giovedì 3 febbraio 2022

Arciv. Viganò. Siero genico sperimentale e complicità vaticane. Per riaffermare la verità

Un nuovo contributo di mons. Viganò sul mancato riscontro alle sue osservazioni sulle criticità dei cosiddetti vaccini. Qui l'indice degli interventi precedenti.

Una considerazione

sulla mia Lettera al Presidente della USBBC e alla CDF
a proposito del siero genico sperimentale


COM’ERA PREVEDIBILE, la mia Lettera aperta al Presidente della Conferenza Episcopale Americana e al Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede a proposito della liceità morale (qui), dell’efficacia e della pericolosità dei sieri genici sperimentali che dovrebbero fungere da vaccino contro la Covid non ha avuto risposta: questo dimostra che la questione da me sollevata non è considerata rilevante per l’Episcopato americano e per l’ex Sant’Uffizio; o forse che – proprio per la sua importanza – la si è voluta ignorare, assecondando la narrazione ufficiale, abbracciata dal Vaticano.

I molteplici endorsement vaticani alla criminale campagna vaccinale di massa confermano la piena adesione della Gerarchia alla vulgata globalista senza tenere minimamente conto delle serie criticità dei cosiddetti vaccini, sia quanto alla loro produzione sia per la loro dimostrata inefficacia, per l’indebolimento del sistema immunitario che essi inducono e infine per i gravi effetti collaterali che comportano.

Prelati che tradiscono il proprio mandato e quasi sempre sono corrotti nella dottrina quanto lo sono nella morale hanno occupato la Chiesa di Cristo per trasformarla in chiesa di Stato, serva zelante del Nuovo Ordine mondiale e apostata della Fede. Quella che fino a qualche decennio fa era un’infiltrazione si è trasformata in una vera e propria invasione in tutti i Dicasteri romani e negli organi periferici. Non fa eccezione la Pontificia Accademia per la Vita, divenuta un organo del neo-malthusianesimo fino al punto di dichiarare che sottoporsi all’inoculazione del farmaco sperimentale è un atto d’amore e un dovere morale, negando apoditticamente non solo l’evidenza dei fatti, ma anche l’esistenza di un piano mondiale che abbia causato deliberatamente questa psicopandemia per realizzare una spietata riduzione della popolazione – soprattutto anziana – del mondo e imporre forme di controllo e limitazione dei diritti naturali dei cittadini. Mons. Vincenzo Paglia, dopo aver dato sfoggio di una mentalità collettivista degna della peggior dittatura comunista (qui), nega che vi sia un “complotto” (qui) proprio quando l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite – ossia il progetto del Great Reset del World Economic Forum – viene esplicitamente menzionato dalla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen (qui). L’accesso al Vaticano e agli uffici di Curia è vietato ai dipendenti e a chiunque sia privo del super green pass: Cardinali e Prelati sani o guariti dalla Covid non possono svolgere le proprie mansioni nei Dicasteri romani, e gli impiegati non vaccinati sono lasciati a casa privi di stipendio. Come esempio pratico di inclusività e di misericordia, il “pontificato” bergogliano si sconfessa da solo.

Se non stupisce che la deep church sia totalmente asservita al deep state, né che Bergoglio si voglia porre come candidato per la presidenza della Religione dell’Umanità che il Nuovo Ordine Mondiale intende instaurare, dall’altro canto vediamo che la pandemia rappresenta solo un aspetto della complessa rete di complicità tra l’oligarchia globalista, il potere finanziario e delle case farmaceutiche, le istituzioni internazionali e i governi nazionali di mezzo mondo. Troviamo conferma di ciò negli incontri riservati dell’Argentino con il CEO di Pfizer, Albert Bourla, denunciati da Edward Pentin sul National Catholic Register (qui traduzione nostra) e da Jules Gomes su Church Militant (qui), in cui emergono anche i cospicui finanziamenti – nell’ordine di 1,6 miliardi di dollari all’anno dal 2014 – che la dittatura comunista di Pechino avrebbe versato alle disastrate casse vaticane come compenso per il silenzio della Santa Sede sulla persecuzione dei Cattolici della Chiesa clandestina, i cui martiri sono traditi e ignorati spietatamente proprio da coloro che dovrebbero invece difenderli e denunciare le violazioni dei diritti umani.

Queste cointeressenze sono ben più ampie e coinvolgono anche altri personaggi: il tempo farà giustizia delle complicità della chiesa bergogliana con gli autori del colpo di stato mondiale in atto, e assieme alle mascherine farà cadere le maschere di quanti si sono mostrati come salvatori dell’umanità mentre cercavano di soggiogare i popoli e sterminare o rendere malati cronici i cittadini.

Chi non è accecato dal pregiudizio o screditato da macroscopici conflitti di interesse ha ormai compreso che la valutazione morale del siero genico sperimentale non può e non deve limitarsi ad una analisi dei singoli elementi, bensì estendersi al quadro complessivo, il quale solo può mostrare la relazione tra l’emergenza pandemica, la campagna vaccinale, il boicottaggio delle cure disponibili, l’imposizione del green pass e la distruzione del tessuto sociale ed economico di molte nazioni. Guardare al siero genico come se esso fosse un vaccino vero e proprio che previene una grave malattia è inutile, perché la sua efficacia nell’impedire il contagio è nulla e la Covid non è un morbo mortale se curato tempestivamente. La notizia della falsificazione dei dati ufficiali dei decessi per e con Covid da parte di istituzioni sanitarie si accompagna alla inefficienza del VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting System) nel segnalare i casi avversi, a cui si aggiunge la vigilanza passiva del sistema sanitario europeo, in violazione delle norme vigenti per i farmaci sperimentali.

Qualcuno ha ritenuto che il mio intervento su questo tema rappresentasse una sorta di “invasione di campo” da parte di un Vescovo, specialmente per gli argomenti di carattere scientifico da me toccati. E per insegnarmi a non intromettermi in questioni specialistiche è stato pubblicato un intervento della dott.ssa Gwyneth A. Spaeder (qui) che avrebbe dovuto confutare le mie argomentazioni; la qual cosa è stata così mal orchestrata, e con tale faziosità, da finire con il far emergere i conflitti di interesse della Spaeder. Il dott. Massimo Citro Della Riva ha voluto prendere le mie difese, rispondendole punto per punto, con centinaia di fonti autorevoli e prove inequivocabili (qui testo italiano). Con il suo secondo intervento in risposta al Dott. Citro (qui), la dott.ssa Spaeder non ha saputo presentare alcun elemento valido che intaccasse minimamente le affermazioni del dott. Citro. Il quale pone una conclusione alla disputa con una nuova lettera inappuntabile.

Con il garbo e la signorilità che lo contraddistinguono, il dott. Citro ha dimostrato l’infondatezza di quanto affermato dalla dott.ssa Spaeder, in particolare mettendo in evidenza il conflitto di interessi che coinvolge medici, case farmaceutiche, pubblicazioni scientifiche, agenzie per il farmaco, enti universitari, istituzioni pubbliche. Ma secondo qualcuno l’evidenza di una intenzione dolosa nella gestione della pandemia è indice di disturbo psichiatrico o di possessione diabolica: il che la dice lunga sulla professionalità di certo giornalismo e sul declino di certe testate (qui).

Preso atto della scandalosa apostasia della Gerarchia da un lato e del piano criminale dell’oligarchia mondialista dall’altro si comprendere allora perché Bergoglio e la sua corte siano necessari sostenitori del colpo di stato in atto. La corruzione dell’industria farmaceutica, ancorché risaputa, è volutamente ignorata, perché BigPharma è uno dei principali alleati dell’élite nel perseguimento del Great Reset. La chiesa bergogliana è anch’essa fiancheggiatrice del Nuovo Ordine Mondiale, e i crimini commessi col pretesto della pandemia sono taciuti colpevolmente da Bergoglio perché spera di trarne un vantaggio politico. Questo colpo di stato sarà sventato, e con esso crollerà inesorabilmente anche la setta di eretici e corrotti che occupa il Vaticano.

Ma perché la verità trionfi e i colpevoli siano condannati occorre aprire gli occhi, riconoscendo la crisi dell’autorità tanto a livello politico quanto a livello religioso: entrambe, rinnegata la propria origine in Dio Creatore, Signore e Redentore, hanno perduto la propria legittimità e di conseguenza l’obbligo da parte dei cittadini e dei fedeli di obbedirvi. Preghiamo dunque perché i governanti civili ed ecclesiastici comprendano che solo tornando a Dio e alla Sua legge potranno meritare l’ossequio che oggi è doveroso negare loro. E che il Signore protegga e dia coraggio a quanti si oppongono al regno di Satana in terra.
+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo
27 Gennaio 2022
S. Joannis Chrysostomi Episcopi et Confessoris et Ecclesiae Doctoris

34 commenti:

Anonimo ha detto...

Queste ventose, terse e gelide giornate di fine gennaio ed inizi di febbraio sono illusorie nella loro luminosità, come illusorio è lo sbandierato imminente ritorno ad una pretesa normalità.
Osservando l'ostinazione del potere e dei media nel non voler riconoscere le contraddizioni da loro stessi propalate, giorno dopo giorno, si intuisce che qui sono presenti forze di gran lunga superiori ai più scaltri e posizionati umani schieratisi con il Male a danno dell'Uomo.
Tutti siamo attaccati e provati, in un modo o nell'altro, dai peccati mortali e dai loro servi illusionisti e tentatori. Attenzione alle ore della giornata, un monaco sottolineava la verità delle ore. E' bene prestare attenzione a questa verità, si capisce allora anche la preghiera notturna, scudo respingente degli attacchi inferi. Gli anziani spesso e naturalmente si svegliano di notte, bene, allora preghiamo per coloro che devono ritemprarsi nel riposo attingendo al Santo Vero.

Anonimo ha detto...

CONOSCIAMO IL SANTO DEL GIORNO: S. BIAGIO, VESCOVO E MARTIRE

Oggi 03 febbraio 2022 si festeggia a Sebàste, in Arménia, la passione di san Biàgio, Vescovo e Martire, il quale, operatore di molti miracoli, sotto il Preside Agricolào, dopo essere stato lungamente battuto e sospeso ad un legno, ove con pettini di ferro gli furono lacerate le carni, dopo aver sofferto un'orrida prigione ed essere stato sommerso in un lago, dal quale uscì salvo, finalmente, per ordine del medesimo giudice, insieme con due fanciulli, fu decapitato. Prima di lui sette donne, le quali raccoglievano le gocce di sangue che scorrevano dal corpo dello stesso Martire, mentre era tormentato, furono arrestate come Cristiane, e tutte dopo atroci tormenti percosse con la spada.
S. Biagio nacque a Sebaste nell'Armenia. Passò la giovinezza fra gli studi, dedicandosi in modo particolare alla medicina. Al letto dei sofferenti curava le infermità del corpo, e con la buona parola e l'esempio cristiano cercava pure di risanare le infermità spirituali.
Geloso della sua purezza ed amantissimo della vita religiosa, pensava di entrare in un monastero, quando, morto il vescovo di Sebaste, venne eletto a succedergli. Da quell'istante la sua vita fu tutta spesa pel bene dei suoi fedeli.
In quel tempo la persecuzione scatenata da Diocleziano e continuata da Licinio infuriava nell'Armenia per opera dei presidi Lisia ed Agricola. Quest'ultimo, appena prese possesso della sua sede, Sebaste, si pose con febbrile attività in cerca di Biagio, il vescovo di cui sentiva continuamente magnificare lo zelo. Ma il sagace pastore, per non lasciare i fedeli senza guida. ai primordi della procella, si era eclissato in una caverna del monte Argeo.
Per moltissimo tempo rimase celato in quella solitudine, vivendo in continua preghiera e continuando sempre il governo della Chiesa con messaggi segreti. Un giorno però un drappello di soldati mandati alla caccia delle belve per i giochi dell'anfiteatro, seguendo le orme delle fiere, giunsero alla sua grotta. Saputo che egli era precisamente il vescovo Biagio, lo arrestarono subito e lo condussero al preside.
Il tragitto dal monte alla città fu un vero trionfo, perchè il popolo, nonostante il pericolo che correva, venne in folla a salutare colui che aveva in somma venerazione. Fra tanta gente corse anche una povera donna che, tenendo il suo povero bambino moribondo sulle sue braccia, scongiurava con molte lacrime il Santo a chiedere a Dio la guarigione del figlio. Una spina di pesce gli si era fermata in gola e pareva lo volesse soffocare da un momento all'altro. Biagio, mosso a compassione di quel bambino, sollevò gli occhi al cielo e fece sul sofferente il segno della croce.
- Mamma, sono guarito,
- gridò tosto il bambino
- sono guarito!...
Giunto a Sebaste, il prigioniero venne condotto dal giudice Agricola, che voleva convincerlo a sacrificare agli idoli; ma il Santo con gran calma gli dimostrò che quello era un atto indegno di una creatura ragionevole, perché la ragione dice all'uomo che vi è un Dio solo, eterno, e creatore di ogni cosa, e non molti . Per tutta risposta il giudice lo fece battere con verghe e poi gettare in carcere.
Dopo qualche tempo lo volle di nuovo al tribunale, per interrogarlo nuovamente, ma trovò sempre in lui la più grande fermezza. Gli furono allora lacerate le carni con pettini di ferro e così lacero com'era fu sospeso ad un tronco d'albero. Sperimentati ancora contro l'invitto martire tutti i supplizi più inumani, fu condannato ad essere sommerso in un lago. I carnefici condottolo sulla sponda lo lanciarono nell'acqua, e mentre tutti si aspettavano di vederlo annegare. Biagio tranquillamente si pose a camminare sull'acqua finché raggiunse la sponda opposta. Il giudice fuori di sè, vedendo di non poter spegnere altrimenti quella vita prodigiosa, lo fece decapitare.

Intervista al vescovo Suetta ha detto...

Che ne pensa del fatto che in Italia si rischi il linciaggio mediatico se si dice pubblicamente una parola cristiana a difesa della vita nascente o del matrimonio, mentre al primo caso riguardante un’offesa vera o presunta verso una delle “categorie” del politicamente corretto si invoca una legge?

È la prova di una volontà ideologica di proporre una visione della vita che non si configura nemmeno come una proposta di valori positivi e concreti, ma si delinea come una destrutturazione programmata e pervasiva di tutto ciò che è a fondamento della nostra civiltà, cultura e tradizione. Ci sono valori di rispetto, valori fondanti la vita e la convivenza sociale che non sono necessariamente religiosi, ma prima di tutto antropologici. Oggi si sta destrutturando tutto questo, è come se fosse in atto una rottamazione dei valori, quella che si chiama cultura della cancellazione.

Magnifica sintesi che mi riporta a questa conferenza del Prof.Matteo D'Amico: ha detto...

"crisi dell’autorità tanto a livello politico quanto a livello religioso"

L'eclissi del padre: femminismo e distruzione della civiltà - Matteo D'Amico
https://www.youtube.com/watch?v=yPTxGJSgUoE

Da decenni la nostra società è invasa da una forma di propaganda che attacca, in modo più o meno diretto, la figura del padre. Dal '68 a oggi il femminismo si è diffuso in ogni ambito del mondo occidentale, convincendo le masse della necessità di contrastare le violenze e i soprusi maschili nei confronti delle donne. Basti pensare, ad esempio, alla continua sovraesposizione mediatica dei cosidetti "femminicidi".

Anonimo ha detto...

La più grande delusione di questa "Pandemia"?
I sacerdoti!

Ebbene purtroppo devo dire che è così!
Ne conoscevo alcuni anche personalmente e li stimavo, sono stato diverse volte ai loro incontri di preghiera quindi mai avrei immaginato quale fosse il loro pensiero nella situazione attuale!
Uno che è anche esorcista dinnanzi alle mie domande che qui sotto ripropongo, mi ha risposto ciò che potete leggere nello screenshot, sembrava di sentire parlare Draghi, l'altro dicendo che sono leciti e che non bisogna dire bufale se si vuole entrare nel regno dei cieli e un'altro ancora quando ha saputo che non ero vaccinato non voleva assolvermi poiché in coscienza formata ho risposto a lui che non me ne fregava niente delle parole del "Papa" (vaccinarsi è un atto di amore).

Vorrei che mi rispondeste a queste domande:
a) bisogna vaccinarsi sapendo che comunque anche in questi pseudo vaccini vi sono feti abortiti oppure no?
b) la congregazione della dottrina della fede pur dicendo verso la fine che un cattolico in coscienza si può rifiutare fermo restando di trovare altre alternative ha detto che questi "vaccini" sono moralmente leciti, ma proprio in virtù della mia coscienza formata anche da loro citata e sapendo leggere il segno dei tempi che l'apostasia sarebbe partita dai vertici alti mi devo fidare quindi avallando la teoria del fine che giustifica i mezzi?
c) tolto il discorso dei feti abortiti, anche a livello umano visto che non sono classici vaccini ma terapie geniche sperimentali dovrei fare da cavia senza eventualmente essere risarcito dagli eventuali effetti avversi?
d) visto che la stragrande maggioranza del Clero guidata da Bergoglio sta permettendo che il governo ricatti e minacci coloro che si rifiutano di farsi inoculare questo siero sperimentale, quindi avallando di fatto il peccato contro lo Spirito Santo, (defraudare la merce agli operai), di fatto non è lecito resistere?
e) se cedo poi sotto ricatto nonostante debba firmare il mio libero consenso comunque a scadenza poi non sarò sempre ricattabile?
f) ad ogni "vaccino" , si prospetta all'orizzonte che arriveranno almeno fino all'ottava dose, non permetto poi visto l'ossido di grafene e varie nanotecnologie di essere controllato da remoto e non aver più nessuna volontà?

Anonimo ha detto...


Nell'intervento di mons. Viganò il punto che non si può condividere è il seguente:

a suo avviso, non si può negare "l'esistenza di un piano mondiale che abbia causato deliberatamente questa pandemia per realizzare una spietata riduzione della popolazione..".

Che la pandemia sia stata "causata deliberatamente" (lasciamo stare l'eventuale fine, che appare del tutto erratico) nessuno finora è riuscito a dimostrare.
Sulla Cina ci sono molti sospetti, che vanno dalla negligenza in un laboratorio al dolo, cioè alla diffusione deliberata dell'epidemia, per distruggere l'economia occidentale (cosa che sta avvenendo, ma anche per altri motivi, quali la demenziale, veloce "transizione ecologica" che si vuole imporre a tutti i costi e l'enorme aumento che non si vuole fermare della spesa pubblica, una delle cause dello scatenarsi dell'inflazione). Il collasso dell'Occidente industriale fa comunque comodo anche ai russi. Dopotutto ai confini dell'Ucraina e in Bielorussia c'è schierata offensivamente l'ex Armata Rossa, non ci sono i cinesi.
Le prove effettive dell'origine dolosa o colposa dell'epidemia tuttavia comprensibilmente latitano. Forse anche perché nel famoso laboratorio cinese all'origine di tutto c'erano anche alcune Potenze occidentali impegnate a fare certi esperimenti, si è letto sui giornali. Quali "esperimenti", non è mai stato chiarito.

Sarebbe più prudente dire, allo stato, che certi poteri e Potenze stanno cercando di sfruttare l'epidemia per imporre la loro visione del mondo, che si configura sempre più come una ristrutturazione (reset) delle nostre società in senso anticristiano, con la complicità attiva dell'industria farmaceutica e della Chiesa riformata dal Vaticano II (quest'ultima è l'incredibile novità).

Anonimo ha detto...


La domanda f) è assurda. Non siamo in un film di fantascienza.

Anonimo ha detto...

Segnalo questo articolo di Julio Loredo che meriterebbe una discussione. È il migliore su questo argomento pubblicato quest’anno.
https://www.atfp.it/notizie/305-chiesa/2130-opzione-preferenziale-per-i-protestanti-pentecostali
Ne riporto un breve estratto.

“ La causa principale, però, è un’altra. Secondo un sondaggio dell’autorevole Pew Institute, ben l’81% dei protestanti dichiarano di aver lasciato la Chiesa cattolica perché “voleva sentire parlare di Dio”. Secondo loro, la Chiesa ormai “parla troppo di questo mondo”, mentre loro vorrebbero “sentire parlare di Cristo”…”

La gerarchia cattolica così preoccupata di essere al passo con i tempi è in grado di rapportarsi a questa realtà e al suo catastrofico fallimento pastorale o preferisce fingere che non sia successo nulla?

Lorenzo

Anonimo ha detto...

Dice però un pò troppo le stesse cose. A forza di ripeterle prima o poi porterà alla nausea. Se hai detto la Verità non serve ripeterlo alla nausea. Chi ha orecchi per intendere ha inteso.

mic ha detto...

È che repetita iuvant semper...

Anonimo ha detto...

A La7 Crisanti rivela per la prima volta i dati veri, mostrando le menzogne di Draghi e Speranza: «I 430 morti sono quasi tutti vaccinati, i non vaccinati saranno venti o trenta».

E adesso ? e l' odio scatenato contro chi già affermava queste cose da tempo? e i morti procurati quindi con questa vigliacca occulta sperimentazione? ce la caviamo così senza render conto più a nessuno parenti dei defunti compresi ? PREVENZIONE e CURE adeguate NON alimentano le holding dei farmaci ! De Donno docet !

mic ha detto...

Comunque le percentuali non meravigliano posto che i vaccinati sono in maggior numero... però dimostrano che i presunti vaccini non solo non immunizzano ma neppure limitano il danno. In ogni caso resta il comportamento criminale di aver costretto le persone a fare da cavie col ricatto di leggi infami. Mentre non si intravede nessuna marcia indietro. E nessuno, nell'agone politico, che difenda i diritti della persona e non quelli del branco.

Anonimo ha detto...

Ne bastano 12. Ne basta una.
Non è la QUANTITA' sociologica che conta nella fede. Qualunque cosa accada, anche se rimane un piccolo gruppo di cattolici veri, quella terra, che è stata cristiana, rimarrà sempre cristiana. Forse crocifissa e dimenticata, ma rimarrà sempre cristiana, sia nel bene che nel male. Da quando esiste un ragazza di Nazareth che ha accolto il Verbo dentro di sé esiste la Chiesa, esiste il cristianesimo, e sempre esisterà. Se 59 milioni di italiani su 60 milioni fossero atei quell'unico milione - ma anche se fossero solo in 12 - ricorderebbe al mondo che tutta l'Italia è cristiana, nella forma del tradimento di Giuda, ma sempre cristiana rimarrebbe. - rdv

Anonimo ha detto...

Penso che non potremo resistere ancora a lungo nel rifiuto, arriveranno ai più biechi ricatti pur di inocularci e i familiari, pluri vax ci fanno la guerra, ci evitano, ci considerano dei poveri scemi, io non credo che il 31 marzo la farsa finirà non mi fido più di nessuno, finché si può teniamo duro, molti amici cari se ne sono andati all'estero e non torneranno più, purtroppo non tutti possono farlo.

Anonimo ha detto...

Preghiamo affinché ci siano più eventi avversi possibile così da indurre più persone possibile alla conversione.
Dopotutto, quante volte nelle Scritture, Dio punisce Israele ogni qual volta lo tradisce? I profeti ammonivano Israele di continuo e solo poche volte si redarguiva prima dell'avverarsi di un castigo.
Preghiamo affinché Dio cali il suo pugno "di ferro ma con guanti di velluto" come diceva don Bosco.
Dopotutto è l'anima che va salvata, il corpo terreno può pure soffrire. Un'occasione in più per convertirsi.

Anonimo ha detto...

Naturalmente è colpa di chi non si è fatto vaccinare e ha rifiutato il mitico lasciapassare. Non di chi l’ha imposto e di chi non è riuscito o non ha voluto trasgredire a una legge inumana prima ancora che anti-economica. Non sia mai: le colpe non vanno mai verso l’alto ma sempre verso il basso. I dominanti vanno applauditi e si auto-applaudono a prescindere e in ogni caso. I responsabili dello sfascio delle attività economiche di prossimità sono i non vaccinati. Nonno banchiere, che ci ha detto in ogni lingua, persino in aramaico e parlando all’incontrario come la bambina de “l’Esorcista”, che il suo ruolo politico è quello di aggredire l’economia di prossimità per favorire i profitti e l’egemonia delle grandi catene, è e resta un santo, un apostolo, un inviato da Dio per “salvare il Paese”. Il problema è che lo giudicano così anche i penalizzati dalle sue politiche. SINDROME DI STOCCOLMA vera pandemia sociale dell’italiano medio.

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 20,10 e 10,15.
Concordo con lei. Direi anche che il virus forse non è stato prodotto intenzionalmente ma certamente è stato strumentalizzato per imporre un certo regime e una certa cultura contro cui giustamente noi ci battiamo. Sul punto f) osservo che siamo tutti in possesso di smartphone, spid, bancomat e carte di credito, carta d'identità elettronica e tessera sanitaria. Tutte dotate di microchip. Infine, e mi scuso per l'apparente frivolezza, anche le più timorate cattoliche usano oltre ai medicinali anche le creme antiage, tutti prodotti non meno dei vaccini passibili di qualche sospetto etico.

Anonimo ha detto...

Caro amico, quando lei dice " non si può" usa il CD plutlrale majestatis o ritiene di parlare a nome di tutti? almeno di tutti coloro che si ritengono cattolici? in questo secondo caso le devo dire " non a mio nome", poiché io la penso esattamente come Mons. Viganò, e mi glorio ( in Cristo) di essere suo seguace, senza se e senza ma...pace e beneio caro

Anonimo ha detto...

Ci sono 3 commenti di ciechi direi o voluti ciechi, se ben ricordo 10,10 e 10,15 e 11, 05. Grazie monsignor Viganó per continuare ad insistere sul vero e nella denuncia di questo complotto mondiale ordito da varie potenze mondiali del deep state e approvato da quelle gerarchie silenti di cui qui denuncia la voluta cecità.

Anonimo ha detto...

Non si tratta solo di fame di ricchezza di quelle holding, dietro c'è di peggio, molto peggio. I signori dell' elite sono satanisti dichiarati, il loro compito è di fare la volontà del loro padrone, il diavolo: mentire e uccidere, spopolare e ridurre i superstiti in schiavitù, nel futuro Regno dell' Anticristo. Ma nemmeno Satana ci fa troppo affidamento, sa bene che gli testa poco tempo, e poi sarà sconfitto da Lei, la Regina delle Vittorie, Maria SS.ma, l' Immacolata, Corredentrice.

Anonimo ha detto...


# i commenti dei "ciechi" 16.11

Dire, come se fosse cosa ovvia, che la pandemia è stata fabbricata a tavolino per poter inoculare mezzo mondo con un vaccino assassino, capace di eliminare la popolazione anziana, è semplicemente demenziale.
Tra l'altro, i padroni del vapore, se lo sono fatti tutti il vaccino, con grande pubblicità. L'hanno fatto per mettersi nella lista degli eliminandi, dei supposti morituri?
Che un vaccino del tutto ancora sperimentale, per quanto sia stato allo studio almeno sin dal 2017 come nuova forma più veloce di tutti i tipi di vaccini possibili, che un tale vaccino si dovesse lasciare su base volontaria, curando il Covid anche in modo alternativo, è un conto. Che i governi abbiano sbagliato, che si debba resistere all'obbligo vaccinale, è più che giusto.
Sparare fesserie dal taglio fantascientifico, che danneggiano la giusta battaglia, è invece una forma di malattia dello spirito o di ignoranza indelebile. Fate voi.

Anonimo ha detto...

Questa sera interruzioni del programma serale di visione tv dal titolo 'Great Reset piano anticristiano e/o anticristico(non ricordo esattamente), Francesco Toscano ha chiuso la trasmissione scusandosi per le interruzioni che non dipendevano da loro, ma da youtube; dopo pochi secondi anche la locandina era scomparsa. Toscano ha fatto in tempo a dire che loro sono determinati ad andare avanti.

Uno tra i tre partecipanti ha sottolineato che l'inasprimento censorio si accompagna alla loro consapevolezza che stanno perdendo terreno.

Stringiamoci a coorte!

Anonimo ha detto...

Realtà. Si chiama realtà. Quando manca il senso della realtà manca tutto. Quando non sappiamo distinguere nella realtà la differenza reale tra il vero Dio e il falso dio tutto è inutile, pure i Dieci Comandamenti. Quindi: fare quello che dice un governo di Giuda è bene! Non obbedire a un governo tirannico nemico del popolo significa essere disobbedienti a Dio. Ricordiamoci che coloro che condannarono a morte Gesù sapevano la Bibbia a memoria. Sapevano spiegare a tutti i Dieci Comandamenti. Ma mancavano di una sola cosa. Il senso della realtà. Per loro, profondi conoscitori ella Bibbia, Gesù era il male. E Barabba era il bene. Per loro il Drago è il buono e l'Agnello è il cattivo. Non hanno il senso della realtà. - Quando manca il seno della realtà si chiamiamo bene il male e male il bene. Manca la realtà. Manca la Verità. Senza realtà, senza verità, i Dieci Comandamenti non sono Dieci Parole di Vita, ma sono solo dieci chiacchiere. - rdv

Anonimo ha detto...

"Tra l'altro, i padroni del vapore, se lo sono fatti tutti il vaccino, con grande pubblicità."

Che se lo siano fatto tutti è lecito dubitarne. È stato Meluzzi, non l'ultimo venuto, a rivelare che anche a lui era stata proposta l'inoculazione della soluzione fisiologica. E all'epoca della prima dose circolavano foto diverse (evidentemente di facciata) della vaccinazione di Zingaretti...

Anonimo ha detto...

Il siero genico è stato usato per scopi politici ( lo scopo terapeutico era ed è la copertura, la foglia di fico).
Gli scopi politici finora individuati sono:
a) il lasciapassare verde, inizio del controllo capillare delle società:
b) il controllo capillare mira ad ibridare l'uomo con l'alta tecnologia per renderlo più 'ubbidiente';
c) di otto miliardi di esseri umani il'potere' non sa che farsene, se il siero genico ne sfoltisce un po', benissimo;
d) nel siero genico è presente l'ossido di grafene ( Ricardo Delgado Martin);
e) i corpi umani variamente ibridati, attraverso il sangue, diventano antenne riceventi e trasmittenti.
.......

Anonimo ha detto...

Nei primi secoli del cristianesimo i lapsi erano coloro che davanti alle persecuzioni apostatavano ma poi, una volta passata la bufera, chiedevano di rientrare in comunità. E si creava il problema che divideva i cristiani: accoglierli o no? Ecco, ora siamo davanti alle persone che hanno resistito, resistito, scritto post di fuoco contro l'obbligo di inoculazione ecc. poi, d'un tratto, si vanno a bucare. Vabbè, direte, ognuno è libero. Certo, però costoro, d'un tratto passano dall'altra parte anche mentalmente. Vale a dire, non supportano più la battaglia di libertà, ma iniziano a disinteressarsi della vicenda, poi man mano, da perseguitati diventano carnefici. Il solito refrain: "Se io l'ho fatto perché tu non puoi? Sei tu che ti cerchi i problemi...". The end.
Antonio Rossix

Forse.. ha detto...

"Uno di questi è il programma di impegno biologico della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) da 2,5 miliardi di dollari che include ricerche su agenti biologici, virus mortali e batteri resistenti agli antibiotici".
https://www.maurizioblondet.it/documentati-gli-esperimenti-biologici-statunitensi-sui-soldati-alleati-in-ucraina-e-georgia/

Personalmente non ho alcun dubbio: e' proprio l'impero del male.
Nei giorni passati riflettevo sul guazzabuglio della nostra storia recente: fine della guerra, vinti, colonizzati dallamerica (festina lente imitiamo loro, i loro films,le loro salse,il loro cibo di strada hot dog and company quando abbiamo il nostro buonissimo cibo di strada,le loro mise (foggia di vestire),il loro slang ok,yeah,whow,dammi il 5,divorzio,aborto,tatuaggi,ecc,ecc.tutto quello che e' americano e' meglio. Entra nella scuola il quiz :domande a quiz. Kissinger,Agnelli,Elkann,Mieli,Lerner e i suoi programmi di sinistra ricordo l'intervista ad una ebrea di cui non ricordo il nome:"Dobbiamo scongiurare che la destra torni in auge in Italia";l'ex umorista diventato non si sa come Maître à penser della rete 3 RAI (RadioTelevisioneItaliana? no :RadioTelevisioneLoro della loro ideologia).Quell'altro umorista diventato dall'oggi al domani capo di una organizzazione partitica...,poi ci scandalizzavamo di Cicciolina..
Siamo stati ciechi e sordi. E la mafia che ruolo ha avuto ed ha? E la massoneria?E le bande nigeriane? E forse ho dimenticato qualcosa..

Anonimo ha detto...

..sì ho dimenticato Satana.

Anonimo ha detto...


Nel Secondo Dopoguerra, al modello americano si contrapponeva il modello sovietico. C'era poco da scegliere.

Nessno voleva sentir parlare di un modello italiano, dopo il disastro apocalittico nel quale era finito il fascismo, con la sua esaltazione (dal 1936 in poi) della romanità e italianità "imperiali".
Una reazine comprensibile, ma che è andata ben oltre il segno. In un certo senso, dura tuttora, ma in perfetta malafede.
I due modelli, come spesso avviene negli imitatori, finivano con il celebrare il peggio di entrambi.
Nell'immediato dopoguerra comunque l'America non appariva affatto come l'impero del Male al contrario della Russia stalinista, ben presente da noi nei "metodi" sanguinari e da guerra civile e anti-cristiani dei comunisti italiani. Fu crudele il modo di fare la guerra degli Alleati in Italia ma la cosa sembrava all'epoca esser parte della crudeltà inevitabile della guerra, nella quale il fascismo ci aveva cacciati, potendo (in apparenza) restarne invece fuori.
L'abortismo e la rivoluzione sessuale erano ancora lontani. Sarebbero cominciati per gradi vent'anni dopo. L'America, pur avendoci ridotto a suo satellite e "piallato" da Sud a Nord con i bombardamenti aerei, ci aveva riportato certe libertà individuali, garantite poi nella Costituzione, che oggi vengono considerate fondamentali anche dai cattolici "tradizionalisti" e proprio su questo blog sono state difese a spada tratta contro la c.d. "dittatura sanitaria".

Diego B. ha detto...

3 febbraio 2022 14:03

Se ne può parlare anche qui, in questo spazio nei modi e nelle forme che eventualmente mic potrebbe consentire. Io aiuterei altri ad emigrare. Se non ci si aiuta tra cristiani non so chi ci dovrebbe aiutare.

Stato d’eccezione, debolezza della politica e influenza dei “circoli”. Una lunga storia italiana ha detto...

di Aldo Maria Valli
Dopo la rielezione di Mattarella mi è venuto spontaneo andare a rileggere I santuari, il piccolo libro di Emanuele Macaluso che si occupa del modo in cui la Triade (mafia, massoneria e servizi deviati) ha condizionato il nostro Paese dal dopoguerra, secondo una linea ben riconoscibile: espropriare la politica, e in particolare il parlamento, delle proprie prerogative e fare azione di pressione sempre più marcata e palese sulle istituzioni, orientandone di fatto le scelte.
https://www.aldomariavalli.it/2022/02/04/stato-deccezione-debolezza-della-politica-e-influenza-dei-circoli-una-lunga-storia-italiana/

Rullo di tamburi.. ha detto...

Con profonda emozione e con immensa gioia, annunciamo che domenica Sua Santità Papa Francesco sarà a .....
@chetempochefa

http://blog.messainlatino.it/2022/02/sua-santita-papa-francesco-domenica-che.html#comment-form

Beh, dopo l'ospite Gorbaciov, alla "catana" di Fazio non poteva mancare un Papa..
"et après lui le déluge"

mic ha detto...

Se ne può parlare anche qui, in questo spazio nei modi e nelle forme che eventualmente mic potrebbe consentire.

Certo che se ne può parlare. Le parole, quando non sono chiacchiere, ma discorsi seri e sentiti non restano a zero, e possono suscitare le giuste azioni, non solo reazioni... Non è troppo presumere, è solo fiducia che anche se siamo un piccolo seme, facciamo parte di una realtà più grande di noi dove è richiesta che facciamo la nostra parte, per piccola che sia...

Anonimo ha detto...

Io mi glorio degli insulti ponendomi miserrima nella stoltezza e scandalo della Croce. Amo i complottisti ma quelli veri che denunciano i complotti, amo i sovranisti in particolare per il Re dei re. Lei faccia quanto le pare nel libero arbitrio che Dio ha dato e non viola, lasciando pure liberi di essere antipopulisti, antisovranisti, anticomplottisti, vaccinisti e schiavisti a libera scelta: ma Dio vince.