sabato 16 ottobre 2021

Nuova Lettera dal card. Raymond L. Burke: Preghiamo il Rosario ogni giorno.

Ricevo una nuova lettera del card. Raymond Leo Burke, che con gioia condivido. Precedenti a partire da qui.

Sia lodato Gesù Cristo!
Cari fratelli e sorelle in Cristo,
con sentita gratitudine a tutti coloro che hanno pregato per la mia guarigione, vi scrivo per informarvi che, dalla mia precedente lettera, la fisioterapia ha aiutato così tanto la mia riabilitazione che ora sono in grado di offrire quotidianamente la Santa Messa. Le parole non possono esprimere adeguatamente la mia gioia per questo dono della grazia di Dio nella mia vita. Come sacerdote, Vescovo e Cardinale, il ritorno all’offerta quotidiana della Santa Messa, il principale lavoro quotidiano di ogni sacerdote, mi unisce più pienamente a voi nel nostro legame spirituale come membri del Corpo Mistico di Cristo (cfr. Gv 15, 5-8; Ef 4, 4-13). Allo stesso tempo, la mia guarigione continua a rimanere un processo intenso. La Divina Provvidenza determinerà il momento del mio ritorno alle mie abituali attività pastorali. Nel frattempo, vi prego di aiutarmi a prepararmi, nel miglior modo possibile, per quel momento con le vostre preghiere.

Questa lettera, tuttavia, non vuole essere principalmente un aggiornamento sulle condizioni della mia salute. È piuttosto uno strumento della carità pastorale che è la grazia distintiva del sacerdozio e dell’episcopato, offrendo una solida direzione e un incoraggiamento ai fedeli. Nello specifico, scrivo per incoraggiarvi a recitare quotidianamente la potente preghiera del Santo Rosario.

Anche se la festa o la memoria di Nostra Signora del Rosario si celebra il 7 ottobre, l’intero mese di ottobre è dedicato a promuovere questa preziosissima devozione a Maria, che Lei stessa ci ha donato. Nello scrivervi sulla preghiera quotidiana del Santo Rosario, sottolineo tre importanti considerazioni.

Primo, il messaggio della Madonna di Fatima ci esorta a onorarla pregando il Rosario ogni giorno. Secondo, quando Nostra Signora concluse le sue apparizioni a Fatima il 13 ottobre 1917, Nostro Signore concesse una notevole conferma delle apparizioni nel Miracolo del Sole. In terzo luogo, nel chiederci di pregare ogni giorno il Rosario, la Madonna ha indicato un’intenzione specifica: la pace. Papa San Giovanni Paolo II, facendo eco ai messaggi della Madonna a Fatima, ha spiegato che “il Rosario è per sua natura una preghiera per la pace” (Rosarium Virginis Mariae, 40).

La pace per la quale preghiamo, recitando la preghiera del Rosario, non è una pace data da questo mondo (cfr. Gv 14, 27), ma la pace ottenuta per noi dal sangue della Croce di Gesù Cristo (cfr. Col 1, 20). Ricordiamo che a Nostra Signora del Rosario fu dato per la prima volta il titolo di Nostra Signora della Vittoria da Papa San Pio V, per onorare la vittoria della pace, che fu vinta, per sua intercessione e soprattutto attraverso la preghiera del Santo Rosario, nella battaglia di Lepanto il 7 ottobre 1571. Cambiando il titolo di Nostra Signora della Vittoria in Nostra Signora del Santo Rosario, Papa Gregorio XIII sottolineò il potente strumento per raggiungere la vittoria della pace, cioè la preghiera del Santo Rosario.

La vittoria della pace è in definitiva la vittoria su Satana che, dal peccato dei nostri Primi Genitori, non cessa di tentarci a commettere il peccato. È la vittoria operata da Dio Padre attraverso l’incarnazione redentrice del suo Figlio unigenito. La Beata Vergine Maria, Madre di Dio, è lo strumento privilegiato attraverso il quale Dio Padre ha mandato Dio Figlio nel mondo per ottenere per noi la vittoria. È la donna il cui Figlio schiaccia la testa del serpente, Satana, come Dio Padre aveva promesso dopo il peccato di Adamo ed Eva (cfr. Gen 3, 15). Lei continua ad essere il canale attraverso il quale la grazia di Cristo vince il peccato nella nostra vita quotidiana.

Pregando quotidianamente il Rosario, ci avviciniamo alla Madre del Nostro Salvatore, che ci insegna, come insegnò ai cantinieri alle nozze di Cana: “Fate quello che Egli [Gesù] vi dirà” (Gv 2, 5). Lei, che il Nostro Salvatore ci ha dato come nostra Madre – la Madre della Divina Grazia – ci aiuta a stare fedelmente, con lei, sotto la Croce di Nostro Signore, un solo cuore con il suo Cuore Immacolato nel glorioso Cuore trafitto di Gesù (cfr. Gv 19, 25-27). Con lei partecipiamo al Trionfo della Croce.

La vittoria della pace, ricercata attraverso il Cuore Immacolato di Maria con la preghiera del Santo Rosario e raggiunta nel Sacro Cuore di Gesù, vince la confusione, l’errore e la divisione, tutte le opere del Maligno, che oggi attaccano così ferocemente il mondo e la Chiesa. Per questo vi esorto oggi, se non lo state già facendo, a pregare il Santo Rosario, chiedendo l’intercessione della Madre di Dio per la vittoria della pace, la pace nella vostra anima, la pace nel mondo, la pace nella Chiesa. Vi lascio con le parole di Papa San Giovanni Paolo II, il cui ministero papale fu così fortemente segnato dalla devozione alla Beata Vergine Maria: “Preghiamo il Rosario, se possibile ogni giorno, da soli o in comunità. Il Rosario è una preghiera semplice, ma profonda e molto efficace, anche per chiedere favori alle famiglie, alle comunità e al mondo” (Regina Caeli, 28 aprile 2002).

Implorando Nostro Signore, per intercessione di Nostra Signora di Guadalupe, di benedire voi, le vostre case, le vostre famiglie e tutte le vostre opere, rimango
Vostro nel Sacro Cuore di Gesù
e nel Cuore Immacolato di Maria,
e nel purissimo Cuore di San Giuseppe,
Raymond Leo Cardinale Burke
15 ottobre 2021

11 commenti:

Anonimo ha detto...


La pace dopo la vittoria o al posto della vittoria?

A Lepanto, grazie anche al Santo Rosario, la pace fu raggiunta grazie alla vittoria in una battaglia che costò in totale circa 59.000 perdite, includendo in esse morti, feriti, dispersi. I caduti cristiani furono più di 7000, quelli mussulmani più di 20.000. Un macello spaventoso.
E quale pace fu raggiunta? La pace nel mondo? No di certo. L'impero ottomano era un formidabile Stato, un colosso esteso su tre continenti. Come disse poco dopo il Gran Vizir ad un ambasciatore cristiano: "a Lepanto ci avete tagliato la barba, che ricrese (mesi dopo la flotta turca era già stata frettolosamente ma abilmente ricostituita pur avendo perso a Lepanto ben 200 unità su 230), togliendovi Cipro (causa della guerra che portò a Lepanto) vi abbiamo tagliato un braccio". La lotta degli Ottomani per imporre l'islam in tutto il mondo conosciuto continuava.
E continuò. Ci vollero altre e sempre sanguinose battaglie per respingere la poderosa avanzata: a Vienna nel 1683, a Zenta agli inizi del Settecento...
In questo mondo non c'è mai la pace, ci sono solo momenti di pace, quando ci sono. La battaglia è continua. Come contro il nemico esterno, il nemico della fede, così contro noi stessi: battaglie che ci fanno sanguinare amaramente nell'anima, contro i nostri istinti, le nostre cattive idee ed inclinazioni, per pentirci dei nostri peccati e non tornare a commetterli. BAttaglie da condurre con l'ausilio formidabile del Santo Rosario, ma per ottenere la vittoria, in primo luogo contro noi stessi e poi contro il mondo nemico di Cristo, se il Signore ce la concederà, quest'ultima.
Z.

h.21:00 E' l'ora che pia.. ha detto...

Don Luca Paitoni
S. ROSARIO MEDITATO - 16 OTTOBRE
La strada del Paradiso
https://www.youtube.com/watch?v=dNE-qBM4iAg

Anonimo ha detto...

Maria ma un bel Rosario + invocazione allo Spirito Santo affinché - per intercessione della Santa Vergine - illumini gli elettori (specie romani) in questo ballottaggio di domani e lunedì? Che dici, non mi pare male come idea..

Anonimo ha detto...

Bene. Con certe eccezioni. Per esempio evitiamo e non confondiamo la Pace con un certo pacifismo internazionalist-ecumenista d'ispirazione "esperantoesca" se m'intendete...
Mugur Puia

mic ha detto...

Anonimo 21:21
Di Rosari ne sono stati indetti tanti. E noi rispondiamo. Nell'intenzione per l'Italia c'è già tutto...

Streaming avviato 62 minuti fa ha detto...

Ordinazione Episcopale di Mons. Guido Marini e Mons. Andrès Gabriel Ferrada Moreira
RadioPNR InBlu Tortona
https://www.youtube.com/watch?v=jNjT612dnGk

Amen ! Amen! Amen! ha detto...

Bellissima nota di ringraziamento dei due nuovi pastori Vescovi summenzionati.
A lode e gloria di Dio una S.Messa di ringraziamento per tutti i Sacerdoti e le loro famiglie d'origine sara' celebrata nella Chiesa dei Santi Giuliano e Celso il 29 Ottobre 2021.

Anonimo ha detto...

Non sono, questi nostri, i tempi in cui, di gran lunga, necessita l’umanità di tali ausili celesti? Ahinoi, se lo sono!

Basta leggere qualche pagina dell’Apocalisse e vederla così sorprendentemente corrispondere a tanti articoli di cronaca, per capire quanto fitte siano le tenebre del mondo in cui viviamo.

Tempi convulsi e desolati, in particolare dal marzo 2020 quando la partecipazione alle messe fu ufficialmente vietata ai fedeli, per quel sinistro anticristico e transumano progetto condiviso da Regno e Sacerdozio, che ha fatto della spada di Damocle una realtà tangibile sulla nostra testa.

Che sconcerto si è prodotto in molti in quel momento!

Sconcerto in diversi casi, ancora insuperato, quello dei pastori compreso che si sono visti improvvisamente costretti a cimentarsi in improvvisati streaming, mentre venivano privati del gregge.

Una cosa dello stesso sapore, accadrebbe a un medico a cui venisse vietato di curare gli ammalati, obbligato a tradire allo stesso tempo il Giuramento di Ippocrate e la sua stessa missione: moderne circoncisioni!
https://www.marcotosatti.com/2021/02/09/veronica-cireneo-propone-lorologio-vivente-perpetuo-le-ore-della-passione/

Veronica Cireneo
(fondatrice nel marzo 2020, in occasione della chiusura delle chiese, dell’Orologio Vivente Perpetuo:” CORPO MISTICO” tuttora in essere.
Chi fosse interessato ad unirsi a questo Orologio o ad ottenere istruzioni per formarne uno nuovo, mi troverà disponibile all’indirizzo mail:capamoscia@gmail.com. Rendiamo grazie, per grazie, a Dio)
PAX ET BONUM

Anonimo ha detto...

radicatinellafede rnf
https://www.youtube.com/watch?v=Cim8Igqr9yY&t=2s

XXI Domenica dopo Pentecoste in rito tradizionale a Vocogno in Val Vigezzo (VB).
Omelia di don Alberto Secci: una visione rozza?
Domenica 17 Ottobre 2021.

h.21:00 E' l'ora che pia... ha detto...

Don Luca Paitoni
https://www.youtube.com/watch?v=AYsOoFOCZK4
S. ROSARIO MEDITATO - 17 OTTOBRE
La Devozione a Maria Vergine

h.21:00 E' l'ora che pia.. ha detto...

Don Luca Paitoni
https://www.youtube.com/watch?v=9fQhlf0N470
S. ROSARIO MEDITATO - 18 OTTOBRE
La presenza di Dio

Tanti Auguri Don Luca!