giovedì 4 novembre 2021

Delirio sul macabro di un vescovo. L'ecologia nelle esequie

In questo mese la Chiesa commemora i defunti [qui] e ci aspetteremmo che un vescovo parli di esequie in termini cristiani. Un lettore segnala, invece, i vaneggiamenti di un vescovo frutto della politica - certo non possiamo chiamarla pastorale - di Bergoglio. Qui e qui gli indici ai precedenti.

Per il vescovo di Dubuque, Iowa, USA, mons. Michael Jackels, bisogna cambiare i metodi di sepoltura [qui], poiché «la questione delle pratiche di sepoltura è un problema ambientale significativo». Inoltre vi è un problema ambientale «per produrre bare, il terreno viene riempito di cemento per le volte, e l’acqua freatica viene inquinata dai rifiuti dell’imbalsamazione».
Non va bene la sepoltura nella terra, perché «consuma terra», non va bene la cremazione perché «una singola cremazione usa circa trenta galloni di carburante, e sia la combustione che il corpo stesso rilasciano sostanze inquinanti nell’aria».
Qual è la soluzione? Idrolisi alcalina e compostaggio. Spiega il vescovo: «Un’altra opzione è chiamata idrolisi alcalina: una combinazione di acqua calda, liscivia, aria compressa e circolazione usata per liquefare un cadavere in poche ore, cadavere che può poi essere smaltito in modo sicuro nel terreno».
Oppure il compostaggio: «Il corpo viene messo in un contenitore, coperto con trucioli di legno, paglia ed erba medica, usando il calore per uccidere i batteri e il flusso d’aria per la decomposizione».

Questi vaneggiamenti non sono per nulla strani e non sono provocati da un'eccessiva consumazione di superalcolici, bensì frutto della politica (non la chiamo 'pastorale') di papa Francesco sull'ambiente, l'ossessivo ripetere del concetto di 'madre terra' e dell'accusa che contro la 'madre terra' commettiamo peccati ecc. ecc.
Poi, come diretta conseguenza, vengono fuori questi mostri.
Tra l'altro, nel discorso di questo vescovo, non una parola sul significato cristiano della sepoltura, ormai presso questi soggetti la fede è qualcosa di estraneo.

C'è solo da pregare che questo flagello finisca il prima possibile, e che torniamo ad avere a guida della Chiesa un vero pastore di Cristo. Sarà perseguitato, come noi, che gli saremo fedeli, saremo perseguitati, ma almeno avremo (pochi) pastori fidati cui affidare le nostre anime e quelle dei nostri figli.

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Vergogna.
In sintesi pensano che un defunto sia un "rifiuto" da smaltire con procedure che incontrino i desiderata delle loro ideologie malsane.

Andrea M.

EquesFidus ha detto...

Questi non credono più in Dio, di conseguenza odiano l'uomo.

Anonimo ha detto...

Pover'uomo mi fa una pena infinita!

Diego ha detto...

L'umido dalle mie parti passa il lunedì e il giovedì mattina. Il secco una volta al mese ma abbiamo gli svuotamento annuali inclusi nella tariffa in numero pari ai membri familiari +1. Quindi in teoria potremmo smaltirci tutti nel secco e avanzerebbe anche un posto per suo eccellenza.

Gian ha detto...

Lo scandalo è che "qualcuno" lo abbia fatto vescovo.

Gli specchiati. ha detto...

Dello stesso tono dell'articolo:
https://www.maurizioblondet.it/stato-canaglia-detto-usa/

Anonimo ha detto...

La sepoltura che mi sembra più consona è quella dove si avvolge il cadavere in un lenzuolo di lino e lo si depone nella tomba di famiglia, tomba che non dovrebbe essere sigillata, chiusa sì, in modo che l'aria possa circolare. Anche la bara dovrebbe essere di famiglia, cioè una per tutti che va e viene dalla casa dei vivi al cimitero e viceversa e sulla pietra tombale i nomi delle persone lì sepolte. In questo modo il corpo si consuma naturalmente lasciando dietro di sé frammenti pronti per la resurrezione. Così 'polvere sei e polvere ritornerai' si fonde con la resurrezione del corpo, per ottenere la quale un atomo di polvere originale a Dio basta ed avanza.

Anonimo ha detto...

Sissel Klungsøyr 2 Novembre alle ore 21:58 · FRÅ KLIMATOPPMØTET I GLASGOW Verdas viktigaste møte sidan klimamøtet i Paris. Dette er dei som skal redde verda. Har klimaanlegget svikta dei?
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10222724341230190&set=a.10202150819665009

Anonimo ha detto...


Qualcuno conosce lo svedese? È prudente pubblicare un link in una lingua straniera che praticamente nessuno conosce?
G.