venerdì 2 febbraio 2018

Un altro vescovo ha sottoscritto ieri la “Professione delle verità sul matrimonio sacramentale”

Da comunicazione diretta di Mons. Athanasius Schneider, apprendiamo che ieri S.E. Mons. Marian Eleganti, Vescovo Ausiliare di Chur (Coira) in Svizzera, ha dichiarato di apporre la sua firma sotto la “Professione delle verità sul matrimonio sacramentale” [qui] (del 31 dicembre 2017), chiedendo di renderlo pubblico.
Vedi qui il coraggioso invito pubblico di Mons. Schneider, che riguarda la Chiesa universale, dunque Papa, Cardinali, Vescovi e fedeli tutti. Ѐ un atto correttivo serio e grave che va accolto con tutta l'attenzione e il sostegno che merita.
I sottoscrittori della Professione finora, oltre ai tre primi firmatari dal Kazakhstan, che aprono l'elenco:
  • Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’Arcidiocesi di Maria Santissima in Astana:
  • Jan Pawel Lenga, Arcivescovo -Vescovo emerito di Karaganda;
  • Athanasius Schneider, Vescovo Ausiliare dell’Arcidiocesi di Maria Santissima in Astana
  • Cardinale Janis Pujats (Arcivescovo emerito di Riga), 
  • Arcivescovo Carlo Maria Viganò (Nunzio Apostolico emerito negli USA), 
  • Arcivescovo Luigi Negri (Arcivescovo emerito di Ferrara), 
  • Vescovo Rene Gracida (Vescovo emerito di Corpus Christi, USA), 
  • Vescovo Andreas Laun (Vescovo Ausiliare emerito di Salzburg) e 
  • Vescovo Marian Eleganti (Vescovo Ausiliare di Chur/Coira).

27 commenti:

Anonimo ha detto...

Da apprezzare i sottoscrittori, ma credo resteranno pochi. I più tengono al posto o credono di essere disobbedienti! Credo che ci vorrà ben altro!!

mic ha detto...

"Credo che ci vorrà ben altro!!"

Intanto c'è chi fa da apripista. Ricordiamo che mons. Schneider è stato il primo a denunciare pubblicamente le ambiguità. E poi sono arrivati i Dubia...

Anonimo ha detto...

Onestamente penso che si stanno piano piano formando due opposti schieramenti, ma ci vuole tempo perchè maturino le coscienze.

ovviamente i consacrati che si oppongono al cambiamento di DNA della Chiesa Cattolica sono i più provati perchè portano anche il peso del contrasto interiore tra il loro essere sottomessi al Papa e il vedere che non possono obbedire in tutto al Papa perchè offederebbero gravemente Dio.

Tuttavia penso che il detonatore sarà alla fine L abolizione del Santo Sacrificio attraverso la modica delle parole della consacrazione. Li penso che si solleverà una indignazione tale da rendere manifesto lo scisma oggi in atto. Non credo invece che celibato, e altre rivoluzioni potranno smuovere più di tanto lo stato attuale delle cose. Si continuerà a condannare gli errori riconoscendo autorità e sottomettendosi a quella autorità.

fabriziogiudici ha detto...

Sulla questione dei pochi, ha già commentato abbondantemente sacerdos quidam in passato, e ancora nei giorni scorsi. Quello che noto, semmai, è che sono sempre gli stessi: Chur/Coira mi pare sia l'unica diocesi rimasta fedele in Svizzera, se non erro il titolare è stato spesso messo sulla graticola.

OT Ho appena letto questo:

https://www.lifesitenews.com/opinion/egyptian-priest-proselytizes-muslims-at-the-risk-of-death

e mi ha colpito questo passaggio:

Cleric Ahmad al-Qatani estimated at least six million Muslims every year forsook “Allah” for Christ, and blamed Fr. Botros for many of those conversions.

Cioè, un clerico islamico ha sostenuto pubblicamente che ci sono SEI MILIONI di islamici che si convertono al cristianesimo ogni anno. Lo ha fatto come atto d'accusa nei confronti di certi preti (un copto in questo caso) che si "permettono" di fare proselitismo; uno potrebbe dunque pensare che ha esagerato la portata del fenomeno per caricare l'attacco contro il prete; tuttavia, pensandoci bene, è abbastanza improbabile, perché un clerico islamico sa bene che questa affermazione è anche un atto di debolezza. I regimi dispotici devono sempre tenere un attento compromesso nel dimensionare il fenomeno dei "sovversivi". Sarei curioso di sapere se ci sono conferme di terze parti a queste cifre.

Comunque, il senso è che convertono i preti (ora lascerei perdere il fatto che si parla di un copto) che prendono la questione di petto, che puntano a sottolineare le contraddizioni del Corano (la stessa cosa l'abbiamo letta poche settimane fa a proposito di quel convertito iracheno-francese) e che, conseguentemente, finiscono con una taglia dell'ISIS sulla testa. Gli altri che parlano di "volemose bene" campano tranquilli, anche riveriti, ma non ottengono sostanzialmente niente.

Anonimo ha detto...


OT. Ma non troppo.

Le pape François est le pontife de la « divine synarchie » maçonnique, c’est maintenant évident.

En compulsant mes bouquins, je tombe sur le livre de Pierre Virion, “Mystère d’iniquité. Mysterium iniquitatis” (1967). Voici ce qu’on savait déjà il y a 50 ans :

Virion (1899-1988) explique et démontre l’espoir qu’ont les francs-maçons « de voir tomber un jour le Vatican royal, et régner un pape qui sera le pontife de la DIVINE SYNARCHIE, à la tête d’un nouveau catholicisme, et qui consacrera l’esprit, tout l’esprit de la société moderne ».

Mais qu’est-ce que la synarchie ?

« Organiquement, c’est d’abord un ensemble de puissances occultes de tous ordres et de toutes écoles, unies pour concourir à la formation d’un gouvernement mondial INVISIBLE. Politiquement, c’est l’intégration désirée de toutes les puissances sociales et surtout financières, formant ce gouvernement mondial dans un régime SOCIALISTE GENERALISÉ, technicisé, s’étendant au monde divisé en zones géopolitiques.

« Les diversités ethniques, religieuses, culturelles, nationales devant, selon le processus synarchique, non pas être supprimées, mais intégrées dans des ordres soumis à une collégialité supervisée occultement. Le catholicisme serait par conséquent, comme toutes les religions réputées égales, absorbé dans un syncrétisme universel. L’Eglise serait inféodée au système. »

Anonimo ha detto...


Le chanoine apostat Roca, haut initié de la FM internationale, que cite Pierre Virion, n’a pas caché leur stratégie : « Ce qui se prépare dans l’Eglise universelle ce n’est pas une réforme, c’est, je n’ose dire une révolution car ce mot sonnerait mal et manquerait de justesse, mais une EVOLUTION. »
Il ajoutait : « Telle qu’elle est, la papauté disparaîtra, le pontife de la divine synarchie ne ressemblera plus au pape de l’heure présente… »

En résumé, Roca écrivait : « Mon Christ n’est pas celui du Vatican. »

Tout est dit : le gouvernement mondial sera invisible mais réel. Il s’appuiera sur un socialisme généralisé et sur la technicité (à l’époque il n’y avait pas d’informatique !). On absorbera la religion catholique dans un syncrétisme universel des IDEES, et le pontife sera au service de ce système.

Eh bien, tout ce qu’ils ont annoncé, ils l’ont fait ; mais ils avancent toujours masqués. Il suffit donc d’ouvrir les yeux pour comprendre que ce fameux pontife tant désiré, ils l’ont. L’adulation universelle dont François est l’objet n’a pas d’autre motif.

Anonimo ha detto...


Toujours dans le même livre, "Mystère d'iniquité", Pierre Virion cite le pape Léon XIII dans “Humanum Genus” :

« En ouvrant leurs rangs à des adeptes qui viennent à eux des religions les plus diverses, les francs-maçons deviennent plus capables d’accréditer la grande erreur du temps présent, laquelle consiste à reléguer au rang de choses indifférentes le souci de la religion, et à METTRE SUR LE MEME PIED toutes les formes religieuses. Or, à lui seul, ce principe suffit à ruiner les religions et particulièrement la religion catholique. Car étant la seule véritable, elle ne peut, sans subir la dernière injure, tolérer que les autres religions lui soient égalées. »

Comparons maintenant ce texte avec les agissements du pape François :

« A l’occasion de la Journée Mondiale des Migrants et des Réfugiés du 20 janvier 2014, le pape François s’est adressé à un public majoritairement musulman réuni dans une salle de l’église du Sacré-Coeur près de Termini.
Aussi « insolite » que cela puisse paraître à des catholiques, voici ce que le Vicaire du Christ a déclaré aux réfugiés présents dans la salle paroissiale :

« Partager notre expérience en portant cette croix pour arracher de nos cœurs la maladie qui empoisonne nos vies : il est important que vous fassiez cela lors de vos réunions. Que ceux qui sont chrétiens le fassent avec la Bible et que ceux qui sont musulmans le fassent avec le Coran. La foi que vos parents vous ont inculquée vous aidera toujours à avancer ».
Le « vicaire du Christ » a ici mis clairement sur le même pied les religions catholique et musulmane, sans compter qu’il laisse entendre que nos fois ont la même valeur, ce qui est une phrase ouvertement blasphématoire et déicide, puisqu’elle remet en cause le dogme de la Sainte Trinité.

Voilà une preuve formelle, mais il y en a des milliers, que le pape François est bien le pontife de la « divine synarchie » maçonnique, donc luciférienne. Dans l’Apocalypse, ce personnage porte un nom : la bête.

Par seulement un extrait, on peut prouver que le pape actuel fait clairement le jeu des ennemis de l’Eglise, et se comporte de la façon dont ils l’ont décrit il y a un siècle. Un tel comportement ne peut que poser d’énormes problèmes à un catholique digne de ce nom.

Michele MAcIK Durighello ha detto...

Ora faccio una stampa delle foto di Burke, Schneider, Lanzetta, Morselli. Se qualcuno mi tocca determinate questioni gli mostro la foto dicendo: "sul punto sottoscrivo quanto detto da questi qualificati membri della Chiesa cattolica." Visto che ormai si procede a colpi di carta bollata, ritengo doveroso essere inappuntabilmente preparato.

Anonimo ha detto...

https://agensir.it/quotidiano/2018/2/2/germania-forma-di-warburg-proposta-della-diocesi-di-paderborn-per-le-localita-senza-sacerdote/

Anonimo ha detto...

Ma perchè non aderisce l'episcopato polacco che pure è fortemente critico verso Amoris Laetitia?

Anonimo ha detto...

Sui dubia però aspettiamo il seguito cioè la correzione fraterna...

Anonimo ha detto...

A proposito dell'ennesima, fluviale intervista del cardinal Burke segnalo la stringente analisi di Ch. Ferrara, che dimostra in modo direi inoppugnabile che non ci sarà nessuna "correzione fraterna" e che anzi "the cardinal is now part of the problem" (http://www.fatimaperspectives.com/fe/perspective1145.asp). Non si può non ricordare purtroppo che più volte Burke ha avuto l'ardire di paragonarsi a Giovanni Fisher e Tommaso Moro ...

fabriziogiudici ha detto...

Ma perchè non aderisce l'episcopato polacco che pure è fortemente critico verso Amoris Laetitia?

Preghiamo per l'episcopato polacco, perché è evidentemente sotto forti pressioni, causa infiltrati: avrebbe dovuto pubblicare a fine 2017 il suo documento ufficiale sul modo di recepire AL, ma la cosa sta slittando...

Anonimo ha detto...

Poco fa, in macchina, ascoltavo il grande Frank Sinatra (The Voice) mentre cantava "this is my way, te only way i know...whithout exceptions...". Ma guarda, ho pensato, come si addicono bene, queste parole, all'evangelico "si si, no no" all'aut aut, come n ricordano le coraggiose parole di Mons. Léfèbvre "io non sono cambiato, ho continuato a fare quello che ho sempre fatto, che la Chiesa m ha insegnato e comandato di fare, siete voi (il clero, le gerarchie vaticansecondiste) che siete cambiati, che vi siete allontanati dalla retta dottrina" (con il loro "si, ma anche", "et ..et"). Con il che, rimango dell'idea che se la "vera" Chiesa ha retto finora, è grazie a gente come lui, il "Monsignore" (per antonomasia).

Anonimo ha detto...

se anche la conferenza episcopale polacca aderisse alla dichiarazione kazaka, sarebbe un colpo grosso: un'intera chiesa (e che chiesa!) schierata contro la deriva ereticale. Temo purtroppo che Fabrizio abbia ragione: ci sono infiltrati anche a Varsavia...

fabriziogiudici ha detto...

Non si può non ricordare purtroppo che più volte Burke ha avuto l'ardire di paragonarsi a Giovanni Fisher e Tommaso Moro ..

A parte il fatto che non si è paragonato, ma li ha presi come modello a cui riferirsi (che è cosa diversa)...

Vorrei far presente una cosa. Grossomodo, mi pare, sia per Fisher che per Moore, la data della prima contrapposizione a Enrico VIII fu il 1529. Entrambi furono condannati nel 1535. Sei anni. Per certe cose, More non si pronunciò esplicitamente, semmai si rifiutò di pronunciarsi, cambiando linea solo dopo la condanna a morte. Cioè sei anni dopo l'inizio della disputa. Qui, grossomodo, siamo a tre anni. Ora, mentre prima di tutto mi auguro che né il card. Burke né altri debbano fare la fine di Fisher e More, né in senso letterale né figurato, mi immagino che nel 1534, a ragionare in termini simili, qualcuno avrebbe potuto criticare More proprio perché ancora non era stato abbastanza esplicito nel prendere posizione...

mic ha detto...

Bene Fabrizio!

Aggiungo che, conoscendo il cardinale Burke, so anche che ha le sue buone ragioni, che conosco e che non divulgo per opportunità oltre che per correttezza. Ma, in ogni caso, non perderei mai la fiducia che ho nei suoi confronti.

mic ha detto...

Piuttosto, Fabrizio, mi sto preparando per andare all'incontro. Ci mancherai moltissimo e spero tu /e altri che oggi non ci saranno) possiate venire il prossimo mese!
Accompagnateci con la preghiera...

Anonimo ha detto...

Il momento decisivo e irreversibile nella nascita dell'anglicanesimo è l'Atto di Supremazia, votato dal Parlamento nel novembre 1534; al rifiuto di Fisher e More di prestare il richiesto giuramento seguì di lì a breve l'esecuzione (giugno-luglio 1535). Si tratta di figure tra le più nobili della storia europea degli ultimi cinquecento anni, al di là di ogni disputa confessionalistica.

fabriziogiudici ha detto...

Ma già nel 1529 il Parlamento sostenne che il Papa non aveva giurisdizione superiore al re (cosa che More rigettava), e l'anno successivo girò una sottoscrizione di notabili, che chiedevano al Papa di annullare le nozze reali, che More si rifiutò di firmare.

Anonimo ha detto...

Cari Mic e Fabrizio, una domanda che non vuole essere polemica, ma fraterna, ecco diciamo un dubium che rivolgo a chi, come tutti noi qui, è sulla stessa lunghezza d'onda. Ora che la lettera argentina ha fugato ogni dubbio sui criteri di applicazione di AL, e viene recepita man mano dalle diocesi più "bergogliose", come dovrebbero comportarsi, secondo voi, i sacerdoti di quelle diocesi di fronte all'ordine dei loro vescovi di dare la comunione ai pubblici concubini? Disobbedire, rischiando tutte le conseguenze del caso? Obbedire e tacere? Come fa il card. Burke a non porsi il problema di questi poveri sacerdoti messi di fronte a un dilemma atroce? Certo a lui verosimilmente nessuna coppia di conviventi andrà a chiedere l'eucaristia, ma non dovrebbe preoccuparsi dei poveri confratelli che non hanno i suoi privilegi?

mic ha detto...

Obbedire e tacere? Come fa il card. Burke a non porsi il problema di questi poveri sacerdoti messi di fronte a un dilemma atroce?

Non mi risulta che il card. Burke obbedisca e taccia. in tutte le occasioni (interviste, predicazione nelle sue frequenti evangelizzazioni itineranti, interventi pubblici in convegni, conferenze ecc.) denunciando gli errori e parla con parresìa secondo l'insegnamento costante della Chiesa.
E quali sarebbero i suoi privilegi se ha perso le più prestigiose cariche curiali che ricopriva con grande competenza?

Giosuè ha detto...

Non sono pochi 9 vescovi, se poi si uniranno anche sacerdoti...e poi siamo solo all'inizio.

Anonimo ha detto...

ok però non ho letto la risposta: che deve fare, oggi, un sacerdote emiliano a cui il vescovo ordina ufficialmente di dare la comunione agli adulteri?

Anonimo ha detto...


Che deve fare un sacerdote cui il vescovo ordini di commettere peccato, ossia
di dare la Comunione agli adulteri?

Una cosa sola deve fare, a mio modesto avviso e per quello che vale, se ci tiene alla salvezza della propria anima e a quella dei fedeli: rifiutarsi di obbedire motivando pubblicamente il suo rifiuto.
Il Signore poi provvederà.
PP

fabriziogiudici ha detto...

Devono rischiare, non obbedire e tacere, perché prima di tutto si ubbedisce a Dio, non agli uomini, e perché il criterio supremo delle decisioni della Chiesa è la salvezza delle anime.

Se fossero un po' più "proattivi" (perdonatemi il gergo aziendale), comprenderebbero che prima di arrivare al punto di dover scegliere tra fare una cosa sbagliata, già decisa e messa per iscritto, ed essere puniti, hanno qualche possibilità di azione preventiva. Se facessero rete e chiedessero udienza ai propri vescovi presentandosi in gruppo, avrebbero qualche chance in più (è più facile reprimere individui sparpagliati che gruppi organizzati). Inoltre, se agissero prima che i vescovi prendano una decisione, potrebbero avere qualche chance di far cambiare loro idea.

fabriziogiudici ha detto...

C'è un'ambiguità in come mi è uscita la frase; riscrivo in: Devono rischiare, non "obbedire e tacere", ...