martedì 15 febbraio 2022

Confermato l'incontro tra Bergoglio e il superiore della Fraternità San Pio X

Leggo e traduco da Le salon beige. Avevamo già avuto la notizia da alcuni commenti dei giorni scorsi dell'incontro tra Bergoglio e don Pagliarani e lo avevamo messo in relazione sia col nuovo corso dettato da Traditionis Custodes che col rapporto di antica data consolidatosi in Argentina [le circostanze e l'esito qui]. Ora non resta che attendere il comunicato.

Confermato l'incontro tra Bergoglio
e il superiore della Fraternità San Pio X


Il Distretto americano della Fraternità San Pio X a breve renderà pubblica una dichiarazione su questo incontro. Martedì 8 febbraio papa Francesco ha ricevuto in udienza don Davide Pagliarani. Dall'elezione di quest'ultimo, è la prima volta che il nuovo superiore generale della Fraternità San Pio X incontra l'attuale pontefice. Precedentemente, mons. Fellay aveva avuto l'occasione di incontrare papa Benedetto XVI (il 29 agosto 2005) e papa Francesco (il 1° aprile 2016). Quanto a mons. Lefebvre, aveva incontrato Paolo VI e Giovanni Paolo II.
Questa visita sottolinea il persistere delle relazioni tra la Santa Sede e la Fraternità San Pio X, che non si sono mai interrotte anche se hanno attraversato un periodo di raffreddamento tra il 1988 e il 2000. Sembra dimostrare che l'attenzione riservata dal papa al movimento di mons. Lefebvre sia immutata. Il pontefice argentino aveva gradualmente concesso ai membri della Fraternità San Pio X le facoltà di confessare, celebrare le nozze, ordinare, giudicare in prima istanza, eccetera.
Sacerdote italiano, don Pagliarani è stato per sei anni superiore del seminario argentino della Fraternità. Tuttora nel suo governo è assistito da mons. de Galarreta, di nazionalità argentina, uno dei quattro vescovi ordinati da mons. Lefebvre, e da don Bouchacourt, che a più riprese ha incontrato il card. Bergoglio quando entrambi erano a Buenos Aires.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Questa estate ho parlato a quattr'occhi con don Davide Pagliarani. La pensa come mons. Lefebvre - cioè rimanere fedele alla autentica Tradizione Sacra della Chiesa - ed è persona sincera, chiara e decisa. Oltre ogni dovuta diplomazia - per un cattolico è un dovere religioso, e un dovere civile una persona di buon senso - credo in coscienza che rimarrà fedele al giudizio della Tradizione cattolica sull'attuale crisi della Chiesa. rdv

Anonimo ha detto...

Mons. Alfonso de Galarreta è di nazionalità spagnola, non è di nazionalità argentina.

Concetta Pronesti ha detto...

Purché non mettano in discussione , la sua legittimità papale, il cardinale Bergoglio, fa il verso giusto a tutti coloro che celebrano in unione con lui.
Salvo poi, udire peste e corna dai tradizionalisti, nei suoi confronti.
E la commedia dell’arte, soprattutto italica che va in palcoscenico.

Pio ha detto...

Prendo atto di quanto annotato da RDV.
Tuttavia, la posizione della FSSPX sui vaccini e sull'obbligo vaccinale è piuttosto sfumata e "diplomatica" (vedasi anche recente analisi su Renovatio 21 dell'intervento di don Pagliarani). Mi pare che vi sia qualche contraddizione di troppo nell'ambiente FSSPX, che si premura di non apparire anti-sistema.
Inoltre, la FSSPX deve fare attenzione alle infiltrazioni moderniste al suo interno, e all'abbraccio infido e velenoso dei sicofanti "cattolici".

Anonimo ha detto...

E' possibile che voglia "normalizzare" la San Pio X per far confluire sotto di lei tutti i tradizionalisti, per poi andare a colpo sicuro e colpire tutti insieme i nemici del "nuovo corso sinodale".
Riccardo Zenobi

mic ha detto...

Riccardo Zenobi purtroppo non è da escludere. Ma i questo caso le comunità tradizionali si troverebbero unite a combattere dallo stesso fronte anziché in ordine sparso come ora. Sperando che tutti gli spigoli delle sfumature diverse ne risultino smussati ...

Anonimo ha detto...

Il successore di mons Lefebvre incontra il successore di Paolo VI, ma se il primo non è un Lefebvre il secondo è peggio di Montini

Anonimo ha detto...


Mi sembra inutile fare commenti prima del Comunicato della FSSPX su quest'incontro.

Anonimo ha detto...

Con un motu proprio Francesco ha stabilito che gli ordinari delle Chiese locali potranno intervenire in materia di gestione seminari, formazione sacerdotale, redazione di catechismi e in altri settori non chiedendo l’approvazione vaticana ma una più semplice conferma.

https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2022-02/papa-motu-proprio-competenze-vescovi-seminari-catechismi.html

Anonimo ha detto...

A proposito di FSSPX, piuttosto che dare credito ad aspettative ed a cronaca incerta, segnalo questa illuminante conferenza, dove viene messa bene in risalto la specificità della FSSPX rispetto al mondo ecclesiale legato all' exEcclesiaDei:

https://fsspx.org/it/publications/letters/mantenere-la-tradizione-e-trasmetterla-71507

Anonimo ha detto...


FT ma è una buona notizia importante

La Corte Costituzionale ha bocciato la richiesta di referendum per ammettere l'eutanasia.
Sempre sui giornali on line : il governo comincia a parlare di abolizione graduale del green pass, dal 31 marzo al 15 giugno, in varie tappe. Meglio tardi che mai.
Lento pede Draco ad sanitatem se convertit...

Enzo basile ha detto...

Questi inutili e tristi incontri servono solo a creare disorientamento tra coloro che hanno ben chiaro il colpo da maestro di satana, monsignore a partire dal 1988 si rifiutò categoricamente di incontrare i diffusori dell' AIDS dpirituale

Anonimo ha detto...

Due brevi articoli di mons. Richard Williamson:

Fsspx, Addio.
03 maggio, 2014
Cattolici, quando vedete di Roma il consenso,
salire in montagna è l’unica cosa che ha senso.

https://stmarcelinitiative.com/fsspxaddio/?lang=it

Scivolamento commentato
16 novembre, 2019
La Fraternità sta seguendo il mondo.
Il suo corso fatale si appalesa sempre di più.

https://stmarcelinitiative.com/scivolamento-commentato/?lang=it