giovedì 17 febbraio 2022

Un sacerdote del Rhode Island seguito sui social afferma che la Chiesa DEVE tornare alla messa antica

Nella nostra traduzione da Liturgyguy.com un articolo tanto più interessante e significativo, in quanto viene da un sacerdote non tradizionalista, che però trae le sue conclusioni senza pregiudizi. Qui l'indice degli articoli su Traditionis custodes  e Responsa.

Padre Giacomo Capoverdi è un sacerdote della diocesi di Providence, Rhode Island, con quasi 5.000 amici e follower sui social media. Che io sappia p. Capoverdi non offre pubblicamente la Messa tradizionale in latino, il che rende il seguente testo ancora più d'impatto. È condiviso qui dalla sua pagina Facebook col suo permesso.

So che ci saranno alcuni che non saranno d'accordo con me. Ne avete il diritto. Ma secondo la mia opinione e l'esperienza di 25 anni di sacerdozio, come Chiesa stiamo sprofondando rapidamente e siamo in grossi guai. La maggior parte dei nostri problemi sono interni.

Credo che l'unica via d'uscita da questa confusione sia tornare a fare ciò che ha fatto la Chiesa quando era in auge. Dobbiamo tornare alla Messa di Papa Giovanni XXIII, la Forma Straordinaria, in ogni parrocchia e iniziare a guidare i seminaristi come si faceva prima della metà degli anni Sessanta.

Alcuni dicono che la chiesa debba diventare più in sintonia “con i tempi” e anche più liberale, che debba cambiare le sue posizioni morali su Omosessualità e Aborto; allora più persone verranno a Messa. Ciò non potrebbe essere più lontano dalla verità.

I protestanti ci hanno provato, cambiando la loro teologia morale e la comprensione della Bibbia, e hanno fallito miseramente. Le principali chiese protestanti liberali stanno scomparendo dalla faccia della terra. Così accade alle suore e ai fratelli religiosi liberali. Molti di questi gruppi liberali non hanno nuove vocazioni da decenni.

La Chiesa cattolica ha cambiato la nostra fede sulla Salvezza e sul modo in cui celebriamo la Santa Messa. È allora che sono iniziati i nostri problemi. Il cattivo comportamento dei sacerdoti fin dagli anni Sessanta è una conseguenza di questo, cattivo frutto di cattive decisioni. Se non apportiamo presto grandi cambiamenti e torniamo come prima degli ultimi 55 anni, continueremo ad avere emorragie e nei prossimi 50 anni perderemo il 75% dei fedeli oggi praticanti.

Ad esempio, in questo momento ci sono 5 parrocchie a Westerly, nel Rhode Island. Se non torniamo alla Messa tradizionale, prevedo che tra 50 anni ci sarà solo 1 parrocchia a Westerly che dovrà celebrare solo 3 messe nel fine settimana.

Cercare di diventare più protestanti nella nostra liturgia e teologia negli ultimi 55 anni ha avuto conseguenze disastrose. Non possiamo attribuire la confusione in cui ci troviamo ai "Cambiamenti culturali". Sono i deplorevoli cambiamenti che abbiamo apportato che hanno contribuito a plasmare i cambiamenti culturali tragicamente avvenuti.
Abbiamo dato impulso al cattivo comportamento morale, annacquando le nostre convinzioni. So che non ci sarò per vedere il crollo totale, ma questo arriverà se non torniamo alla nostra Messa Tradizionale e ai nostri principi morali tradizionali. - Fonte
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Parole semplici e vere.I frutti (velenosi)di cattive decisioni sono sotto gli occhi di tutti.

Anonimo ha detto...


L'ho sempre detto e anche scritto che, per risorgere, la Chiesa deve ritornare a celebrare s o l o nell'Ordo Vetus, e liberarsi della Messa posticcia inventata da Montini e Bugnini. Mi fa piacere apprendere che un bravo sacerdote, del tutto estraneo a quanto pare a circoli di "tradizionalisti", sia giunto alla stessa conclusione.
Implicitamente, questo sacerdote dà ragione a mons. Lefebvre, alla sua drammatica e sofferta scelta di tanti anni fa, sulla Messa e sulla formazione dei Sacerdoti.
PP

Anonimo ha detto...

A Londra stanno rimettendo l'acqua nelle acquasantiere.

Sul canale "100 giorni da leoni":
BXVI ci ha risposto con una lettera !
Ne riferisce il contenuto Riccardo Rocchesso nel video su youtube:
https://www.youtube.com/watch?v=dNoGSEyT05g

I redattori propongono una petizione per ripristinare l'acqua benedetta nelle chiese.
In questa iniziativa ricevono la benedizione di BXVI e le sue preghiere di affidamento alla SS. Vergine.

Anonimo ha detto...

Il diavolo odia la Messa antica perché è la più perfetta formulazione di tutti gli insegnamenti della Chiesa.

Da cui non ci sarebbe nessuna petizione da fare. ha detto...

@17 febbraio 2022 21:34
I sacramentali non sono piu' di moda , sono considerati/visti/percepiti come superstizioni.
Sebbene se ne parli chiaramente nel Catechismo della Chiesa Cattolica :
https://www.vatican.va/archive/catechism_it/p2s2c4a1_it.htm

Anonimo ha detto...

Non so se avremo la forza di liberarci dal diabolico superfluo che ha plasmato il modo di vivere e di pensare di almeno tre/ quattro generazioni. Le persone oggi non distinguono il vero dal falso, il bene dal male, il bello dal brutto, anzi ritengono falso il vero, ritengono il male bene e il brutto bello; il ribaltamento della chiesa ha portato con sé il ribaltamento del buon senso umano. Anche se oggi sparissero tutti i caporioni della follia imperante con tutti i loro servi, non so se i restanti avrebbero la forza spirituale, intellettuale, fisica di riprendere a vivere senza corruzione, senza dissoluzione, senza quel disprezzo di sé che ha caratterizzato, in un crescendo, gran parte della religione, della cultura, della giustizia, della economia dal dopoguerra ad oggi. Non so. Bisogna comunque ricominciare da noi stessi con un pacato, sincero esame di coscienza alla luce dei Dieci Comandamenti, nudi e crudi, senza infingimenti, senza sconti, senza alcun bonus e riprendere a camminare con NSGC, Quello della cacciata dei mercanti e dei cambiavalute dal Tempio, il Taumaturgo dell'anima e del corpo, Quello della croce, morte e resurrezione e dell'ascensione al Cielo. Ormai ognuno di noi è solo davanti a Lui, piaccia o non piaccia, mentre il delirio dilaga.

Da ricordare ha detto...

Ricompensa per una santa Messa

Un orfanello aveva trovato una moneta lungo un sentiero. Avrebbe potuto appropriarsene, poichè impossibile trovarne il padrone; avrebbe potuto sovvenire a qualche urgente bisogno; ma non lo fece. Pensò di far celebrare una Santa Messa per i genitori defunti.

Iddio gradì il pietoso atto e venne in soccorso dell'orfanello. Quando questi chiese al Sacerdote la celebrazione della Messa, suscitò l'interessamento del Ministro di Dio.

- Tu sei privo dei genitori e fai bene a ricordarti di loro. Ma come vivi al presente?

- Faccio il pastorello.

- Ti piacerebbe studiare e divenire Sacerdote?

- Lo desidero tanto! Ma non ho i mezzi.

- Se ti aiutassi io?
- Non saprei come ringraziarvi!... - Da quel giorno il fanciullo lasciò le pecore e si diede allo studio. Poté un giorno divenire Sacerdote, poi Cardinale ed anche Santo. Forse la Chiesa non avrebbe San Pier Damiani, se questi da fanciullo non si fosse ricordato di suffragare i genitori.
(don Giuseppe Tommaselli)

Anonimo ha detto...

«Quando la Messa sarà stata rovesciata, io sono convinto che avremo rovesciato con essa il papismo. (…). Io dichiaro che tutti i postriboli, gli omicidi, i furti, gli assassini e gli adultèri sono meno malvagi di quella abominazione che è la Messa dei papi!».

Martin Lutero

Anonimo ha detto...

Il succo del discorso è come il discorso sulla morale divina ed umana, quella discendente da Dio su Dio si fonda, quella discendente dall'uomo su l'uomo si fonda; così la liturgia discendente da Dio su Dio si fonda, quella discendente dall'uomo e dalla sua creatività temporale su l'uomo si fonda. Come le stelle, per quanto l'uomo abbia mandato navicelle nello spazio, nessuna navicella è propriamente una stella. E' giusto imitare NSGC, ma non è giusto pretendere di essere più capaci di Lui, più aggiornati di Lui Eterno.