domenica 31 luglio 2022

Pietro De Marco: La cura per la verità è più che un atto penitenziale

Le premesse. Gli attuali leader indigeni, in visita anche dal Papa in Vaticano, stanno raccontando al mondo degli abusi e delle violenze che sarebbero avvenute nelle scuole residenziali canadesi, così che chi non parla di genocidio fisico parla di genocidio culturale. C'è però chi considera una colossale montatura giornalistica la notizia delle fosse comuni canadesi che si dicono trovate nel giardino delle scuole residenziali, di proprietà statale ed amministrate per la maggior parte dalla Chiesa cattolica. Eppure lo stesso storico Jacques Rouillard ha messo fortemente in dubbio la loro affidabilità. Non esiste nessuna fossa comune; la falsa notizia è nata nel 2021 da un antropologa che ne ha ipotizzato l’esistenza rilevando con un georadar depressioni e anomalie nel terreno. Nessuno scavo è stato mai realizzato, ma i media canadesi hanno dato ampio risalto al ritrovamento di resti umani in una fossa comune. La notizia è esplosa nel mondo quando il primo ministro Justin Trudeau ha rilanciato la “scoperta” tramite un tweet. E, da qui, su ogni quotidiano del globo è stata sbandierata la fossa comune. I media cattolici italiani, compreso Vatican news, si sono accodati senza criterio e senza alcuna verifica. E così ha fatto anche Bergoglio. Il vero obbiettivo degli attuali leader indiani, secondo Rouillard, è diffondere queste voci (senza preoccuparsi di dimostrarle) per ottenere risarcimenti milionari da parte della Chiesa, così come li hanno già ottenuti dal governo canadese. Ma le "richieste di perdono" indiscriminate, acritiche, fatte a prescindere, secondo quello che appare uno schema precostituito ormai, da un lato annullano dall'altro criminalizzano l'intero passato, missionario e non, della Chiesa. Esse presuppongono in chi le fa la mancanza della vera fede. Tutti questi papi ansiosi di chiedere continuamente scusa al mondo (e che mondo, lercio e corrotto come non mai) per l'esistenza stessa della Chiesa cattolica, non hanno evidentemente la fede. E non hanno anche intelletto, perché non può averlo chi si dedica alla autodemolizione della propria istituzione, come quel tale che segava allegramente il ramo d'albero sul quale era seduto. Ci resta un senso di liquidazione, quasi un desiderio di chiedere scusa di esistere a nome della Chiesa. Eppure quei missionari che andarono in Canada ci andarono per annunciare il Vangelo e le loro intenzioni erano nobili e pure. (M.G.)

La cura per la verità è più che un atto penitenziale 

Ho molto apprezzato l’intervento di Roberto De Mattei A proposito del mea culpa di papa Francesco in Canada del 27 u.s. [qui] e mi permetto qualche riflessione aggiuntiva. Sul viaggio di papa Francesco in Canada, chiederei un giudizio articolato; non può esserne ignorata, oltre allo slancio di carità, una sapienza politica (lo ha osservato persino il vaticanista di una TV italiana al seguito del viaggio). È stato tolto di mano, o almeno spuntato, al Primo Ministro Trudeau e al suo anticattolicesimo lo strumento infamante della Chiesa sempre inumana, razzista ecc. Bene. Ma quello che dispiace, al solito, è il disinteresse del papa per una verità delle cose che non sia quella dei media. Disinteresse non solo dovuto (come dirò) alla considerazione che le verità che non arrivano ai media, anche non ostili, sono comunque troppo complicate (si presume) da argomentare; non ce ne possiamo occupare. 
Nel nostro caso le verità complicate sono ad es. le prassi ottocentesche di assimilazione attraverso la scolarizzazione delle popolazioni non urbane (ovunque, anche di quelle rurali europee), ovvero delle sacche di ‘primitivi’ illetterati culturalmente estranee allo stato nazionale, all'ethos pubblico. Prassi ‘emancipatrici’ generalmente promosse e approvate. In più, vi sono i rapporti particolari con le culture indiane in tutto il continente americano (del Nord, ma anche nel Messico e altrove in America Latina dopo le rivoluzioni anti-spagnole e 'borghesi'); poi, per il Canada e la questione delle scuole residenziali, i problemi emergenti, dalla qualità del personale e delle strutture, alle epidemie. Al centro di tutto, insomma, la domanda: come e cosa è successo di quanto si afferma? Quali sono i dati, i documenti? Le metodologie e i dati esibiti dal Final Report of the Truth and Reconciliation Commission of Canada (qui) appaiono, curiosamente, non meno labili di quelli dei Reports tedesco e francese sugli abusi del clero sui minori: mescolanza di qualitativo e quantitativo, casualità negli spogli archivistici, assenza di contraddittorio all’interno dei comitati, troppi apriori. In più la deduzione di ‘fosse comuni’ da foto aree è mera ipotesi (non sarebbero comunque ‘fosse comuni’) senza riscontri. Il lavoro di Scott Hamilton (2014-2015) resta su questo il più completo e cauto (online, digitare Where are buried children?). Come, per la varietà del quadro storico-ecclesiastico, la monografia di Goulet sui pensionnats indiens dei Missionari Oblati nel Québec, citata da De Mattei.

Dobbiamo sempre diffidare delle alleanze recenti e non, tra stati e organizzazioni indigeniste (da una di queste è nata la ‘denuncia’ pubblica del 27 marzo u.s. e il battage mondiale, cfr. ad es. Terry O'Neil, ‘Mass gravenarrative misses need for answers and action: researcher online), poiché i partiti progressisti al potere cercano consensi a buon prezzo sul terreno delle emancipazioni e riconciliazioni, e l’intelligencija indigenista (ovunque nel mondo) vi cerca visibilità, potere politico e denaro. Tutto legittimo, ma senza riguardo ai mezzi, come in questo caso, dove si rasenta il falso. Un falso, o un quadro grossolano e tendenzioso (quello del massacro di generazioni di bambini nativi), che le formule penitenziali del santo Padre finiscono, al contrario, per autenticare. La consueta svendita progressista del passato della Chiesa.

Si possono deprecare (comunque col senno di poi) le campagne di de-etnicizzazione, sentite come civilizzatrici dai governi coloniali specialmente delle culture anglosassoni [peraltro protestanti -ndr] (naturalmente nel XIX secolo, i governi canadesi non erano più coloniali, come non era coloniale il governo federale degli Stati Uniti), ovunque; ma non si devono accettare descrizioni affrettate e distorte, 'politiche', dei fatti e delle loro ragioni. La vocazione cattolica alla scuola operò estesamente; sappiamo veramente, nel caso particolare delle residential schools, come, in che condizioni, con quali risorse con quali idee? Che ne è oggi degli eredi dei nativi alfabetizzati e cristianizzati per legge? Insomma, non è assolutamente secondaria la questione cui si applica De Mattei con preziose indicazioni di cose da sapere e pagine da leggere prima di agitarsi scompostamente, come è avvenuto a qualche deputato cattolico e qualche vescovo canadese, caratteri e intelligenze evidentemente tenuti sotto scacco dalla aggressività governativa e, nel caso, dall’impostura decoloniale, come la definisce Taguieff.

Papa Bergoglio non ha mai e su nessun terreno sentito questo problema, ovvero che le (auto)condanne quindi le “richieste di perdono” non debbono, pure nel loro slancio sincero, ignorare il principio dell'accertamento della verità, come la accerterebbe un giudice, non come la maneggia l’ideologo. Il fustigarsi dei 'progressisti' è eredità diretta della autocritica ecclesiale (qualsiasi, pur che fosse) delle culture critiche e riformatrici degli anni Sessanta. Si trattava, allora, di indebolire l'istituzione per ‘aprire nuovi spazi’ alla fede, e di più all’azione. E, come avviene ai riformatori entusiasti e poco accorti (la maggior parte), fu alla fine un "avvelenare i pozzi"; funziona così anche ora. Purtroppo la dipendenza mimetica dei cattolici (e teologi e vescovi) 'critici' dalla critica e politica anticattolica, anticlericale, anticristiana, è ora come allora vistosa quanto poco avvertita; o, se cosciente, è ritenuta coraggiosa, 'laica'.

Questa dipendenza mimetica si mescola alla retta volontà di contrastare con viaggi e atti pubblici (che fu anche la prassi politica di s. Giovanni Paolo) ciò che i media mondiali propongono sul loro terreno; e tale mescolanza, assieme alla fretta e all'individualismo delle decisioni, finisce per inquinare l'azione generosamente deliberata. E la carità impedisce di criticare per l'ennesima volta i cedimenti di papa Francesco di fronte alla mitologia (di invenzione occidentale) del Nativo in arcadica comunione con la Natura. Il tutto appare la cifra immodificabile di questo pontificato. (Pietro De Marco - Fonte)

6 commenti:

Sant'Ignazio di Loyola, intercedi per noi! ha detto...

Sant'Ignazio di Loyola ha percorso in prima persona tutte le tappe della preghiera, dalle devozioni popolari più semplici custodite nel suo cuore di basco del XVI secolo fino a una preghiera che lo inondava tutto, favorita da grazie mistiche di cui egli ha sempre parlato sobriamente, ma che mostrano che era in atto qualcosa di molto speciale. Ma soprattutto è stato un maestro di preghiera. Forse la sua grazia più grande è stata quella di riuscire a comunicare ad altri la sua preghiera, e di insegnare a pregare come il Signore aveva insegnato a lui.

Anonimo ha detto...

Mi sembra di aver letto che la Chiesa cattolica ,quando scoppiò questo scandalo , senza fare alcuna verifica ,pagò 3 milioni di dollari ai discendenti veri o presunti dei bambini che avevano frequentato le scuole residenziali.Altra cosa da mettere in chiaro :le fosse comuni eventualmente fossero scoperte non dimostrerebbero un bel niente.Quei bambini morivano per le malattie (tubercolosi in primis)e non per generici abusi mai dimostrati. A Palermo (Italy)anno 2022 e non Canada 1800 e qualcosa,ci sono 1000 salme da incenerire e l'inceneritore è fuori uso da mesi.Se potessero farlo ,credete che quei poveri resti non li metterebbero in una fossa comune ,come si faceva una volta anche da noi?

Anonimo ha detto...

Esiste una scienza che spiega le ragioni dell’aumento e della diffusione endemica dell’ignoranza: l’agnotologia, coniata nel 1995 da Robert Proctor, biologo e docente di Storia della Scienza all’Università di Stanford. Secondo Proctor, oltre a quella innata e a quella selettiva, cioè dettata dai propri interessi, esiste una forma di ignoranza “indotta”: una vera e propria fabbricazione del dubbio da parte di politici, media e aziende per seminare paura e diffidenza verso il sapere scientifico, e controllare le masse. Per contrastarla serve investire tempo e risorse nell’istruzione.

Anonimo ha detto...

ANSA. Papa: "Potrei pensare alla possibilita' di farmi da parte"

"Non credo che io possa andare con lo stesso ritmo dei viaggi di prima"

Dunque si è "papa" in funzione della capacità di viaggiare il più a lungo ed il più distante possibile. Curioso!

Anonimo ha detto...

Ogni volta che Francesco parla di dimissioni penso alla poesia "Il 5 maggio".E il giunge ,e tiene un premio ch'era follia sperar.......Non ci saranno dimissioni volontarie.Però ,l'uomo propone e Dio dispone....

Anonimo ha detto...

Hanno fatto abbastanza scalpore le dichiarazioni del Vescovo di Roma nel corso della visita in Canada dei giorni scorsi. Dichiarazioni che in effetti sono state un durissimo attacco alla storia della Chiesa, alla sua azione missionaria, di cui tra l’altro furono grandi protagonisti i membri di quella Compagnia di Gesù da cui lo stesso vescovo proviene. Ma ormai è un dato di fatto che il pastore argentino prova un livore incontenibile per la Chiesa, per come è stata per secoli, fino al 1963.

Tuttavia, se è lecito che abbia fatta sua questa visione ecclesiologica e ideologica che da decenni è entrata prepotentemente – quasi fumo di Satana – nel Tempio di Dio, non dovrebbe permettersi di maltrattare la Storia, stravolgendone i fatti, al solo scopo di screditare la Chiesa di Cristo e la società cristiana che da essa è nata attraverso i secoli.

La richiesta di compiere un atto di Cancel Culture, che non è altro che il tentativo di mettere sotto processo la Civitas Dei per condannarla senza prove, è venuta dal premier canadese Justin Trudeau, che è notoriamente un pupillo di Klaus Schwab e tra i maggiori fautori del globalismo e dell’Agenda di Davos, e immediatamente fatte proprie da Bergoglio.

https://www.paologulisano.com/se-bergoglio-avesse-veramente-letto-chesterton-invece-della-teologia-indigenista/