martedì 7 ottobre 2014

Sentinelle, LGBT, squadrismo.

Pubblico di seguito l'articolo di Marco Tosatti su La Stampa di ieri, il cui titolo già dice tutto [qui]. 
Qualcuno ce lo spiegherà il perché di tanta violenza nei confronti di chi difende silenziosamente la propria resistenza urticante per chi pretenderebbe di imporre la propria visione del mondo in nome di un'unica libertà di espressione: la loro, che profana e sovverte un ordine naturale non riconosciuto. E nessuna parola di condanna da parte dei media per tutta questa violenza completamente insensata che migliaia di persone libere e silenziose hanno subito in 100 piazze d'Italia, persino dopo che bambini, mamme, anziani sono stati insultati, scioccati, anche malmenati, violando la loro libertà. Ma a loro resta il plauso, sono state figura cristologica, hanno perdonato i loro aggressori perché non sapevano quello che facevano. Con questo hanno vinto, silenziosamente hanno gridato il loro anelito d’amore e libertà, unica ricetta salvifica contro il caos doloroso impersonato dai violenti che hanno provato invano a farli tacere. Come dice Mario Adinolfi [qui].

Ieri le Sentinelle in Piedi, un movimento non confessionale e non politico, ha portato migliaia di persone a manifestare silenziosamente per un’ora in cento città italiane. In molti casi tutto si è svolto in maniera tranquilla; in altri invece la manifestazione è stata disturbata, in maniera anche violenta, da frequentatori dei centri sociali, anarchici e esponenti dei gruppi LGBT.
Le Sentinelle in Piedi dimostrano contro l’approvazione della legge sull’omofobia in discussione in Parlamento, perché ritengono che essa costituirebbe un grave attentato alla libertà di opinione e di espressione nel Paese. Le Sentinelle sono state bersagliate con uova e bottiglie da parte degli aggressori, e due persone sono state ricoverate in ospedale.

Ci sembra interessante riportare il commento, rilasciato a “Tempi” del vescovo di Ferrara-Comacchio, Luigi Negri, l’unica voce di Chiesa, a nostra conoscenza, a occuparsi del problema. 
"È una vicenda triste ma largamente anticipata. Per oltre cinquant’anni questi facinorosi, che percuotono gli altri accusandoli di essere fascisti, me li sono visti davanti in tutti gli ambiti in cui la vita professionale e pastorale mi ha posto, soprattutto le scuole e le università, dove ho tentato – credo in modo positivo – di aiutare migliaia di giovani a recuperare la propria identità cattolica e a vivere una presenza cristiana nell’ambiente animata dalla verità della fede e da una grande capacità di carità e di incontro con gli uomini. Mi sono sempre riconosciuto nel brano della Centesimus Annus in cui San Giovanni Paolo II afferma che quando la Chiesa lavora per la libertà non lo fa solo per se stessa ma per tutti gli uomini, i popoli e le nazioni.
Questi margini di libertà sono evidentemente in progressiva riduzione nel nostro Paese, contrariamente al dettato costituzionale che mette la libertà personale e sociale a fondamento dell’intero ordinamento democratico. Molti, a partire dalle Istituzioni, devono riflettere su questo degrado che oggi vede una sempre maggiore difficoltà della libertà ad essere praticata sull’intero territorio nazionale. E lo stesso devono fare certi organi di stampa, perché questa notizia è stata evidentemente e volutamente eliminata da molti.Quella stessa stampa che ci satura di informazioni sulle partite di calcio e di dettagli sulle effusioni dei personaggi dello spettacolo e della politica".
Appare sconcertante, e professionalmente preoccupante, inoltre, che in alcuni resoconti giornalistici – anche di organi apparentemente non “schierati” politicamente e di grande tradizione, si legga la simpatia degli autori verso chi, in maniera violenta impediva ad altri di dare vita a una manifestazione silenziosa e pacifica, cioè di esercitare un diritto democratico.

33 commenti:

Anonimo ha detto...

Molto importante, notare da quale parte viene la violenza...

Romano

Anonimo ha detto...

Se la parola è d'argento il silenzio è d'oro. E le sentinelle con il loro silenzio assordante danno molto più fastidio di insulsi sonori discorsi. Coraggio sentinelle.

Josh ha detto...

qui un breve video, ma nei tg locali hanno mandato di più

http://video.corriere.it/bologna-insulti-botte-le-sentinelle-piedi/98082a12-4d31-11e4-a2e1-2c9bacd0f304

(agr) "Alta tensione domenica 5 ottobre in piazza Galvani a Bologna dove il gruppo ultra cattolico delle "Sentinelle in piedi" manifestava contro il ddl Scalfarotto che introduce il reato di omofobia. Gli attivisti si sono scontrati con un centinaio di persone appartenenti ai centri sociali e all'Arcigay bolognesi, che erano intervenute con una contro manifestazione. Nel video dell'emittente Radio Città del Capo, ecco le Sentinelle andarsene dalla piazza tra gli insulti e gli spintoni degli attivisti di sinistra."

notare come l'agenzia definisce i partecipanti "gruppo ultracattolico" che fa il paio nella memoria dei lettori con l'espressione "ultràs"

del resto in questa città maledetta tutto si trasforma sempre in casino e in inversione.

rocco ha detto...

Questi reazionari che discriminano gli omosessuali e che vogliono imporre allo Stato una morale religiosa vanno combattuti in tutti i modi. Questa gentaglia quando ha avuto il potere ha perseguitato i "diversi", non c'è da aver pietà di loro. Se mai verranno nella mia città li contesterò, altrimenti sarebbe come accettare un convegno di nazifascisti o del KKK!

Josh ha detto...

http://www.tempi.it/contestate-le-sentinelle-in-piedi-in-diverse-piazze-italiane-insulti-sputi-e-bestemmie-ora-dite-voi-chi-sono-i-violenti#.VDO7XhbhFws

Maurizio ha detto...

Il cemento ideologico che lega questi gruppi (LGBT ecc.) è soprattutto un viscerale anticlericalismo e una condanna senza appello della religione cattolica, una dura critica alla Chiesa accusata di non sapere adeguatamente fare fronte all'avanzata del pensiero modernista. La sindrome dell'assedio che si respira in questi ambienti si manifesta oltre che nel citato duro attacco alle sentinelle, anche nella campagna denigratoria contro i recenti pontificati.

Anonimo ha detto...

i figli delle tenebre odiano i figli della Luce,
così come Caino odiava Abele, il giusto, i cui sacrifici erano graditi al Signore.

mic ha detto...

notare come l'agenzia definisce i partecipanti "gruppo ultracattolico" che fa il paio nella memoria dei lettori con l'espressione "ultràs"

Falsità voluta, perché è universalmente nota la trasversalità di idee e l'aconfessionalità delle "sentinelle", tra le quali ci sono anche degli omosessuali che applicano l'uso di ragione.

Luís Luiz ha detto...

Credere lla libertà di espressione in nostri giorni di manipolazione universale sarebbe ingenuità. Ora non abbiamo neanche la libertà di tacere.

Annarè ha detto...

Ha ragione mons Negri il bello è che quelli che menano gli altri poi si definiscono tolleranti, mentre quelli che in silenzio resistono alla follia umana, sono definiti fascisti e ultrà. Siamo in un mondo di pazzi, i violenti danno degli omofobi ai pacifici.

RAOUL DE GERRX ha detto...

OT, mais pas tellement…

Avez-vous déjà vu le nouveau "bâton pastoral" [sic !] de Bergoglio, qui doit enchanter les homos de toutes origines ?

Ce vrai "joy stick" en forme de phallus, n'est rien d'autre qu'une "quéquette" de chien en érection, et s'accompagne, à la base, d'un petit rameau d'olivier, doté d'une olive en forme de testicule (ou d'un testicule en forme d'olive)…

On savait déjà que Bergoglio est un homme de goût et qu'il n'est pas homophobe ("chi sono io…"), mais à ce point-là !

Photo ici :

http://radiocristiandad.wordpress.com/2014/10/06/osko-el-evangelio-del-anticristo-ii-bergoglio-y-nietzsche/#more-33792

Annarè ha detto...

I violenti che danno degli omofobi ai pacifici, se non facesse pena farebbe ridere. Quando si da corda a certe perversioni poi ci si ritrova così.

viandante ha detto...

Ci sono le sentinelle, in silenzio, e ci sono degli esagitati, neanche tanti a dir la verità.
Ma c'è una marea di gente indifferente ed è questo il problema maggiore.

Anonimo ha detto...

Questi criminali (per che tali solo, anche se si mettono i lustrini) li conosciamo purtroppo, come non stupisce il resoconto dei media massonici di regime, quel che lascia perplesso è il silenzio della chiesa della misericordia: ma un po' di misericordia per i poveri bimbi, le povere donne, i poveri uomini picchiati perché in silenzio ribadiscono un'ovvietà, ovvero che i bimbi devono avere un padre e una madre proprio no? Ah è vero: chi siamo noi per giudicare?
John

RIC ha detto...

Una marea di gente indifferente che si affianca al silenzio delle gerarchie pseudo-cattoliche. Perche' - e vorrei sbagliarmi - non mi sembra di aver sentito molte voci oltre a quella di Mons. Negri

RIC ha detto...

Oggi 7 ottobre e' il giorno della Madonna del Rosario e ricordiamo la vittoria di Lepanto sui mussulmani nel 1571. Oggi 7 ottobre 2014 la bandiera dell'ISIS e' stata issata anche in Libia, ossia di fronte a casa nostra.

Anonimo ha detto...

Bisognerebbe dire che in ER e Josh lo sa benissimo, anche i gruppi prolife vengono ostacolati, strattonati e buttati fuori dalle piazze, non solo dagli ospedali - fabbriche di angeli loro malgrado, arrestati per occupazione indebita di suolo pubblico, multati e vilipesi, ma aggiungerei un altro edificante particolare uno scrittore famoso che gravita su rai3, tuttologo predicatore di certa sinistra estrema che non muore mai anche dopo più di 40 anni di danni procurati a questo disgraziato paese, scrittore(?)divenuto ricco e famoso con un libro non scritto da lui, ma copiato papalepapale da appunti di una coraggiosa giornalista napoletana che non godeva di favori ed appoggi e che incautamente affidò la propria inchiesta a questo saprofita arricchitosi indebitamente con libro e film derivatone, si permette di insultare su repubblica ed affini invitando all'odio verso i cattolici ultras e retrivi....faccia da cu..bo senza vergogna, lui ed il suo sodale ligure e la cara Litti, persone spocchiose,rivoltanti ma che fanno tendenza, vuoi mettere.....solo ai loro protetti è permesso esprimersi con rara finezza, gli altri zitti,botte ed acqua fresca.....benvenuti in Italia, il paese dell'accoglienza, liberal, moderno e trendy.Anonymous.

Annarè ha detto...

Si è vero gli indifferenti sono la causa del tanto male che abbiamo visto esplodere nella storia: dai campi di concentramento, alle foibe e chi più ne ha più ne metta. L'indifferenza è peggio della cattiva azione, perchè almeno il cattivo è cattivo perchè persuaso che questa sua azione sia giusta, ma l'indifferente è morto.

Turiferario ha detto...

Be', almeno sappiamo chi sono veramente. Rischiamo anche noi di cascarci quando ce li propongono ogni giorno come bravi ragazzi/e in cerca solo di affetto crudelmente negato...

Japhet ha detto...



Leggere e scolpire nella coscienza...

http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&task=view&id=308251&Itemid=135

A. ha detto...

Caro Rocco,
Ella scrive:
> Se mai verranno nella mia città li contesterò, altrimenti sarebbe come accettare un convegno di nazifascisti o del KKK!
OVVIAMENTE la sua è una battuta ironica.
O un sasso in piccionaia "per vedere di nascosto l'effetto che fa" (Jannacci).
Nella remota, impossibile ipotesi che parli seriamente, sappia che non solo, il vero liberale è disposto a dare la vita affinché nazifascisti, KKK, anarco-individualisti, liberatori dei nani da giardino e delle pecore merinos, ed i tipi più bislacchi possibili abbiano riconosciuta la libertà di organizzare tutti i convegni che vogliono, ovunque li vogliano fare, che non solo la costituzione italiana garantisce a TUTTI il diritto di proporre la loro visione del mondo, purchè lo facciano con *METODO* democratico (badi bene: *METODO*, NEL MERITO si possono proporre anche visioni dichiaratamente NON-democratiche, quali erano quelle portate avanti da Togliatti & Co e quale metodo più democratico del semplice SILENZIO?!?)ma che il livello di democrazia di un ambito è direttamente proporzionale agli spazi di agibilità politica che questo ambito lascia agli anti-democratici. La democrazia è elevatissima in paesi come la Danimarca e la Norvegia, in cui si presentano tranquillamente alle elezioni partiti dichiaratamente stalinisti;dichiaratamente nazisti; dichiaratamente nazi-stalinisti; dichiaratamente nazi- odinisti e persino nazi-satanisti. Poi, tutti insieme prendono complessivamente percentuali di voti da prefisso telefonico internazionale (0,000...), non cambia i termini del problema.

mic ha detto...

Leggere e scolpire nella coscienza...

Insieme agli interventi dei lettori...

prove tecniche di schedatura (oltre che di sfottò) ha detto...

http://www.huffingtonpost.it/2014/10/07/sentinelle-libri_n_5943806.html?ref=fbph

bernardino ha detto...

""EUCARESTIA NON E' IL SACRAMENTO DEI PERFETTI, MA DI COLORO CHE
SONO IN CAMMINO.....""

MA DOVE SI VUOLE ARRIVARE?

Anonimo ha detto...

A quelli piace la violenza di perversione, agli stessi piace la violenza contra la verità...


Romano

Anonimo ha detto...

Ultracattolico è proprio una espressione idiota che non significa niente. Ci sono cattolici tradizionali (alcuni all'amatriciana o all'arrabbiata), cattolici neoterici (alcuni alla chitarra o alla puttanesca), cattolici zelanti e cattolici tiepidi, cattolici sinceri e cattolici ipocriti, cattolici combattivi e cattolici calabraghe. Ma gli ultra-cattolici non esistono.

rocco che mic conosce ha detto...

il rocco delle 12 e 07 non e' il solito rocco che scrive.

chiedo al nuovo rocco di differenziare il suo nick. gia era successo e ora mi chiedo , ma quanti rocchi che si firmano minuscoli ci sono? eppure rocco non e' un nome oggi molto comune.

rocco che mic conosce ha detto...

da leggere l'articolo del fatto quotidiano. da notare come ponga la vicenda choamando le sentinelle integralisti cattolici. viva i giornalisti...

rocco che mic conosce ha detto...

e infine al rocco delle 12 vorrei dire che spero che la sua citta' sia la mia , cosi ci incontreremo.
come scrive l'anonimo poco sopra ci sono tanti cattolici e io sono uno di quelli che non sopporta le intimidazioni. e reagisce male. un caro abbraccio forte forte e stretto stretto caro falso rocco.

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=sRvj6Xye6bg

mataran mi cuerpo inutil pero nunca nunca mi alma...
el martes me fusilan a las seis de la manana

Anonimo ha detto...

Non sono i picchiatori che mi spaventano ma i non pochi preti , vescovi e cardinali che pensano delle Sentinelle esattamente come loro.Più si annacqua la religione cattolica e più i nemici della Chiesa incattiviscono.Ad ogni apertura di Francesco questi inconsciamente rispolverano il vecchio detto :troppo poco e troppo tardi.Questo papato è un vero disastro.Bobo

Anonimo ha detto...

Caro Rocco tarocco son 2000 anni che contro i cristiani vengono sperimentati tutti i sistemi di sterminio di massa, che la malvagità umana ha potuto escogitare, senza alcun risultato .Ci han provato anche tanti addetti ai lavori provocando scismi e diffondendo eresie ma la Chiesa è sopravvissuta anche a loro. Adesso veramente speri che picchiando,insultando , sputacchiando o al limite uccidendo tu e quelli come te potrete eliminare il cristianesimo dal cuore degli uomini? Ma quando capirete che non è possibile? La Chiesa è di origine divina quindi ,la vostra ,è semplicemente una perdita di tempo.Bobo

Josh ha detto...

domanda:
ma Kasper e Bergoglio stanno con le Sentinelle in Piedi o coi centri asociali?