domenica 6 febbraio 2022

Green Pass stroncato dal Consiglio d’Europa. Nessuno deve farsi vaccinare se non lo vuole.

Gli Stati vengono esortati a ‘informare i cittadini che nessuno deve farsi vaccinare se non lo vuole e a garantire che nessuno sarà discriminato se non è vaccinato’.
Vogliamo vedere la faccia di Speranza (Draghi quel giorno avrà pilates) nell’annunciare agli italiani che i grandi strateghi al Governo han deciso di rovinare la vita a milioni di cittadini, ottusamente, per un “eccesso di zelo”. Chiamiamolo così…

Il Consiglio d’Europa (organizzazione con sede a Strasburgo, distinta dall’Ue, istituita nel 1949 dalla Convenzione europea dei diritti umani con 47 Paesi firmatari, tra cui l’Italia) dà una bella stoccata all’obbligo vaccinale e al Green pass, misure introdotte formalmente o surrettiziamente nella maggior parte dei Paesi europei tra cui l’Italia. Come racconta Stefano Valentino su Il Fatto Quotidiano, “un rapporto approvato a fine gennaio a larga maggioranza ha bocciato l’utilizzo delle certificazioni per punire i non vaccinati. Gli Stati vengono esortati a ‘informare i cittadini che nessuno deve farsi vaccinare se non lo vuole e a garantire che nessuno sarà discriminato se non è vaccinato’”.
Il testo, intitolato “Vaccini Covid-19: questioni etiche, legali e pratiche”, sostiene che il concetto di passaporto vaccinale (Green pass) è “contrario alla scienza”, in assenza di dati sull’efficacia dei vaccini nel ridurre la contagiosità e sulla durata dell’immunità acquisita. Questo testo, spiega ancora Il Fatto, “scredita di fatto i decreti dell’esecutivo di Mario Draghi che penalizzano i non vaccinati con divieti volti testualmente alla ‘prevenzione di SarsCov2’, ossia alla neutralizzazione di infezioni e contagi. I vaccini approvati dall’Ema si sono rivelati efficaci nel prevenire le forme gravi del Covid (ricoveri e decessi) [smentito qui]. Non impediscono invece al virus di infettare l’organismo e trasmettersi a terzi. È quanto emerge da trial clinici, bugiardini e studi condotti sulle varianti Delta e Omicron”. E quindi non dai no vax. Secondo il dossier consegnato recentemente al Senato dall’avvocato Renate Holzeisen, “decadrebbe anche il mutuo riconoscimento tra i Paesi dell’Ue delle certificazioni vaccinali che, secondo la normativa comunitaria, è subordinato ad evidenze scientifiche sull’interruzione delle catene di trasmissione. Una settimana prima era stato il Comitato internazionale per l’etica della biomedicina (Cieb) a prendere di mira l’Italia. La rete scientifica internazionale creata da docenti ed esperti per promuovere un dibattito critico sulla gestione politica della crisi Covid ha chiesto l’abolizione dell’obbligo vaccinale per gli over 50 e del Green pass”.

Ha invitato gli altri Paesi e le organizzazioni internazionali a fare pressioni sul governo italiano affinché ponga fine alla “sperimentazione di massa di un medicinale sperimentale impropriamente denominato vaccino”. E ora sono diverse le associazioni civiche che negli ultimi mesi hanno presentato esposti alla Corte penale internazionale de L’Aia per crimini contro l’umanità. Sarebbero tali “le imposizioni dei trattamenti con sostanze sperimentali col ricatto (privazione di diritti fondamentali come quello al lavoro, ai servizi pubblici e alla libera circolazione)”, dichiara Holzeisen riferendosi all’art 7 dello Statuto della Corte.

La decisione del Consiglio d’Europa non viene a obbligare, di per sé, l’Italia in modo immediato, ma può essere la base per una serie di ricorsi giuridici a questo punto estremamente fondati. La prima associazione che raccogliesse al proprio interno coloro che sono stati licenziati o sospesi sulla base della mancanza di vaccinazione avrebbe delle basi giuridiche forti per poter adire prima alle Corti di giustizia italiane, successivamente, in caso di sconfitta alla Corte di Giustizia Europea, la quale non potrebbe ignorare sicuramente questa decisione e neppure le altre indicazioni della commissione del parlamento sull’ uso non discriminatorio dal greenpass. Appare evidente che, in caso di sconfitta del governo, che riteniamo probabile anche se ci rimettiamo a pareri giuridici più elevati, la responsabilità dei rimborsi dovrebbe ricadere su tutti gli attori che hanno partecipato alla definizione di queste normative, pur sapendo o avendo sospetto che fossero lesive dei diritti personali. Siamo sicuri che la Corte dei Conti farà buona guardia.  Fonte

41 commenti:

Oggi su @laveritaweb ha detto...

Raccontate la vostra storia, scrivete a invisibili@laverita.info. È in gioco molto più del Covid: il modello di società in cui vivere, e la pretesa dello stato di controllare e dirigere le nostre vite.

Anonimo ha detto...

PRIMA PARTE

Visti anche i recenti locali avvenimenti, dico la mia: augurare il fallimento no, non mi piace, non ha nulla di umano, né tantomeno di cristiano. Sarebbe solo ripagare con la stessa moneta e aggiungere cattiveria ad altra cattiveria: se ragioniamo così, non ne usciamo più.
Però gli avvenimenti bisogna leggerli bene, senza preconcetti: serve avere l’obiettività per dire che queste cose, con queste modalità, con questo astio (da ambo le parti) stanno avvenendo solo qui e - bisogna dirlo - perché qualcuno lassù ha voluto fomentare e cavalcare divisioni che nulla avevano di logico o di attinente alla materia sanitaria.
Come qualcuno ha fatto notare, ormai siamo arrivati alla pura vessazione.
Bisognerebbe che tutti si fermassero per un momento e valutassero se ed, eventualmente, quanto ci si stia spingendo oltre il punto di non ritorno.
Pensate bene a quale mondo vorrete ritrovare a pandemia terminata perché non verrà tutto dimenticato con un colpo di spugna.

Anonimo ha detto...

SECONDA PARTE

Sono sincero: vista la ben nota allergia italica al rispetto di norme e leggi, tutta questa volontà di essere improvvisamente così ligi alle regole da parte di certa gente e soprattutto da parte di certi esercenti (in special modo della ristorazione) mi lascia perplesso. Vi siete forse dimenticati il bailamme di norme che si sono susseguite dal primo lockdown ad oggi? Distanziamento dei tavoli, ingressi contingentati, numero di persone ai tavoli, asporto sì, asporto no, liste ATECO, plexiglass, mascherina solo per entrare e/o andare al bagno, ecc.
Possibile che non abbiate notato come, per esempio, l’ultimo CdM sia stato tutto rivolto a cercare di semplificare le regole di quarantena e isolamento… ma - domandatevi, signori miei - chi aveva creato quelle stesse norme?
Possibile che non vi siate ancora resi conto che questo groviglio inestricabile è frutto sì dell’incompetenza di chi ci governa ma - ahinoi - anche del palese asservimento a potenze e interessi stranieri (l’esistenza delle quali è stata recentemente denunciata anche dal reinsediato PdR, non c’è bisogno di scomodare tesi complottiste).
Possibile che non abbiate visto come siano addirittura arrivati a vietare di dar mangiare ai senzatetto! Non hanno cuore, non hanno anima! Sono vuoti!
Possibile che ancora pensiate che agiscano nel nostro interesse?

Le regole esistono e vanno rispettate… ma se e solo se vanno nella direzione del bene comune! Quando diventano vessatorie e arbitrarie allora il patto di reciproca fiducia tra governanti e governati si rompe definitivamente e bisogna iniziare a pensare a modi e stratagemmi per difenderci.
Non possiamo e non dobbiamo dividerci: chi ha un esercizio vuole giustamente fare il suo lavoro e, per farlo, è costretto a rispettare quel che lo stato impone, ma c’è modo e modo di farlo.
Tanto per fare un esempio, stando alle recenti disposizioni, se un negoziante non è tenuto a fare controlli a tappeto, a quale pro installare macchine automatiche per il controllo del certificato?
E ancora, a quale pro spendere tante energie per ricordare le vigenti normative di turno? Una volta fatto il minimo indispensabile per non essere sanzionati (parlo di cartelli e roba simile), calcare la mano e/o fare gli sceriffi serve solo ad esacerbare gli animi.

Capite o no che il buon senso che non ci mettono loro, dobbiamo mettercelo noi?
Veniamoci incontro, troviamo un modo! Le possibilità ci sono e qualcuno l’ha capito (o sta iniziando a farlo) ma siamo ancora troppo pochi.

Anonimo ha detto...

Avvocato Cinquemani:
Nessuno puo' chiedere il green pass senza l'autorizzazione del Ministero della salute.

Molti baristi, ristoratori o titolari d’impresa, a causa d’una informazione fumosa, se non addirittura tendenziosa, sono convinti che i vari DCPM diano l’autorizzazione a chi abbia un’attività che preveda dei dipendenti, o una clientela, a verificare la validità del certificato vaccinale. Ma la realtà è ben diversa: senza una specifica autorizzazione, concessa dal Ministero della Salute, la richiesta di verifica del pass discriminatorio è illegale.

Di seguito la spiegazione del legale palermitano.

«Chi può controllare la Certificazione COVID-19 e il certificato di esonero o differimento?

segue articolo...e modulo per autorizzazione al controllo da parte di baristi ecc.
https://www.lapekoranera.it/2022/01/31/avv-cinquemani-nessuno-puo-chiedere-il-green-pass-senza-autorizzazione-del-ministero-scarica-il-modulo-2/

Anonimo ha detto...

INNESTO MORTALE
Uriel Crua

Si parla a gran voce delle “riaperture” negli altri Paesi Europei, in particolar modo di quelle in Danimarca dove la vita “è tornata a quella del 2019”. Ossia: niente lasciapassare, niente mascherelle. Niente di niente.

Ma facciamo attenzione a questo genere di proclami, perché in fondo si tratta sempre e soltanto di concessioni subordinate a un meccanismo di controllo di tipo sanitario. Il ragionamento è pressapoco il seguente: “visto che il patogeno è meno pericoloso, meno presente, non attacca i giovani etc, allora possiamo concedere una riapertura”.

Questo modus operandi è assai pericoloso perché connota una ormai consolidata accettazione del meccanismo di coercizione: apro quando lo dico io, e voi uscite dai recinti; chiudo se la Scienzah lo dice, e voi tornate nei recinti. L'innesto mentale è riuscitissimo, e nessuno se ne accorge ma anzi si plaude alla “civiltà” dei popoli del Nord [che pure in certi casi riuscirono persin peggiori di noi]

La vera vittoria invece sarebbe sì riaprire, ma scolpendo nella pietra – pena ergastolo per alto tradimento, se non altro – che MAI più vengano così fortemente compressi i diritti della cittadinanza al cospetto di una emergenza più o meno assodata. La vera vittoria sarebbe sì riaprire, ma perché si è riconosciuta nella gestione degli ultimi anni una metodologia dichiaratamente criminale che deve essere sancito non venga MAI più percorsa. Nemmeno pensata.

Ecco, questa sarebbe – come minimo – la via da intraprendere. Non sono “buoni” perché li fanno tornare in discoteca. Non sono “buoni” perché riconoscono che adesso il patogeno è meno pericoloso. Sono soltanto opportunisti che tentano di candeggiarsi il profilo pubblico, prima di tornare a bastonare il prossimo inverno.

Servirebbero almeno - come minimo - scuse pubbliche da parte dei mezzi di comunicazione, dei politicanti, delle forze dell'ordine. Dimissioni di massa e processi per alto tradimento .

Altrimenti è solo un altro giro di giostra per illusi.

Anonimo ha detto...

OT

Intanto lo "spettacolo" di cui abbiamo parlato in questa settimana corredato pure da bestemmie e blasfemie varie ha portato ad un climax di ascolti fuori di misura o quasi ieri sera.
14 milioni di italiani hanno seguito la serata finale con share medio del 65% ma punte fino al 72%. Record da oltre 20 per una finale

Anonimo ha detto...

Pendono al Tar alcuni ricorsi contro i Dpcm e obbligo vaccinale di privati cittadini soltanto.
Il diritto è morto laddove è nato, l'Italia. E certi alti discorsi non incantano nessuno. Vige ormai il silenzio timoroso da raggiunta 'normalizzazione'. Ma, come si prevede, non finirà bene.

Anonimo ha detto...

Nel kebab di Oderzo, che anch'io qualche volta ho frequentato, ieri un dipendente, subito dopo essere stato multato perché privo di green pass, si è dato fuoco ed è ora ricoverato in gravi condizioni. Voglio dirlo chiaramente: i responsabili di questa tragedia non sono soltanto Draghi, Speranza, Mattarella e Bergoglio, ma anche il sindaco e i vigili di Oderzo. Chi va a rompere i coglioni a gente che non ha commesso alcun crimine ma chiede solo di vivere e lavorare in pace , è solo un sadico aguzzino.

...

Sono sconvolto. Quando un'assurda tragedia tocca persone che si incrociano quasi ogni giorno, si resta attoniti. Voglio essere chiaro. Non ci si brucia in piazza a causa di una multa. Il green pass è molto di più: è il deliberato tentativo di rendere impossibile la vita a milioni di persone. Si tratta di un provvedimento che, prima ancora di essere inutile, è disumano, ricattatorio, violento. Chiunque creda ai valori della dignità umana deve battersi per il suo immediato ritiro. In caso contrario, avrà sulla coscienza altre tragedie.

(Prof. Silvio Dalla Torre)

Anonimo ha detto...

6 febbraio 2022 10:35

Giustissima la necessità di chiarire il passaggio, che deve essere ribadito a tutta la popolazione.

Anonimo ha detto...

Povera Italia ostaggio di un covo di serpenti che dai palazzi del potere al Vaticano hanno seminato il veleno della menzogna del ricatto della manipolazione della persecuzione dimenticando cuore umanità stato di diritto Costituzione democrazia diritti inalienabili dell'uomo, tutto calpestato dai tiranni che hanno occupato in modo illegittimo i posti di potere.,
Stanno perseguitando il popolo sovrano,
In nome di una terapia genica sperimentale che non funziona i dati parlano chiaro, Anzi aumentano gli effetti avversi che devono essere taciuti e nascosti.
Personaggi così infimi e vili costituiscono uno dei castighi che l'Italia Ha meritato per essersi allontanata da Dio per aver tradito Gesù Cristo dopo essere stata scelta come sede Apostolica e Colmata di Santi Beati Grazie e miracoli.

L'Italia è maggiormente colpita dalle forze delle tenebre perché ha maggiormente tradito.

Tutti i posti di potere sono ormai occupati dai servi dell'anticristo.

Solo Dio potrà spazzare via questa orda satanica ed è sicuro che lo farà al momento giusto Noi dobbiamo pregare pregare pregare e confidare in Dio, in unione con Gesù e Maria nella comunione dei Santi Uniti Al vicario di Cristo papa Benedetto XVI continuiamo a combattere la buona battaglia certi della vittoria finale.
AMEN

tralcio ha detto...

Una tragedia è già avvenuta, dal 2020. Sono morte migliaia di persone soprattutto perchè curate male. C'è chi ha perso gli affetti più cari mentre le linee guida ministeriali consigliavano tachipirina e vigile attesa prima e sconsigliavano l'autopsia dopo. Poi hanno continuato a creare un clima (falsificando i dati) per imporre il vaccino e l'hanno imposto: ancora altri morti. Nel frattempo è morta la democrazia, è morta una gran fetta dell'economia, è morto il diritto ed è morta la pietà. Questa la tragedia già avvenuta ed in corso. C'è chi si brucia, c'è chi va in depressione, c'è chi cade in povertà. Ma la tragedia peggiore deve ancora venire. Costerà altri morti (il conto da pagare ai vaccini nel sangue), costerà rivolte (per il crollo economico incipiente). Costerà il peso di guardare negli occhi chi si è illuso di ripartire da una nuova normalità fatta di vaccini, green pass e acquasantiere vuote, e riuscire a volergli ancora bene, malgrado ti abbia abbandonato alla disoccupazione, al giudizio, alla negazione del diritto alla cura. Si ammalerà e dovrai anche curarlo: sarà dura, perchè sarà ancora una tragedia se avremo perso la carità cristiana.
Un'altra tragedia riguarda ciò che è diventata la chiesa, in tanti suoi consacrati, che ti irridono mentre vai confessare i peccati. Un'altra prova da superare, per essere degni della croce da portare.

Anonimo ha detto...

Quello del Consiglio Europeo è un ipocrita gioco delle tre carte, infatti non impone nulla agli stati membri.
Non facciamoci troppe illusioni, del resto hanno anche prolungato, nel contempo, il green pass fino a giugno 2023. Di che parliamo?

Anonimo ha detto...

L’unica emergenza sanitaria è quella consistente nella disparità di trattamento tra benedetti e non benedetti in buona parte delle strutture ospedaliere del Draghistan. Intanto, mentre in questo regno dell’illazione e dell’attentato perenne all’incolumità di chi ha osato dissentire, si parla di prolungare il GPRS fino a oltre il 30 giugno e, perché no, renderlo come l’euro, irreversibbbile, in altri Paesi si mandano in soffitta restrizioni e divieti. Da domani fine del lasciapassare in Repubblica Ceca. Perché gli altri sì e noi no? Semplice, perché questo è il SOLO Paese in Europa e per molti aspetti nel mondo, in cui è stata scientemente iniziata e portata avanti, da parte di governo, mainstream e maggioranza della gente ordinaria sobillata, spaventata, incattivita e resa malleabbbile da decenni di propaganda, una caccia alle streghe contro chi ordinario, manipolabile, spaventato, invidioso e incattivito non è.

Anonimo ha detto...

Parliamo del nulla cosmico, è solo un documento che non verrà neppure considerato dai nostri governanti, intanto si vocifera che, per vizi di forma ed inadeguatezza dei piani presentati, troppi e inattuabili, i dindi del PNNR mai arriveranno, del che mai avrei dubitato, inoltre il triumvirato teutonico non ammette il debito buono sul debito cattivo, insomma, Atene è molto vicina, chi sa nuotare si butti, la nave Italia sta andando a sfracellarsi sugli scogli UE, sperare in rivolte da noi è impossibile, spero che @tralcio abbia ragione.......

Fael ha detto...

Forse non sono bene informato ... ma Il Fatto Quotidiano a che rapporto si riferisce? Se intende questo e di si di fine gennaio ma del 2021 esattamente del 27/01/2021, e alla sua uscita, il governo italiano nella traduzione si dimentico di NOT omise di dire che non era obbligatorio, e in un anno ci ha massacrato.
http://www.europeanrights.eu/index.php?funzione=S&op=3&id=1252

Anonimo ha detto...

Il problema è che milioni e milioni di italiani sono caduti del tunnel dell'accecamento spirituale. Siamo nel pieno di una Battaglia apocalittica, da cui ci può liberare solo un grande Miracolo di Dio unito a un cammino di conversione, di ognuno di noi e di tutto il popolo unito. Senza questo NUOVO ESODO - il RITORNO DEL FIGLIOL PRODIGO AL PADRE - la nostra civiltà scomparirà spiritualmente e fisicamente. Non mi capacito come la gente non si accorga del baratro che ci aspetta un po' più in là, annunciato da questi due anni di pandemonio e di tirannia. - rdv

Anonimo ha detto...

Tre quarti dei colletti bianchi italiani hanno fatto carriera sotto i vessilli sinistri, così le gerarchie ecclesiastiche... nessuno sputa sul piatto nel quale ha mangiato tutta la vita lui e la sua famiglia, allargata o ristretta che fu e che è.

Prima si criticava il clientelismo dc, non perché loro fossero superiori, ma perché le clientele volevano papparsele tutte loro...come poi hanno fatto.

Anonimo ha detto...

I giornali di regime tacciono sulla notizia che i camionisti sono ancora a Ottawa a protestare contro il Covidismo ed il petaloso cicisbeo Justin Trudeau, il premier canadese che è scappato a gambe levate dalla capitale rifiutando qualsiasi confronto.
Già questo dovrebbe far capire ai più che se un fatto eclatante di questo genere non viene citato nemmeno di striscio dai giornali, significa che esiste un piano evidente per nascondere la realtà.
Eppure stamattina ho avuto modo di leggere fra i commenti alla mia lettera aperta a Mattarella del 30 dicembre 2021, un intervento delirante scritto da un individuo che non citerò per non regalargli i famosi 15 minuti di celebrità che Andy Warhol promise a tutti, ma che questo signore dovrà guadagnarsi in altro modo.
Evidentemente non proprio d'accordo con la mia opinione, il signore ha espresso in modo elegante e forbito il suo "pensiero" (si fa per dire): "tante str...tutte in una volta non le leggevo da chissà quanto".
Si vede che il tipo non ha letto i DPCM del precedente e di questo governo, anche quelli recentissimi.
Ma non è per puntiglio o perché io mi sia risentito per questo giudizio rozzo e volgare che sto citando questo commento idiota.
Il problema sta nel mantra che i covidioti come lui ripetono a pappagallo e nell'assenza totale davvero di uno straccio di argomento che non sia l'offesa gratuita e l'attacco senza nessuna logica.
Per lui, quello che ho scritto sarebbe "farneticante, negazionista, complottista, antiscientifico, criminale".
Vediamo la fondatezza delle sue "critiche".
"Farneticante, antiscientifico": nella lettera io riporto fedelmente dei fatti, vale a dire che il Presidente Mattarella ha veramente firmato delle leggi frutto, queste sì, di farneticazioni antiscientifiche, perché il cosiddetto green pass non garantisce assolutamente nulla, come hanno ammesso gli stessi diabolici inventori di questo strumento di oppressione. Nelle mie parole, fra l'altro, non si fa nessun riferimento a questioni scientifiche o sanitarie.
"Negazionista": a parte il fatto che la parola si riferisce a chi nega la Shoah e che i covidisti sono sempre pronti ad usare "negazionismo" e "fascismo" quando fa loro comodo ma si scandalizzano istericamente quando qualcuno paragona i DPCM alle leggi del Nazismo, chi nega sono proprio loro.
Negano che ci sia un apartheid, negano che i diritti siano calpestati, negano che l'emergenza sia finita da un pezzo, negano che ci sia un'istigazione all'odio inaudita. Chi è "negazionista"?
"Complottista": io ho esposto dei fatti e queste evidenze portano a pensare che ci sia una regia unica, in quanto tutti i capi di stato covidisti sembrano seguire un copione unico, con qualche piccola variazione, ma sostanzialmente lo stesso. Gli stessi virologi ammettono che si è barato un po' sui numeri delle morti effettivamente dovuti al virus, i protocolli di (non) cura hanno suscitato diverse perplessità nel mondo sanitario (quello ancora sano), i media compatti dicono le stesse cose, chi dissente viene ridicolizzato e silenziato. Beh, direi che c'è materia su cui riflettere.
"Criminale": il signore vada a vedere quanti reati hanno commesso coloro che hanno adottato ed approvato misure di stampo davvero criminale. Si va dall'abuso di ufficio al falso ideologico, dall'istigazione all'odio all'estorsione, dalla strage colposa con dolo eventuale alla violenza privata.
Chi è criminale?
Stefano Burbi

Le ultime sui camionisti canadesi ha detto...

A OTTAWA LA SITUAZIONE E' "FUORI CONTROLLO" PER AMMISSIONE DELLE STESSE AUTORITA'

(ANSA) - WASHINGTON, 06 FEB h.21:50 - Il sindaco di Ottava Jim Watson ha denunciato su una radio locale che la situazione e' "fuori controllo" nella capitale canadese, il cui centro e' occupato da una settimana dai manifestanti che protestano contro le restrizioni anti Covid.

"La situazione ora e' completamente fuori controllo perche' sono i manifestanti a fare la legge", ha ammesso.

"Stiamo perdendo la battaglia.... dobbiamo riprenderci la nostra citta", ha aggiunto, giudicando "inaccettabile" il comportamento della folla che blocca le strade e suona il clacson.
I manifestanti hanno promesso di voler proseguire l'occupazione fino alla revoca delle misure anti Covid. In una riunione di emergenza il capo della polizia di Ottawa Peter Sloly ha denunciato di non avere mezzi sufficienti per mettere fine a quello che ha definito uno "stato d'assedio" e ha chiesto "risorse supplementari". In arrivo circa 250 agenti della gendarmeria reale, un corpo di polizia federale.
La protesta, innescata dai camionisti contro l'obbligo di vaccino per chi varca la frontiera con gli Usa, coinvolge altre citta' canadesi, come Toronto e Quebec.
(ANSA)

Anonimo ha detto...

6 febbraio 2022 22:59

Chi la fa l'aspetti.

Anonimo ha detto...

Ma: perché i cattolici non ragionano così quando si parla Dio in politica? perché i cattolici si aspettano la pappa pronta da Dio in politica ... ma sanno poi lottare per la propria famiglia o i propri interessi? La logica cristiana è questa: tu devi dare tutto quello che hai, ma tu sai che tutto quello che dai te lo dà Dio. Come ragionano gli atei al potere (cioè i cattolici filogovernativi)? Tutto dipende da te. - Come ragionano gli eretici (cioè i modernisti)? Tutto dipende da Dio. Come ragionano i veri cattolici? Tutto dipende da Dio e da te unito a Dio. - rdv

Anonimo ha detto...

Purtroppo chi ha iniziato a dire un po’ astrattamente che i vaccini sono moralmente leciti, ha finito per non dir nulla sulla liceità del green pass. È ciò che accade quando si ammanta di teologia morale e di scienza una decisione politica presa in qualche pia camarilla.
Andrea Sandri

Anonimo ha detto...

Deve essere operato al cuore, ma la famiglia del bambino malato vuole «solo sangue no-vax»
di Carlotta Lombardo
Allestito un’appello tra amici e conoscenti disposti a donare il proprio sangue non vaccinato. Dopo lo stop dell’ospedale Sant’Orsola di Bologna la famiglia si rivolge al giudice. Oggi la decisione

https://www.corriere.it/cronache/22_febbraio_07/deve-essere-operato-cuore-ma-famiglia-bambino-malato-vuole-solo-sangue-no-vax-6d31deb2-87f0-11ec-8804-7df4f9fb61d8.shtml

mic ha detto...

Riprendo, come nostra invocazione il canto d'ingresso di queste domeniche nella Liturgia Tridentina

Da pacem, Domine, in diebus nostris, Quia non est alius Qui pugnet pro nobis Nisi tu Deus noster.

Fiat pax in virtute tua: et abundantia in turribus tuis.

Da pacem, Domine...

Propter fratres meos et proximos meos loquebar pacem de te:

Da pacem, Domine...

Propter domum Domini Dei nostri quaesivi bona tibi.

Da pacem, Domine...

Rogate quae ad pacem sunt Jerusalem: et abundantia diligentibus te.

Da pacem, Domine...

Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto, sicut erat in principio et nunc et semper, et in saecula saeculorum.

Amen.

Da pacem, Domine...

Anonimo ha detto...

Claudio Borghi Aquilini
Il fatto di vedere gente e giornali come @libero che sul green pass dicevano totalmente l'opposto fino a due giorni fa e adesso hanno fatto inversione a 180° senza fare un plissé può far incazzare solo gli ingenui.
Adesso c'è da abolire il certificato e qualsiasi ravvedimento va bene.

Qua fugiunt hostes, via munienda est.

Anonimo ha detto...

PRO MEMORIA PER CITTADINI DISTRATTAMENTE SOVRANI
Vorrei far presente che il CTS (Comitato Tecnico Scientifico) non è un organo previsto dalla Costituzione italiana e il fatto che venga usato come oracolo fittizio dal Governo rappresenta una presa per i fondelli dei cittadini.
Infatti il Governo decide sempre in piena autonomia, mascherando le proprie decisioni con un velo di presunta scientificità conferita da questi consulenti, usati come paravento e come specchietto per allodole.
Questa modalità rappresenta solo uno stadio intermedio del "Great Reset" mirante ovunque, in primis in Italia che funge da cavia mondiale, a sostituire la democrazia rappresentativa con la tecnocrazia nominativa, ovvero alla transizione da un sistema di potere ancora nominalmente del popolo a un sistema di potere nelle mani dell'élite finanziaria.
Davide Lovat su Fb

Anonimo ha detto...

Mascherine: l'obbligo all'aperto cade per tutti?

Il dubbio è se l’allentamento di una delle restrizioni simbolo di questi due anni debba riguardare anche la zona gialla e quella arancione o soltanto la zona bianca

Anonimo ha detto...

Bassetti: “Io da medico, oltre il 31 marzo non lo sostengo. Quindi sarà una decisione politica, non sanitaria e dovranno spiegarlo agli italiani. Però a quel punto non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non avranno più nessuno che li difende".

tralcio ha detto...

Un po' di realtà e di segni dei tempi...

Le norme covidiote stanno rallentando l'economia: è un fatto.

Le restrizioni comprimono i consumi e la voglia di spendere.

Le norme covidiote hanno disincentivato il turismo, anche estero.

Lo spread italico ormai punta quota 160, salito anch'esso.

Le partite IVA cessano l'attività. I negozi chiudono, ma nemmeno i supermercati gongolano, anche se tengono aperto coi sottocosto.

Persino i saldi non hanno visto affollamenti nelle vie del centro.

Gli alberghi vuoti licenziano...

Stiamo svendendo tutto: fabbriche, alberghi, palazzi, arenili...

Eppure, mentre l'economia rallenta, probabilmente perchè non doveva salire l'inflazione, quest'ultima sale...

Così erode i risparmi, il rifugio di chi perde lavoro.

Le norme covidiote faranno perdere il lavoro a chi ce l'ha, ma ha il torto di avere più di 50 anni ed essere sano, non essendosi positivizzato nemmeno circondato tra triplo-vaccinati contagiosi e facendo ripetute file al freddo, in mezzo a non pochi positivi.

L’inflazione vola con la bolletta energetica ed è un problema per chi lavora viaggiando... I trasportatori sono in crisi.

I rifornimenti latitano e così anche chi lavorerebbe ritarda tutto.

Le materie prime e i servizi costano sempre di più: molte imprese sono ormai ridotte a lavorare senza quasi margine utile.

Molti vaccinati soffrono di malori anche gravi: anche questo incide sulla produttività, perchè non si è più come prima.

E anche lavorare bene diventa troppo costoso, inducendo a ridurre sui controlli e anche sulla sicurezza.

E' il Paese reale, quello che non accoglie i migranti.

Però fa il record di ascolti di una porcheria come Sanremo.

Allora uno capisce che ce lo meritiamo.

Anonimo ha detto...

In tre ricorsi, tre dipendenti pubblici (non sanitari) hanno impugnato la sospensione dallo stipendio per mancato assolvimento dell'obbligo vaccinale. In prima battuta hanno richiesto un provvedimento di assoluta urgenza che raramente viene concesso: la tutela cautelare inaudita altera parte. Il TAR del Lazio ha accolto la tutela d'urgenza, sospendendo quindi il provvedimento che privava i ricorrenti dello stipendio, e ha rimandato la conferma della sospensiva al prosieguo del giudizio. Nel motivare l'accoglimento della richiesta d'urgenza, il TAR ha fatto esplicito riferimento al danno grave e irreparabile derivante dalla privazione della retribuzione: questo è il fulcro del tema perché, affinché il danno grave e irreparabile acquisti rilevanza agli effetti cautelari, ebbene deve essere anche ingiusto. Ma se la privazione dello stipendio per mancata vaccinazione causa un danno ingiusto, allora è ingiusta la norma che la prevede. E qui casca l'asino.

Ma resta da vedere se la nota di commento del TAR riuscirà ad essere pubblicata prima di un immediato ribaltamento del Consiglio di Stato, similmente a quanto avvenuto poche settimane fa in tema di “paracetamolo e vigile attesa”...

Da Fb ha detto...

Noto che i giornaloni e i virologi della tv stanno cambiando idea sul Pass e comprendono solo ora la sua vera natura e pericolosa deriva. Allo stesso tempo però continua lo spaventoso tentativo di istituzionalizzare il lasciapassare per trasformarlo in uno strumento ordinario, slegato dallo “stato di emergenza”. Una normalizzazione totale.

Non voglio credere che la maggioranza degli italiani possa restare favorevole al Pass, ovvero a questa concessione statale (illimitata o meno) per vivere, poiché di questo si tratta. Non è una cosa normale esibire un lasciapassare per entrare dentro un ristorante, per lavorare, per fare sport. Non possiamo e non dobbiamo abituarci a questo.

Qualcuno vorrebbe che nella mente dei cittadini tutto ciò si trasformasse in una prassi consolidata. Per questo l’abitudine è il peggiore nemico di questi tempi. Vorrebbero instillare nella mentalità comune questa falsa idea di libertà, subordinata, a tempo, secondo il concetto della premialità.

Il Pass va cancellato, perché sfascia l’economia, discrimina e spalanca le porte ad un modello simile al sistema di credito sociale. Roba per comunisti della Repubblica Popolare cinese, non per veri amanti della libertà. Vietato mollare.

Anonimo ha detto...

Siamo di fronte a un'ipnosi collettiva che non ha precedenti nella storia dell'umanità. Non si tratta più di ipocondria, ma di persone zombiezzate che agiscono come automi per allontanare i reietti della società, cioè i non inoculati.

Anonimo ha detto...

Quando parlate con le persone ricordate che in larghissima maggioranza sono vittime, spesso inconsapevoli, dell'ipnosi di massa. Hanno un problema grosso, quindi siate delicati perché non vogliono essere risvegliate. Per loro non esiste un problema discriminatorio proprio perché sono ipnotizzati. Sono nostri fratelli e li dobbiamo recuperare, ma per per farlo occorre tatto, delicatezza, pazienza, preghiera.

Anonimo ha detto...

Guido Villa
Il professor Giuliano Di Bernardo, ex Gran Maestro della Massoneria italiana, spiega con parole semplici ciò che sta accadendo in questi ultimi anni, e ciò che accadrà negli anni a venire, il ruolo dei vari Draghi, Plenković e compagnia nell'instaurazione di un governo mondiale governato da colui che Di Bernardo chiama l'"Uno dio", un governo totalitario mondiale, dove la democrazia verrà abolita, e, aggiungo io, il cattolicesimo nella sua vera forma (non quella attuale) eliminato dalla faccia della terra.
Non sorprendiamoci quindi che papa Francesco sia perfettamente alleato a questo sistema e allineato con questi personaggi...
Ciò che egli chiama "Uno dio" è ciò che noi abbiamo sempre chiamato l'anticristo come persona.
L'esaltazione della società cinese che fa Di Bernardo ci fa capire come sistemi come il Green Pass (in Cina presente già da diverso tempo) siano i veri anticipatori del 'Marchio della bestia' quale descritto dal Libro dell'Apocalisse.

Vi prego di ascoltare, sono solo quattro minuti, ma chiarissimi.
https://www.facebook.com/100007333537847/posts/3027372944183794/

Anonimo ha detto...

Sinceramente mi interessa una sega di non poter andare al bar o al ristorante. Ci sono baristi e ristoratori di elevato profilo morale oppure dotati di buon senso (si accorgono che perdere clienti è peggio che non perderli e agiscono di conseguenza), vado da loro. Gli altri si arrangino… se falliscono prenderemo atto. La questione del bar/ristorante si risolve con gli aperitivi in piazza.
La discussione ristorantecentrica o barcentrica relativa al GPRS è fuorviante. Il tema centrale è la rottura del rapporto di fiducia tra la classe medica allineata e i pazienti non vaccinati. È questo che mi preoccupa e una simile deriva incivile non potrà essere arginata da qualsivoglia decreto di riduzione dell’utilizzo del GPRS nei negozi o locali. Il Draghistan è un posto pericoloso perché un paziente non vaccinato rischia di ricevere una disparità di trattamento, lesiva o peggiorativa del suo stato psico-fisico, rispetto a un suo omologo vaccinato laddove avesse bisogno di cure mediche o di degenza ospedaliera. Siamo alla barbarie e questa barbarie si consuma fuori dai bar e dai ristoranti…

#quartarepubblica ha detto...

"Certo l'Italia non è la Cina ma la deriva di un eccesso di bio sorveglianza è pericolosa e per qualcuno il green pass è un fine e non un mezzo." @Capezzone

Anonimo ha detto...

Il Consiglio d'Europa. il Consiglio d'Europa.. ma intanto in Italia non ti fanno entrare alle Poste, non ti fanno salire sul bus, non ti fanno andare all'ospedale e in tanti altri posti per le più svariate esigenze.
I contagi non ci sono più ma devono punire(!) chi li ha disubbiditi.
E l'Europa che fa? Che poteri ha dopo le chiacchiere?
Resta da invocare a gran voce l'intervento di Dio perché spazzi via questi oppressori. Santa Maria Liberatrice, libera nos a malo!

Anonimo ha detto...

Quando l'ignavia matura si chiama viltà. - rdv

Il corriere delle menz....? ha detto...

Menzogna del Corriere: “Russia ci ha tagliato le forniture”
Maurizio Blondet 9 Febbraio 2022
Cesare Sacchetti

Apri il Corriere e trovi puntualmente la menzogna in questo articolo firmato da Fubini (j). Per chi non avesse famigliarità con il personaggio, è il cosiddetto “esperto” in materia economica del Corriere che già è rimasto nella memoria per le sue castronerie in merito all”emissione di moneta e sulla difesa dell’euro che ha annichilito la nostra economia. Stavolta Fubini si avventura nel campo della crisi artificiale energetica e accusa la Russia di aver tagliato le forniture di gas all’Italia. Si tratta di una falsità completa. La fornitura di gas all’Italia e all’Europa da parte della Russia è rimasta costante. Mosca non ha tagliato proprio nulla. Sono stati gli importatori, cioè noi, a ridurre gli acquisti del gas.

https://www.maurizioblondet.it/menzogna-del-corriere-russia-ci-ha-tagliato-le-forniture/

Anonimo ha detto...


Oltre a denunciare l'ingiustizia di certe misure "sanitarie" imposte a tutti, ed anche la loro ottusità,
p r e g h i a m o affinché lo stato d'emergenza venga fatto cessare prima del 31 marzo prossimo, un periodo ancora molto lungo.
Si parla di abolire l'uso obbligatorio della mascherina all'aperto.
Speriamo sia un primo passo e che venga fatto presto.
Z.

Anonimo ha detto...

Trust the science, but not the scientists!
Fidati della scienza, ma non degli scienziati.
Sottotitoli disponibili in tutte le lingue.
Cari fratelli e sorelle, ascoltate Don Nolan parlare di tutti i crimini vaccinali del passato.
https://gloria.tv/post/zgJyyvWQjXJa1r2GhKVfkMCrf