venerdì 8 ottobre 2021

Agamben al Senato. Il green pass è strumento di oppressione

Indice degli articoli su Covid, vaccini e dittatura sanitaria. 
Siamo consapevoli di vivere in una montatura, imposta dal Regime che ha assunto il potere, perché quando si parla di sanità e del corpo umano viene annullato il dibattito, facendosi schermo del parere degli scienziati in materia di medicina e di virologia. Quando invece si parla di politica, si pretende di chiudere la bocca degli scienziati della politica e delle materie che riguardano il corpo sociale, agli unici che hanno le competenze per capire quanto sia devastante, addirittura esiziale per la democrazia, l'introduzione di misure di controllo come il Green Pass. Di seguito, la trascrizione del testo del discorso tenuto dal filosofo prof. Agamben, di fronte alla Commissione Affari Costituzionali del Senato.
Usando il motore di ricerca interno potete trovare diversi scritti del prof. Agamben pubblicati dal blog.

Agamben al Senato: “Green pass peggio dell’Unione sovietica”
7 Ottobre 2021

Vorrei soffermarmi solo su due questioni da portare all’attenzione dei parlamentari che dovranno votare la conversione in legge del decreto legge sul green pass.

1. Il primo è l’evidente contraddittorietà del decreto in questione. Voi sapete che il governo grazie ad un decreto è esentato da ogni responsabilità per i danni prodotti dal vaccino. E quanto gravi possano essere questi danni risulta dal fatto che l’articolo 3 dello stesso decreto menziona esplicitamente gli articoli 589 e 590 del codice penale, che si riferiscono all’omicidio colposo e alle lesioni colpose.

Come autorevoli giuristi hanno notato, questi significa che lo Stato non si sente di assumersi la responsabilità su un vaccino che non ha terminato la sua fase di sperimentazione. E tuttavia allo stesso tempo cerca di costringere con ogni mezzo i cittadini a vaccinarsi, escludendoli altrimenti dalla vita sociale e ora, col decreto che state votando, privandoli persino della possibilità di lavorare.

È possibile immaginare una situazione giuridicamente e moralmente più abnorme? Come può lo stato accusare di irresponsabilità chi decide di non vaccinarsi, quando lo stesso Stato che per primo declina formalmente ogni responsabilità in merito alle possibili gravi conseguenze del vaccino?

Vorrei che i parlamentari rispondessero a questa contraddizione, che a mio avviso configura una mostruosità giuridica.

2. Il secondo punto sul quale vorrei attirare la vostra attenzione non riguarda il problema medico del vaccino, ma quello politico del green pass. È stato detto da scienziati e da medici che il green pass non ha in sé alcun significato medico ma serve ad obbligare la gente a vaccinarsi. Invece io penso si debba dire il contrario: ovvero che il vaccino sia un mezzo per costringere la gente ad avere il green pass. cioè uno dispositivo che permette di controllare e tracciare gli individui, misura che non ha precedenti.

I politologi sanno da tempo che le nostre società sono passate dal modello “di disciplina” a quello delle società “di controllo”, fondate sul controllo digitale, virtualmente illimitato, dei comportamenti individuali. Ormai diventati quantificabili. Ci stiamo abituando a questi dispositivi di controllo. Ma, vi chiedo, fino a che punto siamo disposti ad accettare che questo controllo si spinga?

È possibile che i cittadini di una società che si pretende democratica si trovino in una condizione peggiore dei cittadini dell’Unione Sovietica sotto Stalin? Voi sapete che i cittadini sovietici erano costretti a mostrare un lasciapassare per ogni spostamento da un Paese all’altro. Noi invece siamo costretti a mostrarlo anche per andare al ristorante, al museo, al cinema e ora anche per andare a lavorare.

31 commenti:

Anonimo ha detto...

Buone notizie dalla Polonia
(John Caldwell Calhoun è vivo e lotta con noi)
In caso di «conflitto insanabile» tra il diritto dell'Unione Europea e la Costituzione polacca, «sono possibili le seguenti conseguenze: modifica della Costituzione, modifica della legge europea o uscita dall'Unione Europea». È quanto ha stabilito il Tribunale Costituzionale polacco nella sentenza con la quale ha dichiarato incostituzionale parte del trattato di adesione della Polonia all'Unione Europea. Un pronunciamento che porta al suo apice lo scontro tra Varsavia e Bruxelles. Secondo l'Alta Corte Polacca il trattato europeo contrasta con alcuni punti della Carta fondamentale polacca.

Anonimo ha detto...

il link
https://www.ilgiornale.it/news/politica/polonia-leggi-ue-incostituzionali-1980505.html

Anonimo ha detto...

E' il caso di rispolverare questa riflessione di mic
Curare i pregiudizi con le scosse. Resilienza o reazione? Ma come e con chi?
https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/04/curare-i-pregiudizi-con-le-scosse.html

Anonimo ha detto...

Buone notizie dall'Italia.

Aifa è indagata dalla Corte dei Conti per aver rifiutato cure utili e gratuite (monoclonali).

Aifa è delegittimata dall'aver taciuto sull'abbinamento di tachipirina e vigile attesa.

Aifa è delegittimata dall'aver autorizzato variazioni (di numero di dosi, di tempo tra le dosi e di tipo di vaccino tra una dose e l'altra) sulla (già scarsa) sperimentazione fatta.

Aifa è stata incapace di porre questioni sulla sicurezza del trattamento su soggetti a rischio in assenza di ogni dato sperimentale che ne rendesse accettabile il rischio.

Aifa è stata incapace di organizzare una farmacovigilanza degna di questo nome sugli effetti avversi della vaccinazione, in particolare la pletora di malori improvvisi.

Aifa adesso ha concesso il non plus ultra: il prolungamento di scadenza di lotti scaduti (e non lotti qualsiasi, bensì sperimentali).

Buone notizie... E' sempre più difficile che non si venga chiamati a risponderne.

Non solo Aifa: c'è anche l'ISS; c'è anche il CTS; e c'è l'ineffabile Ministro della Salute.

Anonimo ha detto...

Lo stato d'emergenza sta mostrando la struttura della nuova normalità. Pertanto ogni provvedimento va letto come nuova regola sociale, parte di un nuovo ordine in costruzione, che diventerà 'perfetto', quando vi sarà completa identificazione tra stato d'emergenza e 'normalità'. Quando, cioè, basterà togliere una parola per usarne un'altra, lasciando inalterato tutto quello che l'emergenza avrà prodotto. L'uso del green pass ne è l'esempio più eclatante. Ma anche la sospensione dal lavoro, che sostituirà la vecchia procedura del licenziamento, ponendosi semplicemente a tempo indeterminato.

Finché si affrontano le questioni con la coscienza critica prepandemica, distinguendo ad esempio tra 'sospensione green pass' - che, si noti bene, non a caso, è un istituto nuovo - e licenziamento, si è ancora lontani dalla comprensione degli eventi.
Per capire il futuro, occorre studiare lo stato di emergenza, nei suoi nuovi paradigmi, nel suo nuovo linguaggio, nei suoi nuovi strumenti, imparando a sostituirli alla coscienza storica, ancorata a un mondo che non c'è più.

Anonimo ha detto...

Saremo forzati da fatti eclatanti di regime e da acquiescenza ignorante ma complice di una massa a formare una società alternativa nella società, sistema sociale sotterraneo di baratto e di aiuto tra i partigiani del mondo libero, e libero secondo Dio onde avere vittoria certa, un giorno.

Anonimo ha detto...

Se noi fossimo uniti, sinceramente italiani e non nel pensier fingendoci cittadini dell'urss o dell'ammmerica o cosmopoliti o nomadi le risposte sarebbero sgorgate spontanee dal popolo intero e dai suoi rappresentanti.

Chi mena per primo mena due volte...invece noi siamo stati a vedere cosa succedeva e sarebbe successo prestando una guancia eppoi l'altra e poi ancora la precedente eppoi un gluteo eppoi l'altro eppoi tutti e due insieme. Chi pecora si fa il lupo se la magna.

Noi avremmo dovuto prendere a calci in cxlx qualche personaggio almeno fino dal 2011 eppoi a seguire il signor 'buonasera' in contemporanea molti alti ancora.

Quello che non avete capito che gli autentici violenti sono loro che educatamente vi stuprano talmente bene che poi li ringraziate pure. Non possiamo fare neanche una congiura tra noi perché tre di noi hanno almeno trentatre opinioni diverse su come essere congiurati.

Comunque a modo nostro ne usciremo come al solito con l'arte di arrangiarsi, nella quale siamo insuperabili. Dedicata al popolo italiano da Franco Fortini ed ora da me a voi che leggete:

Mio popolo canaglia
rotto di cento piaghe
mio popolo assassino
mia vergogna
Dunque ora bisogna
non esser più soli
non aspettare più
non avere più paura
Popolo di dolore
la bocca più impura
può offrire l’amore
più forte
Mio popolo di morte
la mano più ferita
può dare la misura
più giusta.

Anonimo ha detto...

Si d'accordo però ora anche basta con 'sto no-green pass che tra l'altro mi pare non abbia neppure portato elettoralmente bene a colpro che lo hanno gridato ovunque (e, sia detto per inciso - prima che qualcuno mi dia del piddino - non sono certo un votante dell'altra parte politica, ma uno dei tantissimi, la stragrande maggioranza anche tra gli elettori di cdx, che non si è scandalizzato affatto per la sua introduzione..) ma che adesso, visti i risultati davvero poco incoraggianti in troppe città italiane dove si è votato, da lunedì non ne stanno parlando più, avendo intuito di aver combattuto, come generali, una battaglia senza praticamente truppe al seguito. Andiamo oltre.

mic ha detto...

Un pronunciamento che porta al suo apice lo scontro tra Varsavia e Bruxelles. Secondo l'Alta Corte Polacca il trattato europeo contrasta con alcuni punti della Carta fondamentale polacca.

Frutto del Santo Rosario, anche degli anni precedenti?

Catholicus ha detto...

"Perché si ostracizzano i medici che curano il Covid con i farmaci esistenti? Perché i giornali e le reti tv nazionali li demonizzano? Perché nei media non si parla mai delle persone che a causa del vaccino hanno una vita distrutta? Perché non si ammette che migliaia di morti nel mondo sono causati dai vaccini? Perché non si parla delle manifestazioni in moltissime citta del pianeta contro il vaccino e il covid pass?..... Dove sono le Forze dell’ordine, i magistrati, i giornalisti onesti? Informatevi, dubitate. Perché non avete mai cercato di vedere quello che chiunque può trovare nei siti internet? La tv e i giornaloni non sono oracoli delfici, sono gli stessi che hanno diffuso le menzogne contro Saddam Hussein accusandolo di essere in possesso di armi biologiche....Non conformatevi a chi distruggerà la vostra vita, quella dei vostri figli e nipoti. Siete pagati dal popolo per difenderlo, se non lo fate sarete considerati i primi responsabili" Fonte:
https://www.marcotosatti.com/2021/09/08/agostino-nobile-ma-perche-ci-vogliono-tutti-tutti-vaccinati/

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo. Ho notato che gli italiani in genere vogliono un governo forte. Non tengono alla libertà e il voto lo dimostra. Inoltre se a breve non ci mettono il microchip e non ci sarà l'Apocalisse, perderemo altre battaglie assai più importanti. Forse i cattolici del piccolo resto dovrebbero allearsi ai pensatori liberali in senso lato, come Cacciari Agamben, Porro ecc.

Wisteria ha detto...

D'accordo con lei. E rischiamo di perdere altre battaglie più serie.

Anonimo ha detto...

Il doktor prof. Brenntferren del Gesundheit hochinstitute sta dicendo che in Italia circola solo la variante delta e che l'efficacia del vaccino è ufficialmente (dato secondo gli organizzatori) scesa al di sotto dell'ottanta per cento (secondo la questura è già sotto il cinquanta). I riceventi siero a primavera entrano nel semestre bianco: non c'entra con la neve e nemmeno le sculture del Quirinale, ma con un già riscontrato decadimento della copertura vaccinale mentre si entra nella stagione autunnale e invernale. Così Brenntferren mette le mani avanti, caso mai dovesse piovere a catinelle sull'esperimento in corso sulle sturm truppen da Lampedusen al Brenneren.

Il ministro Hoffnung insiste con la Takipirinen und vigilante Warten.

Con voce da compressione scrotale Lokatell von CITIESSEN tira il freno e spiega che il terzo colpo se lo spara solo chi è immunodepresso.

Ma il general FigliuolSohn è pronto a mitragliare ad alles spianen:
"noi di dosi ne abbiamo in quantità sufficiente per vaccinare tutti gli italiani una terza volta. E senza sospendere la campagna delle prime dosi e dei richiami: possiamo procedere in parallelo. La macchina è rombante, tutti ce la invidiano, e l’equipaggio deve salire a bordo. Ma naturalmente saranno gli scienziati a indicarci come procedere. Noi siamo pronti."

Sti caxxi...
A Rambo, ma fatte un tavor...

Anonimo ha detto...

La scuola parentale - scelta in opposizione al sistema criminale che vuole gli alunni vaccinati, mascherati, distanziati - è stata già presa ovviamente di mira.
Comincia l’Alto Adige che fa tristemente da apripista.
Scegliere oggi la scuola parentale, garantita dalla Costituzione, diventa purtroppo un modo per “farsi notare” da gente che non vede l’ora di trovare il pelo nell’uovo per segnalare il caso al Tribunale per i minorenni.
Attenzione.

Dittatura e debacle non solo sanitaria ha detto...

Fabio Rampelli
ECCO CHI VUOLE UCCIDERE ALITALIA, PER COLPIRE L’ITALIA

Siamo qui a sotterare Cesare non a lodarlo. È l’orazione funebre di Marc’Antonio dopo l’uccisione di Cesare e sembra simile alla scena che ci state prospettando. Ma noi non vogliamo commemorare Alitalia. Vogliamo parlare di Bruto.
Chi è stato Bruto che ha trafitto Alitalia? E' lo Stato, che ha inflitto 23 coltellate e ora si deve nascondere. Questo è un processo e noi vogliamo parlare di Bruto. Bruto è stato il management, che ha sperperato denaro pubblico facendo contratti ultramiliardari per la fornitura dei servizi; Bruto è stata l’Unione Europea che in tempi di pandemia ha stanziato miliardi di euro per l’Air France e la Lufthansa mentre all’Alitalia 10 volte meno. Bruto sono stati i governi italiani incapaci di difendere la compagnia di bandiera favorendo le compagnie low cost negli stessi aeroporti di Alitalia. Bruto è Benetton che, con la complicità dei governi, ha ottenuto la gestione di Fiumicino trasformando l’aeroporto in un bancomat.
Questa penalizzazione di Alitalia è inaccettabile. Non viene garantita la continuità dei contratti nazionali. Non si può immaginare di lasciare 7000 persone e famiglie per strada né che possano guadagnare la metà dello stipendio a 56 anni dopo 30 anni di lavoro perché i governi hanno sbagliato e perché i manager si sono fatti gli affari propri.
Quando noi tra due anni governeremo ricostruiremo Alitalia. E sarà forte come forte dev’essere l’Italia al cospetto del mondo perché Alitalia è una ricchezza questa ricchezza la restituiremo all’Italia.

Alle volte la superbia... ha detto...

Bruto sono stati i governi italiani incapaci di difendere la compagnia di bandiera favorendo le compagnie low cost negli stessi aeroporti di Alitalia.

Della serie si credevano menti eccelse,si sono rivelati per...

Anonimo ha detto...

Da quello che io ricordo è dagli anni settanta del scolo scorso che Alitalia era un problema, la sua conduzione era un problema.

Come in campo medico i problemi già da allora erano evidenti ai più avvertiti se usciva su tutti gli schermi nazionali il film 'Il medico della mutua'(1969).

Almeno 50 anni di conduzione e resa problematiche. Il passaggio tra prima e seconda seconda repubblica si è risolto nel fatto che la sinistra si è semplicemente sostituita al centrodestra nei posti del 'sistema Italia' cambiando abito e lessico, ma la sostanza è rimasta clientelare, cioè 'mangia mangia'.

Se la chiesa non ritorna Chiesa si scivolerà sempre più in gestioni di carattere mafioso/massonico, come lei stessa è scivolata.

Anonimo ha detto...

https://www.maurizioblondet.it/cronache-dal-komunismo/
Figli della bambagia,piedi a caldo e comunisti..

Anonimo ha detto...

Oltre 3.000 medici e scienziati firmano una dichiarazione che accusa i responsabili politici del COVID di “crimini contro l’umanità”
https://www.maurizioblondet.it/oltre-3-000-medici-e-scienziati-firmano-una-dichiarazione-che-accusa-i-responsabili-politici-del-covid-di-crimini-contro-lumanita/

Troppo pochi!
Facciamo i conti : quanti sono ab ilitati alla professione di Medico in Italia?
Moltiplichiamo solo per il continente europeo..
Dal risultato avremo tot medici o tot stregoni.

Il buon seme degli empi. ha detto...

Lo “straordinario” risultato del referendum sull’Eutanasia di cui parla Cappato è frutto di un colossale inganno e di falsità diffuse sulla pelle dei più fragili. Si parla di Eutanasia Legale, ma in realtà il quesito referendario presentato dai radicali è per la depenalizzazione dell’omicidio del consenziente».
https://www.marcotosatti.com/2021/10/08/scrivono-eutanasia-ma-si-legge-omicidio-assistito-pro-vita-e-famiglia/

Strumento di oppressione? Quando mai! ha detto...

https://www.renovatio21.com/al-convegno-cattolico-della-fsspx-sul-governo-mondiale-ma-con-il-green-pass/

Anonimo ha detto...

Io mi chiedo e vi chiedo è normale tutti questo? C'è pure il video su Il Tempo diretto da Bechis ..

https://www.iltempo.it/roma-capitale/2021/10/09/video/idranti-cariche-lacrimogeni-disperdere-no-vax-palazzo-chigi-guerra-civile-28991216/

Anonimo ha detto...

Un importante filosofo italiano, celebratissimo, soprattutto dalla sinistra, e ricercatissimo dai media fino al febbraio del 2020, subisce da allora, da quando ha osato proporre la sua analisi critica della "emergenza sanitaria" e della sua gestione politica, una censura dei suoi scritti, che corrisponde al rogo di corpi e di libri dei secoli passati, realizzato con i mezzi ipocritamente "dolci" della odierna civiltà. Si è giunti ora al punto che il suo intervento in audizione al Senato non viene neanche citato da giornali e tv (con la solita eccezione de "La Verità") e che Facebook rimuove il video e blocca l'account di chi osa pubblicarlo, per "istigazione alla violenza". E questo nel silenzio di quasi tutti gli "intellettuali", non solo italiani.
Sono lontani i tempi in cui Jean Paul Sartre, per molto meno, in una situazione di enorme libertà di espressione rispetto a quella attuale, accorreva a Bologna a denunciare la "repressione". La lunga storia del "tradimento dei chierici" è giunta così al suo epilogo: non si può infatti tradire ciò a cui non si è mai stati fedeli e che non si è mai amato e non merita neanche di esser chiamato filosofo, chi non ha mai praticato la ricerca e la testimonianza della verità. (A.M.Imbriani)

Anonimo ha detto...

Come riportano i tg la notizia di Piazza del Popolo strabordante?

Appena visto il TG1. Così:

"Novax/Nopass ed estrema destra in piazza".

Un branco di violenti assaltano le istituzioni.
Draghi chiama Landini per dargli conforto.
Il movimento cinque stelle denuncia questi scellerati che vanno in piazza.
Il PD minaccia ripercussioni.
Salvini e i "destri" si scattano selfie e chiedono di allungare i tempi dei tamponi.

Ribaltano la realtà, sbraitano contro i "fascisti" (tipico) e fanno la parte delle vittime.

Viviamo in un'epoca davvero indecente.

Pio ha detto...

A quale livello di fogna hanno ridotto questo stato 70 anni di governicchi, compromessi al ribasso e lestofanti al rialzo. Come ha scritto Buscaroli, è una repubblica senza onore, senza pudore e senza pietà.

Anonimo ha detto...

Un paese piegato da due anni di chiusure senza ammortizzatori sociali degni di questo nome. Migliaia di fallimenti a catena, disoccupazione dilagante. La gente in fila al monte dei pegni a vendersi le catenine e a mangiare alla Caritas. Poi aumenta tutto, luce, pane, benzina.
Il governo dei migliori impone un pass per andare a lavorare minacciando di lasciare senza stipendio milioni di lavoratori.
E in tutto sto casino i sindacati tacciono colpevolmente. E invece di proclamare un mega sciopero generale a oltranza quasi quasi plaudono all’operato di Draghi.
Finisce che camionisti e portuali, gente con la schiena spezzata e i calli sulle mani che rischia di restare tre mesi a casa senza soldi per sfamare la famiglia, giustamente si incazzano.
E quelli piagnucolano, urlano al fascismo e invocano i manganelli in piazza.
Piaccia o non piaccia le cose stanno così.
Ecco, se l’assalto a un sindacato non fosse di per sé una roba inaccettabile, ci sarebbe da ridere sulla capacità di questa gente di interpretare la realtà. Figurarsi difendere l’interesse della gente che lavora.

Anonimo ha detto...

"I cristiani rendono a Cesare solo ciò che appartiene a Cesare, non ciò che appartiene a Dio. I cristiani a volte nel corso della storia non sono stati in grado di soddisfare le richieste di Cesare. Dal culto dell'imperatore dell'antica Roma ai regimi totalitari del secolo scorso, Cesare ha cercato di prendere il posto di Dio. Quando i cristiani rifiutano di inchinarsi davanti ai falsi dèi proposti oggi, non è a causa di una visione del mondo antiquata. Piuttosto, è perché sono liberi dai vincoli dell'ideologia e ispirati da una nobile visione del destino umano che non può colludere con qualcosa che lo mina ".
Benedetto XVI

Anonimo ha detto...

Un paese piegato da due anni di chiusure senza ammortizzatori sociali
Ma se e' questo il compito assegnatogli! Togliere quel poco che ancora stava in piedi. E siamo solo all'inizio...
Sembra una barzelletta di umorismo nero ma illustra quanto poco midollo spinale o schiena dritta abbiano costoro.E non aggiungo altro.

Anonimo ha detto...

Mitico Palmaroli... :)

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1755330114656927&id=338421576347795&__tn__=%2AW-R

Anonimo ha detto...

Quattro milioni di italiani obbligati a non lavorare!
https://www.maurizioblondet.it/quattro-milioni-di-italiani-obbligati-a-non-lavorare/
Con le buone o con le cattive (forze dell'ordine, magistratura, generali degli alpini)si spingono gli italiani dentro la gabbia(l'uomo immagine di Dio ridotto ad animale a entita' non piu' pensante del quale si puo' fare quel che si vuole perche' non ci sono oppositori ,le forze luciferine sono soverchianti e ognuno "tiene famiglia") . Con il cartellino del proprietario come le mucche. Tutti quelli che non appartengono all'Olimpo ridotti a mendicare.

Un Vescovo della Chiesa Cattolica: ha detto...

“Le mie non sono parole apocalittiche, come qualcuno sostiene, ma un severo monito da vescovo della Chiesa cattolica, un monito a tornare a Dio”.
“Persone che non rinunciano a esercitare la propria intelligenza e che non sono intenzionate a rinunciare alla propria libertà”.

https://www.marcotosatti.com/2021/10/10/vigano-a-piazza-del-popolo-tutti-anche-il-vaticano-sotto-ununica-regia/