giovedì 12 agosto 2021

Arciv. Viganò: “Vescovi e sacerdoti, alla vigilia dell’Assunta dedichiamo la giornata alla preghiera e al digiuno. E recitiamo l’esorcismo di Leone XIII”

Indice degli interventi precedenti e correlati.
Invito ai vescovi e ai sacerdoti di tutto il mondo a una giornata di digiuno e alla recita dell’esorcismo di Leone XIII, la vigilia dell’Assunzione al Cielo della Beata Vergine Maria


In questo momento di gravissima crisi spirituale e materiale, in cui le pubbliche Autorità assecondano i piani del Nuovo Ordine Mondiale e i Pastori tacciono complici dinanzi alla distruzione della società e della stessa Chiesa di Cristo, è nostro sacro dovere unirci alla battaglia spirituale, schierandoci senza esitazione sotto i vessilli di Cristo Re e di Maria Regina.

Il Signore ha dato ai Vescovi e ai Sacerdoti il potere di scacciare i demoni nel Suo Nome, e già il Sabato Santo del 2020 molti di essi hanno accolto con generosità e spirito soprannaturale il mio appello, che oggi intendo rinnovare. Chiedo pertanto ai miei venerati Confratelli nell’Episcopato e nel Sacerdozio di dedicare la Vigilia dell’Assunzione della Beatissima Vergine Maria alla preghiera e al digiuno, e di recitare l’Exorcismus in Satanam et angelos apostaticos di Leone XIII (Rituale Romanum, Tit. XII, Caput III) [scaricare qui], alle ore 12 di Roma. Questo Sacramentale sarà posto sotto il manto della più temibile Avversaria delle potenze infernali, affinché la preghiera corale dei Ministri di Dio allontani dalla Chiesa e dal mondo le insidie del Nemico del genere umano che oggi minacciano la società, le famiglie, i singoli e in particolar modo i fedeli di Cristo.

Il mondo secolarizzato, e con esso non pochi Pastori, potranno schernire questo appello e lo stesso Esorcismo, considerandolo retaggio di un passato da cancellare assieme alla Fede dei nostri padri. Ma noi sappiamo bene che, ancorché indegni e peccatori, ci è stato dato da Nostro Signore un potere che terrorizza le Porte dell’Inferno e i suoi servi.

Nel silenzio e nel digiuno che ci prepara alla festa dell’Assunzione della Regina del Cielo, invochiamo la Vergine Santissima, terribile come esercito schierato in battaglia, e San Michele Arcangelo, Patrono della Santa Chiesa e Principe delle Milizie celesti.
+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo
12 agosto 2021

***

INVITATION TO BISHOPS AND PRIESTS FROM AROUND THE WORLD TO A DAY OF FASTING AND THE RECITATION OF THE EXORCISM OF LEO XIII ON THE VIGIL OF THE ASSUMPTION OF THE BLESSED VIRGIN MARY INTO HEAVEN

In this moment of very serious spiritual and material crisis, in which the public Authorities support the plans of the New World Order and the Shepherds are silent accomplices in the face of the destruction of society and of the Church of Christ herself, it is our sacred duty to unite ourselves to the spiritual battle, aligning ourselves without hesitation under the banners of Christ our King and Mary our Queen.

The Lord has given to Bishops and Priests the power to cast out demons in His Name. Already on Holy Saturday of 2020 many of them welcomed my appeal with generosity and a supernatural spirit. Today I intend to renew this appeal. I ask, therefore, my venerable Brothers in the Episcopate and Priesthood to dedicate the Vigil of the Assumption of the Most Blessed Virgin Mary to prayer and fasting, and to reciting the Exorcismus in Satanam et angelos apostaticos of Leo XIII (Rituale Romanum, Tit. XII, Caput III), at the hour of 12 noon in Rome. This sacramental will be placed under the mantle of the most fearful Adversary of the infernal powers, so that the choral prayer of the Ministers of God will remove from the Church and the world the snares of the Enemy of mankind which today threaten society, families, individuals, and in a particular way the faithful of Christ.

The secularized world, and along with it not a few Shepherds, will be able to mock this appeal and the Exorcism itself, considering it the legacy of a past to be cancelled along with the Faith of our fathers. But we know well that, although we are unworthy sinners, a power has been given to us by Our Lord which terrorizes the Gates of Hell and its servants.

In the silence and fasting which prepares us for the Feast of the Assumption of the Queen of Heaven, let us invoke the Most Holy Virgin, terrible as an army set in battle array, and Saint Michael the Archangel, the Patron of the Holy Church and Prince of the Heavenly Hosts.
+ Carlo Maria Viganò, Archbishop

***

INVITACIÓN A LOS OBISPOS Y SACERDOTES DE TODO EL MUNDO A UNA JORNADA DE AYUNO Y ORACIÓN Y A RECITAR EL EXORCISMO DE LEÓN XIII EN LA VÍSPERA DE LA ASUNCIÓN AL CIELO DE LA BIENAVENTURADA VIRGEN MARÍA

En estos momentos de gravísima crisis espiritual y material en que las autoridades públicas apoyan los planes del Nuevo Orden Mundial y los pastores callan en complicidad con la destrucción de la sociedad y de la propia Iglesia de Cristo, tenemos el sagrado deber de unirnos para librar la batalla espiritual, cerrando filas sin vacilar bajo las banderas de Cristo Rey y de María Reina.

El Señor ha conferido a los obispos y los sacerdotes poder para expulsar demonios en su Nombre, y el Sábado Santo del pasado 2020 muchos de ellos acogieron generosamente la petición que hoy quisiera renovar. Solicito, pues, a mis venerables hermanos en el Episcopado y el Sacerdocio que dediquen la víspera de la Asunción de la Santísima Virgen María a la oración y el ayuno, así como que recen el Exorcismus in Satanam et angelos apostaticos de León XIII (Rituale romanum, Tit.XII, Caput III), a las 12, hora de Roma. Este sacramental se colocará bajo el manto de la más temible Adversaria de las potencias infernales, a fin de que la oración conjunta de los Ministros de Dios aleje de la Iglesia y del mundo las asechanzas del Enemigo del género humano que amenazan actualmente la sociedad, la familia, a las personas y, en particular, a los fieles de Cristo.

El mundo secularizado, y junto con él no pocos pastores, se burlarán tal vez de este llamado y aun del propio Exorcismo, considerándolo vestigio de un pasado que es preciso olvidar junto con la Fe de nuestros padres. Pero sabemos bien que, por indignos y pecadores que seamos, Nuestro Señor nos ha conferido un poder que aterroriza las Puertas y los secuaces del Infierno.

En el silencio y el ayuno que nos prepara para la festividad de la Asunción de la Reina del Cielo, invoquemos a la Virgen Santísima, terrible como ejército formado en batalla y a San Miguel Arcángel, patrono de la Santa Iglesia y Príncipe de las Milicias Celestiales.
+Carlo Maria Viganò, Arzobispo

***

APELO AOS BISPOS E SACERDOTES DE TODO O MUNDO PARA UM DIA DE JEJUM E PARA A RECITAÇÃO DO EXORCISMO DE LEÃO XIII NA VIGÍLIA DA ASSUNÇÃO AO CÉU DA BEM-AVENTURADA VIRGEM MARIA

Neste momento de gravíssima crise espiritual e material, em que as Autoridades públicas favorecem os planos da Nova Ordem Mundial e os Pastores são cúmplices silenciosos diante da destruição da sociedade e da própria Igreja de Cristo, é nosso sagrado dever unir-nos à batalha espiritual, alinhando-nos, sem hesitação, sob os estandartes de Cristo Rei e de Maria Rainha.

O Senhor deu aos Bispos e aos Sacerdotes o poder de expulsar os demónios em Seu Nome, e, já no Sábado Santo de 2020, muitos deles acolheram, com generosidade e espírito sobrenatural, o meu apelo, que hoje pretendo renovar. Peço, portanto, aos meus veneráveis Irmãos no Episcopado e no Sacerdócio que dediquem a Vigília da Assunção da Bem-Aventurada Virgem Maria à oração e ao jejum, e que recitem o Exorcismus in Satanam et angelos apostaticos, de Leão XIII (Ritual Romanum, Tit. XII, Caput III), às 12 horas de Roma. Este Sacramental será colocado sob o manto da mais temível Adversária dos poderes infernais, para que a oração coral dos Ministros de Deus afaste da Igreja e do mundo as insídias do Inimigo do género humano que, hoje, ameaçam a sociedade, as famílias, os indivíduos e, em particular, os fiéis de Cristo.

O mundo secularizado, e com ele não poucos Pastores, poderão escarnecer deste apelo e do próprio Exorcismo, considerando-o herança de um passado a ser apagado junto com a Fé dos nossos pais. Mas sabemos bem que, embora indignos e pecadores, foi-nos dado por Nosso Senhor um poder que aterroriza as Portas do Inferno e os seus servos.

No silêncio e no jejum que nos prepara para a festa da Assunção da Rainha do Céu, invocamos a Santíssima Virgem, terrível como um exército em ordem de batalha, e São Miguel Arcanjo, Padroeiro da Santa Igreja e Príncipe das Milícias Celestes.
+ Carlo Maria Viganò, Arcebispo

15 commenti:

Anonimo ha detto...

modernisti e i massoni, poveretti, vittime del loro signore, il principe della menzogna, non capiscono, perché per loro la divinità è in realtà il tentativo satanico di mettersi al posto di Dio, e quindi è tutto chiacchiere e niente fatti.

Il vero Dio, che essi non conoscono affatto, invece è Verbum-Caro, è Parola-Fatto.

https://www.marcotosatti.com/2021/08/12/civitavecchia-la-madonnina-contra-factum-non-valet-argumentum/

tralcio ha detto...

E' un dato di fatto, impressionante e inedito.
TUTTI i poteri terreni si mostrano uniti nel perseguire un unico disegno.
Anche chi non è convinto, in un modo o nell'altro non si oppone, ma giustifica e si accoda.

E' una situazione che sfugge alla semplice dimensione storica e diventa metafisica, preternaturale. Ergo è necessario avere comportamenti che superano la mera dimensione del secolo, delle cause seconde, del confidare negli uomini.

Apocalisse 17,12-14

Le dieci corna che hai viste sono dieci re, i quali non hanno ancora ricevuto un regno, ma riceveranno potere regale, per un'ora soltanto insieme con la bestia. Questi HANNO UN UNICO INTENTO: consegnare la loro forza e il loro potere alla bestia. Essi combatteranno contro l'Agnello, ma l'Agnello li vincerà, perché è il Signore dei signori e il Re dei re e quelli con lui sono i chiamati, gli eletti e i fedeli".

Altre traduzioni delle parole in maiuscolo rendono invece: NON HANNO CHE UN MEDESIMO PENSIERO METTENDOSI A DISPOSIZIONE DELLA BESTIA.

L'AGNELLO LI VINCERA', e lo farà in un istante. Il Signore degli eserciti ha a disposizione le schiere angeliche. Maria, assunta in cielo, la Madre del Verbo, l'Agnello di Dio, è la loro regina.

Beati coloro che sono chiamati al banchetto nuziale dell'Agnello (Ap. 19,9).
Appuntamento in Via della croce, dalla Corredentrice.

Catholicus ha detto...

MAI COME IN QUESTO TEMPO.

“LA VERITÀ GENERA ODIO; per questo alcuni, per non incorrere nell'odio degli ascoltatori, velano la bocca con il manto del silenzio.

Se predicassero la verità, come verità stessa esige e la divina Scrittura apertamente impone, essi incorrerebbero nell'odio delle persone mondane, che finirebbero per estrometterli dai loro ambienti.

Ma siccome camminano secondo la mentalità dei mondani, temono di scandalizzarli, mentre non si deve mai venir meno alla verità, neppure a costo di scandalo”

(S. Antonio da Padova)

Antonio ha detto...

I laici in che modo possono unirsi?

Anonimo ha detto...

Sì, direi che l'esorcismo è l'ultima spiaggia.
I bei discorsi, le denunce, le manifestazioni non hanno sortito nessun effetto né in Italia né altrove. I mondialisti se la ridono di certe sfuriate e procedono lesti lesti verso l'agognato trionfo del Nuovo Ordine Mondiale.
Tentar non nuoce con l'esorcismo, però bando alle illusioni!
PS
Di fregature ne abbiamo prese talmente tante che...

Anonimo ha detto...

@Antonio

Suggerimento:
trovarsi davanti a Gesù Eucaristico all'ora stabilita, recitare il Veni Creator, il Credo,
Pater, Ave, Gloria, preghiera a San Michele, all'Angelo Custode ed ai propri Santi.

Poi far partire questo audio nel silenzio della Chiesa:
https://t.me/ParoleSante/1006

Buon combattimento.
Loredana

mic ha detto...

Possiamo unirci spiritualmente col Santo Rosario e la preghiera a San Michele Arcangelo.

Anonimo ha detto...

"I laici in che modo possono unirsi?"
Oltre che unirsi spiritualmente con la preghiera, i laici devono continuare a tener viva la battaglia culturale oltre a cercare di frequentare la Messa OV. Lo "strumento" di questa battaglia è al momento soprattutto la rete, che va ben impiegata, si capisce. T.

Anonimo ha detto...

Anche più terra-terra

Si fa come l'infermiere marchigiano di Porto San Giorgio e se messi alle strette non dite che siete no-vax, ma che siete in diritto di ricevere informazioni prima di dare un consenso informato (che è anche una liberatoria).
Dunque fate domande (c'è da sbizzarrirsi, anche a partire da tutti quei piccoli problemucci di salute che ciascuno di noi ha e senza dimenticare di porre quelle più scomode, sui feti fatti abortire a comando, sul grafene, sulla farmacocinetica del m-RNA... etc) alle quali i somministratori non sapranno/vorranno/potranno rispondere. Fatelo in presenza di testimoni accreditati (un avvocato o un medico di fiducia) e se necessario anche dei carabinieri.

Il meccanismo si incepperà.

Antonio ha detto...

Grazie!

Anonimo ha detto...

Solo Gesù può salvarci, mi associo alla preghiera di Mons Vigano’

Anonimo ha detto...

Qualcuno dice che recitare quell'esorcismo sia delitto da scomunica. Chi avrebbe posto una simile sanzione? Ove ci sia, ovviamente.

mic ha detto...

Quell'esorcismo è perfettamente lecito. L'unica possibile remora è per i laici; perché è prerogativa dei sacerdoti....

Anonimo ha detto...

Davvero pensate che sia scienza con la s maiuscola l'esibizione quotidiana di 5 o 6 medici che, senza contraddittorio e sempre gli stessi, fanno a gara a chi è più ortodosso nel sostenere la tesi dominante dell'emergenza infinita e delle misure emergenziali assai stringenti? Non dovrebbe essere la scienza caratterizzata dal dibattito e dal pluralismo di prospettive, talvolta anche antitetiche? E soprattutto chiedetevi: chi sceglie e su che basi quali medici mandare in onda tutti i giorni? Gli operatori dei media e il circo mediatico, non dunque la comunità scientifica. Dunque, i 5 o 6 medici che vedete in televisione, sempre gli stessi, tutti i giorni vengono messi lì non da una commissione scientifica che ne valuti le pubblicazioni e l'operato, ma da operatori dei media e da autori delle trasmissioni televisive. E cosa vi sarebbe in ciò di scientifico?

Teatro.o meglio guittatro ha detto...

Cio' che afferma e' la riprova, nel caso ce nefosse bisogno, che stanno "recitando"una parte ad essi assegnata.