martedì 14 marzo 2017

Eretici anglicani sulla Cattedra di Pietro con la benedizione papale

Il 13 marzo 2017 alle ore 15:00, si sono tenuti i Vespri Anglicani nella basilica di San Pietro, sulla Cattedra del Principe degli Apostoli. 
Una confessione acattolica ha celebrato alla presenza del cardinale George Pell e dell'arcivescovo Arthur Roche, segretario della congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, che ha pronunciato un sermone, un rito nel cuore storico e simbolico del Cattolicesimo Romano, per concessione delle stesse autorità ecclesiastiche.
L'evento, che ben si inserisce nel clima di falsa riconciliazione ecumenica che Bergoglio sta portando avanti con energia durante il suo pontificato, è in contraddizione palese con la dottrina cattolica. Le ordinazioni dei vescovi anglicani sono ritenute invalide; invalidità ribadita da Papa Leone XIII nell'enciclica Apostolicae curae.
Molti fedeli si sono mobilitati e hanno organizzato Rosari di Riparazione ovunque. Molti si sono uniti spiritualmente.
Il Distretto italiano della Fraternità San Pio X ha organizzato Sante Messe, esposizione del Santissimo Sacramento in tutte le cappelle e i priorati in Italia, Litanie, Rosari, Compiete riparatorie.
Anche nella città di Roma, sede dello scandalo, fedeli cattolici, accompagnati dai sacerdoti, si sono radunati presso San Pietro per recitare il Santo Rosario in atto di riparazione. Ad essi è stato interdetto l'accesso sulla piazza e hanno recitato il loro rosario ben guardati dalle forze dell'ordine e sotto lo sguardo attento della stampa.
Permettendo agli Anglicani di celebrare in San Pietro i loro Vespri, è stato offerto a Dio un culto falso, dal momento che i Vespri Anglicani, pur celebrati in un luogo consacrato al cattolicesimo, non sono un culto riconosciuto dalla Chiesa cattolica. Se pregare con gli acattolici e partecipare ai loro riti è peccato grave per i fedeli (sanzionato anche nell’attuale codice di diritto canonico) diventa peccato ancor più grave quando coinvolge, come in questo caso, le autorità della Chiesa cattolica, perché offre motivo maggiore di scandalo.
Nessuno sembra difendere più la Chiesa. Tocca il cuore il piccolo gregge, ben guardato dalla polizia, un piccolissimo gregge, che come bandiera non ha altro che la croce di Cristo e nelle mani la corona del Santo Rosario. Questi soldati di Cristo sembrano far paura alle autorità ecclesiastiche, sono considerati i nemici della Chiesa, i Pelagiani, i rigidi, (e purtroppo gli epiteti non si fermano qui), come li definisce il Papa della Misericordia, del dialogo, il costruttore di ponti che critica chi costruisce muri e poi schiera un plotone di polizia davanti a piazza San Pietro per impedire a un piccolo gruppo di cattolici armati solo della corona del Rosario di poter recitare il Santo Rosario. 
Dove sta andando la Chiesa cattolica? La Chiesa Una Santa è viva e immacolata nel Suo Sposo; ma una parte di quella visibile rischia di subire una 'mutazione genetica' o questa è già avvenuta nostro malgrado e ne stiamo vedendo gli effetti? [Fonte]

28 commenti:

Anonimo ha detto...

La Chiesa di Bergoglio si inchina solo innanzi all'eresia:
https://anonimidellacroce.files.wordpress.com/2017/02/20140625cm00620-800x500.jpg?w=800

Giovanni C. ha detto...

E' diventato tuto facile: tutti gli ostacoli sono spariti per incanto; secoli di lotte per contrastare le eresie...se fosse nato allora un papa come questo, ci saremo risparmiati tanti concilli ecumenici; forse non occorreva nemmeno che il Figlio di Dio si incarnasse e morisse in croce.

Luisa ha detto...

Straordinario, si fa per dire, in piazza San Pietro possono andare tutti, cattolici e non, vestiti o poco vestiti, i senza tetto hanno le loro doccie, i venditori ambulanti non son lontani, ma non sia detto che in quella Piazza entrino dei cattolici con il Rosario in mano e le loro facce tristi ( copyright Galantino) per pregare, ma da quando il Palazzo apostolico è stato desertato dal papa argentino, da quando quelle luci restano tristemente spente, Piazza San Pietro non è più la stessa.

Anonimo ha detto...

nella foto vedo don Mauro Tranquillo, don Caruso, allora il piccolo gregge che recita il rosario guardati a vista come terroristi, sono i fedeli della FSSPX.

Luisa ha detto...

Wow, adesso abbiamo anche l`analisi a puntate( per il momento due ma se ne annuncia una terza...), fatta con evidente oggettività:):), del comportamwnto di chi osa, crimine imperdonabile, non condividere il fervore acritico della corte del papa argentino.
Avevo letto la prima puntata di Valente e mi bastava, non ho nemmeno riteso utile di segnalarla qui tanto era prevedibile, oggi passa la seconda puntata ancor più caricaturale.

Secondo Valente, che immagino pensa che la Chiesa è nata o rinata con Bergoglio:

"L’ostilità ecclesiastica militante contro Papa Francesco, nelle sue diverse gradazioni, non ha precedenti nella storia degli ultimi secoli. "

Amnesia? E l`opposizione militante, virulenta, costante e sprezzante subita da Benedetto XVI?
L`ha dimenticara il vaticanista? Già questo basterebbe per chiudere la pagina e passare a altro.
Ma anche questa "perla"non è male , secondo Valente: 

" Il Vescovo di Roma entra nel mirino dei nuovi piccoli e grandi inquisitori semplicemente perché non è «allineato» con le parole d’ordine del partito ecclesiastico dominante negli ultimi decenni"

!?!
Se avete voglia andate a leggere a quale partito si riferisce, si resta ammirativi di fronte a cotanta oggettività, assenza di ideologia religiosa e rispetto della verità.

http://www.lastampa.it/2017/03/14/vaticaninsider/ita/vaticano/la-fede-dei-semplici-e-le-operazioni-antifrancesco-mZk8hGEdqy12JStJca3AxN/pagina.html

Non si rendono conto che la loro irritazione è fin troppo visibile?

Anonimo ha detto...

Comunque le botte le prenderemo noi.

Anonimo ha detto...

Antonio Socci pagina ufficiale

ORMAI LO DICONO LORO STESSI...
Ieri, sul Corriere della sera, Andrea Riccardi - fan bergogliano, capo di S. Egidio e in tale veste collaboratore del papa argentino - per celebrare i quattro anni dall' "elezione" di Bergoglio, ha scritto un articolo dove - papale papale - afferma: "LE BATTAGLIE PER I 'VALORI NON NEGOZIABILI' SONO STATE DA LUI ACCANTONATE" (vedi foto).
E lo dice come titolo di merito. Trionfalmente.
Quando - in questi anni - lo scrivevo io (e pochissimi altri temerari), quando cioè scrivevo che Bergoglio si occupa di ecologia, di acque reflue e della sopravvivenza di zanzare e vermi, ma - per esempio - ha accantonato la tragedia epocale dell'aborto (50 milioni di vittime all'anno) che i papi precedenti avevano indicato come uno spartiacque di civiltà, quando scrivevo queste cose mi toccava prendermi epiteti di ogni genere da certi zuavi pontifici, come se stessi propalando una vergognosa menzogna ai danni di papa Bergoglio.
Oggi - come vedete - la cosa è rivendicata e sbandierata, come titolo di merito, dagli stessi bergogliani..
LE PRIORITA' CATTOLICHE SONO STATE SOSTITUITE, ANCHE PER I CATTOLICI, DALL'AGENDA OBAMA CHE PREVEDE FRA L'ALTRO ECOLOGISMO IDEOLOGICO, ESALTAZIONE DELLE MIGRAZIONI. RESA ALL'ISLAM...

mic ha detto...

nella foto vedo don Mauro Tranquillo, don Caruso, allora il piccolo gregge che recita il rosario guardati a vista come terroristi, sono i fedeli della FSSPX.

Non c'erano solo fedeli della FSSPX. Si sono aggregati anche altri. E comunque eravamo in molti ad essere uniti spiritualmente con loro e con quanti altri hanno organizzato preghiere di riparazione in luoghi diversi.

Mario ha detto...

Anche Pell ha tradito !

Anonimo ha detto...

Guardando la Cupola di San Pietro verso il tramonto serale -immagine bellissima di tanti cari ricordi- il cuore, oggi, si riempi di tristezza.

Anonimo ha detto...

Anche Ratzinger non scherzava quanto a gesti inclusivista (ricordo Santa Sabina nel 2006), però non si era spinto a far celebrare un rito anglicano in San Pietro.....

Anonimo ha detto...

Dettagliato e ironico Aldo Maria Valli

http://www.aldomariavalli.it/2017/03/14/il-sogno/

Anonimo ha detto...

Veramente bello il post di Valil: un perfetto riassunto di quattro anni di pontificato.

--
Fabrizio Giudici

RR ha detto...

CONTO SUL UN ALTRO SACCO DI ROMA. E SO CHE NON MANCHERA’.

di M. Blondet.
Assolutamente da leggere.

Anonimo ha detto...

È stata solo una recita comune di salmi! Cosa c'è di scandaloso? Sono anni che si prega insieme ad altre confessioni cristiane! A stracciarsi le vesti per queste cose poi non si sarà più credibili quando occorrerà combattere davvero, quando vorranno toccare il rito della Messa!

Luisa ha detto...


Segnalo:


http://www.marcotosatti.com/2017/03/14/vespri-anglicani-in-san-pietro-e-in-piazza-un-rosario-di-riparazione-sullo-sfondo-laccordo-fra-roma-e-i-lefebvriani/

irina ha detto...

Maurizio Blondet, Conto su un altro sacco di Roma. E so che non mancherà.

Luisa ha detto...

Béatrice ha tradotto questo articolo:

"Quattro anni più tardi: riflessioni su un Pontificato senza precedenti"


www.onepeterfive.com

http://benoit-et-moi.fr/2017/actualite/franois-4-ans-apres-i.html

Giovanni C. ha detto...

Una volta si combatteva il sincretismo, ora è diventato un mezzo privilegiato di dialogo ecumenico. Complimenti a chi ha trovato questa strada così facile da percorrere!

Anonimo ha detto...

Blondet CONTO SUL UN ALTRO SACCO DI ROMA :
desta stupore Franco Cardini il quale, fuorviato dal suo stesso intellettualismo, non riesce neppure a capire la differenza tra immoralità di fatto e immoralità di principio !

Rr ha detto...

Anonimo 20.20,
ripassi il Magistero ed il Catechismo, quello vero, di S.Pio X.

mic ha detto...

Anonimo 20:20
È stata solo una recita comune di salmi! Cosa c'è di scandaloso? Sono anni che si prega insieme ad altre confessioni cristiane! A stracciarsi le vesti per queste cose poi non si sarà più credibili quando occorrerà combattere davvero, quando vorranno toccare il rito della Messa!

La Comunione anglicana è una confessione eretica con a capo il re, dunque un laico, fin dal momento dello scisma a causa dell'adultero Enrico VIII. Essa non può essere definita chiesa perché manca la validità dei sacramenti e delle ordinazioni, visto che è stata interrotta la successione Apostolica nel momento in cui, dopo lo scisma, sono state cambiate le formule dei sacramenti e dell'ordinazione sacerdotale. Tutto questo è stato definito in maniera chiara e irreversibile da Leone XIII nell'Apostolicae curae.

Anonimo ha detto...


-- Il gruppetto di fedeli che recitava il Rosario di Riparazione, a giudicare dalle foto,
è stato tenuto dalla Polizia al di qua del segno circolare che sul selciato, all'inizio della Piazza, indica l'inizio del territorio dello SCV. Tenuto in territorio italiano, in modo da poterlo controllare.

-- L'Anglicanesimo non è una "denominazione" cristiana innocente, che divergerebbe dalla cattolica solo perché [!] non riconosce l'autorità universale del Papa, per gli Anglicani semplice vescovo di Roma. E'vero che, per parecchio tempo dopo lo scisma, mantennero lo studio di S. Tommaso, nella loro "Chiesa" ufficiale, ma questo poco volle dire. Ridussero subito la Messa a una funzione simbolica, negando la transustanziazione, che ancor oggi negano. Sostenere la transustanziazione divenne reato, se non erro sotto Elisabetta I, degna figlia di suo padre e di sua madre. Elisabetta fu quella che arrivò alla rottura definitiva con Roma. Oggi il re d'Inghilterra è capo sostanzialmente onorario della religione, ma lo scisma resta in tutta la sua portata, assieme alle eresie. Di fronte alle diaboliche novità delle donne-pastore e vescove anglicane (spesso omosessuali dichiarate) la Regina non ha fatto una piega, non si immischia. Del resto, ha anche firmato la legge che istituiva il "matrimonio gay", un'iniziativa voluta in particolare da Cameron, contro una buona parte del suo stesso partito.
-- In fatto di aperture "ecumeniche" Bergoglio va oltre rispetto a quanto fatto dai Papi suoi predecessori, proseguendo tuttavia sulla strada da essi tracciata: la strada della "inclusione" di tutte le religioni nel "discorso" che mira all'unità del genere umano, cioè del tradimento della missione che Cristo ha assegnato alla Chiesa.
-- L'unico modo per impedire che si avveri un nuovo Sacco di Roma (vedi Visioni di Fatima) è quello di battersi apertamente contro la deriva ecclesiastica attuale, cosa che viene invece fatta ancora troppo timidamente e con scarso spirito critico (penso ai tanti che si sono svegliati solo da quando Bergoglio si è insediato e continuano a voler ignorare i guasti gravi prodotti dal Vaticano II e dai Papi precedenti l'attuale). PP

irina ha detto...

E' strano, spesso i rappresentanti medi di questo movimento ecumenico sono donne, nobili senza terra, umanità varia, tutti plurilingue, ceto in ascesa.

Anonimo ha detto...

18/03 - CONTRO LUTERO E IL FALSO EVANGELO

Ore 17 – Nuovo incontro presso la Libreria Il Gabbiano di Vimercate. Marco Vannini presenta il suo libro Contro lutero e il falso evangelo (DeMedici Press).

Ingresso libero
Info: 039660714

Libreria Il Gabbiano, sala Don G. Moioli - Piazza Papa Giovanni Paolo II - 20871 Vimercate (MB)

Anonimo ha detto...

"Lavorate e pregate per l'unità e non per l'unione!". La Vergine della Rivelazione a Bruno Cornacchiola, 14 agosto 1999

Anonimo ha detto...

Preghiera di riparazione insegnata dall'angelo ai pastorelli di Fatima
Mio Dio, io credo, adoro, spero e Vi amo. Vi domando perdono per quelli che non credono, non adorano, non sperano e non Vi amano
Santissima Trinità, Padre e Figlio e Spirito Santo, Vi adoro profondamente e Vi offro il Preziosissimo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di nostro Signore Gesù Cristo, presente in tutti i Tabernacoli del mondo, in riparazione degli oltraggi, sacrilegi ed indifferenze con cui Egli stesso è offeso. E per i meriti infiniti del Suo Sacratissimo Cuore e del Cuore Immacolato di Maria, Vi domando la conversione dei poveri peccatori.

(((†))) - Radio Vobiscum - [Podcast] ha detto...

.

Laudetur Iesus Christus ! Semper laudetur !

Carissimi Ascoltatori, carissimi Amici,

E' ora in onda:

VOCI DALLE PERIFERIE ESISTENZIALI - RESOCONTO: Santo Rosario in riparazione dei “vespri anglicani” - A cura di Cristiano Lugli - Reggio Emilia / Roma - Radio Vobiscum - 15.03.2017

FOTOGRAFIE: Disponibile sul sito di RadioVobiscum.Org

RIASSUNTO: Come già preannunciato anche su questa Web Radio, lunedì scorso, data 13 Marzo, si sono ritrovati numerosi fedeli su due piazze italiane: a Roma e a Reggio-Emilia, per i due Rosari di riparazione ai “vespri” anglicani che, nello stesso giorno alle ore 15:00, sono stati cantati nella Chiesa Madre di San Pietro. Facciamo il resoconto su questi due importanti eventi organizzati dalla ‘Milizia dell'Immacolata’.

FONTE: FB - Militia Immacolata

CONTATTI - ROMA: Per informazioni daniele.lopolito@gmail.com - REGGIO EMILIA: Per informazioni tel. 340-2795357.

http://radio-vobiscum.tumblr.com/post/158513825266/podcast

(((†))) - Radio Vobiscum - [Podcast] || AUDIO MP3 - 00:11:21 - 10.91 MB || Buon ascolto a tutti ! || « Una voce cattolica nella tua vita » || RadioVobiscum.Org || « A mani giunte ! Preghiamo l’Immacolata » || @RadioVobiscum || radiovobiscum(chiocciola)bluewin.ch || « Tradidi quod et accepi »

.