domenica 6 dicembre 2020

Governo vessatorio e trasformazione antropologica

Da segnalazioni dei lettori.
La schermata da una trasmissione televisiva (immagine a lato) mostra la trasformazione completata, da "andrà tutto bene" a "morte ai negazionisti". C'è da dire: Complimenti, eccellente lavoro. 
Sembra diventi perfino possibile mettere un'opzione contro la legge come "Niente cure per gli imprudenti
Direi da rabbrividire, se fossero dati autentici; cosa che stento a credere. Ma saranno attendibili? Non si tratterà di quelle che Montanelli chiamava "statistiche di pura invenzione"? Però, pensando a come si comporta per la strada certa gente (in particolar modo quella 'più adulta') che ti scansa sul marciapiedi come se vedesse approssimarsi il diavolo o ti aggredisce ingiungendoti di indossare bene la mascherina... Sembrano automi, totalmente condizionati dalla TV coi suoi martellanti comunicati di morte imminente (TV dalla quale giova mantenere ferree distanze, da quella sì, con rigore). Comunque siamo molto soli...
Per quanto tempo ancora molti (troppi) italiani saranno illusi e continueranno a tenere gli occhi chiusi non capendo di subire una vera dittatura?
Natale militarizzato
Intanto il Governo vessatore ha trovato il modo di impiegare un massiccio numero di Forze dell’Ordine per far rispettare DPCM, con controlli a tappeto e sanzioni ai danni di comuni cittadini e lavoratori italiani; ma per fermare i molteplici e continui sbarchi di clandestini da navi mercenarie Ong e scafisti, oppure per il controllo nelle città piene e zeppe ormai d’immigrati che spacciano, violentano, aggrediscono e degradano in molti modi, non ci sono mai Forze di Polizia e Militari sufficienti. È un deja vu, lamentato - ma senz'alcun esito - anche durante la prima fase di confinamento.
Il ministro Lamorgese annuncia che schiererà 70mila agenti per i controlli di Natale. Poliziotti trasformati in secondini con il compito di sorvegliare gli italiani, condannati agli “arresti domiciliari”. Ma carabinieri e polizia non iniziano a provare disagio se non già vergogna? Ci vorrebbe uno scatto di dignità istituzionale e di amore per la Patria anche da parte di Prefetture e Questori...
Il ministro aggiunge che saranno presidiati pure i confini. Non i porti, ovviamente. Certo che, se si fosse messo in campo tutto questo apparato, che evidentemente possediamo, quando si trattava di ostacolare gli spacciatori, le varie attività della malavita organizzata oppure l'invasione dei clandestini, oggi saremmo simili alla Svizzera e potremmo certamente guardare al futuro con una maggiore fiducia; evidentemente non lo si è voluto: alquanto spesso, su questa terra, la differenza fra l'anticipazione dell' "inferno" e quella del "paradiso" la produce il perseguimento di determinati fini e modelli ideologici... E, a questo punto, pare impossibile far imbufalire le pecore o tanto meno le rane bollite!

97 commenti:

Anonimo ha detto...

La Cina non ci ha 'regalato' solo il virus, ma anche la sua forma di governo!

Anonimo ha detto...

Ieri le vie romane dello shopping natalizio presidiate da centinaia di uomini delle forze dell'ordine occhiuti e pronti a sanzionare la mascherina che dovesse scendere sotto la narice o un istintivo ed involontario abbraccio alla fidanzata o alla mamma.
Ma non si vergogano?
Già durante il primo lockdown neppure una mosca poteva allontanarsi a più di 400 metri da casa.
Abbiamo scoperto che, in realtà, possediamo una enormità di mezzi, tra cui droni ed elicotteri, e una moltitudine di uomini delle ff. oo. per controllare capillarmente tutto il territorio italiano.
Quindi, avranno pensato gli italiani, non sarà più tollerato l'abbandono delle periferie alla microcriminalità, i parchi cittadini in mano agli spacciatori e violentatori, i parcheggi urbani monopolizzati dai taglieggiatori, i centri storici invasi dai venditori abusivi di merce contraffatta, le vandalizzazioni graffitare, gli insozzatori, gli incendiatori, l'ingresso di clandestini nel territorio italiani, i furti nelle abitazioni e le rapine ai danni di commercianti, la criminalità organizzata.
Ed invece no: con tutti questi mezzi dispiegati durante il lockdown Don Roberto Malgesini è stato ucciso a coltellate da un tunisino che aveva ricevuto un provvedimento di espulsione.
Che fine hanno fatto le ff. oo. che inseguivano i runner e le vecchiette e multavano chi portava a spasso. Il cane o andava a fare la spesa ed ora inseguono i fidanzatini che si baciano?

Anonimo ha detto...

@anonimo 12.23
La firma di governo della Cina non c’entra niente. Tutto quello che sta avvenendo non è il frutto di una mentalità di straccioni e comunisti, coem ha detto qualcuno. È invece il frutto di una mentalità meridionale. Questo è il vero e unico problema dell’italia: il meridionalismo. E cioè arretratezza, provincialismo, assistenzialismo, statalismo, teatralità, egolatrismo, fancazzismo e assoluta assenza di una visione imprenditoriale. Daltronde non mi pareche Conte, Di Maio, Azzolina e molti altri arrivino dalla Lombardia o dal Veneto.

Anonimo ha detto...

È vergognosa questa disparità di trattamento che squalifica e penalizza gli italiani.
Le forze dell’ordine dovrebbero essere mobilitate per la sicurezza degli italiani e non per fare la guardia alle famiglie!

Anonimo ha detto...

https://lanuovabq.it/it/morti-di-covid-cosa-ce-dietro-le-cifre-della-paura

@per Mic ha detto...

Si vede che l'Anonimo delle 12.52 vuole seminare zizzania.

Anonimo ha detto...

Non mi pare giusto continuare a prendersela con le persone. Stiamo parlando di una corruzione sistematica del popolo portata avanti, a fasi alterne, almeno dalla prima guerra mondiale; la corruzione di un popolo che, all'inizio del '900, aveva un suo Stato solo da una manciata di decenni. E quello che non riuscì con le armi si pensò bene di ottenerlo con la corruzione. Se voi solo pensate alla posizione geografica della nostra Patria capite che non ve ne è di migliore in tutta Europa. Cioè fa gola a tanti. E questi tanti presumo, alla luce dell'attualità, che si siano comprati non solo industrie, palazzi di pregio, ma anche faccendieri e verosimilmente governanti e perché no, governi interi. A tutti questi avvoltoi faceva comodo avere un popolo corrotto e corruttibile, quindi vai con la dissoluzione della famiglia, vai con la droga, con i diritti dei vizi, con l'immigrazione che fiacca intere comunità, con la finanza pirata, con la manualità agli arresti domiciliari, con le nuove generazioni inebetite davanti al pc senza una scuola che sia minimamente formativa. Sì, gli italiani sono stati bolliti senza che quelli che bolliti non furono, dicessero né a né ba al momento opportuno.

mic ha detto...

Questo è il vero e unico problema dell’italia: il meridionalismo. E cioè arretratezza...

È vero che il governo è composto da meridionali. Ma il commento è miope e fazioso, forse con l'intento di sviare l'attenzione dal problema reale, che non è certo (o non prevalentemente) il meridionalismo.... Tra l'altro le spinte assistenzialiste odierne appartengono tutte al nuovo ordine mondiale...

Anonimo ha detto...

@mic 13.24
Il commento non è miope e fazioso: è la realtà dei fatti. Il problema non è la forma di governo, ma la mentalità del governo, che è una mentalità meriodionale. E ció si evince da qualsiasi decisione e atteggiamento del governo. Non si rende conto di ció solo chi vive al centro-sud e quindi è imbevuto di tale mentalitá. Che le spinte assistenzialiste poi vengano dal NOM non cambia il fatto che il nostro governo ci si è buttato a pesce a farsi assistere con Mes, Recovery Fiund e altre idiozie. Tali idiozie possono essere solo concepite da chi, appunto, non ho una mentalità imprenditoriale e di conseguenza non si rende conto dei danni irreparabili che sta producendo al tessuto imprenditoriale del paese. Per questi governanti l’economia è costituita solo da impiegati statali, agricoltura e turismo. Altre cose non le concepiscono nemmeno.

Da La Verità ha detto...

Tra noi e la trappola MES solo i ribelli del M5s

In una agitata riunione notturna, il reggente Vito Crimi ammette: «Ho detto a Gualtieri di avallare la riforma del Mes». È rivolta

Dal Fiscal compact al bail in, l'Europa funziona così: prima si decide tutto in segreto, e quando il tema diventa di pubblico dominio, è tardi per fare obiezioni. Proprio il modo in cui il premier gestisce il dibattito sul Fondo

Probabilmente "no" . ha detto...

"Ma non si vergognano?"
Spiace sentire questa affermazione .
Le ff.oo sono comandate , devono subire gli ordini che gli vengono dati , sono l'ultima ruota del carro...
Un giorno di tanto tempo fa mi capito' un signore che voleva chiarimenti sulla sua pratica in cui a suo dire aveva rilevato errori . Dopo un primo approccio con me, ultima ruota del carro, chiese di parlare con chi era "sopra di me" . Lo accompagnai dalla responsabile di quella pratica . Ebbene , non contento delle spiegazioni ricevute da costei chiese ancora di parlare con chi era " sopra di lei". Non soddisfatto neanche dal 3° impatto , imperturbabil, chiese di parlare con chi era " sopra tutt'e tre ": il Direttore Generale .
Mi piacque moltissimo il suo modo di procedere per gradi e alla fine ottenne soddisfazione .
Questo per dire che le ffoo sono delle "povere pedine" e il "Ma non si vergognano"andrebbe rivolto a chi ha comandato quest'ordine .

vergógna s. f. [lat. verecŭndia; cfr. verecondia]. – 1. a. Sentimento più o meno profondo di turbamento e di disagio suscitato dalla coscienza o dal timore della riprovazione e della condanna (morale o sociale) di altri per un’azione, un comportamento o una situazione, che siano o possano essere oggetto di un giudizio sfavorevole, di disprezzo o di discredito

Anonimo ha detto...

Con mio cugino, ci domandavamo:
Ma 70.000 agenti, esattamente, dove li hanno nascosti fino ad oggi?

mic ha detto...

Per questi governanti l’economia è costituita solo da impiegati statali, agricoltura e turismo. Altre cose non le concepiscono nemmeno.

E allora resta da spiegare perché, oltre a tutto il resto, stanno affossando anche agricoltura e turismo....

Silente ha detto...

Ovviamente la nostra condanna per questo governo liberticida, bugiardo e abusivo è politica. Ma, prima ancora è etica: la condanna di chi divide le famiglie, i genitori dai figli, i nonni dai nipoti. Chi ci impedisce la messa di mezzanotte, una cena con gli amici, una vacanza, qualche giorno nella seconda casa.
I massacratori del popolo, i sadici governanti, i pervertiti dal potere, i nemici delle libertà, i distruttori delle famiglie oggi godono malvagiamente per averci imposto le feste abolite, lo spegnimento delle luci, le divisioni delle famiglie, i deschi immiseriti, i regali mancati, gli abbracci proibiti, la tristezza dei pochi, gli anziani isolati, i bimbi piangenti, le strade deserte, le messe negate, le strade vietate, il buio delle città, il silenzio delle montagne, la neve intonsa. Ma verrà un giorno…Oh se verrà il giorno della giustizia. Per ora: che siano maledetti.
Silente

mic ha detto...

Per "probabilmente no"
È questione di "coscienza". Anch'io ho fatto il funzionario pubblico e ho assistito a quanto fosse facile scansare le responsabilità attribuendole ai superiori o alla legge. Ma non mi sono mai lasciata invischiare dal "sistema". E mi è capitato di trovare una marea di soluzioni inedite per cui potrei scriverci un libro. E ci sarebbe una bella fetta di storia d'Italia da ricavarne perché lavoravo nelle "stanze dei bottoni" e mi rendo conto di averne colto le opportunità di 'movimento' (in senso figurato) piuttosto che i privilegi... tant'è che sono andata in pensione con un terzo di quel che mi sarebbe spettato, visto che a un anno dalla pensione il mio ufficio con tutti i progetti da me realizzati è stato assegnato ad un funzionario proveniente dalla Presidenza del Consiglio (epoca Berlusconi) che così, da quadro che era, è stato inquadrato direttamente nella dirigenza del mio ministero. Ecco, tanto per fare un esempio...

mic ha detto...

Interessante
https://www.italiaoggi.it/news/lo-stato-di-diritto-secondo-la-ue-2495774

Alfonso ha detto...

Covid-follia che spegne la gioia di vivere e tutti impoverisce nel corpo e nello spirito. Follia che accieca, terrore invincibile! Per cosa? Questa la realtà invisibile agli occhi dei folli: tamponi positivi in soggetti senza malattia, contagiati asintomatici, Covid-19 di lievissima o moderata gravità, immunizzazione forte e duratura, eventuale reinfezione asintomatica o di più lieve entità, irrilevante letalità, decessi esclusivamente dei pazienti pluripatologici con prognosi infausta a breve termine, mortalità totale più bassa a confronto con gli anni passati. Noi resistenti alla follia cosa possiamo fare?
“Sempre tu, saggiamente, ammainerai
le vele quando il vento
le gonfia troppo.”
Ma pronto sarai tu a riprendere la navigazione,
da vero uomo nelle situazioni avverse
coraggioso e forte ti mostrerai.
Ogni azione vincente ha il suo tempo!
PS:"Niente cure per gli imprudenti": se vi coglie una sintomatologia simil-influenzale, rifuggite dalle cure istituzionali! Individuate un medico di assoluta fiducia e che non sia covidizzato. Per le malattie croniche rivolgetevi ai medici che già vi hanno in cura, ma guai a chi entra in ospedale se non ha un medico protettore!

Da Fb ha detto...

😈
E gnente, nel 'vostro' surreale distopico tempo d'avvento, non potevano certo mancare alberi di natale addobbati con mascherine sventolanti ai quattro venti (di guerra). E dopo presepi con gesubambini arcobaleno o di color marroncino e migranti adagiati in 'mangiabarcheruole', è il momento per sacrefamiglie, beghini, bue e asinelli tutti rigorosamente ammuseruolati e distanziati.
Logico.

Tutto così prevedibile, così mostruosamente trend, come dittatura comanda covidiotismo conserva.

#ultimitempi
#covidioti
#DittaturaSanitaria

Antonio ha detto...

Facce Tarzan.

Antonio ha detto...

Mic, ti ripeto che pubblicando i troll ti spari sui piedi. Rimandali allo zoo.

Anonimo ha detto...

"Pare - secondo il CENSIS - che siamo un paese impaurito pronto a tutto pur di proteggersi dalla morte. Che peccato. Basterebbe credere veramente che con il battesimo è cambiato tutto. Basterebbe crederci davvero, e ricordare che i tralci se stanno attaccati alla vite non moriranno più. Come sarebbe diversa allora la nostra postura di fronte al rischio e alla morte! Affidati, lieti, sereni." (cit.Costanza Miriano) grazie Costanza perché, visto che non abbiamo i preti che ci dicono certe cose, lo fai almeno tu. (Alberto Lacchini)

Anonimo ha detto...

https://www.ilgiornale.it/news/giorgio-agamben-contro-luomo-solo-biologico-1907851.html

Aloisius ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Aloisius ha detto...

La televisione sinistra, che ha in mano tutta l'informazione televisiva, eccetto quelle di Berlusconi ormai addomesticato, è diventata inquietante e preoccupante.
È sempre più violenta.
Non so perché, oggi ho voluto sentire la propaganda di Rai3, con la gerarca Annunziata che ha superato se' stessa.
Associano ogni critica al "negazionismo", chi critica è uno che nega l'esistenza del covid, quindi nega l'evidenza, quindi e' negazionista, quindi è un pericoloso nazifascista, quindi è un imbecille che mette a repentaglio la vita degli altri, quindi merita la morte, come sopra indicato.
La gerarca di regime televisivo Annunziata, tanto brutta quanto faziosa, gongola per l'intervento dell'esercito a difendere il trasporto e il collocamento dei vaccin, come proclamato dal Grande Commissario Arcuri.
Fa vedere sondaggi da cui risulta che la maggior parte dei tedeschi è scettica e critica sul vaccino, ma poi intervistano un paio di manifestanti e diventano "4 gatti" da ricoverare.
La corrispondente in Germania, che naturalmente è una giornalista di Repubblica, dice che le percentuali di "negazionisti" sono più alte in Germania rispetto all'Italia perché lì ci sono "i neonazisti e l'estrema destra" che gonfia i numeri e per fortuna la Polizia ha iniziato a reprimere questa gentaglia cretina che "ha un pensiero trasversale".

Poi arriva il faccione del direttore Di Bella dagli USA, che enfatizza le minacce dei "trumpiani", gente becera che vuole un colpo di Stato, e un repubblicano che dice "ora basta".
Infine un politico canadese, il quale dice che "chi nega il covid è un idiota" e la trasmissione finisce con i loro sorrisini di conferma, compreso quello di un virologo italiano ad Atlanta che decanta "la nota poetica di questo vaccino", vera meraviglia biotecnologica.

Poi avremo ore di Fazio e la Littizzetto e via dicendo, per mesi, in ogni ora del giorno e della notte, con RAI News, La7, Panella, Formigli, Floris, Augias, Gramellini, ecc.
Ore e ore di tv che bombardano molte persone.
L'oridine è: morte a chi si oppone al loro pensiero.
Si uò uccidere in molti modi e loro sono veri esperti.

Anonimo ha detto...

Il problema non è più Conte, Casalino, il governo italiano e quelli europei. Il problema è: se e quando la massa riuscirà a togliersi il Velo di Maya dagli occhi e la paura di dosso per arrivare a comprendere. Qualcuno di noi già da marzo scorso avvertiva che le misure liberticide attuate dal governo erano pericolosissime, perché avrebbero aperto un varco all’inviolabilità delle libertà individuali dentro il quale, da quel momento, poteva passarci di tutto. Insomma, di scordarsi che si sarebbe tornati indietro ad emergenza virus passata. Ora, si può comprendere che a marzo afferrare questo concetto fosse più complicato: dopotutto eravamo di fronte ad una situazione del tutto inedita e spaventosa, ma adesso, dopo dieci mesi di stato di emergenza è giunto il momento di svegliarsi, alibi non ce ne sono più. Come è possibile non capire che il governo e l’intera classe politica non agiscono per il nostro bene? Come non accorgersi che la Storia non è così lineare, che non è sempre tutto così come ci viene raccontato? Troppo facile e stupido bollare come complottista o negazionista chi vuole analizzare, chi non si accontenta della propaganda ufficiale del Potere. Come se vivessimo in un mondo e in un’Italia dove ai cittadini è stata raccontata sempre la verità.
....
da queste restrizioni non c’è alcuna volontà di liberarci: a marzo ci dicevano arriverà la seconda ondata, ora ci stanno già parlando della terza e non so se vi siete accorti di quello che ha dichiarato Ilaria Capua nel talk show di Floris:

“Se lei, Giovanni Floris, si vaccina contro il Covid, non si ammala. Ma può infettarsi e trasmettere quell’infezione se non indossa la mascherina? Sì. Non è che quando arriverà il vaccino saremo liberi tutti, come se niente fosse, anche perché ci vorranno mesi per vaccinare tutta la popolazione, servirà un’organizzazione molto ben pensata, saranno eventualmente necessari anche un piano B e un piano C. Il vaccino non è la panacea”.

È sufficientemente chiaro o no che la palla viene spostata sempre un po’ più in là? Ci credevate quando vi chiedevano di stringere i denti e sopportare fino all’arrivo del salvifico vaccino? Ecco, continuate a stringere forte e a credere alle favole.

http://www.atlanticoquotidiano.it/quotidiano/ce-la-volonta-politica-di-uscire-dalla-logica-emergenziale/

Anonimo ha detto...

"ILARIA CAPUA, la veterinaria, dice che i tamponi rapidi se fossero fatti prima del pranzo di Natale o del cenone di Capodanno, NON SAREBBERO UN TEST VALIDO.
Però gli stessi test rapidi sono validi per chiuderti dentro casa in quarantena.
Spero che già da così si capisce cosa c'è dietro a tutta questa storia del Covid" Lorena Poloni

Anonimo ha detto...

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/vaccino-pfizer-uk-gi-prossima-settimana-governo-non-esclude-1907500.html

Riassumendo. Alle case farmaceutiche verrà garantito uno scudo penale . Chi andrà a vaccinarsi dovrà firmare per scaricare di ogni responsabilità altri soggetti (consenso informato). Per cui sarà facile evitare la vaccinazione, rifiutando di firmare e pretendendo una contro dichiarazione di responsabilità, che si rifiuteranno di dare. A questo punto chi rifiuterà la vaccinazione sarà sottoposto a limitazioni della libertà del tutto illegittime, ma la legalità ormai non è più di questo mondo. Chi si vaccinerà avrà a che fare con le conseguenze del vaccino non collaudato in lunghi necessari anni di sperimentazione.

da La Verità ha detto...

Il vicepresidente del Senato: «Le violazioni della libertà per decreto sono contro la nostra carta fondamentale. Faremo ricorso alla Consulta. E perché, mentre in aula votiamo le restrizioni, non ci danno i verbali del Cts?».

Anonimo ha detto...

« Più facciamo progressi interiori più diminuisce il numero di coloro con cui possiamo realmente comunicare. »

Emil Cioran, “Quaderni 1957-1972”

Anonimo ha detto...

Concordo col primissimo postante e con Aloisius, d'altra parte che si può ancora dire della Rai che annovera fra i suoi collaboratori un BR mai pentito, ora 68enne, che si occupa di servizi per Rai storia a modo mio, poi, francamente 70.000 uomini di FF.OO? Ma quando mai, solo pochi anni fa erano, tra tutte le armi, meno di 45.000 e non tutti effettivi, dove hanno trovato in così poco tempo tante persone? Un consiglio, non seguite più la Rai, non ascoltate i buffoni vestiti e investiti da virologi e altri ciarlatani, Capua è veterinaria, ognuno faccia il suo mestiere; letto i racconti di alcuni volontari USA e UK che hanno ricevuto il vaccino, tutti maschi, giovani e sani, però alcuni di loro sono stati molto male per 2 o 3 giorni, poi hanno superato la fase critica, ma lamentano strascichi, vero che rende sterili le donne in età fertile, poi se fa male ai giovani e sani, che effetto potrà avere su anziani con patologie pregresse?

mic ha detto...

Non approvo Renzi e le sue mosse hanno tutte un retropensiero strumentale. Ma come dargli torto in queste recenti dichiarazioni?
“Il Recovery è l’ultima occasione che abbiamo per progettare il futuro del nostro Paese. Penso che la maggioranza debba fare una riflessione seria su cosa fare e su come farlo. A luglio ho chiesto pubblicamente a Conte, in aula, di avere un dibattito parlamentare su questo tema, anche utilizzando agosto se necessario. Per mesi abbiamo ricevuto solo silenzio e task force. Poi all’improvviso, dopo tante dirette Facebook, in una intervista al direttore di Repubblica il premier comunica agli italiani che è tutto già pronto e che ci saranno dei tecnici a gestire il tutto”. [...]  “Del merito non sappiamo niente. Sul metodo siamo contrari. Questo modo di fare non è solo sprezzante: è sbagliato. Noi siamo contrari a sovrastrutture di centinaia di consulenti che stanno al Recovery Fund come i navigator stanno al reddito di cittadinanza. Il futuro dell’Italia dei prossimi vent’anni non lo scrivono Conte e Casalino nottetempo in uno stanzino di Palazzo Chigi”.

Anonimo ha detto...

Che sia l'ultima occasione, proprio no. Abbiamo un parlamento di amebe o meglio la struttura statale, dal capo fino ai piedi è composta di muti o di quaquaraqua incapaci di seguire una linea politica minimamente volta al bene degli italiani, una classe ignobile, traditora. Esistono economisti italiani che sono completamente ignorati da questi quattro vermi di imbucati che gestiscono le nostre vite e quelle delle generazioni avvenire, leccando le scarpe a tizio e caio purché danaroso e di potere. Questa ue è marcia. E noi a fare gli amiconi con questi figuri. Ma non finisce qui perché al nostro interno chi ha un bel gruzzolo sbava per la ue nel falso convincimento che loro saranno premiati per aver tradito la loro gente. E no, carini i traditori sono disprezzati dagli stessi che li hanno spinti al tradimento e tutti i loro preziosi beni saranno confiscati dagli avvoltoi nordici ed orientali,

Anonimo ha detto...

«Tra le innumerevoli offese alla libertà e alla dignità umana perpetrate finora dal regime sanitocratico le più oscene sono forse quelle contro la libertà di culto. La chiusura delle chiese nella scorsa primavera grida vendetta letteralmente al cospetto di Dio. E oggi si tocca il fondo con la pretesa - formulata con l'arroganza del potere apertamente tirannico e al contempo ridicola - di cambiare addirittura l'orario della Messa di mezzanotte a Natale.
Ma ancora più grave, se possibile, è la sottomissione con cui la Chiesa italiana si è piegata, e oggi sembra di nuovo piegarsi, a questi soprusi ignobili, rinnegando tutto il suo patrimonio di libertà di fronte allo strapotere dello Stato.
Al cospetto di questo spettacolo indecente, va reso onore ai sacerdoti dalla schiena dritta come l'emiliano don Alfredo Morselli: il quale annuncia che la notte di Nattale celebrerà la Messa a mezzanotte come sempre, a costo di compiere disobbedienza civile contro una norma illegittima.
Se la Chiesa avesse ancora in Italia anche solo mille sacerdoti coraggiosi e dignitosi come lui a fare resistenza in favore della ragione e dell'umanità, la tragicomica dittatura fascista che ci tiene sequestrati cadrebbe presto.
E se l'Italia avesse anche solo mille imprenditori, commercianti, esercenti, ristoratori, teatri, cinema disposti a fare disobbedienza civile, a trasgredire in difesa di una libertà che è unica e non può essere mai divisa, avrebbe riacquistato, oltre alla libertà, l'onore che ha perso in tutti questi mesi di psicosi e di viltà.» .

(riflessione tratta dal Prof. Eugenio Capozzi )

mic ha detto...

Ma perché sempre l'espressione "regime fascista", quando l'anima del governo infame che ha agguantato il potere e non lo molla è comunista (non è vero che il comunismo è finito)?

Anonimo ha detto...


Mic ha ragione. Il regime più favorevole alla Chiesa, da quando esiste l'Italia unita, è stato quello fascista, nemico dichiarato dei liberal-massoni. Basta documentarsi.
Perché ripetere sempre slogans imposti dal lessico del politicamente corretto, in genere tutto di sinistra? Questa è una dittatura del pensiero unico di matrice comunista, integratosi agli estremismi della rivoluzione sessuale e del femminismo, espressione della decadenza della democrazia diventata stile di vita di massa.
Leggi infami come quelle che ci ammorbano (libero aborto, riconoscimento coppie di fatto, unioni contro natura etc.) il fascismo non si sarebbe mai sognato di farle, è ovvio.

Aloisius ha detto...

Giusto Mic, mi hai anticipato: sono comunisti, non fascisti.
Ma è un comunismo nuovo, fuso con il suo originario nemico, quel sistema capitalista che voleva distruggere.
Un comunismo ibrido, che assume varie gradazioni, dal modello cinese - rispettato dal mondo intero per il potere economico che ha e tanto gradito ai 5S e al PD - al progressismo americano.
Può anche essere definito come capitalsocialismo tecnocratico.

Condivido anche il fatto che stavolta Renzi ha ragione, lo farà per opportunismo ma l'ha detta giusta e almeno si è opposto, visto che con il suo 3-4 % tiene il governo sotto scacco.
Persino Crozza, sinistro, ha fatto satira sulla "piramide" creata da Conte.

Controllo poliziesco dei cittadini e tasse (soprattutto la patrimoniale) persino in periodo di covid, sul presupposto, comunista, che chi possiede due case o lavora come autonomo, imprenditore o libero professionista, sia un ladro e nemico del popolo.
Poi impoverire la classe media, compresi i dipendenti pubblici, anche loro recentemente gettati nella cerchia dei ladri, e dare a tutti la paghetta di cittadinanza.
Se fanno i bravi, però.

Chi predica questo può avere case, soldi e potere, perche' lui sta dalla parte del bene assoluto.
E può uccidere i fascisti, male assoluto, laddove fascista è chiunque non la pensi come loro.

A proposto, pare che Report parli della "destra eversiva, da Bannon a briciole della P2", riesumata ad hoc come uno zombie.
Se avessero fatto Salvini e Meloni tutto questo?

Da Fb ha detto...

Nella orribile società immaginata da Orwell il governo organizza una grande lotteria dedicata ai “prolet”, lo strato più basso, infimo della società. I prolet inseguono di continuo il miraggio di favolose vincite. I media ne danno notizia di continuo. I prolet ne discutono in continuazione, la lotteria è praticamente il loro unico argomento di conversazione. Nessuno però ha mai conosciuto di persona il vincitore di una grande somma. Ogni tanto qualcuno vince effettivamente pochi spiccioli e questo rinnova le speranze di amici e conoscenti, in una spirale senza fine.
Oddio, cosa mi ricorda?

Questa l'essenza della decrescita, felice o meno che sia.

Da Fb ha detto...

NATURALMENTE. OVVIAMENTE.

Si protesta. Alcuni lo fanno. Per tenere aperto. Negozi, ristoranti, locali, teatri, scuole.
Giusto, legittimo, condivisibile.
Ma.
Ma il sistema è riuscito a fissare dei paletti oltre i quali nessuno pensa più minimamente di poter andare. Nemmeno pensarci.
E tutto in pochi mesi. Diabolicamente geniale, va riconosciuto.
Cose impensabili, ma al contrario, o comunque fino a poco tempo fa quantomeno fortemente controverse, ora sono date per scontate anche da chi contesta il nuovo mondo distopico.
Distanze e mascherine, autentico stravolgimento di ogni concetto di società e umana convivenza, non si possono più discutere.
E non mi riferisco ai tanti che si sono bevuti l'assurda narrazione di autorità e media.
No.
Mi riferisco alla minoranza di chi si oppone.
Prendiamo un esempio, quello della scuola, con la novità orripilante della Dad, Didattica (?) a distanza, anche se il ragionamento vale per qualsiasi altro argomento o settore.
Molti contestano la Dad, dicendo che non è vera scuola e chiedono che i ragazzi tornino a fare scuola in presenza.
E fanno bene a contestare, fanno bene a chiedere che i ragazzi facciano lezione in classe, hanno ragione da vendere.
Ma dicono che, "naturalmente", si deve farlo rispettando le "regole", con distanziamento sociale e mascherine. Ovvero accettando l'Orrore come normalità. Peggio. Come Nuova Normalità.
Ché sennò, se contesti queste regole, le autorità, gli ipocondriaci, i terrorizzati si mettono a sbraitare e non ti stanno neanche a sentire.
Che questo è intanto un passo, poi si vedrà.
No, non è un passo. Anzi, lo è, ma verso, appunto la Nuova Normalità, non verso la normalità precedente.
Si chiede di rientrare a scuola rispettando quelle stesse regole che ne hanno (come da progetto) causato la chiusura.
I paletti sono fissati. Per sempre? Di questo passo si.
Dall'incubo si può uscire solo contestandolo alla radice, sennò non se ne esce, sei dentro il recinto che loro hanno costruito, sei intrappolato in una tonnara logica, in un Gioco dell'Oca in cui torni sempre al punto di partenza.
Perchè così hanno già vinto, permettono il dibattito, anche acceso, ma solo dentro i limiti che hanno stabilito, di certe cose non puoi più nemmeno pensare di discutere.
Distanze e mascherine. In eterno.
Lo stesso vale per i teatri, che vanno aperti, per salvare la cultura, la partecipazione, i posti di lavoro, ma "ovviamente", rispettando le regole, ovvero "in sicurezza". Certo. Naturalmente.
Mi invitano a una manifestazione, a Firenze, qualche tempo fa, vieni, mi dice qualcuno, e io chiedo si, ma come?
Con mascherine e distanze, rispettando le regole, ovviamente, naturalmente, sennò non ce la fanno fare.
Eccerto, scusa la domanda sciocca, che te lo domando a fare.
Così è finita, così hanno vinto, così la nostra libertà è morta.
A meno che non si mettano in discussione le basi della questione.
A meno che non sia già troppo tardi per farlo.
Naturalmente. Ovviamente.

Massimiliano Giorgi

Anonimo ha detto...


"..e tasse, soprattutto la patrimoniale.."

Qualche dato. Magari in controtendenza.

--Il risparmio privato degli italiani ha superato i 1600 miliardi, si sta avvicinando, ci dicono, all'ammontare del Prodotto Interno Lordo. Dati del 2019: PIL 1787 miliardi, risp. priv.: 1682.
Domanda: questa massa enorme di risparmio inutilizzato non potrebbe essere utilizzata per ridurre il debito e, in aggiunta, produrre investimenti? Pensiamo al debito.
--Il debito risulta soprattutto dagli interessi, che ormai credo siano verso i 90 miliardi all'anno, che dobbiamo pagare sui prestiti che dobbiamo continuamente chiedere sul mercato internazionale. Finora gli interessi li abbiamo pagati. Ora, si legge (il Giornale) che quest'anno le tredicesime saranno leggermente minori perché invece di 43 miliardi ci saranno solo 41 miliardi destinate ad esse, per via della crisi, che ha fatto aumentare la cassa integrazione etc. Non si capisce, minori come e per chi. Comunque.
Se guardiamo i dati INPS del 2019 vediamo: entrate 214 miliardi, somme da erogare 267 miliardi. Differenza: 43 miliardi. Reperiti sul mercato, ovviamente.
Domanda: se abolissimo la tredicesima, nel 2019 di 43 miliardi, non chiuderemmo il buco dell'INPS? Nel 2019 non ci sarebbe stato, il buco. Ridurremmo comunque il buco notevolmente, no?
Non possiamo vivere senza la tredicesima mensilità? POssiamo, certamente, al di fuori di ogni retorica, di destra o di sinistra. L'ipotesi non è attuabile politicamente ma vale in relazione alle cifre reali, effettiva. Se non si vuole abolire la tredicesima, allora una patrimoniale che prelevi l'equivalente, no? No, sarebbe meglio abolirla, risparmio reale, in eterno.
La maggioranza degli italiani ignora che p.e. la tredicesima non esiste negli Stati Uniti così come non esiste la liquidazione di fine rapporto. E non esistono in svariati altri paesi. I politici stranieri queste cose le sanno benissimo. Per questo non si commuovono più di tanto ai nostri lamenti.
Spendete al di sopra delle vostre attuali possibilità, vi siete costruiti un regime privilegiato, avete una massa enorme di risparmio privato, pescate lì dentro, perché volete anche i nostri soldi? O tagliate le spese. Si può vivere anche senza tredicesime, con un debito pubblico come il vostro.
Ce le dicono queste cose a brutto muso. Però, hanno tutti i torti?
-- si vede poi che il 23% o di più delle offerte di lavoro di tutti i tipi resta invevaso (CdS di oggi). Allora, questa mancanza di lavoro? C'è anche poca voglia di lavorare, meglio godersi il reddito di cittadinanza e fare in aggiunta qualche lavoretto in nero,
tanto per arrotondare, no? Votiamo contro il Mes ma facciamo i tagli necessari.
Tremonti sul il Giornale di oggi riprende l'idea della patrimoniale ma articolata come grande prestito nazionale, per non offendere le suscettibilità e le ipocrisie. Insomma,
invece di inguairci col Mes, utilizziamo il nostro grande risparmio privato.
Se lo Stato fa bancarotta alla fine, il risparmio diventerà carta straccia.
O.

mic ha detto...

Interessante, da approfondire
http://www.marcelloveneziani.com/articoli/chi-uccise-giovanni-gentile/

mic ha detto...

Sono irrecuperabili. Leggo: stanziati per la parità di genere 17,1 miliardi; per la sanità (con tutto quel che c'è da recuperare) 9 miliardi.
Soldi alla parità di genere = regali a lobby e circoli femministi e omosessualisti come marchetta di Stato. Per il resto, andate in malora...

Anonimo ha detto...

Francesco Agnoli:

La solita fuffa... la sanità, in tempo di pandemia, è l'ultima voce! Sulle prime quattro, pensando a chi gestisce quei soldi, all'ideologia di molti di loro, vengono i brividi (già vedo, per l'istruzione, milioni di banchi a rotelle, per la parità di genere soldi a pioggia per convincerci della bontà del gender, dell'utero in affitto, dei farmaci per bloccare lo sviluppo sessuale...); i soldi della transizione ecologica, invece, andranno per i soliti progetti pseudoculturali e a qualche veditore di bici elettriche e monopattini, o peggio...

Anonimo ha detto...

Giulio Meotti:
“L’islamismo ci minaccia fisicamente, ma chi pensa di avere ereditato una civiltà tossica non si mobilita quando è sotto attacco”. Sul Foglio intervista a Mathieu Bock-Côté, il sociologo elogiato dal premier del Québec Legault e censurato dai cacciatori di fobie. “Si sta aprendo un nuovo totalitarismo in nome della lotta all’odio e all’intolleranza. In Scozia si vorrebbe entrare anche nelle case. C’è una sorta di ipnosi del nulla, di idealizzazione regressiva del mondo precedente alla civiltà. L’occidente, l’uomo bianco, è la fonte di ogni male. Una società esageratamente eterogenea è inevitabilmente conflittuale, qualunque cosa possano dire i teorici stipendiati della ‘convivenza’ che credono nell’intercambiabilità di culture, popoli e civiltà. La civiltà europea è indissolubilmente legata al suo nucleo ellenico, romano e cristiano, che non puó negare senza abolirsi. I media credono di essere il nuovo potere spirituale. La critica all’islam, e persino all’islamismo, è equiparata all’islamofobia, quella della teoria del genere alla transfobia e così via. Si psichiatrizza il dissenso e lo si criminalizza. È un nuovo fanatismo, una nuova ortodossia, che non tollera in alcun modo l’esistenza del vecchio mondo, o di quel che ne resta, che vuole umiliare e calpestare”.

Anonimo ha detto...

Prima voce: digitalizzazione, 48,7 miliardi.
La digitalizzazione semplifica o dà nuovi spazi ai maniaci della burocrazia, oltre ad aumentare controlli, annullare privacy?

Anonimo ha detto...

I soldi previsti per digitalizzazione e transizione ecologica porteranno verso una società transumana...

Anonimo ha detto...

In Russia facevano la coda per comprare pane di patate e paglia a buon mercato grazie alla magnifica programmazione dello Stato. Il cashback si rivelerà presto soltanto un distopico aggiornamento.
(Andrea Sandri)

Anonimo ha detto...

“Maestà, il popolo ha fame.”
“Se non hanno più pane che mangino transizione ecologica e parità di genere!”

Anonimo ha detto...

Transizione ecologica. Tanta paccottiglia cinese in arrivo... monopattini, pannelli solari... cianfrusaglie varie...

Anonimo ha detto...

Giuliano Guzzo:
I 196 miliardi del Recovery Plan non prevedono sostanzialmente nulla di esplicito contro la denatalità, che da vari decenni - tremo, quando sento dire che è cosa degli «ultimi anni» - è il problema numero uno del nostro anzianissimo Paese, ormai alle prese con lo spopolamento.
Tutte le digilitalizzazioni e tutte le transizioni ecologiche di questo mondo a un Paese moribondo non servono a nulla.
Questo per dire che anche adesso il nostro problema non sono i quattrini, bensì i valori.
Se si hanno quelli di Greta, Angela, Ursula o Kamala non si va lontano.

Anonimo ha detto...

Oh, pensatori occidentali «di sinistra», così amanti della libertà! Oh, laboristi di sinistra! Oh, studenti progressisti americani, tedeschi, francesi! Tutto questo è ancora troppo poco per voi! Per voi, tutto il mio libro si riduce in sostanza a nulla. Capirete ogni cosa, e di colpo, solo il giorno che – mani dietro la schiena! – partirete voi stessi per il nostro Arcipelago.

Solženicyn, Arcipelago Gulag

Anonimo ha detto...

L'aver demolito la scuola a partire dalla fine anni Sessanta, con pervicace volontà di alcune forze politiche e con muta (se non compiaciuta) acquiescenza di altre, mirava sopratutto a non studiare più la storia, maestra di vita, che nell'impostazione gentiliana, viceversa, era tenuta in grande onore (dalle elementari, sino all'Università, nelle varie facoltà con peculiarità ad esse pertinenti). Questo permette di non fare alcun tesoro dei precedenti e quindi di ripetere all'infinito gli errori già commessi, come maiali che allegramente sguazzano nella mota e domani vi ritornano, rallegrandosi dopodomani di tornarvi a imbrattarsi senza ritegno.

Anonimo ha detto...

Leggo solo ora.
Sul comportamento delle ff.oo. nei nostri confronti un mio socio ha detto una frase grave ma sensata: "Lo stato ha dichiarato guerra ai suoi cittadini". Nelle uscite (siamo manutentori) abbiamo trovato per strada diverse volte dei Lince dello EI con la mitragliatrice pesante montata sul tetto.
Questo comportamento dello stato (minuscola voluta) e soprattutto dei suoi sgherri ha un solo aggettivo: schifoso.

Da Fb ha detto...

IGNORANTI, MA "DIGITALIZZATI".

Ci sono dati che, nella loro semplicità, risultano più eloquenti di molte parole.
Un esempio ci è dato dalla bozza del Recovery Plan che sta circolando in questi giorni. Un piano che ci fa comprendere la totale incompetenza dell'attuale Governo e la drammatica assenza di una adeguata capacità progettuale per il futuro.
196 miliardi di euro per rilanciare il Paese. Ma il Governo che fa? Impegna le maggiori risorse su digitalizzazione ed ecologia e riserva le briciole all'istruzione e ricerca, ancora meno alla sanità.
Ignoranti, ma digitalizzati ed asserviti all'ideologia ambientalista, sarà così l'uomo nuovo che probabilmente vogliono formare.
Aggiungo una domanda. Considerato che il Governo - potendo disporre di 196 miliardi di euro - ipotizza di destinarne alla sanità solo 9 (la sanità è l'area che prevede meno investimenti), a quale conclusione dobbiamo giungere? A questo punto dovremmo supporre che in Italia non c'è alcuna emergenza sanitaria e la pandemia è stata gonfiata ad arte e usata in modo strumentale per ragioni politiche. Non investire nella sanità significa che i primi a non credere alla gravità della situazione sono proprio quei soggetti che hanno prontamente decretato lo stato di emergenza, salvo poi adottare politiche contraddittorie.
Per fare crescere realmente il Paese bisognerebbe rivedere le assegnazioni ipotizzate per le varie macro aree e collocare ai primi posti l'istruzione, la ricerca e la sanità. L'esatto contrario di quanto proposto dal Governo.

Anonimo ha detto...

"...Ora se il paradosso della rivoluzione è quello di avere incidenza a patto di non compiersi MAI, si vede benissimo come il linguaggio meramente allusivo, che comunica emozioni al posto di significati precisi, che coltiva speranze al posto di indicazioni concrete, sia in linea perfetta con essa, rivoluzione. Ognuna, infatti, delle parole di questo linguaggio emozionale (alternativa, crescita, avanzato, massa, spinta, scelta) svolge un compito propiziatorio nei confronti di un futuro che non c'è ancora. In esso non si dice alcunché di preciso ma si enuncia sotterraneamente un DIKTAT: bisogna cambiare, il cambiamento è buono, male è fermarsi, male è rimanere attaccati alla vecchia morale, alle vecchie relazioni tra marito e moglie, tra genitori e figli ecc. Così NON specificando MAI, ma alludendo e caricandosi di speranze sottintese si porta il proprio contributo di sradicamento dal presente e di attesa della rivoluzione salvatrice..." (E. Samek Lodovici, Metamorfosi della gnosi, pp.113/114)

NB: avevo iniziato a copiare per arrivare alla storia, mentre rileggevo queste pagine mi sono scorsi davanti agli occhi i concioni televisivi di Conte, il vaccino salvatore, il mes salvatore ed il recovery fund salvatore, salva tutti... e il resto che ben conosciamo, così ho copiato anche queste righe. Spero presto di poter copiare anche altri periodi attuali, benché il libro sia uscito nel lontano 1991 e sia stato scritto prima del 5 maggio 1981, data della morte dell'autore nato nel 1942.

Anonimo ha detto...

Speriamo che Dio ci aiuti a non far passare il Mes nonostante il PD, Mattarella, Conte, Berlusconi. È il colpo definitivo all'Italia. Complimenti anche a Salvini che con la crisi dell'agosto 2019 ci ha messo in mano a questi

Da Fb ha detto...

Copiato da un'amica commercialista.

"Lo sapete vero che registrandovi sull'App "IO" ed inserendo le vostre carte di credito, per il Cashback, nella speranza di ottenere poche centinaia di euro di rimborso l'anno, e per partecipare ad una ridicola lotteria, messa su di scienza come specchietto per le allodole, o amo alla lenza, state spalancando volontariamente la porta a controlli stile "Grande Fratello" dell'Agenzia delle Entrate?
No, perchè se non lo sapete, vi informo che tutti vostri dati finiscono direttamente li e tutti i vostri spostamenti, le vostre spese, i negozi che frequentate, le cose che acquistate, ogni vostro gesto o centesimo speso, verrà visionato, controllato e catalogato e quando faranno i controlli incrociati, con gli studi di settore (ISA) ecc, se il vostro tenore di vita e di spesa, non rientrerà nei parametri da loro stabiliti avrete visite, e non di piacere? Vi piace così tanto essere spiati e controllati a questi livelli così minuziosi, da informarli anche di quanto e quale cibo acquistate, di quanta e quale carta igienica consumate, al mese, alla settimana, al giorno, per un misero rimborso e per provare l'ebrezza di vincere una lotteria?
Mah... Contenti voi...
Io, quel poco di privacy che ancora ci è rimasto, preferisco tenermelo stretto e non dover rendere conto a nessuno della mia vita, dei miei desideri, delle mie passioni, dei miei spostamenti, di ciò che mi interessa e mi emoziona, di quante volte vado al cinema, a teatro, a mangiarmi una pizza, che tipo di vestito o di biancheria mi piace, che genere di libri leggo, che musica ascolto, ecc... cose così, tutte perfettamente visibili sul nuovo scontrino fiscale, che arriverà direttamente sui terminali dell'Agenzia delle Entrate, esattamente come succede per le medicine quando presentate la tessera sanitaria per la detrazione nelle farmacie. Da dove pensate prendano i dati quando scaricate il modello precompilato della dichiarazione dei redditi?
E, non ultimo, lo sapete che il vostro aderire a questo genere di acquisti, decreterà la fine, per mano vostra, dei piccoli negozianti che non possono permettersi di adeguarsi a questo nuovo programma? Se non lo sapete, vi informo anche che tutti i negozianti che aderiranno dovranno necessariamente cambiare il registratore di cassa perchè quello attuale (naturalmente) non è compatibile con questo sistema. Altre migliaia di euro di spesa, oltre a tutte le altre.
Sforzatevi di pensare in grande, al bene della collettività e non di fermarvi solo al vostro tornaconto, guardando solo al vostro misero orticello."

Anonimo ha detto...

DIETRO LE QUINTE.
Proviamo a dare un veloce sguardo su cosa sta avvenendo dietro le quinte dell’ordinatore economico. Da dietro le quinte, giungono gli echi di una furibonda lotta tra modi diversi di intendere il futuro del sistema c.d. capitalistico.

Da una parte, c’è un vasto gruppo di funzionari del sistema dominante (economico, finanziario, geopolitico, politico) non da ieri preoccupati dai numerosi malfunzionamenti di quel sistema che ne determina la posizione ed il potere sociale. Costoro, hanno individuato da tempo due “distruzioni creatrici” per rivitalizzare le prospettive del sistema. La prima è una volontaria distruzione autoindotta rivedendo il ruolo delle energie carbonifere da sostituire con energie diverse, compatibili ambientalmente. La seconda è assecondare l’unico motore attivo dello sviluppo economico ovvero la conversione digital-informatica. Soggetti trasformativi dovrebbero esser le imprese non più solo legate alla logica stretta del profitto (shareholders i.e. azionisti), ma a quella larga dell’interesse condiviso (stakeholders, i.e. management, dipendenti, fornitori, territorio). Il che porta ad un nuovo patto di potere pubblico-privato, un nuovo contratto sociale ed ad un moderato sacrificio fiscale da parte del privato in favore della redistribuzione pubblica. Redistribuzione pubblica operata in investimenti e forme di sostegno dei poteri d’acquisto (vari tipi di salari di cittadinanza). Il linea generale, un sistema più inclusivo basato sull’egalitarismo delle possibilità (Rawls, Sen).

In sintesi di forma più che di contenuto, questa impostazione non crede più possibile lasciare che l’ordine del mondo si basi su l’ordine economico basato sull’ordine semplice del mercato. Per “ordine semplice di mercato” intendiamo la convinzione che il mercato operi in base a logiche invisibili in grado di auto-organizzarne il funzionamento. Non credono cioè più possibile affidarsi fideisticamente solo alla “mano invisibile”. Tenuto conto che tale concetto è di duecentocinquanta anni fa, la cosa non dovrebbe sorprendere e del resto non è per altro vero che in questi due secoli e mezzo il capitalismo si è affidato solo alla miracolistica degli arti invisibili. Tale impostazione, presuppone a sua volta una sorta di nuova gerarchia dei poteri tra i poteri, di cui il World Economic Forum si pone come centro intelligente, come luogo di costruzione e gestione di una nuova immagine di mondo condivisa tra chi vuole mantenere il proprio potere ordinativo. Tale posizione è pensata “progressista” in quanto vuol progredire intenzionalmente, accettando sfide adattative, riportando il mercato non solo nella piazza ma in città, accettando la storicità dei concetti e quindi adeguandoli ai tempi che cambiano. Nasconde un interesse sul mondo nel suo complesso, la volontà di dargli forma intenzionalmente (global shapers), la volontà di costituire una centro intenzionale di sistema sorretto dal diffuso interesse concreto di oltre mille grandi imprese.

Dall’altra, si pongono i conservatori, coloro per i quali i tempi non cambiano se non in superficie, i concetti hanno validità di leggi di natura anche quando riferiti ad attività umana (mercato), la città verte sulla piazza che verte su mercato che verte sulle proprie libere facoltà di autorganizzazione (mano invisibile), è questa a dover pilotare l’adattamento come sempre ha fatto e certo su nessuna intelligenza umana che è destinata, per quanto ben intenzionata, a forzare gli eventi per finire in una delle tante forme della “via della schiavitù” (Hayek, Nozick). Questa è una posizione meno articolata della prima, più di “principio”, in difensiva che si affida all'antico motore invisibile della foga di accumulare, vince chi ne è più capace.

Anonimo ha detto...

...segue
Le due posizioni debbono triangolare col pubblico in quanto è il pubblico che in definitiva permette il funzionamento dell’una o dell’altra, nei fatti e nei comportamenti previa condivisione dell’immagine di mondo. La prima posizione agisce promettendo un sistema più equo e condiviso in base a” valori” non solo strettamente economici. La seconda agisce spaventando sul fatto che la prima porti a formare una “cupola” di dominio globale e semi-totalitario. La prima è più “europea”, la seconda più “americana”. La prima ovviamente annovera i campioni dei settori che si pensa avranno futuro (servizi), la seconda i resistenti del vecchio sistema (industria). La prima è più globalista anche se ora disposta a rivedere le logiche più ingenue, la seconda più nazionalista ma non per questo contraria a gli scambi internazionali. La prima intende sfruttare il disordine sistemico venutosi a manifestare per via del virus pandemico (ma agisce da molto prima secondo quanto a noi noto), la seconda sostiene che tale accidente è stato o esagerato a bella posta o addirittura creato ad hoc per rinforzare le condizioni di possibilità per questa odiosa e pericolosa strategia riformista.

La prima posizione annovera intorno all’intelligence del WEF di Davos che ha lanciato già mesi fa la nuova parola d’ordine (e programma) del “The Great Reset”, la nuova presidenza americana, l’Europa e buona parte del Resto del Mondo. La seconda raccoglie oltre a la uscente presidenza americana, una unione dei conservatori in senso più ampio ed un’altra parte di mondo tra cui ovviamente i centri carboniferi (Russia, petromonarchie).

Sebbene pensino il sistema in due modi diversi, entrambe sono formate da élite ed entrambe, come da secoli fanno tutte le élite, tentano di far sembrare che il loro interesse sia da condividere col popolo presso la cui immagine di mondo combattono la battaglia per l’egemonia. Per entrambe vale il principio per il quale le narrative hanno una estetica che non corrisponde affatto alla realtà volgare. Entrambe, sono senza alcun dubbio convinte il sistema debba e possa avere avanti a sé altri decenni di dominio.

E se si sbagliassero entrambe?
Pierluigi Fagan

mic ha detto...

Questa transizione gestita dagli stessi che hanno inquinato e corrotto non porta nulla di buono per le masse, che dovrebbero avere chi pensa e agisce in nome e per conto loro, ma oggi questa soggettività semplicemente non esiste.

Anonimo ha detto...

Questo è il momento per battere forte il martello! bisogna fare nel campo politico-culturale quello che Lefebvre ha fatto nel campo liturgico e formativo per i giovani sacerdoti ... ed è una esigenza storica e profetica ... tu sei un esperto: bisogna ora battere sul fondamento delle Costituzioni laiche europee. Tu sai già quanto sia diverso il sistema americano, che è già anni luce lontano dalle vere costituzioni cattoliche degli Stati. Ma quelle europee sono morte. L''Europa è a un passo dal suicidio storico colpevole, di cui renderà contro a Dio nel Giudizio eterno. Non solo l'Europa è a un passo dalla islamizzazione, dopo qualche anno di schiavitù tirannica da Euro. Ma le persone d'Europa rischiano l'inferno eterno. Tu sai cosa è una Stato. Bisogna instaurare lo Stato cattolico - combattendo un'aspra battaglia contro le attuali gerarchie e contro tutto il mondo cattolico rimbambito dalla Sindrome di Stoccolma - dopo la crisi palese e storica delle costituzioni laiche, massoniche, liberali, democratiche. Sai quello che dico. Non dobbiamo avere paura. Non siamo nl''89, non siamo in Messico o in Spagna. Non siamo in una delle tappe del martirio cattolico dell'epoca rivoluzionaria. Siamo oltre. Siamo entrati nell'epoca in cui diventa palese l'insostenibilità del laicismo del modernismo del liberalismo del democraticismo. E' palese e sta esplodendo in faccia a tutti. Siamo nella Europa in cui la morte avanza e in cui tuti ci risveglieremo dopo il Coronavirus disperati e depressi, sfiduciati e disposti a qualunque cambiale di schiavitù pur di sopravvivere a focacce e cipolle. rdv

E intanto? ha detto...

Domanda:
Quando la democrazia collassa, quando il voto dei cittadini viene tradito, come si fa a salvare le cose per via democratica??

Anonimo ha detto...


Bisogna instaurare lo "Stato cattolico"..

Giusto. Mantenendo l'unità d'Italia ossia uno Stato nazionale?
La domanda nasce dal fatto che lo "Stato cattolico" lo propugnano fino a questo
momento neolegittimisti, neoborbonici etc, avendo però come modello l'Italia pre-unitaria,
con lo Stato del Papa, i Borbone, i ducati e granducati nei fatti satelliti dell'Austria, un paese attraversato da otto confini, otto dogane, otto sistemi monetari diversi...
Se lo "Stato cattolico" deve essere una riedizione aggiornata del passato, dell'Italia meschina e malarica, campo di giochi delle Potenze Europee da alcuni secoli...
Per proporre uno Stato cattolico o cristiano degno di questo nome, bisognerebbe saper pensare in grande, liberandosi dai risentimenti del passato.

Anonimo ha detto...

https://www.facebook.com/salviniofficial/videos/312024063312849/
Donne e ..donne
Suore e.. suore
Preparati e...impreparati

Viator ha detto...

Non si rischia la rottura?
«Spero di no, ma temo di sì. Non stiamo alzando i toni, noi: siamo in presenza di un fatto gravissimo. Non è possibile che il premier sostituisca il governo con una task force, i servizi segreti con una fondazione, le sedute parlamentari con le dirette Facebook. Sono mesi che chiediamo una discussione parlamentare e scopriamo oggi un piano di cento pagine che commissaria i ministri con un emendamento in legge di Bilancio? Se il premier vuole rompere ci dispiace, ma faccia pure. Il richiamo alla responsabilità non può essere a senso unico».

Cosa contestate nel metodo?
«Ci sono centinaia di morti ogni giorno e il Pil è a meno 10%. Davanti a questa emergenza la maggioranza di governo ha il dovere di proporre un piano serio al Paese. Noi abbiamo chiesto trasparenza e se vediamo che c’è un progetto scritto nottetempo, senza consultazione né dentro al governo, né in Parlamento, né nella società, né con le categorie, significa che abbiamo un problema. Non vogliamo esautorare il governo, il Parlamento, i servizi segreti, le istituzioni».

E nel merito?
«Lei ha letto il piano francese? È fatto molto bene ed è pronto già da settimane. Noi siamo ancora fermi quando gli altri già stanno correndo sui progetti. Sblocchiamo le opere, liberiamo risorse, aiutiamo chi non ce la fa, puntiamo su istruzione e formazione anziché passare le settimane a distribuire prebende e incarichi. Ci sono duecento miliardi che vengono dall’Europa: non possiamo sprecarli, men che mai adesso. E poi naturalmente c’è la questione del Mes: dire no ai soldi per la sanità pubblica in nome di un interesse ideologico è masochismo».

Se lo dice la Boschi! A parte il MES sono gli argomenti della Meloni.... Peccato che poi lo votano...

Anonimo ha detto...

A voler guardare in faccia la realtà, questi signori non si sognano di rispondere agli Italiani e davanti al loro bene comune fanno spallucce. Questi signori rispondono prima di tutto alla Poltrona poi alla ue il cui scopo è cancellare Italia e Italiani. Se vogliamo poi raccontarci che stiamo andando verso un avvenire radioso raccontiamocelo pure, ma consapevoli del fatto che neanche da morti lo avremo causa la nostra ignavia.

Da La Verità ha detto...

Buongiorno, ecco La Verità di oggi

Conte fa scattare l’eurotrappola

La minaccia di Mattarella di sciogliere le Camere ha ottenuto il suo effetto. I grillini, spaventati dall'idea di perdere la poltrona, si sono piegati ai voleri della Merkel. Ora il Colle scende in campo contro Renzi, pronto a cedere in cambio di un posto a tavola Tutti i rischi per l'Italia: il nuovo trattato sarà una zavorra per i nostri titoli di Stato

• Le siringhe d'oro del commissario Arcuri
• Il misterioso geometra pluridenunciato sempre al fianco di presidenti e ministri
• I Sala boys inneggiano alla censura illegale

6 Dic 2020 ha detto...

L’ERETICO E L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA VITA PRONTI ALLA CLASS ACTION INTERNAZIONALE PER I DANNI CAUSATI DALLA GESTIONE DELL’EMERGENZA SANITARIA-DEMOCRATICA.
Continuano gli incontri con l’avv. Rainer Fuellmich, (capo del Comitato Investigativo Tedesco Corona), per una analisi della situazione internazionale, per predisporre azioni a carattere europeo e mondiale e per discutere di aspetti tecnici ed operativi della Class Action già attivata in Germania e negli Stati Uniti, per il risarcimento dei danni causati dai governi con la gestione dell’emergenza sanitaria-democratica, a cui hanno già aderito l’Eretico e l’Organnizzazione Mondiale per la Vita, di cui l’avv. Fuellmich è coordinatore dell’Area Legale. Al riguardo rileva precisare che in tutto il mondo le persone danneggiate possono unirsi alla Class Action entro un termine stabilito dal giudice, e, così, agire per il risarcimento dei danni subiti nel proprio paese di origine.
https://www.facebook.com/leretico2020/videos/201309881493987/

Anonimo ha detto...

Fanno così schifo che pure gente come Renzi e Boschi passano da statisti al confronto di casalino-conte e dei vari figuranti di regime da lilli gruber a travaglio.
Conte ha sbagliato tutto ciò che si poteva sbagliare creando danni irrimediabili al Paese ma per lilli il problema principale è che la Boschi non fosse mascherinata mentre si trovava all'aria aperta da sola con il fidanzato.

Anonimo ha detto...

Giornata buia quella di oggi per l'Italia per l'approvazione del Mes da parte di un governo illegittimo. L'ultima, vera ed unica speranza rimane la vittoria di Trump nella speranza che come spesso promesso annienterà la UE e i deep state che la appoggiano. La partita che stiamo per affrontare ha un valore enorme che influenzerà il nostro futuro e la nostra libertà.....

Anonimo ha detto...

Piccola precisazione: il governo NON è illegittimo. I partiti sono stati votati. E hanno i parlamentari in base ai voti che hanno preso. Li avete votati i 5stelle? Ora ve li tenete. Idem per il PD.

Anonimo ha detto...

A proposito di "cashback"
Un esempio di come funziona il cashback
Supermercato:
Signora sessantenne alla cassiera.
: voi non avete il programma cashback ?!
: no signora per volontà della proprietà noi non l’abbiamo attivato
: è uno scandalo, non verrò più qui a fare la spesa!
Vedendo il trambusto mi avvicino con il direttore.
: signora buongiorno, sono il proprietario, posso aiutarla in qualche modo ?
: la vostra dipendente mi ha impedito di usare il cashback se lo sapevo non venivo neanche.
: no signora, non dipende dalla cassiera, ma da me. Il criminale sono io. Sono io che ho rifiutato di installarlo. Ma non si preoccupi, le faccio io un buono spesa del 10% sulla sua spesa di oggi.
La signora rimane interdetta
: ma perché non l’ha fatto installare ?!
Perché vede, cara signora, in Italia ci sono, con certezza, almeno sette milioni di coglioni. E la cosa preoccupante è che il numero è destinato a salire...
Circa 7 milioni di italiani hanno scaricato, ad oggi, la app per partecipare al cashback degli scontrini con annessa Lotteria di Stato.
Degli ignoranti, innanzitutto perché credono davvero che questa sia una alzata d’ingegno dei soliti politici mediocri per rilanciare i consumi. Invece serve a tutt’altro...
La signora è incuriosita e perplessa.
Vede, per tutti gli acquisti fatti con bancomat o carta di credito dall’8 al 31 dicembre vi valutano il 10% della spesa come cashback per un totale massimo di 150.00€ . Ve li riaccreditano a febbraio. Non sapete però, che il rimborso massimo è di 15.00€ a transazione. Che voi spendiate quindi 1500.00€ o 150.00€ il rimborso sarà sempre 15.00€. Che nel caso di 1500.00€ non è il 10%. Bensì l’1%. Gli acquisti on-line non valgono, alcune carte di credito non valgono e per accedere al programma dovrete fare minimo 10 acquisti. Il che si traduce che per ottenere i famosi 150.00€ massimi di bonifico, dovrete spendere 1500.00€ in dieci transazioni da 150.00€ l’una. Voglio proprio vedere sette milioni di italiani che spendono 1500.00€ in dieci operazioni per fare regali. Sapete come finirà? Che userete il cashback soprattutto nei supermercati come i miei, e lo dico contro i miei interessi, per fare la spesa. Ingrassando solo le casse delle banche, che per ogni transazione vi preleveranno minimo 2.00€ di commissioni, intascando 20.00€ ad italiano, e le casse dei grandi gruppi di distribuzione organizzata che fatturano diverse centinaia di milioni di euro ogni anno. Altro che negozi di prossimità...
La signora cerca una scappatoia...
: guardi io ero contraria poi mi ha convinto mio marito che è più tecnologico.
Non è finita cara signora: dal 1 gennaio a chi avrà fatto almeno 50 transazioni con bancomat riconosceranno un ulteriore 10%, per un massimo di 300.00€ (compresi i 150.00€ di dicembre). Con 50 transazioni bancomat avrete speso certamente 100.00€. Per farvene rimborsare 50.00 netti. Cioè una media di 0.1 centesimo di euro al giorno. Chi avrà ingrassato di più le banche potrà poi partecipare alla Lotteria degli Scontrini. Vincendo 1500€.
E per finire signora non le dicono che per adeguare le casse al cashback il negozio deve sostenere una spesa non detraibile compresa tra i 100€ ed i 350€. E non solo: io negozio ricevo il pagamento dopo 7 giorni dalla transazione. In quei sette giorni le banche guadagnano con la valuta virtuale e gli interessi al capitale.
: ma allora mio marito si è lasciato infinocchiare... stasera quando torna a casa gli dico che è stato proprio un cretino!
: signora non si preoccupi, lei prelevi al bancomat e paghi con i contanti. Poi mi mandi qua suo marito che facciamo un buono anche a lui!
: grazie molte per avermi spiegato tornerò sicuramente a fare la spesa usando il buono.

Anonimo ha detto...

Ieri Renzi in Senato ha ricordato che circa due anni fa un peschereccio Siciliano stava per essere sequestrato dai Libici ma il nostro Governo inviò in supporto una unità della nostra Marina Militare che operava in zona alchè i libici desistettero dalla azione. Anche in questa circostanza, come è noto, nelle prossimità del peschereccio che stava per essere sequestrato con i 18 connazionali vi era una nostra unità militare ma non intervenne perché non fu autorizzata da Roma. No comment!

Anonimo ha detto...

Luigi Di Maio: "A Natale e Capodanno permettiamo si cittadini di spostarsi tra piccoli comuni"

Di Maio Tse Tung ci permette il Natale.
Saluti dalla Cina

Stanno veramente passando il segno! ha detto...

Dunque oggi è saltato il Consiglio dei Ministri che doveva approvare la task force che avrebbe dovuto redigere il Recovery Fund italiano. Renzi non molla, l'idea di esautorare il Parlamento su un progetto che impegnerà la nazione per 30 anni è inaccettabile.
In una intervista data al TG2 dell'ora di pranzo Renzi ha spiegato il suo punto di vista e non so come dargli torto: non si possono ridurre i ministri a dei soggetti che disbrigano gli affari correnti mentre una pletora di tecnici autoreferenziali - e alle dipendenze del PdC - riprogettano la nazione spendendo 200 mld. Sarebbe un governo parallelo, e anzi, il vero governo mentre quello ufficiale sarebbe ridotto a mera congrega di passacarte. Un'altra cosa Renzi ha parlato di "privatizzazione dei servizi segreti". Sono sobbalzato sulla sedia e qualcosa effettivamente c'è: Giuseppi vuole fare una Fondazione (Ente di Diritto Privato) dei servizi segreti per la cybersicurezza. Una roba che non si può sentire, la privatizzazione dei servizi sotto un'aspetto (la cybersicurezza) che sarà cruciale nei prossimi decenni, e con magari Giuseppi che una volta dismesso il ruolo di PdC va ad occupare la Presidenza di questo istituto.

Se ci riflettete Giuseppi appare uno sprovveduto, ma in realtà è un giocatore di scacchi niente male:

- Governa attraverso Dpcm;
- Ha nominato Arcuri Commissario Spenditore per l'Emergenza al di fuori di qualsiasi regola prevista dall'Ordinamento.
- Vuole gestire le centinaia di mld di Recovery Fund in prima persona nominando una commissione apposita di amici suoi;
- E vuole mettere le mani sulla cybersicurezza attraverso una Fondazione dei Servizi Segreti.

Scusate, ma non vi pare che questo signore si sia allargato un po' troppo? Non è che siamo un pochino troppo vicini all'Autocrazia? Fate il combinato di ciò che ho elencato sopra e datevi una risposta.

Cavolo, riuscire a farmi diventare simpatico Renzi che gli sta facendo la guerra era difficile...eppure Giuseppi c'è riuscito.

Anonimo ha detto...

Qui è sempre la stessa storia uguale a quella del vaticano, per un malinteso rispetto delle istituzioni ci si perde in cerimonie incomprensibili, mentre i delinquenti procedono nei loro piani sovversivi.

Cerchiamo almeno di non essere più ipocriti dei delinquenti sovversivi!

Anonimo ha detto...

Le garanzie costituzionali evaporano di fronte alla forza dei media di creare una percezione di comodo.

Anonimo ha detto...

Tre domande (più una in caso). In crescendo...

Nello stesso giorno Salvini e Berlusconi hanno dichiarato pubblicamente di essere pronti ad aspettare il proprio turno per farsi vaccinare.
A questo punto, sorgono spontanee tre legittime e inevitabili domande, all'intelletto libero e ancora in uso:
1) Hanno avuto in contemporanea lo stesso pensiero causalmente e casualmente hanno pensato in contemporanea di dirlo in pubblico, oppure è legittimo ritenere che abbiano ricevuto in contemporanea, e non casualmente, la stessa indicazione operativa, tenendo conto del fatto non del tutto secondario che si tratta di due dei tre leader della cosiddetta Opposizione (vedremo cosa farà la Meloni in merito), ovvero di quell'elemento politico previsto dalla Costituzione che dovrebbe garantire la democrazia liberale nel nostro Paese?
2) Se veramente si faranno riprendere mentre viene loro fatta una iniezione, cosa sarà quel liquido che iniettano nel loro corpo? Lo stesso identico che vogliono iniettare a tutti gli italiani o no?
3) La più importante di tutte le questioni: se anche lo facessero, questo a ciascuno di voi che leggete, vi spingerà a farvi vaccinare o vi metterà ancora di più in allarme convincendovi a non farvi vaccinare?
Nella seconda ipotesi, dovreste porvi una quarta fondamentale domanda. Ovvero: che cosa è esattamente questa "Opposizione"? (MV)

Anonimo ha detto...

Aria fritta.

Anonimo ha detto...

Sara' sicuramente soluzione fisiologica .

punto . ha detto...

https://video.sky.it/news/cronaca/video/covid-19-lombardia-lucchini-vaccino-atteso-dal-15-gennaio-636283
Della serie : "Io so che tu sai che io so ma....faccio finta di non sapere e il vaccino te lo ammollo lo stesso perche' vuolsi così cola' dove si puote cio' che si vuole ). punto .

Danke ha detto...

https://gloria.tv/post/c4piqxHyaJWy3uogriArPofSd
Coca cola positiva al COVID 19, dimostrazione al parlamento austriaco

Anonimo ha detto...

O mia Patria, sì bella e perduta...
https://gloria.tv/post/uHewvgpqdfZH1QSFBbBwFSaC8

Anonimo ha detto...

Non mi lusingano queste scelte musicali di Belino.

Da Fb ha detto...

E ORA?
La Sez. III del Consiglio di Stato, Presidente Franco Frattini, con Ordinanza 0709/20 dell’11 dicembre, emanata in via d’urgenza, su ricorso di circa 60 Medici di “base”, ha statuito che è legittimo in quanto produttivo di risultati positivi, curare per tempo (a casa e senza necessità di ospedalizzazione) il Covid-19 con la idrossiclorochina che costa solo 6 euro a confezione e che una volta si comprava in tabaccheria con il nome “Chinino”! E che tale farmaco costituisce una cura efficace che può portare a guarigione.
E allora tutti gli allarmi e la campagna terroristica mediatica? E ora il lercio governo in carica cosa farà? E il Conte Tacchia? Non avranno più la scusa per strumentalizzare l’emergenza per rimanere con i loro inverecondi culi attaccati alla poltrona!
E il figlio di Bernardo Mattarella che si è obiettivamente giovato di una “emergenza” strumentalizzata, e che per essa vorrebbe giustificare la sua ostinata inerzia, che farà ora?
E il triste e tristo Roberto Speranza che non consentiva le autopsie ora che farà? E di tutti i Morti che ne sono seguiti a causa di terapie sballate che invece di curare uccidevano, chi ne risponderà?
E le infami Case farmaceutiche che, accecate di avidità, producono farmaci e vaccini che possono essere letali, ora cosa faranno?
Ma soprattutto il “Barone brigante” – Mark Zuckerberg - così come è stato definito in sede di audizione parlamentare dal Senatore del Texas, Prof. Avv. Ted Cruz, che lo ha moralmente schiaffeggiato, cosa farà ora?
“Oscurerà” questo mio “post”? Disattiverà la mia “pagina”? Continuerà a fare da “palo” alle Case farmaceutiche e a Josip Bidenic?
Augusto Sinagra

Anonimo ha detto...

VEDO, PREVEDO, STRAVEDO

“E’ tempo che l’imperatore dei francesi torni a essere il re di Francia.”
Talleyrand, 1812

“E’ tempo che il Conte de La Pochette torni a essere l’avvocato Conte.”
Il popolo italiano, 2020

La prima profezia si realizzò dopo tre anni; la seconda è a scadenza molto più breve. Ma non è per domani, temo. A meno di un qualche errore di calcolo – Prodi cadde così – un qualche accrocchio terrà in piedi Conte sul MES. Ma non oltre la finanziaria. E dunque non oltre l’anno o l’immediato inizio del prossimo.

Poi governo tecnico – non vi illudete: Mattarella non ci manda alla urne con il Covid; e in realtà la cosa ha un senso – terza ondata, se davvero le scuole saranno riaperte e salteranno i pochi presidi non immolati allo shopping, vaccinazione di massa e, infine, elezioni. Con vittoria del centro-destra e ridiscussione IMMEDIATA dell’assurda ripartizione dei capitoli di spesa del Recovery Fund.
(Biagio Buonomo)

Anonimo ha detto...

A questo punto restano solo lo scontro e la polarizzazione. Quando una parte non comprende quello che sta succedendo e si rende strumento idiota nelle mani di certi poteri, la discussione serve a poco. In anni e anni sui social non ho visto nessuno convincere qualcun altro in un dibattito. Se si cambia idea lo si fa col tempo e osservando gli eventi, avendo un QI almeno medio che molti, tristemente, non hanno. Quindi discutere serve a poco. Io sono dell'idea di lottare fino alla fine, quale che sia l'esito, perché in tale lotta sta il senso della vita per un essere umano degno di definirsi tale. Prima però avevo più fiducia nei miei simili, negli ultimi tempi ne ho molta di meno. Vedo autentici menomati sostenere i grillini nonostante i vergognosi e palesi tradimenti, veri e propri disadattati sostentere il PD dopo decenni di ruberie e inenarrabili porcate, gente malata osannare l'euro mentre l'Italia ne è stata investita come da un treno in corsa, analfabeti funzionali plaudire a Biden, alla Harris, a Conte, a Bergoglio non riuscendo proprio a comprendere quanto di mostruoso si celi dietro le loro figure. Tutto mi trasmette l'idea che decenni di sofferenza e dolore aspettino l'umanità e che non siano del tutto immeritati, proprio in ragione di quanto sopra...

Anonimo ha detto...

CI SIAMO DENTRO.
Da mesi continuiamo a gridare contro la minaccia della deriva autoritaria del nostro Paese, del rischio di regole liberticide che hanno disintegrato i più elementari diritti dell'uomo, quello della libertà di espressione, della libertà di movimento, della libertà del lavoro, della libertà di professare la propria religione, della libertà di pensiero.

Da mesi continuiamo a gridare contro il rischio di veder trasformato il nostro sistema democratico in un regime dispotico sempre più vicino a quello cinese, uno dei più temibili e repressivi che esistano al mondo, dove Dio è morto e con lui l'uomo.

Da mesi gridiamo, senza accorgerci che già ci siamo dentro e annaspiamo come prede in una trappola.

Anonimo ha detto...

Una nazione non si può reggere senza una forte identità comune. Fecero prima l'Italia a forza, poi dovevano fare gli italiani, ma non ci sono riusciti o si sono dimenticati. Ecco perché questo paese si sta disgregando più di altri, anche a causa della presenza della chiesa con le sue recenti farneticazioni progressiste, amorali dei fratelli tutti, del meticciato culturale universale. Ci voleva uno stato federale, identitario, delle tante patrie federate e ghibellino identitario, per cui di destra identitaria e non laicista.

Anonimo ha detto...

Dico da mesi che, essendo il Covid uno strumento, anzi, lo strumento essenziale, del Nuovo Ordine Mondiale, secondo chi vincerà le elezioni americane così andrà il Covid.
E' bastato che la Corte Suprema facesse Ponzio Pilato,
perché la Merkel chiudesse tutta la Germania.
E' bastato che la Merkel chiudesse tutta la Germania,
perché il governo zerbino della colonia italica smentisse se stesso a sole poche ore di distanza e chiudesse di nuovo tutta l'Italia.
Ma io sono complottista.

Anonimo ha detto...

L'Italia è il Paese che ha più morti di coronavirus in Europa, per il semplice motivo che qualsiasi malato terminale di qualsiasi malattia risulti positivo al tampone prima del decesso, viene immediatamente inserito tra i morti per covid. Lo ha spiegato più volte anche il virologo Bassetti.
Così le cifre sono gonfiate, e di molto. Ma fanno brodo. Tutto fa brodo per continuare con la srategia mediatica del terrore, quella che non è mai stata abbandonata dai nostri organi d'informazione nemmeno quando gli ospedali erano completamente vuoti.
L'economia italiana va affossata perchè poi il grande capitale straniero, passata la buriana, venga qui a fare man bassa.
Ci spolperanno fino all'osso

Il responsabile è Mattarella ha detto...

Carlo Nordio:
... A parte la questione-Gregoretti, Conte ha anche altri problemi da risolvere. La maggioranza giallorossa che lo sostiene è fragile e litigiosa. La possibilità che si verifichi una crisi di governo esiste. Eppure secondo Nordio, le "minacce" di Renzi di far cadere l’esecutivo evaporeranno come neve al sole. Il tutto per una questione di convenienza: l’ex premier sa che se si andasse al voto anticipato rischierebbe tantissimo. "Fino a ieri- ha spiegato- lui e Conte erano come i due scorpioni nella bottiglia: se uno colpiva per primo, poi moriva anche lui. Se Conte cadesse, e si andasse a votare, probabilmente scomparirebbe dalla vita politica, ma neanche Renzi, secondo i sondaggi, ne uscirebbe bene". In questa fase il Pd è costretto a muoversi con prudenza senza prendere una posizione netta tra il presidente del Consiglio e il leader di Iv. L’ex magistrato crede, infatti, che i dem si libererebbero "volentieri di entrambi, e le elezioni anticipate gli sarebbero vantaggiose, perché recupererebbe molti consensi finiti ai grillini". Ma il Pd è immobile per un preciso motivo: la questione del successore di Sergio Mattarella. Secondo Nordio i dem sono "terrorizzati dall'idea che un nuovo Parlamento a maggioranza di centrodestra elegga il prossimo presidente della Repubblica. Il quale non solo nomina alcuni giudici costituzionali, presiede il Csm ed altri organismi, ma esercita oggi una moral suasion molto più intensa della mera funzione notarile che contrassegnava l'alta carica alcuni decenni fa".

https://m.ilgiornale.it/news/politica/premier-vicolo-cieco-ecco-perch-conviene-finirla-qui-1909547.html

Anonimo ha detto...

Cos'è quel broncio, italiani?
Cosa vi aspettavate?

Che a marzo scorso vi dicessi "Vi rinchiuderò in casa per anni perchè dobbiamo far fallire il paese, depopolarlo con suicidi e omicidi sanitari per distruggere l'identità nazionale e ristrutturare la societá secondo parametri imposti"?

Ehi.
Calma.
Mica posso svelarvi tutto insieme.

È normale che avanzo per step.
Una finestra di Overton dopo l'altra.
Per farvi accettare tutto gradualmente.

Così funziona.

A Marzo era "tra 10 giorni ci riabbracceremo".
E mi avete creduto.

Poi sono passato a "Se ami l'Italia mantieni le distanze".
E avete accettato la stupidaggine.

In estate vi ho bombardato con la parola "focolaio" preannunciandovi la seconda ondata.
Lasciandovi però un attimo di respiro funzionale per incolparvi successivamente.

Poi ho spinto sui tamponi che assicuravano grandi numeri da trapanare nel vostro cervello h24.
Una sinfonia.

Così vi ho potuto ribaltare dalla testa ai piedi.
Pure all'aperto.
Ho trattato bambini e ragazzi come appestati negandogli la socialitá.
Il tutto per contenere la mia più mirabile creazione.
La curva dei contagi.

E mi avete creduto di nuovo.
Incredibile.

Lì ho capito che siete un popolo ingenuo.
Mentre gli altri popoli li riempiono di soldi e si ribellano violentemente nelle piazze per dignità e diritti.
A voi non solo levo tutto ma non dò neanche un euro.
E non c'è reazione.

Allora sono andato oltre.

Vi ho annunciato che tutto questo era necessario per "salvare il natale".
"Mò capiscono e m'ammazzano" mi son detto.

Niente, ahahahahah.... anche lì ve la siete bevuta tutta d'un fiato!

Questo gioco mi fa sbellicare dal ridere.
Non pensavo tanto divertimento.

Mi ricompongo a fatica mentre vi dico che a Natale vi dovete rinchiudere, perchè poi nel 2021 si riparte di slancio.
Terza ondata permettendo.
Che avverrà a causa del brindisi che avrete fatto.
Col vostro cane ovviamente.

Meraviglia.

Ma non è finita. Sto buttando lì che, se non "gestiamo la curva", potrei disporre il Trattamento Sanitario Obbligatorio per qualche milione di italiani o, in alternativa, un bell'apartheid!!!..
Silenzio.
Che userò l'esercito....
Niente.
Che la Costituzione posso rispettarla ma anche no...
Calma piatta.

Con un popolo docile come voi (diciamo pure anche meravigliosamente attratto dall'autoritarismo) confesso che sto giocando sul velluto.
Tutto troppo facile.

Continuate così.
Netflix, porno e calcio.

Vi adoro.

Il vostro Traditore Giuseppi

Anonimo ha detto...

Vi stupite che doppo appena una settimana di semilibertà gli allevatori di zombie, alias governo eversore, braccio armato del mondialismo, abbiano deciso di rinchiudere il gregge nuovamente dentro i recinti? Era prevedibile che sarebbe andata così.
Ci hanno fatto evadere dagli arresti, stavolta senza troppe limitazioni di spostamento, per poi darci la colpa di essere usciti di casa. La loro idea è sempre stata la stessa da febbraio: periodi di reclusione forzata alternati a periodi di libertà circoscritti nel tempo. Ci trattano come i carcerati: un'ora di aria libera e poi di nuovo dietro le sbarre, per chissà quanto tempo. Per questi mandriani al soldo del mondialismo è inconcepibile che si esca, tra l'altro bardati, per prendere un aperitivo con gli amici, per comperare due regali di Natale, per fare visita a parenti e affetti cari che non si vedono da mesi. Le pecore che scappano dal recinto vanno tosate, se necessario sgozzate.
Da questo loop infernale non se ne uscirà così facilmente come pensano i babbei, i quali credono che se saremo ligi alle imposizioni liberticide potremo tra qualche mese tornare alla normalità. Il ritorno alla normalità non è contemplato nel piano degli eversori.
Come ha spiegato ieri Gino Strada, grande intenditore di strategie della tensione, questa storiaccia finirà tra 2-3 anni. Il tempo di tosare le pecore per lo scannatoio finale.
Questo giochetto dell'alternare lunghe fasi di prigionia a brevi fasi di "liberi tutti" è una strategia sopraffina da macelleria manipolatoria: alla fine saranno gli stessi cittadini, estenuati dalla campagna terroristica, a rinunciare alle brevi fasi di libertà che ancora ci concedono e a chiedere di eliminare i pochi spazi e momenti di aria libera. Era tutto pianificato. Peccato che spiegarlo all'italiano medio è come perdere 10 anni di vita.
(Federica Francesconi)

Anonimo ha detto...

Una nazione che fa un’attenzione infinita perché non si possa creare nemmeno una vaga sfumatura di colpa in una donna che ha abortito, ha serenamente accusato i giovani di essere gli assassini dei propri genitori o dei propri nonni per aver fatto cose banalmente umane: andare a correre o entrare in un bar alla sera.
(Silvana De Mari)

Anonimo ha detto...

DE BENEDETTI DA LILLI GRUBER : "LA DESTRA DA NOI NON VINCERA' MAI, L'EUROPA LO IMPEDIREBBE IN TUTTI I MODI. E SE ANCHE VINCESSE PERDEREBBE IL POTERE IN UN SOL MATTINO".
CAPITO ORMAI SI SCOPRONO!

Anonimo ha detto...

De Benedetti: decide L'UE chi può governare l'Italia..
E tutti zitti
Lo dicono da tempo Salvini e Meloni e tutti a dare dei complottisti, populisti, fascisti e compagnia cantante
Salvatore Napolitano

Anonimo ha detto...

Avete notato come Renzi abbia mostrato una rinata aggressività proprio dopo che il M5s ha votato il si alla riforma del MES? con quella decisione i pentastellati hanno mostrato la loro attuale natura: gente senza arte nè parte che vuole esclusivamente salvare il proprio stipendio ed arrivare alla pensione. Per questo sono disposti a rimangiarsi tutto, ed anche di più, come ha mostrato il testacoda sul Meccanismo di Stabilità. Renzi, che tutto è, tranne che stupido, ha colto il segnale ed ha deciso di andare fino in fondo: se non hai colonna vertebrale, allora devi strisciare sul terreno e lasciarti calpestare il modo evidente. Ecco quindi che Renzi torna sul MES sanitario, dopo aver depauperato la sanità lungo tutto il suo governo e senza proporre nessun piano di impiego, solo per umiliare ulteriormente i grillini: nulla siete ed allora prendete anche questo.
In questo atteggiamento ci sarà sicuramente un grande desiderio di rivalsa per tutti gli insulti che gli ex gialli gli riversarono contro durante il suo governo. Però c’è anche il disegno politico legato alla distruzione di una parte politica per liberarne nell’immediato i deputati e senatori, ed in prospettiva l’elettorato. Un pentastellato che ha votato il MES può votare benissimo quello sanitario e può anche votare un Renzi presidente del Consiglio, anzi magari della Repubblica. Alla fine il suo obiettivo si concretizza ogni mese, sul conto corrente. In questo l’opera dell’ex leader del PD è utile, perfino meritoria, perchè mostra il nulla morale ed ideale che siede ora in una parte del Parlamento.