallo. Tuttavia, anche senza questo gruppo: non era solo una questione di tempo prima che un “Francesco” fosse eletto papa, visto che nei decenni precedenti, la maggior parte dei vescovi e cardinali erano scelti dal gruppo conformista/liberale?
È certamente vero che né Giovanni Paolo II né Benedetto hanno fatto molto per tenere i modernisti fuori dal Collegio cardinalizio. Dato il basso livello della gerarchia moderna, le possibilità che un cattivo papa venisse eletto erano concrete.

Così?
Ricordiamo però che nel 2013 la Chiesa sembrava viaggiare nella direzione di un recupero dell'ortodossia e della tradizione. Non è vero che uno come Bergoglio sarebbe stato eletto senza la mafia di San Gallo. Infatti, quando Benedetto ha abdicato, si aspettava che il suo Segretario di Stato, il cardinale Bertone, provvedesse all'elezione del cardinale Scola a papa; ma Bertone si oppose personalmente a Scola e deluse completamente Benedetto. Il Conclave fu così gettato nello scompiglio e si aprì la porta agli intrighi di San Gallo.

Scola continua a difendere Francesco e ad attaccare chi critica questo pontificato. Benedetto ha creato cardinali come O'Malley, Sandri, Scherer, Koch, Ravasi, Wuerl, Marx, Coccopalmerio, Bráz de Aviz, Versaldi, tutti in posizioni di primo piano. Come potrebbe la “riforma benedettina” diventare realtà con persone simili?
Papa Benedetto ha seguito quella che avrebbe definito una politica imparziale nelle sue nomine, e il risultato è che molti dei peggiori rappresentanti della Chiesa moderna sono arrivati al vertice. Ma in particolare, la sua scelta del cardinale Scola come successore ha mostrato il suo cattivo giudizio sugli uomini. Scola sembrava un sano conservatore, ma in realtà era un carrierista, come ha dimostrato il suo comportamento successivo, e Bertone e i cardinali italiani lo rifiutarono proprio per questo.

L'esistenza della mafia di San Gallo non era un segreto. Evidentemente Benedetto XVI non si è allarmato per questo gruppo e non ha preso contromisure.
Ricordiamo che il Gruppo di San Gallo fallì nel Conclave del 2005, quando fu eletto lo stesso Benedetto. Chi avrebbe previsto che sarebbero risorti improvvisamente nel 2013?

I circoli ecclesiastici non sono noti per essere in grado di mantenere i loro segreti. Crede davvero che Benedetto, considerato da tutti molto intelligente, fosse all'oscuro dei pericoli?
Papa Benedetto è certamente molto intelligente, ma è prima di tutto uno studioso, e si è mostrato carente nel calcolo politico e nel giudizio degli uomini. Ma il punto principale è che Benedetto in effetti aveva un piano per il Conclave del 2013: era l'elezione del cardinale Scola, e ovviamente presumeva che avrebbe avuto successo. Il fatto che non sia mai nemmeno decollato ha annullato tutti i calcoli; ma anche un osservatore molto più intelligente avrebbe potuto non prevedere che la mafia di San Gallo, che aveva cessato di incontrarsi dal 2005, sarebbe improvvisamente resuscitata, e con esattamente lo stesso candidato.

E il momento dell'abdicazione di Benedetto?
Il punto in cui Benedetto è caduto è stato il momento della sua abdicazione. Se lo avesse ritardato anche solo di sei o dodici mesi, molti dei protagonisti, compreso lo stesso Bergoglio, sarebbero andati in pensione. Come per il fiasco Bertone-Scola, Benedetto ha mostrato il suo pessimo calcolo politico, e il risultato è stata una tragedia greca: l'elezione del peggior papa possibile, proprio nel momento in cui la Chiesa sembrava avviata alla ripresa. Questo è stato il peggior compimento del danno arrecato dal Concilio Vaticano II.

Ha studiato con i gesuiti. Questo aiuta a capire Francesco?
Solo nel senso che ho assistito al crollo e alla corruzione della Compagnia a partire dal Concilio Vaticano II, e Bergoglio ne offre un caso classico. È stato più di aiuto il fatto che sono mezzo spagnolo e quindi ho una comprensione di una cultura ispanica come quella argentina.

Una cultura ispanica?
Bergoglio è un prodotto classico della società argentina, che è una caricatura della società spagnola con l'aggiunta di elementi speciali come il peronismo. In sostanza, chi cerca di capire Bergoglio dai canoni del pudore e della correttezza anglosassone o germanica si trova a faticare a cogliere la cultura dell'egoismo senza scrupoli che per un argentino è solo una parte del contesto.

Tra i gesuiti in Argentina, Bergoglio era considerato un “conservatore”. Doveva la sua carriera ai "conservatori". Non aveva alcun sostegno dal suo ordine. Che cosa è andato storto?
Tocca il grande mistero della carriera di Bergoglio, il suo passaggio da braccio destro del cardinale “reazionario” Quarracino a Buenos Aires a favorito del Gruppo di San Gallo. L'unica spiegazione che riesco a vedere è che, negli anni del declino di papa Giovanni Paolo II, ci si aspettava che gli succedesse un papa più liberale, e Bergoglio voleva essere dalla parte dei vincitori. Non credo che si aspettasse seriamente di essere lui stesso il candidato papale prima del 2005. Ma essenzialmente il problema è che Bergoglio non ha principi autentici, da tipico peronista quale è. 

Come descriverebbe Francesco in termini psicologici? Era in terapia con l'emigrata ebrea austriaca Maria Langer, più ideologa marxista che psicologa. Langer aveva circa l'età della madre di Bergoglio. Francesco parla della sua famiglia, in particolare di sua nonna, ma mai di sua madre. Come mai?
Ha ragione sul fatto che Bergoglio viene da un contesto familiare difficile e ha sempre evitato di parlare dei suoi genitori. Il suo passato come buttafuori in un night-club (prima di entrare a far parte dei Gesuiti) non è esattamente quello a cui siamo stati abituati per i moderni Vicari di Cristo. Ma non so abbastanza della sua storia per poter commentare.

Di recente ha spiegato su Twitter che un confronto tra Francesco e Stalin potrebbe essere appropriato. In che senso? 
Stavo rispondendo a un commento fatto su Twitter, e il senso della mia risposta era che è più appropriato paragonare Bergoglio a Perón.

Peronista o semplicemente opportunista? Nella storia recente, quanti sacerdoti sono stati nominati vescovi per la loro incrollabile fedeltà alla Fede? L'opportunismo non è il primo requisito per chi vuole scalare la carriera nella Chiesa? 
Ci sono alcune eccezioni: i cardinali Sarah e Burke, per esempio. Ma ciò che distingue Bergoglio è che l'opportunismo fa parte di un'elaborata cultura politica in cui è cresciuto, e la base per una carriera astuta e manipolatrice, alla quale la maggior parte dei vescovi non gli corrisponde.

Francesco è un italo-argentino che gestisce il Vaticano in maniera italo-argentina con tanti sgherri e yes-men intorno. La Chiesa dovrebbe diventare più anglosassone?
Io stesso non sono molto anglosassone e non vorrei esporre il caso in termini nazionali. È stata certamente una catastrofe per la Chiesa avere come papa il rappresentante di una pessima cultura politica come quella argentina. Il primo passo verso la riforma sarà quello di sfuggire a quell'eredità.

Qual è questa cultura politica?
Metodi dittatoriali, ovviamente. Altri elementi nella cultura includono un populismo grossolano che consente a un politico di affermare di sostenere la gente quando in realtà non fa nulla per loro, e un anti-americanismo ereditario che è la motivazione della disastrosa capitolazione di Francesco nei confronti del governo comunista cinese.

Francesco ama nascondersi dietro le contraddizioni, ad esempio definendo l'aborto uno scandalo e definendo l'abortista Emma Bonino uno dei "grandi italiani". Quale “tattica” c'è dietro?
Anche questo è tipico peronismo, che lancia segnali contraddittori alle parti opposte. Un argentino lo capirebbe benissimo, ma al resto del mondo appare incomprensibile.

A parte Perón, Francesco non conosce il “la tua parola sia sì, sì o no, no” di san Paolo?
Per tutta la sua vita, il sì di Bergoglio è stato no e il suo no è stato sì.

Durante l'Angelus del 7 novembre, Francesco ha definito “l'ipocrisia una pericolosa malattia dell'anima”, ha parlato contro “la doppiezza, apparendo in un modo ma avendo un altro pensiero e “approfittando della propria posizione per schiacciare gli altri”. Sembra che stesse parlando di se stesso?
Come molte persone, Francesco ha il talento di condannare i vizi che gli sono peculiari. Sembra essere un tipo speciale di autoconoscenza, per cui il soggetto riconosce istintivamente il vizio ma non vede chi ne è colpevole. Ci aiuta a capire come padre Kolvenbach, il generale dei gesuiti, basandosi sui resoconti di chi conosceva Bergoglio, lo accusasse già nel 1991 di doppiezza e di mancanza di equilibrio psicologico.

Da storico, ha qualche indizio su cosa sia successo alla lettera che Kolvenbach ha scritto su Bergoglio? È scomparsa? Qual era il suo contenuto?
La relazione di padre Kolvenbach è stata distribuita nel 1991 in numerose copie ai membri della Congregazione per i Vescovi. La maggior parte delle copie sarebbero andate distrutte com'è normale che sia, una volta concessa la nomina di Bergoglio a vescovo. Una copia era certamente conservata negli archivi della Compagnia di Gesù a Roma, e scomparve poco dopo che Bergoglio divenne papa. Ovviamente, non voleva perdere tempo a sopprimerlo. Almeno una delle copie rimaste, lo so per certo, è in possesso di un certo individuo, che per motivi prudenziali la tiene segreta. Io stesso non ho visto la lettera. Mi è stato riferito il suo contenuto da un prete che l'aveva letta, e ho riportato esattamente quello che mi ha detto in The Dictator Pope. Non so altro oltre a questo.

Dove sta facendo il danno maggiore Francesco?
Penso che il danno peggiore che sta facendo papa Francesco sia nel continuo flusso di cattivi vescovi e cardinali che ha nominato. Probabilmente porterà a un altro cattivo papato a seguire. Anche se per miracolo ci sfuggiremo, sarà un'eredità spaventosa che peserà sulla Chiesa per anni.

Ricordi una buona decisione presa da Francesco?
Inevitabilmente sì. La sua nomina del cardinale Burke come patrono dell'Ordine di Malta fu buona cosa, e inizialmente sembrò aiutare il cardinale a promuovere una politica tradizionale nell'Ordine; ma il guaio di tali gesti è che sono del tutto inaffidabili, e Francesco è capace di annullarli in un sol colpo.

Francesco è un opportunista, ma fino a un certo punto. Con Traditionis Custodes ha scelto una battaglia che non riuscirà a vincere. Sembra nutrire un odio contro i "buoni". Ha idea del perché?
Sta semplicemente seguendo il programma della Mafia di San Gallo nel tentativo di sradicare la tradizione. È anche vero, come dice, che il suo pregiudizio è contro o buoni fedeli. Per tutta la sua carriera, si è circondato di persone compromesse e moralmente deboli proprio perché ciò gli consente di controllarle.

Come giudica l'impatto che ha avuto Traditionis Custodes?
Traditiones Custodes” è stato opportunamente tradotto come “I carcerieri della tradizione”. È l'ultimo tentativo della generazione del Vaticano II di bloccare il recupero della tradizione riconoscibile tra i cattolici più giovani. Ma significativa è la riluttanza della maggior parte dei vescovi a portare avanti la sua politica repressiva. Il fatto è che papa Francesco è così impopolare che molti vescovi preferiranno ignorare la sua guida anche quando non hanno particolare simpatia per l'antica liturgia.

La Traditionis Custodes fermerà la diffusione della liturgia romana?
Di una cosa possiamo essere certi: la prossima generazione di cattolici continuerà a riscoprire le ricchezze spirituali della Chiesa, e continuerà a mettere in discussione le innovazioni conciliari, che sono semplicemente politiche di ieri la cui logica per loro significa poco.

Francesco si definisce il "papa dei poveri" pur essendo popolare tra i ricchi e i loro media. Predica la “misericordia” ma è applaudito da chi non si cura della divina misericordia perché non si crede peccatore. Di chi è il papa Francesco?
A otto anni dal suo pontificato possiamo rispondere chiaramente a questa domanda: Francesco è il papa della mafia di San Gallo e dei media laici mondiali la cui approvazione è il suo unico obiettivo.

Cosa significa questo?
Francesco non ha altra politica che raccogliere l'applauso delle élite moderne seguendo ogni loro moda: allarme climatico, immigrazione incontrollata, un marxismo di imitazione di fatto al servizio del moderno capitalismo "risvegliato". Se si guarda ai precedenti di Bergoglio prima di diventare papa, ha mostrato certe simpatie “popolari”, nel senso che si è alleato con i sindacati ecc., ma non ha fatto nulla per i veramente poveri in Argentina, e lo stesso ha fatto come papa. La sua politica è semplicemente quella di premere certi pulsanti linguistici, e i media reagiscono servilmente, dipingendolo come il campione dei poveri per i quali in pratica non fa nulla.

Come finirà tutto questo?
Diversi commentatori hanno affermato che Roma si trova nello stato di un tempo di declino del papato, con gli occhi di tutti al prossimo Conclave. L'esito di quel Conclave è particolarmente imprevedibile in questa occasione perché Bergoglio ha nominato tanti cardinali da parti oscure del mondo, e di più, ha volutamente impedito loro di incontrarsi per conoscersi.

Cosa si aspetta dal prossimo Conclave?
Una cosa certa è che il prossimo Conclave sarà caotico e potrebbe benissimo produrre uno scisma all'interno del Conclave stesso. Anche se ciò fosse evitato, penso che l'esito più probabile sia che i cardinali cercheranno di eleggere un papa di mezzo, per evitare i malumori che si sono così abbondantemente creati in questo pontificato.

Un Papa di mezzo?
Il prossimo papa poi non saprà cosa fare, non darà una linea chiara, e la confusione che si è creata per le ambiguità di Francesco crescerà ancora di più. Tuttavia, il futuro potrebbe essere molto più sorprendente di così. Per grazia di Dio, il Conclave potrebbe anche eleggere un buon papa.

Chi sono i “buoni candidati” tra gli attuali cardinali che potrebbero avere una possibilità di essere eletti?
In un articolo di qualche mese fa, Sandro Magister ha nominato il cardinale Erdö, che ho incontrato mentre ero a Roma, come uno dei principali papabili – piuttosto sorprendentemente considerando il modo in cui Francesco ha riempito il Sacro Collegio. Certamente è del tutto ortodosso, ma francamente non conosco nessun cardinale che abbia la capacità di restaurare la Chiesa e condurla su un cammino di vera riforma, cioè l'opposto dei gesti immaginifici con cui papa Francesco ha raggirato i media laici. Cinque anni fa avrei detto il cardinale Sarah, ma ora ha 76 anni, e non so se avrà ancora il vigore per fare ciò che è necessario se fosse eletto papa.
[Fonte: Gloria.tv ]

15 commenti:

Anonimo ha detto...

Questo mi ha suggerito il Signore: per aggirare sia i cattivi politici che i cattivi preti. L'autorità dei padri è sovrana e seconda solo a Dio Padre e alla Catena dei Padri. rdv

Anonimo ha detto...

Standing ovation per Mr Henry Sire

Marcello ha detto...

Intanto Socci ha invertito di nuovo rotta, dimenticando che l'essenza di questo papato è la contraddizione.
https://www.antoniosocci.com/gli-85-anni-di-papa-bergoglio-primo-bilancio-di-un-pontificato-dopo-tante-critiche-e-giusto-riconoscergli-che/?fbclid=IwAR3Jxifu1Ria1J8h1Nh_B-z9WPdKhbO6yNVDt3lM9XR0CJ8Hx8ho9QHnCXU#more-9901

Beppe ha detto...

Il vostro parlare sia Si si / no no
Vangelo

Anonimo ha detto...

Rosario del Vecchio ha diritto a chiedere l'assegno di alimentazione

Anonimo ha detto...

X Rosario del Vecchio . Ha diritto di chiedere assegno di alimentazione DLgs n 297/1994 art 500 ( TU scuola) . Deve fare domanda all'azienda dove lavora

Anonimo ha detto...


Si continua a fare ipotesi sul prossmo Conclave e sul nuovo papa.
Ma Bergoglio sembra ancora in forma, nonostante gli acciacchi dell'età.

Qui è ormai in ballo la sopravvivenza stessa della Chiesa, di tutta la cristianità, che i pastori fedifraghi hanno trasformato in una Chiesa fac-simile, che nell'essenza e anche nella forma non è più cattolica, pertanto in caduta verticale di vocazioni.
E non bisognerebbe forse dire che il prossimo papa, se ci sarà (a questo punto siamo arrivati- bisogna tener presente anche un possibile, improvviso assalto musulmano su Roma, la "Mela Rossa" agognata da secoli, visto che continuiamo a riempirci allegramente di seguaci di Maometto) - se ci sarà, non dovrebbe, come primo atto della necessaria "riforma" della Chiesa, mettere sotto accusa il Vaticano II?
Non insisterei troppo sul carattere "argentino", assimilato a peronista, di Bergoglio. Che ci sarà pure, questa cattiva "cultura politica" argentina. Ma la doppiezza (proclamare fedeltà alla dottrina tradizionale salvo smentirla sistematicamente nei fatti) si è introdotta come sistema nella Gerarchia a partire appunto dal Vaticano II, in tutti quei documenti pastorali postconciliari che introducevano sempre eccezioni (in nome del dialogo, delle aperture) nei confronti della dottrina di sempre, che dicbiaravano di rispettare.
Vedi Ameriol, Iota Unum, cap. V, il "circiterismo" e l'uso della avversativa "ma" (p.e., "Il fondamento della vita non è rimesso in questione, m a [lo è] il suo modo di realizzarsi". Oppure: "La clausura deve essere mantenuta, m a deve adattarsi alle condizioni dei tempi e dei luoghi" (par. 50 dell'opera). L'avversativa autorizzava una disciplina (quella della "accomodata renovatio") che poi ha portato ad un mutamento della clausura, tale da dissolverne i fondamenti.
Il ragionare per "sì, però..." non si ritrova già in Giovanni XXIII,
che era della provincia di Bergamo?
È un tratto tipico dei modernisti. Non vedono l'eccezione alla regola come attuazione del criterio dell'opportunità, imposto da circostanze speciali o avverse, ma come parte costitutiva della regola stessa, che viene in tal modo a dissolversi in una prassi dominata dall'eccezione diventata regola.
T

Anonimo ha detto...

E' proprio vero, è incredibile, Socci ha cambiato direzione: è stato il magico “vaccino” (la comunione di intenti su questo siero) a fare il miracolo della conversione di Socci al pontificato eccezionale di Papa Bergoglio.
E' il caso di dire per Socci
Quod non facerunt barbari faceruntr barbarini

GLI 85 ANNI DI PAPA BERGOGLIO: PRIMO BILANCIO DI UN PONTIFICATO. DOPO TANTE CRITICHE E’ GIUSTO RICONOSCERGLI CHE… - Lo StranieroLo Straniero (antoniosocci.com)

GO

Anonimo ha detto...

Non c'è nessun "buon candidato" a Papa.
Anzi! Il prossimo sarà ben peggio di questo. Del resto, pure Monsieur Henry Sire parla di "un altro cattivo papato". Non illudiamoci! A meno di un miracolo, siamo spacciati.

Anonimo ha detto...

Infatti io non mi fido più nemmeno della mia ombra.
Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.
Di Socci poi...

Anonimo ha detto...

egli è esponente di un "gesuitismo pratico", mentre invece esiste anche un gesuitismo dal carattere più "contemplativo"...credo che comunque il fatto che non abbia un dottorato o una laurea in teologia, che tutti i papi da Benedetto XV a Benedetto XVI hanno avuto, costituisca una grave "mancanza"....
Giacomo Della Pietà

mic ha detto...

La mancanza non è tanto cuturale o di formazione quanto di fede; il che comporta le derive ideologiche

Anonimo ha detto...

Perché tutte queste chiacchere sul prossimo conclave, quando mi sembra che Bergoglio stia meglio di tutti noi? Quello ha sete vite come i gatti!
Che il prossimo conclave sia un disastro lo sappiamo di già. Tuttavia "basta a ciascun giorno il suo affanno"!

Anonimo ha detto...


Su Benedetto XVI nell'intervista Sire dà giudizi pesantemente negativi.

Lo accusa in pratica di non aver saputo scegliere i migliori collaboratori, di non aver saputo valutare gli uomini, di aver clamorosamente sbagliato nel far calcoli sul suo supposto successore (sempre che li abbia fatti).
Un particolare colpisce, ignoto al gran pubblico: quando Sire afferma che, se Benedetto avesse aspettato ancora un anno, tanti pessimi soggetti a cominciare da Bergoglio non sarebbero stati più papabili.
E perché allora Benedetto XVI non ha aspettato ancora un anno? La salute certamente glielo consentiva. Il clima attorno a lui era diventato difficile, ma si sarebbe trattato di resistere solo un anno. Facendo andare Bergoglio fuori tempo massimo per l'elezione a pontefice, B XVI avrebbe rifilato una bella zeppa alla c.d. "mafia di S. Gallo" (risorta, nota con stupore Sire, ma perché evidentemente mai venuta meno e forse inserita in "reti" più vaste).

Il dettaglio rivelato da Sire rende ancor più oscuri i motivi delle dimissioni di Ratzinger, anche se questo non basta ovviamente a farle dichiarare invalide. Ci vorrebbero prove provate di effettive coartazioni. Sicuramente Ratzinger era logorato da tanti anni di lotta contro le varie "mafie" incrostatesi nella struttura di vertice della Chiesa, tra le quali sicuramente potente quella tinta di arcobaleno. I membri del gruppo di S. Gallo non si sono quasi tutti distinti per dichiarazioni gay-friendly, anche piuttosto scandalose, come quelle rilasciate dal card. Martini poco prima di morire?
Dimessosi, dopo essersi fabbricato la figura inedita e singolarissima del Papa Emerito (un altro colpo al prestigio del papato), Ratzinger è tornato ai suoi studi, in Vaticano, sotto l'ala di Bergoglio, del quale sembra aver timore.

Anonimo ha detto...

Bisogna bruciare tutte le maschere cadute e cadenti affinché a nessun altro venga in mente di raccoglierne anche solo una.