venerdì 19 gennaio 2018

«Tucho» Fernandez, l'ispiratore di Amoris Laetitia, lancia un attacco contro i cardinali Müller e Sarah

A giudicare da certi collaboratori di Bergoglio, c'è da rabbrividire su cosa ancora dovremo vedere!

Molto vicino al Papa, monsignor Victor Manuel Fernandez ha appena pubblicato un articolo sul quotidiano argentino La Nacion per denunciare l'atteggiamento dei cardinali Sarah e Müller che agiscono, ha detto, come se Francesco non fosse Papa. Rettore dell'Università Cattolica Argentina, Arcivescovo "ad personam" per grazia di Papa Francesco, autore di un libro intitolato Saname con tu boca. El arte de besar  [qui], chiamato familiarmente «Tucho», Fernandez ha fortemente influenzato la scrittura di Amoris laetitia come dimostra la conformità dei passaggi più controversi dell'esortazione con suoi scritti precedenti [qui]. Dietro le innovazioni di Papa Francesco c'è lui al 100%. Attaccando due cardinali noti per il loro conservatorismo, ma che non hanno mai qualificato come inaccettabili questi insegnamenti - neppure attraverso i Dubia [firmati peraltro da altri 4 cardinali -ndT] - il prelato argentino lascia intuire un'escalation nell'opera di destabilizzazione.

Un vero e proprio attacco di mons. Victor Manuel Fernandez contro i cardinali Müller e Sarah

L'articolo reca questo titolo: Le Erronee interpretazioni del messaggio del papa . «Tucho» Fernandez scrive: «Spesso si immagina che chiunque abbia un ruolo nelle istituzioni cattoliche esegua gli ordini del Papa ogni volta che parla. Tuttavia, questo non vale nemmeno per i Cardinali Vaticani, poiché continuano a pensare e parlare come desiderano, come se Francesco non fosse Papa». 
Accusa gravissima, messa in questi termini.

Sono specificamente chiamati in causa il card. Gerhard Müller, prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, licenziato senza tanti complimenti da parte del Papa, e il cardinale Robert Sarah, ancora prefetto della Congregazione per il Culto Divino e della disciplina dei sacramenti, ma affiancato da secondi che prendono decisioni che non corrispondono ai suoi orientamenti. Müller avrebbe dovuto essere licenziato prima, suggerisce il vescovo Fernandez: «Non ci chiedevamo forse spesso perché il cardinale Müller non fosse allontanato, visto che non nascondeva di aderire ad una linea di pensiero molto diversa da quella del Papa e nello stesso tempo lo criticava? Vediamo anche il cardinale Sarah, che continua a proporre di ricominciare a celebrare la messa dando le spalle al popolo».

L'ispiratore di "Amoris laetitia" avrebbe allontanato da tempo il cardinale Müller

Curiosamente, l'articolo nel suo insieme sembra costituire una difesa del diritto di tutti a parlare liberamente, visto che un leader cattolico che non coinvolge il papa in alcuna delle sue azioni. Dunque, spiega Fernandez, il vescovo Sanchez Sorondo - un altro argentino vicino al papa - agisce da solo e senza chiedere il permesso a nessuno quando invita figure controverse - favorevoli a certe forme di eutanasia, aborto, controllo della popolazione - alle riunioni della Pontificia Accademia delle Scienze, di cui è cancelliere, nella Città del Vaticano ... Fernandez scrive:
«Oggi con Francesco, la Chiesa gode di una libertà di espressione senza precedenti e non è necessario star lì a pensare per ogni cosa quale sarebbe il parere del Papa. Oggi molti cattolici possono trattare irresponsabilmente il papa da eretico o scismatico, senza nessuna richiesta di chiarimenti da parte del Vaticano. Solo pochi anni fa siamo stati severamente puniti per molto meno ». 
Che arte di ribaltare i ruoli, e in modo incoerente, quant'altri mai! Come si può giustificare l'idea che il Papa, che ha davvero «dato quel che si meritava» al Cardinale Müller, avrebbe dovuto farlo ancora prima, se la libertà è così tanto la regola? Come osa dire che coloro che si preoccupano dell'integrità della dottrina cattolica godono di un'indulgenza (colpevole?) da parte del Papa, mentre abbondano i casi di siluramenti, licenziamenti, pensionamenti di questi «sobillatori», senza contare gli sproloqui che i familiari di Santa Marta attribuiscono a Francesco?

Tutti parlano liberamente, ma si finisce per chiedersi, beffardamente, se «Tucho» non parli per conto del papa. ( Jeanne Smits - Fonte )
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

34 commenti:

Anonimo ha detto...

Dicono che questo tizio abbia scritto un libro dal titolo
Saname con tu boca. El arte de besar

Che dovrebbe significare: Guariscimi con la tua bocca. L'arte di baciare.

Chiedo: questo libro è dedicato alla Emma nazionale???
lei ha sanato i vescovi italiani con la sua bocca di verità. Verità abortiste e quindi menzogne!!!

Comunque è vero quello che disse Anonime della Croce- Fra Cristoforo: sarebbe partito il fuoco di copertura a difesa delle posizioni indifendibili da parte delle persone vicine a Bergoglio.

Così è stato!
grazie

tralcio ha detto...

Al modernista non basta mai dove è arrivato: vuole di più.
Il modernista è un consumatore compulsivo della propria ideologia.
Chi ha un pensiero differente è un ostacolo e va rimosso: misericordiosamente eliminato.
La radice di questo delirio è proprio nel sistema di pensiero da cui muove il modernista.
Al centro del modernista idealmente c'è l'uomo, ma praticamente c'è l'io. Non Dio.
Il modernista vede la propria potenza in atto come se fosse l'Essere.
Il modernista non è il frutto di un dono, ma ingloba il dono e pretende di dar frutto.
Il modernista è incapace del trascendente, al massimo mette a tema il trascendentale.
Nella S. Messa c'è un nutrirsi, senza più la grazia del sacrificio di Cristo che redime.
Il mondo per il modernista è tutt'uno con Dio, non si pone come ambito altro dal Suo.
Questo pensiero non è secondo Cristo.
Così invece di essere santi in Cristo, si finisce per diventare anti-Lui.
E chi non è con loro, peste lo colga. Ma misericordiosamente, mi raccomando!


Anonimo ha detto...

Ma da dove sono arrivati questi che non si possono neanche definire modernisti, ma solo imbecilli, infantili, improponibili idioti?

Anonimo ha detto...

http://cardinalburke.blogspot.it/2017/01/burke-nessun-ultimatum-al-papa-ma-noi.html

Anonimo ha detto...

Riflessione
http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/?topic=03/04/09/3080386

Anonimo ha detto...

Quello di Fernandez è un violento attacco mediatico secondo la più moderna tendenza ecclesiale.

Anonimo ha detto...

Una riflessione del card. Muller sull'esercizio dell'autorità papale

https://www.firstthings.com/web-exclusives/2018/01/by-what-authority

Guidotorinese ha detto...

Scusate, entro a gamba tesa con un o.t.
Il Papa prima di sposare i due assistenti di volo, li avrà confessati e li avrà assolti dopo aver accertato che erano pentiti di aver convissuto prima del matrimonio sacramento?
Mah, chissà....

Anonimo ha detto...

Tralcio mi piace molto, sempre.

Solo una cosa. Egli dice
"Chi ha un pensiero differente è un ostacolo e va rimosso: misericordiosamente eliminato"

Preoccupante è che questa mentalità sia quella di una "scuola" di gestione aziendale che si chiama "Human Resources Management". Gestione delle Risorse Umane.
Quando nelle corporation fanno le ristrutturazioni dell'organizzazione industriale, chi tra le persone accetta le novità, bene. Altrimenti ti rendono la vita un inferno fino al punto di voler essere te ad andare via.

Ecco la mentalità dei NOVATORES: o con noi, oppure via!

Nella Chiesa MAI è stato così. Affondare il dibattito-riflessione teologica, la vita di orazione distrutta se non nelle modalità da loro definite ed approvate e via dicendo.

Questo "spirito" nella Chiesa è davvero una sostituzione dell Spirito Santo. Poi c'è Cristo, ma ancora noi siamo nella prova della nostra fedeltà a Lui.
grazie

fabriziogiudici ha detto...

Scusate l'OT non brevissimo, ma a me pare che pochi giorni fa abbiamo avuto un segno notevole.

Avrete sentito che per un errore (*) gli hawaiani hanno passato quaranta minuti di notevole strizza per via di un allarme di attacco missilistico che pareva totalmente reale. I giornali normali hanno parlato della cronaca, ma ora quelli cattolici stanno portando alla luce altri dettagli:

https://www.lifesitenews.com/news/hawaii-missile-scare-fills-churches-sends-confession-lines-out-the-door
http://www.lanuovabq.it/it/lassoluzione-di-massa-in-pieno-allarme-nucleare

In sintesi, molti sono corsi nelle chiese a pregare e confessarsi (non so se è un'esagerazione, ma l'articolo parla di "file davanti al confessionale"); il secondo articolo parla di un prete che ha dato la misura estrema, l'assoluzione di massa. Mia considerazione, molto sintetica e quindi necessariamente incompleta, e quindi prendiamola come provocazione: l'"Alleluja delle lampadine" non porta la gente al confessionale, il "Dies irae", o se vogliamo il "memento mori", sì. Noto anche la quasi coincidenza con il discorso di qualche giorno fa del Papa sulla guerra nucleare, con tanto di foto mediatica, che non penso proprio abbia portato gente in confessionale: essendo un discorso coerentemente moderno, che alla fine la gente recepisce solo a livello intellettivo/emozionale (eh, la guerra, le ingiustizie, i potenti, i fabbricanti di armi, Trump/Putin, ...) e non in prospettiva razionale/spirituale/escatologica; che non coinvolge personalmente, come evidentemente fa un pericolo chiaro ed imminente (o percepito come tale). Anche perché poi non si capisce perché il Papa dice di essere così preoccupato, ma poi non seguono le opportune iniziative spirituali. E sì che, da pochi mesi a Roma, ci fece fare il digiuno per quella che sembrava un imminente escalation USA/URSS in Siria; poi però abbiamo avuto escalation ben peggiori (in realtà non nella sostanza, ma certamente nella percezione a caldo) come l'attacco missilistico in Siria di Trump, eppure di digiuni non s'è vista più l'ombra (a pensar male verrebbe da dire che quello del 2013 fu parte della scenografia per portare il nuovo Papa alla ribalta nella scena mondiale).

(*) Come considerazione semiseria, a margine: poi sarà interessante vedere se ci saranno altri frutti, ovvero oltre la paura imminente e la confessione immediata, cambi di vita o vere e proprie conversioni. Certo è che qualche frutto già si vede ora e dimostra quanto è incredibile Nostro Signore nel trarre il bene da cose apparentemente sciocche: infatti l'episodio è stato causato dalla concatenazione delle azioni di tre pirla: un impiegato statale che gestisce il sistema di allerta che ha scritto la password su un post-it appiccicato al monitor; un collega che l'ha fotografato senza rendersi conto di cosa fotografava; e un terzo che l'ha pubblicato sui social, senza fare le opportune verifiche di sicurezza; così, a quanto pare, un hacker è entrato nel sistema e ha fatto il patatrac.

Anonimo ha detto...

Muller gli attacchi se li merita tutti: a furia di voler piacere a tutti, ora non viene stimato da nessuno...

Anonimo ha detto...

Sembra che Bergoglio a Temuco, nella regione cilena della Araucacania abbia finalmente detto, chiaro e tondo : "non esiste una cultura superiore ad un'altra". la cosa mi ha stupito e stordito. Allora perchè ci proclamiamo cristiani ? Perchè il Signore Gesù ci ha chiesto di andare a predicare a tutte le genti ?

Ho trovato questa sconcertante notizia sul Fatto quotidiano di oggi, in un articolo di Massimo Fini che sottolinea come questo profondo discorso di Bergoglio sia stato praticamente ignorato o messo sott'ordine da tutti i giornali...

mic ha detto...

Il Papa prima di sposare i due assistenti di volo, li avrà confessati e li avrà assolti dopo aver accertato che erano pentiti di aver convissuto prima del matrimonio sacramento?
Mah, chissà....


Secondo me questo gesto mediatico ed esibizionista non merita molta attenzione. Era preparato e non improvvisato come lo fanno apparire, visto che in una foto si vede la scatolina degli anelli.
Resta fermo il fatto che il consenso espresso dagli sposi davanti ai testimoni e alla Chiesa e la relativa benedizione dell'unione con la formula "Ego coniungo etc." rendono valido il sacramento.
Certo la benedizione dispiega tutta la sua efficacia sull'anima libera dal peccato al quale tuttavia, non è una novità per Bergoglio, non viene fatto alcun cenno.
In un contesto cattolico, dovendo saltare la Messa, opportuna ma non indispensabile, almeno la confessione per la ritrovata strada maestra, sarebbe normale...

Anonimo ha detto...

Bergoglio spettacolarizza ma svilisce il sacramento! Una nota pratica: dove lo trascrive? E quando avranno bisogno di un certificato dove vanno a chiederlo?

mic ha detto...

Col matrimonio-spettacolo per i babbani chiudiamola qui.
Non ce ne importa un fico secco, di fronte alla gravità inaudita di altri gesti e parole, sui quali continuiamo a focalizzare la nostra attenzione per riaffermare la verità erga omnes!

Anonimo ha detto...

@ Mic,
Però questo è pertinente (da Tosatti)

... sembra un film, una fiction, interpretata da un attore che sa improvvisare, sa fare sorprese, sa creare lo spirito della telenovela. Ma ormai non ci si meraviglia più di quel che fa, si soffre basta. Quando ho letto di questo ultimo show ho pensato a al Beato Rosmini. Se ne fosse stato oggi spettatore, le piaghe della santa chiesa sarebbero state sei (non cinque). La sesta sarebbe stata l’esibizionismo confondente dei vertici della chiesa.

viandante ha detto...

Scusate l'OT non brevissimo, ma a me pare che pochi giorni fa abbiamo avuto un segno notevole

Chissà come interpretare queste cose?
Se da un lato durante l'allarme alle Hawaii pare tutti corressero a confessarsi, un'altro studio rivela che le visite ad un sito pornografico subito dopo l'allarme sono cadute del 77% (ovvio tutti dovevano cercare riparo...), ma subito dopo la levata dell'allarme le visite sono subito aumentate del 48% rispetto al "normale".

https://de.sputniknews.com/panorama/20180118319129647-hawaii-alarm-raketenangriff-nordkorea-pornhub/?utm_source=adfox_flite_626036&utm_medium=banner&utm_content=2365879&utm_campaign=adfox_site-campaign_41921-63667&ues=1

Mi sa che nei momenti più drammatici ognuno si rivela per quel che veramente è.

tralcio ha detto...

Scusami Mic, ma vorrei aggiungere poche righe sul matrimonio "cattolico" in aereo, "a sorpresa". A parte l'ipocrisia della sorpresa, essendoci abbastanza cose preparate per escluderla (dire le bugie è ancora peccato?), a parte lo svilimento del sacramento, ridotto all'osso, senza doverose premesse qui già citate da altri, non posso non notare soprattutto lo stile Las Vegas. Amoris Laetitia pare diventato questa città dei balocchi, dove abbondano gatti e volponi, la Luce è data da lucignoli e mangiafuoco e il grillo parlante l'hanno spiaccicato da tempo. Sposarsi a Las Vegas può essere parte del pacchetto che ti sguinzaglia tra attrazioni e giochi d'azzardo. Qui c'è chi sta scommettendo tutto sul ritorno mediatico. Non vorrei che fosse anche un vicolo cieco o peggio, una strada senza ritorno.

fabriziogiudici ha detto...

Mi sa che nei momenti più drammatici ognuno si rivela per quel che veramente è.

Esattissimo: è il momento in cui si rivelano i cuori. Ma sappiamo bene che certi cuori rimangono duri sino alla fine: non penso affatto che il "memento mori" sia efficace con tutti. Il mio punto è che l'alleluja delle lampadine al confronto appare molto meno efficace.

Anonimo ha detto...

In questo articolo in spagnolo del dicembre scorso, peraltro facilmente comprensibile, lo steward e l'hostess cileni sposati dal Papa esprimono la speranza di potere essere sposati in aereo appunto da Francesco:
""No pudimos casarnos por la Iglesia porque fue el terremoto de 2010, se cayeron las iglesia, se cayó todo. Así que lo empezamos a aplazar, empezamos a trabajar, después llegaron las hijas", contó Ciuffardi. Así, ambos esperan que en enero próximo este postergado plan pueda finalmente concretarse sobre el avión y dirigido nada menos que por el mismísimo Papa Francisco. "Nos encantaría. Es nuestro lugar, es nuestra segunda casa, es donde nos sentimos seguros", manifestó Podest.
Quindi, era tutto preparato, la storiella del matrimonio improvvisato è una fake news. Complimenti vivissimi

fabriziogiudici ha detto...

Ho fatto creare una copia dell'articolo citato dall'anonimo delle 21:21, casomai sparisse:

https://archive.is/YKumS

Anonimo ha detto...

IL POPOLO CATTOLICO FUGGE VIA DA BERGOGLIO. IL RE E' NUDO E IL POPOLO SE N'E' ACCORTO. STA FINENDO IL BLUFF COSTRUITO DAI MEDIA?
.
Oltre alle durissime polemiche che hanno travolto Bergoglio nel suo viaggio in Cile, si è evidenziaton pure lì il clamoroso flop agli appuntamenti con lui che da tempo si vede a Roma e che don Filippo di Giacomo, sul "Venerdi", aveva illustrato anche per le apparizioni televisive di Bergoglio. Imbarazzanti i flop televisivi del papa argentino: "FRANCESCO IN TV VALE LA META' DI PAPA BENEDETTO XVI", aveva scritto Di Giacomo. Il gregge riconosce la voce del pastore, non quella di chi pastore non è.
Torno al viaggio in Cile. Ecco per esempio le foto (tratte dal sito del quotidiano Cileno "El Comercio", del 18.01.2018) della Messa nel Campus Lobito di Iquique, ultima tappa della sua visita in Cile. Aspettavano 300.000 fedeli, ma a fatica ne sono arrivate 90.000.
La quarta foto è stata scattata dall'alto il 17 gennaio e mostra l'incontro con i giovani al Santuario Nazionale di Maipu. Il vuoto, la desolazione.... La freccia a sinistra indica dov'è la papamobile,..
(Antonio Socci)

Anonimo ha detto...

👉Catechismo Chiesa Cattolica : 👈
La celebrazione del Matrimonio

✝1621 Nel rito latino, la celebrazione del Matrimonio tra due fedeli cattolici ha luogo normalmente durante la Santa Messa, a motivo del legame di tutti i Sacramenti con il mistero pasquale di Cristo. 271 Nell'Eucaristia si realizza il memoriale della Nuova Alleanza, nella quale Cristo si è unito per sempre alla Chiesa, sua diletta Sposa per la quale ha dato se stesso. 272 È dunque conveniente che gli sposi suggellino il loro consenso a donarsi l'uno all'altro con l'offerta delle loro proprie vite, unendolo all'offerta di Cristo per la sua Chiesa, resa presente nel sacrificio eucaristico, e ricevendo l'Eucaristia, affinché, nel comunicare al medesimo Corpo e al medesimo Sangue di Cristo, essi « formino un corpo solo » in Cristo. 273

✝1622 « In quanto gesto sacramentale di santificazione, la celebrazione liturgica del Matrimonio [...] deve essere per sé valida, degna e fruttuosa ». 274 Conviene quindi che i futuri sposi si dispongano alla celebrazione del loro Matrimonio ricevendo il Sacramento della Penitenza.

Anonimo ha detto...

Caro anonimo delle 11.38, il Tucho ha ispirato la celebrazione in "rito argentino".
+1621 e +1622 sembrano anni molto lontani quando circolavano i calessi e gli sposi forse ci salvano sopra l'unica volta in vita loro.
Oggi che ci si sposta ad alta quota, a quella quota ci si sposa. E' il livello che è salito!
Naturalmente ironizzo, saname con tu boca non l'ha scritto un Boccaccio con velleità sanitarie, ma un monsignore cattolico rettore dell'Università Cattolica Argentina.
Boccaccia mia statte zitta e pure li polpastrelli...

Sacerdos quidam ha detto...

A meno che le indagini canoniche sui neo-sposi non fossero state fatte in anticipo, visto che sembra che il tutto non sia stato poi così improvvisato, resta il fatto che:
- non sono stati mostrati i loro certificati di Battesimo,
- e quindi neppure gli eventuali impedimenti al matrimonio che fossero presenti nelle note in calce agli atti battesimali,
- e neppure sono state fatte le pubblicazioni affinché, se del caso, qualcuno potesse obiettare qualcosa.
E se magari almeno uno dei due magari fosse già stato sposato prima, o ci fossero altri problemi gravi?

Infine, cattolici che si sono uniti in precedenza con rito civile (compiendo quindi oggettivamente un peccato mortale davanti a Dio e alla Chiesa) come se niente fosse, come i due neo-sposi cileni, non danno mostra di avere una grande preparazione in campo religioso. Conoscono i gravi doveri della vita matrimoniale? Quasi sicuramente no. E chi li ha istruiti in merito?

Come si vede, il 'matrimonio volante' a cui ha presenziato Papa Bergoglio è un pessimo esempio in tutti i sensi, come a voler indicare la volontà di far saltare tutte le norme e le cautele canoniche che la Chiesa ha posto a tutela sia del Sacramento che dei nubendi medesimi.

Dicono poi (agenzia zenit in francese) che Papa Bergoglio li abbia confessati prima. Mah, speriamo per loro, ma non sembra così chiaro.

La vicenda è più grave di quanto appaia a prima vista, è tutt'altro che uno spot bergogliano: racchiude un evidente ulteriore insegnamento sulla scia di Amoris laetitia, diretto a liquidare sempre norme e precetti ed in ultima analisi anche la dottrina cattolica.

Gloria TV riporta, circa l'exploit volante di Papa Bergoglio, il commento di un anonimo Vicario generale citato dal p. Ray Blake sul suo blog (http://marymagdalen.blogspot.it/):
"Fosse stato un sacerdote della mia diocesi, vi assicuro che sarebbe stato sospeso e a questo punto ritirato dalla funzione liturgica pubblica o pastorale."

Cuoricini ha detto...

In sintesi : " Love is love "
http://www.lanuovabq.it/it/nozze-in-volo-tra-inganno-e-banalizzazioni

fabriziogiudici ha detto...

OT Uno degli anonimi confidenti di Tosatti recentemente ha accennato ad una conferenza per esplorare i limiti dell'infallibilità papale, a cui avrebbe lavorato il card. Caffarra prima di morire. Tosatti è di elevata affidabilità, però questa cosa era solo accennata e stavo pensando di chiedervi se ne avevate conferma. Ma ora la conferma la vedo da Pentin, che parla di una conferenza per tentare di trovare soluzioni alle attuali divisioni della Chiesa, incluso:

The upcoming conference is expected to also debate a related subject: the limits of papal power, amid concerns that Pope Francis is leading the Church in a direction that they consider to be a departure from the faith, continuity and tradition, and that he is doing so in an authoritarian fashion and without unanimous consent of bishops.

http://www.ncregister.com/blog/edward-pentin/major-conference-planned-on-divisions-in-church-papal-infallibility

Sembrerebbe roba grossa... sbaglio?

mic ha detto...

Fabrizio Giudici,
Che si stia muovendo qualcosa per aprile lo confermo. Sono stata contattata anch'io mesi fa. Ma mi era stata chiesta grande discrezione... e dunque non ne ho parlato.
Sull'infallibilità papale abbiamo pubblicato molti articoli di importanti e affidabili studiosi.
Mi pare significativo che sull'argomento dal fronte anglofono venga fuori anche un'ampia trattazione del card. Muller che stiamo traducendo e pubblicheremo domani.

fabriziogiudici ha detto...

OT sull'OT: Nel citato articolo di Pentin c'è anche un riferimento a questo:

http://www.eng.pch24.pl/lets-protect-the-marriage--let-poland-remain-true-to-christ-,57572,i.html

In pratica in Polonia i vescovi dovrebbero pubblicare le proprie linee guida sull'AL. Ritardi sulla tabella di marcia lasciano intuire che ci siano divisioni, e che qualche bergogliano purtroppo stia manovrando anche da quelle parti. Ma i fedeli si sono dati da fare con un appello ai propri vescovi ("Polonia Semper Fidelis") perché mantengano la dottrina di sempre.

Buon per loro. Peccato che qui noi italiani evidentemente non siamo così zelanti.

Anonimo ha detto...


OT: a proposito di notizie incomplete - Trump difende i valori cristiani

Il CdS di oggi riporta con il dovuto rilievo la "chiusura" (shutdown) parziale dell'amministrazione americana dopo il mancato accordo sulla votazione di bilancio al Senato degli Stati UNiti. Non è la prima volta che succede. Titola anche: "Ma Trump in Florida fa festa". Era da tempo programmata nella lussuosa residenza di Trump in Florida una grande festa per celebrare il primo anno della sua presidenza. Un articolo descrive il programma della festa.
Tuttavia si legge sulla Reuters che Trump, dopo la crisi provocata dallo "shutdown", ha cancellato la gita in Florida e relativa festa. Di questa notizia non ho tuttavia trovato traccia sul CdS, forse per colpa mia. Forse la notizia della cancellazione sarà data domani dal CdS.
Ce l'hanno (in generale) con Trump perché cerca di difendere fondamentali valori cristiani e di bloccare l'invasione "terzomondista" del Paese, diventata inarrestabile con il predecessore. Sempre dalla Reuters si apprende che, agendo in modo meno "abrasivo" di Trump, il vicepresidente Pence si sta muovendo con tatto ed efficacia per limitare il diritto all'aborto, favorendo l'insediamento nell'Amministrazione di funzionari antiabortisti, cercando di far dare meno soldi a ben note "cliniche" e di togliere progressivamente finanziamenti americani all'ONU. Di questi ultimi recentemente ha dirottato una parte a favore delle comunità cristiane perseguitate in Irak.
Long life to President Trump, then, and who cares if sometimes he appears to be a bit brash! Z.

Aloisius ha detto...

Questo matrimonio volante mi sembra un altro bel passo verso la protestantizzazione del cattolicesimo.
Sicuramente un matrimonio americano.
Del nord (alla maniera delle molteplici sette protestanti, molti creative su tale Sacramento) o del sud (alla maniera catto/tutto meno che cattolica).
Le norme citate da Sacerdos Quidam e da altri hanno un'importanza sostanziale perché esaltano e garantiscono l'importanza e la consapevolezza del Sacramento.

Scandaloso che un papa non veda la sostanza di tali norme e le ritenga scatole vuote destinate alla discarica, o al riciclo in versione modernista.
Evidentemente ignora la loro sostanza e funzione.
Così come ignora i dubia dei cardinali, l'autonomia dell'Ordine di Malta, la Dottrina cattolica, ecc.,ecc.
È indubbiamente un papa che ignora.

Per concludere . ha detto...

Dai divorzi lampo ai matrimoni al volo…
http://www.lamadredellachiesa.it/dai-divorzi-lampo-ai-matrimoni-al-volo/

Articolo equilibrato , rispettoso , esaustivo .
Penso si possa concludere qui .

Docere, delectare,movere . ha detto...

E invece Dio manda proprio Giona," un fondamentalista ", un rigido osservante della legge divina, certo non un moderato.
https://gloria.tv/article/7mL8WsS236W84VULACDp1xUC2

Anonimo ha detto...

http://www.totustuus.it/di-fronte-alla-crisi-nella-chiesa/