venerdì 5 novembre 2021

Non tutti i pastori tacciono. Il Vescovo Strickland su Twitter

Paragrafo significativo, ma molto ignorato di questi tempi. Peccato che da mons. Strikland, vescovo di Tyler - Texas, sia riaffermato su Twitter, anziché fatto valere nelle sedi opportune...
Tweet del vescovo Strickland
dal Catechismo della Chiesa Cattolica


Un paragrafo significativo del Catechismo della Chiesa Cattolica, da prendere in considerazione di questi tempi... 2285 Lo scandalo assume una gravità particolare a motivo dell'autorità di coloro che lo causano o della debolezza di coloro che lo subiscono. 

[Ha ispirato a nostro Signore questa maledizione: « Chi scandalizza anche uno solo di questi piccoli, [...] sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare » (Mt 18,6) (1 Cor 8,10-13) -ndr].
Il Paragrafo 2285 continua... Lo scandalo è grave quando a provocarlo sono coloro che, per natura o per funzione, sono tenuti ad insegnare e ad educare gli altri. Gesù lo rimprovera agli scribi e ai farisei: li paragona a lupi rapaci in veste di pecore (Mt 7,15).

Colgo l'occasione per aggiungere l'articolo successivo

2286 Lo scandalo può essere provocato dalla legge o dalle istituzioni, dalla moda o dall'opinione pubblica.
Così, si rendono colpevoli di scandalo coloro che promuovono leggi o strutture sociali che portano alla degradazione dei costumi e alla corruzione della vita religiosa, o a « condizioni sociali che, volutamente o no, rendono ardua o praticamente impossibile una condotta di vita cristiana, conformata ai precetti del Sommo Legislatore ». (Pio XII, Messaggio radiofonico (1 giugno 1941): AAS 33 (1941) 197) La stessa cosa vale per i capi di imprese i quali danno regolamenti che inducono alla frode, per i maestri che « esasperano » (Ef 6,4; Col 3,21) i loro allievi o per coloro che, manipolando l'opinione pubblica, la sviano dai valori morali.

5 commenti:

Viator ha detto...

Queste le sfide indicate dal presidente dei vescovi statunitensi Jose Gomez in un intervento tenuto in Spagna: «Penso che la storia guarderà indietro e vedrà che questa pandemia non ha cambiato le nostre società tanto quanto ha accelerato tendenze e direzioni che erano già in atto»

Viator ha detto...

"Se ai mali del mondo v'è un rimedio, questi non può essere altro che il ritorno alla vita e ai costumi cristiani."

Papa Leone XIII, Rerum Novarum

Anonimo ha detto...

Secondo La Verità
In questo Paese di aborto, natalità e differenza tra i sessi si può parlare solo se si rispettano i dogmi progressisti. Altrimenti chi osi difendere la vita o il legame naturale tra uomo e donna viene zittito e tacciato di oscurantismo. Urge una resistenza culturale

E spirituale...

Anonimo ha detto...

“Non resistere all’errore è approvarlo, non difendere la verità è ucciderla. Chiunque manca di opporsi ad una prevaricazione manifesta può essere considerato un complice occulto”. (Papa Felice III, citato da Leone XIII)

Anonimo ha detto...

L’obbedienza del cattolico si è tramutata in un’infinita docilità a tutti i venti del mondo”: così Nicolas Gomez Davila chiosava in uno dei suoi molteplici aforismi sulla fragilità spirituale, intellettuale e culturale del cattolico contemporaneo che si lascia plasmare dal mondo che lo circonda snaturando se stesso, i propri principi, il proprio credo e, in definitiva, la propria stessa ragione.