martedì 22 febbraio 2022

Éric Zemmour: L'ultima possibilità di sopravvivenza della Francia?

Quel che vale per la Francia, vale anche per noi e per tutti gli altri paesi europei. Per questo riprendiamo l'articolo di seguito evidenziando la seguente citazione: "No, la Grande Sostituzione non è una fantasia". – Éric Zemmour, candidato alle imminenti elezioni presidenziali francesi, YouTube, 15 dicembre 2021. Precedenti qui - qui - qui - qui.

Éric Zemmour: L'ultima possibilità di sopravvivenza della Francia?

Parigi, 18 dicembre 2021. La nazionale algerina di calcio vince la Coppa Araba in Qatar. Decine di migliaia di tifosi algerini, sventolando bandiere algerine, si precipitano sugli Champs-Élysées a Parigi. Le vetrine dei negozi vengono distrutte. I disordini durano fino al tramonto. Si scandiscono slogan del tipo: "Lunga vita all'Algeria", "Per Allah, il Corano", e anche "Fanc**o la Francia!" e "Fanc**o, Zemmour!" Alla polizia viene ordinato di non intervenire, ma viene comunque attaccata.
Il giorno dopo, Jean Messiha, ex membro del Partito [di Marine Le Pen ] Rassemblement National, rileva in televisione: "La Grande Sostituzione e l'odio etnico, possiamo vederli".
Éric Zemmour, candidato ebreo alla presidenza francese, non commenta e si limita ad affermare in un'intervista: "Scene divenute tristemente banali".

Dieci giorni prima, l'8 dicembre, a Nanterre, poche miglia a est di Parigi, un corteo cattolico organizzato per celebrare la festa dell'Immacolata era stato aggredito da giovani musulmani che gridavano insulti e minacce [qui]. I cattolici sono stati chiamati kuffar ("infedeli"). "Wallah [lo giuro] sul Corano, vi taglieremo la gola", ha gridato un giovane a un prete, per poi sputargli addosso. "Questa è la terra di Allah," gridavano altri, "andatevene". Episodi come questi sono diventati comuni in Francia. E nel recente passato sono stati ancora più violenti. La Francia è l'unico Paese in Europa in cui un insegnante è stato decapitato per strada con un coltello da macellaio [qui] perché uno studente lo aveva accusato di mancare di rispetto al profeta islamico Maometto. La Francia è anche l'unico Paese del Vecchio Continente in cui un prete è stato assassinato in una chiesa mentre celebrava la messa [qui]. Nell'era successiva alla Seconda guerra mondiale, la Francia è stato l'unico Stato europeo in cui dei bambini ebrei sono stati uccisi nel cortile di una scuola ebraica. La Francia ha anche il maggior numero di "no-go zones" (più di 750) in Europa.

La Francia è oggi un Paese in cui cristiani ed ebrei vengono insultati e aggrediti così frequentemente che i giornali riportano gli episodi solo se qualcuno viene ucciso o ferito.

Le "no-go zones" francesi dovrebbero essere chiamate "zone della shariah". Vengono governate da imam radicali e bande musulmane che vivono di furti e traffico di droga. Sebbene la maggior parte dei residenti siano cittadini francesi, molti non si definiscono francesi, ma cittadini dei Paesi mediorientali dai quali provengono. Non accettano alcuna presenza ebraica o cristiana e gran parte degli ebrei e dei cristiani che vivevano lì se ne sono andati anni fa per vivere altrove. La polizia non entra in tali aree e le autorità considerano addirittura pericoloso l'ingresso dei vigili del fuoco e delle ambulanze.

Da almeno quattro decenni, i successivi governi francesi hanno evitato di parlare della situazione o hanno affermato che il problema era la povertà, che poteva essere risolta con prestazioni sociali o inviando psicologi e sociologi. Ma la situazione non ha fatto che peggiorare. I responsabili evitano di parlare dell'Islam o affermano che l'Islam "ha il suo posto" in Francia ed è ora una "religione francese".

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto di voler fare più dei suoi predecessori e ha promesso di combattere quello che lui definisce "separatismo islamico". Macron afferma che tutti i guai vengono da un gruppetto di islamisti, che ha definito seguaci di "movimenti radicali estranei all'Islam", e che sono stati incitati a vivere separati dagli altri francesi da pericolosi piantagrane che tradiscono la fede musulmana. Macron continua quindi a rifiutarsi di affrontare qualsiasi cosa considerata "inopportuna".

Secondo un sondaggio pubblicato nel settembre 2020, il 74 per cento dei musulmani francesi di età inferiore ai 25 anni ha affermato che le leggi dell'Islam sono più importanti di quelle della Repubblica francese. Da un altro sondaggio pubblicato due mesi dopo è emerso che il 57 per cento dei musulmani francesi di età inferiore ai 25 anni vuole vivere secondo la shariah islamica.

I sondaggi hanno inoltre rilevato che le bande musulmane che vivono nelle "no-go zones" e si dedicano al traffico di droga compiono anche furti e saccheggi contro attività gestite da non musulmani, in prossimità di quelle aree. L'illegalità spinge questi non musulmani a vendere le loro attività ai musulmani, che non rischiano né saccheggi né minacce. I membri delle gang affermano che quando rubano e saccheggiano, si limitano a "prelevare la jizya", una tassa islamica di "protezione" applicata ai non musulmani nei territori governati dalla legge islamica.

Da anni, coloro che hanno osato parlare espressamente della situazione sono stati portati in tribunale, accusati da organizzazioni antirazziste di "razzismo islamofobo", e poi condannati a pagare pesanti ammende. Dieci anni fa, nel 2011, lo scrittore Renaud Camus pubblicò un libro Le grand remplacement (La Grande Sostituzione) in cui si affermava che la civiltà musulmana stava sostituendo quella francese e che questa sostituzione era accompagnata, per i non musulmani, da violenze e da una mancanza di sicurezza. Camus non ha pagato soltanto le multe. Non è stato più invitato alla radio o alla televisione e tutti gli editori francesi hanno affermato che non avrebbero più pubblicato i suoi libri. Ora Camus si autopubblica.

Anche un altro autore e giornalista, Éric Zemmour, ha scritto altresì la stessa cosa ed è stato spesso condannato, anche per "razzismo islamofobo", al pagamento di multe onerose. I suoi libri, tuttavia, sono stati dei best-sellers e i talk show che lo hanno invitato hanno avuto un enorme successo, cosa che lo ha protetto. Le stazioni radiofoniche e televisive e il giornale che ha pubblicato le sue opinioni non lo hanno licenziato.

È questo il contesto in cui va compresa la decisione di Zemmour di candidarsi alla presidenza francese.

La France n'a pas dit son dernier mot ("La Francia non ha detto la sua ultima parola"), il libro pubblicato da Zemmour nel settembre 2021, parla delle sue deludenti conversazioni con i leader politici francesi. Nessuno ha contestato una parola che ha scritto. Ha organizzato incontri in tutto il Paese per spiegare cosa pensava fosse necessario fare e il 30 novembre ha annunciato la sua candidatura alle presidenziali, postando un video su YouTube.

Quanto dichiarato da Zemmour contrastava nettamente con quello che hanno affermato i suoi concorrenti. Zemmour non ha cercato di compiacere né di minimizzare alcun fatto. Ha parlato della distruzione della Francia dicendo:
"La Francia non è più la Francia, e tutti lo vedono. (...) Il Terzo mondo del nostro Paese e del nostro popolo immiserisce come si disintegra, rovina come tormenta".
Ha rilevato la mancanza di coraggio dei politici francesi:
"Ho visto che nessun politico ha avuto il coraggio di salvare il nostro Paese dal tragico destino che lo attende. Ho visto che tutti questi presunti professionisti erano, soprattutto, impotenti".
Spiegando la sua decisione, Zemmour ha detto:
"Ho deciso di chiedere il vostro voto per diventare il vostro Presidente della Repubblica, affinché i nostri figli e nostri nipoti non conoscano la barbarie. Perché le nostre figlie non siano velate e i nostri figli non siano costretti a sottomettersi".
Zemmour ha creato un partito politico e lo ha chiamato Reconquête, visto da alcuni come un riferimento alla Reconquista, la riconquista della Spagna da parte dei cristiani dopo secoli di occupazione musulmana.

Per alcune settimane è riuscito a porre al centro di ogni dibattito la questione della sopravvivenza della Francia e della sua civiltà. Ogni volta che i media lo invitavano a parlare, ripeteva instancabilmente che c'è in gioco la sopravvivenza della Francia, e che le elezioni del 2022 potrebbero essere l'ultima possibilità di salvare il Paese. Ha parlato del rischio di una guerra civile: "Non voglio che la Francia diventi un Libano su larga scala", ha detto.

Gli altri candidati all'Eliseo sono stati poi costretti a interrogarsi sulle stesse questioni che si è posto lui senza però dare alcuna risposta. Marine Le Pen, leader del Rassemblement National, ha affermato che Zemmour è troppo pessimista e ha diviso i francesi. Valerie Pecresse, la candidata del partito della Destra moderata Les Républicains ha detto soltanto che "Éric Zemmour è un complice dell'estrema Destra. Appartengo a una Destra che ha costruito una diga contro l'estrema Destra". I candidati di Sinistra si sono rifiutati del tutto di rispondere e hanno asserito che Zemmour è un "fascista".

Anche i principali media francesi che hanno invitato Zemmour hanno dovuto interrogarsi sulle stesse questioni che si è posto lui e quasi tutti lo hanno considerato eccessivo, ossessivo, affermando che la Francia non è in pericolo.

Oggi, le organizzazioni "antirazziste" e quelle musulmane francesi continuano a definire Zemmour un razzista. Francis Kalifat, presidente del Conseil représentatif des institutions juives de France (Crif), ha dichiarato che nessun ebreo dovrebbe votare per Zemmour, e Yonathan Arfi, vicepresidente del CRIF ha scritto: "Come ebrei, ovviamente non siamo responsabili di ciò che Éric Zemmour dice. Ma abbiamo la responsabilità di ostacolare quanto da lui affermato". Haim Korsia, il rabbino capo di Francia, ha addirittura dichiarato che Zemmour, che si definisce un "ebreo berbero", è un "antisemita".

Il presidente Macron non parla mai di Zemmour, ma i membri del governo e i leader di La République en Marche, il partito creato da Macron nel 2017, lo fanno, e con parole forti. Il ministro della Salute Olivier Veran ha affermato che "Éric Zemmour incarna il rifiuto, il razzismo e la xenofobia" ed è in uno "stato permanente di delirio". Secondo l'ex ministro dell'Interno Christophe Castaner, Zemmour "insulta ogni giorno il popolo francese".

Le elezioni presidenziali in Francia si svolgono in due turni. Al primo turno ci sono molti candidati: ufficialmente ci sono 24 candidati alle presidenziali francesi del 2022, la maggior parte dei quali otterrà l'1-2 per cento dei voti. Al secondo turno si sfideranno solo i due principali candidati.

Fino a quando Zemmour non ha annunciato la sua candidatura, i sondaggi hanno indicato che al secondo turno il presidente Macron avrebbe affrontato Marine Le Pen e avrebbe vinto facilmente. Suo padre, Jean-Marie Le Pen, è stato più volte condannato per aver espresso commenti antisemiti. Anche se lei ha fatto del suo meglio per dimostrare di essere totalmente diversa dal padre e per nulla antisemita, porta ancora il suo cognome, il che sembra essere un handicap insormontabile. Nel tentativo di cambiare la sua immagine, la Le Pen ha anche moderato le sue posizioni, a quanto pare senza alcun risultato.

Da settembre a metà dicembre 2021, dai sondaggi è emerso che nel secondo turno delle elezioni, Zemmour potrebbe benissimo essere l'avversario di Macron. Da metà dicembre, però, i sondaggi sono cambiati, e Marine Le Pen, Valerie Pecresse ed Éric Zemmour sono a pari merito. È quindi possibile che la Le Pen possa arrivare al secondo turno. Se ciò accadrà, il risultato sarà lo stesso atteso prima della candidatura di Zemmour, e Macron sarà rieletto. Se Valerie Pecresse arrivasse al secondo turno, anche in questo caso verrà rieletto Macron: le sue posizioni sono vicine a quelle di Macron, il che significa che gli elettori che desiderano una politica più conservatrice probabilmente non voteranno per lei. "Valerie Pecresse condivide le stesse idee di Emmanuel Macron e non è in grado di sconfiggerlo", ha dichiarato il 10 gennaio Guillaume Peltier, vicepresidente del Partito. "Soltanto Éric Zemmour ha una possibilità". Il giorno prima, il 9 gennaio, Peltier ha lasciato Les Républicains per unirsi alla campagna di Zemmour.

Se Zemmour arriva al secondo turno, Macron ha ancora buone possibilità di essere rieletto. Macron alimenta la paura del Covid-19. Le norme imposte alla popolazione francese sono ancora estremamente rigide. La Francia è in uno stato di "emergenza sanitaria" e la polizia che garantisce il rispetto delle leggi ha ampi poteri di controllo. È stato predisposto un passaporto vaccinale: soltanto le persone che hanno completato il ciclo vaccinale possono recarsi al bar, al ristorante, al cinema o possono prendere un treno. La polizia può chiedere ovunque di esibire i passaporti vaccinali e i documenti di identità, tranne che a casa. Ogni giorno le prime pagine dei giornali sono dedicate alla pandemia e al numero di casi. Le persone ricoverate in ospedale e i decessi vengono indicati a caratteri cubitali. Anche i telegiornali sono in gran parte dedicati alla pandemia. Quando parla Macron, affronta quasi solo il tema della pandemia. Gli analisti politici a quanto pare pensano che se lui riuscisse a evitare tutti gli altri argomenti, la sua rielezione sarà una certezza. Se non lo facesse, tutto potrebbe andare a finire chissà come.

Un recente sondaggio mostra che la grande maggioranza dei francesi, il 60 per cento, approva l'uso del passaporto vaccinale e le rigide norme in vigore. La paura della malattia e della morte continua ad essere intensa.

I sondaggi, però, mostrano anche che le idee al centro della campagna di Zemmour sono ampiamente condivise dai francesi. Un istituto di sondaggi ha recentemente chiesto a un campione di francesi:
"C'è chi parla della grande sostituzione, delle popolazioni europee, bianche e cristiane minacciate di estinzione a seguito dell'immigrazione musulmana dal Maghreb e dall'Africa nera. Credi che un fenomeno del genere si verificherà in Francia?"
Il 67 per cento degli intervistati ha risposto: "sì". Il sondaggio ha poi chiesto se gli intervistati si preoccupano della possibilità di una grande sostituzione. Il 67 per cento ha risposto "sì" e il 63 per cento ha risposto di ritenere che l'Islam sia un pericolo per la Francia.

I giornalisti che hanno commentato il sondaggio hanno detto: "La grande sostituzione è una fantasia". Molti francesi chiaramente non sono d'accordo.

Durante un recente programma radiofonico, Zemmour ha dichiarato: "No, la grande sostituzione non è una fantasia". E ha fornito le cifre:
"Ogni anno in Francia entrano quattrocentomila immigrati musulmani. In cinque anni, sono due milioni di musulmani in più. Questi musulmani vanno a vivere nelle aree musulmane e non si integrano. (...) Cosa pensate che significhi?"
Invece di rispondere, i giornalisti che lo intervistavano hanno cambiato argomento. Le cifre da lui fornite sono tratte da documenti ufficiali: sono esatte.

Ha anche parlato della sua esperienza. Il 25 ottobre 2021, il conduttore televisivo Jean-Marc Morandini lo ha invitato a incontrare gli abitanti di Drancy, un paesino alla periferia est di Parigi dove Zemmour ha trascorso la sua infanzia. Negli anni Sessanta, ricorda Zemmour, vi avevano vissuto la classe media francese e molti ebrei che avevano lasciato l'Algeria nel 1962, alla fine della guerra franco-algerina. A quel tempo, ha continuato, la vita a Drancy era calma e pacifica. Ora a Drancy non c'è più una sola famiglia ebrea: oggi il piccolo centro è a predominanza musulmana, come molte città nei dintorni, e nel 2017 ci sono state una serie di rivolte accompagnate da denunce di atti di "brutalità da parte della polizia". Ad Aulnay-sous-Bois, una cittadina vicina a Drancy, un giovane criminale di origine africana, Theodore Luhaka, si era opposto con violenza agli agenti di polizia che lo arrestavano per poi accusarli di aggressione sessuale. L'intera periferia orientale di Parigi è stata messa a ferro e fuoco per una settimana. I poliziotti accusati sono stati sospesi e poi scagionati dalla magistratura. All'epoca, Luhaka ha ottenuto il sostegno del presidente François Hollande e non della polizia.

Zemmour è riuscito soltanto a camminare per la città protetto da una dozzina di agenti di polizia armati. Ha incontrato poche persone, tutte ostili. Lo seguiva una folla che gridava "Zemmour vattene" e "Allahu Akbar". Quando è entrato in una macelleria musulmana e ha chiesto al macellaio se c'era una macelleria non musulmana in città, il macellaio ha risposto: "Una macelleria francese? Penso che ce ne sia rimasta una nel quartiere francese". "C'è ancora un quartiere francese a Drancy?" ha chiesto Zemmour.

Il 26 novembre 2021 Zemmour ha cercato di visitare il Marsiglia. Ovunque andasse, è stato accolto al grido di "Allahu Akbar". giovani musulmani lo hanno minacciato verbalmente. Il ristorante dove doveva pranzare è stato completamente saccheggiato. La polizia non ha cercato di proteggerlo. La popolazione di Marsiglia è ora per il 40 per cento musulmana. Gli analisti prevedono che in meno di un decennio, Marsiglia, la seconda città più grande della Francia, sarà prevalentemente musulmana.

L'incontro pubblico organizzato da Zemmour per lanciare la sua campagna il 5 dicembre 2021 è stato protetto da centinaia di agenti di polizia. Le persone accorse sono state accolte da gruppi al grido di "Allahu Akbar" e "Zemmour, il fascista". Un uomo presente nella grande sala dove si è svolto l'incontro ha aggredito Zemmour e ha cercato di strangolarlo. Le guardie del corpo di Zemmour lo hanno consegnato alla polizia e l'uomo è stato accusato di lesioni personali intenzionali. Erano presenti tredicimila persone. Nel suo discorso, Zemmour ha detto loro: "Mi odiano perché odiano voi".

Il giornalista Ivan Rioufol ha scritto su Le Figaro, "Cosa dice il candidato se non che è urgente cercare di salvare la Francia morente e ascoltare le preoccupazioni del disprezzato popolo francese?".

"Se Macron verrà rieletto," ha detto Zemmour il 13 gennaio in televisione, "la guerra civile è quasi certa. Molti francesi lo sanno".

Il 21 aprile 2021, 1.200 soldati professionisti, di cui 20 generali, hanno pubblicato una lettera aperta [qui] sul settimanale Valeurs Actuelles, dicendo la stessa cosa. Macron non ha reagito, ma il ministro della Difesa Florence Parly ha reso noto che i firmatari erano "irresponsabili" e sarebbero stati pesantemente sanzionati. Molti di quelli ancora in servizio attivo sono stati sollevati dalle loro funzioni. Un mese dopo, l'11 maggio, Valeurs Actuelles ha pubblicato un'altra lettera aperta, firmata questa volta da migliaia di soldati professionisti che chiedevano che i loro nomi non fossero resi pubblici. Il testo è esplicito:
"Vediamo la violenza nelle nostre città e nei nostri paesi. Vediamo il comunitarismo prendere piede nello spazio pubblico, nel dibattito pubblico. Vediamo l'odio per la Francia e per la sua storia diventare la norma. (...) Voi abbandonate, senza reagire, interi quartieri del nostro Paese alla legge del più forte (...) se scoppia una guerra civile, l'esercito manterrà l'ordine sul proprio suolo. (...) Nessuno può volere una situazione così terribile, (...) ma sì, ancora una volta, la guerra civile cova in Francia e voi lo sapete perfettamente".
Valeurs Actuelles ha trasformato la lettera aperta in una petizione. Nel giro di poche ore migliaia di francesi l'avevano firmata. Anche in questo caso Macron non ha reagito. Ad oggi, non ha cambiato posizione. Non parla della crisi in Francia.

I giornalisti dei media mainstream e i nemici politici di Zemmour, tuttavia, vagliano ogni parola per trovare scuse per attaccarlo. Il 15 gennaio, durante un incontro con insegnanti e genitori degli studenti, Zemmour ha affermato di ritenere che i bambini diversamente abili dovrebbero essere educati in istituti speciali e ha aggiunto: "Questi bambini sono completamente sopraffatti. (...) Quindi penso che abbiamo bisogno di insegnanti specializzati che si prendano cura di loro". Anziché tenere conto delle reali difficoltà di cui ha parlato Zemmour, Sophie Cluzel, il segretario di Stato per la Disabilità, lo ha accusato di voler "rimuovere i bambini disabili dalle scuole della Repubblica" e di "rifiutare le differenze". Marine Le Pen ha accusato Zemmour di "attaccare i bambini indeboliti da una disabilità". Valerie Pecresse ha dichiarato: "Il mio progetto è più inclusione per i bambini disabili". Il 15 gennaio, Zemmour ha replicato di aver ricevuto il sostegno di migliaia di genitori di bambini disabili che affermavano di essersi sentiti abbandonati dal governo. Ha accusato i suoi detrattori di ipocrisia e menzogna e ha sottolineato che intende rimediare alla mancanza di scuole specializzate nella cura dei bambini disabili.

Altri attacchi seguiranno indubbiamente a qualsiasi affermazione che farà. Il 17 gennaio, un giudice ha condannato Éric Zemmour a pagare una multa (di diecimila euro) per "istigazione all'odio razziale", poiché aveva detto il 29 settembre 2020, in un talk show televisivo, che in Francia "i minori non accompagnati" stranieri non sono né isolati né minorenni, e commettono molti reati. I rapporti della polizia mostrano che ha ragione. Zemmour non ha parlato di razza. La sentenza sarà senza dubbio ribaltata, ma per alcuni giorni i media mainstream francesi hanno avuto l'opportunità di affermare che Zemmour era stato nuovamente condannato per "razzismo".

Quando Zemmour era un giornalista, era universalmente odiato dai sostenitori del politicamente corretto. Hanno cercato incessantemente di distruggerlo, senza successo. Ora che è candidato alla presidenza, coloro che lo odiavano sembrano odiarlo ancora di più e sono pronti a raddoppiare i loro sforzi per distruggerlo. Quando la campagna presidenziale francese inizierà sul serio a febbraio, gli attacchi molto probabilmente si intensificheranno.

Nonostante tutto questo, altri politici seri si sono uniti alla campagna presidenziale di Zemmour. Guillaume Peltier è stato solo il primo: Jérôme Rivière presidente del gruppo Rassemblement National al Parlamento Europeo è salito a bordo il 19 gennaio, come ha fatto il 22 gennaio Gilbert Collard, uno dei leader di Rassemblement National. Forse una tendenza sta prendendo forma ? 
(Guy Millière - [Fonte])
Guy Millière, insegna all'Università di Parigi ed è autore di 27 libri sulla Francia e l'Europa.

21 commenti:

Anonimo ha detto...

Articolo molto interessante. Sono felice che CHIESA E POSTCONCILIO apprezzi il tentativo di Zemmour di correre per la Presidenza della Francia. Sembra che questo opinionista sia molto conosciuto in Francia. Non così in Italia dove sembra che un paio di suoi libri sia stato tradotto ma da case editrici semisconosciute e comunque non ospitate dalle principali catene di distribuzione.

Anonimo ha detto...

Prima il Belgio ,dopo la Francia e poi toccherà a noi.Inutile sperare nei politici ,non hanno la forza per risolvere il problema nè l'onesta di riconoscerlo pubblicamente e quindi dimettersi.Fanno finta di non vedere ed intanto ,tutti insieme, ci avviamo al disastro. Il governo Draghi è il simbolo di questo paese disgraziato ,la pandemia per fortuna è in fase calante ma loro si inventano la mascherina tipo museruola obbligatoria e la quarta dose di vaccino .Intanto ogni giorno sbarcano in Italia africani a migliaia , ovviamente non vaccinati,senza documenti e senza un euro in tasca nè un cambio di biancheria . L'altro giorno a Milano in uno dei tanti appartamenti occupati illegalmente, di una casa popolare, è stato ucciso in una rissa un nordafricano di cui la polizia non riesce a scoprire il nome.Uno delle decine di migliaia di clandestini che girano per l'Italia ,vivendo di espedienti ,senza un nome ,perchè ne forniscono sempre uno diverso alle forze dell'ordine ,entrando ed uscendo dal carcere e con la sicurezza di non essere espulsi.

Anonimo ha detto...

"L'alternativa radicale al comunismo, offerta all'uomo contemporaneo è il cristianesimo, ma non lo pseudo-cristianesimo modernista o neo-modernista, o progressista che dir si voglia, che non intende fondarsi sulla solida base della philosophia perennis e che vaneggia di "esperienze di fede" e di "fatti di chiesa", trasudando sentimentalismo e falsa mistica "carismatica", bensì il cristianesimo tradizionale, cattolico, apostolico e romano, che, lungo la via percorsa dalla chiesa nei secoli, ha raccolto il legato "ellenico" della filosofia e quello "romano" del diritto; che, rielaborandoli, si è svolto in apologetica, in filosofia cristiana e quindi in teologia, nonché in strutture canoniche stabili e articolate; e che non è un momento dialettico del divenire storico, ma il criterio di giudizio della storia."

Jean Daujat, filosofo
In "Conoscere il comunismo", Il Falco, Milano 1977

Fanno lavorare i "profughi" e licenziano gli italiani ha detto...

La famosa cooperativa di Don Luca Favarin “Percorso Vita Onlus” vince l’appalto (Giordani/Bettin) per la gestione della caffetteria del Museo degli Eremitani a Padova.
Primo atto del Don che ha annunciato di aver partecipato al bando del Comune per far lavorare i “profughi”?
LICENZIARE DUE DONNE ITALIANE, bariste da molti anni, che ora si trovano senza lavoro!
Così si comportano certi personaggi, demagogia e “prima gli altri”!

Se i preti sono questi come meravigliarsi del resto ha detto...

Gramellini:
Un prete canta i successi dell’ultimo Sanremo durante la Messa, viene rilanciato da Gianni Morandi sui social e ottiene il suo quarto d’ora di celebrità televisiva: si chiama pure don Matteo. Niente di male né di grave, intendiamoci.
Anzi, ha persino strappato un sorriso quando si è inerpicato sulle note per intonare dal pulpito «brividi, brividii, brividii», attribuendoli a un dialogo immaginario tra San Pietro e San Remo (che tra l’altro non esiste) su cui Fiorello potrebbe campare per anni. Niente di grave, ripeto.

Ma è sulla motivazione del prete canterino che avrei qualcosa da eccepire, là dove afferma di averlo fatto per avvicinarsi ai giovani. È la frase più conservatrice che si possa sentire, nel senso che mi risuona falsa nelle orecchie fin da quando «i giovani» ero io.

Da Bach a Mozart, un tempo erano i musicisti che componevano per i preti, non i preti che scimmiottavano i musicisti. La Chiesa si limitava a fornire la materia prima: il senso del sacro, quello di cui i ragazzi hanno più fame, e basta affacciarsi a un qualsiasi convegno ad argomento spirituale per trovarli nelle prime file. Ma davvero qualcuno crede che lo svuotamento delle chiese dipenda dalla musica d’organo e non piuttosto dall’evanescenza di certe omelie?

Al di là del concertino di don Matteo, non so quanto sia giusta questa idea che, per piacere ai giovani, si debba fare qualcosa che i giovani fanno meglio degli adulti, anziché qualcosa che loro non sanno fare e si aspettano proprio dagli adulti.

Viator ha detto...

e, dopo le violenze di clandestini a Milano e quelle quotidiane registrate in tutte le periferie italiane alcune ormai anch'esse "no-go zone", a Roma, alla stazione Termini, un tunisino sferra un pugno in faccia ad una suora...

Anonimo ha detto...

Qualcuno afferma che l'ecumenismo proclamato dal CVII comprenda anche l'islam.
Ma tutta la tradizione della chiesa affermava che il Dio cristiano e l'Allah musulmano non fossero lo stesso Dio.
Ovvero se il CVII considera Allah come Dio, alla pari del nostro Dio Trinità il CVII è da rigettare.
Questo sul piano teorico. Sul piano pratico solo una vera integrazione degli islamici potrebbe portare ad una convivenza civile.
Ma come viene detto nell'articolo l'integrazione non avviene spesso per la predicazione di imam integralisti ben foraggiati dalle potenze musulmane.

Anonimo ha detto...

Ho letto la traduzione del discorso di Putin di ieri.
Leggere per favore queste righe:

Il paese è diviso e sta vivendo una grave crisi economica. Secondo le stime delle organizzazioni internazionali, quasi 6 milioni di ucraini, o quasi il 15% della popolazione capace, hanno perso il lavoro nel 2018. Queste industrie un tempo erano l’orgoglio dell’Unione Sovietica. La povertà e la perdita del potenziale industriale e tecnologico è che la scelta filo-occidentale che è stata messa nella testa del popolo da anni ormai è che, in realtà, tutto si riduce al fatto che il crollo dell’economia ucraina va di pari passo con la rapina del popolo ucraino. È perpetrato non solo dalle istruzioni dell’occidente ma anche localmente da una rete di consulenti stranieri, ONG e altre istituzioni dislocate in Ucraina. Essi hanno un’influenza diretta su tutte le decisioni importanti a tutti i livelli di governo, dal centro fino ai comuni. Influenzano le principali corporazioni statali. Le ferrovie ucraine e il complesso energetico post amministrazione dei porti marittimi dell’Ucraina non hanno più un sistema giudiziario indipendente, il diritto preferenziale di scegliere i membri della legislazione suprema, e l’ambasciata degli Stati Uniti controlla direttamente l’agenzia nazionale sulla prevenzione della corruzione. Ok, ma dove sono i risultati perché la corruzione persiste ed è peggiorata? Gli ucraini ci credono? Che cosa pensa di queste opzioni? Capiscono che il loro paese non è più nemmeno un protettorato, ma una colonia con dei burattini? La privatizzazione dello stato ha portato al fatto che le autorità che si dicono patriote non hanno il potere di assimilare i russofoni con la forza. Stanno adottando decreti sempre più discriminatori...

Parla dell'Ucraina, ma mi è subito venuta in mente l'Italia.

Valeria Fusetti ha detto...

Niente di grave ? E cosa sarebbe grave secondo lei ?

mic ha detto...

Parla dell'Ucraina, ma mi è subito venuta in mente l'Italia.

Purtroppo!

Anonimo ha detto...

Una certezza!

https://www.gloria.tv/post/DRUsDydCGNpq2B8vgvognZxYW

Alzare il volume!

Anonimo ha detto...

Da Gramellini non si può pretendere più coraggio di quello che dimostrato nella sua critica, che a noi sembra troppo blanda.
Il commentatore delle 9,55 sembra credere, invece, che esista un Islam civile e tollerante rispetto a una frangia integralista. Non è quello che sostiene Zenmour con gli altri pubblicisti citati, bensì la visione dell'opportunista Macron. Mi sembra chiaro che l'utopia dell'integrazione non sia realizzabile, e a conti fatti nemmeno auspicabile.

Anonimo ha detto...

È chiaro che i francesi cattolicu sono tutti senza palle altrimenti combatterebbero

Anonimo ha detto...

Vladimir Putin si rivolge al Popolo Russo e, riferendosi ai governanti di Kiev, dice che «è importante comprendere che non hanno mai avuto le tradizioni di una vera nazione, ma solo modelli esteri senza radici». Modelli esteri senza radici. Appunto. Queste affermazioni vanno comprese fino in fondo. Mentre parla alla Russia, Putin ha alle sue spalle la bandiera dei Romanov, l’aquila bifronte con incastonata l’icona di San Giorgio che uccide il drago. Segnali chiari di una identità storico culturale che affonda le proprie radici nel Cristianesimo a cui la Russia non vuole rinunciare. Chi sta seguendo la vicenda della crisi tra Ucraina e Russia può scegliere di ascoltare e credere alla vulgata del mainstream pilotato da Washington e diramato da Bruxelles a tutti i suoi protettorati locali, Roma in primis, che parla di un "dittatore sanguinario" che vuole scatenare con la sua arroganza la terza guerra mondiale. Non c'è dubbio che i metodi utilizzati da Putin e dal Cremlino per governare la popolazione russa non siano, diciamo così, all'acqua di rose. Ma, come detto, bisogna andare a fondo provando a comprendere bene tutti i contorni di questa crisi. Si comprenderebbe così che in questa storia non ci sono soltanto la forza e la determinazione di un leader espresse nel difendere il suo Paese. Alla base di tutta questa vicenda politica e geopolitica non c'è soltanto la legittima presa di posizione della Russia che vuole impedire che l'Ucraina aderisca alla Nato per scongiurare il pericolo concreto che, a poche centinaia di chilometri dai propri confini, Usa Francia Inghilterra e la Nato piazzino basi militari operative dotate di armamenti pesanti in grado di compromettere la sicurezza nazionale russa. In fondo a tutta questa contrapposizione che dura da anni ci sono l'orgoglio il coraggio e la determinazione della Russia che non vuole essere contaminata e penetrata da una cultura nichilista che si incentra sui capisaldi della distruzione della famiglia, dell'annientamento del genere che deve essere sempre più fluido, per contribuire così al rapido raggiungimento di una società fatta di ominidi sempre più proiettati ad assomigliare a donne e di donne sempre più androgine che smettono di fare figli compromettendo pesantemente il futuro della nazione. Il tutto mentre scompare nella società ogni aspetto religioso e ogni tradizione culturale.
La Russia, al contrario, vuole mantenere integra la propria storia la propria cultura e le proprie radici e sa bene che tutto questo può accadere soltanto impedendo che l'Occidente, decadente e portatore di disvalori, porti ai suoi confini il disfacimento culturale di cui è incarnazione geografica e politica. La crisi in Ucraina non è quello che vogliono farci credere le potenze globaliste e mercatiste per le quali, purtroppo, l'Italia è terra di conquista e laboratorio degli orrori ormai da decenni.

Anonimo ha detto...

L'Ucraina è stata sedotta e abbandonata dagli USA, nella fattispecie quei maneggioni della CIA che seminano guerre inutili, dispendiose per tutti e collezionano figure di m....enta glaciale, lasciando nelle pesche gli altri, in questo caso noi imbelli imbecilli della UE, datosi che UK da sempre se ne sta sulle sue, non senza aver combinato pasticci, Libia docet, tornando al nocciolo, la Francia è messa malissimo e non so se si salverà, ormai è tardi gridare al lupo al lupo, ho letto da qualche parte che molte famiglie ebraiche stanno lasciando il paese per andare in Israele, vendono tutto e se ne vanno, l'esercito francese è pieno di pieds noirs, quindi.......

Anonimo ha detto...

Le ragazze fi Milano ora escono con la scorta...

Anonimo ha detto...

"I giornalisti che hanno commentato il sondaggio hanno detto: "La grande sostituzione è una fantasia".
A quei giornalisti rispondo in romanesco:"Fateve n'artro sonno..!"

III- JÉSUS COURONNÉ D’ÉPINES (pour le mardi) ha detto...

La Passion (2) (cantique de St Louis-Marie Grignion de Montfort)
https://www.youtube.com/watch?v=FTNxI86S5jE&list=PLkkHVphgJH9aC1trWdGZBBJQb60tCfLcR&t=87s

III- JÉSUS COURONNÉ D’ÉPINES
(pour le mardi)
http://www.montfortajpm.sitew.fr/fs/Root/cnms2-Le_Poeme_de_la_Passion_cantique_du_Pere_de_Montfort_.pdf

Anonimo ha detto...

"6 donne molestate in 60 minuti". Il record choc del senegalese a Milano
23 Febbraio 2022
https://www.ilgiornale.it/news/milano/palpeggia-donna-inseguito-ne-palpeggia-altre-5-senegalese-2012648.html

Anonimo ha detto...

Dirottiamolo a casa Lamorgese.

Anonimo ha detto...

Perché bando alle chiacchiere, signori miei: l'infelicità non ha solo il volto della fame e del freddo. Ha anche quello della solitudine che gela quando appartieni a un mondo scomparso o incompreso, quando sei costretto a vivere in un ambiente nel quale non ti riconosci e vieni schernito ridicolizzato perseguitato dalla volgarità.

Oriana Fallaci