sabato 23 aprile 2016

Il pensiero del vescovo Schneider sull'Esortazione post-sinodale è deducibile da una recente intervista

Rorate caeli pubblica una recentissima intervista al Vescovo Athanasius Schneider che precede di poco l'uscita della Esortazione post-sinodale. Si tratta di un lungo e ampio excursus sull'intera realtà ecclesiale e tocca molti punti della crisi attuale. L'intervista, di notevole interesse, è stata rilasciata il 6 marzo scorso in Ungheria a Dániel Fülep del Centro John Henry Newman, che la riporta integralmente qui.

Mentre stiamo curando la traduzione dei punti successivi, stralcio questi di apertura, che si riferiscono alle due sessioni Sinodali in generale e che, per l'approccio alle questioni dibattute, sono già di per sé rivelatori del pensiero di Mons. Schneider sulla Esortazione, a causa dell'evidente riscontro rilevabile nell'analisi riguardante la Relatio finale. [Seguito testo integrale qui]

Circa i Sinodi sulla famiglia [1]

Mr. Fülep: Dopo il Sinodo straordinario [2] molte persone sono rimaste spaventate o piene di false speranze. Coloro che si aspettavano un cambiamento nella dottrina morale della Chiesa sono stati probabilmente delusi dal contenuto della Relatio finale. [3] Ma in realtà non era forse un esperimento di controllo per ammorbidire l'apertura ad abusi gravi e a futuri tentativi similari di cambiare la dottrina morale della Chiesa? Cosa ne pensa Sua Eccellenza in base alla relazione finale [4] del Sinodo Ordinario?

Sua Eccellenza Mons Schneider: Ebbene, grazie a Dio, la relazione finale del Sinodo ha reso dichiarazioni chiare sul comportamento omosessuale, che è inaccettabile alla luce della morale cristiana, e contiene anche parole buone e chiare contro l'ideologia del genere. Grazie a Dio. Ma, come ho affermato nella mia analisi sulla relazione finale [da noi tradotta qui] [5], la sezione del rapporto delle coppie risposate rimane ambigua. E così coloro che promuovono la comunione per i divorziati risposati ad un tratto dichiarano che la relazione finale rappresenterebbe una porta aperta, anche se non direttamente, per l'accesso ai sacramenti dei risposati. I vescovi, tuttavia, devono evitare tali dichiarazioni ambigue nei documenti ufficiali. Naturalmente, la relazione finale non è un testo del Magistero, grazie a Dio, è solo un comunicato. Quindi dobbiamo aspettare e sperare che ci sarà un altro testo ufficiale del Magistero che indichi chiaramente la dottrina cattolica. [quanto a questo, ora è accaduto e, purtroppo, molto si sta dibattendo]

Mr. Fülep: In un'intervista [6] [da noi tradotta quiSua Eccellenza, a proposito del Sinodo straordinario, ha detto che "purtroppo la Relatio finale del Sinodo contiene anche un paragrafo riguardante il voto sulla questione della Comunione ai divorziati risposati. Anche se non ha raggiunto i necessari due terzi dei voti, è preoccupante e sorprendente che la maggioranza assoluta dei vescovi presenti abbiano votato a favore della Santa Comunione ai divorziati risposati, che si ripercuote negativamente sulla qualità spirituale dell'episcopato cattolico odierno". [7] Cosa pensa Sua Eccellenza circa questa cattiva qualità spirituale dell'episcopato cattolico? Quali sono le sue ragioni profonde?

Sua Eccellenza Mons Schneider: abbiamo osservato per molti anni che molte delle conferenze ufficiali episcopali si occupano prevalentemente di questioni temporali e terrene, piuttosto che soprannaturali ed eterne anche se queste ultime dovrebbero essere considerate le più importanti nella vita della Chiesa. Salvare le anime e condurle al cielo: questa è la ragione per cui Cristo è venuto a salvarci e ha fondato la Chiesa. Perciò la Chiesa deve condurre le persone al Cielo e trasmettere loro le verità divine, le grazie soprannaturali e la vita di Dio. Questo è il compito principale della Chiesa. Trattare le cose temporali spetta al governo. Così vedo qui una dislocazione indebita del compito del governo: assumere l'autorità civile a parte dei vescovi, successori degli apostoli. Naturalmente, ciò è basato sulla dottrina sociale della Chiesa, che può consigliare il governo in modo che la vita sociale adotti al meglio la legge naturale. Ma questo non è il compito principale della Chiesa. Si tratta di un compito secondario. La crisi attuale della Chiesa è in gran parte dovuta a questo: la sostituzione del compito principale con quelli secondari.

Mr. Fülep: Il Sinodo Ordinario [8] ha pubblicato un rapporto finale con alcune proposte pastorali sottoposte al discernimento del Papa. Sua Eccellenza ha scritto [da noi tradotto qui] [9] su questo che "durante il Sinodo sono già apparsi i nuovi discepoli di Mosè e i nuovi farisei che nei numeri 84-86 della relazione finale hanno aperto una porta sul retro per l'ammissione dei divorziati risposati alla Comunione . ... Durante le ultime due Assemblee del Sinodo (2014 e 2015) i nuovi discepoli di Mosè e i nuovi farisei mascherano la loro negazione pratica della indissolubilità del matrimonio e la sospensione del Sesto Comandamento dietro un approccio caso per caso ... "Anche qui il metodo consiste nella lingua ambigua tipica del modernismo. Troviamo alcuni termini indistinti o equivoci, ad esempio, "via del discernimento", "accompagnamento", "Forum Internum", "orientamenti del vescovo", "il dialogo con il prete", "una maggiore integrazione nella vita della Chiesa". Sembra che nella relazione finale (e soprattutto i paragrafi 85-86) la coscienza prevalga sulla legge divina. Non era questo il vero errore di Lutero? Esso è legato al principio protestante del giudizio soggettivo su questioni di fede e la disciplina e la teoria erronea [10] sulla "fundamentalis Optio", non è vero?

Sua Eccellenza Mons Schneider: Anche se questi paragrafi stabiliscono che il giudizio individuale della coscienza di queste coppie deve essere effettuata secondo la dottrina della Chiesa, resta una mancanza di chiarezza. Coloro che promuovono la comunione ai divorziati risposati, come ad esempio il cardinale Kasper e il suo gruppo, asseriscono apertamente che mentre la dottrina della Chiesa resta, c'è sicuramente la possibilità che i divorziati risposati possano ricevere la Comunione. Così hanno ammesso la possibilità di un contrasto tra dottrina e la prassi. Questa è anche la posizione tipica del protestantesimo. Si mantiene la teoria o la dottrina, le opere non sono così importanti e necessarie. Questo è il principio pericoloso della salvezza solo per fede. E gli stessi paragrafi non affermano in alcun modo che la convivenza al di fuori di un matrimonio valido è peccato. Si tratta di omissioni oggettivamente gravi. La relazione finale dice indirettamente che per i divorziati risposati la colpevolezza di convivenza potrebbe essere ridotta o addirittura non imputabile a causa di alcune circostanze o per le sofferenze che patiscono. Tuttavia, l'applicazione del principio implicito di convivenza fuori dal matrimonio è completamente scorretto. Coloro che convivono hanno l'intenzione di commettere il peccato di continuo, quindi non è un atto immorale momentaneo. Essi devono avere l'intenzione di evitare atti sessuali al di fuori del matrimonio. E così una tale imputabilità del peccato di convivenza potrebbe essere applicata anche al giovani conviventi non sposati. Ammettendo tale teoria, questi vescovi annullano il sesto comandamento di Dio. E se questo principio è accettato, nessuno dei peccati contro il sesto comandamento sarà considerato più un peccato. In qualche modo è l'abolizione del sesto comandamento.

Mr. Fülep: Sua Eccellenza, a proposito della relazione finale del Sinodo ordinario, ha detto che "sembra inaugurare una cacofonia dottrinale e disciplinare nella Chiesa cattolica, che contraddice l'essenza stessa dell'essere cattolici". Ci può spiegare cosa intende ?

Sua Eccellenza Mons Schneider: Cacofonia è il contrasto della sinfonia. Sinfonia significa che tutte le voci si combinano per produrre armonia, annunciando le stesse cose. In cacofonia, una delle voci appare dissonante. Ciò va contro la verità della melodia. E così, quando questo rapporto finale non riesce ad affermare chiaramente l'immoralità della convivenza tra persone divorziate, quando non riesce a indicare chiaramente la condizione stabilita da Dio per ricevere degnamente la Santa Comunione, altri utilizzeranno questo fallimento per proclamare una bugia, così la loro voce sarà contro la verità, proprio come una voce falsa nella musica è contro la verità della sinfonia.

[...] Stiamo traducendo il seguito
_____________________________________
[1] Queste domande si applicano alla terza Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi (Città del Vaticano, 5-19 ottobre 2014) e XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi (Città del Vaticano, 04-25 Ottobre 2015). Entrambe riguardavano il matrimonio e la famiglia, quindi sono conosciute come sinodi sulla famiglia.
Il Sinodo dei Vescovi (Synodus Episcoporum) è un organo consultivo per assistere il Romano Pontefice nello svolgimento del suo ministero petrino. Esso non prende decisioni, ma consiglia il papa. Può essere ordinario, straordinario o speciale. Documenti: un'introduzione e linee-guida del soggetto di discussione, (Lineamenta), uno strumento di lavoro (Instrumentum laboris ), la relazione post-dibattito (Relatio post disceptationem ) e il documento finale, che può avere diversi nomi (Propositiones, Relatio Synodi, Relatio finalis), e un messaggio del Sinodo finalizzato alla stampa (Messaggio sinodale). A seguito del Sinodo, il Papa emette generalmente un'Esortazione  post-sinodale.
[2] Terza Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi, Città del Vaticano, 5-19. Ottobre 2014.
[3] Relatio Synodi, Terza Assemblea Generale straordinaria del Sinodo dei Vescovi, Città del Vaticano, 18 ottobre 2014.
[4] Relatio finalis, XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, Città del Vaticano, 24 ott 2015.
[5] Athanasius Schneider, una porta sul retro di una pratica neo-Mosaica nella relazione finale del Sinodo 2 novembre 2015 [da noi tradotta qui]
[6] Interview with Izabella Parowicz, Polonia Christiana. 5 November 2014. [da noi tradotta qui]
[7] http://www.pch24.pl/against-pharisees,31907,i.html#ixzz3IDLUUmew
[8] Quattordicesima Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, Città del Vaticano, 4-25 ottobre 2015. Dedicato al tema "La vocazione e la missione della famiglia nel mondo Chiesa e contemporanei"
[9] http://rorate-caeli.blogspot.com/2015/11/rorate-exclusive-bishop-athanasius.html
[da noi tradotta qui]
[10] Questa teoria è stata condannata dal Magistero (cf. Giovanni Paolo II, Enciclica Veritatis splendor, 65-70)
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

6 commenti:

Luigi Rmv ha detto...

Apprezzo le somiglianze, evidenziate dal Vescovo, tra le 'aperture bergogiane'e il protestantesimo.
In effetti c'è molto di protestante nella 'chiesa di francesco', del resto e' l'eresia piu' inquinante e insidiosa perché tra cristianesimo e modernità.
E'il fumo di Satana che entro' in Vaticano ai tempi di Paolo VI è ora ha appestato tutta la Chiesa e persino il papa.

Anonimo ha detto...

http://www.fedeecultura.it/file/siri.pdf
Se non in terra...prima o poi si saprà la verità

Anonimo ha detto...

Parlamento turco: fischi e rimbrotti verso il deputato armeno che ricorda il genocidio

Garo Paylan ricorda l’anniversario del genocidio domandando un’inchiesta sull’uccisione di alcuni parlamentari armeni nel 1915. Esposte le loro foto nella sala dell’Assemblea. In Turchia parlare di “genocidio armeno” comporta la condanna fino a tre anni di prigione.

http://www.asianews.it/notizie-it/Parlamento-turco:-fischi-e-rimbrotti-verso-il-deputato-armeno-che-ricorda-il-genocidio-37307.html

Anonimo ha detto...

Sabato 2 aprile 2016 è deceduto, all’età di quasi 96 anni, monsignor Tommaso Zeng Jingmu, vescovo emerito e non ufficiale della diocesi di Yujiang, nella provincia di Jiangxi, in Cina. La notizia è giunta solo oggi tramite l'Agenzia Fides.

http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/morto-vescovo-cinese-zeng-30-anni-carcere-cina.aspx

Requiem aeternam dona ei Domine

Luisa ha detto...

In atetsa del tresto completo riprendo:

"E così coloro che promuovono la comunione per i divorziati risposati ad un tratto dichiarano che la relazione finale rappresenterebbe una porta aperta, anche se non direttamente, per l'accesso ai sacramenti dei risposati. I vescovi, tuttavia, devono evitare tali dichiarazioni ambigue nei documenti ufficiali. Naturalmente, la relazione finale non è un testo del Magistero, grazie a Dio, è solo un comunicato. Quindi dobbiamo aspettare e sperare che ci sarà un altro testo ufficiale del Magistero che indichi chiaramente la dottrina cattolica. "

Purtroppo quel testo ufficiale è arrivato ed è lungi, e di molto, dall`indicare chiaramente la dottrina cattolica, allora mi chiedo quando Mons. Schneider farà sentire la sua voce.
Quel testo ora c`è ed è ORA che abbiamo bisogno di Pastori fedeli e coraggiosi che osino pronunciarsi in modo chiaro e COERENTE.

Luisa ha detto...

Quanti sono i Pastori che, in questa meravigliosa chiesa della misericordia, hanno finora avuto il coraggio di sottolineare le ambiguità presenti nell`AL e contraddire apertamente le letture che ne sono fatte?
Ma non in curialese, non con un linguaggio così rispettoso da diventare sterile, ma con un "questo sì, questo no", semplice diretto, chiaro , è inutile fare doppi salti mortali per tentare di far rientrare un testo a problemi, e gravi, sostenendo che bisogna leggerlo ala luce della Dottrina.
Dottrina che gli autori dell`AL hanno voluto raggirare, hanno fatto in modo che nei fatti, sul terreno, chiunque lo volesse possa calpestarla, possa tradire in totale impunità la Parola del Signore.
Scustemi del poco, eppure anche i Pastori che ci avevano abituato ad altro tacciono.