lunedì 25 luglio 2022

Bugnini, Roche, Grillo e l'inculturazione smodata

Nell'articolo che segue, nella nostra traduzione da New Liturgical Movement, il prof. Peter Kwasniewski riprende il resoconto di una conversazione all'ora di pranzo con Bugnini a metà degli anni '70 in cui quell'architetto della riforma spiegava l'obiettivo finale, che non era il Novus Ordo Missae, ma una grande diversità di riti inculturati guidati dai bisogni delle comunità.
Il termine "inculturazione"1 è sicuramente una delle parole d'ordine preferite dai progressisti. Ne abbiamo sentito parlare per decenni. Era la logica che guidava l'aggiornamento o l'ammodernamento della liturgia. Il termine appare nel Libro "Rivoluzione liturgica": Bugnini voleva che il rito romano venisse decentrato in vari Messali nazionali.
Che la citazione sia affidabile si può arguire dalle recenti dichiarazioni di Roche [qui - quiqui] e Grillo [quiqui - qui] che dicono più o meno la stessa cosa. Si tratta della logica che sottende l'aggiornamento o l'ammodernamento della liturgia: i vecchi riti liturgici (così si diceva) sono eccessivamente legati e risalenti ai tempi passati, e i moderni hanno chiaramente bisogno di un insieme di riti riconoscibilmente moderni, eleganti, diretti, semplici, comprensibili, orientati all'azione, ecc. 
Piccola chiosa impertinente ma centrata circa la incoercibile enfasi sull'inculturazione: un conto è l'inculturazione avvenuta sulle fondamenta della filosofia diritto cultura greco-romani, un altro conto è quella pretesa sul paganesimo tribale amazzonico  as esempio...

Bugnini, Roche, Grillo e l'inculturazione smodata

Il termine “inculturazione” è sicuramente una delle parole d'ordine preferite dai progressisti. Ne abbiamo sentito parlare per decenni. Era la motivazione originale per aggiornare o modernizzare la liturgia: gli antichi riti liturgici (così si diceva) sono eccessivamente vincolati e pregni di epoche passate, e le persone moderne hanno chiaramente bisogno di un insieme riconoscibile di riti moderni, lineari, immediati, evidenti, semplici, comprensibili, orientati all'azione, ecc. Il fatto che non abbiano chiesto tali riti è solo un segno della loro abituale modestia e passività, ma gli studiosi sono stati capaci di intuire intenzioni nascoste che un laico riconoscente ha successivamente riconosciuto e accolto come se fossero usciti dal proprio seno. È stato anche affermato, sebbene l'impressione del trucco ingegnoso fosse un po' troppo forte per essere ignorata, che queste qualità moderne fossero le stesse che i cristiani antichi apprezzavano nei loro riti, di cui non abbiamo quasi notizie ma le cui ricostruzioni degli studiosi tedeschi potrebbero garantire la massima verosimiglianza.

Per un certo tempo, tali fantasie futuristiche sono passate in secondo piano quando la Chiesa sotto Benedetto XVI si è raccolta per ridare un po' di dignità ai nuovi riti e ha iniziato a ripristinare quelli antichi, all'inizio solo qua e là, e nel tempo quasi ovunque. Il battito pulsante dell'inculturazione si è affievolito per un po', e si sarebbe potuto pensare che si fosse estinto. Ma, come una rara specie di rana velenosa avvistata nella parte più remota di una foresta pluviale, è tornata con una vendetta nella persona del futuro cardinale Arthur Roche, improbabile sostenitore della flessibilità e dell'esotismo.

In un'intervista alla rivista cattolica spagnola Omnes, egli ha detto quanto segue:
A questo proposito ho detto spesso ai vescovi che abbiamo passato gli ultimi cinquant'anni a preparare la traduzione dei testi liturgici [vedi con quali criteri, compresi i tagli, ed effetti]; ed ora bisogna passare alla seconda fase, già prevista dalla Sacrosanctum Concilium, e cioè l'inculturazione o adattamento della Liturgia alle altre diverse culture, pur mantenendo l'unità. Penso che dovremmo iniziare questo lavoro ora. Ma vorrei sottolineare che oggi c'è un solo “uso” liturgico [altro Novus Ordo], non un “rito”, ed è nello Zaire, in Africa [vedi)].
È importante capire cosa significa che Gesù ha condiviso la nostra natura, e in un momento storico. Dobbiamo considerare l'importanza dell'Incarnazione e, se così si può dire, dell'azione della grazia che si incarna in altre culture, con espressioni diverse, completamente diverse da quelle che abbiamo visto e apprezzato in Europa per tanti anni.
Ci si stupisce, allora, di sentire un linguaggio simile, ma meno diplomatico e più aggressivo, da parte dell'autoproclamato zar dei riformisti, Andrea Grillo? In una riflessione da lui postata per il primo anniversario di Traditionis Custodes, Grillo scrive (come citato da Luke Coppen di The Pillar ):
Si tratta di liberare le vere energie del linguaggio rituale (verbale e non verbale) come culmen et fons [culmine e fonte] di tutta l'azione della Chiesa. Oggi ciò avviene non più principalmente in latino e in un rito di sacerdoti e non di assemblea, ma in tante lingue le cui culture sono entrate, da 60 anni, nel patrimonio comune della grande tradizione ecclesiale. Una Chiesa che vuole 'custodire la tradizione' non deve temere le diverse culture con cui possiamo vivere oggi la fede ed esprimere il nostro credo. Questo 'tavolo comune' potrà permettere di valutare i limiti di quanto fatto finora e di intraprendere con coraggio la strada da seguire a livello di linguaggi verbali e non. Può aprirsi un grande cantiere: per la tradizione che procede guardando avanti, non indietro.
Quando leggo queste cose, la mia mente torna indietro di alcuni anni a un'intrigante conversazione avuta una volta con un sacerdote anziano che aveva fatto gli studi liturgici a Sant'Anselmo a Roma negli anni '70. Ebbe la rara fortuna di poter uscire un giorno a pranzo con Annibale Bugnini poco prima che quest'ultimo cadesse in disgrazia. Il mio amico mi ha detto che Bugnini, assiduo narratore a tavola, si è finalmente avvicinato al tema della riforma liturgica.

La mente del Consilium gli disse essenzialmente questo:
Quello che devi considerare è che la nuova liturgia prevede tre fasi. In primo luogo, abbiamo dovuto eliminare il vecchio modo di fare le cose. Questo è stato principalmente il lavoro degli anni '60 e tra trent'anni tutti avranno dimenticato ciò che è successo prima. In secondo luogo, per il momento dovevamo creare qualcosa di nuovo: questo è ciò che la gente chiama il 'Novus Ordo'. Ma anche questo deve scomparire, lasciando il posto a... una completa inculturazione : ogni liturgia deve essere fatta dalla comunità, per i suoi bisogni immediati. Niente libri liturgici, proprio come nella chiesa antica! Anche la mia Messa scomparirà, entro l'anno 2000.
I lettori che hanno familiarità con la letteratura dell'immediato post-concilio riconosceranno, in questa visuale, il punto di vista espresso eloquentemente da Joseph Gelineau, SJ: che la liturgia è un “laboratorio permanente” (il “grande cantiere” di Grillo). Non ingannato dal canto delle sirene dell'inculturazione, Dom Hugh Somerville Knapman mette il dito sull'inevitabile risultato:
L'elemento progressista tra i liturgisti riformatori vedeva nel messale del 1969 solo una tappa – significativa, si badi bene – nel nuovo progetto di ricostituire la liturgia come qualcosa che si adatta continuamente all'epoca in cui viene celebrata. Come abbiamo visto, il risultato è che la liturgia generalmente degenera nel riflettere l'età piuttosto che parlarle e santificarla. O meglio, le deformazioni radicali della liturgia riflettono non il volto di Cristo ma il volto della persona dominante o della cricca che le impone, e diventano così veicoli non di culto ma di narcisismo, il culto di sé che è de facto credo della società occidentale postmoderna…. Siamo senza radici e quindi senza cuore, sostituiamo il sacrificio di sé con il servizio di sé, con il sé come unico assoluto morale, la sua ineludibile soggettività e impermanenza negando l'assolutismo che [la liturgia] esige per sé stessa. Il suo assoluto secondario, la novità, soffre dello stesso difetto intrinseco.
Qui possiamo vedere che Bugnini non era un profeta. Nell'anno 2000, il Novus Ordo stava ancora arrancando nei suoi mille vernacoli, soggetto a diffusi abusi e deboli tentativi di personalizzazione della comunità che si sono rivelati molto più che idee vaghe e spesso sciocche di un presidente o di un comitato su cosa sia una celebrazione "per noi” o a cosa dovrebbe somigliare. In breve, si potrebbe chiamarla mediocrità creativa o creatività mediocre, ma era ben lontana dalla previsione dell'ora di pranzo.

Nella divertente commedia di Roger Buck The Gentle Traditionalist Returns, c'è un punto nella conversazione immaginaria in cui una persona completamente moderna obietta che GT (cioè il Mite tradizionalista) non è altro che un medievalista, un sognatore, un nostalgico. In risposta, GT spiega perché ama la tradizione nella sua totalità — da ogni tappa, da ogni luogo, da ogni periodo, da ogni cultura attraverso cui è passata la religione cattolica, non limitandosi all'età medievale ma non volendo nemmeno limitarsi alla modernità, tanto più perché sembra operare sotto un mentalità stranamente reazionaria che la intrappola in una angusto contenitore con la scritta “Adesso”:
Ebbene, l'era medievale è una tappa importante nella tradizione cattolica. Ma è solo una fase. La tradizione cattolica copre 3.000 anni, non solo la moderna cultura dei media! Inizia con l'Antico Testamento, si arricchisce infinitamente del Vangelo, accoglie il pensiero greco con l'era patristica, si sviluppa attraverso i cosiddetti "Secoli bui". Poi arriva l'era medievale. Infine, la tradizione si sviluppa in modo significativo anche nei tempi moderni. Questo, mio caro amico, è il punto centrale della Tradizione: il rispetto dei tremila anni di Rivelazione Divina e lo sforzo umano dedicato all'impegno in quella Rivelazione. Tremila anni di preghiera, pensiero, studio, sacrificio, anzi sangue, sudore e lacrime. Ma tutto questo, lo so, per te sono solo tremila anni di bagaglio patriarcale stratificato. (pag. 126)
Capisci perché la distruzione della tradizione mi turba. Uno diventa così facilmente schiavo del momento presente. Tutta questa roba "Power of Now" è pericolosa, consentimi. È anche arrogante. Migliaia di anni di intuizione umana, ricerca umana, impegno intellettuale e spirituale umano, per non parlare della Rivelazione divina, sono stati gettati al vento. E perché? Perché non andava d'accordo con i Baby Boomers dopo "Summer of Love"? (pagine 129–30)
La liturgia così apprezzata da Roche & Co. è — contrariamente alle loro affermazioni meccanicamente reiterate sulla varietà dell'inclusività e sulla profondità delle fonti — incredibilmente provinciale nel tempo e nello spazio, posto che riflette le ossessioni dei liturgisti della metà del XX secolo dell'Europa "illuminata" del dopoguerra, attraverso il cui vaglio doveva passare ogni elemento di rituale e ogni rubrica.
Al futuro cardinale esprimiamo la nostra modesta e umile opinione: non vogliamo questa bottega futuristica auto-inculturata indigena/cosmopolita bugniniana. La sua prima iterazione è fallita e l'attuale moda geriatrica per il tentativo di far rivivere l'agenda ciclostilata dei riformatori non solo non entusiasma, ma addirittura nausea la maggior parte di noi che ancora frequentano gli inginocchiatoi, studiano nei seminari o si accostano all'altare di Dio — al Dio che allieta la nostra giovinezza.
(Da quando questo articolo è stato redatto per la prima volta, sono apparsi diversi articoli di grande rilevanza sulla questione dell'inculturazione: vedi qui, qui e qui .)
________________________________
Nota di Chiesa e post-concilio
Dell'Inculturazione, insieme ad altri aspetti controversi del Rito riformato, accennavo qui: In armonia con il principio della creatività, la Sacrosanctum Concilium ha introdotto due altri elementi di riforma incompatibili con la tradizione e rivelatisi esiziali: l’adattamento del rito alla cultura profana ossia all’indole e alle tradizioni dei popoli, alla loro lingua, musica, arte, appunto mediante la “creatività” e la “sperimentazione liturgica” (SC 37, 38, 39, 40, 90, 119) e mediante la semplificazione programmatica del rito stesso (SC 21, 34). Ciò che don Barthe nella sua relazione ha definito "esplosione di varianti"... Anche questo contro l’insegnamento costante del Magistero, secondo il quale è la cultura dei popoli a doversi adattare alle esigenze del rito cattolico e senza che nulla si debba mai concedere alla sperimentazione o comunque al modo di sentire dell’uomo del Secolo. Una delle prove evidenti dell’antropocentrismo conciliare [qui - qui]. Ed ecco che oggi il rito della Messa è frammentato in diversi riti a seconda dei continenti se non delle nazioni, con infinite variazioni locali, ad libitum del celebrante, variazioni che non escludono l’intrusione di elementi pagani nel rito stesso senz’alcun richiamo della S. Sede o dei vescovi (sinodo per l'Amazzonia docet qui - qui).

17 commenti:

Anonimo ha detto...

Questa è aria fritta stantia. Sono dischi rotti della loro gioventù bruciata. Nei fatti vocazioni mancate, carriere clandestine di guastatori entro le istituzioni ecclesiali. Gli unici che non si son mai inculturati nella loro cultura,pretendendo però di pontificare oltre che sulla propria su quella degli altri, sono proprio e solo loro. Andate a casa! A casa.

Buona Santa Messa di sempre direttamente dal Sacro Cuore di Gesu'. ha detto...

Sacred Heart Church - Limerick - ICKSP
Monday 25th July 2022: St. James
Streaming avviato 7 minuti fa
https://www.youtube.com/watch?v=8MktczIz91s

Glorificamus Te! ha detto...

https://www.divinumofficium.com/cgi-bin/missa/missa.pl

Bollettino del Monastero benedettino tradizionale ha detto...

Il rischio più frequente e pericoloso, soprattutto nella situazione attuale, è quello di trascorrere il tempo sull'internet a lamentarci delle azioni e parole scandalose del papa, di questo o quel vescovo, di questo o quel sacerdote, a mettere "mi piace" su questo o quell'articolo di critica. I motivi di critica e scandalo ci sono tutti, ma non gioviamo alla Chiesa, e neppure alla nostra anima, trascorrendo il tempo in tal modo. La critica bisogna farla più coi fatti che colle parole. I modernisti infestano la Chiesa, forse non sono neppure dentro di essa, anche se ne occupano le cattedre e le sedi, e a tale infestazione si risponde militando sul campo con uno schietto, pubblico e ferreo antimodernismo. Non possiamo e non dobbiamo nasconderci dentro nuvole d'incenso. La Chiesa ha bisogno di santi. Il modernismo si sconfigge con la santità di una vita costruita sulla tradizione dei nostri santi Padri, a cominciare dalle pratiche ascetiche e dalla liturgia millenaria che amiamo, conserviamo e celebriamo come un tesoro prezioso che abbiamo ricevuto e che trasmetteremo alle generazioni future. I modernisti non temono i molti "mi piace" lasciati qua e là su internet. Ma temono un gruppo convinto e deciso a restare cattolico conservando l'ortodossia e la liturgia antica. Si, quella liturgia da essi distrutta e disprezzata, se celebrata con amore, solennità e rispettandone lo spirito, fa breccia anche nel cuore del modernista più arrabbiato. Perché il fascino antico del rito, il misticismo del canto gregoriano e pure il latino creano un monumento di bellezza che colpisce chiunque. Se qualcuno vuole prendere sul serio la chiamata alla santità unita all'antimodernismo militante, questo monastero fa per lui. Qui non ci sono tante comodità, la povertà vera non lo permette. Ma c'è la bellezza fascinatrice delle tradizioni, che fa dimenticare anche le migliori comodità. Un monaco è un soldato della fede. E i soldati non pensano alle comodità ma a combattere, e sono felici nel farlo. Per sconfiggere il modernismo e far trionfare l'ortodossia c'è bisogno di soldati della fede. Cioè monaci, che con le armi della preghiera e della penitenza combattono per Dio, per la Chiesa, per il paradiso. Chi vuole arruolarsi per scendere sul campo di attaglia venga. Chi non ha paura venga. Chi ama Cristo venga. Chi vuol combattere venga. Il beato Marco d'Aviano preghi per chi ha poco coraggio e molta indecisione.

Anonimo ha detto...

Ben riassunto detto!

Ognuno secondo i suoi talenti ha detto...

E non desideriamo operare più o più in fretta di quanto a Lei piace, poiché se agiremo secondo la Sua Volontà,
faremo sicuramente il massimo e nel modo più rapido.
Solo al giudizio di Dio verremo
a conoscere quanti misteri di grazia si saranno operati attorno a noi e quante persone si saranno salvate per mezzo nostro, senza che noi ce lo fossimo minimamente immaginato.
SK 755
San Massimiliano Maria Kolbe

Anonimo ha detto...

Prego tutti i lettori di guardare questa inculturazione turbo veloce e leggere il testo dell'articolo.
https://www.aldomariavalli.it/2022/07/24/cronache-dalla-chiesa-in-uscita-materassino-per-altare-e-messa-in-mare/
Alessandro da Roma.

Anonimo ha detto...

Bella la prima foto dove si vede una pianeta plicata!

Anonimo ha detto...

@25 luglio 2022 11:41
Mi sembra di ricordare che sotto il pontificato di GPII si e' molto parlato di inculturazione ed esecrato in un viaggio apostolico in Africa l'esibizione a petto nudo delle donne locali. Scusate la mia approssimazione nei ricordi.

Anonimo ha detto...

Una volta si diceva: La "Divina" liturgia!!! Da un decennio: Liturgia di oggi. Si è accusati di formalismo effimero ma che di esso non c'entra nulla! Di fatto si è spostata l'attenzione umana togliendo il "Divino" Cosa ci resterà?

Anonimo ha detto...

https://www.radiospada.org/2022/07/la-messa-sul-materassino-e-lessenza-del-novus-ordo/

Per il nuovo papa ha detto...

I futuri sacerdoti, fin dal tempo del seminario, siano preparati a comprendere e a celebrare la santa Messa in latino, nonché a utilizzare testi latini e a eseguire il canto gregoriano; non si trascuri la possibilità che gli stessi fedeli siano educati a conoscere le più comuni preghiere in latino, come anche a cantare in gregoriano certe parti della liturgia.

Instaurare omnia in Christo ha detto...

Instaurare omnia in Christo. Enciclica Quanta cura e Sillabo.
Rigetto totale del veleno: del Concilio Vaticano II e di tutte le riforme liturgiche da esso scaturite. Il linguaggio usato di sopra è tipicamente "conservatore". Nostro Signore Gesù Cristo non ha mai usato un linguaggio melenso e ambiguo. Meditare bene i Santi Vangeli! Quando si praticano gli esorcismi, non è per scacciare il diavolo "a metà", bensì totalmente.
Gloriosa Sant'Anna, prega per noi!

Anonimo ha detto...

«Io merito il castigo per i miei peccati, ho bisogno del sacrificio»

Dobbiamo farci penitenti insieme al buon ladrone e dire: «Io merito il castigo per i miei peccati, ho bisogno del sacrificio». Alcuni di noi non si rendono conto di quanto siamo malvagi e ingrati verso Dio. Se lo facessimo, non ci lamenteremmo delle avversità e delle pene della vita. Le nostre coscienze sono come stanze rimaste a lungo prive di luce. Apriamo la tenda ed ecco: tutto ciò che credevamo pulito si rivela polveroso. Ci sono anime così piene di giustificazioni da poter pregare insieme al fariseo: «O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini» (cfr. Lc 18,11). Altre bestemmiano il Dio dei cieli per i loro dolori e peccati, ma non si pentono.

(Fulton J. Sheen, da “Il Calvario e la Messa”, opera all’interno del libro “Signore, insegnaci a pregare” edizioni Ares)

Anonimo ha detto...

«Si è diffusa la tendenza a far precedere alla dottrina la pastorale; si pensa che non possano più darsi precetti assoluti; che il dogma sia anche frutto di interpretazione; che la prassi contribuisca a fare la verità; che il Vangelo non abbia senso se non letto a partire da una situazione concreta; che la morale tradizionale della Chiesa circa la sessualità sia superata; che non si possa mai giudicare e quindi valutare alla luce della ragione e della fede nessuna situazione oggettiva di vita; che possano essere ordinate preti anche le donne; che il centro della vita cristiana sia la misericordia senza la verità e la giustizia; che Dio in Cristo abbia già salvato tutti e che l’inferno sia un mito, come anche il peccato originale, i miracoli o la stessa Creazione; che i Cattolici possano approvare le leggi sull’aborto; che pretendere di influire sulle leggi dello Stato per motivi religiosi significhi trasformare la fede in ideologia; che la Chiesa non dica di no a niente, ma si limiti ad accogliere e ad accompagnare; che i dogmi si evolvano».
Da un’inchiesta condotta nell’immediato postconcilio tra gli studenti della Pontificia Università Lateranense emerse che il più grande teologo cattolico di tutti i tempi fosse non San Tommaso d’Aquino o Sant’Agostino, ma Karl Rahner. E alla luce della situazione della Chiesa oggi è vero, Karl Rahner sembra aver vinto: pastori che seminano dubbi tra i fedeli, che permettono che altri lo facciano senza intervenire, che mal sopportano che i cattolici mostrino i muscoli per difendere i cosiddetti “principi non negoziabili”.
Ecco in cosa consiste la rivoluzione portata da Rahner: una Chiesa democratica e aperta, dai confini indefiniti, strutturata a partire dalla base, pluralista dal punto di vista teologico, filosofico e dottrinale, che sostituisce la pastorale alla dottrina, che non evangelizza nessuno e che anzi non condanna più, perché ogni situazione particolare di vita può essere un buon punto di partenza. È la Chiesa che, senza una verità esclusiva da comunicare, per Rahner deve convertirsi al mondo: dietro questo cattivo assunto c’è solo una cattiva filosofia, che ha in Kant, Hegel e Heidegger i suoi riferimenti.
https://www.amazon.it/nuova-chiesa-Karl-Rahner/dp/8864095640

Anonimo ha detto...

«Sono un africano, permettetemi di dire chiaramente: la liturgia non è il luogo per promuovere la mia cultura. Piuttosto, è il luogo in cui è stata battezzata la mia cultura, la mia cultura, dove è assorbita nel divino. Rimpiango le molte distorsioni della liturgia nella Chiesa di oggi. L'Eucaristia è un dono troppo grande per ammettere ambiguità e riduzioni. Molti sacerdoti si fanno da parte per permettere ai ministri straordinari di dare la Santa Comunione. Questo è sbagliato, è una negazione del ministero sacerdotale, così come una clericalizzazione dei laici, quando questo accade, è un segno che la formazione è andata molto male e che deve essere corretta».

Cardinale Robert Sarah, Conferenza Inaugurale Sacra Liturgia UK 2016, 11.07.16.

Anonimo ha detto...

Scrisse Bugnini: «Se il cardinale Cicognani non avesse firmato la Costituzione [sulla liturgia], il risultato, umanamente parlando, sarebbe stato un vero disastro».
Un disastro per i progressisti, ma forse non per la Santa Chiesa.