martedì 20 febbraio 2018

Professione di fede e espressione di fedeltà alla Chiesa di Don Alfredo Morselli a seguito della interpretazione di 'Amoris laetitia' da parte dei Vescovi di Emilia-Romagna

Riprendiamo da MiL l'esemplare Professione di fede di don Alfredo Maria Morselli, parroco in diocesi di Bologna. Con l'auspicio che sia di aiuto e di sprone a molti sacerdoti. Che sappiano di poter contare sulla nostra vicinanza spirituale - e materiale in rapporto alle contingenze - nonché sul nostro sostegno anche e soprattutto nella preghiera.

A Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Matteo Zuppi
Arcivescovo di Bologna

Pubblica professione di fede in forma di giuramento

I. Premessa.

Eccellenza,
non Le ho mai nascosto le mie perplessità nei confronti dell'Esortazione Amoris laetitia: perplessità condivise con autorevoli personalità della Chiesa, Cardinali e Vescovi, soprattutto con il Suo Predecessore.
Mai mi sarei sognato di esternare questi dubbi se anche queste personalità non si fossero pronunciate in modo analogo.
Inoltre, preliminarmente, dichiaro di sottoporre al giudizio della Chiesa quanto contenuto in questo scritto, ed intendo fin d'ora per ritrattato tutto ciò che di contrario alla fede - del tutto involontariamente - io eventualmente affermassi.

1.     Grande confusione nella Chiesa

Il Card. Caffarra diceva, il 14-1-2017, che "Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione"[1] e che "La divisione tra pastori è la causa della lettera che abbiamo spedito a Francesco"[2].
Nuovi fatti sono sopraggiunti da allora: e mentre, appellandosi all'esortazione vien messa in discussione Humane vitae, mentre alcuni Vescovi si sono dichiarati favorevoli a benedire la convivenza di persone con tendenza omosessuale, pure sono state presentate le Indicazioni sul capitolo VIII dell'Amoris Laetitia, a firma de I Vescovi dell'Emilia Romagna, pubblicate il 15-1-2018; non riesco a vedere come detto documento non costituisca un allontanamento da quanto proposto a credere dalla Chiesa, in modo chiarissimo, fino a pochi anni fa.

2.     Sviluppo omogeneo del dogma

Certamente è possibile uno sviluppo omogeneo del dogma: San Tommaso d'Aquino, nello spiegare la definizione "La fede è sustanza di cose sperate, ed argomento delle non parventi"[3], insegna che il termine sostanza va inteso come primo cominciamento di tutto ciò che a partire da quello stesso principio è esplicitabile, in quanto in esso virtualmente contenuto: "… si suole chiamare sostanza il primo elemento di qualsiasi cosa, specialmente quando tutto lo sviluppo successivo è contenuto virtualmente in quel primo principio"[4].l
Quindi la fede da un lato è immutabile - in quanto partecipazione nell'intelletto umano della Verità prima - e da un altro può esplicitarsi. Infatti "l'oggetto formale della fede è unico e semplice, non essendo che la prima verità, come sopra abbiamo dimostrato. Perciò da questo lato la fede non ha variazioni nei credenti, ma è in tutti della medesima specie"[5]; non di meno, quoad nos, la fede può crescere, man mano che lo Spirito ci guida nella Verità tutta intera (ἐν τῇ ἀληθείᾳ πάσῃ, οὐ γὰρ λαλήσει ἀφ’ ἑαυτοῦ Gv 16,13). Spiega San Tommaso: "…le verità materialmente proposte a credere sono molteplici: e possono essere accolte in maniera più o meno esplicita. E da questo lato un uomo può credere esplicitamente più cose di un altro. Perciò in uno può esserci una fede più grande in base all'esplicitazione dei dogmi"[6]. E in questo senso avanza il progresso dogmatico della Chiesa.
Ma uno sviluppo omogeneo non può ammettere contraddizione, perché le conclusioni non possono essere contraddittorie con le premesse: il Card. Caffarra così insegnava:
"…il grande tema dell’evoluzione della dottrina, che ha sempre accompagnato il pensiero cristiano… è stato ripreso in maniera splendida dal beato John Henry Newman. Se c’è un punto chiaro, è che non c’è evoluzione laddove c’è contraddizione. Se io dico che s è p e poi dico che s non è p, la seconda proposizione non sviluppa la prima ma la contraddice. Già Aristotele aveva giustamente insegnato che enunciare una proposizione universale affermativa (e. g. ogni adulterio è ingiusto) e allo stesso tempo una proposizione particolare negativa avente lo stesso soggetto e predicato (e. g. qualche adulterio non è ingiusto), non si fa un’eccezione alla prima. La si contraddice. Alla fine, se volessi definire la logica della vita cristiana, userei l’espressione di Kierkegaard: ‘Muoversi sempre, rimanendo sempre fermi nello stesso punto’" [6 bis].
3.     Affermazioni contraddittorie

Purtroppo constatiamo che la divisione tra i Pastori verte su due affermazioni contraddittorie, cioè delle quali se è vera l'una, l'altra è falsa.

(a)   non è mai lecito a due persone non sposate compiere gli atti propri degli sposi
(b)  qualche volta è lecito a due persone non sposate compiere gli atti propri degli sposi

L'ammissione dei fratelli divorziati (civilmente risposati e conviventi more uxorio) alla S. Comunione presuppone che si ritenga vero (b), e porta inevitabilmente a conclusioni inaccettabili per ogni buon cristiano: il Suo venerato Predecessore, infatti, in occasione di un importante convegno svoltosi a Roma, nel novembre 2015[7], rispondendo a una domanda circa la possibilità di ammettere i suddetti fratelli alla ricezione dell’Eucarestia, ci diceva che ciò "non è possibile": e questo perché "una tale ammissione vorrebbe dire cambiare la dottrina del matrimonio, della Eucarestia, della confessione, della Chiesa sulla sessualità umana e quinto, avrebbe una rilevanza pedagogica devastante, perché di fronte a una tale decisione, specialmente i giovani, potrebbero concludere legittimamente: - allora è proprio vero, non esiste un matrimonio indissolubile -"[8].

4.     Amore e devozione per il Santo Padre.

Di fronte alle problematiche sopra descritte, che mi fanno vedere nella Chiesa di oggi lo stato della Figlia di Sion descritta nelle Lamentazioni (non Le nascondo che ritengo che il Card. Caffarra sia morto di crepacuore, per il dolore dovuto allo stato della Chiesa), voglio innanzi tutto rinnovare la mia devozione a Papa Francesco, sempre facendo mie - conservate le debite distanze - le parole del Suo Predecessore, al cui sentire mi attengo scrupolosamente:
"Desideriamo innanzi tutto rinnovare la nostra assoluta dedizione ed il nostro amore incondizionato alla Cattedra di Pietro e per la Vostra augusta persona, nella quale riconosciamo il Successore di Pietro ed il Vicario di Gesù: il "dolce Cristo in terra", come amava dire S. Caterina da Siena. Non ci appartiene minimamente la posizione di chi considera vacante la Sede di Pietro, né di chi vuole attribuire anche ad altri l'indivisibile responsabilità del "munus" petrino"[9].
E proprio per questa devozione al Romano Pontefice e per quell'idea che ho appreso circa il suo ministero, mi aspetto ancora dal Vicario di Cristo la risposta ai dubia dei Cardinali. San Tommaso spiega chiaramente i principi per cui è lecito aspettarsi un chiarimento dottrinale inequivocabile da parte del Papa, onde eliminare ogni pericolo di scisma:
"…Ecco perché il Signore disse a Pietro, che aveva costituito Sommo Pontefice: "Io ho pregato per te, o Pietro, affinché la tua fede non venga meno; e tu, quando sarai convertito, conferma i tuoi fratelli". E la ragione di ciò sta nel fatto che la Chiesa deve avere un'unica fede, secondo l'ammonimento di S. Paolo: "Dite tutti la stessa cosa, e non ci siano tra voi degli scismi". Ma questo non si può osservare se, quando sorge una questione di fede, non viene determinata da chi presiede su tutta la Chiesa, in modo che la sua decisione sia accettata dalla Chiesa intera con fermo consenso"[10].
Oggi, quanto l'Aquinate affermava in ipotesi - ovvero il non potersi osservare che tutti abbiamo la stessa fede e che non ci sono scismi - sembra essere un dato di fatto; che cosa possiamo fare se, pur essendo sorta una questione di fede, questo chiarimento - che in questi casi è doveroso chiedere e ragionevole attendersi - non arriva?  Se detta questione non viene determinata dal Papa, mediante indicazioni certissime, anche da un punto di vista formale (sicché l'obbligo e la misura dell'assenso richiesto possano dedursi inequivocabilmente "dal carattere dei documenti, o dall'insistenza nel proporre una certa dottrina, o dalla maniera di esprimersi"[11]), viene buona un'altra raccomandazione del Card. Caffarra:
"Ai fedeli cattolici così confusi circa la dottrina della fede riguardo al matrimonio dico semplicemente: leggete e meditate il Catechismo della Chiesa Cattolica nn. 1601-1666. E quando sentite qualche discorso sul matrimonio, anche se fatto da sacerdoti, vescovi, cardinali, e verificate che non è conforme al Catechismo, non ascoltateli. Sono ciechi che conducono altri ciechi"[12].
Sulla base di quanto sopra, in questo doloroso frangente, non mi rimane altro che confessare la dottrina cattolica certa, dottrina alla quale ho giurato fedeltà ogni qualvolta l'acquisizione di un ufficio me lo ha richiesto, a norma del diritto canonico: e se mai, per essere fedele al Catechismo, mi trovassi a spergiurare rispetto ad Amoris laetitia o viceversa, allora qualcosa veramente non quadra. E poiché le Indicazioni dei Vescovi dell'Emilia Romagna sono pubbliche, pubblica è anche questa professione di fede, comprensiva della Premessa. Molte persone si sono rivolte a me in questi giorni, scandalizzate; in mancanza di più autorevoli interventi, in coscienza non posso tacere.

II. Professione di fede

Io, Sac. Alfredo Maria Morselli, parroco in diocesi di Bologna, cercando, con l'aiuto di Dio, di mettere in pratica quanto scrive S. Luigi M. Grignion de Montfort, ovvero portando sulle spalle "lo stendardo insanguinato della Croce; il crocifisso nella mano destra; la corona nella sinistra; i sacri nomi di Gesù e di Maria nel cuore"[13], in forma di giuramento, dinnanzi al SS. Sacramento esposto, emetto la seguente professione di fede:

I - ALCUNI PRINCIPI DI MORALE FONDAMENTALE

1.    Credo che esistono degli atti intrinsecamente cattivi che sono sempre peccato mortale, se commessi con piena avvertenza e deliberato consenso, e che quindi non possono ricevere una valutazione morale caso per caso.

Infattici sono atti che per se stessi e in se stessi, indipendentemente dalle circostanze e dalle intenzioni, sono sempre gravemente illeciti a motivo del loro oggetto; tali la bestemmia e lo spergiuro, l'omicidio e l'adulterio. Non è lecito compiere il male perché ne derivi un bene” (CCC 1756).

2.    Credo che le circostanze non possono rendere buona un’azione intrinsecamente cattiva.

Infattile circostanze, in sé, non possono modificare la qualità morale degli atti stessi; non possono rendere né buona né giusta un'azione intrinsecamente cattiva” (CCC 1754).

3.    Credo che non è possibile valutare se un atto sia moralmente buono o meno, considerando solo l’intenzione e le circostanze.

Infatti èsbagliato giudicare la moralità degli atti umani considerando soltanto l'intenzione che li ispira, o le circostanze (ambiente, pressione sociale, costrizione o necessità di agire, etc. che ne costituiscono la cornice)” (CCC 1756).

4.    Credo che la morale dell’oggetto - così come spiegata nell'enciclica Veritatis splendor - possa e debba essere opportunamente applicata all’esperienza pastorale concreta, anche nei casi più critici.

Infattiil Magistero della Chiesa […] presenta le ragioni del discernimento pastorale necessario in situazioni pratiche e culturali complesse e talvolta critiche” (S. Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Veritatis splendor, 6-8-1993, § 115).

5.    Credo che Dio non comanda a nessuno cose impossibili ad osservarsi (quindi neppure ai divorziati civilmente risposati).

InfattiNessuno, poi, per quanto giustificato, deve ritenersi libero dall'osservanza dei comandamenti, nessuno deve far propria quell'espressione temeraria e proibita dai padri sotto pena di scomunica, esser cioè impossibile per l'uomo giustificato osservare i comandamenti di Dio” (Concilio di Trento, Decreto sulla giustificazione, 13-1-1547, Sessio VI, cap. 11).
InoltreDio non comanda cose impossibili ordinando di resistere a qualunque tentazione, ma ordinando “ammonisce di fare ciò che puoi, e di chiedere ciò che non puoi e aiuta perché tu possa” (Concilio di Trento, Ibidem).

6.    Credo che Dio non permette che siamo tentati oltre le nostre forze.

InfattiNessuna tentazione, superiore alle forze umane, vi ha sorpresi; Dio infatti è degno di fede e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze ma, insieme con la tentazione, vi darà anche il modo per poterla sostenere” (1 Cor 10,13).

7.    Credo che non bisogna violare i comandamenti di Dio anche nelle circostanze più gravi.

InfattiLa Chiesa propone l'esempio di numerosi santi e sante, che hanno testimoniato e difeso la verità morale fino al martirio o hanno preferito la morte ad un solo peccato mortale. Elevandoli all'onore degli altari, la Chiesa ha canonizzato la loro testimonianza e dichiarato vero il loro giudizio, secondo cui l'amore di Dio implica obbligatoriamente il rispetto dei suoi comandamenti, anche nelle circostanze più gravi, e il rifiuto di tradirli, anche con l'intenzione di salvare la propria vita” (S. Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Veritatis splendor, 6-8-1993, § 91).

8.    Credo che non è lecito commettere un peccato neppure nel caso si voglia favorire l’educazione dei figli avuti al di fuori del legittimo matrimonio.

Infattinon è lecito, neppure per ragioni gravissime, fare il male, affinché ne venga il bene, cioè fare oggetto di un atto positivo di volontà ciò che è intrinsecamente disordine e quindi indegno della persona umana, anche se nell'intento di salvaguardare o promuovere beni individuali, familiari o sociali” (Paolo VI, Lettera enciclica Humanae Vitae, 25-7-1968, § 14).

9.    Credo che la coscienza debba adeguarsi a ciò che è bene e non deciderlo autonomamente.

InfattiLa coscienza, all’atto pratico, è il giudizio circa la rettitudine, cioè la moralità, delle nostre azioni, sia considerate nel loro abituale svolgimento, sia nei loro singoli atti”. (Paolo VI, Udienza generale,12-8-1969).

10.  Credo che la coscienza, intesa come sopra, è necessaria.

Infatti, la coscienza è necessaria perché “la bontà dell’azione umana dipende dall’oggetto in cui è impegnata e, oltre che dalle circostanze in cui è compiuta, dall’intenzione che la muove (Cfr. S. TH. I-IIæ, 18, 1-4); ora questa complessa specificazione dell’azione, se vuol essere umana, implica un giudizio soggettivo, immediato di coscienza, che poi si sviluppa nella virtù regolatrice dell’azione stessa, la prudenza”. (Paolo VI, Udienza generale, 2-8-1972).

11.  Credo che la coscienza, intesa come sopra, è insufficiente.

Infatti la coscienza è insufficiente perché da sola “non basta. Anche se essa porta in se stessa i precetti fondamentali della legge naturale (Cfr. Rom. 2, 2-16). Occorre appunto la legge: e quella che la coscienza offre da sé alla guida della vita umana non basta; dev’essere educata e spiegata; dev’essere integrata con la legge esterna, sia nell’ordinamento civile - chi non lo sa? - e sia nell’ordinamento cristiano - anche questo: chi non lo sa? -. La «via» cristiana non ci sarebbe nota, con verità e con autorità, se non ci fosse annunciata dal messaggio della Parola esteriore, del Vangelo e della Chiesa” (Paolo VI, Ibidem).

12.  Credo che la coscienza non è arbitra del valore morale delle azioni che essa suggerisce.

Infatti la coscienzaè interprete d’una norma interiore e superiore; non la crea da sé. Essa è illuminata dalla intuizione di certi principi normativi, connaturali nella ragione umana (cfr. S. Th., I, 79, 12 e 13; I-II, 94, 1); la coscienza non è la fonte del bene e del male; è l’avvertenza, è l’ascoltazione di una voce, che si chiama appunto la voce della coscienza, è il richiamo alla conformità che un’azione deve avere ad una esigenza intrinseca all’uomo, affinché l’uomo sia uomo vero e perfetto. Cioè è l’intimazione soggettiva e immediata di una legge, che dobbiamo chiamare naturale, nonostante che molti oggi non vogliano più sentir parlare di legge naturale” (Paolo VI, Udienza generale, 12-2-1969).

13.  Credo che la ragione umana non può creare essa stessa la norma morale

InfattiLa giusta autonomia della ragione pratica significa che l'uomo possiede in se stesso la propria legge, ricevuta dal Creatore. Tuttavia, l'autonomia della ragione non può significare la creazione, da parte della stessa ragione, dei valori e delle norme morali. Se questa autonomia implicasse una negazione della partecipazione della ragione pratica alla sapienza del Creatore e Legislatore divino, oppure se suggerisse una libertà creatrice delle norme morali, a seconda delle contingenze storiche o delle diverse società e culture, una tale pretesa autonomia contraddirebbe l'insegnamento della Chiesa sulla verità dell’uomo” (S. Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Veritatis splendor, 6-8-1993, § 40).

14.  Credo che un colloquio con un sacerdote non può mai rendere lecita un’azione intrinsecamente cattiva.

Infatti il sacerdote ha il dovere di spiegare la malizia di un atto intrinsecamente cattivo: “nel campo della morale come in quello del dogma, tutti si attengano al Magistero della Chiesa e parlino uno stesso linguaggio” (Paolo VI, Lettera enciclica Humanae Vitae, 25-7-1968, § 28).

15.  Credo che i precetti negativi della legge naturale - quali ad esempio non bestemmiare, non spergiurare, non commettere omicidio, non commettere adulterio (cf. CCC 1756) - sono universalmente validi.

InfattiI precetti negativi della legge naturale sono universalmente validi: essi obbligano tutti e ciascuno, sempre e in ogni circostanza. Si tratta infatti di proibizioni che vietano una determinata azione semper et pro semper, senza eccezioni, perché la scelta di un tale comportamento non è in nessun caso compatibile con la bontà della volontà della persona che agisce, con la sua vocazione alla vita con Dio e alla comunione col prossimo. È proibito ad ognuno e sempre di infrangere precetti che vincolano, tutti e a qualunque costo, a non offendere in alcuno e, prima di tutto, in se stessi la dignità personale e comune a tutti” (S. Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Veritatis splendor, 6-8-1993, § 51).

16.  Credo che chi commette un peccato mortale è privo della grazia di Dio.

InfattiIl peccato mortale è una possibilità radicale della libertà umana, come lo stesso amore. Ha come conseguenza la perdita della carità e la privazione della grazia santificante, cioè dello stato di grazia” (CCC 1861).

II - CIRCA L'INDISSOLUBILITÀ DEL MATRIMONIO

17.  Credo che l’unione matrimoniale dell'uomo e della donna è indissolubile in ogni caso.

Infatti Nella sua predicazione Gesù ha insegnato senza equivoci il senso originale dell'unione dell'uomo e della donna, quale il Creatore l'ha voluta all'origine: il permesso, dato da Mosè, di ripudiare la propria moglie, era una concessione motivata dalla durezza del cuore; [Cf Mt 19,8] l'unione matrimoniale dell'uomo e della donna è indissolubile: Dio stesso l'ha conclusa.Quello dunque che Dio ha congiunto, l'uomo non lo separi” (Mt 19,6)” (CCC 1614).

18.  Credo che l’indissolubilità del matrimonio non è mai un’esigenza irrealizzabile.

Infatti Questa inequivocabile insistenza sull'indissolubilità del vincolo matrimoniale ha potuto lasciare perplessi e apparire come un'esigenza irrealizzabile [Cf. Mt 19,10]. Tuttavia Gesù non ha caricato gli sposi di un fardello impossibile da portare e troppo gravoso, [Cf. Mt 11,29-30] più pesante della Legge di Mosè” (CCC 1615).

19.  Credo che è sempre possibile rimanere fedeli al matrimonio indissolubile, pur in mezzo a tante difficoltà.

InfattiVenendo a ristabilire l'ordine iniziale della creazione sconvolto dal peccato, [Gesù] stesso dona la forza e la grazia per vivere il matrimonio nella nuova dimensione del Regno di Dio” (CCC 1615).

20.  Credo che tutti gli sposi possono capire il senso originale del matrimonio e viverlo con l'aiuto di Cristo.

InfattiSeguendo Cristo, rinnegando se stessi, prendendo su di sé la propria croce [Cf. Mc 8,34] gli sposi potranno “capire” [Cf. Mt 19,11] il senso originale del matrimonio e viverlo con l'aiuto di Cristo. Questa grazia del Matrimonio cristiano è un frutto della croce di Cristo, sorgente di ogni vita cristiana” (CCC 1615).

21.  Credo che chi causa il divorzio pecca gravemente.

Infattiil divorzio è una grave offesa alla legge naturale. Esso pretende di sciogliere il patto liberamente stipulato dagli sposi, di vivere l'uno con l'altro fino alla morte. Il divorzio offende l'Alleanza della salvezza, di cui il matrimonio sacramentale è segno” (CCC 2384).

22.  Credo che un coniuge che contrae un nuovo matrimonio meramente civile si trova in una situazione che oggettivamente contrasta con la legge di Dio.

InfattiSe i divorziati si sono risposati civilmente, essi si trovano in una situazione che oggettivamente contrasta con la legge di Dio” (CCC 1650).
InoltreIl fatto di contrarre un nuovo vincolo nuziale, anche se riconosciuto dalla legge civile, accresce la gravità della rottura: il coniuge risposato si trova in tal caso in una condizione di adulterio pubblico e permanente” (CCC 2384).

23.  Credo che la Chiesa non può riconoscere come valida una nuova unione se era valido il primo matrimonio.

Infatti, anche se oggi, “in molti paesi, sono numerosi i cattolici che ricorrono al divorzio secondo le leggi civili e che contraggono civilmente una nuova unione. La Chiesa sostiene, per fedeltà alla parola di Gesù Cristo (“Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio contro di lei; se la donna ripudia il marito e ne sposa un altro, commette adulterio”: (Mc 10,11-12), che non può riconoscere come valida una nuova unione, se era valido il primo matrimonio” (CCC 1650).

24. Credo che non è possibile applicare analogicamente, ad una relazione adulterina, il principio per cui se mancano alcune espressioni di intimità, «non è raro che la fedeltà sia messa in pericolo e possa venir compromesso il bene dei figli» (Conc. Ecum. Vat. II, Cost. past. Gaudium et spes, 51).

Infatti, essendo l’adulterio un grave peccato eil peccato il principio attivo della divisione - divisione fra l'uomo e il Creatore, divisione nel cuore e nell'essere dell'uomo, divisione fra gli uomini singoli e fra i gruppi umani, divisione fra l'uomo e la natura creata da Dio -, soltanto la conversione dal peccato è capace di operare una profonda e duratura riconciliazione dovunque sia penetrata la divisione” (S. Giovanni Paolo II, Esortazione apostolica Reconciliatio et paenitentia, 2-12-1984, § 23).

25. Credo che l'astensione dagli atti propri degli sposi non danneggia i figli nati dalla nuova unione e quindi non costituisce una nuova colpa.

Infatti provvedere ai figli nati dalla nuova unione non rende necessario compiere gli atti propri degli sposi tra persone che non sono in realtà sposi. Se i divorziati risposati hanno dei figli nati nell'ambito del nuovo matrimonio civile, possono meglio provvedere loro vivendo in grazia di Dio.

III - ALCUNI PRINCIPI DI TEOLOGIA SACRAMENTARIA

26.  Credo che chi è conscio di essere in peccato grave è tenuto a non celebrare la S. Messa e a non comunicarsi al Corpo del Signore senza avere premesso la confessione sacramentale.

Infatti “La consuetudine della Chiesa afferma […] la necessità che ognuno esamini molto a fondo se stesso [Cf. 1 Cor 11, 28], affinché chi sia conscio di essere in peccato grave non celebri la Messa né comunichi al Corpo del Signore senza avere premesso la confessione sacramentale” (Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Istruzione Redemptionis sacramentum, 25-3-2004, § 80).

27.  Credo che il principale ed indispensabile atto del penitente per ricevere validamente l’assoluzione sacramentale è la contrizione.

Infatti, “Tra gli atti del penitente, la contrizione occupa il primo posto. Essa è “il dolore dell'animo e la riprovazione del peccato commesso, accompagnati dal proposito di non peccare più in avvenire” [Concilio di Trento: Denz. -Schönm., 1676]” (CCC 1451). Inoltre “'atto essenziale della penitenza, da parte del penitente, è la contrizione, ossia un chiaro e deciso ripudio del peccato commesso insieme col proposito di non tornare a commetterlo, per l'amore che si porta a Dio e che rinasce col pentimento. Così intesa, la contrizione è, dunque, il principio e l'anima della conversione” (S. Giovanni Paolo II, Esortazione apostolica Reconciliatio et paenitentia, 2-12-1984, § 31, III).

28.  Credo che l’accusa dei peccati deve includere il proponimento serio di non commetterne più nel futuro.

Infatti “se questa disposizione dell’anima mancasse, in realtà non vi sarebbe pentimento: questo, infatti, verte sul male morale come tale, e dunque non prendere posizione contraria rispetto ad un male morale possibile sarebbe non detestare il male, non avere pentimento” (S. Giovanni Paolo II, Lettera al Card. William W. Baum in occasione del corso sul foro interno organizzato dalla Penitenzieria Apostolica, 22-3-1996, § 5).

29.  Credo che se uno fosse scoraggiato per le frequenti cadute o spaventato dalla difficoltà di non peccare, deve fondare il pur richiesto proposito di non offendere più Dio sulla grazia divina, che il Signore non lascia mai mancare.

InfattiIl proposito di non peccare deve fondarsi sulla grazia divina, che il Signore non lascia mai mancare a chi fa ciò che gli è possibile per agire onestamente” (Ibidem).

30.  Credo che se una persona teme di ricadere in peccato, può ugualmente avere il buon proposito di non peccare.

Infattinon pregiudica l'autenticità del proposito, quando a quel timore di ricadere in peccato sia unita la volontà, suffragata dalla preghiera, di fare ciò che è possibile per evitare la colpa” (Ibidem).

31.  Credo che è possibile a persone divorziate risposate ricevere l’assoluzione solo quando sono sinceramente disposti ad una forma di vita non più in contraddizione con l'indissolubilità del matrimonio.

Infatti, l’assoluzionepuò essere data «solo a quelli che, pentiti di aver violato il segno dell'Alleanza e della fedeltà a Cristo, sono sinceramente disposti ad una forma di vita non più in contraddizione con l'indissolubilità del matrimonio” (Congregazione per la Dottrina della Fede, Lettera ai Vescovi della Chiesa Cattolica circa la recezione della comunione eucaristica da parte di fedeli divorziati risposati, 14-9-1994, § 4).

32.  Credo che l’espressione “forma di vita non più in contraddizione con l'indissolubilità del matrimonio” significa in concreto l'assunzione dell'impegno di vivere in piena continenza.

InfattiCiò importa, in concreto, che quando l'uomo e la donna, per seri motivi - quali, ad esempio, l'educazione dei figli - non possono soddisfare l'obbligo della separazione, "assumano l'impegno di vivere in piena continenza, cioè di astenersi dagli atti propri dei coniugi” (S. Giovanni Paolo II, Omelia per la chiusura del VI Sinodo dei Vescovi, 25-10-1980, § 7). In tal caso essi possono accedere alla comunione eucaristica, fermo restando tuttavia l'obbligo di evitare lo scandalo” (Ibidem).

33.  Credo che se un fedele divorziato risposato fosse convinto della nullità del precedente matrimonio, pur non potendola dimostrare nel foro esterno, non può ugualmente accedere ai sacramenti.

InfattiÈ certamente vero che il giudizio sulle proprie disposizioni per l'accesso all'Eucaristia deve essere formulato dalla coscienza morale adeguatamente formata. Ma è altrettanto vero che il consenso, col quale è costituito il matrimonio, non è una semplice decisione privata, poiché crea per ciascuno dei coniugi e per la coppia una situazione specificamente ecclesiale e sociale. Pertanto il giudizio della coscienza sulla propria situazione matrimoniale non riguarda solo un rapporto immediato tra l'uomo e Dio, come se si potesse fare a meno di quella mediazione ecclesiale, che include anche le leggi canoniche obbliganti in coscienza” (Ibidem, § 8).

34.  Credo che non è possibile non riconoscere la mediazione ecclesiale nel valutare nullo il precedente matrimonio.

InfattiNon riconoscere questo essenziale aspetto significherebbe negare di fatto che il matrimonio esiste come realtà della Chiesa, vale a dire, come sacramento” (Ibidem).

35.  Credo che un sacerdote, di fronte a un fedele che, pur vivendo more uxorio con persona diversa dal proprio coniuge legittimo, ritenesse giusto in coscienza di poter accedere all’Eucarestia, ha l'obbligo di ammonirlo che tale giudizio è in aperto contrasto con la dottrina della Chiesa.

InfattiI pastori e i confessori, date la gravità della materia e le esigenze del bene spirituale della persona e del bene comune della Chiesa, hanno il grave dovere di ammonirlo che tale giudizio di coscienza è in aperto contrasto con la dottrina della Chiesa” (Ibidem, § 6).

36.  Credo che l’errata convinzione di poter accedere alla Comunione eucaristica da parte di un divorziato risposato presuppone l'arrogarsi la facoltà di decidere in ultima analisi, sulla base del proprio pensiero.

InfattiL’errata convinzione di poter accedere alla Comunione eucaristica da parte di un divorziato risposato, presuppone normalmente che alla coscienza personale si attribuisca il potere di decidere in ultima analisi, sulla base della propria convinzione (Cf. Lett. enc. Veritatis splendor, n. 55: AAS 85 (1993) 1178), dell'esistenza o meno del precedente matrimonio e del valore della nuova unione. Ma una tale attribuzione è inammissibile (Cf. Codice di Diritto Canonico, can. 1085 § 2). Il matrimonio infatti, in quanto immagine dell'unione sponsale tra Cristo e la sua Chiesa, e nucleo di base e fattore importante nella vita della società civile, è essenzialmente una realtà pubblica” (Ibidem, § 7).

37.  Credo che i sacerdoti debbano illuminare la coscienza dei fedeli affinché questi non pensino che l'unico modo di partecipare alla vita della Chiesa sia quello di accostarsi all'Eucarestia.

InfattiÈ necessario illuminare i fedeli interessati affinché non ritengano che la loro partecipazione alla vita della Chiesa sia esclusivamente ridotta alla questione della recezione dell'Eucaristia. I fedeli devono essere aiutati ad approfondire la loro comprensione del valore della partecipazione al sacrificio di Cristo nella Messa, della comunione spirituale, della preghiera, della meditazione della Parola di Dio, delle opere di carità e di giustizia” (Ibidem, § 6).

38.  Credo che i sacerdoti confessori devono sempre mostrare pazienza e bontà nei confronti di chi non riesce ancora ad uscire dallo stato di peccato.

InfattiNon sminuire in nulla la salutare dottrina di Cristo è eminente forma di carità verso le anime. Ma ciò deve sempre accompagnarsi con la pazienza e la bontà di cui il Signore stesso ha dato l'esempio nel trattare con gli uomini. Venuto non per giudicare ma per salvare, Egli fu certo intransigente con il male, ma misericordioso verso le persone” (Paolo VI, Lettera enciclica Humanae Vitae, 25-7-1968, § 29).

39.  Credo che possiamo e dobbiamo aiutare in tanti modi - che non siano l'ammissione alla recezione dell'Eucaristia - chi non riesce ancora ad uscire dallo stato di peccato.

Infatti dobbiamo ribadire che “I divorziati risposati, tuttavia, nonostante la loro situazione, continuano ad appartenere alla Chiesa, che li segue con speciale attenzione, nel desiderio che coltivino, per quanto possibile, uno stile cristiano di vita attraverso la partecipazione alla santa Messa, pur senza ricevere la Comunione, l'ascolto della Parola di Dio, l'Adorazione eucaristica, la preghiera, la partecipazione alla vita comunitaria, il dialogo confidente con un sacerdote o un maestro di vita spirituale, la dedizione alla carità vissuta, le opere di penitenza, l'impegno educativo verso i figli” (Benedetto XVI, esortazione apostolica Sacramentum Caritatis, 22-2-2007, § 29).

40.  Credo che un’assoluzione data con leggerezza e contraffatta misericordia a chi non ha le dovute disposizioni non può rendere felice lo stesso penitente.

InfattiNessuna assoluzione, offerta da compiacenti dottrine anche filosofiche o teologiche, può rendere l'uomo veramente felice: solo la Croce e la gloria di Cristo risorto possono donare pace alla sua coscienza e salvezza alla sua vita”. (S. Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Veritatis splendor, 6-8-1993, § 120).

41.  Credo che i divorziati risposati civilmente e conviventi more uxorio non possono accedere alla Comunione eucaristica.

InfattiSe i divorziati si sono risposati civilmente, essi si trovano in una situazione che oggettivamente contrasta con la legge di Dio. Perciò essi non possono accedere alla Comunione eucaristica, per tutto il tempo che perdura tale situazione. Per lo stesso motivo non possono esercitare certe responsabilità ecclesiali. La riconciliazione mediante il sacramento della Penitenza non può essere accordata se non a coloro che si sono pentiti di aver violato il segno dell'Alleanza e della fedeltà a Cristo, e si sono impegnati a vivere in una completa continenza” (CCC1650).

42.  Credo che la norma che preclude la ricezione dell’Eucaristia ai divorziati risposati non deve essere considerata una sorta di punizione.

Infatti Questa norma non ha affatto un carattere punitivo o comunque discriminatorio verso i divorziati risposati, ma esprime piuttosto una situazione oggettiva che rende di per sé impossibile l'accesso alla Comunione eucaristica: «Sono essi a non poter esservi ammessi, dal momento che il loro stato e la loro condizione di vita contraddicono oggettivamente a quell'unione di amore tra Cristo e la Chiesa, significata e attuata dall’Eucaristia” (Congregazione per la Dottrina della Fede, Lettera ai Vescovi della Chiesa Cattolica circa la recezione della comunione eucaristica da parte di fedeli divorziati risposati, 14-9-1994, § 4).

43.  Credo che ammettere i divorziati risposati all’Eucarestia, oltre a essere in sé una cosa cattiva, potrebbe indurre i fedeli in errore e in confusione.

InfattiC’è inoltre un altro peculiare motivo pastorale; se si ammettessero queste persone all'Eucaristia, i fedeli rimarrebbero indotti in errore e confusione circa la dottrina della Chiesa sull'indissolubilità del matrimonio” (Ibidem).

44.  Credo che Maria Santissima, debellatrice di tutte le eresie, debellerà anche gli errori circa la dottrina sul matrimonio.

Ne sono certo, perché Ellanon accetta che l'uomo peccatore venga ingannato da chi pretenderebbe di amarlo giustificandone il peccato, perché sa che in tal modo sarebbe reso vano il sacrificio di Cristo, suo Figlio” (S. Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Veritatis splendor, 6-8-1993, § 120).
Hanc veram catholicam fidem, extra quam nemo salvus esse potest, quam in praesenti sponte profiteor et veraciter teneo, eamdem integram et immaculatam usque ad extremum vitae spiritum constantissime, Deo adiuvante, retinere et confiteri atque a meis subditis vel illis, quorum cura ad me in munere meo spectabit, teneri, doceri et praedicari, quantum in me erit, curaturum, ego idem Sac. Alfredo Maria Morselli spondeo, voveo ac iuro: sic me Deus adiuvet, et haec sancta Dei Evangelia.
San Benedetto del Querceto (BO), 20 febbraio 2018
______________________________
[1] «“Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra», Il Foglio, 14-1-2017, https://tinyurl.com/ybhlmbt8.
[2] Ibidem
[3] Eb 11,1, come reso da Dante in Par. XXIV, 64-65.
[4] "Substantia enim solet dici prima inchoatio cuiuscumque rei, et maxime quando tota res sequens continetur virtute in primo principio"; Summa theologiae, IIª-IIae q. 4 a. 1 co.
[5] "Formale autem obiectum fidei est unum et simplex scilicet veritas prima, ut supra dictum est. Unde ex hac parte fides non diversificatur in credentibus, sed est una specie in omnibus"; Summa Theologiae, IIª-IIae q. 5 a. 4 co.
[6] "… ea quae materialiter credenda proponuntur sunt plura, et possunt accipi vel magis vel minus explicite. Et secundum hoc potest unus homo plura explicite credere quam alius. Et sic in uno potest esse maior fides secundum maiorem fidei explicationem."; Ibidem
[6 bis] «Solo un cieco…»
[7] "Permanere nella verità di Cristo" - Convegno internazionale in vista del Sinodo sulla famiglia, Roma, 30 settembre 2015.
[8] È possibile vedere il video dell’intervista qui: https://youtu.be/iKRLWE96RCw.
[9] Testo ripreso da: «Un'altra lettera dei quattro cardinali al papa. Anche questa senza risposta», Settimo cielo, 20 giugno 2017, https://tinyurl.com/ycxkt235.
[10] "Unde et Dominus, Luc. XXII, Petro dixit, quem summum pontificem constituit, ego pro te rogavi, Petre, ut non deficiat fides tua, et tu aliquando conversus confirma fratres tuos. Et huius ratio est quia una fides debet esse totius Ecclesiae, secundum illud I ad Cor. I, idipsum dicatis omnes, et non sint in vobis schismata. Quod servari non posset nisi quaestio fidei de fide exorta determinaretur per eum qui toti Ecclesiae praeest, ut sic eius sententia a tota Ecclesia firmiter teneatur". Summa theologiae, IIª-IIae q. 1 a. 10 co.
[11] Lumen gentium 25,
[12] «Santità, la prego risponda a queste tre domande su Amoris Laetitia», a c. di Maike Hickson, http://tinyurl.com/hhfqe3f.
[13] Trattato della vera devozione a Maria, § 59.

22 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie, reverendo don Alfredo, per la Sua testimonianza aperta e coraggiosa di fede. Le quarantaquattro proposizioni mi sembrano molto ben formulate, e possono e devono esser sottoscritte da qualunque fedele cattolico.

Solo un’osservazione su un punto particolare.

La prima proposizione: “Credo che esistono degli atti intrinsecamente cattivi che sono sempre peccato mortale, se commessi con piena avvertenza e deliberato consenso, e che quindi non possono ricevere una valutazione morale caso per caso” è evidentemente, oltre che verissima, fondamentale: il nòcciolo della questione è proprio questo.

Sennonché, si potrebbe anche levare la parola “mortale”, perché ci sono anche degli atti intrinsecamente cattivi, che dunque non sono mai leciti, ma che d’altra parte sono, di regola, solo venialmente peccaminosi: l’esempio classico è la menzogna (cfr. san Tommaso, “Somma teologica”, II II, q. 110, art. 3, nel corpo dell’articolo: “actus cadens super indebitam materiam”, e art. 4).

Inoltre, si potrebbe levare anche l’inciso “se commessi con piena avvertenza e deliberato consenso”, giacché, anche quando questo o quella mancano, l’atto resta oggettivamente cattivo, a motivo del suo oggetto, e soltanto, sul piano soggettivo, non è imputabile, o solo venialmente: come Lei stesso dice luminosamente nel séguito della Sua professione. Posso peccare in buona fede, e essere scusato davanti a Dio, ma il mio è pur sempre un peccato, e dunque, semplicemente, un male (“bonum ex integra causa, malum ex singulis defectibus”).

Grazie ancóra. Preghi per noi, don Alfredo, e ci benedica.

Maso

Anonimo ha detto...

Questa,finalmente, è una buona notizia. Spero che tanti firmino questa presa di posizione.

Anonimo ha detto...

quello che paventavo settimane fa è accaduto... inizia la ribellione dei sacerdoti ancora fedeli alla retta dottrina ai vescovi eretici (con il permesso ormai scritto del Papa). Chi ancora si nasconde dietro il pericolo di scismi per non fare nulla è servito: lo scisma c'è già, palese e sotto gli occhi di tutti. Preti contro vescovi (e il papa) su questioni fino a pochi anni fa basilari, scontate e indiscusse. Siamo ormai allo scontro finale

Anonimo ha detto...

quante "professioni di fede" son state fatte????? Mi pare che proprio don Morselli abbia sottoscritto quasi tutte le professioni di fede, le suppliche, le petizioni, le correzioni filiali, ecc., e chi più ne ha più ne metta. Ordunque, simili atti son serviti forse a qualcosa????? Poi .... la premessa che contiene la chiosa sull'amore e devozione a Bergoglio ..... bah .... Ricordo ancora una volta - avendolo già fatto in altre occasioni - che i vescovi emiliani non hanno fatto nè più nè meno che prendere atto del magistero di Bergoglio, e da ultimo quello qualificato come autentico. Per cui, con buona pace, se ne prenda atto e si finiscano queste farse ..... che non fanno altro questo sì, che aumentare la confusione, perché, lo ripeto, la confusione non è in Bergoglio o nei bergogliani. No. Loro sono chiarissimi e limpidissimi.
La confusione la creano coloro che, non volendo prendere atto del mutamento, cercano
1. di interpretare questi documenti "nuovi" alla luce della Tradizione (quando invece dovrebbe essere il contrario) e comunque di travasare vino (o aceto) nuovo in otri vecchi;
2. di pretendere che i novatores si rimangino tutto e tornino indietro (il che denota una chiara fuga dalla realtà, rifugiandosi in schemi pensando che questi siano ancora applicabili oggi).
Di qui nasce la confusione e la bufala della "non chiarezza": una vera e propria fake news!
Francesco Patruno su Fb

Anonimo ha detto...

quella dei vescovi non è la loro interpretazione di AL. E' quella che il Papa stesso ha avallato, dicendo che non ce ne possono essere altre. Caro don Alfredo, meritevoli i suoi tentativi di opporsi a questa deriva ereticale, ma è ora che ne prendiate definitivamente atto: questo è attualmente il magistero papale. E' erroneo? Allora si traggano le dovute conseguenze e si corregga finalmente il papa. Se non avviene questa correzione, non saranno nemmeno centomila suppliche a cambiare la realtà e ci si dovrà adeguare anche a questa riforma ereticale

irina ha detto...

Commovente, per esaustività, chiarezza, umiltà.
Grazie, il cuore riprende a sperare.

Anonimo ha detto...

Patruno ha ragione, queste lettere per quanto apprezzabili nello spirito, ormai suonano ripetitive e inutili sul piano dell'incisività concreta. Burke e Brandmuller si mettano una mano sulla coscienza, e si chiedano se vogliono davvero lasciare questi poveri pastori di anime soli contro i vescovi rinnegati, costretti a scegliere tra la fedeltà a Cristo e quella alle gerarchie. Non è più il momento di cincischiare e anteporre considerazioni terrene e umane alla salvezza delle anime. Agiscano, subito!

Mazzarino ha detto...

Il problema resta e si incancrenisce. Ciò in cui crede Don Morselli non è ciò in cui crede Bergoglio. I Vescovi, anche quelli che credono in ciò in cui crede don Morselli, obbediscono a Bergoglio. Già accade che obblighino i sacerdoti a commettere peccato mortale, e ad indurre al peccato mortale i fedeli. E' vero però che non pochi sacerdoti recalcitrano ed ecco all'orizzonte il giuramento pubblico di fedeltà a Bergoglio imposto a tutti i sacerdoti dal proprio vescovo. Paganesimo puro! Don Morselli ha deciso che non lo farà ed ha messo le mani avanti. Non sempre ho condiviso le sue posizioni ma oggi Chapeau.

lister ha detto...

Condivido in toto l'intervento di Francesco Patruno.
Il don elenca i suoi "credo" in 44 punti, dopo aver premesso "amore e devozione per il Santo Padre"...
Ma se è proprio quello a non "credere" a quei punti, dov'è la coerenza?!

Anonimo ha detto...

@Lister
Il don "ama ed è devoto" al Santo Padre, e proprio per questo sta ribadendo la sana dottrina e il parlar chiaro: anche perché il Santo Padre capisca. Se poi Francesco non vuole capire, è un problema suo; ma don Morselli è coerente.

Anonimo ha detto...

Finalmente un ragionamento cattolico

lister ha detto...

@ Fabrizio
Un "santo padre" che ha bisogno dei chiarimenti di un prete, non è, non può essere "Santo Padre" (ovvero Vicario di Cristo in Terra) e il nostro, pur coraggioso, prete non necessita di essergli "devoto". Questa sarebbe coerenza.

Anonimo ha detto...

Per debellare l'eresia dilagante sul matrimonio bisogna debellare bergoglio

Anonimo ha detto...

Peccato che sia falso affermare che Bergoglio non abbia dato risposta ai dubia. Lo ha fatto in molti modi ma,ovviamente,soprattutto avallando l' interpretazione data dai vescovi argentini su AL. A parte il fatto che anche il semplice silenzio da parte di un pontefice, su questioni cosi gravi,non è cosa da poco. Non credo nemmeno che sia del tutto sincero, quando dice di aspettarsi una risposta diretta in merito ai dubia. Si ricordi anche delle affermazioni di Bruno Forte. Sono le classiche affermazioni di facciata che lasciano il tempo che trovano. Non è tanto questione di coerenza quanto di formalismo.
So già che verrò accusato di giudicare, di essere il fratello cattivo del flgliuol prodigo ecc...oramai ho fatto il callo a questo tipo di accuse ma,purtroppo, sono allergico al buonismo.
Antonio

Silente ha detto...

Ogni tanto, quale "fuori argomento", Mic pubblica qualche mio "invito alla lettura" di qualche testo. Stavolta il mio non è un "invito", è una pressante preghiera di acquistare, leggere, regalare, divulgare, presentare questo testo: Gian Micalessin, Fratelli traditi - La tragedia dei cristiani in Siria. Cronaca di una persecuzione ignorata, Cairo Editore
E' un reportage partecipe, commosso, sofferto, ma soprattutto documentatissimo e dimostrato di questo grande giornalista di guerra sul genocidio dei cristiani in Siria, con dati, testimonianze, racconti, dichiarazioni. E' il tragico affresco dei massacri, della pulizia etnica, delle chiese sistematicamente distrutte ad opera di Al Qaeda, dell'Isis, dei ribelli anti-Assad, del "moderato" Esercito Siriano Libero anti-regime appoggiato dagli USA, dall'Arabia Saudita, dai Paesi del Golfo, da Israele. E' stato l'Esercito Siriano Libero a massacrare i greco-melchiti a Rablah. Sono stati anche i ribelli sunniti "moderati" a martirizzare Maalula, dove si parlava ancora aramaico e che ospitava il monastero e la Basilica di Santa Tecla, veneratissima dai greco-ortodossi. Venivano da tutto il mondo a vedere questo complesso, ora distrutto.
Ciò che è terribile è il silenzio dell'Europa, dei cristiani d'occidente. Nulla si dice sulle migliaia di martiri, i milioni di profughi cristiani, le centinaia di chiese, conventi, cimiteri distrutti. La stampa mondialista accusa (anche oggi) il regime di Assad, appoggiato dalla stragrande maggioranza della popolazione e dalla totalità dei cristiani di Siria, di ogni nefandezza: ma non fu lui a usare i gas contro la popolazione civile, ma i tagliagole dell'Esercito Siriano Libero.
E' Assad a difendere con l'esercito regolare le rimaste enclave cristiane. Sono i russi di Putin che hanno impedito massacri da parte degli islamici, estremisti o "moderati".
I cristiani di Siria sono indignati per i silenzi e le ipocrisie dell'Europa e degli USA. Ecco qualche loro voce: "Pensate veramente che l'Arabia Saudita, il Qatar e tutti quelli che pagano questi assassini vogliano portare la libertà in Siria?". E ancora, riferendosi ai ribelli "moderati": "Sarà un caso, ma sparare sulle chiese sembra piacergli molto"; su Maalula: "L'America resta a guardare mentre Al-Qaeda si prepara a massacrare i cristiani". Terribile questa frase pronunciata da un anziano cristiano: "Vedi come ci stanno trattando? Be' non disperarti troppo...a voi cristiani d'Europa non andrà meglio. Anzi a voi, alla fine, andrà anche peggio. In fondo noi cristiani di Siria conosciamo il nostro destino.... Ma c'è anche una piccola buona notizia: nonostante il vile pacifismo della Chiesa, i cristiani, di tutte le confessioni, hanno incominciato ad armarsi, a formare milizie, a contrattaccare. L'irenismo di Bergoglio, di Parolin e degli altri non ferma il loro coraggio nel voler difendere le loro case e le loro chiese.
Ecco: questo libro va acquistato e diffuso, presentato ovunque sia possibile, regalato a biblioteche e a privati. E' un nostro dovere: lo dobbiamo ai nostri fratelli in Siria e in Iraq.
Osservazione finale: oggi il Giornale, a pagina 12, così riferisce: "Dal quotidiano israeliano Haarez arriva notizia che Gerusalemme avrebbe deciso di sostenere con armi e denaro sette gruppi ribelli sunniti". E così i ribelli anti-Assad avranno più mezzi, più armi, più copertura politica per uccidere, massacrare, distruggere i siriani fedeli al governo legittimo di Assad e i cristiani in particolare. La notizia meriterebbe più amplia diffusione e soprattutto una seria riflessione su chi sono i "buoni" e chi i "cattivi".

Silente

Anonimo ha detto...

https://www.lifesitenews.com/news/leaked-docs-raise-question-of-popes-personal-role-in-new-vatican-financial

Anonimo ha detto...

OT Ed ecco che si invoca l'interdizione per le redazioni scomode... siamo ad un passo dalle scomuniche?

https://www.lifesitenews.com/news/papal-advisor-retweets-call-for-pope-to-shut-down-ewtn-unless-they-fire-ray

Anonimo ha detto...

https://www.change.org/p/reverendissimi-vescovi-dell-emilia-romagna-cari-vescovi-dell-emilia-r-siete-davvero-tutti-d-accordo-sul-cap-8-di-amoris-laetitia

mic ha detto...

http://www.lanuovabq.it/it/linee-guida-inaccettabili-parroco-scrive-ai-vescovi

mic ha detto...

http://www.aldomariavalli.it/2018/02/21/la-veritatis-splendor-di-don-alfredo-morselli/

Anonimo ha detto...

O con Cristo o con Bergoglio.

Caro Don Alfredo è tempo di decidersi perchè purtroppo le due cose sono in chiara
opposizione.

Il piede in due scarpe non ci entra, vale per i piedi suoi, per quelli dei vescovi
kazaki e per i piedi porporati e dubbiosi.

La misura è colma e soverchia.

Anonimo ha detto...

22 febbraio – Cattedra di san Pietro in Antiochia
http://itresentieri.it/22-febbraio-cattedra-di-san-pietro-in-antiochia/