venerdì 15 aprile 2016

In rapido aumento il numero degli scrittori cattolici che criticano l'Esortazione papale

LifeSiteNews, fa un rapido ma significativo excursus su recenti articoli sull'Esortazione post-sinodale, che rivelano il fenomeno di un crescendo delle critiche, seguito da un piccolo florilegio di commenti dei principali scrittori e giornalisti cattolici. Lo abbiamo tradotto per aver sentore di cosa passa nell'Orbe cattolico anglofono.

Il numero di critiche sulla esortazione apostolica del papa da parte rispettati scrittori e giornalisti cattolici è in crescendo. Un elenco di molti di quelli maggiormente di spicco è riportato di seguito.

Ciò che colpisce il lettore su molti di questi articoli è la cautela e la carità con cui molti degli scrittori rendono pubbliche le loro critiche. Non sono le reazioni impulsive di agitatori anti-papali o di fondamentalisti dalla linea dura. In molti casi, gli autori sono manifestamente angosciati di non poter dire nulla sulle critiche nei confronti del loro amato Santo Padre.

Molti se ne escono evidenziando i diversi elementi positivi del documento. Ma alla fine, non possono ignorare ciò che vedono come gravi incrinature nell'Esortazione, in particolare l'esplosivo capitolo 8.

Ciò che è maggiormente interessante è che molti di questi articoli appaiono sui siti web di edizioni - o sono redatti da scrittori - che in passato hanno trovato vie d'uscita nel loro modo di interpretare nella luce più favorevole le frequenti ambiguità del papa.

Infatti, è netta la sensazione che l'esortazione del papa può segnare un cambiamento epocale nel mondo del giornalismo cattolico. Negli ultimi tre anni gli scrittori più cattolici si sono dati gran pena per spiegare e interpretare Papa Francesco nella chiara luce dell'insegnamento della Chiesa tradizionale. Si riscontra anche un'ansia crescente sul significato sottinteso della sovrabbondanza di "ciò che ha veramente detto il Papa" in articoli che inondano le nostre news feed di Facebook o le caselle di posta elettronica dopo ogni proclamazione papale sconcertante.

Ma da questo momento le domanda che molti giornalisti cattolici si pongono è: perché dobbiamo continuare a fare questo? Perché ci si richiede un lavoro così duro semplicemente per capire cosa il Papa sta dicendo e come potrebbe essere interpretato in conformità con l'insegnamento stabilito? In riferimento alla stessa esortazione: perché abbiamo nemmeno il bisogno di impegnarci in tale esegesi solo nello sforzo di capire le singole note, per non parlare del testo completo ed anche perché così tanti pensatori intelligenti arrivano ad interpretazioni divergenti di punti chiave? Sarebbe stato così difficile essere un po' più chiaro, come lo erano i papi precedenti?

Papa Francesco risponde a questa domanda - in un certo senso - verso la fine di quel controverso capitolo 8. "Comprendo coloro che preferiscono una pastorale più rigida che non dia luogo ad alcuna confusione. Ma credo sinceramente che Gesù vuole una Chiesa attenta al bene che lo Spirito sparge in mezzo alla fragilità: una Madre che, nel momento stesso in cui esprime chiaramente il suo insegnamento obiettivo, «non rinuncia al bene possibile, benché corra il rischio di sporcarsi con il fango della strada»".

In altre parole: la confusione che si sta vivendo è una caratteristica costante, non un difetto occasionale. L'interrogativo che molti scrittori cattolici si pongono è: a che scopo? E cosa, esattamente, cosa significa per la Chiesa "sporcarsi con il fango della strada"? Mi annovero tra coloro che sono perplessi.

Ecco alcuni dei migliori articoli che emergono in giro al riguardo:

Bella, in movimento, divisiva - Robert Royal - The Catholic Thing

"Per tutti i suoi richiami al contrario in queste numerose pagine, Francesco sembra più interessato a portare conforto alle persone piuttosto che la piena conversione a ciò che Cristo ha insegnato chiaramente sul matrimonio. Newman aveva visto anche questo: "Coloro che fanno del conforto il soggetto principale della loro predicazione sembrano confondere il fine del loro ministero. La santità è lo scopo ultimo. Qui ci deve essere una lotta e una prova. La consolazione è un cordiale, ma nessuno beve cordiali dalla mattina alla sera".


Messaggio confuso del Papa che mina il suo programma pastorale  - Phil Lawler - Catholic Culture

"Amoris Laetitia non è un documento rivoluzionario. E' sovversivo ...

. "Purtroppo, il caveat nei riguardi del cardinale Schönborn, come di gran parte dello specifico messaggio del Papa, si dissolverà nella discussione su Amoris Laetitia. Inevitabilmente, come viene ricevuto dai fedeli cattolici, il messaggio del Papa sarà compreso solo in forma semplificata: come semaforo verde per i divorziati / risposati a ricevere la Comunione. I sacerdoti che sono già fin troppo disposti ad accogliere i desideri dei divorziati risposati cattolici saranno confermati nei loro atteggiamenti. Coloro che vogliono e chiedono di più - ai pastori più responsabili con maggior probabilità disposti ad aiutare i cristiani a crescere in santità - saranno isolati e indeboliti".

In Amoris Laetitia, chi amonisce chi?  - P. James Schall - Catholic World Report

"Sarebbe difficile conoscere come definire questa sezione, se non un esercizio di sofisticata casistica. Ogni sforzo è fatto per giustificare o comprendere come uno che si trova in una situazione del genere non è realmente responsabile. C'è l'ignoranza, o la passione, o confusione. siamo ammoniti di non giudicare nessuno. E di accogliere chiunque e fare ogni sforzo per farlo sentire a casa, in Chiesa e come vicino. L'attenzione è rivolta alle vittime passive che hanno subito l'ingiustizia del divorzio, e soprattutto ai bambini. Ma l'interesse primario è nella misericordia e nella compassione. Dio perdona già tutto e quindi anche noi dovremmo farlo. La precisione intellettuale che il Santo Padre utilizza per giustificare o attenuare il senso di colpa è motivo di qualche riflessione. La legge non può cambiare, ma la "gradualità" che conduce alla comprensione di questo fallimento nell'osservare la legge richiede tempo e pazienza.
Ma quando sommiamo il tutto, spesso sembra che l'effetto di questo approccio è che ci porta a concludere che nessun "peccato" si è mai verificato. Tutto ha una causa scusante. Se questa conclusione è corretta, abbiamo davvero bisogno di misericordia, che non ha alcun significato a parte che per il peccato attuale e il suo riconoscimento gratuito. Con questo approccio ci si allontana dalla pentimento per i peccati, ma si è sollevati nel rendersi conto che tutti non hanno mai veramente peccato.
Pertanto, in queste situazioni, non vi è alcun cogente bisogno di preoccuparsi ".

Un garantismo ostinato - RR Reno - First Things

"Quando si tratta di dare una risposta pastorale a chi è ferito, danneggiato, e deformato dalla rivoluzione sessuale, temo che Francesco rappresenti una mentalità spiritualizzata tecnologica. In questa Esortazione apostolica, di fronte alle limitazioni teologiche alla sua visione di evangelizzazione misericordiosamente ispirata , egli usa la logica iper-soggettiva della modernità. Questo non andrà a buon fine, perché ci induce a pensare che si debba padroneggiare la nostra eredità cristiana e riprogettarla in forme più missionarie".

Ambivalenza: una riflessione sulla Amoris Laetitia - P. George Rutler - Crisis Magazine 

"Molto, forse troppo, è già stato detto su questa esortazione apostolica, spesso rivelando molto dei commentatori come dei loro commenti. E' vero che in essa ci sono parti eloquenti, ma per la maggior parte si tratta di citazioni di Dio e di San Paolo. la Parola ha un modo con le parole, e la carità dell'Apostolo gli ha dato la lingua di un angelo. Al contrario, ci sono un sacco di gong clanging e cembali si scontrano nelle contraddizioni e licenziamenti di gran parte della dizione del esortazione. le parti, come l'affermazione della Humanae vitae depositano il testo nella tradizione sacra, ma c'è anche il trattamento confusa di colpevolezza morale che quasi annuisce all'interpretazione nevralgico della teoria "opzione fondamentale" rifiutato da san Giovanni Paolo II (Veritatis splendor, nn.65, 67) Questo era stato affrontato in precedenza da una dichiarazione formale della Santa Sede: disposizione morale di una persona "può essere radicalmente modificata da atti particolari, specialmente se questi sono preparati - come spesso accade - da atti anteriori più superficiali. In ogni caso, non è vero che uno solo di questi atti particolari non possa esser sufficiente perché si commetta peccato mortale".(Persona humana, 29 dicembre, 1975, n° 10)."

L'Esortazione polivalente di Francesco - Carl Olson - Catholic World Report

"Per qualche motivo, Francesco sembra pensare che gli ultimi decenni sono stati caratterizzati da una rigidità dogmatica tanto spietata quanto ossessionata dai piccoli dettagli della legge, causando innumerevoli innocenti, o quasi innocenti cattolici a fuggire una Chiesa che essi percepiscono come fredda e senza cuore. Questo punto di vista è, per dirla bene, discutibile e problematico. L'impressione spesso data, purtroppo, è che qualsiasi enfasi su criteri oggettivi morali in materia di azioni e relazioni sia destinata a degenerare rapidamente in una dura e non caritatevole condanna.
E non aiuta il fatto che Francesco apparentemente giochi un po' a tira e molla con alcuni dei suoi argomenti e con le fonti".

Capitolo 8 di Amoris Laetitia e Giovanni Paolo II  - Eduardo Echeverria - Catholic World Report

"Ci sono tre problemi significativi con il capitolo intitolato "Accompagnare, discernere e integrare la fragilità", soprattutto alla luce di " Veritatis splendor ".

Sempre paura, sempre amore  - Matthew Schmitz - First Things

"Qualcosa di strano sta succedendo qui. L' Aquinate fa dire che, 'ogni essere umano è destinato a vivere piacevolmente con le persone intorno a lui' Ma Francesco ha lasciato fuori la seconda metà della frase: 'a meno che non sia necessario per lui per qualche motivo causare loro ad un certo momento tristezza proficua....' Nella premura di Francesco non sembra essere spazio per la tristezza proficua nota a Tommaso d'Aquino, che edifica per mezzo di rimproveri necessari e dure verità.
La mezza citazione dell'Aquinate caratterizza lo stile di Francesco nell'Amoris Laetitia. Metà della tradizione cristiana viene semplicemente lasciata fuori, e così si perdono la modalità basilare e le tensioni essenziali. L'amore di Dio è presente, ma il timore di Dio, la terribile consapevolezza che siamo responsabili per le nostre anime, non lo è. Questa omissione è voluta".

I primi pensieri sulla versione inglese di Papa Francesco Amoris laetitia . - Ed Peters

"In AL 297, Francesco scrive:" Nessuno può essere condannato per sempre, perché questa non è la logica del Vangelo". Al contrario, è proprio per la logica del Vangelo che si può essere condannati per sempre. CCC 1034-1035. Se si intende, per esempio, che nessuno può essere 'condannato per sempre' da parte dell'autorità terrena, se lo dice va bene. Ma, naturalmente, negare la santa comunione a coloro che vivono in "adulterio pubblico e permanente" non è una "condanna" a tutti, così che il punto non è chiaro".
[...]
[Traduzione a cura di Chiesa e post concilio]

20 commenti:

Anonimo ha detto...

Qui arrivano a dire nientemeno che piace anche ai "tradizionalisti".
Ma che hanno bevuto questi?
h**p://www.uccronline.it/2016/04/10/amoris-laetitia-lesortazione-di-papa-francesco-piace-anche-ai-tradizionalisti/

Anonimo ha detto...

Comunione ai divorziati risposati. Nelle Filippine e a Bergamo è già cosa fatta

Comunione subito, perché "la misericordia non può aspettare". L'esortazione apostolica "Amoris lætitia" era di dominio pubblico solo da poche ore che già era partita la gara tra le conferenze episcopali, su quale arrivasse prima a mettere in pratica le novità autorizzate da papa Francesco.
Salvo errore, il primo posto se l'è aggiudicato la conferenza episcopale delle Filippine.

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/04/15/comunione-ai-divorziati-risposati-nelle-filippine-e-a-bergamo-e-gia-cosa-fatta/

mic ha detto...

Mi suona male la presa di posizione della Conferenza episcopale delle Filippine per via della presenza di un papabile di più che grosso calibro come Tagle.

http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2016/02/pio-pace-preparativi-del-conclave.html

mic ha detto...

E, poi, Bergamo (leggo da Magister):

"Il fatto che si sia passati da un 'artigianato locale' a prassi di tutta la Chiesa, non è cosa da poco. La Chiesa ha recepito una pratica sommersa e l’ha fatta sua. Non è la prima volta che capita. Anzi, capita spesso. È capitato anche alla confessione… Anche qui la 'periferia' ha iniziato a ragionare su alcuni situazioni, a distinguere caso da caso, a fare discorsi onesti ai penitenti. Alla fine la Chiesa 'ufficiale' ha preso atto e ha accettato".
Chi si illudeva che l'assoluzione e la comunione ai divorziati risposati fosse una pratica circoscritta a poche diocesi disobbedienti della Germania o di altri paesi "avanzati" può ricredersi. Anche a Bergamo – diocesi delle più classiche – era un dato di fatto. Che ora, da sommerso, emerge trionfante "alla luce del sole", grazie a papa Francesco.
Che sia "magistero" o no, come alcuni dubitano, agli effetti pratici non importa nulla. La "Amoris laetitia" ha già prodotto i suoi risultati irreversibili. I test di Bergamo e delle Filippine sono solo i primi di una serie senza fine. (fine citazione Magister)

La gravità della situazione supera ogni timore preventivo...

Anonimo ha detto...

http://www.santalessandro.org/2016/04/i-sacramenti-ai-divorziati-risposati-adesso-alla-luce-del-sole/

Anonimo ha detto...


@ Il Papa nell'Esortazione ammette la possibilita' di peccare

L'Esortazione papale, proponendolo, ha fatto venir alla luce il marcio, finora sommerso, almeno in questo aspetto.
Proponendolo, e' ovvio, come possibilita', lasciata all'iniziativa dei pastori locali per la sua concreta attuazione, secondo la profana "etica della situazione" (si fabbrica la norma per regolare il caso concreto a seconda del caso concreto, del suo "farsi" - la norma scaturisce dalla prassi, dall'azione, non preesiste, se non come ipotesi astratta - concezione immanentistica ed esistenziale della morale, anticristiana).
Ma gia' l'ammettere da parte del discorso papale questa possibilita', che e' la possibilita' di ricevere la Comunione restando oggettivamente nella situazione di peccato mortale, cio' dimostra che la possibilita' concessa qui dal Papa e' in realta' una possibilita' di peccare; che il Papa, in sostanza, usa la sua autorita' per render possibile un peccato mortale, quello del prender la Comunione in peccato mortale.
Affermare che sia possibile, in certi casi, prender la Comunione pur restando in peccato mortale, come nel caso dei divorziati risposati, cio' e' palesemente contrario al dogma della fede, come rivelato e sempre insegnato : "Percio' chiunque mangia questo pane o beve il calice del Signore indegnamente, sara' reo del corpo e del sangue del Signore" (1 Cr 11, 27). Sara' reo della profanazione del Corpo del Signore, colpevole di sacrilegio.
Si dice che, all'interno della Gerarchia, vi fossero alti prelati intenzionati a inchiodare pubblicamente Bergoglio alle sue responsabilita', nel caso fosse scivolato apertamente nell'errore dottrinale. Ora, la famosa nota che contiene la "misericordiosa" possibilita' di cui sopra, non mostra un evidente e clamoroso errore dottrinale? Chi aspettava l'errore manifesto da parte di Bergoglio, non se lo trova servito su di un piatto d'argento?
Non c'e' bisogno di far l'analisi di tutto il ponderoso documento papale, basta quest'unico errore, immediatamente individuato nelle sue precise valenze ereticali da mons. Fellay, per dichiarare che l'intero documento non puo' che considerarsi carta straccia. Parvus

Anonimo ha detto...

Beh intanto in Vaticano arriva Morales e gli regala 3 libri sulla coca, a giorni arriverà il Trilat che si riunisce dopo 30 anni e oggi Saunders.......così vanno le cose, solo vip di ogni tacca chiedevano la comunione dopo vari divorzi e allora.....ci si adegua, quando il capo comanda.......faceva così anche a B.Aires, continua a farlo a Roma.

Luigi Rmv ha detto...

Anonimo, mi hai anticipato, mi ero preparato il linguaggio su Repubblica, per vedere che dicè la stampa laicista:

http://www.repubblica.it/vaticano/2016/04/15/foto/evo_morales_incontra_papa_francesco_gli_regala_libri_sulla_coca-137691466/1/?ref=HRESS-12#1

Una parola contro la droga e il male che fa allo spirito, oltre che al fisico?
Macche', pare che abbia ringraziato, ma precisando che lui non la usa

Dal crocifisso blasfemo lordato con la falce e martello, ai libri sulla coca... alla prossima gli portera' direttamente le foglie ...magari genuine e fatte in casa



irina ha detto...

Alle elementari o forse alle medie un punto sul quale battevano tutti gli insegnanti era di ripetere la lezione con le proprie parole. Questa ripetizione non consisteva nel dire quello che uno si ricordava della lezione ma, di ripetere la lezione con le proprie parole. Questo lavoro preso sul serio è massacrante. Occorre aver capito di che cosa tratta in generale la lezione, sapere il significato di ogni concetto,capire gli argomenti trattati, come sono disposti e la loro successione,individuare quello che è detto tra le righe e quelle curiosità significative per la comprensione del tutto.Alla fine si imparava quasi a memoria.Imparare a memoria non è però mai stato stimato molto perchè c'è una memoria attiva e una passiva.Difficile saper distinguere l'una dall'altra ma gli insegnanti distinguevano basandosi su altre rese dell'alunno.E pretendevano poi un passo ulteriore: le parole proprie. A queste si arrivava dopo una sedimentazione di quello che si era imparato,dopo una ruminatio,dopo un meditare tutte quelle parole con tutto il proprio essere. Finalmente quando la lezione era diventata osso, carne, sangue, la si ripeteva con le proprie parole con grande soddisfazione personale e grande compiacimento dell'insegnante e si osavano paralleli, metafore e ogni sorta di libertà rendeva possibile farsi capire da tutti semplicemente. A questo pensavo in merito al dogma e alla pastorale. Il dogma è la lezione da imparare, rendendone ragione prima di tutti a se stessi;la pastorale è la lezione ripetuta con le proprie parole.Le grandi crisi della Chiesa sono avvenute quando al dogma non si è più creduto, non lo si è più studiato, massacrandosi per renderlo proprio e renderlo vivo e dirlo con le proprie parole a se stessi e a chiunque altro.Nel mentre le sirene non hanno mai smesso di cantare e tanti piuttosto che legarsi all'albero Maestro si son buttati a mare dove tutto scorre lieve tra canti e giochi d'acqua.

Anonimo ha detto...

Lascia perplesso il punto per esempio il nr. 297 dell’esortazione in cui si dice: “Nessuno può essere condannato per sempre, perché questa non è la logica del Vangelo! Non mi riferisco solo ai divorziati che vivono una nuova unione, ma a tutti, in qualunque situazione si trovino”. Io dico Gesù non ha mai condannato nessuno, anzi ha istituito dopo il suo sacrificio, con la morte e risurrezione il sacramento della S. Confessione. Ma chi sta perennemente nel peccato e non cambia vita può essere integrato a pieno titolo nella Chiesa ribadendo uno dei punti del documento del precedente sinodo, che non bisogna dare scandalo ai fedeli divorziati risposati nell’escluderli da qualche iniziativa ecclesiale? Allora dico dovremo metterli in cattedra a insegnare agli altri cristiani a essere buoni cristiani perché loro rappresentano il modello? E nei punti 300, 301 dove si parla di discernimento ed è ovvio che naturalmente il discernimento vada fatto anche per coloro che sono divorziati e risposati. Perciò, è sufficiente affermare che siano garantite da loro le “necessarie condizioni di umiltà, riservatezza, amore alla Chiesa e al suo insegnamento, nella ricerca sincera della volontà di Dio e nel desiderio di giungere ad una risposta più perfetta ad essa”? E quale é questa volontà, questa morale? Gesù Cristo ha fondato una morale a parte per loro? Quale discernimento viene fatto secondo i punti 300-301? Quello soggettivo proposto alla persona? Quello proposto anche dal sacerdote in foro interno? Quello del vescovo del luogo in base ai propri orientamenti? Dov’è la Chiesa Una Santa e Cattolica? Ognuno che ha la sua slegata dal Magistero di 2000 anni, magari seguendo quella di qualche illuminato teologo tedesco filo-protestante? Mi sembra illuminante comprendere coloro che ci portano fuori della verità in questi contributi:
http://paceate.jimdo.com/apologetica/
http://www.paceneicuori.com/?page_id=1780

Luisa ha detto...

E intanto oggi va in scena la visita a Lesbos, Lombardi dice che Bergoglio è stato invitato, in realtà è lui ad aver detto: VOGLIO rifare quel che ho fatto a Lampedusa organizzatemi qualcosa, e così fu fatto!
Segnalo:

"Su il sipario. Va in scena il teatro del papa"

http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351276


Japhet ha detto...

Gli uomini devono venir trasformati dalle cose sante, non le cose sante dagli uomini.

Valentina ha detto...

Luigi Rvm:
gliele hanno già regalate le foglie, nel viaggio di alcuni mesi fa in Bolivia. Fogle ed un contenitore per fumarle meglio.
La coca fa aprte della tradizione andina a cominciare almeno dagli Incas. Ci si nutrono, ci si curano, ci si rincoglioniscono e ci muoiono. Uno dei motivi per cui il Sudamerica non sarà mai come il Nordamerica. Non che lì non la usino, la coca, ma non fa parte della tradizione, ed è sempre considerata illecita, illegale, immorale.
Per altro MAI un Presidente USA (fosse pur Obama) regalerebbe al pontefice del bourbon o libri sul bourbon.
Pare che uno dei libri abbia come titolo "La coca conme fattore anti-obesità" (sic).

Anonimo ha detto...

«Credo che permettere a un prete o a un vescovo di dire delle cose che scuotano o rovinino il deposito della fede, senza chiedergliene ragione, è un grave errore. Al minimo bisogna chiamarlo e chiedere di spiegare le ragioni delle sue affermazioni, senza esitare nel chiedergli di riformularle in maniera conforme alla dottrina e all’insegnamento secolare della Chiesa» (Card. Robert Sarah)

Lei perché non chiede queste ragioni al vescovo Bergoglio, scusi?

Mazzarino ha detto...

La comunione ai divorziati risposati viene data da anni. In alcuni casi pubblicamente, in altri in sacrestia dopo l'assemblea. I vescovi lo hanno sempre saputo. I più anziani a fine carriera approvando. I più giovani, in carriera, guardando altrove o indirizzando verso ordini o congregazioni in ordine alle quali risultava loro facile lamentare l'impossibilità ad intervenire. Come sempre anche chi non era d'accordo non ha mosso un dito! Ha "rimosso" il problema pensando ad altro. Esattamente come ora. Da due anni dico, e lo dico per esperienza, che occorre darsi i tempi per decidere. Dio non voglia che quei veri sacerdoti di Cristo contrari si trovino convocati assieme agli altri dal proprio vescovo senza aver maturato di fronte al tabernacolo la loro scelta. Tempo due mesi e DOVRANNO alimentare col Corpo di Cristo persone in peccato mortale conclamato. Devono decidere prima se accettare di consegnare di far mangiare e bere la loro condanna ai propri fedeli oppure no. Siano di fronte a Cristo quando decideranno se seguire Cristo o Bergoglio. Non siano di fronte all'assemblea satanica di quei sacerdoti che già lo stanno facendo da anni.

Anonimo ha detto...

A dire il vero salvo che in pochi casi il prete non conosce personalmente tutti quelli che si presentano all'altare per fare la Comunione.Secondo me il Sacerdote deve spiegare chiaramente che i divorziati risposati e coloro che avendo fatto un peccato mortale non si sono confessati non possono fare la comunione. Per il resto se non si tratta di persone famose o gente che conosce personalmente non c'è modo di sapere se uno può fare la Comunione oppure no.Diverso è il caso di quei preti,vescovi e cardinali che per superbia fanno come gli pare considerando il Corpo di Cristo di loro proprietà.bobo

Luigi Rmv ha detto...

Condivido la riflessione di Irina, rende bene il senso di quella che dovrebbe essere la predicazione.
Un lavoro continuo di sintesi e semplificazione, riempito esperienze personali di Parola vissuta sull'esempio del Vangelo, un capolavoro di sintesi e semplificazione, piena di significati e mirabilmente valida ora come allora.
Non si trova spesso un Sacerdote capace di farlo.

Quanto all'affermazione di Bergoglioriportata da Anonimo
"Nessuno può essere condannato per sempre, perché questa non è la logica del Vangelo! Non mi riferisco solo ai divorziati che vivono una nuova unione, ma a tutti, in qualunque situazione si trovino”

E' falso.
La Chiesa non ha mai affermato di dover giudicare ma di predicare il Vangelo a tutte le genti per salvare le anime dalla futura condanna per chi non crede in Lui.
Negare la Comunione a chi si trova in peccato mortale è coerente e conforme
all'insegnamento di Gesù.

La frase "nessuno può essere condannato per sempre", come al solito, è non solo ambigua ma anche eretica.
Si mette al posto di Dio, contesta il Vangelo, che è un gigantesco avvertimento sulla possibilità di futura condanna eterna e definitiva per chi non si converte e non crede in Lui.
Fa la coppia col Dio che non è cattolico.
Molto grave per un Sacerdote, detto dal Papa è devastante.

Grazie a Valentina della risposta, mi era sfuggito che era stato già fatto il regalo 'stupefacente'.
Nell'articolo si dice che i libri sono:
- Coca, una banca biologica.
- Coca dieta citogenica.
- Coca fattore antiobesità".
Morales ha spiegato al Papa: "Io la prendo e mi fa molto bene. Gliela consiglio così ce la fa tutta la vita".
E chissà che un domani, insieme alla 'misericordina'? non troveremo una fogliolina di coca equa e solidale per aiutare i poveri...

parmat88 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
mic ha detto...

Quest'ultimo intervento è un totalizzatore che ha la sua logica tutta umana e non tiene conto della Provvidenza.
Il Signore speriamo ascolti le nostre preghiere e non ci infligga un Papa ma ce lo doni. Dovremmo cercare di meritarcelo.
Tutta la storia dovrebbe prendere un altro corso, che speriamo non debba tardare. Altrimenti non voglio nemmeno ipotizzare i possibili scenari da incubo...
Non sottovalutiamo la fedeltà e la preghiera, qualunque sia la piega degli eventi.

Valentina ha detto...

Luigi Rvm,
la coca è sempre stata la droga dei poveri, anzi il loro pane. La usavano per es. i messaggeri degli imperatori Incas che correvano su e giu' l'impero, a piedi, non avendo cavalli, ne' soprattutto ruota. Si alimentavano poco, e si sostentavano masticando le foglie della pianta. Finche' morivano di esaurimento (" exhaustion") o d'infarto o d'ictus. La cocaina, purificata in laboratorio, è molto piu' potente e pericolosa, ed è costosa. Ma alla lunga gli effetti sono gli stessi. Certo il mate' e' più leggero, ma sempre un estratto di pianta è.
Come gia' scritto, l'abitudine a "cocarsi" è, sec.me, uno dei motivi dell'arretratezza sociale, culturale, economica di buona parte del Sudamerica.
Del resto basta guardare Morales, e si capisce tutto. In effetti Bergoglio, di fromte a lui, sembra Leonardo.