sabato 7 novembre 2020

Mons. Viganò al Papa. No alla strategia della menzogna! Nell'ora della prova: "Volete andarvene anche voi?" Gv 6, 67

Oggi il quotidiano La Verità ha dedicato una pagina al libro di monsignor Carlo Maria Viganò Nell’ora della prova (Chorabooks), presentato il 4 novembre in una diretta su YouTube che sta riscuotendo ampio interesse. Si tratta della lettera, finora inedita e contenuta nel libro, che mons.Viganò aveva scritto nel marzo 2019 a papa Francesco, ma poi deciso di non inviare. Indice precedenti.

No alla strategia della menzogna!

Santità,
innumerevoli sono le preghiere al Padre celeste per la conversione del successore di Pietro da parte di fedeli e pastori in tutte le parti del mondo. Anch’io con loro imploro l’intercessione di Maria, Vergine Immacolata, Regina degli Apostoli e Madre della Chiesa, e le rivolgo un accorato appello, come ho già fatto più volte, perché si converta e adempia al mandato che Gesù diede a Pietro ed ai suoi successori di confermare i suoi fratelli. 

Papa Francesco, mantenga la promessa che fece solennemente quando accettò la missione di successore dell’apostolo Pietro! 

Grande è la sofferenza, grave lo sconcerto, la confusione, la divisione che le sue parole, i suoi gesti, i suoi comportamenti, le sue decisioni, i suoi silenzi hanno provocato nei fedeli. I pastori, cardinali, vescovi e sacerdoti, per un falso concetto clericale di rispetto e di obbedienza al papa, tacciono: sia per il timore di provocare uno scisma nella Chiesa, sia per non trasmettere la propria sofferenza alle anime dei fedeli, sia perché intimoriti dal rischio di incorrere in sanzioni canoniche, che ormai colpiscono non già chi predica errate dottrine e pratica comportamenti gravemente immorali, ma i sostenitori delle Verità perenni, contenute nella Sacra Scrittura e costantemente insegnate nella Tradizione della Chiesa. 

Nella catechesi dell’udienza generale di mercoledì 14 novembre 2018, spiegando l’ottavo comandamento, “Non dire falsa testimonianza”, Ella ha affermato: “Questo comandamento – dice il Catechismo – ‘proibisce di falsare la verità nelle relazioni con gli altri’ (n. 2464). Vivere di comunicazioni non autentiche è grave… E quando parliamo di comunicazione fra le persone intendiamo non solo le parole, ma anche i gesti, gli atteggiamenti, perfino i silenzi e le assenze”. 

Il recente simposio di tutti i presidenti delle Conferenze episcopali, da lei convocato per riflettere ed indicare rimedi alle violenze sessuali, ai delitti e ai peccati di sodomia commessi da sacerdoti, vescovi e cardinali, è stato manipolato fin dall’inizio, riducendone l’oggetto alle sole violazioni contro i minori, ignorando volutamente di prendere in considerazione che l'80% delle violenze sessuali sono commesse nei confronti di giovani adulti, seminaristi e sacerdoti, e sono di natura omosessuale. Ella ha imposto un totale silenzio sull’omosessualità, causa principale delle violenze perpetrate. Durante il simposio, le conferenze alla Sala Stampa vaticana hanno offerto al mondo uno spettacolo vergognoso, che non poteva essere più deprimente e sconsolante. Giornalisti, specialmente donne di grande esperienza e professionalità, anche di testate laiche, hanno cercato in ogni modo, inutilmente, di ottenere risposte che potessero restituire un minimo di credibilità al simposio in corso; ma hanno avuto a che fare con due falsi testimoni, il cardinale Cupich e l’arcivescovo Scicluna. Quest’ultimo, ancora apprendista nella cultura gesuitica, colto di sorpresa da una domanda sul caso indecente del vescovo Zanchetta, dopo qualche mugugno, si è lasciato persino sfuggire parole imbarazzate ed imbarazzanti: “Non so se sono autorizzato”. 

Un noto professore ebreo convertitosi in modo singolare alla fede cattolica ha paragonato l’attuale corruzione ai vertici della Chiesa cattolica a quella esistente nel sinedrio che duemila anni fa condannò a morte Gesù Nazareno adducendo falsi testimoni. 

Le violenze sessuali su minori e giovani adulti commessi dal clero, il grave danno morale e il devastante trauma psicofisico arrecato alle vittime, il silenzio, le persistenti coperture da parte della gerarchia hanno prodotto un danno incalcolabile alla Chiesa e una grave perdita di credibilità difficilmente ricuperabile da parte dei vescovi e dello stesso sommo pontefice. 

Padre Lombardi, che ha fatto da moderatore all’incontro di febbraio, ha notato che “coprire i crimini è una cosa estremamente grave. È la negazione della verità, della guarigione delle vittime, ed è molto grave”. Ed ha aggiunto: “Ora stiamo responsabilizzando i vescovi, … ma se non fanno bene devono risponderne. E questa è una delle cose concrete” che seguiranno all’incontro: “le procedure e le norme, per rendere conto non solo a Dio, ma alla comunità e alla Chiesa”. 

Purtroppo, il ripetersi di questi enunciati serve solo a creare una cortina di fumo e rimane lettera morta. Il principio di non contraddizione è stato cancellato dalla logica, sacrificato sull’altare del relativismo imperante, secondo il falso principio da Lei enunciato secondo cui “la realtà è superiore alle idee”, principio che può essere tradotto anche così: i comportamenti dell’uomo, qualunque essi siano anche secondo la logica del mondo, sono superiori alle Verità iscritte nel cuore dell’uomo dalla legge naturale e dalla legge divina rivelata in Gesù Cristo, e di conseguenza anche la realtà del peccato sodomitico contro natura è superiore alla legge naturale e rivelata da Dio nel Vecchio e nel Nuovo Testamento. Similmente, il matrimonio monogamico fra un uomo e una donna è superato dalla realtà del divorzio, dell’adulterio e delle unioni omosessuali! Ergere la realtà contingente a luogo teologico, strappandola a un necessario giudizio morale coerente con l’eterna Verità di Dio, è un’aberrazione filosofica ancor prima che teologica. 

Il silenzio nell’insegnamento dei valori morali, come la castità e la fedeltà coniugale, è purtroppo ampiamente praticato nella Chiesa di oggi ed è costante nel Suo magistero. Questa è la strategia della menzogna, di colui che è bugiardo e omicida fin dall’inizio (Gv 8, 44). 

San Pietro rinnegò per tre volte Nostro Signore: al canto del gallo, ci dice l’Evangelista, “flevit amare” (Lc 22, 62). Prego con tutto il cuore che lei possa seguire il principe degli apostoli di cui è successore nel ravvedimento sincero, per poter poi confermare i fratelli pascendo le pecore e gli agnelli che le sono affidati dall’Unico Pastore. 
+ Carlo Maria Viganò

17 commenti:

Marisa ha detto...

Spero col cuore che la speranza che sta suscitando in noi la lotta spirituale di mons. C.M. Viganò in difesa di Nostro Signore si traduca in vittoria!

Anonimo ha detto...

Trovo questa lettera insincera, specialmente nella parte finale, oltreché tardiva, e perciò di nessuna utilità. Apprezzo mons. Viganò, ma da lui non mi attendevo per nulla la pubblicazione dell'ennesimo libro inutile.

Anonimo ha detto...

Temo che esortare alla conversione Bergoglio è come pulire il muso dell'asino: si perde acqua e sapone inutilmente!

mic ha detto...

È un atto dovuto, al di là degli esiti...

Anonimo ha detto...

Ascolti il rimando alla presentazione:'...il 4 novembre in una diretta su YouTube che sta riscuotendo ampio interesse...' così viene a sapere come sono andati i fatti.

Questa è una serie di scritti, datati, in quanto prendono spunto da fatti accaduti che hanno suscitato il commento di Mons.Viganò.

Trovo che un inseme di riflessioni sulla situazione ecclesiale, nazionale e mondiale non sia l'ennesimo libro inutile ma, uno dei pochi utili per avere una visione finalmente cattolica della nostra attualità.

Oggi le visioni su qualsiasi argomento sono alterate dall'ideologia imposta, così diventa piacevole, nutriente, sano sentire la voce di un cattolico che 'crede ancora in Dio Uno e Trino'.

Bene ha fatto l'editore a sollecitare questa raccolta di lettere e riunirle in un unico libro. E' un libro che compererò a fronte di tanti altri che ho cominciato a buttare e dai quali non ho avuto, né ho nulla da imparare.

Questo è uno di quei libri, di quei diari, di quegli epistolari dove quello che si è studiato e creduto è diventato carne e sangue e quindi metro di giudizio delle cose della vita, in particolare delle cose tragiche e tremende della vita dei nostri giorni.

Anonimo ha detto...

anonimo 12,57, lei trova la lettera insincera oltre che tardiva? Io la trovo VERITIERA, tutta, per esperienza diretta come fedele, inoltre la lettera non è stata pubblicata a suo tempo e viene pubblicata oggi in un libro e ringrazio molto Mons.Viganò per la sua difesa della vera Chiesa di cui Bergoglio risulta un corpo estraneo, ormai risulta ciò come dato di fatto di cui non è lecito non prendere atto.

Anonimo ha detto...

Refuso da correggere:

"...considerazione che l’8065 
5% delle violenze sessuali..."


Anonimo ha detto...

Comunque stima e affetto per il grande mons. Viganò
Mariella Conti

Anonimo ha detto...

La Verità è forse l'unico quotidiano leggibile
Mariella Conti

Valeria Fusetti ha detto...

Mons Viganò è un sant'uomo, ed è giusto che chiami alla conversione ed al pentimento perché nostro Signore possa salvare l'anima ad un bel po' di persone che, a viste umane, non sembra ne siano molto interessate. Ma desidero tanto che Gesù Cristo, il Buon Pastore, riprenda in mano le sue pecore, e mandi dove considera giusto (che con ogni probabilità non è dove desidererei io) i lupi che circolano nella Sua Chiesa bardati, più o meno, da pastori. So che tutto è in mano al Signore, e che ciò che accade o lo vuole, o lo permette...e che tempi come quelli che stiamo attraversando sono indubbiamente stati "guadagnati" anche grazie ai miei peccati, ma ogni tanto faccio come a suo tempo ha fatto il Salmista: Gli dico che non ne posso più !

E.P. ha detto...

Per la serie: "in tempi non sospetti Viganò già scriveva che..."
Se non ha mandato quella lettera, è perché aveva capito benissimo che il gesuitismo porge orecchio solo a chi propone di calpestare ancor più Nostro Signore, perfino senza la tariffa dei trenta denari. Il gesuitismo è anche espertissimo nel far piangere amaramente i cristiani... e soprattutto nel trovare scuse per scacciarti via, specialmente se non lo meriti. Lo affermo per esperienza diretta. Anche a me è capitato di scrivere una lettera per implorare che un gesuitante gesuitogeno consentisse almeno l'esistenza di qualcosina di cattolico, per poi non più recapitarla perché mi rendevo conto che sarebbe stato un invitarlo a perseguitarci ancora di più.

La neochiesa postconciliare ha i giorni contati (lo dico con dolore, perché per tutta una vita ho avuto la certezza di trovare Messe e confessori, sia pure con una certa fatica, a distanza di camminata a piedi. Un po' come quando crollò l'impero romano, gli unici a dolersene furono i cristiani).

Infatti la neochiesa, se solo volesse porre riparo alle bergoglionate principali riguardo ai sodomiti, avrà bisogno di intere generazioni di certosino lavorìo di aggiustamento. Non è che un "chi sono io per giudicare" può essere corretto in un sol colpo da un successore di buona volontà e senza creare il precedente per cui il successore del successore potrà smentirlo a sua volta sparandola altrettanto grossa.

C'è poi il fatto che per motivi meramente biologici, i vescovi credenti nel vaticansecondismo ci metteranno un bel po' a sparire. Allo stato attuale, col loro silenzio, sono definitivamente compromessi col mondo (si veda ad esempio l'orrendo Delpini, a febbraio 2020 lo zelo per chiudere la casa del Signore lo divorò).
Eppure non sembra troppo difficile seguire le orme di Viganò e Schneider... ah, già, per farlo dovrebbero anzitutto ammettere di aver coscientemente promosso una catasta di emerite stronzate oltre che di ingiustizie, di aver chiuso non uno ma due occhi su dottrina e liturgia, di aver promosso (persino agli ordini sacri) gli impresentabili e accanitamente silurato i cattolici fedeli alla Verità: dopo una vita intera passata a commettere comodamente sempre gli stessi errori, è piuttosto difficile ravvedersi (non per niente lo chiamiamo "miracolo della conversione").

La Chiesa tradizionale - parlo in senso ampio, non di qualche specifico circolo più o meno sbandieratore delle proprie virtù - è l'unica che non si è piegata ad incensare questo mondo e le sue diaboliche ideologie, pertanto è l'unica che sopravviverà. Non le mancheranno le persecuzioni - in più a quelle che già riceve dagli anni '60 ad oggi. Patiremo (tanto per cambiare) per colpa dei convinti credenti nel neodogma conciliare, che verranno spazzati via solo dal Grande Castigo.

Che il Signore doni sempre maggior forza a mons. Viganò e lo protegga dalle trappole dei bergoglioni. Quello che dovrebbe dire un Papa, oggi, lo sta dicendo mons. Viganò, ritrovatosi suo malgrado ad essere Paolo che si oppone a viso aperto a Pietro.

Anonimo ha detto...


Ma perché la lettera di mons. Viganò sarebbe insincera?
Chi fa quest'affermazione dovrebbe degnarsi di spiegarla.
Invece resta lì, apodittica.

Anonimo ha detto...

Be', la lettera è di un anno e mezzo fa, ecco perché sembra tardiva... In un anno e mezzo sono successe un po' di cosette e i toni del monsignore sono giustamente cambiati.

Anonimo ha detto...

Elezioni USA: Quando tutto sembra perduto moltiplichiamo la nostra fiducia
https://www.youtube.com/watch?v=JUfBquxGRdU

Regina dell'Amore - Web TV
RASSEGNA STAMPA - Commento del Giorno 7 novembre 2020
di Pier Luigi Bianchi Cagliesi.

Anonimo ha detto...

A che scopo rendere pubblica una lettera che non fu neppure inviata?

tralcio ha detto...

Certo che, con quello che sta succedendo, alcuni distinguo devono far pensare...
Lettera insincera? Tardiva? Inutile?
A che scopo rendere pubblica una lettera non spedita?
E' proprio vero che mentre un saggio indica la luna, c'è chi si concentra sul dito.
A proposito del dito: nelle intenzioni di preghiera novembrine da santamarta ce n'è uno nuovo.
Dopo il post-umano, abbiamo il post-divino!
Nel new world order pregheremo i robot chiedendo di affratellarci tutti e adorare pachamama.
Con questo bel panorama, se è la lettera a disturbare, beh è inutile che i Viganò esistano.

Anonimo ha detto...

"i Viganò" vanno benissimo, ma una domanda su una lettera resa pubblica sebbene non inviata rimane più che legittima.